Da Lunedì 12 a Domenica 18 SETTEMBRE 2011



COLLABORA CON "L'ITALIA IN DIGITALE"
Sei appassionato di tv e radio e vuoi collaborare inviandoci le segnalazioni e le liste della tua zona?
Contattaci alla nostra mail
italiaindigitale@libero.it e inizia subito a condividere le tue informazioni su L'ITALIA IN DIGITALE.



    VAI ALL 'ARCHIVIO NEWS 2009 /2010 


    VAI ALL 'INDICE NEWS DEL 2011 



   Vai alle NEWS dal 05 all' 11 SETTEMBRE 2011


Clicca sulle immagini per vederle ingrandite


 18 SETTEMBRE 2011 - Domenica 

Ore 23.10 - DIRITTI TV, RAI IN BOLLETTA VIA ALLA TRATTATIVA PRIVATA.
La Rai stringe la cinghia: non è più tempo di spese folli (e si è visto, scelte politiche a parte): il cda, giovedì pomeriggio, ha deciso quindi di non fare alcuna offerta, per ora, alla Lega per i diritti in chiaro del campionato di serie A. Troppo alte le cifre chieste nel bando d'asta: venticinque milioni a stagione come minimo per la tv, più 3,2 per la piattaforma radiofonica. Ma è chiaro che la Rai non può, e non vuole, rinunciare alle sue trasmissioni storiche: "Tutto il calcio" alla radio, "Novantesimo" e la "Domenica Sportiva" alla tv. Il direttore di Rai Sport, Eugenio De Paoli, si è battuto, e si batte, per garantire un'offerta completa, su tutti gli sport (ora punta anche sul Sei Nazioni di rugby). Ma in tempo di crisi, anche il servizio pubblico ha dovuto fare un passo indietro (il prossimo anno, ad esempio, non avrà più la Champions...). Ora che succederà col campionato? Il 22 settembre assemblea di Lega: poi avranno inizio le trattative private, sia con la Rai che con Mediaset (che per ora non ha acquistato i secondi diritti del digitale terrestre, quelli che erano di Dahlia). La Lega Calcio può fare il suo Canale solo se nessuno acquista i pacchetti: ma la Rai, pur cercando di risparmiare, di sicuro non può rinunciare al calcio in chiaro, e alle sue trasmissioni cult. Trasmissioni che De Paoli difende a spada tratta, e cerca di valorizzare sempre più (e pensare che qualcuno, forse distratto, ha scoperto solo adesso che col calcio-spezzatino è sempre più difficile per le tv generaliste...)
Da notare come Dribbling, condotto da Simona Rolandi, cerchi di tornare all'antico: un rotocalco sportivo del sabato che affronta anche i grandi temi. Ottima l'idea dell'intervista-lampo, cinque minuti, di Carlo Paris la domenica sera dopo il traino del Tg1: l'occasione per lasciare il segno, ma ci vorranno personaggi sempre all'altezza della situazione. A gonfie vele inoltre la prima puntata della Domenica Sportiva, condotta sempre da Paola Ferrari: Mediaset, sbagliando, ha relegato Controcampo a notte fonda lasciando così pieno spazio alla Ds.
Tornando ai diritti tv, l'advisor Infront e il dg della Lega di A, Marco Brunelli, hanno fatto le cose nel migliore dei modi: tanto che alla prima tornata, aprendo le buste, sono stati garantiti ai presidenti 829 milioni a stagione (fra Sky e Mediaset) di diritti: con la possibilità di arrivare davvero al miliardo, perché a questi 829 andranno aggiunti i diritti del chiaro (Rai), il digitale terrestre degli altri otto club rimasti fuori, i diritti dell'estero (circa 100 milioni), quelli dell'archivio e la Coppa Italia, che la Lega vuole valorizzare sempre più (attenta Rai, qui c'è Mediaset che incalza...).

Tratto da: http://www.repubblica.it/rubriche/spycalcio/2011/09/18/news/diritti_tv_rai_in_bolletta

Ore 19.40 - CANALE ITALIA MUX 2: AGGIORNATO LO Z@PPING TV.

Ch.22 CANALE ITALIA mux 2:
Abbiamo aggiornato lo z@pping TV del secondo mux di CANALE ITALIA, che trasmette in ambito locale nel triveneto e nel Lazio, solo per Roma e provincia.


Canale 22 Uhf - CANALE ITALIA Mux 2 - Z@pping TV


Ore 15.30 - MUX RETE CAPRI: AGGIUNTA LA NUMERAZIONE LCN A RADIO CAPRI, AGGIORNATA TABELLA DEI CANALI E LO ZAPPING TV.
Ch.57 (All digital) / Ch.62 (Sardegna) Mux RETE CAPRI:
E' stata aggiunta la numerazione LCN al canale radiofonico RADIO CAPRI, che ora viene memorizzato nella posizione 866. Il canale Capri Gourmet, con LCN 55, non presenta più le barre colorate ma è a schermo nero, come il canale Capri Casinò, con LCN 149. Abbiamo realizzato la nuova tabella con tutti i dettagli tecnici dei canali, visualizzabile nella sezione dei MUX NAZIONALI, ed abbiamo aggiornato lo zapping tv del multiplex con la lista e le immagini di tutti i canali sintonizzabili.

Mux RETE CAPRI - Z@pping TV


Ore 12.50 - IL GRANDE REGALO DELLE FREQUENZE.
Mentre prosegue a colpi di rialzi l' asta per le frequenze destinate agli operatori di telecomunicazioni, il ministero dello Sviluppo economico ha nominato la Commissione che assegnerà le sei frequenze televisive nel corso del cosiddetto beauty contest . Tra i suoi primi compiti, l' apertura dei plichi dei dieci soggetti che hanno presentato domanda di partecipazione alla gara, in una seduta pubblica che si terrà nei prossimi giorni. Come scrivevo nei giorni scorsi, il beauty contest (o concorso di bellezza) è, a dispetto del nome, l' ennesima bruttura italiana nel campo dell' etere. Per convincersene basta tener presente il modo in cui ci si è arrivati: tutto è partito con una procedura d' infrazione aperta nel 2006 dall' Unione Europea contro l' Italia, che aveva promulgato, dopo un lungo travaglio, la legge Gasparri. Quella legge - accusò Bruxelles - avrebbe riprodotto nel mondo digitale l' anomalia del duopolio esistente nel mondo analogico. In una linea di perfetta continuità. Del resto già nel 2003 l'allora presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi aveva rispedito il testo al Parlamento perché precludeva l' accesso al digitale terrestre di nuovi operatori, nazionali e non. Alla procedura d' infrazione di Bruxelles si sarebbe potuto rispondere mettendo a gara le frequenze televisive liberate dal passaggio al digitale, aprendo il mercato alla concorrenza e generando un buon incasso per lo Stato.
Continua a leggere qui: http://archiviostorico.corriere.it/2011/settembre/17/grande_regalo_delle_frequenze_co_9_110917101.shtml

Ore 12.30 -
MUX 7 GOLD NEL TRENTINO: AGGIORNATA LA TABELLA DEI CANALI E INSERITO LO Z@PPING TV.
Ch.32 mux 7 GOLD:
Abbiamo aggiornato la tabella con tutti i dati tecnici, pid vari, risoluzione, bit-rate e altro, dei canali del mux 7 GOLD, ricevibile nel Trentino Alto Adige sul canale 32. Questo multiplex contiene anche le due emittenti televisive GGOLD MARKET TV, con LCN 274, e MICIO BAU con LCN 632. Abbiamo inserito anche lo z@pping tv con la lista e le immagini di tutti i canali presenti nel mux. Questa frequenza è inserita nelle nostre liste TV A CIVEZZANO (TN) e TV A SAN MICHELE ALL'ADIGE (TN).

Canale 32 Uhf - Mux 7 GOLD - Z@pping TV



 17 SETTEMBRE 2011 - Sabato 

Ore 23.55 - CHIETI: CON LA PROPAGAZIONE ARRIVA IL MUX TRIVENETA TV.
Ci scrive Nicolantonio da Chieti che ci elenca altri mux sintonizzati a Chieti alta per mezzo della propagazione.
"Continua la propagazione dal Friuli Venezia Giulia, dalla Croazia e dalla Slovenia, oggi è stata una buona giornata. Sintonizzato per la prima volta un altro multiplex di Triveneta TV, oltre a quello sul can 63; si tratta dell'impianto sul can 29 localizzato a Trieste-Conconello-Via Bellavista, contiene: TV7 TRIVENETA FVG lcn 12, TV7 AZZURRA lcn 13, TV7 NEWS lcn 86, TV7 SPORT lcn 111, TV7 TOPKAR lcn 112, TV7 LADY lcn 171, GOLD TV ITALIA lcn 179, TV TEST 04 lcn 189, TV7 MARKET lcn 212, TV TEST 03 lcn 619, TELE A lcn 638 e GALAXY TV lcn 646, per un totale di 12 canali. Inoltre, sul can 22 di TVM, Program 3 è diventato TRIESTE OGGI; quindi il mux è così composto: TVM lcn 87, CANALE 6 lcn 88, TRIESTE OGGI lcn 647 e PROGRAM 4 lcn oltre 800."

Ore 23.45 - MUX TELEROMAGNA: ARRIVA TELEVENEZIA.
Ch.46 mux TELEROMAGNA:
Ci scrive il nostro amico e collaboratore Mariano di Cervia (RA) informandoci che è stato aggiunto in questo mux il canale TeleVenezia con LCN 670. Dalle informazioni in nostro possesso il mux si riceve nelle province di Forlì-Cesena, Rimini e Ferrara.


Ore 23.20 - RAI MUX 1: AGGIORNATO LO Z@PPING TV DEL TRENTINO, CON LA VERSIONE TEDESCA RAI 3 S-BZ.
RAI Mux 1 - TRENTINO ALTO ADIGE:
Abbiamo aggiornato lo z@pping TV del mux 1 della RAI, versione regionale del Trentino Alto Adige, con l'inserimento delle immagini di Rai S-BZ, Sender Bozen, che trasmette i notiziari e trasmissioni anche in lingua tedesca e ladina, ed ha come LCN la numerazione 103. Oltre lo z@pping TV con tutte le immagini dei canali del mux, vi alleghiamo anche uno z@pping con varie immagini di Rai S-BZ, con il tg in ladino (con logo Rai Tvl) ed il tg in tedesco (con logo Rai Bozen). Da notare che è ancora presente l'alternanza della scritta "Rai" con la "farfalla" come era stato presente per un certo periodo sui canali Rai nazionali. Il vecchio logo con la "farfalla" è ancora presente anche nella grafica di presentazione all'avvio delle trasmissioni in tedesco.
Consulta anche la pagina di RAI MUX 1 - TRENTINO ALTO ADIGE, con tutti i dati tecnici dei canali trasmessi. Ringraziamo Gabriele di Civezzano, in provincia di Trento, che ci ha fornito tutte le immagini.

RAI Mux 1 Trentino Alto Adige - Z@pping TV



RAI 3 SENDER BOZEN - Z@pping TV


Ore 20.40 - APPLE TV SARA' PRESTO REALTA'.
Lui che tanto ha lavorato al suo progetto, ora non ne sarà protagonista. Stiamo parlando di Steve Jobs e dell’Apple Tv, l’ex amministratore delegato non parteciperà, ma chissà se sarà vero, al lancio della Tv della mela previsto per il Natale del 2012.iCable sarà dunque sostituito da un nuovo televisore di ultima generazione , in grado di adattarsi al meglio alle esigenze di ogni utente e integrarsi, con facilità alle console di gioco e ai famosi occhialini tridimensionali. Ma la Apple Tv non ha niente a che vedere con l’attuale, perché essa avrà dei canali multimediali personalizzati (tipo digitale terrestre, Sky, dalia ecc) pronta a rivoluzionare il mondo della televisione. Qualche anno fa, l’ex CEO di Apple annunciò la voglia e l’idea di lanciare un qualcosa di simile, queste le sue parole :” L’industria televisiva ci attira, ricominciare da zero per una nuova e incredibile multimedialità, creare qualche cosa di incredibile”.
Il progetto ora è passato nelle mani di Tim Cook, il nuovo amministratore delegato della società di Cupertino, il quale ha firmato un contratto ultra miliardario con l’azienda dopo che è stato indicato da Steve Jobs come suo successore. Staremo a vedere quali saranno le sue idee e che impatto avranno sul mondo televisivo. La Tv è il mercato che più attrae Apple in questo momento. Riusciranno quelli della mela a rivoluzionare il modo di intendere la TV? Sono aperte le scommesse, a favore gioca la buona riuscita di iPhone, iPad e tutti gli altri dispositivi che portano il famoso marchio della mela
morsicata. Tratto da: http://it.paperblog.com/apple-tv-sara-presto-realta-582818

Ore 12.00
-
E SE PRIVATIZZASSIMO LA NUMERAZIONE DEI CANALI TV?

L’assegnazione delle frequenze televisive ricavate grazie alla transizione al digitale terrestre – il cosiddetto “dividendo digitale “- poteva rappresentare una buona occasione tanto per “fare cassa”, quanto per contribuire alla liberalizzazione del settore dell’emittenza. Mettere all’asta la banda televisiva liberata avrebbe significato conferirle un valore di mercato, istituire un vero sistema di diritti di proprietà sull’etere, portare soldi quanto mai necessari nelle casse dello Stato e consentire a nuovi operatori di lanciare una sfida imprenditoriale ai canali più consolidati. Invece si è preferito attribuire le frequenze attraverso il cosiddetto meccanismo del “beauty contest”, che da un lato è destinato a produrre introiti inferiori, dall’altro conferisce alla commissione aggiudicatrice un largo potere discrezionale – al punto che qualsiasi esito potrà alimentare sospetti di favoritismi e di influenze politiche. Per “qualcuno” , del resto, il contest si preannuncia già un percorso ad ostacoli.
Eppure lo switch-over verso il digitale potrebbe offrire un’ulteriore opportunità, se si fosse interessati a coglierla. Si tratta dell’assegnazione della numerazione dei canali televisivi, cioè del Logical Channel Number (LCN). Al contrario di quanto avveniva con l’analogico, infatti, in digitale ogni tv ha associato un identificativo numerico che viene utilizzato “di default” da televisori e decoder per il posizionamento nella lista canali. A fronte della possibilità di sintonizzare centinaia di diversi programmi, è chiaro che un LCN più o meno favorevole può influire in modo decisivo sulle fortune di un canale. In altre parole non è la stessa cosa avere un numero ad una cifra – corrispondente ad un tasto del telecomando – o ritrovarsi al numero 457.
Anche in questo caso, purtroppo, si è scelta una soluzione “pianificata” che attribuisce la numerazione secondo alcuni criteri cosiddetti “oggettivi”, ma in buona sostanza miranti a preservare la posizione degli incumbent, in particolare di RAI e Mediaset. Ci si è infatti basati su fattori come l’abitudine dei telespettatori, l’audience, la data di avvio del canale in digitale terrestre e poi con criteri da manuale Cencelli si sono spartite le posizioni tra tv nazionali e tv locali. Dietro ai soliti noti, infatti, i numeri dall’11 al 20 sono stati riservati alle emittenti locali, un modo anche questo per spingere ancora più indietro nella lista i canali di nuovi operatori di rilevanza nazionale.
Ma piuttosto che assegnare gratis la numerazione in digitale, non sarebbe più conveniente indire una gara pubblica per l’attribuzione degli LCN? Non ci sono buone ragioni, infatti, per cui i primi sei identifcativi debbano essere appannaggio dell’attuale duopolio. Sarebbe utile, invece, che i vari slot fossero soggetti ad un’asta, dove i vari players rilanciassero fino al prezzo che essi stessi attribuiscono ad una certa posizione.
In questo contesto sarebbe più che realistico che un operatore come Sky strappasse almeno uno tra i primissimi numeri di canale, magari spodestando RAI 2 o Italia Uno. Le televisioni locali potrebbero partecipare all’asta per certi slot “in cordata”, spartendoseli poi su base territoriale, a seconda delle rispettive aree geografiche di competenza. Si dovrebbe trattare, naturalmente, di una vera e propria “privatizzazione” dell’LCN, nel senso che chi si aggiudicasse un certo numero di canale, dovrebbe essere poi in grado eventualmente di rivenderlo senza interferenze ulteriori da parte dello Stato. E’ evidente che una procedura di asta assicurerebbe condizioni di trasparenza e di competizione corretta, quanto invece l’attuale meccanismo di attribuzione della numerazione sposta la competizione sul piano politico e legale, accrescendo inevitabilmente la conflittualità. Tra recriminazioni, colpi bassi, ricorsi e controricorsi si sta consumando l’ennesima brutta pagina della gestione statalista del settore dell’emittenza. Eppure saremmo ancora in tempo per cambiare strada…

Tratto da: http://www.libertiamo.it/2011/09/17/e-se-privatizzassimo-la-numerazione-dei-canali-tv

Ore 00.30 - VARESE TV E MOTORI TV A SCHERMO NERO NEL MUX LA 6 DA VIA SILVA (MI).
Ch.21 mux LA 6:
Dalla serata di ieri, risultano a schermo nero le emissioni di VARESE TV (LCN 695) e di MOTORI TV LOMBARDIA (LCN 118).






 16 SETTEMBRE 2011 - Venerdì 

Ore 23.55 - MUX PIU' BLU LOMBARDIA: CAMBI DI LCN.
Ch.25-54-55-68-69 mux PIU' BLU LOMBARDIA:
Tele TV che in video trasmette anche col logo di TeleMilano, non occupa più l'LCN 12, in conflitto in Lombardia con TeleTutto di Brescia.
Ad oggi pertanto i canali sono ordinati in questo modo:

91 - Più Blu Lombardia
288 - TeleMilano City
698 - 3C Lombardia

Risultano senza LCN gli altri canali, ovvero:
Tele TV (trasmette anche con il logo di TeleMilano)
Milan Inter Radio TV (copia di TeleMilano City)
Più Blu Lombardia
Radio Milan Inter
Radio Mater



Ore 23.45 - BANDO ASSEGNAZIONE FREQUENZE TV LOCALI LIGURIA: I DETTAGLI DA OTGTV SU DIGITAL-FORUM.
Riportiamo un post inserito nelle scorse ore su digital- forum da OTGTV, in merito alla prima parte del bando di assegnazione delle frequenze per la regione Liguria.
Entro oggi, infatti, andava consegnato il malloppo cartaceo che costituisce (insieme alla parte online) la documentazione per stilare la graduatoria tra le emittenti locali. Alle notizie in mio possesso sarebbero 38 le emittenti coinvolte a vario titolo. 11 hanno partecipato a titolo personale, 20 tramite delle "intese" e 6 con dei "consorzi". La differenza sta che il consorzio prevede la nascita di una nuova società che fungerà da operatore di rete unico per tutta la regione e per tutte le emittenti; l'intesa è poco più di una scrittura privata (per ora) con cui varie tv decidono di concorrere per la stessa frequenza, rimanendo operatori di rete nella propria area di servizio. Area che, giova ricordarlo, non può assolutamente essere sovrapponibile neanche in un misero pixel con quello delle altre coinvolte nell'intesa.

Partecipano da sole (salvo errori e omissioni):
Italia 7 Toscana
Liguria Tv
Primocanale
Rete 37
Telecittà
Telecity Liguria
Telecupole Piemonte
Telegenova
Telenord
Telestar Liguria
Tv Italia

Partecipano a consorzi (salvo errori e omissioni):
Editrice 21 Network e Telegranda
Motori Tv e Primantenna
Studio Nord Tv e Telemondo

Partecipano a intese (salvo errori e omissioni):
Antenna Blu Tv, Imperia Tv e Teleriviera
Canale Italia e Canale Italia 2
Entella Tv, Rtv 38 e Teleturchino
Italia 8 e Tv9
OttoToscana, Stv, Telesanremo e Tv Varazze
Tele Liguria Sud, Telemasone, Teleradiopace e Teleradiopace 2
Teleliguria e Tlc Telecampione

Ha scelto di non partecipare l'emittente Videotaro che aveva un impianto sul monte Maggiorasca (Santo Stefano d'Aveto - GE) che però copre solo una parte della provincia di Parma. L'impianto è stato
quindi eliminato.
Tratto da: http://www.digital-forum.it/showthread.php?t=130854

Ore 22.35 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DALLA PROVINCIA DI TORINO.
Ci scrive un anonimo dalla provincia di Torino. E
cco in dettaglio la sua email, che potete leggerla anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Buongiorno abito nella provincia di Torino ricevo dalla maddalena i canali che ogni tanto spariscono sono la7 realtime mux 48 47 qualita 30 % quando spariscono il misuratore segna 0 % le sparizioni durano circa 15 min ma non avvengono sempre siccome gli altri canali non danno problemi ho pensato  che dipenda da telecom media potrebbe essere un problema di ripetitori che si interferiscono? Dietro me c'è un ripetitore corio case valer che dovrebbe trasmettere il 36 49 47 48 pero su mediaset 36 49 non ci sono problemi ho gia provveduto al rifare le connessioni dell'impianto e cambiato i divisori ma il problema su la7 e realtime rimane per non passare tutto il tempo sul tetto ho lasciato perdere e guardo solo i canali che si vedono accidenti al digitale ( quello che non capisco perche non mettono una regolamentazione per limitare il numero di canali,e eliminare i canali doppi e tripli es.perche mediaset deve avere due mux 36 49 ? ) grazie x eventuale risposta saluti.
"

Ore 22.20 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA ROMA.
Ci scrive Raffaele da Roma. E
cco in dettaglio la sua email, che potete leggerla anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Buona sera e complimenti x il sito bello e sempre aggiornato.Il problema di ricezione di Mediaset in tutte le 2 le frequenze segnale buono ma alle volte specialmente la sera rumori metallici e video a mosaico tutti gli altri canali bene. Abito a Torvergata Roma, ho visto che anche sulla tuscolana hanno questo problema. E una settimana che ci sono questi problemi."
 

Ore 22.10 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA FIESSO UMBERTIANO (ROVIGO).
Ci scrive Raffaele da Fiesso Umbertiano, in provincia di Rovigo. E
cco in dettaglio la sua email, che potete leggerla anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Buongiorno, sono Raffaele Gozzo abito a Fiesso Umbertiano provincia di Rovigo, volevo segnalare questa anomalia che si presenta tutte le sere ormai da diversi mesi, tutte le sere ormai dalle ore 22.15/22.30  alle 23.30/24 il segnale dei canali mediaset compreso premium sparisce completamente, per poi riapparire e fino allo stesso orario del giorno dopo la ricezione arriva regolarmente. La cosa mi fa andare in bestia perchè non è bastato a cambiare l'antenna per risolvere  il problema, inoltre essendo abbonato Mediaset premium pago un servizio che non vioene erogato.  Non so come risolvere il problema e se per caso avete una soluzione. Cordiali Saluti.
"

Ore 21.55 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA.
Ci scrive un anomimo. E
cco in dettaglio la sua email, che potete leggerla anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Ho letto tantissime mail con i problemi Mediaset. Anche io ho lo stesso problema ma è possibile che abbiamo tutti problemi di antenna?"


Ore 21.30 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA POLESELLA (ROVIGO).
Ci scrive Alessandra da Polesella, in provincia di Rovigo. E
cco in dettaglio la sua email, che potete leggerla anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Buongiorno, sono Alessandra di Polesella (Rovigo) e dopo le 21.30-21.50 non ricevo più nessuna rete, tranne i canali RAI; di giorno si vedono; si vedevano anche appena passati al digitale, poi forse nell'ottimizzare hanno diminuito troppo il segnale. Bella  seccatura, dopo aver comprato decoder e tutto il resto! Col vecchio sistema almeno si vedeva sempre tutto.Grazie.
"

Ore 18.30 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA FAENZA (RAVENNA).
Ci scrive Orazio da Faenza, in provincia di Ravenna. E
cco in dettaglio la sua email, che potete leggerla anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Sono un utente di Faenza e volevo precisare che in Romagna nel mux vhf 10 denominato ICARO che trasmette da Bertinoro in pol. verticale e' compreso il nuovo canale Supertv che ora ha il logo alternato con canale92 e non appare più la dicitura emiliaromagna. Vi saluto e continuero' a seguirvi nel vostro sito. Cordiali saluti. Orazio.
"

Ore 17.40 - SERIE A, CHIUSA L'ASTA PER I DIRITTI TV.
Scaduti i termini di presentazione delle offerte per le stagione di
calcio dal 2012 fino al 2015. Nessun proposta Rai per i diritti in chiaro. I giochi son fatti. Sono scaduti alle 12 di oggi i termini per la presentazione delle offerte inerenti i diritti televisivi della Serie A per le prossime tre stagioni, ovvero 2012-2013, 2013-2014 e 2014-2015. All’asta un totale di sette pacchetti divisi per piattaforma per un valore di 966,2 milioni di euro per il prossimo campionato (+8% rispetto alla stagione che sta per partire), 986 milioni per il 2013/2014 e 1,06 miliardi per il 2014/2015. In tutto 2,9 miliardi di euro da raccogliere quindi in tre anni scarsi. Due i pacchetti destinati al satellite a pagamento, tre al digitale terrestre pay, uno è riservato alla trasmissione in chiaro (satellite e/o Dtt) e uno alla radio. La Rai, in nome del risparmio aziendale ha deciso di non presentare offerte d’asta per i diritti in chiaro della stagione di calcio nella speranza di andare alla trattativa diretta. Attesa per le proposte di Sky per il satellite e Mediaset per il digitale terrestre.
Tratto da: http://www.businesspeople.it/Business/Media/Serie-A-chiusa-l-asta-per-i-diritti-Tv

Ore 10.45 - MUX TELE A+: AGGIORNATO LO Z@PPING TV.

Ch.21 mux TELE A+:
Abbiamo aggiornato lo z@pping TV del multiplex con l'elenco e le immagini di tutti i canali trasmessi.


Canale 21 Uhf - Mux TELE A+ - Z@pping TV


Ore 10.35 - ECCO COME PREPARARSI ALL'ARRIVO DEL DIGITALE, O TRA UN MESE ADDIO TV.
... Che tra il 10 ottobre e il 4 novembre cambierà la storia dell’etere in tutta la regione. Più che di tante lettere e delle solite sparate, ci sarebbe bisogno di un po’ più di chiarezza, soprattutto in una Liguria che, più che il problema dei monti, in questo caso h
a il problema di un’età media di abitanti molto alta, che rende ancor più incomprensibile un linguaggio di per sé già riservato ai tecnici. «Esiste il rischio che molte persone male informate, o con poca dimestichezza con le nuove tecnologie, si ritrovino tagliate fuori dai segnali radiotelevisivi - attacca il capogruppo della Lega Nord in Regione, Edoardo Rixi - Burlando e la sua giunta non hanno finora sufficientemente diffuso la notizia che entro il 4 novembre la Liguria passerà al digitale terrestre. Non mi risulta che la Regione si sia adoperata per informare i liguri mediante un’adeguata campagna informativa. Come se non bastasse, vari sindaci dell’entroterra hanno paventato il rischio che il nuovo segnale digitale terrestre abbia una copertura territoriale inferiore a quella del vecchio segnale analogico. Se ciò fosse vero, significherebbe che gran parte del nostro entroterra resterebbe semplicemente tagliato fuori».
Continua a leggere qui:
http://www.ilgiornale.it/genova/ecco_come_prepararsi_allarrivo_digitale_o_mese_addio_tv

Ore 08.20 - LOMBARDIA MEDJUGORJE ITALIA A SCHERMO NERO CON LETTORE VLC.
Ch.21 mux LA 6:
Nella serata di ieri, il canale Lombardia Medjugorje Italia, LCN 693, ha trasmesso per molte ore questa schermata nera di un lettore VLC bloccato.



Ore 00.50 - TELELIBERTA' PIACENZA: IN ONDA A MILANO DA CORSO SEMPIONE.
Ch.22 mux TELELIBERTA':
TeleLibertà, l'emittente di Piacenza è visibile da oggi a Milano sul canale UHF 22. Apprendiamo dalle liste tv di OTG che l'emissione di questo segnale avviene da corso Sempione. Nei prossimi giorni
pubblicheremo lo z@pping tv. La composizione del mux è la seguente:
TELELIBERTA'
TELELIBERTA' 1
TELELIBERTA' 2
TELELIBERTA' 3
TELELIBERTA HD



 15 SETTEMBRE 2011 - Giovedì 

Ore 21.30 - LA MAGGIOR PARTE DEI LIGURI USA GIA' IL DIGITALE TERRESTRE.
Mentre qualcuno cerca di spiegare quanto sarebbe “traumatico” il
  passaggio al digitale terrestre in Liguria, invocando azioni per far slittare lo switch off, i dati delineano una situazione di fatto ben diversa. I più recenti dati Auditel, infatti, mostrano come la maggior parte dei liguri già sia sintonizzato sulla tv digitale, ad un mese dallo spegnimento del segnale analogico. Nelle rilevazioni ed elaborazioni di Nielsen Tv Audience Measurement Italy, emerge che nel mese di luglio 2011 in Liguria l’ascolto medio giornaliero è stato di 241.571 utenti. In vista del passaggio fissato al 10 ottobre, con termine ultimo a novembre, il dato interessante riguarda la spartizione percentuale tra le piattaforme, ovvero analogico tradizionale, satellitare e digitale terrestre. Qui sta la sorpresa: il digitale terrestre è già la piattaforma più utilizzata dagli spettatori liguri, con uno share del 47%, ampiamente sopra gli utenti della vecchia tv analogica che si ferma al 35% e della parabola che registra un 17%.
Continua a leggere qui:
http://www.ivg.it/2011/09/televisione-la-maggior-dei-liguri-gia-usa-il-digitale-terrestre

Ore 21.25 - DTT, RIXI (LEGA): IN LIGURIA LE FAMIGLIE OSCURATE NON PAGHINO IL CANONE RAI.
Ancora deve arrivare e già monta la polemica. Parliamo del digitale
terrestre, che all'inizio di novembre spazzerà via la "vecchia televisione" (e in alcuni casi anche i vecchi televisori), con il rischio che in molte zone non si riceva alcun segnale tv. Dopo l'allarme lanciato ieri dal presidente della Regione Liguria Claudio Burlando, ora è il turno dell'opposizione. Edoardo Rixi, Capogruppo della Lega Nord in Regione Liguria, ha preparato un’interrogazione in Consiglio Regionale riguardo all’imminente passaggio al digitale terrestre delle reti televisive liguri. “Non si capisce - dice l'esponente leghista - perché la Giunta non abbia finora sufficientemente diffuso la notizia che entro il 4 novembre 2011 la Liguria passerà al digitale terrestre.
Continua a leggere qui:
http://www.genovaogginotizie.it/cronaca/2011/9/15/news-37251/digitale-terrestre-rixi-lega-le-famiglie-oscurate
E qui: http://www.savonanews.it/2011/09/15/leggi-notizia/argomenti/politica-2/articolo/digitale-terrestre-rixi-la-regione-non-pubblicizza-il-passaggio-e-non-garantisce-la-copertura-tele

Ore 20.40 - TV: MARCORA (UDC), SITUAZIONE PREOCCUPANTE PER EMITTENTI LOCALI LOMBARDE.
Adnkronos.it - "Telereporter e altre emittenti locali lombarde versano in una situazione preoccupante". Lo dice Enrico Marcora, consigliere Udc in Regione Lombardia, intervenendo sullo stato di crisi delle emittenti lombarde. "Regione Lombardia -aggiunge Marcora- deve impegnarsi maggiormente per tutelare il loro indispensabile servizio e il patrimonio di professionalita' che operano in questo settore della comunicazione". Per Marcora "l'impegno economico deve essere piu' importante, perche' la contrazione degli investimenti pubblicitari e le problematiche legate al passaggio al digitale stanno concretamente contribuendo a ridurre al lumicino molte emittenti locali e la loro irrinunciabile funzione di voce del territorio".


Ore 20.35 - RAI: DE MAGISTRIS, NAPOLI DEVE AVERE CANALE DIGITALE.
ANSA.IT - "Napoli deve avere il suo canale digitale, come e' stato dato a Milano. Ne ho gia' parlato alla direzione generale della Rai nei giorni scorsi ed ho trovato molta attenzione. Ora sta al sindaco premere perche' questo  avvenga". Lo ha detto il sindaco Luigi de Magistris nel corso della sua prima visita al centro di produzione della Rai in viale Marconi, dove ha visitato gli studi accompagnato dal direttore della sede Francesco Pinto. "Il canale digitale e' dovuto a questa citta', come una frequenza radio, questo a prescindere dai grandi eventi, dalle regate e dal Forum delle culture. E' un discorso che si ricollega a Bagnoli, dove tra l'altro c'e' il progetto degli Studios, gia' finanziato" ha insistito de Magistris al quale molti dipendenti hanno fatto i complimenti per la missione-Coppa America ma sopratutto per il suo ruolo di 'portafortuna' della squadra del Napoli, che ha seguito ieri sera  nel debutto in Champions league contro il Manchester City rientrando a Napoli quasi all'alba.
"Ora dovra' seguirlo sempre, sara' come Pertini per l'Italia" gli augurano. "Cerchero' di esserci quando mi sara' possibile, domenica al San Paolo sicuramente" assicura in vista della sfida al Milan. Il sindaco si e' recato in visita alla redazione giornalistica del Tg Campania, guidata da Massimo Milone: "Buon lavoro - ha detto Magistris dopo aver stretto le mani ai redattori - e non fate come al Tg1" ha aggiunto ironicamente. Il riferimento e' a un servizio, evidentemente poco gradito al sindaco, trasmesso ieri sera alle 20.30 ("Me l'hanno raccontato, lo vedro") sulla sua trasferta in Inghilterra.


Ore 19.40 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA TERLIZZI (BARI).
Ci scrive Giuseppe da Terlizzi, in provincia di Bari. E
cco in dettaglio la sua email, che potete leggerla anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Buongiorno, abito a Terlizzi (BA), durante le ore serali ho seri problemi di ricezione del segnale digitale terrestre, tanto da risultare nullo sia per i canali Rai che Mediaset (anche Premium). Preciso che durante la giornata il problema non sussiste ed è persistente solo di sera. Qualcuno sa fornirmi delle motivazioni? Grazie."

Ore 19.30 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA TORINO.
Ci scrive Oliviero da Torino.
Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggerla anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Buona Sera, sono Oliviero, abito nella zona Nord Torino. Volevo segnalare che anche io ho lo stesso problema segnalato da Davide il  17/8/2011. I canali Mediaset (e non solo, quasi tutti i mux dal 36 al 49) al mattino non si vedono. Il decoder mi da qualità segnale al 30%, intensità al 78%. Il pomeriggio invece tutto ok.  L' antenna e' centralizzata, il problema c'è anche in altri alloggio dello stesso condominio. Se fosse un problema dell' impianto del condominio, perche' il problema c'e' solo in alcune ore del giorno? Grazie per l'attenzione. Oliviero.
"

Ore 18.15 - DIGITALE TERRESTRE: EMILIA ROMAGNA, DALLA REGIONE 1,8 MILIONI ALLE EMITTENTI.
AGI.IT - Dalla Regione Emilia Romagna 1,8 milioni di euro di contributi a disposizione delle emittenti televisive emiliano romagnole per sostenere i loro investimenti nella transizione dall'analogico al digitale terrestre. Il bando - approvato dalla Giunta regionale su proposta dell'assessore alle Attivita' produttive Gian Carlo Muzzarelli e dell'assessore alla Programmazione territoriale, urbanistica, reti di infrastrutture materiali e immateriali Alfredo Peri - punta a sostenere l'innovazione del sistema televisivo locale nella transizione alla tecnologia digitale il cui passaggio ha obbligato le emittenti televisive locali a sostenere alti oneri per la riconversione tecnologica degli impianti e delle apparecchiature nonche' a riorganizzare le produzione in rete.
Continua a leggere qui: http://www.agi.it/bologna/notizie/201109151521-cro-rt10156-digitale_terrestre_e_romagna_da_regione_1_8_mln_a_emittenti

Ore 17.45 - IL CALENDARIO UFFICIALE DELLO SWITCH OFF IN TOSCANA, UMBRIA, LIGURIA E PROV. DI VITERBO.
Dal sito Decoder Comunicazioni ecco le date ufficiali dello switch off nei comuni di Toscana, Umbria, Liguria e provincia di Viterbo. La lista è divisa per località.

Consulta il CALENDARIO DEL PASSAGGIO AL DIGITALE TERRESTRE NEI COMUNI DELLA TOSCANA, UMBRIA, LIGURIA E PROV. DI VITERBO

Ore 15.20 - UMBRIA: LE DATE DELLO SWITCH OFF DI RAI E MEDIASET.
Comincerà dal Lago Trasimeno il passaggio dalla tv analogica al digitale terrestre in Umbria. Poi procederà verso sud fino a Terni. Ecco il calendario comune per comune.Le date Lo switch–off inizierà il
17 novembre nei comuni di Castiglion del lago, Città della Pieve, Magione, Paciano, e Panicale e si concluderà in diversi comuni della provincia di Terni il 30 novembre. Lo comunica, in via ufficiosa,
l’assessore regionale Stefano Vinti, secondo il quale sembrerebbe ormai definito il calendario per ciascun comune, anche se potrà succedere anche che, all’interno di un comune, siano previste più date
a seconda degli impianti di trasmissione utilizzati dai vari canali televisivi interessati al passaggio.Proseguono gli incontri Il calendario attualmente disponibile riguarda ovviamente soltanto le reti Rai e Mediaset, mentre per le altre emittenti private e locali bisognerà attendere l’assegnazione delle singole frequenze che si sta svolgendo in queste settimane. Nel frattempo proseguono gli incontri
dell’assessore regionale Stefano Vinti con tutti i soggetti e gli operatori direttamente interessati. Dopo la Rai, l’Anci, i rappresentanti del mondo del volontariato e l’Ufficio Scolastico regionale per l’Umbria, infatti, Vinti questa mattina, giovedì 15 settembre, ha incontrato le emittenti locali, Nuova Tele Terni, Rete Sole, Trg, Tevere TV, Tef, Tele Galileo, Tele ambiente, ed Umbria Tv con le quali ha discusso dei problemi relativi al prossimo switch-off ed all’assegnazione delle frequenze necessarie.

Scarica il CALENDARIO DEL PASSAGGIO AL DIGITALE TERRESTRE NEI COMUNI DELL'UMBRIA

Ore 15.15 - SUPER TV IN EMILIA-ROMAGNA, PRECISAZIONE IN MERITO.
Ci ha scritto Andrea, un nostro lettore di Parma, in merito alla news che abbiamo pubblicato lo scorso 10 settembre sull'arrivo dell'emittente bresciana Super TV in Emilia-Romagna. Come giustamente
ci fa notare Andrea, Super TV è presente solo nel mux E'TV-RTR trasmesso nella zona di Bologna sul VHF 10, mentre ad esempio a Parma su questa frequenza è trasmesso il mux DITV e ancora nella zona di Ravenna nel mux E'TV ROMAGNA, Super TV non è diffusa. Ringraziamo Andrea per la segnalazione.

Ore 15.05 - BEAUTY CONTEST: NOMINATA LA COMMISSIONE CHE ASSEGNERA' LE FREQUENZE.
E’ stata nominata la Commissione prevista dal Bando di gara per l’assegnazione dei diritti d’uso delle sei frequenze televisive. Lo rende noto il Ministero dello Sviluppo economico, precisando che i componenti sono: Giorgio d’Amato, avvocato generale dello Stato onorario; Vincenzo Franceschelli, professore ordinario della facoltà di Economia dell’università degli Studi di Milano Bicocca; Francesco Troisi, Direttore Generale Pianificazione e Gestione delle Frequenze del Ministero dello Sviluppo Economico-Dipartimento Comunicazioni. La nomina è stata decisa con un Decreto della direzione generale per i servizi di comunicazione elettronica e di radiodiffusione del ministero dello Sviluppo economico. Tra i primi compiti della Commissione - ricorda una nota -, l’apertura dei plichi dei 10 soggetti che hanno presentato domanda di partecipazione alla gara, in una seduta pubblica che si terrà nei prossimi giorni. La gara si svolgerà con la procedura del beauty contest. Le frequenze sono 5 in DVB-T e 1 in DVB-H o T2. Sono dieci i soggetti che hanno presentato 17 domande di partecipazione. Questi, in particolare, i richiedenti: Canale Italia; Telecom Italia Media Broadcasting; Elettronica Industriale (gruppo Mediaset); Sky Italia Network Service; Prima Tv; Europa Way; 3lettronica Industriale (gruppo 3 Italia); Rai – Radiotelevisione Italiana; Tivuitalia; D Box. I nominativi dei soggetti ammessi alla procedura di assegnazione delle frequenze saranno resi pubblici dopo l’espletamento, da parte della Commissione di valutazione, dell’apposita procedura di ammissione prevista dall’art. 4.5 del Disciplinare di gara. Le procedure per la nomina della Commissione sono in corso. D Box, dietro la quale ci sarebbero Einstein Multimedia e Med Studios, mira a due frequenze del lotto A. La rete di trasmissione di D Box sarà realizzata da Telecom Italia Media Broadcasting. Secondo Marco Mele del Sole24Ore, il piano decennale di D Box prevede il pareggio entro due-tre anni se il bouquet di canali, tutti in chiaro, raggiungerà una quota di ascolto intorno al 2-3% di audience. Il progetto prevede di creare, oltre al centro di produzione televisiva a Termini Imerese, dei canali dai format del gruppo come Novecento, e di noleggiare capacità trasmissiva a soggetti terzi, a prezzi inferiori a quelli di mercato. Un dettaglio che è balzato agli occhi di tutti è che nessun operatore straniero, se si esclude Sky che proviene dal satellite, ha presentato domanda. Intanto Telecom Italia Media ha impugnato il Bando davanti al Tar del Lazio perché si ritiene svantaggiata dal fatto di dover concorre con Rai e Mediaset per il lotto B, riservato agli operatori già presenti sul mercato del digitale terrestre. La rete avrebbe, invece, voluto concorrere per il lotto A, che raccoglie tre frequenze nazionali da assegnare ai new entrant. Di questi fa parte Sky, che per indicazione della Commissione Ue può però accedere a un solo multiplex e per cinque anni non potrà offrire canali a pagamento. Anche la piattaforma satellitare che fa capo alla News Corp di Rupert Murdoch ha impugnato al Tar Lazio, con una serie di motivi aggiunti al precedente esposto, il Bando e il Disciplinare di gara del beauty contest e tutti gli atti precedenti, compresa la delibera 427/2009 dell'Agcom che ha fissato la procedura per assegnare le frequenze nazionali e il Regolamento del 2010 sull'assegnazione delle stesse. L'operatore contesta il vantaggio concesso dal Bando e dal Disciplinare ha chi già opera sulle frequenze terrestri, penalizzando i nuovi entranti e la mancanza di trasparenza sui criteri della ripartizione tra i tre lotti delle frequenze da assegnare.
Tratto da: http://www.key4biz.it/News/2011/09/15/TV_digitale/digitale_terrestre_beauty_contest_frequenze_multiplex


 14 SETTEMBRE 2011 - Mercoledì 

Ore 21.55 - MUX TELEROMADUE: AGGIORNATO LO Z@PPING TV.
Ch.10 mux TELEROMADUE:
Abbiamo aggiornato lo z@pping TV del multiplex con l'elenco e le immagini di tutti i canali trasmessi.


Canale 10 Vhf - Mux TELEROMADUE - Z@pping TV


Ore 20.05 - VIDEO ON DEMAND, PER FARE LA NUOVA TV E' NECESSARIO ACCELERARE I TEMPI.
PrimoItalia, la media company di Vetrya, annuncia di aver raggiunto un importante accordo con One Movie Entertainment per la diffusione di film nel proprio bouquet video on-demand. One Movie avrà un canale dedicato, con oltre 50 titoli tra cui scegliere, in una selezione di film action, horror, thriller e di genere pensati per un pubblico di appassionati. Una videoteca in costante movimento, da portare sempre con sé sulle diverse piattaforme disponibili. PrimoItalia è la più grande internet tv italiana distribuita su televisori connessi, PC, Blu-Ray player, smartphone e tablet. One Movie è una consolidata realtà del panorama distributivo indipendente italiano. In pochi anni si è ritagliata uno spazio importante nel settore dell'entertainment, con una oculata scelta di titoli che coniugano qualità e spettacolarità. Con un catalogo di oltre 300 film, segue la distribuzione in tutti i canali - dal cinema all'home video, fino a televisione ed edicola.
Continua a leggere qui: http://www.key4biz.it/News/2011/09/14/Contenuti/Digital_TV_Research_Tv_digitale_terrestre_iptv_vod_video_ondemand_Luca_Tomassini

Ore 20.00 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA SAN PIETRO VERNOTICO (BRINDISI).
Ci scrive Roby da San Pietro Vernotico, in provincia di Brindisi.
Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggerla anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"
Cosa succede ai canali Rai dtt? Secondo giorno di buio totale sui canali Rai su frequenza 26 e scarso segnale canale 22 o debole, ripetitore spento o in avaria? Ciao da Roby, San Pietro Vernotico (Brindisi)."

Ore 19.55 - BANDA LARGA, I SOLDI CI SONO, LA VOGLIA NO.
Mentre l’asta per le frequenze della telefonia di quarta generazione procede al rialzo, il ministero dello Sviluppo Economico non ha ancora deciso con chiarezza se i soldi che entreranno nelle sue casse andranno a beneficio della banda larga, per la quali ci sono solo spiccioli, circa 400 milioni di euro. Nonostante le pressioni dell’Agcom, che ha aiutato le stesse compagnie telefoniche lo scorso aprile, con l’allungamento delle concessioni per l’Umts al 2029. Un modo per favorire i rilanci sul piatto forte del 4G.
Continua a leggere qui: http://www.linkiesta.it/banda-larga-i-soldi-ci-sono-la-voglia-no

Ore 19.50 - MACERATA: ATTIVATO DA UNIMC IL PRIMO MASTER ITALIANO IN FACTUAL TELEVISION.
Progettare format televisivi da presentare direttamente alle case di produzione. E’ questa l’esclusiva opportunità offerta dal master di primo livello in “Factual Television”, della durata di un anno, attivato dalla Facoltà di Scienze della comunicazione in collaborazione con la Facoltà di Scienze della formazione dell’Università di Macerata.
Il corso è l'unico in Italia incentrato sul settore della Factual Television, ossia quel genere televisivo che racchiude tutti i programmi non-fiction, dai documentari ai reality: si tratta di un panorama dalle ampie prospettive, che aumenteranno con l’avvento del digitale terrestre. E' ciò che cerca una televisione che si trova a vivere un cambiamento epocale e che assiste a un moltiplicarsi dei player e, quindi, a un aumento del fabbisogno di contenuti.

Continua a leggere qui: http://www.maceratanotizie.it/index.php?option=com_content&task=view&id=3199&Itemid

Ore 19.45 - IN TOSCANA IL PDL SI INDIGNA PER LE TV LOCALI SUSSIDIATE.
‘Anche le televisioni che all’interno delle televendite promuovono magie, talismani, tarocchi e prodotti pornografici potranno partecipare al bando regionale che stanzia 750mila euro a favore delle emittenti televisive. La sinistra ha bocciato la nostra richiesta di chiedere a chi otterra’ il contributo della Regione di non promuovere nelle televendite prodotti pornografici o che tendano in vario modo a carpire la fiducia dei soggetti piu’ deboli mediante contenuti attinenti al magico o al paranormale’.
L’ACCUSA - Questa l’accusa dei consiglieri regionali del Pdl Giovanni Donzelli e Salvadore Bartolomei, tra i firmatari di un emendamento – bocciato dalla maggioranza di centrosinistra – che restringeva i criteri di accesso ai finanziamenti stanziati dalla Regione Toscana a sostegno delle emittenti televisive alle prese con una complessa fase di transizione collegata al passaggio al digitale terrestre. ‘La scelta della sinistra di aiutare anche maghi, tarocchi e linee dubbie penalizza le non poche televisioni regionali di qualita’ che trasmettono prodotti eccellenti, autoprodotti, di informazione, cultura e intrattenimento. Non siamo bacchettoni, e non abbiamo nessuna voglia di censura: le televisioni sono libere di trasmettere quello che ritengono piu’ opportuno nei limiti della legge, ma non con i soldi dei cittadini’.

Continua a leggere qui: http://www.giornalettismo.com/archives/147913/la-sinistra-paga-maghi-e-porno-in-tv

Ore 19.40 - VENEZIA: BERTONCELLO SCRIVE ALLA REGIONE VENETO PER PROBLEMI RICEZIONE DIGITALE.
(AGENPARL) - Venezia - Il Sindaco di Portogruaro, Antonio Bertoncello, scrive all’assessore regionale Daniele Stival, delegato dal presidente Zaia per il digitale terrestre nel Veneto Orientale, sui nuovi problemi di ricezione del segnale. “Attraverso gli organi di stampa ho appreso che negli ultimi periodi anche Lei ha notato un netto peggioramento nella ricezione del segnale del digitale terrestre nel territorio del Veneto orientale.vNel mio Comune, come più volte comunicato, arrivano quotidianamente segnalazioni circa i disagi legati al passaggio del digitale terrestre, richieste sulle iniziative che gli Enti competenti hanno intrapreso per risolvere tali disagi, notizie circa le azioni, anche legali, che possono essere avviate nei confronti della RAI- ha detto il sindaco Bertoncello- oggi la Sua diversa considerazione del problema fa piacere a chi, come l’Amministrazione Comunale di Portogruaro, è sempre stato dalla parte dei cittadini raccogliendone le segnalazioni, ascoltandone i problemi, e rappresentando gli stessi agli Enti competenti”. Il Comune di Portogruaro, considerato che il disagio sta creando situazioni di esasperazione tra i cittadini- per il suo persistere e peggioramento, per il disinteresse manifestato dagli enti competenti- mette a disposizione dell’assessore e della Regione ogni forma di collaborazione per avviare insieme iniziative risolutive, finalizzate ad ottenere i necessari interventi da parte della Rai e del Ministero competente per il miglioramento della ricezione del segnale.
Tratto da: http://www.agenparl.it/articoli/news/regionali/20110914-venezia-bertoncello-scrive-alla-regione-veneto-per-problemi-ricezione-digitale

Ore 16.15 - SIENA TV: LA TV UFFICIALE DEGLI SPORTIVI SENESI.
Siena Tv, la tv ufficiale degli sportivi senesi. E' questo lo slogan di stagione dell'emittente senese, costola televisiva di Radio Siena. Proprio la sinergia tra i due mezzi è la chiave di volta di questo piccolo gruppo multimediale senese che fa dell'entusiasmo e delle profonde radici nella realtà senese, i principali azionisti di riferimento.
Senza tralasciare l'attenzione alle modifiche sostanziali del sistema televisivo, con l'imminente approdo anche in Toscana del digitale terrestre. Il palinsesto sportivo è pensato per fare di Siena Tv e Radio Siena la piazza multimediale in cui gli sportivi senesi si incontrano e si scambiano le proprie opinioni, senza filtri (salvo quelli del rispetto e dell'educazione). La novità di quest'anno si chiama "Piazza Robur", che si inserisce in un palinsesto già ricco di spazi di news e di approfondimento. "Piazza Robur" andrà in onda, sia in radio che in tv, dal lunedì al giovedì dalle 19 alle 20. Condotta da Alessandro Lorenzini e Luciano Sardone, sarà lo spazio ideale per commentare in diretta le gesta della Robur, anche via Facebook, sms e telefonate in diretta. Tutti gli sportivi e gli amanti del Siena potranno intervenire e commentare i temi di maggiore attualità calcistica. Interviste e servizi completeranno il format. Accanto a "Piazza Robur", confermati gli altri appuntamenti con "Anteprima Robur", la trasmissione del venerdì condotta da Fausto Fabianelli, che andrà in onda nel nuovo orario dalle 19 alle 20,15. Il lunedì sera, alle ore 21, torna "Calcio spettacolo", trasmissione condotta da Tommaso Salomoni con Luciano Sardone, che consente, grazie agli ospiti e ai servizi della redazione, di riflettere con pacatezza e passione sulle partite del Siena. Ogni domenica, e comunque in occasione di ogni partita del Siena in caso di anticipi e posticipi, lo staff di Radio Siena e Siena Tv mette in campo l'intera squadra, con Fausto Fabianelli, Stefano Montomoli, Tommaso Salomoni, Luciano Sardone e Andrea Frullanti, per una diretta che comincia alle 14,30 e finisce con il post-gara nel tardo pomeriggio. Da non dimenticare le interviste di "Zona mista", in onda dopo ogni gara casalinga alle ore 21. Fra gli opinionisti della stagione calcistica di Radio Siena e Siena Tv, anche il giornalista Daniele Magrini, direttore di Toscana tv e di www.sportsiena.it, che da quest'anno è consulente editoriale per il palinsesto di Siena Tv.
Siena Tv è la televisione visibile via fibre ottiche e in streaming sul sito Internet
www.sienatv.it. Radio Siena è in FM 92.2 e 93.7 e ascoltabile via Internet all'indirizzo www.radiosiena.com. I contenuti relativi al palinsesto di Siena Tv sono disponibili anche sul canale Youtube di Siena Tv.

Tratto da: http://www.sienafree.it/eventi-e-spettacoli/256-eventi-e-spettacoli/25970-siena-tv-la-tv-ufficiale-degli-sportivi-senesi

Ore 16.05 - EUTELSAT CHIAMA RENATO FARINA PER NUOVE STRATEGIE SUL MERCATO ITALIANO DEL BROADCASTING.
Obiettivo? Approfondire le necessità del broadcasting, alla luce delle nuove tecnologie come la banda KA e il digitale terrestre.
Eutelsat Communications ha annunciato oggi che a partire dal primo settembre 2011 Renato Farina è stato nominato Direttore del mercato Italiano. Farina, che dal 2005 ricopre la carica di Direttore generale di Skylogic - la controllata italiana di Eutelsat per i servizi a banda larga - lavorerà nel team commerciale di Eutelsat con Andrew Wallace. Nel corso della sua carriera Renato Farina ha ricoperto diversi ruoli nel settore audiovisivo e delle telecomunicazioni, che gli hanno permesso di diventare un profondo esperto di questi mercati, in particolare a livello dei top client. In Italia sono oltre 400 i canali indipendenti che fanno capo ai piccoli e medi editori e che trasmettono su Eutelsat. Pertanto, Farina, nella nuova posizione all’interno del gruppo potrà sfruttare a fondo la lunga esperienza maturata anche nei 20 anni di carriera presso Telespazio. Il nuovo incarico avrà perciò l’obbiettivo di rafforzare il mercato italiano di Eutelsat, sia quello del broadcasting che quello del trasporto del segnale, anche alla luce delle nuove tecnologie, in particolare della rivoluzionaria banda KA, che con le sue applicazioni apre nuove e promettenti prospettive per la trasmissione numerica.
Renato Farina ha così commentato: “Sono molto onorato e felice di questo nuovo incarico, che intendo svolgere con l’obbiettivo di analizzare a fondo i progetti dei nostri clienti, di coordinare i nostri partner tecnici e di approfondire le necessità del broadcasting, alla luce delle nuove tecnologie come la banda KA e il digitale terrestre. Tutto ciò in funzione di ottimizzare sempre di più il nostro servizio.”
Tratto da
:
http://www.key4biz.it/News/2011/09/14/Tecnologie/Renato_Farina_eutelsat_Skylogic_Andrew_Wallace_audiovisivo_telecomunicazioni_Telespazio_banda_KA

Ore 11.05 - FIRENZE: VIA AL DIGITALE TERRESTRE, CONDANNATE AL BUIO LE TV DI 60 COMUNI.
Negata la proroga, la rivoluzione in un mese. Ok alla legge speciale. Ripetitori da adeguare e sindaci senza soldi. Anche a Firenze problemi per alcuni palazzi. Il buco nero che rischia di inghiottire le immagini del nostro televisore domestico è sempre più vicino. Dal 7 novembre al 2 dicembre il digitale terrestre coprirà progressivamente il territorio toscano, cancellando ogni giorno un pezzetto di tv analogica e spaccando in due il mondo dei telespettatori, da una parte i salvati, quelli che vedranno tenente Colombo e Quelli che il calcio meglio di prima e dall’altra i sommersi nel buio totale, che non vedranno più neppure mamma Rai. A Firenze il Dday sarà il 18 novembre e anche in città si potrebbero contare decine di migliaia di vittime della carneficina digitale. La giunta regionale ha tentato di rallentare i tempi chiedendo al governo una proroga senza ottenerla. Non si ferma il conto alla rovescia verso lo switch off che segnerà la partenza della nuova era.
Continua a leggere qui: http://firenze.repubblica.it/cronaca/2011/09/14/news/7_novembre_via_al_digitale_terrestre_condannate_al_buio_le_tv_di_60_comuni

Ore 10.10 - MANTOVA: AL POMA LA TV DIGITALE, MA SOLO SE IL PAZIENTE PAGA.
La direzione affida il servizio a una società esterna e arrivano i nuovi televisori. Per farli funzionare va affittata una scheda da 5 o 10 euro.
Ogni stanza con il suo televisore, schermo ultrapiatto e alta definizione. Inutile tentare di accenderlo, lo schermo resta nero. Per guardare un telefilm o informarsi sulle ultime notizie ai degenti ora serve una scheda tv. Bisogna pagare: cinque euro per due giorni, dieci euro per cinque. La tv a pagamento è la novità degli ultimi giorni per l’ospedale Poma (anticipato di poco da quello di Pieve). Non riguarda ancora tutti i reparti ma già suscita qualche perplessità e protesta. «È una cosa che ci è stata imposta dalla Regione, non ci possiamo fare niente» commenta il personale di uno dei reparti coinvolti. Nulla di drammatico. Anche se non si capisce perché la sanità debba considerare opzionale, e quindi tutt’altro che necessario, ammazzare la noia o avere un diversivo durante le lunghe giornate di ricovero. «Una vergogna, un modo per lucrare sui pazienti» sbotta un anziano degente del reparto di Medicina.
Continua a leggere qui: http://gazzettadimantova.gelocal.it/cronaca/2011/09/13/news/al-poma-la-tv-digitale-ma-solo-se-il-degente-paga

Ore 09.50 - DIGITALE: MISURE URGENTI IN TOSCANA, PASSA LA LEGGE.
Voto favorevole a larga maggioranza – si astiene Pieraldo Ciucchi (Gruppo misto) - sul testo che disciplina il passaggio alla nuova tecnologia. Approvato anche un ordine del giorno – astenuta Lega e Ciucchi - che detta indirizzi alla Giunta. Il presidente della commissione Cultura, Nicola Danti (Pd): “Legge emendata in varie parti per rafforzare tutela cittadini, enti locali ed emittenti”.
Firenze – Digitale terrestre, la legge regionale è stata approvata. A larga maggioranza - con la sola astensione di Pieraldo Ciucchi, Gruppo misto – l’aula ha licenziato il testo già sensibilmente emendato in commissione Cultura e ulteriormente integrato durante i lavori dell’assemblea. Approvato anche un ordine del giorno collegato – astenuta la Lega – che detta indirizzi alla Giunta regionale.
La legge, come illustrato dal presidente della commissione Cultura, Nicola Danti (Pd), individua “misure urgenti per venire incontro alle necessità che arriveranno da territori, mondo dell’emittenza e cittadini a poche settimane dallo switch off nella nostra regione”. Tra gli obiettivi del testo, ha aggiunto Danti, gli interventi a favore delle emittenti locali e delle realtà territoriali più marginali del territorio regionale, tenuto conto che sono 15 i comuni nei quali molto probabilmente non vi sarà segnale per la ricezione della Rai, e che per altri bisognerà attendere la partenza vera e propria del digitale per capire se e quanto saranno pronunciati i disagi.

Continua a leggere qui: http://www.parlamento.toscana.it/node/8509 , e qui: http://www.lanazione.it/firenze/spettacoli/tv/2011/09/14/580965-digitale_terrestre

Ore 00.10 - DIGITALE TERRESTRE UMBRIA: INCONTRO REGIONE/ANTENNISTI.
Per trovare un accordo sul prezziario che i tecnici antennisti dovrebbero applicare in vista delle problematiche connesse al passaggio al digitale terrestre, si è svolto un incontro tra l’assessore regionale Stefano Vinti ed i rappresentanti di Confcommercio e Cna. L’assessore ha tenuto a precisare che “la volontà della Giunta regionale va nella direzione di un accordo che tenga conto da un lato della congiuntura economica e delle difficoltà a cui sono sottoposte tante famiglie umbre e dall’altro delle opportunità lavorative che lo switch – off rappresenta per le categorie direttamente interessate alla risoluzione dei problemi tecnici che il passaggio comporterà per i cittadini – utenti”. Le associazioni di categoria dal canto loro hanno fornito chiarimenti in merito agli interventi più comuni che i tecnici dovranno affrontare anche alla luce delle esperienze di altre regioni che hanno preceduto l’Umbria nel passaggio al digitale. Pur registrando la disponibilità al confronto, l’assessore Vinti ha preso atto delle distanze emerse nella riunione sulla definizione di un prezziario condiviso. Per questo la riunione è stata aggiornata per consentire alle parti di verificare il percorso più idoneo per il raggiungimento di un accordo che tenga conto delle esigenze dei cittadini e degli operatori.
Tratto da: http://www.terninrete.it/headlines/articolo_view.asp?ARTICOLO_ID=301154


 13 SETTEMBRE 2011 - Martedì 

Ore 22.35 - MUX CANALE 10: RIPRISTINATA LA NUMERAZIONE LCN DI CANALE 10+1 E CANALE 10 SPORT.
Ch.06 mux CANALE 10:
Sono state reinserite le numerazioni LCN a CANALE 10+1, che ora torna memorizzabile nella posizione 211 e che sta trasmettendo per il momento senza logo, e a CANALE 10 SPORT, che torna al numero 615. Abbiamo riaggiornato lo z@pping TV del mux.

Canale 06 Vhf - Mux CANALE 10 - Z@pping TV


Ore 21.55 - TELESYSTEM HYBRID BLOBBOX: AGGIORNAMENTO SOFTWARE 1.6.
Telesystem ha rilasciato ufficialmente l'aggiornamento versione 1.6 di Hybrid BLOBbox, il decoder digitale terrestre twin tuner, ricevitore Internet TV, videoregistratore e lettore multimediale di TELE System che si integra da oggi con la nuova Guida elettronica ai programmi (EPG) e la nuova interfaccia di gestione dei Podcast.
Podcast, nuova interfaccia:
Con il nuovo aggiornamento software 1.6, Hybrid BLOBbox consente di guardare e gestire i propri podcast in maniera più semplice. Nel menù della Guida TV (tasto EPG - freccia sinistra), adesso è possibile trovare l'elenco di tutti i podcast con le relative informazioni e immagini. E' possibile aggiungere e gestire i podcast anche da myBLOBbox.com.
Nuova Guida elettronica ai programmi (EPG):
La Guida TV si aggiorna ad una nuova versione, con un'interfaccia intuitiva e accattivante che consente di scoprire i programmi preferiti in modo ancora più semplice e veloce. La prima miglioria riguarda una migliore stabilità, ed inoltre sono stati risolti alcuni bug.
Come aggiornare Hybrid BLOBbox:
Per effettuare l'aggiornamento sulla BLOBbox è necessario premere il tasto CHIAVE INGLESE sul telecomando e selezionare UTENTI ESPERTI - AGGIORNAMENTO SOFTWARE. Successivamente basta premere il tasto rosso per scaricare e installare il nuovo aggiornamento software.
Tratto da: http://www.digitalizzandotv.net/post/televisione/8011-telesystem-hybrid-blobbox-aggiornamento-software-16

Ore 18.30 - SPORTELLO TV DIGIT@LE: E' ARRIVATA NUOVA POSTA DA VALMADRERA (LECCO).
Ci scrive Marisa da Valmadrera, in provincia di Lecco.
Ecco in dettaglio la sua email, che potete leggerla anche nella pagina dello SPORTELLO TV DIGIT@LE.
"Egregi signori, abito a Valmadrera in provincia di Lecco. E' da un mese che ho diffilctà a vedere solo i canali Mediaset, vedo immagini a puzzle con dei suoni metallici. Ho chiesto anche a delle altre persone che abitano a Valmadrera e anche loro hanno lo stesso problema. Questi canali io li trovo al numero 80 - 81-82- ma anche quì non li vedi bene. Distinti saluti.
"

Ore 18.05 - CLASS TV MSNBC: PARTE A RAZZO CON METEO E GRANDI FILM.
MILANO (MF-DJ) - I grandi film e le nuove serie tv di successo made in Usa, insieme alla migliore fiction italiana, sono gli elementi portanti del nuovo palinsesto di ClassTv Msnbc (canale 27 del digitale terrestre), ora in onda insieme all'informazione piu' utile e alle notizie sull'andamento del clima e alle previsioni meteo realizzate con le tecnologie piu' avanzate, che gia' erano uno dei plus del canale e che ora sono state ulteriormente rafforzate. "Con il nuovo palinsesto ClassTv/Msnbc, dopo essere stato il primo canale nato per il digitale fin dalla fase sperimentale del 2003 (come Class News), diventa il primo canale indipendente subito dopo i canali storici analogici", ha dichiarato Paolo Panerai, vicepresidente e amministratore delegato di Class Editori, la casa editrice cui fa capo ClassTv/Msnbc. "E grazie alla partnership con il primo operatore televisivo americano Nbc Universal e i suoi due canali Msnbc (leader nel prime time) e The Weather Channel (leader mondiale nelle previsioni sul meteo e nelle notizie relative al clima) offre al pubblico piu' qualificato degli Up&Fast il meglio dello stile televisivo italiano e della sapienza americana, aggregando un target unico per tutti gli investitori".
Grazie all'accordo con Nbc Universal, ClassTv/Msnbc proporra' un ricchissimo prime time con titoli cinematografici dei principali registi americani fra cui, tra gli altri, Le ceneri di Angela" (Alan Parker), Clockers e Jungle Fever (Spike Lee), Essere John Malkovich (Spike Jonze), Cronisti d'assalto (Ron Howard), Prima di mezzanotte (Martin Brest).
Continua a leggere qui: http://www.borsaitaliana.it/borsa/notizie/mf-dow-jones/italia-dettaglio

Ore 17.45 - AIUTI DI STATO A MEDIASET, IL GOVERNO HA INTENZIONE DI RECUPERARLI?
Centinaia di milioni di euro graziosamente regalati da Berlusconi a Berlusconi. Il fatto è ormai noto o, meglio, dovrebbe esserlo. Il consueto “silenzio stampa” dei media tradizionali, obbedienti soldatini del regime, ha, infatti, approfittato, al meglio, del torpore estivo degli italiani per fare in modo che nessuno, o quasi, se ne accorgesse. La Rete, tuttavia, ricorda ed aiuta a ricordare. Eccolo il fatto del quale in pochi, sin qui, hanno letto sui giornali [n.d.r. specie quelli di carta sovvenzionati a suon di centinaia di milioni di euro da tutti noi] o sentito parlare in televisione: la Corte di Giustizia dell’Unione Europea, con una Sentenza del 28 luglio scorso, ha definitivamente confermato – rigettando il ricorso di Mediaset e del Governo italiano, naturalmente a braccetto – la decisione con la quale nel lontano 2007, la Commissione UE aveva dichiarato che il contributo accordato dal Governo Berlusconi tra il 2004 e il 2005 ai cittadini italiani, per l’acquisto dei decoder digitali terrestri, ha rappresentato un aiuto di Stato incompatibile con il diritto dell’Unione Europea. A beneficiare dell’aiuto sono state le società, Mediaset in testa, che, all’epoca, diffondevano contenuti in tecnica digitale terrestre gratuitamente e a pagamento. Ad essere pregiudicate le società come Sky che, al contrario, diffondevano i propri contenuti esclusivamente su piattaforma satellitare. E’ un fatto grave, anzi gravissimo. Uno dei più straordinari esempi della permanente condizione di conflitto di interesse alla quale, sfortunatamente, il Paese sembra ormai rassegnato se non addirittura abituato. Il Governo, in barba alla disciplina europea sulla concorrenza, aiuta con centinaia di milioni di euro di contributi, l’azienda del Presidente del Consiglio e, come se non bastasse, una volta beccato con le mani nel barattolo di marmellata, anziché chiedere scusa e recuperare i nostri soldi, si imbarca in una battaglia legale senza confini [n.d.r. naturalmente sempre a nostre spese] per sostenere la difesa di Mediaset contro le Istituzioni dell’unione Europee.
Continua a leggere qui:
http://www.leggioggi.it/2011/09/13/aiuti-di-stato-a-mediaset-il-governo-ha-intenzione-di-recuperarli

Ore 17.30
-
DIGITALE TERRESTRE: IL CSA RACCOMANDA L'ADOZIONE DEGLI STANDARD DVB-T2 E MPEG4. IN FRANCIA TUTTO DA RIFARE?
Secondo alcuni broadcaster una simile decisione favorirebbe solo gli operatori storici, senza contare i danni per gli utenti che dovranno sostituire ancora una volta decoder e televisori.
Il digitale terrestre crea qualche problema ai nostri cugini d’oltralpe. In un Rapporto consegnato al governo, il presidente del Consiglio superiore dell’audiovisivo (CSA), Michel Boyon, sostiene la necessità di nuovi standard tecnologici. Ma la sua indicazione ha subito sollevato le proteste dei gruppi indipendenti che lo hanno accusato di voler fare gli interessi degli operatori storici.
In occasione della conferenza stampa indetta per illustrare il Rapporto, Boyon ha detto d’essere consapevole di chiedere al governo scelte difficili che non troveranno il consenso di tutti. Al Primo ministro François Fillon, il CSA ha raccomandato soprattutto l’adozione di nuovi standard di compressione e trasmissione della DTT, ritenuti ormai imprescindibili.
Continua a leggere qui:
http://www.key4biz.it/News/2011/09/13/TV_digitale/Michel_Boyon_dtt_digitale_terrestre_hd_mpeg4_dvbt2_spettro_alta_definizione_multiplex

Ore 17.15 - DIGITALE TERRESTRE: OK DA GIUNTA UMBRIA A PIANO AUTORITA'.
(AGI) - Perugia - Ventinove frequenze, di cui diciotto destinate alle emittenti locali. E' questo in estrema sintesi il programma di assegnazione delle frequenze per il servizio televisivo digitale terrestre in Umbria. Il dato e' contenuto nel piano approvato dall'Autorita' per le garanzie nelle comunicazioni che riguarda le regioni Umbria, Liguria, Toscana, Marche e la provincia di Viterbo. E la Giunta regionale dell'Umbria, su proposta dell'assessore Stefano Vinti, ha dato il suo parere favorevole. "Questo piano e' un ulteriore passo, peraltro molto importante - ha affermato Vinti - in vista del passaggio al digitale terrestre, che per l'Umbria e' previsto nel prossimo periodo 3 novembre/2 dicembre. Una prima analisi del documento effettuata dai nostri uffici ha dato esito positivo in quanto ci sembra che il piano ricalchi le esigenze e la realta' degli impianti di trasmissione della nostra regione. Comunque, siccome la stessa Autorita' per le garanzie delle comunicazioni lo ha dichiarato rivedibile in caso di eventuali necessita', in queste settimane la Regione sta verificando tutte le postazioni ed i siti elencati per controllare la razionalita' e compatibilita', sia tecnica che amministrativa, per evitare possibili inquinamenti del segnale.Il parere definitivo quindi sara' espresso quando saranno terminate queste verifiche". Intanto pero' il parere favorevole, sia pure in linea di massima, sara' trasmesso all'Autorita' competente per consentire di andare avanti nel cammino necessario. "Tra l'altro - ricorda Vinti -, proprio in queste settimane e' anche in atto, da parte del Ministero, la gara per l'assegnazione delle frequenze alle singole emittenti che e' un altro passo fondamentale per mettere in grado il sistema televisivo umbro di essere pronto al passaggio.Dobbiamo indubbiamente accelerare tutte le procedure e mettere in campo tutte le misure per accompagnare questa delicata fase di transizione che coinvolgera' diversi soggetti, dal sistema televisivo fino ai singoli utenti ma anche il sistema degli enti locali e le categorie delle imprese e dei lavoratori che materialmente saranno chiamate ad intervenire per l'adeguamento dei sistemi di ricezione. Come Regione stiamo incontrando tutti i soggetti che sono coinvolti e avvieremo anche una capillare campagna di informazione verso le famiglie umbre. Speriamo che anche i soggetti nazionali, Governo ed Autorita' per le Garanzie, facciano tutto il necessario per rispettare i tempi stretti che sono previsti".
Tratto da: http://www.agi.it/perugia/notizie/201109131339-cro-rt10102-digitale_terrestre_ok_da_giunta_umbria_a_piano_autorita

Ore 10.30 - SAVONA: SELVA DI ANTENNE, SCOPPIA IL CASO.
Savona - Sono necessarie per vedere Sky e tutti i nuovi canali satellitari, e saranno fondamentali tra pochi giorni in quei paesini dell’entroterra dove il segnale del digitale terrestre non arriva o arriva male, ma di certo la selva di antenne paraboliche che proliferano su tutti i tetti e sempre più spesso le facciate dei palazzi non è un bello spettacolo alla vista né un segno di decoro architettonico. L’ultimo caso esploso è quello della darsena, con diverse “padellone” rimaste a rovinare la vista porto dalla nuova piazza del complesso Crescent retaggio di un passato duro a morire. Ieri alcuni cittadini hanno scritto una mail al Secolo XIX per denunciare lo scempio e chiedere spiegazioni. «È mai possibile che in una piazza nuova di zecca, nuova vetrina della città, resistano orrori simili?» è la denuncia.
Continua e leggere qui:
http://www.ilsecoloxix.it/p/savona/2011/09/13/AOH8Hl3-selva_scoppia_antenne

Ore 09.45 - NASCE RADIO ROMA, LA CAPITALE DELLA MUSICA.
Dopo l'unione tra RADIO SPAZIO APERTO e la vecchia RADIO ROMA, avvenuta nel mese di agosto scorso, viene abbandonato l'identificativo RSA - RADIO ROMA e nasce una nuova radio che
riprende il nome di RADIO ROMA, la capitale della musica. L'identificativo rds ora riporta la scritta R-ROMA.
Ecco l'elenco delle frequenze in FM su cui trasmette:

Lazio:

ROMA E PROVINCIA (RM) > 104.000 MHz (Postazione: MONTECOMPATRI)
SUBIACO (RM) > 97,800 MHz
FROSINONE (FR) > 101.500 MHz
FIUGGI (FR) > 93.000 - 95.300 MHz
VALLE DEL SACCO (FR) > 96.600 MHz
PICINISCO (FR) > 93.100 MHz
RIETI (RI) > 94.700 MHz
VITERBO (VT) > 92.900 MHz
Umbria:
TERNI (TR) > 92.400 MHz
Abruzzo:
CARSOLI (AQ) > 91.900 - 92.900 MHz
PRATOLA PELIGNA (AQ) > 102.900 MHz
SULMONA (AQ) > 102.900 MHz
Sardegna
:
SARDEGNA ORIENTALE > 104.000 MHz

Ore 08.00 - ASTA FREQUENZE TELEFONIA: NELLA 9° GIORNATA INCASSO POTENZIALE A 3.154 MLD.
REUTERS.IT - Roma - Al termine della nona giornata di rilanci nell'asta per l'assegnazione delle frequenze in banda 800, 1800, 2000 e 2600 le offerte hanno raggiunto i 3,154.279.493 miliardi. Lo riferisce una nota del ministero dello Sviluppo in cui si ricorda che la gara riprenderà oggi alle 10. Il comunicato dice che nel corso di 21 diverse tornate, ieri, "sono stati effettuati 12 rilanci sia per acquisire blocchi di frequenze in banda 800 sia in quella 2600, portando un incremento totale di 851.172.329 euro rispetto alle offerte iniziali, ovvero circa 45,3 mln in più" rispetto all'ottava giornata.  Sono in gara: H3G <0013.HK>, Telecom Italia <TLIT.MI>, Wind e Vodafone <VOD.MI>. Al termine della nona giornata d'asta sono risultate momentaneamente vincenti le seguenti offerte: H3G ha fatto offerte per blocchi (1 generico per banda 800 mHz, 2 specifici e 2 generici nella banda a 2600) per un totale di 575.250.200 euro. Telecom Italia ha fatto offerte per 6 blocchi (1 generici nella banda 800 mHz, 1 generico nella banda 1800, 4 generici nella banda 2600) per un ammontare di 714.009.293,60 euro. Vodafone ha fatto offerte per 4 blocchi (2 nella banda 800 mHz generico e 2 generici nella banda 2600) per un ammontare di 937.240.000. Wind ha fatto offerte per 4 blocchi di frequenze (1 specifico della banda 800 mHz e 4 blocchi generici nella frequenza 2600) per un ammontare pari a 926.780.000 euro.  I blocchi specifici sono in genere quelli ai limiti della banda che per questo motivo possono risentire di interferenze. I blocchi generici sono quelli all'interno della banda.  La gara si concluderà quando non si avranno più rilanci per tre tornate consecutive per i 6 blocchi di frequenze nella banda 800 mHz e 5 mancati rilanci per i rimanenti 18 blocchi delle altre bande.


Ore 06.20 - MARCHE: SPACCA, PARERE NEGATIVO SU PIANO ASSEGNAZIONE FREQUENZE DIGITALE.
(ASCA) - Ancona, 12 set - Parere negativo sul Piano nazionale di assegnazione delle frequenze per il digitale terrestre che penalizza le emittenti locali marchigiane a causa delle interferenze con i paesi esteri. E' quanto il presidente della Regione Marche, Gian Mario Spacca, ha scritto in una lettera inviata al ministro dello Sviluppo Economico, Paolo Romani, inviata per conoscenza anche al presidente Agcom, Corrado Calabro'. ''Dal documento di Piano che e' stato trasmesso dall'AGCOM alla Regione Marche alla fine di agosto scorso - ha evidenziato, tra l'altro, il Governatore - risulta in modo inequivocabile che non sono state risolte le profonde criticita' su frequenze e modalita' di switch off che la Regione Marche ha sollevato in modo formale fin dal 2010 al Presidente dell'AGCOM Corrado Calabro', a Lei direttamente e in sede tecnica al Comitato Nazionale Italia Digitale (CNID). La carenza fondamentale del Piano nazionale e' di riservare alle emittenti locali delle Marche frequenze gia' assegnate anche a Paesi esteri per accordo internazionale, soprattutto dell'area Adriatica. In conseguenza di tale scelta del Governo nazionale - ha ribadito Spacca - non viene messa a disposizione delle Marche nessuna frequenza certa per le emittenti locali, originando una situazione di assoluta gravita' per le sicure interferenze e quindi per le difficolta' di effettivo utilizzo delle stesse frequenze assegnate''. Tratto da: http://www.asca.it/regioni-MARCHE__SPACCA__PARERE_NEGATIVO_SU_PIANO_ASSEGNAZIONE_FREQUENZE_DIGITALE-635402-marche


 12 SETTEMBRE 2011 - Lunedì 

Ore 20.35 - MUX TELESTUDIO TORINO: AGGIORNATO LO Z@PPING TV.
Ch.24 Mux TELESTUDIO TORINO:
Abbiamo aggiornato lo z@pping tv e la lista dei canali di questo multiplex, nei mesi scorsi ci sono stati alcuni cambiamenti.
Ecco le tv trasmesse dal mux piemontese.

17 - TELESTUDIO

118 - Blue JeansTV - TST1
273 - All News 24 - TST2
625 - Turbo Channel - TST3
626 - Mas Latina TV - TST4
627 - Gusto TV - TST5

Canale 24 Uhf - Mux TELESTUDIO TORINO - Z@pping TV


Ore 20.00 - FRANCIA: CANAL+ ACQUISTERA' DIRECT 8 E DIRECT STAR DAL GRUPPO BOLLORE'.
Bolloré Group e il colosso della tv a pagamento francese Canal +, filiale di Vivendi, hanno annunciato una partnership strategica nella televisione digitale terrestre. Questo accordo prevede per Canal+ una partecipazione del 60% alle attività televisive di Bolloré di cui fanno parte il canali Direct 8 e Direct Star. La pay tv avrà la gestione operativa delle due emittente e della loro pubblicità.
Tratto da: http://www.pubblicitaitalia.it/news/Fatti-e-Persone/Dal-mondo/canal-plus-acquisira-direct-8-e-direct-star-da-gruppo-bollore

Ore 14.30 - MARCHE: DONATI, SEMPLIFICAZIONE AMMINISTRATIVA PER AGEVOLARE L’AGGIORNAMENTO DEGLI IMPIANTI.
(AGENPARL) - Ancona - Agevolare l’imminente passaggio al digitale terrestre nelle Marche, previsto nel prossimo mese di dicembre. È l’obiettivo di una proposta di legge della Giunta regionale che semplifica le procedure amministrative per l’installazione o l’aggiornamento degli impianti tecnologici necessari. Su proposta dell’assessore ai Sistemi Telematici, Sandro Donati, è stato inviato all’Assemblea legislativa un testo normativo per facilitare gli interventi che i gestori degli impianti di trasmissione dovranno eseguire. L’Assemblea dovrà ora esaminare e approvare il provvedimento. “Il territorio marchigiano passerà al sistema digitale terrestre nell’arco di un periodo del prossimo mese di dicembre – spiega Donati – I segnali della televisione analogica verranno gradualmente spenti e sarà possibile ricevere solo con la tecnologia digitale terrestre. Le scadenze sono stabilite da un calendario nazionale, che ha avviato l’aggiornamento nel 2008, iniziando dalla Sardegna, per concludersi il prossimo anno. Nel 2011 sono interessate le regioni Liguria, Toscana, Umbria, Marche, Abruzzo e Molise. La proposta di legge mette a disposizione degli operatori una strumento normativo semplificato, che uniforma il nostro ordinamento a quello delle altre Regioni che già applicano la normativa”. La proposta prevede il rilascio, da parte dei Comuni, di un’autorizzazione unica per l’installazione degli impianti necessari alla trasmissione in digitale terrestre. Per le modifiche da apportare agli impianti esistenti, se non comportano un aumento dei livelli di campo elettromagnetico, al posto dell’autorizzazione comunale, è sufficiente inviare una semplice comunicazione, con relazione tecnica e dati radioelettrici aggiornati, soggetta comunque a una verifica da parte dei Comuni e dell’Arpam (Agenzia regionale per la protezione ambientale delle Marche). Questo perché, a seguito del passaggio al digitale, la potenza emissiva dell’impianto è destinata, nella maggior parte dei casi, a ridursi rispetto a quella prodotta dal sistema di trasmissione analogico. Infine gli impianti coinvolti non saranno assoggettati a una nuova verifica di impatto ambientale, in quanto sono già stati sottoposti alla valutazione da parte dei Comuni e dell’Arpam: “Una duplicazione degli accertamenti – conclude Donati – non aggiunge valore tecnico all’istruttoria e non è richiesta dalla normativa statale”. Tratto da: http://www.agenparl.it/articoli/news/regionali/20110912-marche-donati-semplificazione-amministrativa-per-agevolare-l-aggiornamento-degli-impianti

Ore 12.05 - AERANTI-CORALLO: TELERADIOFAX N.17 DEL 10 SETTEMBRE 2011; SWITCH OFF IMPOSSIBILE IN LIGURIA, TOSCANA, MARCHE, UMBRIA E PROVINCIA DI VITERBO.
Pubblichiamo l'Edizione n.17/2011 del 10 settembre 2011 del periodico quindicinale TELERADIOFAX edito da AERANTI-CORALLO.
Lo potete anche scaricare qui: http://www.aeranti.it/images/stories/teleradiofax/2011/TRFAX2011-17.pdf




Ore 11.50 - TV: MURDOCH HA UN PIANO DI RAFFORZAMENTO PER SKY ITALIA.
MILANO (MF-DJ) - Per nulla intimorito dallo scandalo delle intercettazioni che lo ha obbligato a coprirsi abbondantemente il capo di cenere e a chiudere il suo News of the World, Rupert Murdoch ha gia’ pronto un piano di rafforzamento per l’Italia e lo sta mettendo in opera. In concomitanza con l’avvio della contestata asta gratuita (beauty contest) delle frequenze digitali televisive, il magnate di NewsCorp ha chiari quali saranno i suoi obiettivi futuri. E non si tratta certo di una ritirata. E’ bastato d’altronde dare un’occhiata al palinsesto di Cielo giovedi’ 8 settembre per capire che la tv in chiaro di Sky sul digitale terrestre ospitata sui multiplex del Gruppo Espresso non restera’ per tanto tempo a fare la bella statuina: quel giorno il canale del tycoon australiano amico dei potenti ha rilanciato i momenti migliori dell’inaugurazione del nuovo stadio di calcio della Juventus, che contemporaneamente era visibile a tutti gli abbonati di Sky. Cosa c’e’ dietro questa mossa? MF-Milano Finanza e’ in grado di rivelare l’obiettivo finale del piano del tycoon di Melbourne. Obiettivo 10 milioni. “Murdoch ha in programma di rafforzare la pay tv grazie anche al digitale e di raggiungere presto in Italia 10 milioni di abbonati perche’ pensa che il sistema free to air non abbia futuro”, racconta un importante operatore televisivo.
Tratto da:
http://www.primaonline.it/2011/09/12/95758/tv-murdoch-ha-un-piano-di-rafforzamento-per-sky-italia


Ore 10.10 - MUX RETE 7 PIEMONTE: AGGIORNATO LO Z@PPING TV E LA LISTA CANALI.
Ch.32 / Ch.35 Mux RETE 7 PIEMONTE:
Abbiamo aggiornato lo z@pping tv e la lista dei canali diffusi da questo multiplex, segnaliamo che il canale VideoNord, in epg è nominato come THE SOUND VN, mentre il canale Rete 7 VDA (Val d'Aosta) in epg è inserito come Program 1. Inoltre periodicamente vengono scambiati tra di loro i canali Italiamia e Italiamia 3. Ricordiamo che questo mux è trasmesso in Piemonte sul canale UHF 32, mentre nella postazione astigiana di Mombaruzzo, che serve il comprensorio di Nizza Monferrato, tale multiplex è irradiato sul canale UHF 35.

Canali 32-35 Uhf - Mux RETE 7 PIEMONTE - Z@pping TV


Ore 08.40 - SANTORO E I COMIZI D'AMORE.
MILANO - «Il nuovo programma non si chiamerà "Senza Rete" ma "Comizi d'amore"». Lo ha annunciato Michele Santoro alla festa de 'Il Fatto Quotidiano", spiegando che, alla base del progetto, ci sarà un'associazione chiamata "Servizio pubblico", che «si impegnerà a dire no a qualsiasi censura». Continua a leggere qui:
http://www.corriere.it/spettacoli/11_settembre_11/santoro-nuovo-programma-comizi-amore


TORNA IN TESTA ALLA PAGINA