Storia di una terrorista rifugiata a Cuba.

Parlo oggi di una gentile amica della Baraldini :Assata Shakur ( nata Joanne Deborah Byron Chesimard 16 luglio 1947 a New York City ) era una attivista nel partito delle pantere nere, Black Panther Party, BPP. 
Il 2 maggio 1973, Assata Shakur, allora un membro dell'esercito nero di liberazione, Black Liberation Army, BLA, e non più un membro del partito delle pantere nere, BPP, è stata fermata, assieme a due pantere nere: Zayd Shakur e Sundiata Acoli, in una strada statale del New Jersey da James Harper e Werner Foerster, poliziotti statali, per guida con un fanale posteriore rotto. Secondo le annotazioni della polizia, la Shakur ha aperto il fuoco sui poliziotti e ne seguì una sparatoria , durante la quale Zayd Shakur è stato ucciso e Assata Shakur e i poliziotti Foerster, e Harper feriti. La Shakur allora è uscita dall'automobile, ha preso l'arma del poliziotto Foerster e lo ha colpito due volte, stile esecuzione, nella testa. Egli morì sul posto.

I sostenitori della Shakur basano il loro caso per un ricorso, che anche se gli ufficiali hanno dichiarato che Assata ha aperto il fuoco, questo non era fisicamente possibile dopo che era stata colpita al braccio e strappato il tendine maggiore.

I tre allora sono saliti nuovamente dentro la loro automobile e fuggiti. Dopo otto miglia, Sundiata Acoli ha abbandonato l'automobile con dentro la Shakur ferita e lo Zayd morto, per fuggire nel bosco e fu catturato il giorno seguente dopo una caccia all'uomo. Nel corso dei due anni e mezzo successivi, Assata Shakur rimase in carcere mentre subiva sei processi differenti. Le accuse hanno variato dal ratto a scopo di estorsione a assalto per rapina a banca.

Shakur è stata trovata colpevole dell'omicidio sia di Foerster che del suo compagno Zayd Shakur.

Nel 1979 è evasa dal carcere correzionale per le donne di Clinton nel New Jersey, in seguito ad una azione armata di membri del BLA. Per questa azione furono ritenuti colpevoli e condannati il fratello Mutulu Shakur e Silvia Baraldini. Ha vissuto come fuggitiva per parecchi anni successivi. Nel mese di novembre del 1980 ha liberato un nastro chiamato "in qualche luogo dentro dal mondo" circa gli atti della violenza bianca della supremazia negli Stati Uniti fra 1979 e 1980. Nel Luglio del 1981, il comitato nazionale di organizzazione ala-sinistra (left-wing )per onorare i nuovi combattenti di libertà Africani ha mobilitato 1.000 persone per onorare Assata Shakur ed il BLA.

È fuggita in Cuba in 1984 dove è stata concesso asilo politico . Nel 1998, il congresso degli Stati Uniti ha passato all'unanimità una risoluzione che chiede a Cuba la estradizione di Joanne Chesimard (Asata Shakur).
Nel 2005 , il suo nome è stato aggiunto alla lista domestica dei terroristi del FBI con una ricompensa di $1 milione per assistenza nel suo arresto.