ARCHIVIO SOMMARIO
NEWS
ARCHIVIO NEWS
LINK UTILI
SPORTELLO DIGIT@LE
GLOSSARIO
VISITE
CONTATTI
                                                                                         


 

                                                    NEWS


                  Da Lunedì 21 a Domenica 27 FEBBRAIO 2011





 COLLABORA CON "L'ITALIA IN DIGITALE"
 Sei appassionato di tv e radio e vuoi collaborare inviandoci
 le segnalazioni e le liste della tua zona?
 Contattaci alla nostra mail
italiaindigitale@libero.it e inizia
  subito a condividere le tue
informazioni su L'ITALIA IN DIGITALE.







    VAI ALL 'ARCHIVIO NEWS 2009 /2010 


    VAI ALL 'INDICE NEWS DEL 2011 



   Vai alle NEWS dal 14 al 20 FEBBRAIO 2011




     Clicca sulle immagini per vederle ingrandite




 27 FEBBRAIO 2011 - Domenica 

Ore 23.55 - PROBLEMI TECNICI PER IES MUSIC.
Ch.59 mux IES TV:
Problemi tecnici questa sera per il canale IES Music, LCN 617. Come potete vedere dalle
immagini la programmazione si è interrota alle 22.23 ed ora è ancora
in onda il freeze di un
video musicale.


Ore 16.10 - PORTANTE MUTA PER RADIO RAI IN ONDE MEDIE A BUDRIO (BO).
Elio Antonucci ci segnala che sono almento tre giorni che l'impianto a Onde  Medie della Rai di Budrio (Bologna) 567 kHz 
risulta attivo... ma non trasmette nessun audio (portante muta).
Per quale misterioso motivo?? La Rai disattiva gli impianti e i privati si attivano:
1170 kHz AM Radio Capodistria
1368 kHz AM Radio Challenger - Villa Estense Padova (2,5 Kilowatt)
1404 kHz AM Radio  Luna - Reggio Emilia (500 Watt)
1512 kHz AM Onda Media Broadcast (in provincia di Bologna con soli 300 watt)
693 kHz DRM Radio Uno  Rai

http://www.broadcastitalia.it
Qui ci sono tutte le emittenti che trasmettono in onda media: http://www.amitaliana.com

Ore 15.15 - MUX TELE A+, CANALE 21 DA MONTE CAVO, OFF.

Ch.21 mux TELE A+:
Da questa mattina il segnale di questo mux è spento dalla postazione di Monte Cavo.



Ore 11.25 - IES MUSIC VINTAGE: IL VIDEO DEL CANALE.
Ch.59 mux IES TV:
Ecco un breve video del canale tematico musicale IES Music Vintage, LCN 674, del mux IES TV.
Potete vedere qui sotto anche la locandina con la descrizione dell'emittente.






IES Music Vintage - DIGITALE TERRESTRE ROMA


Ore 11.05 - TELEREPORTER ROMA: IL VIDEO DEL CANALE CON PROBLEMI TECNICI.
Ch.66 mux TELECAMPIONE - Ch.67 mux LAZIO DIGITALE:
Oramai sono parecchi giorni che il canale TELEREPORTER ROMA, presente sia nel mux
di TELECAMPIONE, sul canale 66,
con LCN 88, e sia nel mux LAZIO DIGITALE, sul canale 67,
senza numerazione, continua a trasmettere con vistosi problemi tecnici che rendono
impossibile la visione della programmazione dell'emittente.
                                 Ecco il video di cosa si vede in onda.

TELEREPORTER ROMA - Problemi tecnici


Ore 01.00 - RETE 55 SPORT: IL VIDEO DEL CANALE.

Sempre dal mux di RETE 55 (canale 66), ecco un'altra figlia della tv varesina, Rete 55 Sport. La tv trasmette gli eventi

sportivi andati in onda sulla stessa Rete 55, ecco un breve video del canale.


RETE 55 SPORT TV DIGITALE TERRESTRE LOMBARDIA



 26 FEBBRAIO 2011 - Sabato 

Ore 23.55 - AGGIORNATA LA LISTA LCN DI ROMA.
Dopo le numerose novità che ci sono state in questi giorni abbiamo aggiornato la LISTA LCN DI ROMA delle tv e delle
radio comprensiva della lista dei conflitti per la stessa posizione.

Ore 23.00 - MALPENSA TV: IL VIDEO DEL CANALE.

Malpensa TV è una nuova emittente prodotta dal gruppo di RETE 55 e diffusa in Lombardia nel suo mux (canale 66).

Come potete vedere al momento vanno in onda repliche delle produzioni della stessa Rete 55.


MALPENSA TV DIGITALE TERRESTRE LOMBARDIA


Ore 22.20 - MUX 1 SUPER 3: INSERITE LE NUMERAZIONI LCN.
Ch.29 - SUPER 3 mux 1: 
Sono state inserite le numerazioni LCN ai tre canali del mux che ne erano privi, Virginiradio TV, ha preso
il numero 69,
Super 3 Cinema, il 192, e Super 3 House, il 606. Sono le stesse posizioni che questi
canali hanno nel mux 2 di SUPER 3,
sul canale 42, dove sono presenti le loro copie, e pertanto generano
                 conflitti con i loro stessi duplicati.


Ore 20.50 - 8 FM TV: IL VIDEO DEL CANALE.

Ecco un breve video di "8 FM TV", la tv dell'emittente radio "OTTO FM". La stazione radiofonica, fino a qualche anno fa

si chiamava "ReteOtto FM". "8FM TV" è diffusa nel mux di RETE 55, canale uhf 66.


8 FM TV DIGITALE TERRESTRE LOMBARDIA


Ore 18.35 - MUX CANALEZERO: NUOVA COMPOSIZIONE E NUOVE NUMERAZIONI LCN.
Ch.23 mux CANALE ZERO:
Abbiamo aggiornato la composizione del mux e anche le numerazioni LCN, che nei giorni scorsi,
con l'arrivo dei nuovi canali, non vi abbiamo potuto dare, in quanto ora questa frequenza non la
riceviamo più e anche in molte zone di Roma si riesce a sintonizzare con difficoltà.
                 Ringraziamo Marco (Fabbry70) di Roma per avercele fornito. Il mux ora è composto così:

14 - Supernova

96 - Europa TV

112 - Canalezero

116 - TCL (TELE CENTRO LAZIO)

196 - Arte Oggi TV

293 - New Television

596 - Europa TV HD (Barre in sd)

610 - Supernova 2 (Barre)

655 - Ernica TV

698 - Palco TV

887 - Soloradio

888 - Radio Roma


Ore 17.50 - TRS TV: MODIFICA DEL LOGO.
Nel mux di TRS (canale 67 in Lombardia) al logo di TRS TV 2 e TRS TV 3, è stata aggiunta la scritta TV.
Nessuna modifica del logo di TRS TV, l'ammiraglia del gruppo.



Ore 14.40 - HSE 24: IN ONDA TELEVENDITE DOPPIATE.
Ch.47 mux TIMB 1:
Sono in onda sul canale di televendite HSE24 Home Shopping Europe, con LCN 26, alcune
televendite prodotte da HSE Germania e ritrasmesse doppiate in italiano. Anche il sito internet a
cui si fa riferimento in video, è quello tedesco. Ecco oltre a due immagini anche il video di
una telepromozione.




HSE24


Ore 14.05 - 3 CHANNEL LOMBARDIA: ALCUNE MODIFICHE.
E' a schermo nero l'emissione di 3 Channel Lombardia, l'emittente del mux di PIU' BLU LOMBARDIA che in regione
trasmette su più frequenze. Ricordiamo che la nuova tv è ancora in fase di test e veniva trasmesso un loop del logo.
Inoltre l'EPG è stata modificata in "3C Channel".


Ore 13.30 - MUX IES TV: SVELATO IL MISTERO DELLA SIGLA ALF SU IES CINEMA MINERVA.
Ch.59 mux IES TV:
Abbiamo contattato direttamente l'emittente IES TV per sapere il significato della sigla ALF che è
stata aggiunta al logo del canale Ies Cinema Minerva, con
LCN 215, e il direttore artistico dei
canali musicali, Nunzio Fabrizio Rotondo, che ringraziamo vivamente, ci ha risposto gentilmente
svelandoci il mistero:
"La sigla ALF sta per Andrea Leone Films, società di distribuzione cinematografica molto
 importante, detiene la distribuzione in Italia di grandi Films Americani con attori quali
 Robert De Niro, Samuel L Jackson, Steven Segal, Bruce Willis ecc. Oltre che di tutti i Films
 di Sergio Leone. La ALF si è aggiunta a Minerva nella produzione del canale, apportando
 anche il suo magazzino Films arricchendo così ulteriormente il nostro canale."




Ore 12.45 - MUX IES TV: INIZIATE LE TRASMISSIONI DI IES CINEMA MINERVA ALF.
Ch.59 mux IES TV:
Ieri sera, 25 febbraio, alle ore 21.00, sono iniziate le trasmissioni del nuovo canale di film
Ies Cinema Minerva, con
LCN 215. Come potete vedere dalle immagini del logo, è stato
aggiunto al nome una sigla ALF, che per il momento non ne sappiamo il significato.
All'inizio di ogni film compare pure il bollino colorato che consiglia se la visione del film è
                                 adatto ad un pubblico di soli adulti (rosso), di bambini con presenza di adulti (giallo), o anche
                                 per bambini (verde). Abbiamo realizzato anche un video con la programmazione dei promo che
                                 vanno in onda tra un film e un altro.




Ies Cinema Minerva ALF


Ore 11.30 - RSI: L'APPLICAZIONE PER IPHONE.
Su Apple store e' disponibile l'applicazione gratuita per iPhone per consultare la guida dei programmi della radio
e tv Svizzera. Ecco alcune immagini.





Ore 11.10 - DAHLIA TV: ANCORA IN ONDA IL CARTELLO DI ADDIO SUI 16 CANALI.
Ch.60 mux TIMB 2:
Questa mattina su tutti e quindici i canali DAHLIA e anche su Palermo Channel TV è presente
ancora il cartello di commiato.







 25 FEBBRAIO 2011 - Venerdì 

Ore 23.35 - TORNANO ATTIVI 4 DEI 5 MUX SPENTI OGGI A MONTE CAVO.
In serata quattro mux, dei cinque spenti oggi a Monte Cavo Roma, sono stati riattivati e sono tornati sintonizzabili:
Il canale 05 del mux TELEDONNA, il canale 06 del mux CANALE 10, il canale 24 del mux RETESOLE e il canale 31
del 
mux ROMA UNO. Risulta invece ancora spento il canale 23 del mux CANALEZERO.
Ringraziamo Maurizio di Roma per la segnalazione.

Ore 23.10 - RAI: LETTERA APERTA DEI LAVORATORI RAI WAY AL MINISTRO ROMANI.
(L'UNICO) - Egregio, Ministro dello Sviluppo Economico con delega sulle Comunicazioni, On. Paolo Romani, Le scriviamo
per descriverle la difficile condizione in cui ci troviamo e la situazione in cui siamo costretti a lavorare.

Noi siamo i dipendenti di Rai Way, società del gruppo Rai che si occupa della gestione della rete di trasmissione e
diffusione dei segnali audio-video del Servizio Pubblico Radiotelevisivo.

Ci permettiamo di scriverle, soprattutto, per quanto da Lei dichiarato in più occasioni, in merito all’importanza del
passaggio al Digitale Terrestre, la centralità dell’utilizzo e della diffusione delle nuove tecnologie per il Paese.

Lei saprà che Rai Way ha impegnato ingenti risorse economiche, anche concesse dal governo, per realizzare il passaggio
alle nuove tecnologie (circa 400 milioni di euro sino ad oggi), ed ha impegnato tutti noi in un pesante lavoro, di alto
livello professionale, per "convertire" gli impianti e per garantire alla Rai la transizione così come definito dalla legge
112/2004.
Da parte nostra, per svolgere nei tempi dovuti, entro dicembre 2012 (o forse come Lei ha ipotizzato entro
dicembre 2011), il processo di transizione al DTT, abbiamo acconsentito a livelli di flessibilità e disponibilità operative
al limite del normativamente permesso, anche mettendo in secondo piano la nostra vita privata.

Abbiamo dato disponibilità all’Azienda, per mesi, a spostarci su tutto il territorio nazionale, per consentire ai territori
impegnati nello switch off la realizzazione del passaggio; sopperendo a mancanze di personale, di conoscenze e alle
volte di tecnologie; riducendo oltretutto l’utilizzo degli appalti, scelta che, condivisa tra azienda e organizzazioni
sindacali, ha prodotto un risparmio per l’Azienda valutabile in milioni di euro.

Oggi, il Piano Industriale elaborato dai vertici aziendali, contro il quale i lavoratori, Rai Way e Rai, il 10 dicembre hanno
compattamente scioperato, sta mettendo in campo la vendita degli impianti, strumenti indispensabili per la nostra
attività.
Lei saprà che l’ipotesi di vendita delle stazioni trasmittenti di Rai Way (si dice per 300 milioni), è sul tavolo
del Ministro dell’Economia e delle Finanze, l’On. Giulio Tremonti.

Ministro Romani, ci rivolgiamo a Lei sottolineando che dare seguito a tale scelta industriale, oltretutto in un momento di
transizione delicatissimo, al solo fine di fare cassa e risolvere temporaneamente i problemi di bilancio della Rai, vuol
dire: gettare via finanziamenti pubblici e un lavoro fin qui ben fatto, delle professionalità importanti, e mettere a dura
prova la disponibilità sino ad ora concessa da noi lavoratori, con l’effetto di esporre ad un rischio elevato i tempi della
realizzazione del digitale terrestre del Servizio Pubblico Radiotelevisivo.

Siamo convinti che la scelta prevista nel piano industriale 2010-2012 , se si concretizzerà, porrà le basi per condizionare
fortemente, nel futuro prossimo, la tenuta industriale, non solo di RaiWay, ma dell’intero gruppo Rai.

Crediamo che la vendita degli impianti, implicita rinuncia del Cda a consentire alla Rai (RaiWay) di essere il "primo"
operatore di rete nazionale, lasciando di fatto tale opportunità ad un soggetto privato o pubblico che sia, comporterà:
il pagamento di un canone annuo, dettato dal mercato e dal "nuovo" gestore della rete, per l’utilizzazione delle antenne
(nel 2009 Rai ha pagato a RaiWay 165 milioni di euro); la perdita di proventi (39 milioni col bilancio 2009) derivanti dalle
ospitalità di altre broadcasting nei cespiti di proprietà (in costante crescita - si desume dai bilanci degli ultimi anni);
la perdita della gestione diretta di una rete capillare costruita e modernizzata con risorse pubbliche; senza tralasciare
che tale scelta costituirà, per ciò che ci riguarda direttamente, la necessità di riconvertire ad altra funzione 650 risorse,
professionalmente insostituibili per la gestione degli impianti, sminuendo di fatto l’importanza anche economica del
nostro lavoro.

Per aggiungere elementi importanti alla nostra riflessione vorremmo citare il suo predecessore, il ministro Maurizio
Gasparri che, nel 2001, rigettò la vendita del 49% della proprietà di Rai Way (per 400 milioni di euro), con queste
motivazioni:

"L'interesse a mantenere in capo alla Rai impianti di un così rilevante interesse strategico anche per la sicurezza; i dubbi
circa la congruità del valore attribuito agli impianti, che risulta eguale a quello attribuito dall'Iri nel 1991; la pesante
portata dei patti parasociali che assegnavano al socio di minoranza poteri di indirizzo addirittura superiori a quelli della
Rai, socio di maggioranza" (resoconto stenografico, Senato, 8° commissione permanente lavori pubblici, comunicazioni
seduta dell’13-11-2001)".

Concludiamo dicendo che, da parte nostra, non vi è la preoccupazione solo per i posti di lavoro, tanto importanti in un
periodo di crisi com’è quello attuale, non vi è neppure la sola volontà di conservare il nostro mestiere a cui tanto
teniamo, ma c’è, oltre al desiderio di rimanere, per motivi affettivi e professionali, dipendenti di Rai Way in Rai,
l’idea di conservare per l’Azienda quelle caratteristiche e quelle potenzialità proprie di ogni Servizio Pubblico
Nazionale e a pieno titolo Società Per Azioni in competizione sul mercato.

Con quanto detto vorremmo sensibilizzare Lei e l’interno Governo, auspicando che la Vostra determinazione sia aiutata
dalle nostre, seppure sintetiche, argomentazioni.

Le chiediamo con la presente, un autorevole pronunciamento che allontani la paventata ipotesi di cessione degli asset
di Rai Way, pregandola cortesemente di intervenire, nonostante i suoi molti impegni, rapidamente. Deve sapere che a
giorni si discuterà, tra Rai e organizzazioni sindacali, dei contenuti del Piano Industriale, tema complesso e articolato
nel quale, purtroppo, è prevista "la cessione ad un operatore di mercato degli asset e della gestione delle componenti
passive delle torri" che tanto ci preoccupa e che ci ha portato alla stesura di questa lettera.

Cordiali Saluti,
I lavoratori di Rai Way.

Tratto da: http://www.lunico.eu/2011022540038/politica/rai-lettera-aperta-dei-lavoratori-rai-way-al-ministro-romani.html

Ore 21.30 - CALCIO: PER I DIRITTI TV DAHLIA TRE MANIFESTAZIONI INTERESSE.
(MF-DJ) MILANO - Tre societa' hanno manifestato interesse per i diritti Tv gia' di Dahlia e rientrati in possesso della
Lega Calcio di Serie A e della Serie B. In particolare, si legge nelle comunicazioni delle due leghe, per la Serie A sono
arrivate le manifestazioni di interesse di Imove, Centro Europa 7 e Rti (Reti televisive Italiane) per le partite di otto
squadre per la rimanente parte della stagione e per quella 2011/2012 mentre per la Serie B, tutto il campionato,
l'interesse e' stato manifestato da Rti (Reti Televisive Italiane) e Centro Europa 7.
Tratto da: 
http://www.borsaitaliana.it/borsa/notizie/mf-dow-jones/italia-dettaglio.html?newsId=830225&lang=it

Ore 19.45
-
DAHLIA TV: FINE DELLE TRASMISSIONI.
DAHLIA TV cessa definitivamente le sue trasmissioni. Ecco il cartello in onda:



Chiuso anche il sito internet 
http://www.dahliatv.it/comunicato. Si visualizza solo un cartello con un comunicato di addio.


Ore 18.55 - TV: CHIUSANO (MADE), FALLITE TRATTATIVE SU SALVATAGGIO DAHLIA.
AGI.IT - ROMA - Sono fallite le trattative per il salvataggio della Tv Dahlia: lo annuncia l’ad di Made, Filippo Chiusano
“dopo il chiarimento con Telecom Italia Media. Made riscontra purtroppo la mancanza di una reale volonta’ di affrontare
il piano di salvataggio di Dahlia”. La nuova posizione di Telecom Italia Media di concedere la banda a prezzi di mercato,
si legge in una nota di Made, non e’ infatti compatibile con la logica di una ristrutturazione dell’attivita’ di Dahlia gia’
affossata, in passato, da costi di diritti sportivi e di banda trasmissiva sproporzionati rispetto alle reali potenzialita’ del
mercato di riferimento. Made ha formalmente chiesto al liquidatore Paoloni, di risolvere il proprio contratto di servizi
e gia’ da stasera di procedere allo spegnimento della propria attivita’ trasmissiva. “Non ho chiesto a nessuno di fare la
carita’, so bene che le societa’ quotate in borsa non sono enti di beneficienza - afferma l’ad di Made, Filippo Chiusano -
pero’ continuo a ritenere che viste le condizioni di partenza in cui versa Dahlia, l’unica possibilita’ per un rilancio passa
attraverso un periodo agevolato, durante il quale costruire un nuovo progetto imprenditoriale con basi piu’ solide
rispetto al precedente. “Avevo proposto a Telecom Italia Media di entrare nella nuova compagine aziendale in un
secondo momento a condizioni estremamente vantaggiose in modo da premiare lo sforzo economico effettuato nel
breve a supporto dell’iniziativa. Evidentemente tutto cio’ non ha riscontrato interesse. Anche la richiesta di
fidejussioni e’ puramente strumentale visto che la mia proposta prevedeva, fin dall’inizio, un compenso variabile (pari
ad 1,5 Euro mese per abbonato), e’ chiaro che essendo il compenso variabile, dipendendo dal numero di abbonati, non
puo’ essere predeterminato. Avevo dato invece la mia totale disponibilita’ a fornire le fidejussioni necessarie
successivamente a giugno 2012 quando da un piano di salvataggio si sarebbe passati al nuovo piano industriale.
Oggi il mio pensiero e’ rivolto principalmente a tutti i dipendenti del comparto Made-Dahlia ai quali ho dovuto
annunciare la chiusura delle trattative e la connessa impossibilita’ di continuare l’attivita’ verso Dahlia. In questo
momento non facile voglio pubblicamente ringraziarli per la serieta’ e dignita’ che hanno dimostrato nonche’ per
il sostegno che mi hanno piu’ volte manifestato”, conclude Chiusano.


ANSA.IT - ROMA - L’amministratore delegato di Made, Filippo Chiusano, spiega: “Non ho chiesto a nessuno di fare la
carita’, so bene che le societa’ quotate in borsa non sono enti di beneficienza, pero’ continuo a ritenere che viste le
condizioni di partenza in cui versa Dahlia, l’unica possibilita’ per un rilancio passa attraverso un periodo agevolato,
durante il quale costruire un nuovo progetto imprenditoriale con basi piu’ solide rispetto al precedente”. A riguardo
precisa di aver “proposto a Telecom Italia Media di entrare nella nuova compagine aziendale in un secondo momento a
condizioni estremamente vantaggiose in modo da premiare lo sforzo economico effettuato nel breve a supporto
dell’iniziativa”. Ma Chiusano sottolinea come “evidentemente tutto cio’ non ha riscontrato interesse”. Inoltre, fa sapere
che “anche la richiesta di fidejussioni e’ puramente strumentale visto che la mia proposta prevedeva, fin dall’inizio,
un compenso variabile (pari ad 1,5 euro mese per abbonato), e’ chiaro che essendo il compenso variabile, dipendendo
dal numero di abbonati, non puo’ essere predeterminato. Avevo dato invece - conclude - la mia totale disponibilita’
a fornire le fidejussioni necessarie successivamente a giugno 2012 quando da un piano di salvataggio si sarebbe passati
al nuovo piano industriale”.


Ore 18.50 - SPENTE BEN 5 FREQUENZE DA MONTE CAVO A ROMA.
I tre mux che stamani erano spenti e poi sono stati riaccesi, risultava nuovamente fuori uso e sono:
Il canale 05 del mux TELEDONNA, il canale 06 del mux CANALE 10 e il canale 31 del mux ROMA UNO.
A questi ora si sono aggiunti altri due mux che sono senza segnale, per un totale di ben cinque frequenze off:
il canale 23 del mux CANALEZERO e il canale 24 del mux RETESOLE.

Ore 15.35 - MUX CANALE ITALIA: ELIMINATO IL TERZO DUPLICATO DI CANALE ITALIA 84.
Ch.39 (Roma) - Ch.53 (Nord Italia) - mux CANALE ITALIA:
La terza copia di CANALE ITALIA 84, con LCN 84, aggiunta questa mattina, già è stata eliminata.
Sarà stata inserita per un errore tecnico.



Ore 12.55 - RIPRISTINATI I MUX SPENTI QUESTA MATTINA A ROMA.
Sono tornati di nuovi attivi, con tutti i loro canali, i tre mux che risultavano spenti questa mattina:
Il canale 05 del mux TELEDONNA, il canale 06 del mux CANALE 10 e il canale 31 del mux ROMA UNO.

Ore 12.25 - MUX CANALE ITALIA: NUOVO DUPLICATO DI CANALE ITALIA 84.
Ch.39 (Roma) - Ch.53 (Nord Italia) - mux CANALE ITALIA:
E' stato aggiunto un altro canale duplicato, CANALE ITALIA 84, anch'esso con posizione LCN 84,
già presente su questo mux con la stessa numerazione, quindi va in autoconflitto.
Ora sono tre le copie di questo canale per un totale di 8 canali duplicati.



Ore 11.05 - DA ROMA... IN BREVE: ALCUNI MUX OFF.
Questa mattina risultano inattivi dalla postazione di Monte Cavo le seguenti frequenze:
Il canale 05 del mux TELEDONNA, il canale 06 del mux CANALE 10 e il canale 31 del mux ROMA UNO.

Ore 00.35 - PROVINCIA TV: INIZIO TRASMISSIONI LUNEDI' 28 FEBBRAIO ORE 13:45.
Ch.31 mux ROMA UNO:
Il nuovo canale di Civitavecchia provincia tv, con LCN 657, inizierà le sue trasmissioni
lunedì 28 febbraio 2011 alle ore 13.45 con il TG ALTO LAZIO. Questo annuncia il crawl
che scorre sotto il cartello in onda, potete vedere alcune immagini e il video qui sotto.
Dopo il tg alle ore 14.00 andrà in onda la rubrica FILO DIRETTO con ospite in studio il
                                 sindaco di Civitavecchia e i telespettatori possono intervenire in diretta con le telefonate.




Provincia TV - Dal 28 Febbraio 2011



 24 FEBBRAIO 2011 - Giovedì 

Ore 23.30 - "IES TV": L'UNICO MUX TUTTO IN 16:9.
Ch.59 mux IES TV:
Da qualche giorno anche il quinto canale del mux IES TV, RADIO IES ON AIR, con LCN 635,
la versione in video di RADIO IES, trasmette nel formato 16:9, pertanto questo multiplex
detiene il primato di essere il primo e l'unico multiplex di emittenti locali a trasmettere tutti i
suoi canali nel formato panoramico. Non è cosa da poco considerando che emittenti nazionali
                                 più importanti trasmettono ancora in 4:3. Questa sera, come potete vedere dalle immagini,
                                 il canale tv radiofonico ripeteva il canale principale IES TV
, con LCN 74, infatti si notano i loghi
                                 sovrapposti. Il motivo non era perchè fanno come altre emittenti, che, non avendo nulla da
                                 trasmettere, ripetono e diventano duplicati di altri canali, ma perchè la stessa trasmissione era
                                 in onda anche in radio sulla frequenza 99.800 mhz in fm di RADIO IES.

                                 Abbiamo aggiornato anche lo Z@pping TV del mux.





Z@pping TV - Canale 59 Mux IES TV


Ore 22.50 - MUX 7 GOLD: TORNANO IN ONDA LE TRASMISSIONI DI "LA 10 - CANALE 78".
Ch.32 mux 7 GOLD LAZIO:
Dopo essere stata alcuni giorni a schermo nero, tornano regolarmente in onda le trasmissioni
del canale LA 10-CANALE 78
, con LCN 219.




Ore 22.25 - GRP PIEMONTE: MODIFICATI ALCUNI LOGHI.
Sono stati modificati alcuni loghi delle emittenti del gruppo GRP.

Ore 19.40 - MUX CANALE ITALIA: ARRIVATE "RADIO CANALE ITALIA" E "RADIO FRANCE 24".
Ch.39 (Roma) - Ch.53 (Nord Italia) - mux CANALE ITALIA:
Sono state inserite due nuove radio in questo mux, Radio Canale Italia, con LCN 783,
e Radio France 24,
con LCN 793. E' stato cambiato il parametro del TID della
frequenza, pertanto, in molti decoder e tv, per continuare a vedere tutti i canali del
mux è necessario una risintonizzazione.




Ore 18.45 - DAHLIA TV: ANCHE LA LEGA CALCIO IRRITATA DA PAROLE A.D. T.I. MEDIA.
(MF-DJ) MILANO - L'operazione per il salvataggio di Dahlia Tv era gia' praticamente chiusa, erano gia' arrivate le bozze
dei contratti, e le parole di ieri dell'a.d. di T.I.Media, Gianni Stella, che ha affermato di ritenere poco probabile
il salvataggio della Tv digitale, hanno prima provocato la reazione di Sergio Chiusano, a.d. di Made e promotore del
progetto, che si e' detto esterrefatto e poi, secondo quanto riferito da una fonte a conoscenza della vicenda, hanno
provocato anche l'irritazione della Lega Calcio che "si e' sentita presa in giro".
Secondo la fonte la Lega Calcio ha anche inviato una richiesta formale a T.I.Media per chiarire la sua posizione e
affermare in modo netto se accetta o meno il progetto. Una richiesta che pone anche un tempo limite fissato entro
la serata di oggi, scadenza necessaria per attivare tutte le procedure per far cominciare domani la nuova Dahlia.
In caso contrario la prima partita che non sara' piu' vista dagli abbonati che hanno regolarmente pagato l'abbonamento
sara' l'anticipo Padova-Piacenza delle 19h00 e alle 21h00 Livorno-Ascoli. La fonte ha spiegato poi che le parole di Stella
hanno avuto una forza dirompente anche perche' erano gia' al lavoro gli esperti delle varie controparti per preparare
i contratti definitivi, sulla base delle bozze gia' in mano alle societa'. Nonostante l'inaspettata uscita di T.I.Media questa
mattina il liquidatore di Dahlia ha presentato domanda di concordato preventivo. Niente, ha concluso la fonte, viene
lasciato intentato per trovare la quadra in extremis.

Tratto da: http://www.borsaitaliana.it/borsa/notizie/mf-dow-jones/economic-indicator-dettaglio.html?newsId=829673&lang=it

Ore 16.45 - DAHLIA TV: CHIUSANO, ESTERREFATTO DA PAROLE T.I. MEDIA.
(MF-DJ) MILANO - "Per quanto nutro personale simpatia verso Gianni Stella (a.d. di T.I.Media, ndr), sono esterrefatto
dalle dichiarazioni rilasciate ieri".
Lo ha detto in una nota l'a.d. di Made, socia di Dahlia Tv assieme alla controllata di Telecom I. e ad Airplus, a commento
delle dichiarazioni di ieri di Stella in cui l'a.d. affermava di ritenere poco probabile il salvataggio di Dahlia.
"Trovo quanto affermato un balletto negoziale poco rispettoso nei confronti di tutte le parti che si sono attivate per
salvare il destino dei lavoratori di Dahlia-Made e degli abbonati alla piattaforma", afferma Chiusano. "Non abbiamo
chiesto a T.I. Media di fornirci una consulenza sul calcolo delle probabilita' ma di confermare se e' disposta o meno a
fornire la banda alle condizioni che le sono state prospettate. Tale disponibilita' ci era stata formalmente prospettata
ed e' stata verbalizzata dallo stesso dottor Stella nel corso dell'ultima assemblea di Dahlia tenutasi il 22 febbraio".
"Mi dispiace, ha detto ancora nella nota Chiusano, che l'impegno delle Leghe di Serie A e B e delle squadre ad esse
associate venga vanificato da questo comportamento. A quanto mi risulta il liquidatore di Dahlia depositera' questa
mattina la proposta di concordato preventivo che contiene anche il piano di salvataggio prospettato dal sottoscritto,
spero che le dichiarazioni di ieri rimangano un personale giudizio del dottor Stella e che tutto quanto gia' concordato
possa finalizzarsi entro domani, in modo da poter trasmettere le partite della 28esima giornata di Serie B".

Tratto da: http://www.borsaitaliana.it/borsa/notizie/mf-dow-jones/italia-dettaglio.html?newsId=829621&lang=it

Ore 16.25 - DIGITALE TERRESTRE: A FERRARA TROPPI DISSERVIZI.
Servizio del 23/02/2011 -

I disservizi del digitale terrestre, a Ferrara, sono ancora all’ordine del
giorno. Per questo si è ricostituito in castello
estense un tavolo di confronto provinciale tra emittenti locali e nazionali, istituzioni, associazioni degli antennisti,
con l’obiettivo di trovare una soluzione comune e far sì che la ricerca dei canali televisivi non si trasformi, per molti
ferraresi, in un supplizio. Assente all’incontro di ieri proprio il rappresentante di Mediaset, i cui
canali stanno oggi
creando i maggiori problemi di ricezione ai telespettatori, soprattutto nella zona del centro storico e in alcune zone
di via Bologna. In ogni caso, il confronto è cominciato, e il nodo da sciogliere resta
quello del nuovo traliccio di via
Aranova, individuato dal comune di Ferrara come punto di trasmissione che le emittenti radiotelevisive dovrebbero
utilizzare al posto del grattacielo di Ferrara.
Attualmente Telestense, presente all’incontro di ieri, continua a
trasmettere – come le altre emittenti locali - proprio
dal grattacielo, ed ha una copertura soddisfacente sulla città. Da via Aranova trasmette Rai Tre Emilia Romagna, che ha
invece grossi problemi a farsi ricevere. Aranaova appare inadeguato – almeno per le emittenti televisive locali – per
la sua collocazione: il grosso dei segnali televisivi che coprono la città, infatti, proviene dal veneto, da due punti
collocati nelle provincie di Padova e di Verona. Aranova, a pochi passi dall’abitato di Coronella, è in una posizione
incompatibile con questo asse ideale che punta verso nord e metterebbe d’accordo tutti, le emittenti televisive
nazionali e locali e i telespettatori (e anche gli antennisti). IL problema dell’inadeguatezza dell’impianto Aranova è
stato sollevato ieri da Telestense: se si vuole abbandonare il grattacielo, è stato detto, bisogna individuare un punto
di trasmissione che possa sostituirlo adeguatamente. In ogni caso, decidere di abbandonare il grattacielo proprio mentre
si
entrava nel digitale terrestre è una scelta che ora mostra i propri limiti: a un’oggettiva difficoltà si è aggiunto
un disservizio, con le conseguenze che stiamo sperimentando.
Tratto da:
http://www.telestense.it/news/digitale-terrestre-a-ferrara-troppi-disservizi.html

Ore 10.30 - DIGITALE TERRESTRE: CONFCONSUMATORI VS AGCOM IN DIFESA DELLE TV LOCALI.
Confconsumatori ha presentato un intervento ad adiuvandum del ricorso promosso da Telenorba, un'emittente pugliese,
dinanzi al Tar contro Agcom e Television Broadcasting System s.p.a. chiedendo l'annullamento della delibera
n.366/10/CONS con la quale è stato approvato il piano di numerazione automatica dei canali della televisione digitale
terrestre. «La delibera - spiega l'avvocato Antonio Pinto, legale rappresentante di Confconsumatori - assegna, infatti,
alle emittenti private locali i canali dal 10 al 19, anziché i numeri dal 7 al 9, storicamente utilizzati dalle emittenti locali,
e ora assegnate alle emittenti nazionali generaliste».
La Delibera Agcom viola apertamente e in maniera del tutto arbitraria le disposizioni legislative in materia, come spiega
Pinto: «La disposizione normativa (D.lgs. 177/2005), ha sancito, fra gli altri, tre principi fondamentali in favore dei
consumatori utenti:
1) il diritto al riordino dei canali;
2) la garanzia della semplicità d'uso del sistema di ordinamento automatico dei canali;
3) il rispetto delle abitudini e preferenze degli utenti, con particolare riferimento ai canali generalisti nazionali ed alle
emittenti locali.
4) il diritto al pluralismo dell'informazione, anche nella sua particolare declinazione del diritto ad essere informato sugli
accadimenti della propria realtà locale».
Accanto al problema dell'assegnazione dei canali vi è quello del riordino manuale che potrebbe effettuare il singolo
utente: «sono in possesso - afferma Pinto - di perizia tecnica giurata che dimostra come in Puglia i nuovi decoder LCN
impediscono materialmente tale riordino perché, anche dopo la modifica, ogni giorno automaticamente si ripristina
l'ordine iniziale di Agcom».
«Intendiamo - annuncia Pinto - avviare un processo per azione inibitoria per chiedere che vengano rispettate, come
previsto dalla legge, "le abitudini e le preferenze degli utenti", nel rispetto del pluralismo dell'informazione televisiva».
Tratto da:
http://www.helpconsumatori.it/news.php?id=31676

Ore 00.35 - ROSMINI TV: MODIFICA DEL LOGO.
Il nuovo canale Rosmini TV (canale 21 via Silva, Milano) aggiunge al logo, un piccolo pallino azzurro.


Ore 00.25 - MODIFICATI I LOGHI DEL GRUPPO TACCHINO.
Sono stati modificati i loghi dei canali del gruppo Tacchino (TeleCity & C). Vediamoli con ordine:
Sul canale 41, Lombardia Channel aggiunge la scritta Canale Lombardia, Telestar aggiunge un 1 a fianco del suo logo e
Telestar 7 Gold rimpicciolisce la scritta Telestar, pur mantenendo sulla EPG la scritta Telecity 7 Gold.





Sul canale 43, Italia 8 aggiunge un 1 a fianco del suo logo, quindi l'emittente assume da oggi il nome "Italia Otto 1".


Infine sul canale 45, l'emittente Telecity 2 mantiene immutata la sua dicitura in EPG ma in video è in onda con il logo
Telecity 1. Inoltre Italia 8 Canale 78, rimpicciolisce il logo di Italia 8 in video.




Ore 00.05 - MUX RETEBLU: TOLTI I DUE CANALI DI "TELEMARKET" A SCHERMO NERO.
Ch.51  mux RETEBLU:
I due canali Telemarket e Telemarket 2, con LCN 183 e 184, che dal 10 febbraio non trasmettevano più su
questa frequenza, ma erano a schermo nero, sono stati definitivamente eliminati.



 23 FEBBRAIO 2011 - Mercoledì 

Ore 22.55 - ROMA: CONFERENZA IES TV, TUTTI I DETTAGLI DELLA PRESENTAZIONE DEI NUOVI CANALI.
Si è svolta questa mattina presso gli studi di IES TV la conferenza stampa per la presentazione dei nuovi canali digitali
del mux del gruppo Grafofalo, a Roma sul canale 59 dalla postazione di Monte Cavo.
Hanno presenziato alla conferenza, come potete vedere dalla foto, seduti da sinistra, Gianluca Curti produttore e
distributore cinematografico della Minerva Pictures, Dott.ssa Maria Laura Garofalo, presidente Gruppo Garofalo, Emanuele
Sagasta direttore Ies Tv e Radio Ies, Nunzio Fabrizio Rotondo Direttore Artistico Ies Music, Ies Music Vintage, Radio Ies.


I programmi di Ies Cinema Minerva inizieranno alle ore 21 del 25 febbraio con il film L'ultimo gigolò con Andy Garcia.
Tra i tanti titoli che verranno programmati: ''My Life''di Bruce Joel Rubin con Nicole Kidman e Michael Keaton,
''Il bagno turco'' (Hamam), di Ferzan Ozpetek con Alessandro Gassman, ''Amanti primedonne'', di Barry Primus con
Martin Landau, Robert De Niro. La chiave di Tinto Brass ecc.


In dettaglio in questo documento tutti i particolari della conferenza e dei nuovi canali digitali di IES TV.
IES TV - COMUNICATO STAMPA

Ore 17.50 - IES TV, CINQUE NUOVI CANALI TRA CINEMA E MUSICA.
(ANSA) ROMA - Con il passaggio al digitale terrestre, IES TV ha conquistato cinque canali digitali ed ha  deciso di
dedicarne tre al cinema ed alla musica. Infatti, il Gruppo Garofalo, proprietario dell'emittente, ha deciso di unire le sue
energie a Minerva Pictures, per il canale 215 del digitale terrestre IES cinema Minerva e Magic Tv per i canali 617
IES Music e 674 IES Music Vintage. IES Cinema Minerva sara' la tv per chi ama il cinema. Minerva Pictures, un marchio
nazionale per un canale tutto dedicato al cinema, che iniziera' la propria programmazione il 28 febbraio nel Lazio, per
poi espandersi in Lombardia ed in tutta Italia. Trasmesso in chiaro, offrira' una programmazione di alto livello con una
selezione di film internazionali ed italiani, 24 ore su 24, con audio in Dolby Surround e video in formato 16/9.
IES Music si proporra' come tv giovane, per tutti i gusti musicali. Si confrontera' costantemente con i telespettatori,
ne ascoltera' le richieste, ne seguira' le esigenze e le tendenze. Il canale si avvarra' per la programmazione del proprio
palinsesto di professionisti che da oltre 20 anni si occupano di musica, importando trasmissioni e volti noti dalla storica
televisione musicale Magic Tv. Infatti, si riunira' lo staff tecnico artistico che tornera' al lavoro dal 28 febbraio, curando
anche la programmazione del secondo canale musicale del Gruppo Garofalo, IES Music Vintage , televisione tematica
dedicata esclusivamente ai grandi successi degli anni '80, '90 e fino agli anni 2000, trasmettendo esclusivamente
videoclip. Nei dettagli, i cinque canali dell'Emittente televisiva saranno: "IES Informazione e Salute, canale 74,
incentrato sui temi della salute; IES Cinema Minerva, canale 215; IES Music, canale 617, IES On Air, canale 635, la radio
in TV 24 ore su 24, IES Music Vintage, canale 674.


Ore 16.10 - NUOVO LINK UTILE: MONOSCOPI E LOGHI STORICI DELLE TV E RADIO A BOLOGNA.
Interessante link in cui potete vedere i monoscopi e i loghi delle emittenti tv e radio, sia locali che esteri,
che si ricevevano nella città di Bologna.
http://www.radiomarconi.com/marconi/ancona/valcamonica/amarcord/index.html

Ore 15.00 - NUOVO LINK UTILE: SINTONIA MANUALE, UN ATTENTO LAVORO DI RECUPERO.
Segnaliamo con particolare attenzione la cura e il lavoro eseguito da questo sito, ecco anche una breve descrizione:
http://www.e-venturi.com - http://www.e-venturi.com/sm
Mi chiamo Paolo Venturi e sono stato uno di quelli che ai bei tempi delle tv libere ha buttato via un sacco di tempo
a fare del cosiddetto tv-dxing. La mia perversione si è spinta fino a fotografare loghi, monoscopi e schifezze varie
di quelle prime televisioni ed in questo blog vedrò di pubblicare quanto ho salvato di allora affinché “tutti quei
momenti non vadano perduti nel tempo come lacrime nella pioggia”…

Ore 10.45 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA ROMA.
Ci scrive Alberto di Roma e ci chiede perchè LA 10-CANALE 78 non si vede più nella zona di Roma e provincia.
Per leggere l'email completa vai alla pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.

Ore 02.00 - IL VIDEO DI PREMIUM NET TV HD.
Abbiamo realizzato un video per farvi conoscere come funziona e in che cosa consiste la nuova Premium Net TV di
Mediaset che da oggi porterà
nuovi contenuti per gli abbonati a Mediaset Premium, nuovi canali tematici, cinema in
anteprima, serie tv in esclusiva, grande calcio italiano e internazionale, il meglio della programmazione Mediaset degli
ultimi 7 giorni e i programmi che hanno fatto la storia di Canale 5, Italia 1 e Rete 4. Per usufruire del servizio si deve
collegare il cavo di rete al router e disporre di una linea Adsl. Per il momento l'unico apparecchio abilitato al servizio
è il TELESYSTEM 7900 HD, con l'ultima versione sw 1.2.10, entro aprile verranno abilitati tutti i decoder Premium
on demand HD.
Articolo e video di Andrea Pomilio


PREMIUM NET TV HD


Ore 00.50 - CRISI DAHLIA TV: IN CDA TI MEDIA SI DECIDE IL DESTINO DELLA PAY-TV.
(MF-DJ) MILANO – 22 FEBBRAIO - Il Destino di Dahlia Tv e’ nelle mani del Cda di T.I.Media che domani dovrebbe
decidere se aderire alla proposta Chiusano per salvare almeno una parte del canale che sul digitale terrestre trasmette
le partite di calcio di otto squadre di Serie A e di tutta la Serie B. Il progetto di Chiusano, a.d. di Made Srl, socio di
Dahlia con T.I.Media e gli svedesi di Airplus, prevede che il liquidatore della societa’ presenti domanda di concordato
preventivo per consentire la continuita’ aziendale e l’eventuale riduzione del debito di 11 mln che la societa’ avrebbe
con gli abbonati. Il piano, poi, vede la creazione di una newco che si accollerebbe gli 11 mln di debito e in cui
confluirebbero il calcio, che rappresenta l’80% delle attivita’ della Tv, e un altro paio di voci. Questo all’avverarsi di
tre condizioni: che la Lega Calcio metta a disposizione un canale Tv, che i soci svedesi di Dahlia mettano del contante
per aiutare il concordato e che T.I.Media, altro socio di Dahlia, metta a disposizione la banda di trasmissione a
condizioni vantaggiose. I soci svedesi hanno dato la loro disponibilita’ e anche la Lega Calcio, in linea di massima, si e’
detta disposta ma a patto che anche T.I.Media dia il suo assenso. Secondo la Lega prima ci deve essere un soggetto
societario, la newco, e poi l’associazione delle squadre di calcio puo’ accogliere una proposta. Un si’ da parte di
T.I.Media quindi e’ necessario perche’ tutti i pezzi del puzzle vadano al loro posto. Quantificare con precisione il
sacrificio che i vari protagonisti dovrebbero accollarsi al momento e’ difficile ma a grandi linee alcuni numeri possono
essere utili per farsi una idea. Secondo una valutazione Dahlia con 250.000 abbonati avrebbe un fatturato di 25 mln di
euro e costi fissi per 10/12 mln, quindi i costi variabili dovranno per forza essere inferiori al rimanente altrimenti il
piano non avra’ efficacia.
Dahlia attualmente paga l’affitto della banda a T.I.Media 30 mln anno e dovrebbe pagare a Serie A e B 60 mln per il
biennio di Diritti Tv. Se andasse in porto il piano, T.I.Media dovrebbe rinunciare a una parte degli introiti per l’affitto
della banda mentre la Lega rinuncerebbe ai soldi dei Diritti. Il piano Chiusano prevede quindi sacrifici per tutti ma anche
di non perdere proprio tutto. Magari T.I.Media non avra’ piu’ la somma fin qui pattuita per l’affitto della banda e la Lega
la totalita’ della somma dei Diritti ma la loro parte rientrerebbe comunque in quei 13/15 mln di costi variabili della
newco. Somme certo lontane da quelle degli accordi della vecchia Dahlia ma, come si e’ visto, insostenibili per un
secondo canale televisivo che voglia trasmettere il calcio sul digitale terrestre.
Tratto da:
http://www.tvdigitaldivide.it/2011/02/22/crisi-dahlia-tv-domani-in-cda-ti-media-si-decide-il-destino-della-pay-tv


 22 FEBBRAIO 2011 - Martedì 

Ore 23.40 - MUX MEDIASET 5: E' ARRIVATO PREMIUM NET TV HD.
Ch.56 mux MEDIASET 5:
Su questo mux è arrivata la versione in HD della tv di Mediaset via adsl che parte domani, 23 Febbraio,
Premium Net TV HD
, con
LCN 310, in conflitto con la sua versione in sd.
Ha preso il posto di Premium Test HD.


Ore 23.20 - MUX DFREE: E' ARRIVATO PREMIUM NET TV.
Ch.50 mux DFREE: 
Al posto di Premium Test, con LCN 399, è stato inserito Premium Net TV, con LCN 310. E' a schermo
nero ed è attivo un'applicazione Mhp che visualizza le informazioni per come seguire la nuova tv via adsl,
solo con i decoder abilitati, per adesso solamente il TELESYSTEM TS 7900HD.

Ore 22.55 - MEDIASET LANCIA PREMIUM NET TV.
Il gruppo Mediaset ha annunciato per domani, mercoledì 23 febbraio, il  debutto "Premium Net Tv", un nuovo sistema di
tv non-lineare. Prevista l'offerta di più di mille diversi contenuti, anche in HD: cinema, serie tv, cartoni, documentari,
calcio. Oltre ai programmi delle reti Mediaset degli ultimi sette giorni. L'offerta prevede la distribuzione in streaming
e on demand di contenuti già andati in onda e di titoli di diverso genere. Prevista anche l'offerta di oltre 200 film con
prime visioni pay-tv aggiornate quotidianamente. Il sistema network independent è completamente aperto e visibile con
un decoder digitale terrestre abilitato con Bollino Gold o con una connessione Adsl di qualsiasi operatore telefonico.
Pier Silvio Berlusconi, vicepresidente Mediaset ha dichiarato: "Dopo il successo di Premium On Demand, abbiamo deciso
di offrire al pubblico televisivo un servizio che per livello tecnologico, facilità d'uso, qualità e freschezza di contenuti
rappresenta un'innovazione senza precedenti. Mediaset, leader nella free tv e nella pay tv digitale terrestre, con
Premium Net Tv lancia per prima in Italia con spirito imprenditoriale la tv del futuro, la vera tv su misura per i desideri
di ogni telespettatore".

Tratto da:
http://finanza.lastampa.it/Notizie/0,421317/Mediaset_lancia_Premium_Net_Tv.aspx

Ore 10.50 - SUPER 3 CAMBIA NUMERAZIONE LCN NEL SUO PRIMO MUX.
Ch.29 - SUPER 3 mux 1: 
Il canale Super 3 presente in questo primo mux cambia numerazione LCN, dal 645 passa al 10, e crea
un conflitto
con la seconda copia del suo canale presente nel secondo multiplex di SUPER 3 sul canale 42.



 21 FEBBRAIO 2011 - Lunedì 

Ore 23.55 - CONTINUANO I PROBLEMI TECNICI PER LA 10-CANALE 78 E TELEREPORTER ROMA.
Continuano i problemi tecnici, come vi avevamo segnalato diversi giorni fa, per LA 10-CANALE 68, Mux 7 GOLD
canale 32, è ancora in onda solo uno schermo nero, e per TELEREPORTER ROMA,
nel mux TELECAMPIONE, sul canale 66,
e
nel mux LAZIO DIGITALE, sul canale 67, che presenta in onda uno schermo nero con un disturbo e audio con fruscio.


Ore 23.45 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA SOMMA LOMBARDO (VA).
Ci scrive ancora Gian di Somma Lombardo (Varese) che si continua, giustamente, a lamentare per la pessima ricezione
dei canali Rai nella sua zona e lo ringraziamo per i complimenti che fa a noi e al nostro sito.
Per leggere l'email completa vai alla pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.

Ore 23.30 - MUX LA 6: NUOVA RIORGANIZZAZIONE.
Contrariamente a quanto abbiamo scritto questa mattina, l'emittente televisiva LA 6, non è più inserita nel suo mux
(
canale 21 via Silva, Milano). Sono stati inseriti invece altri canali, ecco le emittenti diffuse nel multiplex:
MOTORI TV LOMBARDIA
ROSMINI TV
ITALY ART
VERGOGNA TV
VARESE TV

Abbiamo aggiornato lo z@pping TV.

Canale 21 Z@pping - Mux LA 6


Ore 23.10 - MUX CANALEZERO: ARRIVANO SUPERNOVA 2 E ARTE OGGI.
Ch.23 mux CANALE ZERO:
Sono stati inseriti in questo mux altri due canali, Arte Oggi e Supernova 2, quest'ultima trasmette solo delle
barre colorate. Sono state eliminate TCL Tele Centro Lazio, che ora rimane visibile solo nel mux
TELETUSCOLO
sul canale 53, New Television e TELEPADRE PIO, queste due sono presenti ora nel mux
                 SUPERNOVA sul canale 69. Da segnale che la nuova emittente in HD che vi avevamo segnalato questa
                 mattina, Europa TV HD, trasmette le barre in sd, quindi per il momento di HD ha solo l'indentificativo
                 nell'epg.

Ore 22.05 - TUTTE LE TV VIA INTERNET.
http://www.twww.tv
Cliccate qui poi all'apertura della pagina ENTER ALL CHANNELS. Sulla destra vi apparira' un telecomando per selezionare
l'emittente
televisiva che piu' vi piace.
Forse per questo motivo, hanno tolto recentemente, i contributi per lo sviluppo della rete Internet a favore del digitale
terrestre, una
tecnologia l'MPEG-2, gia' morta.
Articolo di Elio Antonucci.

Ore 20.25 - TORNANO IN ONDA ROMAUNO 3 E ROMAUNO 5.
Ch.31 mux ROMA UNO:
Torna regolarmente in onda la programmazione del canale
ROMAUNO 3, con LCN 607, e del suo
duplicato, identificato come
ROMAUNO 5, con LCN 647, dopo che qualche giorno fa avevamo
notato che la loro emissione era a schermo nero.




Ore 20.00 - TRASMISSIONI TELEVISIVE VIA CAVO.
Ma cosa serve tutto questo can can??? E a chi? Non era meglio utilizzare il cavo???
Televisione via cavo  http://it.wikipedia.org/wiki/Televisione_via_cavo
Televisione digitale terrestre  http://it.wikipedia.org/wiki/Televisione_digitale_terrestre
In Italia per il digitale terrestre e' stato adottato un sistema vecchio l'MPEG-2, che a breve butteremo nel pattume per
passare al MPEG-4. Inoltre vengono venduti decoder poco sensibili e poco selettivi... alcuni squadrettano non appena
nella rete elettrica c'e' qualche disturbo... molti telecomandi non possiedono la tastiera alfanumerica, alcuni menu sono
del tipo U.C.C.S. ovvero Ufficio complicazioni cose semplici. Perchè in molti decoder per il digitale terrestre e'
incluso un modem analogico a 56K/ V.90 dell'era preistorica? Per l'interattività? Non era più logico implementarli con
scheda di rete e porta ethernet per avere la vera interattività?

Articolo di Elio Antonucci.

Ore 19.50 - DIGITALE TERRESTRE: CANALI OSCURATI IN PIEMONTE.
Altro che nuove tecnologie assorbite. Il digitale terrestre continua ad essere indigesto ai piemontesi che all’ora di cena
vorrebbero vedere i
canali Rai. “Problemi passeggeri” li avevano definiti i tecnici a dicembre, mese dello switch off,
vale a dire della transizione del segnale. Eppure
fino a ieri gli utenti segnalano canali che saltano, altri addirittura
oscurati. Accade dalla collina torinese alla prima cintura, ed anche a Cuneo, Novara e Biella. Sono decine le segnalazioni
alla Rai in Piemonte. La
Rete di Stato si difende: a causare il black-out sarebbe stato un errore tecnico nel procedimento
di transizione, intrapreso nei giorni scorsi
proprio per risolvere i problemi di ricezione in alcune zone.
Il call center
del Ministero dello sviluppo economico, al numero 800 022000, consiglia di rivolgersi a un antennista
mentre Federconsumatori commenta: “L’elettronica
di consumo e la televisione ha registrato un aumento delle vendite
nel
periodo natalizio”.
Articolo tratto da:
http://www.zipnews.it/2011/02/digitale-terrestre-canali-oscurati-in-piemonte

Ore 15.40 - PIU' PAY PER TUTTI - DALL’UNIONE EUROPEA PESSIME NOTIZIE PER MURDOCH.
Arriva un'altra europicconata, la seconda in due settimane, per i numi del calcio satellitare a pagamento. Il Tribunale di
primo grado dell'Ue ha confermato il principio secondo cui tutti i grandi match pallonari, dalla fase finale di Coppa del
Mondo a quella degli Europei, devono poter essere trasmessi in chiaro dalle tv di Stato. La sentenza emessa ieri si appella
«al diritto all'informazione e alla necessità di assicurare un ampio accesso del pubblico agli eventi». Di fatto, smantella
il monopolio delle partitissime e infligge un duro colpo a Uefa e Fifa, che si erano rivolte alla magistratura comunitaria
per capovolgere un'analoga delibera della Commissione. Ora hanno due mesi per l'eventuale ricorso.

Continua su Dagospia.com
http://www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/articolo-22919.htm

Ore 15.35 - SMILE TV E LA NUMERAZIONE LCN.
Il canale Smile TV diffuso in Piemonte e Lombardia nel mux di PRIMARETE, aggiunge in video il numero della sua
posizione LCN, il 699.



Ore 15.30 - REGOLARMENTE IN ONDA LA6 NEL SUO MUX.
Torna on air La 6 nel suo mux (canale 21 via Silva, Milano). In questo momento sta andando in onda un rotocalco del
marzo 2010 con la scritta di Varese TV.


Ore 15.15 - TORNA ATTIVO IL MUX TELEPACE.
Ch.27 mux TELEPACE:
E' stato ripristinato il segnale del mux TELEPACE, canale 27, che irradia da Monte Cavo per Roma e
provincia. I canali risultano regolarmente in onda.



Ore 11.30 - MUX CANALE ZERO: ARRIVATE "ERNICA TV" E "EUROPA TV HD".
Ch.23 mux CANALE ZERO:
Sono state aggiunte nel mux CANALE ZERO, sul canale 23, due nuovi canali,
ERNICA TV, la tv di Alatri (Frosinone) che, come dichiara l'emittente, ha esteso la copertura
in tutto il Lazio, e come si può leggere da un comunicato rilasciato dal comune di Alatri dal link:
http://www.lifemagazine.it/index.php?option=com_content&task=view&id=4275&Itemid=64
,
                                 ed Europa TV HD, trasmette delle barre colorate. Non possiamo verificare con precisione le
                                 numerazioni
LCN in quanto da alcuni giorni il livello del segnale di questa frequenza dalla       
                                 postazione di Monte Cavo si è ridotto notevolmente e non è più sintonizzabile nella nostra zona
                                 di ricezione, Monterotondo Scalo (Roma), quindi ringraziamo Fabbry 70 di Roma per averci
                                 fornito le informazioni e le immagini dei due canali che potete vedere qui sotto.





 TORNA IN TESTA ALLA PAGINA