https://sites.google.com/site/libroparlatoambrosiana/home


"...questa biblioteca ambrosiana che Federico ideò con sì animosa lautezza ed eresse con tanto dispendio, dai fondamenti"
 Alessandro Manzoni       
 Promessi Sposi, Cap.XXII  




VENERANDA BIBLIOTECA AMBROSIANA

fondata dal Cardinal Federico Borromeo nel 1609 con l' intento di portare la conoscenza e la cultura anche a chi non avesse i mezzi di accedervi, e' oggi, con i suoi 450.000 volumi, 3000 incunaboli e 10.000 cinquecentine, una delle più importanti e prestigiose biblioteche mondiali.





LIBRO PARLATO LIONS

nato nel 1975, ha come scopo la produzione e la distribuzione gratuita di audiolibri inizialmente a favore di ciechi ed ipovedenti ed oggi di tutti coloro che, a causa delle più svariate problematiche, non sono in grado di leggere in maniera autonoma.


                                                                                                                                                                                                                                                         







         
ASCOLTIAMO I TESORI DELLA BIBLIOTECA  AMBROSIANA

è un progetto finalizzato a dare alle persone con tale problematica la possibilità di poter accedere tramite audiolibri  ad opere  tra le più interessanti e preziose presenti in Ambrosiana




BONVESIN DA LA RIVA                   DE MAGNALIBUS URBIS MEDIOLANI
                                                                             (Le meraviglie della città di Milano)
                    
   


Introduzione:
I tesori della Veneranda Biblioteca Ambrosiana nella lettura del Libro 
parlato Lions nel solco tracciato dal Cardinal Federico. Vita ed opere 
dell'Autore, contenuto del libro           
                                                                      
                                

Cap.I       elogio di Milano per la sua posizione, il clima le acque, il nome 
Cap. II    elogio di Milano  per le sue abitazioni, i portici,  il fossato, le chiese, i campanili,i borghi, le ville.       


Cap. III   elogio di Milano per i suoi abitanti, numero  dei cenobi e degli ospedali, delle case di povertà, numero dei cavalieri, 
                     dei legisti, dei medici detti fisici ,  scrivani, bottegai, numero dei maestri di grammatica etc.      
  
 

Cap. IV   elogio di Milano per la sua fertilità e sovrabbondanza di ogni bene, l' abbondanza del grano e degli alberi da frutta, 
                    orti , giardini, la abbondanza della carne,  quanti gamberi si mangiano in città, la quantità del sale e pepe, quanti i
                    mulini e le loro ruote,  la fecondità della popolazione, etc.                                                                 

                    
Cap.V        elogio di Milano per la sua forza, quando e  da chi fu fondata la città, conquista di Milano da parte di re Alboino, di   
                     Federico I, e guerre contro Federico II, Uberto della  Croce e Guglielmo della Pusterla, i vessilli,  il Carroccio e i trombettieri .      

                    
Cap.VI       elogio di Milano per la sua fedeltà, Milano fu chiamata "seconda Roma" per la sua fedeltà alla Chiesa Romana.
Cap. VII    elogio di Milano per la sua libertà.
Cap. VIII  elogio di Milano per la sua dignità, sede di Imperatori romani, luogo di incoronazioni,  il rito ambrosiano, invettiva
                       contro scelleratissimi cittadini.                








GALVANO FIAMMA                   MANIPULUS  FLORUM  SEU HISTORIA  MEDIOLANENSIS                
                                                                         (Cronache medioevali, Federico Barbarossa e Milano)




Introduzione 


 



Cap.I     Federico Barbarossa si elegge Imperatore, viene incoronato a Roma, distruzione e ricostruzione di Lodi, il marchese 
                 Malaspina consiglia di distruggere Milano, Federico assedia Milano, la pace tra i  Milanesi e l'Imperatore, i traditori di Milano.                                                           


Cap. II   L'incredibile guerra tra l'Imperatore e i Milanesi, Federico distrugge Milano, gravami e  tributi imposti ai Milanesi, 
                  battaglia tra Federico e i Milanesi, i Milanesi inviano gli otto consoli all'Imperatore, la riedificazione di Milano, il ritorno 
                  dell'Imperatore in Lombardia, tutte le città tranne Pavia partecipano alla ricostruzione di Milano.                                                      

  
Cap. III La distruzione di Biandrate, la vittoria dei Milanesi contro l'imperatore e i patti stipulati, l'incoronazione in Milano di Enrico, 
                  figlio dell'imperatore, conferma dei privilegi concessi ai Milanesi dall'Imperatore, i Milanesi iniziano il Ticinello ovvero il Naviglio.