Archivio 2004      Liberacuba

Lista di criminali ricercati dall'FBI a cui cuba offre rifugio.

NAME   / PLACE OF BIRTHCRIME

I. MICHAEL FINNEY. Additional information on Finney CALIFORNIA AIR PIRACY [Republic of New Africa, murdered New Mexico state trooper]
2. CHARLIE HILL.
Additional information on Hill MARYLAND CAA-KIDNAPPING [Republic of New Africa, murdered New Mexico state trooper]
3. JAMES PATTERSON   MICHIGAN
CAA-AIR PIRACY
4. WILLIAM PALM   MISSOURI
ESCAPE; AIDING & ABETTING
5. THERESA GROSSO   CALIFORNIA
UF AC-ESCAPE
6. CLINTON SMITH    
CAA-AIR PIRACY
7. RICHARD LINARES  
CALIFORNIA ESCAPE RISK
8. JOHN MARQUES   LOUISIANA
CAA-AIR PIRACY
9. WILLIAM BRENT   
AIRCRAFT PIRACY
I0. ORESTE BELLO   CUBA
CAA-HIJACKING AN AIRCRAFT
11. COSME IGLESIA   CUBA
CAA-HIJACKING AN AIRCRAFT
12. BARBARA ALVAREZ   CUBA
CAA-HIJACKING AN AIRCRAFT
13. OFELIA BERNARDO   CUBA
CAA-HIJACKING AN AIRCRAFT
14. JOSE BERNARDO- TUNON   CUBA
CAA-HIJACKING AN AIRCRAFT
15. ERNEST FERRERO   CUBA
CAA-HIJACKING AN AIRCRAFT
16. FIDEL REGO OTAÑO   CUBA
CAA-HIJACKING AN AIRCRAFT
17. VICENTE REGO OTAÑO   CUBA CAA-HIJACKING; KIDNAPPING
18. NICASIO DELGADO ~   CUBA
CAA-HIJACKING
19. MIGUEL SANCHEZ   CUBA
CAA-HIJACKING
20. RlCARDO CORO   CUBA
CAA-HIJACKING
21. ROSALINO RODRIGUEZ-CABRIA   CUBA
CAA-HIJACKING
22. GEORGE WRIGHT   VIRGINIA CAA-HIJACKING; KIDNAPPING
23. JOSE MONTERO   CUBA
CRIME ABOARD AN AIRCRAFT
24. HECTOR OCHOA   CUBA
CRIME ABOARD AN AIRCRAFT
25. WILLIAM POlTS   UNKNOWN
CAA-HIJACKING
26. MARIO FONSECA   CUBA
CAA-AIR PIRACY
27. DIVALDO ROJAS-REYES   CUBA CAA-HIJACKING
28. WILFREDO OQUENDO   CUBA
CAA-HIJACKING
29. EDUARDO SALGADO   CUBA
CAA-HIJACKING
30. ROBERTO SALGADO  CUBA 
CAA-HIJACKING
31. CARLOS ARIAS-VALDEZ  CUBA 
CAA-HIJACKING AN AIRCRAFT
32. MARINO SAMON   CUBA
AIRCRAFT PIRACY
33. ROLANDO CADENAS   CUBA
CAA-HIJACKING
34. SILVIO CABRERA   CUBA
CAA-KIDNAPPING
35. CRECENCIO ZAMORA   CUBA
CAA-AIR PIRACY
36. SERGIO ROJAS   CUBA
CAA-HIJACKING
37. JUAN GARCIA  CUBA
CAA-AIR PIRACY
38. ROBERT GRACIAL   CUBA CAA-KIDNAPPING
39. CIRO GRANDA   CUBA
CAA-KIDNAPPING
40. RAMON SALGADO   CUBA
CAA-HIJACKING AN AIRCRAFT
41. HECTOR GONZALEZ   CUBA
CAA-HIJACKING AN AIRCRAFT
42. VICTOR MANUEL GERENA  NEW YORK
FBI TOP TEN MOST WANTED; UF AP-BANK ROBBERY
43. DANIEL ABAD   CUBA
CAA-HIJACKING AN AIRCRAFT
44. BRIAN WILSON    
UFAP-MURDER; WF#532
45. JOAQUlN BABIN-ESTRADA   CUBA CAA-AIR PIRACY
46. JOANNE CHESIMARD [*) CAA-AIR PIRACY [Black Liberation Army, murdered a New Jersey state trooper]
47.
MIGUEL AGUIAR   CUBA CAA-AIRCRAFT PIRACY
48. ROGELIO LEYVA   CUBA CAA-HIJACKING AN AIRCRAFT

49. ROBERTO AGUIAR   CUBA
CAA-AIR PIRACY
50. JOSE CABALLERO   CUBA
CAA-AIRCRAFT PIRACY
51. EDUARDO JIMENEZ   COLOMBIA
CAA-HIJACKING AN AIRCRAFT
52. GILBERTO CALERO   CUBA
CAA-AIR PIRACY
53. AMBROSE MONTFORT .,   GEORGIA
CAA-AIRCRAFT PIRACY
54. ROBERT VESCO MICHIGAN 
UFAP-WIREFRAUD/SECURITIES
55. LUIS SOLTREN  PUERTO RICO CAA-AIRCRAFT HIJACKER 
56 CATHERINE KERKOW -  OREGON CAA-AIR PIRACY
57. ANTAJARES PAYANO   DOMINICAN REPUBLIC
CAA-AIRCRAFT PIRACY
58. ISHMAEL ALI  VIRGIN ISLANDS
CAA-AIR PIRACY
[convicted of multiple murders in the Virgin Islands]
59. CHERI DALTON   NEW YORK WF#512, UFAC-ESCAPE

60. MIGUEL TOLEDO   CUBA CAA-AIRCRAFT PIRACY
61. NELSON MOLINA   CUBA
CAA-AIR PIRACY
62. RAFAELE MINICHIELLO   ITALY CAA-AIR PIRACY
63. FELIX COPLIN   DOMINICAN REPUBLIC
CAA-HIJACKING AN AIRCRAFT
64. MANUEL V ARGAS-AGUEROS   CUBA CAA-AIR PIRACY
65. ARMANDO DIAZ-LA ROSA   CUBA
CAA-HIJACKING
66. ESMERALDO RAMIREZ-CASTANEDA   CUBA
CAA-AIR PIRACY
67. JOSE GARCIA-SANCHEZ   CUBA
CAA-HIJACKING AN AIRCRAFT
68. PEDRO DE QUESADA   CUBA
CAA-AIR PIRACY
69. RIGOBERTO GONZALEZ-SANCHEZ   CUBA
CAA-AIR PIRACY
70. RAMON MARTIN   CUBA CAA-AIR PIRACY
71. JESUS ARMENTEROS   CUBA CAA-AIR PIRACY
72. GILBERTO CARRAZANA Y GONZALEZ   UNKNOWN CONSPIRACY TO COMMITT KIDNAPPING
73. DONALD RIDER   NORTH DAKOTA
CAA-HIJACKING AN AIRCRAFT
74. FRANK TERPIL NEW YORK
SOLICITATION TO COMMIT MURDER


15/01/2005
 

Il Che fù eliminato da Castro.

Acaba de publicarse en Francia. Juan Vives ha pasado la mitad de su vida eliminando enemigos y la otra mitad evitando su propia muerte, hasta que hace dos años decidió escribir “El Magnífico”, sus memorias como agente secreto durante más de 20 años al servicio del régimen de Fidel Castro. El Che Guevara, el ex presidente chileno Salvador Allende, los hermanos Fidel y Raúl Castro y la idealizada revolución cubana son víctimas de las páginas de este libro que acaba de ver la luz en Francia antes de salir a la venta en España y América Latina. "Sé que este libro es una condena de muerte. No puedo decir que no tengo miedo, pero debo vivir con él”, declaró. Este ex agente, de 63 años de edad, apodado “El Magnífico”, fue capitán rebelde en el movimiento que derrocó a Fulgencio Batista y Zaldívar en 1959. Recibió entrenamiento especial de la KGB y asegura que ha realizado misiones en América, Europa, Vietnam, Argelia, Angola y Etiopía hasta su exilio a Francia a finales de los 70. Las revelaciones a las que alude comienzan con la muerte del Che en 1967, “abandonado a su suerte” por Castro, quien acostumbraba a “convertir en iconos a aquellos de quienes quería deshacerse. Le mandaron a Bolivia directo a la muerte en una operación planeada por la KGB y la Stasi (ex servicios secretos alemanes), con la aprobación de Cuba”, afirma. Vives presume de no haberse unido jamás a movimientos de disidencia en Francia y de haber entrado en Cuba clandestinamente en los últimos años. Vives recuerda amargamente a Allende, al que sigue llamando “Chicho”, “a quien mataron y no soy el único que lo cree. Fidel dijo en muchas ocasiones que no podía exiliarse. Tenía que morir como mártir y no como un cobarde”, asegura, señalando a Patricio de la Guardia, jefe de seguridad del presidente chileno, como autor de este supuesto crimen. Según el ex agente, después de Fidel, se vivirá una pequeña pero inevitable guerra civil en Cuba después de “tantos años de sufrimiento”. También, asegura, “existirá el claro riesgo de que Cuba se convierta en otro Iraq repleto de guerrillas y atentados de los fieles de Castro contra el poder de Estados Unidos”. Entre sus planes próximos se encuentra la elaboración de una biografía del dictador cubano.París
France Presse



14/12/2004
 

                           Castro e Chavez.

“E’ certo che vige un forte asse tra Castro e tutte le dittature marxiste che ancora sopravvivono nel pianeta - spiega Annamaria Stame Cervone (presidente dell’Idc femminile e delegato all’Onu) -. Il caso del Polisario non è isolato. Sicuramente Castro ancora una volta ha avuto fortuna, del resto la sua dittatura è durata oltre quaranta anni per una serie di circostanze irripetibili e di grandi colpi di fortuna. Si mormora che Castro abbia fatto passare al setaccio dai suoi servizi segreti tutti i possibili militari in grado di porre in atto un golpe in un paese vicino e che possibilmente produca petrolio - continua la Cervone - ovviamente la scelta cadde all’epoca subito sul Venezuela. Di sicuro Castro diede l’identikit dell’uomo da cercare: militare, testardo, giovane, senza scrupoli, ambizioso, stupido e manipolabile. Ed ecco arrivare in aiuto di Castro l’uomo nuovo del Venezuela, Ugo Chavez. Per Castro, pieno di debiti e senza petrolio, e per le centrali elettriche dell’isola, quel militare ha subito rappresentato l’uomo giusto al momento giusto. Chavez venne adottato come un figlio dal dittatore cubano: lo ha sovvenzionato e, corrompendo ed illudendo, il suo pupillo venne eletto nel 1998. Castro gli fornì le nozioni di base per fare una rapida scalata al potere del suo paese. Chavez - continua la delegata Onu - ha fatto scivolare il suo paese lentamente, ma inesorabilmente, verso un’improbabile dittatura socialista bolivariana. Attualmente tutti i gruppi estremisti sudamericani (Farc, fazioni armate di contadini, esercito zapatista, Tupamaros) vedono in Castro una fonte di sopravvivenza. Del resto dietro l’omicidio a Santiago de Bogota dell’ex presidente Galan reca la firma dell’esercito rivoluzionario sovvenzionato dai narcotrafficanti: e pare che gli esecutori del delitto trovarono riparo in un paese comunista caraibico. Le triangolazioni tra queste fazioni armate godono sovente dell’ospitalità cubana, che permette loro di riunirsi per decidere strategie da adottare in paesi a rischio d’evoluzione democratica. Attualmente la commissione diritti umani dell’Onu ha prove più che bastevoli per dimostrare la presenza del castrismo sia in africa che in tutto il sud America: le denunce dell’esponente marocchino Semlali Aabadila sono state inoltrate proprio tramite il mio ufficio ginevrino. Altre prove sulle collusioni terroristiche internazionali sono state raccolte in Colombia - conclude la Cervone - dopo l’omicidio Galan. Ritengo che senza l’aiuto degli Stati Uniti si possa fare ben poco in quei paesi, anche perché molti terroristi sudamericani, al pari di certo estremismo islamico e marxista, vedono in alcuni paesi europei un comodo esilio. E’ certo che tra poco necessiterà gestire il dopo Castro, poi il dopo Chevez, quindi aiutare la corona marocchina nelle politiche sub-sahariane”.

USA-CUBA: UNA NIPOTE DI CASTRO DIVENTA CITTADINA AMERICANA

Miami (Florida, Usa), 16 dic. - Alina Salgado, una delle nipoti del presidente cubano Fidel Castro e' diventata cittadina degli Stati Uniti, riferisce il "Miami Herald".
Figlia di Alina Fernandez, che nel 1993 fu protagonista di una fuga rocambolesca dall'Avana a Madrid. La Salgado, oggi 26enne, aveva lasciato l'isola 10 anni fa per raggiungere la madre che nel frattempo si era stabilita negli Stati Uniti. La Fernandez, una ex modella, nata nel 1955 e' la figlia di Castro e di Naty Revuelta Claws.

30/11/2004
 

A proposito di propaganda.

Dal mese scorso sono iniziate le trasmissioni di un C-130 dell'aviazione USA che volando in prossimità di Cuba dovrebbe permettere con i comuni apparecchi televisivi di ricevere notizie dall'esterno dell'isola ai cubani. Vorrei fare notare che questa operazione di propaganda è si propaganda ma rivolta all'elettorato di Miami, non ai cubani. Il divario tra la propaganda emessa da Cuba e un misero segnale video trasmesso da un solo canale televisivo è abissale. Il C-130 è infatti attrezzato per emettere solo  sui  Canali 13 e 18 della banda televisiva, non tempesta di segnali cuba come alcuni pensano, emette dei semplici segnali TV che il governo cubano agevolmente disturba con dei semplici trasmettitori a basso costo. I segnali radio e televisivi provenianti dagli stati uniti vengono regolarmente coperti con questi apparecchi di distrurbo a Cuba e un segnale TV emesso da un aereo in volo non ha molte possibilità di giungere agli apparecchi televisivi dei cubani. Quello che invece ignorano molti è che la feroce propaganda cubana anti-americana e anti europea e direi anti-tutto è invece perennemente on line e fà agevolmente il giro del mondo, Cuba ha infatti sul suo territorio decine e decine di server internet preposti a questo scopo, i cubani non hanno accesso a internet quindi non possono sentire l'altra campana della propaganda di stato, tuttavia il governo cubano oltre ad avere una infinità di siti di propaganda, trasmette in streaming per tutti i sognatori di gioia del mondo su internet circa 16 canali Radio e televisivi, tra l'altro lo fà sfruttando la libertà concessagli proprio dagli odiati capitalisti, infatti Cuba si appoggia per alcune emissioni in streaming su internet su server Canadesi che si trovano a Toronto. Il divario tra quello che fà il mondo libero per aiutare i cubani ad avere coscienza del loro stato di totale ignoranza e quello che invece fà il governo cubano per diffondere odio e false notizie nel mondo è enorme se consideriamo anche che Cuba trasmette via satellite il canale propagandistico "Cubavision" dalla piattaforma satellitare "Olisat", il segnale viene diffuso da due satelliti con due zone di copertura: Stati Uniti ed Europa ed è agevolmente ricevibile anche quì da noi in Italia. Su questo canale satellitare sia in spagnolo che tradotte (in modo ridicolo) anche in Inglese potete, se soffrite di insonnia, assistere alle interminabili tavole rotonde informative o alle tribune aperte dove la fantascienza la fà da padrona.

Quindi il popolo cubano non ha internet, non ha i ricevitori satellitari, non ha una stampa libera, non ha niente altro che due segnali Televisivi trasmessi sul canale 13 e 18 in modo roccambolesco da un aereo che non può neppure sorvolare direttamente Cuba e che trasmette solo per poche ore al giorno, eppure molti sostengono che gli USA non dovrebbero trasmettere quei segnali televisivi perchè ritengono che quella emissione possa interferire nella libera scelta del popolo cubano di restare nella nera ignoranza imposta da Castro, la cosa che mi stupisce è che l'amore per l'ideologia del dittatore Castro di molti in europa, si trasforma praticamente in odio per il popolo cubano. La stragrande maggioranza del popolo cubano è assolutamente ignara di molte realtà del mondo di oggi. Il governo cubano senza pudore trasmette in televisione continuamente notizie assolutamente tendenziose o del tutto false, tenendo i cittadini cubani nell'ignoranza, per Castro i gruppi terroristici islamici in Iraq che mettono le auto bomba e sgozzano i prigionieri sono "Resistenza", continuano a ripetere che l'esercito USA con la complicità delle forze europee bombardano deliberatamente a tappeto le popolazioni civili irachene e afgane, sostengono che gli USA hanno in progetto di invadere Cuba e massacrarne la popolazione creando tarrorismo mediatico, fanno credere che a Cuba si vive meglio che in qualsiasi altro paese del mondo facendo vedere terribili filmati di bambini africani con la pancia gonfia che muoiono di fame e diffondono idiozie ridicole come quella che nei paesi europei la delinquenza ha portato ad una sorta di coprifuoco che non consente alla popolazione di uscire di casa la sera senza rischiare di essere presi a pistolettate per una poco chiaramente definita follia capitalistica generalizzata. Il popolo cubano non ha colpa del suo isolamento, ma ha un disperato bisogno di sapere e di capire le dinamiche reali che muovono il mondo di oggi e di quelle che muovono il governo cubano. A Cuba l'informazione è la cosa più necessaria per ottenere un cambiamento in senso democratico evitando un inutile futuro conflitto sociale alla morte di Castro. Solo l'informazione alla morte di Castro potrà evitare un bagno di sangue, perchè dopo 40 anni di indottrinamento e mancanza di informazioni dall'estero a Cuba saranno comunque centinaia di migliaia coloro che si ribelleranno al proseguimento del regime attuale che dovrebbe passare nelle mani del fratello di Fidel Castro, Raul. E a Cuba la polizia e l'esercito non scherza, le autorità cubane non hanno nessuna esperienza di ribellioni di massa e hanno da sempre avuto l'ordine ottuso di fare fuoco con troppa facilità, se la dittatura di Castro non cade prima della sua morte il rischio di violenze sarà molto grande. E noi europei come sempre ancora andiamo a fare le vacanze a Cuba, regalando euro al tiranno e infischiandocene di quello che sta per succedere.



29/11/2004

 

Il libro nero di Cuba

“Io non capisco, scrivo”: è la difesa di Raùl Rivero, poeta e giornalista, messo dal governo di Cuba di fronte all’accusa di essere un traditore venduto agli interessi americani; nel marzo 2003, infatti, ‘per merito’ di Fidel Castro sulla baia dei porci si abbatte un’ondata di repressione senza precedenti: 75 fra giornalisti, militanti dei diritti umani e sindacalisti sono tratti in arresto e condannati.
Incarcerati in celle di isolamento nelle prigioni di massima sicurezza, l’accusa a loro carico è di attività sovversive. In tutto il mondo le proteste si moltiplicano e incrinano l’immagine, esautorata, della rivoluzione castrista.
Il volume “Il libro nero di Cuba”, documenti e testimonianze raccolte e presentate da Reporter senza frontiere (Guerini e associati, pp. 202, euro 17,50) racconta l’ampiezza della repressione, con i giornalisti posti alla sbarra e processati senza diritto di difendersi adeguatamente.
Come scrive nella prefazione Michele Farina, della redazione Esteri del ‘Corriere della Sera’, “forse un giorno il fax ‘con telefono y contestador’ del giornalista Riccardo Gonzalez e la ‘computadora laptop’ del poeta Raùl Rivero finiranno al Museo dell’Avana, accanto al sigaro esplosivo con cui la Cia avrebbe voluto assassinare Fidel”.
Perché nella sentenza che li ha ingiustamente condannati a vent’anni di galera per “atti contro l’indipendenza e l’integrità dello Stato”, insieme alla biblioteca dei libri non autorizzati dall’obsoleto regime, vengono citati proprio quel fax con segreteria telefonica e il computer portatile.
Ma nelle ‘prove’ della ‘cospirazione’ contro Castro vi sono anche la radio di Ricardo e una macchina fotografica digitale. Questo libro racconta anche queste storie.
E lo fa in maniera documentata e impersonale, attraverso le denunce delle organizzazioni dei diritti umani come Amnesty Intyernational, ma anche spulciando codici e leggi dello Stato e riportando gli appelli come le iniziative non violente della sparutra e illegale opposizione che vive nell’isola del comunismo che non c’è.
Dal fondo escono così i volti e le testimonianze di quei 75 “sovversivi” tra medici, giornalisti, poeti e ‘disoccupati’ – come si sottolinea in una sentenza – che sono “la faccia aggiornata del mito di Cuba”.
Nella patria di Castro, infatti, oltre la musica di Cumpay Segundo e i diari del Che, al di là della Sierra Maestra e delle cartoline di regime, c’è la vita reale di persone costrette a subire le angherie del comunismo e le sue aporie storiche.
C’è il sogno tradito della Revoluciòn e le zattere dei ‘balseros’, che tantano la fuga verso la Florida. La faccia aggiornata di Cuba è appunto questa: non la barba ingrigita di Fidel, ma le rughe di Ricardo Gonzalez, che oggi ha 55 anni e sta ancora dietro le sbarre, in una delle duecento ‘amene’ prigioni cubane dove neppure il Comitato della Croce Rossa Internazionale può entrare.
È anche il silenzio coatto di Raùl Rivero, che di anni ne compirà 60 in libertà condizionata. Dei 75 ‘traditori’ della rivoluzione, solo 16 sono stati rilasciati. “Un passo che però non segna un cambiamneto definitivo delle politiche repressive del governo”, ha scritto José Miguel Viyanco, responsabile per le Americhe di Human Rights Watch.
Un passo che tuttavia è bastato a riparire il dialogo tra governo cubano e Unione europea, dopo diciotto mesi di moderato gelo, in quella che è stata subito battezzata la “guerra dei cocktail”.
Con le rappresenze diplomatiche dell’Avana che invitavano i dissidenti ai loro ricevimenti, e con Fidel Castro che ha reagito tagliando ogni rapporto con Bruxelles.
È la stata la Spagna di Zapatero ‘l’illuminato’, nel dicembre scorso, a riaprire le danze con l’Avana.
Ma l’Osservatorio per i Diritti umani mette in guardia: Castro “usa gli esseri umani come pedine” nella sua partita col mondo. Amnesty certo condanna anche l’embargo messo in atto dagli Stati Uniti nei confronti di Cuba.
“El bloquedo genocida” (il blocco economico genocida), come lo chiamano a l’Avana, è il fattore che – condannato anche dall’Onu – costituisce ancora oggi l’alibi del regime, ma “non certo la ragione dei suoi crimini contro la libertà”.
La ‘scusa’ di Fidel è però ancora quella, insieme ai 700 tentativi de ‘los gringos’ di farlo fuori. La verità, forse, è scritta nei versi di Rivero: “Patria, tu mi dolevi/ed eri come un bacio e una ferita”.
La “buena marcia” della rivoluzione cubana si è interrotta molto tempo fa. Anche nelle tasche dei cubani: lo stipendio medio resta infatti sui 10 dollari al mese. Tutta vita.
Le medicine per l’economia cubana negli ultimi mesi si chiamano Venezuela, il petrolio a basso costo fornito dal leader bolivarista Hugo Chavez, gli investimenti cinesi, il turismo che porta nelle casse dello Stato tre miliardi di dollari l’anno.
C’è da pensarci, anche se ci capiterà di sorseggiare un daiquiri alla Bodeguita del Medio.
Le ripetute mistificazioni, le utopie continuamente riciclate e gli interessanti giochi di prestigio non sono innocenti.
Hanno permesso al regime di fare a pezzi il popolo senza che certuni trovassero niente da ridire. Nel 1991 sono stati creati due ulteriori organismi di sorveglianza sostenmuti dallo Stato.
I dirigenti del partito comunista hanno organizzato un ‘Sistema unico di vigilanza e protezione (Suvp), infiltrati in ogni ambito dello Stato.
Ne esistono membri nel partito, nella polizia, nei Cdr come nel sindacato controllato da L’Avana. Non basta. Il governo conserva tutte le schede scolastiche e professionali di ogni cittadino, nelle quali vengono registrate le parole e gli atti che inducono a dubitare della lealtà al regime della persona.
Prima di cambiare scuola o di ottenere una promozione professionale, la scheda viene verificata e convalidata.
In più le università, invece di costituire scambio di informazioni e di idee, si fanno portavoce delle posizioni di governo, eppure il ministero ha dato via libera a un nuovo progetto educativo che deve “formare le idee rivoluzionarie”.
Basterebbe poco: aprire le finestre sul mare, e vedere che la storia è cambiata.
Oggi nell’isola ci sono ancora troppi vincoli assurdi. Un esempio per tutti: vietato servire patate nei pochi ristoranti a conduzione familiare.
È la faccia tragicomica della Revoluciòn, la libertà in salsa cubana a un Fidel (come farà, poi) che odia i tuberacei.
Insomma, la biblioteca di libri ‘indipendenti’ e il fax di Gonzalez possono marcire in galera; ma per fare il mago, il clown o la massagiatrice adesso non è più necessaria l’autorizzazione del governo.
“E se il blues collettivo che abita nelle strade dell’Avana Vecchia si impadronisse degli ultimi sostenitori di una delle più tenaci dittature del mondo?”, chiede Robert Mènard, segretario generale di Reporter senza frontiere.
Sarebbe una vittoria della gente libera come Raùl Rivero.
Ma anche e soprattutto dei cubani prigionieri di un sistema dove - parola di Reporter senza frontiere – “la confusione morale porta la gente a pensare una cosa, a dirne un’altra e a comportardi in modo differente”.
Di certo il sogno del gennaio 1959 è defintivamente tramontato.

Il libro nero di Cuba
Guerini e associati

 L'esilarante comicità finanziaria di Castro.

Fidel Castro non si smentisce, analizzando le sue dichiarazioni la conclusione possono essere solo due: Castro è fuori dal mondo, in uno stato di onnipotenza delirante o mente spudoratamente.

In una delle ultime tavole rotonde televisive Castro dichiara che adesso che si utilizza il peso cubano convertibile i problemi dell'isola delle meraviglie sono finiti!

Qualche giorno prima ha dichiarato che il peso convertibile ha lo stesso valore (da lui deciso arbitrariamente) del dollaro USA, poi ha dichiarato che il valore del peso convertibile è assicurato dai dollari ottenuti cambiando i dollari USA in peso convertibili (assurda teoria, visto che il peso convertibile era già in circolazione da anni). Questo significava che il valore del peso convertibile era legato a doppio filo a quello del dollaro USA.

Adesso dichiara la cosa più assurda che si possa immaginare, e cioè che il peso convertibile manterrà il suo valore (che neppure adesso ha!) per sempre, ignorando il futuro crollo del valore di tutte le altre monete del pianeta pronosticato da Castro. Quindi la sua moneta ignorando le fluttuazioni del valore del dollaro resterà stabile secondo Castro, e non avendo il governo neppure la garanzia di un corrispettivo valore in oro della moneta circolante(oro che ha tra l'altro anche esso delle continue fluttuazioni del valore)...........ma allora resterà stabile rispetto a cosa?? e poi Castro possibile che non sappia che la sua moneta magica con queste caratteristiche fenomenali di stabilità non è accettata da nessun paese al di fuori della sua isola e che per le operazioni di compra-vendita con l'estero deve comunque farle pagando ed accettando i pagamenti in dollari USA?

Se il dollaro perdesse ancora valore rispetto all'euro cosa farà Castro? dobbiamo aspettarci che aggancerà il valore della sua moneta alla divisa europea sganciando il valore del peso convertibile dal dollaro USA del tutto ed equiparando il valore della sua moneta di cartastraccia al valore dell'euro?

La questione è: Castro a 78 anni ha perso il lume della ragione oppure è sempre stato in questo stato di dissociazione e totale ignoranza dei meccanismi che muovono l'economia mondiale?

  


27/11/2004
 

 Ancora una falla nella nave che affonda.

Dopo l’ultima visita a Cuba del capo di stato Cinese Hu Jintao, il governo cubano ha con enfasi annunciato che sono stati fatti degli accordi commerciali con il grande paese orientale, il messaggio è naturalmente rivolto soprattutto al popolo cubano. Tutta propaganda da manuale naturalmente.Quello che naturalmente Castro non fa sapere ai cubani è che in realtà la Cina è ormai più lontana dal comunismo come lo intende lui di quanto non lo sia lui stesso dalla democrazia, in Cina sono stati fatti enormi sforzi per cambiare il sistema sociale, si potrebbe dire che la Cina è già un paese capitalista sotto alcuni fondamentali aspetti, pochi per il vero ma fondamentali, proprio le richiese fondamentali che il popolo cubano fa da vari decenni e che vengono ignorate e addirittura considerate proposte antirivoluzionarie e che in Cina sono state invece accolte, infatti un cinese può espatriare senza troppe difficoltà, può possedere proprietà private a cominciare dalla propria abitazione, può avere un’ azienda privata, e può avendone le capacità persino diventare milionario. La Cina non ha nulla a che vedere con Cuba. Castro lo sa bene, qualche anno fa visitò la Cina e al suo ritorno a Cuba si dice abbia tenuto il broncio per settimane, la vista dei grattaceli, della fiorente industria cinese e il benessere che questo apportava alla popolazione in un paese che si definisce ancora comunista e che in parte ancora lo è fortemente lo mise davanti la realtà: lui e i suoi consiglieri hanno portato Cuba direttamente sul baratro della fame distruggendo scientificamente l’economia dell’isola con una serie di errori materiali ed ideologici senza precedenti mettendo così in grave rischio persino il suo potere personale. Adesso la Cina in espansione economica proprio per aver cambiato politica economica avida di metalli e petrolio sta rastrellando dove è possibile accordi per l’estrazione di rame, nichel e qualsiasi altra materia prima possa servire all’industria ha stretto con Castro dgli accordi per l’estrazione di metalli nobili. Ecco cosa scrive Granma , il giornale (l’unico) della dittatura castrista:

"In virtù degli accordi, il governo cinese ha posticipato di 10 anni l’inizio del pagamento degli obblighi finanziari contratti per i crediti governativi concessi a Cuba tra il 1990 e il 1994.

I due paesi hanno deciso concordemente di rafforzare la cooperazione nella sfera della biotecnologia, di aprire imprese miste e di utilizzare le esperienze cubane nel campo della vaccinazione infantile, del controllo del VIH/AIDS e della vigilanza epidemiologica.

La parte cinese ha concesso a Cuba un donativo di circa 6,1 milioni di dollari per l’educazione ed un credito per un valore simile da utilizzare per comprare materiale a perdere per gli ospedali ed i policlinici.

Per quanto riguarda il settore minerario, è stato firmato un protocollo d’intesa sul finanziamento di un programma di ferro-nichel cubano ed un contratto di acquisto-vendita di nichel tra il gruppo MINMETALS della Cina e l’impresa CUBANIQUEL."

 

 

Quindi posticipazione del pagamento di debiti che Cuba non pagherà mai e regalino di oltre 12 milioni di dollari (ma Cuba non doveva rinunciare al dollaro USA??) a fondo perduto che come è sempre avvenuto probabilmente spariranno chissà dove anzicchè finire utilizzati per il popolo cubano, in cambio Cuba offrirà ai cinesi la possibilità di estrarre nichel sperando in investimenti in campo minerario che portino dollari freschi e un po di luce nel buio dell’economia “Rivoluzionaria”. Gli accordi in totale dovrebbero essere 16, ma se il governo cubano non ne menziona che solo alcuni, probabilmente molti di questi accordi devono essere nascosti al popolo cubano o sono di scarsissimo interesse economico perché totalmente a favore dei cinesi e a danno dei cubani, altrimenti perché il ministro cinese (che non si chiama Babbo Natale) si è impegnato a rimandare il pagamento di un debito di svariati miliardi di dollari e ha persino regalato più di dodici milioni di dollari a Castro?

Cuba non è in grado di avere voce in capitolo in una trattativa economica, può solo accettare qualsiasi condizione imposta, ha solo da guadagnarci anche a patto di svendersi o di ricavare una minima percentuale di ricavi rispetto a quelli possibili. Ultima nota sull’accordo cino-cubano è la richiesta di Castro di aprire a Cuba una fabbrica di assemblaggio di televisori cinesi, il parco TV cubano è composto da apparecchi vecchi anche di trenta o quaranta anni e la mancanza di pezzi di ricambio per ripararli è cronica, importare dall’estero costa troppo, ma l’esperimento di assemblare gli apparecchi televisivi a Cuba era già fallito anni fa quando vennero prodotti a basso costo i famosi TV color “Panda” che i cubani considerano i peggiori televisori che abbiano mai visto. La ditta cinese che dovrebbe fornire i componenti per l’assemblaggio sembra seria ma mantenere efficiente una catena di montaggio a Cuba, dove il personale è poco o niente specializzato, pagato in un mese quanto costa un piccolo componente della TV che dovrebbe assemblare e che quindi per campare è praticamente costretto a rubare qualsiasi cosa in fabbrica è un’impresa titanica.

In parole povere la Cina probabilmente spremerà Cuba come un limone e ne ricaverà tutto il possibile con i migliori guadagni nel pieno rispetto delle regole del libero mercato, non poteva succedere nulla di peggio al popolo cubano che stringere accordi commerciali col paese più in espansione capitalistica del pianeta, ma questo che importa, ai cubani Castro racconta che la Cina è ancora com’era 30 anni fa tutta fratellanza e comunismo, e che adesso con questi nuovi accordi l’economia cubana rifiorirà e tutti staranno meglio e non mancherà più nulla perchè la Cina prenderà il posto dell'ex URSS nel mantenerli economicamente in nome dell'ideologia comunista, e qualcuno magari ci crederà pure a Cuba. La realtà è che Castro non farà mai le riforme di cui Cuba ha bisogno per tirarsi fuori dalla disperata situazione in cui si trova, il denaro ricavato dagli accordi commerciali finirà dritto per mantenere esercito e controllo poliziesco, in parte come da sempre finirà nelle tasche di chissà chi al governo. In realtà mai permetterà ai cubani di ottenere uno stipendio di più di una decina di pesos convertibili al mese come mai permetterà al suo popolo di possedere una qualsiasi proprietà e la possibilità di avere una piccola azienda privata come la intendiamo noi…e persino i Cinesi. Castro dopotutto ha solo un obiettivo, arrivare alla morte senza vedere con i propri occhi il crollo del suo regime, vuole restare un mito e vuole che quel mito sia soprattutto impresso nei suoi occhi al momento della sua morte, sa bene che ciò che importa è la sua vittoria personale, dopo la sua morte niente ha più importanza, che si scannino pure gli stupidi presuntuosi del partito comunista cubano e le folle inferocite che salteranno fuori dalle strade dell’Habana dopo il suo funerale, ma finchè è possibile l’agonia di Cuba deve essere mantenuta tale in qualsiasi modo, a tutti i costi.

E i cinesi continueranno a stringere la mano sorridenti a Castro, ma forse sorridono perchè sanno di stringere la mano al miglior partner commerciale che potrebbero trovare, un dittatore egoista senza pietà e rispetto per il proprio paese.




15/10/2004
 

Cuba, un paradiso per comunisti ed ex comunisti, una landa di disperazione, povertà e prostituzione per chi ci vive.
 
Quella che vi accingete a leggere è la cronaca di un viaggio a Cuba. Vi sono riportate solo cose che ho visto, perché di Cuba tutti parlano, spesse volte esaltandola, ma pochi l’ hanno vista davvero. Il tono con cui espongo i fatti è talvolta spensierato e scanzonato, nonostante descriva cose anche molto gravi. Nessuno si offenda, ma ogni tanto la parola beffarda e ironica può raccontare una realtà seria e complessa, meglio di quanto non faccia quella compunta. Andiamo a cominciare la narrazione del mio viaggio nell’isola del socialismo caraibico.
Arrivo all’aeroporto dell’Havana dopo un viaggio durato circa dodici ore e da buon italiano e borghese piccolo piccolo, apprendo con giubilo malcelato che il mio telefonino prende. Cribbio penso, hanno le infrastrutture per la telefonia cellulare, non sono mica messi male! Un taxi mi conduce all’albergo nel centro della città. Strade immense, un traffico veicolare quasi inesistente e perlopiù rappresentato da rattoppate auto americane anni ’50, e lungo il percorso immensi cartelloni della propaganda di Regime. Uno in particolare: “ Cuba, el paìs de la indipendencia total”. Cuba il paese dell’indipendenza, dell’emancipazione totale. Come contorno a questa apodittica e demagogica asserzione, un fiume di giovani prostitute assiepate lungo i marciapiedi!
Giungo al mio albergo. Guardie del corpo dall’altezza imbarazzante vigilano a che nessun cubano possa accedere entro le lussuose mura dell’Hotel Plaza. L’ospitalità è inesistente, l’atteggiamento della più parte dei dipendenti è a dir poco scostante. Accedo alla mia stanza. Accendo le luci e d’un tratto mi ricordo di un altro cartellone della propaganda Castrista, questa volta dal contenuto meno utopico e più pragmatico, nel quale si obbliga la popolazione cubana ad un ferreo risparmio energetico. E ne capisco il perché: i lumi ed i lampadari sono tutti accesi, il crepuscolo si affaccia all’esterno, ma nella stanza del lussuosissimo albergo è quasi buio. Sono all’incirca le 19.30 e capisco che grazie a quell’accecante semibuio non posso farmi la barba. Ma allo stesso tempo so che per far arrivare a me quella flebile luce sepolcrale, interi quartieri di Cuba sono al buio e allora mi taccio.
Dopo un riposo ed una salutare doccia abbandono la stanza, ché la fame s’affaccia. Decido, la prima sera, di mangiare nel ristorante dell’albergo. Ambiente triste, tovaglie lerce. Ordino un primo ed un secondo, e da bere dell’acqua. La cucina è accettabile. Peccato che subito dopo aver finito il primo piatto mi arrivi il secondo, della carne, completamente fredda. Intuisco che sia stata cucinata assieme al primo e con una certa strafottenza. L’avrei riscontrata anche nei giorni seguenti e, infatti, capisco da quell’episodio (confermato, ripeto, da eventi successivi) che l’apatia governi il modus vivendi dei cubani. L’analisi sociologica sarebbe lunga, la conclusione invece molto breve: perché impegnarsi, perché eccellere se poi niente di quello che fai è tuo e ti appartiene veramente? Lavori tanto e bene, e guadagni un miserrimo “tot”. Lavori poco e male, e guadagni il medesimo “tot”. Tanto vale non impegnarsi! Finita la cena preferisco il sonno al richiamo di altre sirene, sconto il fuso orario ed è pur sempre il primo giorno. L’indomani mi sveglio, mi doccio e preparo il mio zaino per recarmi al mare. Esco dall’albergo e mi si affianca un giovane. Mi si propone come cicerone (apprenderò più tardi che è una prassi abituale, da parte dei cubani, offrire servigi ed informazioni, pur di accedere alle vietatissime spiagge per turisti). Tutto vietato a Cuba per i cubani, neanche ci fosse l’Apartheid! Accetto la compagnia del “cicerone” con pavida, ma pur sempre circospetta rassegnazione, e raggiungo una delle spiagge che compongono il complesso noto come “Las Playas de l’Este”. Lungo l’autostrada, questa volta, noto un dettaglio che mi era sfuggito il giorno prima: ad ogni chilometro, occhio e croce, c’è un poliziotto. Che comunica alla postazione successiva il numero di auto in movimento e di passeggeri che trasporta. Lo Stato di Polizia ed il Grande Occhio del Regime fanno la loro comparsa. Giunti alla meta decido di fare il bagno (dopo che il mio “body guard” ha contrattato con il gestore del lido, frodandomi, il prezzo per le sdraio) e mentre cerco di prendere il claudicante sole caraibico, decido di sfruttare la presenza dell’ospite cubano per farmi raccontare la vita a Cuba. Mi dice che per loro Castro è Hitler, che nessuno sa mai dove risieda, perché come ogni dittatore è ossessionato dall’idea di essere ucciso. Che però ha grandi e fascinose doti oratorie. Che sì, a Cuba, la sanità come l’istruzione è gratuita, ma se ti serve un farmaco che esuli dal prontuario medico (gratuito) devi rivolgerti alle Cliniche Private, e lì è un salasso. Mi dice che la disoccupazione è altissima, che i cubani ricevono pagamenti in valuta locale, ma poi sono costretti a cambiarla in dollari perché gli acquisti avvengono in questa moneta. Mi dà un esempio di stipendio locale dicendomi che un insegnante guadagna 18 dollari al mese (!!!), e mi fa capire che i soldi bastano appena per l’indispensabile, e a fatica. Ché se vogliono altro, anche un semplice paio di scarpe nuove, non c’è trippa per gatti. Poi aggiunge qualcosa, che per noi europei ed occidentali potrebbe apparire banale e scontata: mi dice di non essere felice, e come lui, tanti altri a Cuba. Di primo acchito penso: benvenuto alla vita! Ma poi mi rendo conto che quelle parole per lui sottintendono molto di più. Ché lui è nato e cresciuto nel mito della Rivoluzione permanente, di un altro mondo possibile, equo e solidale ( ed in No Global hanno Cuba come mito???). Che la propaganda comunista lo ha indottrinato a scuola raccontandogli che quel modello economico, politico e sociale (Cuba) è il più prossimo al paradiso in terra, alla felicità sempiterna. La constatazione di quanto menzogneri siano questi postulati, non deve essere facile da accettare.
Continuando nella conversazione, tuttavia, intuisco che il cubano ha voglia di raccontarmi altro. Senza troppi giri di parole mi fa capire che lui può procurarmi, per 50-70 dollari, tutte le ragazze che voglio. Finanche due lesbiche disposte ad avere un rapporto sessuale a tre. E, senza problema alcuno, anche la vietatissima marijuana. Non ho che da chiedere, mi fa capire. Ed io non chiedo!
Approfitto di un attimo di interruzione nella conversazione, e mi immergo in acqua. Questa volta la conoscenza dei problemi e dei lati oscuri di Cuba e della sua povertà, si fa ancora più viva. Mentre sono in ammollo fino al collo, mi si avvicina una donna, due pre-adolescenti al seguito tenute per mano, e mi chiede: “Quieres chica, quieres chica?”. Capisco cosa voglia dire pedofilia!
Esco dall’acqua. Passano delle ore. Decido finalmente di congedarmi dal cubano: gli mollo 20 dollari (altrimenti mai mi avrebbe lasciato libero) e gli faccio capire che la restante parte del viaggio avrei preferito trascorrerla da solo. Lo saluto e prendo un taxi, direzione albergo. Ho il costume bagnato, vedo un giornale, e per rispetto nei confronti del taxista lo ripongo sotto il mio sedere per non bagnargli il sedile. Tuttavia due parole mi colpiscono della rivista appena afferrata, richiamando alla memoria un altro cartellone di propaganda visto il giorno prima: Juventud Rebelde. Gioventù ribelle? Cavolo penso, vuoi vedere che a Cuba esiste un’opposizione anticastrista che ha la possibilità affiggere manifesti e di pubblicizzare le proprie istanze democratiche? Conoscendo un po’ di spagnolo per studi universitari, afferro il giornale e inizio a leggerlo. Tutto un bluff, m’accorgo subito: la Juventud Rebelde è un’organizzazione giovanile comunista, ovviamente vicina al regime. Di cui, nel giornale, magnifica le capacità e gli obiettivi sempre conseguiti. Ma che vuol dire gioventù ribelle, ribelle a cosa se a Cuba sono perseguitati, con la galera, anche gli omosessuali, i maricones? Soprassiedo!
Torno in albergo, raggiungo la mia stanza-sepolcro-senza luce e questa volta, approfittando della luce esterna ancora presente, mi faccio la barba. La sera decido di andare al Tropicana Club, un locale molto noto, con musica caraibica e latinoamericana. Divertente, apparentemente festoso. Ma pur sempre un troiaio! Si può passare una sera a schivare fanciulle alla ricerca di affari sessuali per racimolare dollari? Sì, ma non per molto. Dopo un po’ me ne vado, ritorno in albergo e decido di dormire.
Il giorno dopo mi sveglio e m’attende una pioggia torrenziale. Capisco che il mare non sia quel giorno ipotesi praticabile, e allora decido di andare a vedere il centro storico. Con i suoi monumenti, ma soprattutto con la sua celeberrima Bodeguita del Medio: il locale cult per ogni radicali-chic borghese piccolo piccolo che si rispetti. E già, perché La Bodeguita del Medio è il ristorante che amava frequentare nientemeno che lo scrittore Hemingway! Prendo l’ennesimo taxi che mi lascia in un vicolo perpendicolare a quello dov’è ubicata la Bodeguita. Come mi approssimo al locale, mi accorgo che la mia italianità non è passata inosservata: 3-4 pusher, in perfetto italiano, mi offrono ogni genere di droga: cocaina, eroina, marijuana. Accelero il passo, timoroso, e raggiungo la Bodeguita: una topaia, un’infima bettola! Mi faccio coraggio, entro e mi siedo. Mi fanno compagnia migliaia di firme apposte alle pareti dai turisti (un’usanza pluriennale per gli avventori occasionali del locale) e una di queste recita testualmente: “ Wanna Marchi è stata qui”. Evidentemente penso io, per qualche consulenza commerciale al Lìder Maximo. Riavutomi dal primo impatto, osservo delle piccole tovaglie a forma rettangolare, poste sotto il piatto ed i bicchieri: recano il vecchio slogan del locale, che in italiano più o meno fa così: “Ciò che bevi lo paghi tu, ciò che mangi te lo offriamo noi”. Wow, mi dico, esaltante! Mangio a sbafo. Troppo presto l’illusione è fugata: è solo uno slogan di altri tempi, altri usi, altre possibilità economiche. Oggi Cuba non può offrire niente o quasi a chi non cerchi altro che sesso.
Palazzi in stile coloniale che cadono a pezzi, tutti pericolanti e fatiscenti. Uno Stato di Polizia che esprime il proprio controllo capillare con agenti che monitorano finanche le spiagge. Con quelle divise e quei baschi che a guardarli sudi. Ma sudi tristezza, disperazione, perché quelle divise danno l’idea della guerra, quella vera, quella imposta da una dittatura ai propri connazionali. Quella giornaliera che dura da 50 anni. Quella che t’impone da una vita di chinare il capo, tacere ed ubbidire se non vuoi morire. Quella che non compare sulle cronache dei giornali internazionali, perché Cuba non è L’Iraq. Non ci sono giornalisti embadded a descriverla. Perché Cuba è un mito. E’ un mito per quelli che ancor non hanno capito che le dittature sono sempre uguali, che siano fascisti o comunisti a farle. Perché la libertà è ovunque la stessa, e i diritti ovunque uguali, senza “Se” e senza compiacenti e assolutori “Ma”!
Un’ultima cosa voglio raccontare. All’andata, sul mio aereo, c’era un signore molto distinto, con moglie al seguito: la Pravda ( chiamo così, ovviamente, la Repubblica del duo Mauro-Scalfari), il Manifesto, l’Espresso sotto braccio. Io a Cuba ho visto le cose che vi ho raccontato, ma secondo voi, cosa mai avrà visto il signore distinto e benpensante?
Hasta la victoria, NUNCA!
Lettera di un dissidente.

 

Prima di tutto il mio cordiale saluto. Il mio nome è Sahilì Navarro Alvarez, ho diciotto anni d’età. Sono residente nella provincia di Matanzas, comune di Perico. Sono figlia di Felix Navarro Rodrìguez, attualmente condannato a 25 anni di carcere,è stato condannato nell’ultima ondata repressiva scatenata dal regime il 18.marzo.03. Mio padre il 29.luglio.02 le aveva presentato una lettera in cui le chiedeva la sua rinuncia immediata.

 

Il 26.luglio 1953 Lei col suo gruppo attaccò il "Cuartel Moncada" a Santiago de Cuba, fu fatto prigioniero e condannato a 15 anni di carcere. Poi successivamente rimase in carcere solo 22 mesi, visto che è stato graziato dal governo nel 1955. Lei fu processato con tutte le garanzie e, rifiutando la difesa d’avvocati esperti le fu permesso di difendersi da solo come lei chiese. Secondo Lei, la sua prigionia nel carcere della "Isla de Pinos" fu una vacanza più che una prigionia. Sono le sue parole queste! Durante la sua prigionia poteva ricevere visite due volte al mese, aveva accesso ai negozi del carcere scegliendo lei il menù della sua dieta. In questo periodo Lei fondò una scuola con il nome di: " Accademia ideologica Abel Santamaria" col obiettivo di impartire lezioni agli altri detenuti; compagni di lotta. Fondò anche una biblioteca col nome di Raùl Gòmez Garcia. Le materie affrontate nella scuola del carcere erano: filosofia, storia universale, geografia e lingue. Poteva inviare e ricevere lettere, senza avere limitazioni o censura: parole sue- Nel carcere Lei ha ricevuto visite di persone di certa importanza esempio: Il Ministro della Difesa Ramòn Hermida e il giudice Waldo Medina.

 

E’ importante che ricordi la sua vita "lussuosa" in carcere, propinatale dal tiranno Batista e, cambi l’attuale inferno nelle carceri cubane, perché di questi fatti Lei è sicuramente a conoscenza. La situazione attuale dei detenuti è crudele, soffrono continue violazioni dei propri diritti, vengono pestati in continuazione e, non ricevono assistenza medica né religiosa. Le lettere vengono aperte o non recapitate, sono reclusi a centinaia di chilometri dai posti di residenza. I detenuti politici condividono le celle con rei comuni pericolosi. Le visite sono ogni tre mesi e, possono ricevere alimenti solo per 15kg, le condizioni igienico-sanitarie sono indescrivibili, non hanno qualificativo alcuno. L’acqua è inquinata e poca, il cibo spesso è avariato. Alimenti a lei conosciuti, come gli spaghetti, formaggio, cioccolata e calamari il cubano sa che esistono, ma non li può comprare visto che sono in vendita solo in dollari, fatto quest’inspiegabile visto che sono prodotti nazionali. Lei è il miglior presidente che abbia avuto Cuba nel corso della storia, secondo lei. Lei ha gran sensibilità democratica e, rispetta i diritti umani. Lei è sicuro di essere esempio per altri capi di stato? Lei è sicuro di essere un faro di democrazia?

 

E’ arrivata l’ora di riflettere, sono tanti i condannati per motivi politici, sono tanti i fucilati da quando Lei è al potere nel lontano 1959, condannati solo per pensare in modo diverso e dissentire dal pensiero unico dominante.

 

Fidél, non è mai tardi perché un popolo possa costruire il proprio futuro, senza catene che limitino la sua indipendenza.

 

Questa lettera che le invio mi può costare anni di carcere o, che mio padre venga trattato più crudelmente nella sua prigione a Guantanamo, dove è ingiustamente confinato. Di queste due varianti il mondo sarà testimone e, Lei si convincerà che a Cuba ancora oggi ci sono uomini e giovani capaci di affrontare dei sacrifici per un ideale, dopo quattro decadi di terrore da Lei imposto e, ancora oggi attivo; una macchina repressiva e diabolica senza uguali in questi tempi. Il giornalista Raùl Martin Sànchez pubblicò una sua intervista con diverse fotografie che lo mostravano nella biblioteca del carcere, sulla rivista Bohemia nel 1954. Nella sua cella aveva una Radio Silvertons. Dopo le modificarono le condizioni carcerarie, secondo le sue parole in una lettera di agosto, nella quale scrive: Mi hanno ampliato la cella ed è quattro volte più grande, dalle 07: 00 alle 21:00 ho accesso al sole. Non ho orari, mi sveglio quando mi pare, ho acqua abbondante, cibo e vestiti puliti. "Ma non so quanto tempo starò in questo paradiso." Parole sue comandante!. Tra le sue lettere possiamo citare altri passaggi: visto che sono cuoco, ogni tanto preparo qual cosa di gustoso: col prosciutto portatomi da mia sorella ho preparato delle bistecche con salsa di guayaba. Ogni tanto mi preparo degli spaghetti, anche delle frittate al formaggio.Ho messo tutto in ordine e, a confronto le camere dell’Hotel Nacional non sono tanto pulite. Mi faccio la doccia due volte al giorno, costretto per il caldo. Al mattino quando prendo il sole, mi sembra di stare al mare, poi pranzo con degli spaghetti con calamari, cioccolatini italiani e, dopo il caffè l’immancabile H-Upman n° 4.Parole sue comandante.

Mi rivolgo a Lei con due obiettivi: primo, rispolverare la storia e, ricordarle le condizioni a Lei imposte dal regime di Batista. Ma, secondo me Lei ha dimenticato il contenuto del libro" La prisiòn fecunda" ma sembra

Potrebbe signor presidente spiegare il perché le prigioni cubane siano così disumane soprattutto nei confronti degli arrestati nella passata primavera nera? Perché i mezzi d’informazione non denunciano i maltrattamenti nelle carceri cubane? Perché non si denunciano atti crudeli e inumani? Che differenza c’è tra un prigioniero dell’Iraq e un cubano? La sua dignità, il rispetto della sua integrità e, il rispetto dei propri diritti dovrebbero essere universalmente.

Calle Peatonal #6, Reparto Las Canteras,

Perico, Matanzas,Cuba.

Fecha de nacimiento: 11 de marzo de 1986.

Sahilí Navarro Álvarez

 


05/10/2004
 

Aggiornamento situazione cubana al 5 Ottobre 2004.

Sono appena tornato dall'isola di Cuba, la situazione è di collasso sociale, l'energia elettrica viene sospesa per sette ore al giorno nelle grandi città e anche 12 ore al giorno nei piccoli centri. La causa della mancanza di energia elettrica è giustificata dal governo cubano con una scusa che tutti i cubani sanno essere solo un pretesto, dicono che si è piegato l'asse di una turbina di 2,5 mm della centrale di produzione " Antonio Guiteras" di Matanzas che ha causato una perdita di potenza di 330 MW e che mancano i pezzi di ricambio per riparare il guasto, è naturalmente palesemente una scusa visto che a Cuba non esiste solo una centrale che fornisce tutta l'isola e visto che gli "appagones" come chiamano la mancanza di elettricità a Cuba non sono iniziati alla data del guasto di qualche mese fà, ma sono iniziati molto tempo prima, anni prima, che io ricordi anche dodici anni fà l'energia elettrica veniva razionata e veniva fornita solo in alcune ore del giorno nelle varie provincie dell'isola. In effetti a Cuba la rottura di una sola turbina da 330 MW non potrebbe causare da sola il crollo del sistema elettrico come Castro sostiene, la potenza totale delle centrali istallate a Cuba è infatti di 3200 MW, e se ci fosse il carburante per farle funzionare Cuba coprirebbe il suo fabbisogno di energia elettrica. La verità è che Castro ha subito un grave colpo che probabilmente causerà la ribellione da parte della popolazione, il Venezuela che forniva migliaia di barili al giorno di petrolio per fare funzionare le centrali elettriche dell'isola ha interrotto la fornitura quando ha scoperto che gran parte del petrolio donato a Cuba in nome della "Rivoluzione" veniva in realtà venduto a paesi terzi.(Cuba tra l'altro ha col Venezuela un debito di oltre 1,5 miliardi di dollari per forniture non pagate di combustibile), scoperto che gran parte del petrolio ricevuto da Cuba veniva rivenduto e i milioni di dollari ricavati finivano in misteriosi conti esteri le forniture si sono ridotte drasticamente, persino il dittatore venezuelano Ugo Chavez per evitare il malcontento tra la sua popolazione e soprattutto tra alcune fazioni di ciò che rimane del suo governo questa volta non ha potuto aiutare Castro. Mancando il petrolio per le centrali elettriche queste sono costrette a funzionare a regime ridotto e usando un mix di petrolio che si estrae a Cuba che però è di pessima qualità perchè troppo ricco di zolfo e di quello importato, questo corrode velocemente i bruciatori delle turbine delle centrali che si deteriorano e hanno bisogno di continue costose revisioni. In questo momento a cuba c'è anche una grossa carenza di carburante per le auto, i benzinai spesso mostrano un cartello dove scrivono che hanno problemi tecnici agli erogatori, in realtà manca la benzina che è razionata. I cubani sono esasperati, le carni surgelate che vengono vendute nei negozi di stato in pratica ogni giorno vengono ricongelate e scongelate, la carne diventa nera e di cattivo odore, così come si deteriorano tutte le altre merci che necessitano del freddo per conservarsi. A questo si aggiungono i continui guasti alle linee elettriche cubane che in gran parte sono vecchie di 70 anni risalendo a molto prima della "Rivoluzione" e non sopportano il carico sopratutto causato dai vecchi climatizzatori russi e dai fornelli elettrici che si usano per cucinare e che assorbono moltissima elettricità, tra l'altro i contatori dell'elettricità cubani non hanno un limitatore di potenza è spesso i trasformatori posti sui pali nelle strade esplodono con grandi lampi. Negli ultimi mesi a Cuba alcuni grandi Hotel hanno dovuto chiudere i battenti per mancanza di energia elettrica e 118 fabbriche tra cui acciaierie e quasi tutti gli impianti di industria pesante hanno sospeso le attività.

 

Alcuni effetti della crisi a Cuba:

 

Molto più spesso che in passato vengono restituiti come resto dai cassieri dei locali per turisti dollari falsi (sopratutto biglietti da venti dollari), i furti nelle case sono ormai continui.

I prezzi delle merci in dollari già alti in passato sono saliti del 20-30% rendendo ancora più dura la vita ai cubani, lo stipendio medio è di circa 10 dollari al mese e per un mezzo cartone di uova al mercato nero il prezzo può raggiungere i 5 dollari. Una bottiglia di acqua minerale costa 90 centesimi di dollaro. I cubani bevono l'acqua del rubinetto ma la fanno prima bollire perchè è contaminata dalle acque delle fognature che sono ridotte a dei colabrodo essendo la rete fogniaria cubana ormai senza manutenzione da decenni, nonostante la bollitura dell'acqua è molto comune a cuba la dissenteria o il cosidetto "Biscio" cioè l'infezione intestinale causata da parassiti.

Sempre più spesso i gestori dei negozi statali e di alcune discoteche sostituiscono le bevande alcoliche con prodotti di scarsa qualità manomettendo le bottiglie di Ron per esempio o praticando un forellino sotto le lattine di birra per estrarre la birra e sostituirla con la pessima birra che il governo distribuisce gratis nelle feste ai cubani. Il forellino viene poi richiuso con una piccola saldatura a stagno che passa inosservata. Gli alcolici originali vengono poi rivenduti in un mercato parallelo ( il contenuto di una cristal che è una birra per turisti viene reimbottigliata in anonime bottiglie e venduta a 70 centesimi o anche meno sottobanco). Se osservate bene in alcuni negozi, soprattutto nelle aree di servizio dove c'è anche uno spaccio di bevande noterete che spesso il colore del contenuto delle bottiglie di Ron della stessa marca varia da bottiglia a bottiglia e i tappi sono maldestramente manomessi.

Molti locali notturni per turisti hanno chiuso i battenti e la prostituzione è adesso sopratutto in strada, al bordo delle grandi strade di collegamento fuori l'Habana decine e decine di ragazzine, chiamate ironicamente dai cubani Chiupa-Chiupa, armate di bottiglia d'acqua (si può immaginare per farci cosa...)offrono prestazioni di sesso orale anche per tre dollari ai turisti di passaggio. Si è toccato il fondo, non c'è altro da dire.

Nessuna pietà per il popolo cubano, Castro si ostina a non cambiare di una virgola della sua politica economica e sociale e questo è il terribile risultato. 



20/06/2004
 

               Ecco cos'è Cuba.

 

Non credo che nessuno in Italia senza averne una profonda conoscenza possa comprendere cosa significhi la vita a Cuba, mi sono recato sull’isola molte volte, ho passato molto tempo a discutere con anziani che mi hanno raccontato di prima della cosiddetta rivoluzione, con giovani, con padri di famiglia con tassisti con nocchieri di carrozze, con tutti quelli che si sono fidati di me, ho cercato un contatto con quella gente, e quello che sto scrivendo non è frutto di una mia visione ma è la pura realtà. Il motivo per il quale non è facile comprendere Cuba è che la vera caratteristica che distingue questo paese dal resto del mondo è la follia, la follia è una caratteristica umana, tutti noi abbiamo una piccola dose di follia ma non credo che sia mai successo come a Cuba che un folle abbia mai preso il potere di uno stato e creato attorno a se una struttura complessa come quella del governo Cubano. Per comprendere quella follia bisogna essere estremamente lucidi, scordare tutto quello che si dice contro il governo cubano, ed osservare, semplicemente. Uno dei più grandi errori che spesso si fa parlando di Cuba è quello di cadere nella prima fondamentale trappola: credere che ci sia un nesso logico tra i motivi della presa del potere da parte di Fidel Castro e deliri legati al socialismo o al comunismo, a Cuba non esiste nulla di tutto questo, che negli anni 50 persone in buona fede abbiano avuto la sfortuna di battersi affianco di Castro è un dato di fatto che non ha nulla a che vedere con l’uso vergognoso che adesso la propaganda politica fa. A Cuba è tutto finto, ma è talmente grande la distanza tra realtà e menzogna che si stenta a credere che possano essere tutte menzogne. Eppure è così, il paese è totalmente allo sfascio, niente funziona a dovere, la televisione trasmette senza sosta che tutto è a posto, fa vedere immagini di migliaia di persone in piazza per manifestare, fieri di sventolare la bandierina Cubana, ma è tutto finto come in un film. E’ solo un continuo bombardamento di grottesca propaganda politica. Niente è a posto, la gente ha fame, la gente guadagna da 3 a circa 25 dollari nel caso di un poliziotto, la tanto decantata medicina cubana è inesistente, gli ospedali sono in condizioni pietose, manca tutto, dai vetri alle finestre ai farmaci, un’infermiera di un ospedale pediatrico mi ha raccontato che quando mancano le siringhe nuove si usa la stessa con lo stesso ago per iniettare i bambini e spesso questo causa infezioni che vanno incise, una chirurga mi ha raccontato di aver terminato un intervento alla luce di alcuni accendini e di una candela, poiché mancava l’elettricità e il generatore d’emergenza non funzionava, e una dentista che era costretta ad utilizzare la stessa fresa finché non si consumava con decine di clienti. Quando un turista si procura anche solo un graffio viene portato in un ospedale per turisti dove si paga in dollari, un cubano anche se in gravi condizioni non può accedere ad un soccorso decente, in ogni caso nelle farmacie per cubani non si trova praticamente quasi nulla, sono stanzoni con decine di scaffali vuoti dove è persino difficile trovare dell'alcool denaturato e dove il farmacista spesso prescrive erbe medicinali, non avendo altri rimedi da proporre. Nelle farmacie per turisti l'accesso ai cubani è vietato, si entra esibendo il Passaporto e in queste seconde farmacie si trova di tutto, molti sono farmaci che il governo cubano riceve in donazione per il popolo e che invece rivende in dollari ma comunque non manca quasi nulla, e quasi sempre c'è un gruppetto di donne davanti queste farmacie che chiede ai turisti che entrano di fargli il favore di comprargli i farmaci di cui hanno bisogno esibendo il passaporto straniero, pur avendo il denaro, infatti, è vietato per i cubani accedere alla maggior parte delle medicine, una situazione ridicola e penosa. La gente che si vede in televisione alle tribune aperte come vengono chiamate, è costretta a parteciparvi, lo sanno tutti i cubani questo, sono gli studenti delle scuole, assieme agli operai e i braccianti che per non avere problemi col cdr(comitato di difesa della rivoluzione) e soprattutto per non vedersi sottratto dal già magrissimo stipendio un giorno di lavoro, vanno, vengono caricati come bestie su camion e autobus, e stanno lì a mostrare le teste e le bandierine. Annullati, essere umani che devono solo fare una comparsa. Una follia tanto grande che è impossibile da credere soprattutto a noi nati e vissuti in un paese democratico, se qualcuno avesse dei dubbi su quello che sto dicendo, basta recarsi a cuba, per accertarsene, tutti sanno come stanno le cose. La scena dell’uomo che fa un segno quando la telecamera li inquadra per fargli sbandierare istericamente la bandierina ha del patetico, e spesso quando la tribuna aperta si fa nei piccoli centri degli operai con dei grossi pennelli danno una mano di vernice, ma solo nelle facciate delle case che si troveranno riprese dalla telecamera, che tutto appaia pulito e lindo in televisione, questo importa. Quello che è subito evidente è comunque la stranezza del fatto che nessun cubano potrebbe sopravvivere con quello che il governo cubano fornisce in teoria per la sussistenza, è molto semplice, non è possibile vivere col cibo della libretta che ogni cubano ha, si tratta di pochissimo riso, un po’ di zucchero e fagioli neri in quantità appena sufficiente per pochi giorni, meno di un litro d’olio di semi, circa sei uova il mese e una volta l’anno un paio di pezzetti di carne non più grandi di un posacenere. Il latte per i bambini è di pessima qualità, và bollito prima di essere bevuto, e in ogni caso i ragazzini hanno diritto a riceverlo con la libretta solo fino a sette anni d’età, dopo si va a scuola dopo aver fatto colazione con un bicchiere d’acqua e zucchero, perché il latte che vendono in bottega non tutti hanno il denaro per comprarlo. Per l’igiene un pezzetto di sapone ogni quattro mesi circa, a volte sei mesi. Follia irrazionale, con i pochi dollari che guadagna un cubano in un mese intero, in uno spaccio in dollari si può comprare solo uno shampoo o una scatola di carne. E così tutti sono costretti a rubare dove lavorano, qualunque cosa, lo sa bene ogni cubano che la prima cosa che fa quando attraversa la porta dell’impresa, dove lavora è cercare il modo di portare fuori qualcosa. Tutti vendono qualcosa, banane, indumenti il loro stesso corpo, qualcosa per non sentire la fame. La vera Cuba non è solo l’Habana, provate a recarvi nei piccoli centri lontani dai dollari dei turisti, provate ad accendere una luce di notte (ammesso che ci sia, visto che l’elettricità lontano dai centri turistici e l’Habana viene interrotta spessissimo) e noterete che il pavimento delle povere case è pieno di grossi scarafaggi, poiché non esiste un sistema fognario e tra le case scorre un perenne rigagnolo maleodorante. Provate a svegliarvi con la camera invasa dal fumo della cucina a cherosene usato per fare dell’ottimo caffè fatto con poco caffè e tanta polvere di ceci tostati, e poi aspettate la sera senza nient’altro da fare che aspettare la notte. Il completo fallimento della strategia economica a Cuba è un dato di fatto, e non è una novità, cuba non ha mai avuto una capacità produttiva, secondo il parere dei cubani stessi è sempre vissuta alle spalle dell’unione sovietica. Fidel Castro ha commesso l’errore di credere che gli aiuti dalla Russia comunista lo avrebbero foraggiato all’infinito. Niente era pronto a far sopravvivere l’isola economicamente quando crollò il comunismo in Russia e il flusso di merci e denaro s’interruppe. E così quello che Fidel ha chiamato “periodo speciale”in pratica la crisi economica dovuta al crollo dell’unione sovietica si è protratto all’infinito. La capacità di produzione dello zucchero è peggiorata d’anno in anno. A causa della mala gestione nelle campagne e della vetustità delle raffinerie ad oggi cuba ha chiuso per sempre la maggior parte delle raffinerie, arrivando al punto di acquistare dall’estero lo zucchero. Follia tra le follie, Cuba era uno dei primi produttori di zucchero del mondo, l’incapacità del governo cubano è totale, l’ex direttore di una delle raffinerie più grosse mi ha spiegato gli errori che la gestione attuale fa e che ha fatto crollare la produzione, errori grossolani, assurdi, secondo lui dovuti al fatto che non essendoci un proprietario gli operai rubano e pensano a vivere alla giornata. La libertà è in pratica inesistente sull’isola, sono migliaia i prigionieri politici nelle carceri, uomini che vengono condannati senza avere la possibilità di una difesa legale a pene che spesso superano i 20 anni, senza nessun’altra colpa che quella di non essere in linea con le idee del governo, uomini alimentati con due sole razioni di semola di mais al giorno, molti rinchiusi in celle d’isolamento per anni. Uomini dimenticati da tutti. In oltre alcuni cubani sostengono che parecchi oppositori del governo sono praticamente spariti, non si sa se sono ancora in vita o in quale carcere si trovino. L’unica opposizione esistente sull’isola è quella fatta da vari piccoli gruppi di coraggiosi che sono coperti in qualche modo dalla debole organizzazione per i diritti umani, questi se non si fanno notare troppo non vengono incarcerati, ma vengono umiliati e maltrattati in mille modi. E in ogni caso questi uomini vivono in quasi isolamento sociale, la gente ha paura di farsi vedere con loro, nessuno va mai a casa loro, per paura di essere accusati di essere antirivoluzionari dalla polizia. Spesso quando si uniscono per fare delle dimostrazioni pacifiche vengono spintonati, caricati su camions e abbandonati a 40-50 chilometri nella boscaglia, costretti a camminare anche un paio di giorni per tornare indietro. Chi ha il coraggio di dissentire più degli altri viene torturato e abbandonato in piena campagna senza nessun aiuto. Ad un ragazzo colpevole di aver osato di aver stretto amicizia con un dissidente suo vicino di casa furono stritolati i testicoli e in gravi condizioni fu scaricato a 40 chilometri da casa. Nessuno in Europa ha mai mosso un dito per questa gente coraggiosa, e sono molti gli esponenti politici che credendo, o fingendo di credere alla propaganda ben pianificata che il governo cubano diffonde arrivano persino a recarsi in visita da Fidel Castro, ben contenti di essere ripresi dalle telecamere, credendolo un eroe della rivoluzione, una specie d’ultimo baluardo del comunismo, e cosa ancora più di cattivo gusto lo utilizzano per scopi propagandistici. Le delegazioni straniere a Cuba sono come tenute dentro una sfera dorata durante le visite, stesso trattamento è riservato ai politici e ai sostenitori del regime, sono accompagnati da agenti del DDI e della vera Cuba hanno una visione molto distorta, visto che vengono ospitati nei mega alberghi e invitati nei palazzi del potere, cosa dovrebbero capire costoro di Cuba? Non è possibile credere che uomini politici che hanno libero accesso alla voluminosa documentazione di Amnesty international, o che potrebbero semplicemente leggere nelle pagine della storia della rivoluzione cubana dei molti omicidi di stato perpetrati dalla dittatura di Fidel Castro dagli inizi degli anni 60 ad oggi, per eliminare decine di ex compagni d’armi diventati scomodi perché troppo democratici o colpevoli di oscurare il suo potere, dai resoconti dei cubani e le ricostruzioni storiche è assodato che l'attuale dittatura castrista ha superato di migliaia di volte il numero di omicidi e di incarcerazioni del precedente dittatore Batista, i cubani dicono che l'unica differenza tra i due è che Batista ha sempre fatto uccidere alla luce del giorno dai suoi sicari, mentre Castro ha sempre agito in segreto, eliminando decine di centinaia di cubani democratici con rapide esecuzioni, o facendo sparire nel nulla chiunque abbia messo in dubbio la sua autorità, protetto da false tesi politiche. Fidel dice di aver liberato Cuba dal dittatore Batista, ma in realtà anche se la situazione della gran parte dei contadini sotto Batista era miserevole ammesso che si possa fare una paragone tra le due dittature quella di Fidel è decisamente più dura della precedente e lo è in tutti i sensi, è più totalitaria, è più repressiva nei riguardi dell'opposizione( Castro non avrebbe permesso ad un suo ipotetico gemello di prendere il potere a Cuba, lo avrebbe fatto fucilare immediatamente), in oltre a Cuba prima della presa di potere di Castro esisteva una solida struttura economica, cuba era il primo produttore del mondo di Zucchero e tabacco, le campagne erano molto ben sfruttate e migliaia di Cubani erano benestanti e proprietari terrieri, oggi invece a causa della mala gestione e della teoria del tutto statale Cuba è in concreto un paese del terzo mondo, importa lo zucchero dall'estero e il rendimento delle sue terre è precipitato ad un livello da medioevo, se poi vogliamo fare un cinico calcolo delle vittime causate dalle due dittature il rapporto è di qualche centinaio contro decine di migliaia, vince Castro naturalmente, senza contare il continuo stillicidio di morti annegati che cercano di fuggire verso la Florida in zattere improvvisate. Molti politici di sinistra fingono di non sapere nulla, perché farsi vedere in compagnia di Castro fa sempre clamore tra gli elettori, come fingono di non sapere nulla dell'attività di narcotraffico del governo cubano, su diretto controllo di Raul Castro con la supervisione del fratello Fidel, che ha trasferito centinaia di tonnellate di cocaina dalla Colombia agli stati uniti e all'Europa negli anni ottanta e che tutt'oggi prosegue sebbene in misura ridotta con le centinaia di kilogrammi di droga che attraverso la Spagna giunge in Europa. Un anziano cubano mi ha raccontato che all'Habana, vicino il Morro nel 1960 ha visto con i suoi occhi un fossato, all'interno del quale c'era un palo di legno, a quel palo erano legati e fucilati decine di cittadini cubani la settimana. L’evidenza che Fidel Castro è un uomo ricchissimo e spietato e che ha preso il potere con la forza requisendo gli averi di milioni di cubani senza che questi lo desiderassero e che lo stesso fatto che non era possibile come non lo è adesso poter scegliere un altro governo non pare essere importante, come se la logica non esistesse. Quella del valoroso popolo cubano che difende la rivoluzione è una delle fandonie del governo, non esiste nessun popolo cubano compatto e valoroso, il popolo cubano è in verità prigioniero di una folle teoria, e lo è non solo all'interno dell'intera Cuba, ma anche in piccole celle che sono le varie province, infatti, per evitare che la popolazione si sposti da una città all'altra, Fidel ha deciso che semplicemente non ci si può allontanare dalla città di registrazione del documento d’identità se non tramite un'autorizzazione della polizia, pena una multa, una delle tante assurde multe del regime. Non bisogna scordare inoltre che la ribellione contro il dittatore Batista in origine non fu solo dovuta alle forze a cui apparteneva Castro, la cuba democratica e quella cattolica furono in prima linea per ottenere la libertà, Fidel Castro riuscì a raggiungere la vetta del potere con una serie di vergognose eliminazioni, a partire dai suoi stessi compagni d'armi, furono centinaia e centinaia gli omicidi di stato e anche un solo omicidio non può avere giustificazione, la sete di potere tanto meno può giustificare quelle morti, e gli omicidi non vanno mai in prescrizione. A Cuba la percentuale di veri comunisti è persino più bassa di quella italiana, come la logica c’insegna non è mai esistito né mai esisterà un intero popolo che ha la medesima convinzione politica. Il popolo cubano ha solo commesso un errore fatale al tempo della rivoluzione nella quale credeva e che all’epoca aveva un qualche senso, se li avesse liberati dalla dittatura di Batista per passare ad un regime democratico, non potevano sapere a cosa andavano incontro, così sono passati dalla padella alla brace, da una dittatura all’altra. A Cuba c’è una chiara e infondo non celata dittatura, la stessa costituzione cubana è una follia, la radice di tutto è una follia, almeno lo è per me che non ho subito l'indottrinamento a cui ogni cubano è sottoposto sin da bambino. L’articolo 52 della costituzione è più simile ad una battuta umoristica che ad un articolo di costituzione, inizia recitando questa frase: Si riconosce al cittadino cubano libertà di parola e giornalistica conforme ai fini della società socialista, quindi non esiste nessuna libertà che non sia quella di diffondere idee "conformi" al volere del lider. L’articolo 61 recita: nessuna delle libertà riconosciute al cittadino cubano può essere utilizzata contro quello stabilito nella costituzione e le leggi, né contro l’esistenza e i fini dello stato socialista, né contro la decisione del popolo cubano di costruire il socialismo e il comunismo, in pratica chiedere libere votazioni a cuba è considerato non un diritto ma un crimine. In pratica è la stessa costituzione che vieta la possibilità che possa esistere una democrazia, un’opposizione, anche perché da alcuni anni è stato deciso da Fidel stesso naturalmente che il "socialismo cubano" è irrevocabile. Diciamo pure che gli articoli repressivi d’ogni idea democratica sono rispettati alla lettera mentre quelli che in teoria potrebbero essere utili alla società poiché ne sanciscono i diritti vengono sistematicamente ignorati. Cuba è come una pentola a pressione che sta per esplodere, la gente è esasperata, l’illegalità è l’unico modo per vivere, e persino anche quelli che si definiscono comunisti hanno lasciato la propria morale andare alla deriva, devono vivere, e allora può capitare di andare a comprare della benzina al mercato nero a casa di qualcuno che ha la foto di Fidel attaccata al muro e si dichiara fidelista, di trovare un passaggio abusivo per il centro dell’isola a bordo dell’auto di un poliziotto e cose così. La corruzione è normalità a Cuba, è lo stesso governo che attribuisce privilegi enormi a chiunque sia utile alla propaganda, giovani dirigenti delle varie strutture politiche presenti sull’isola si danno il turno ad urlare a squarciagola dai palchi delle tribune aperte incredibili fandonie di tutti i tipi in cambio di un’auto nuova con targa bianca, le auto con targa bianca non possono essere fermate da nessuno, ( le auto prive di targa sono di esponenti del governo e anch’esse ovviamente sono intoccabili) o in cambio di una villa con piscina. Lo stesso fanno oscuri signori che dalla televisione sono capaci di esibirsi in turpiloqui assurdi, gente ben vestita che di sicuro non sopravvive come la gran parte della popolazione con una decina di dollari al mese e la libretta. Gente che si è venduta al regime, gente troppo giovane che non ha nessuna possibilità di essere considerata nel panorama politico mondiale per l’evidente incapacità a sostenere un’idea senza urlarla e senza trovarsi davanti una platea immobile che non contesta una sola delle cose dette. Giovani che sperano in un posto al sole tra la miseria, giovani che hanno preso il treno sbagliato, che rischiano nel caso di un crollo dell’attuale regime di essere scagliati giù da quei palchi. Comunque assistere ad un loro comizio è sempre meglio di provare l’esperienza mistica di stare ore ad ascoltare Fidel Castro in persona dilungarsi nei suoi soliloqui senza senso, con continui cambi d’argomenti neppure legati lontanamente tra loro, ricordo che una volta seguii prima in casa alla televisione e poi in auto un terribilmente noioso discorso del lider massimo, iniziò parlando di quando combatteva da giovane sui monti, (anche se chi c'era davvero su quei monti giura che Fidel non si esponeva mai nei combattimenti)la cadenza della sua cavernosa voce era tipica del dittatore ormai sicuro che nessuno mai lo avrebbe interrotto, e concluse parlando, con la stessa enfasi di come si racconta una battaglia delle proteine nobili dello yogurt (che la maggior parte dei bambini cubani non hanno neppure idea di cosa sia) e i tremendi, come dice lui, contenitori di plastica che erano prodotti da uno stabilimento dell’isola. In una parola: follia. Per intenderci le cose che si dicono in queste tribune aperte hanno del tragicomico. Internet è vietata per uso privato, ed è inaccessibile ai cubani per l’alto costo della connessione, la posta elettronica controllata e gran parte dei siti che sono legati all’opposizione al regime sono oscurati, eppure ci sono enormi cartelloni in giro dove si parla di sviluppo del popolo grazie ad internet, che raffigurano un bambino che guarda felice un monitor di computer. Un’altra bufala ovviamente, quella che tutti i giovani cubani possono accedere ad internet. La televisione via satellite è vietata, milioni di cubani non sanno nulla di cosa si trova fuori quel mondo di menzogne e non hanno neppure coscienza dei loro diritti. Il controllo della popolazione è in mano alla polizia, all’avana c’è un poliziotto ad ogni incrocio, questi sono quasi tutti ragazzi di campagna con scarso senso dello stato, piccoli despoti che spesso non conoscono neppure le leggi che dovrebbero fare rispettare, per 25 dollari al mese sono disposti a fare turni massacranti, del resto hanno più o meno lo stesso stipendio del primario di un ospedale, e sono temutissimi. Se noleggiate un’auto, noterete che vi fermeranno spesso senza motivo, la loro idea è mettervi paura in modo che gli regaliate denaro, altrimenti s’inventeranno una multa di 10 dollari per eccesso di velocità, che, anche se state procedendo a 30 chilometri orari non potrete contestare, non è contemplato nel loro regolamento. Se un cubano si arrischia a contestare qualcosa ad un poliziotto rischia l’accusa di “falta de rispetto” in pratica semplicemente gli è applicata una grossa multa solo per aver aperto bocca. E’ risaputo che all’Habana spesso i poliziotti si appostano davanti le discoteche e fermano le ragazze di fuori città che vi si recano per prostituirsi, le spaventano dicendogli che potrebbero arrestarle con l’accusa di prostituzione, e poi gli offrono due vie d’uscita, pagare 100 dollari oppure avere con loro un rapporto sessuale, altro sistema usato dai poliziotti per estorcere denaro è appostarsi vicino le discoteche dove la prostituzione è tollerata e fermare le auto dei turisti accompagnati dalle ragazze, salvo poi chiedere qualche decina di dollari per non portare la prostituta in caserma. Altro sistema di controllo sulla popolazione è il cosiddetto DDI, è un servizio di spionaggio interno, composto da cittadini comuni che per arrotondare con una ventina di dollari al mese lo stipendio hanno una doppia vita, lavorano normalmente e nel mentre spiano chiunque, dai vicini ai turisti, molti, infatti, sono tassisti, ma sono infiltrati in tutti i settori economici dell'isola, denunciano ogni cosa irregolare, dagli affitta camere illegali a chi ruba sul lavoro, a chi ostenta troppa ricchezza, a chi critica il governo, ogni volta che si discute della dittatura di Castro con un cubano sconosciuto si corre il rischio di imbattersi in uno di questi signori. Degli alti ranghi del governo si sa poco, si notano solo ville da sogno in periferia. Un mio conoscente che ha avuto la ventura di imbattersi in una ragazza figlia di un generale e che ha frequentato qualche tempo i rampolli della Cuba bene mi ha raccontato che la cocaina scorre a fiumi nelle feste in quelle ville da sogno. Il degrado sociale a Cuba è enorme. La sera in giro in centro habana si possono contare centinaia di giovani a caccia di turisti, gli stessi giovani che la televisione definisce la vanguardia della rivoluzione, non sono gay ma all’occasione pur di guadagnare qualche dollaro si prostituiscono, così come ogni notte le discoteche sono piene di ragazzi che portano la propria moglie o fidanzata a prostituirsi magari per dare da mangiare ai figli a casa. Tutto sommato la massiccia presenza di poliziotti rende relativamente sicuri i grandi centri ma in provincia nei piccoli paesini andare in giro specialmente durante le feste è veramente pericoloso, i ragazzi cubani sono sfiduciati, non vedono un futuro diverso dalla miseria e hanno perso la speranza che la situazione cambi, sono allo sbando, si ubriacano, e diventano pericolosi. Ho visto con i miei occhi cosa è successo durante una festa di un paesino, un ragazzo accoltellato e ridotto in fin di vita per un dollaro ed un altro a cui è stata spaccata in testa una bottiglia senza alcun motivo. Il ragazzo accoltellato lo rividi dopo qualche giorno su una carrozza a cavallo, stava mostrando ad un conoscente una lunga cicatrice che gli attraversava il ventre fattagli in ospedale per risolvere l’emorragia. Un’intera generazione è allo sbando, una generazione che comunque vadano le cose non crede più in niente, e che per quanto possa durare il presente governo sarà la fine del sistema in ogni caso. Ci sono migliaia di ragazze imprigionate in grandi edifici con l’accusa di prostituzione, molte si prostituivano, ma altre sono state accusate ingiustamente e costrette a firmare una dichiarazione che le marchia come prostitute. Le prigioniere sono costrette a dormire a decine in una stanza, a lavarsi con acqua fredda e come unico servizio igienico ad utilizzare un buco nel pavimento. Cuba è un vero inferno, Fidel non è disposto a lasciare il potere, nemmeno dopo l’evidente fallimento economico è un uomo privo d’anima che non ha nessun amore per la sua gente alla quale non ha mai dato che come unica possibilità la fuga, migliaia di cubani sono annegati in mare tentando di raggiungere la Florida. Il sogno di molti sull’isola è fare quella che è chiamata la sigaretta, un passaggio per la libertà a bordo di un’imbarcazione proveniente dalla Florida, o a bordo di imbarcazioni improvvisate e addirittura di camere d’aria di pneumatici. In migliaia sono rimasti uccisi in mare, e per un certo periodo negli anni 90, dagli elicotteri dell’aviazione cubana quando veniva localizzata una zattera, senza alcuna pietà scaricavano sacchi di sabbia sugli sventurati in modo che al ritrovamento dei cadaveri non fossero trovati fori di proiettili. Negli ultimi anni parecchi piloti hanno lasciato Cuba a bordo di aerei, qualcuno militare ma sopratutto vecchi aerei per l'irrorazione dei campi, a cuba la irrazionale versione è che i fuggitivi sono terroristi, come se costringessero qualcuno a seguirli o facessero attentati. E incredibilmente ne danno la colpa a quella che chiamano legge assassina dell’aggiusto cubano, secondo loro, la legge federale degli stati uniti che non potrebbero, mai e poi mai rifiutare l’asilo politico ai cubani in fuga da quell’inferno viene definita una legge assassina, gli uomini agli ordini di Fidel Castro secondo gli storici hanno giustiziato migliaia d’innocenti, dagli anni della rivoluzione ad oggi, adesso definiscono assassina l’accoglienza che gli USA riservano ai fuggitivi. Questa è la pura verità, l’incredibile verità. Proprio perché così incredibile, difficile da credere, soprattutto per chi pensa che a Cuba c’è un governo socialista. Non riesco a capire cosa sanno di cuba i componenti del comitato Italiano per promuovere la liberazione delle cinque spie arrestate negli stati uniti, ad alcuni di loro è stato dato l’ergastolo, e ci credo, ma lo sanno quelli di questo comitato di cosa parlano?, chi stanno difendendo?, il governo cubano dice che i cinque eroi stavano facendo spionaggio contro i terroristi che vivono a Miami per evitare che potessero uccidere cittadini cubani e per difendere i cittadini americani, io sono rimasto stupefatto quando ho letto sul giornale Granma a Cuba di questo comitato, ma hanno capito bene cosa stavano facendo a Miami gli eroi?, mi sono chiesto. Bene lo devono aver capito i giudici statunitensi, anche perché la soluzione del caso l’hanno da sempre fornita gli stessi cubani nei notiziari televisivi: quelli che definiscono terroristi di Miami non è altro che la legittima opposizione in esilio, cubani fuggiti dall’isola o esiliati, non tramano nessun terribile attentato terroristico, fanno solo quello che la loro terra li chiama a fare. E hanno diritto alla massima protezione da parte del governo USA, anche perché alcuni di loro sono ex esponenti del governo cubano e dell’esercito, o familiari di cubani a cui è stato requisito tutto e vorrebbero giustamente tornare in possesso almeno di parte delle loro legittime proprietà. Persone che sanno molto e che danno filo da torcere a Fidel. Una delle spie era anche implicata nel vergognoso abbattimento di due aerei da turismo per mezzo di un Mig dell'aviazione cubana nel 96, aerei indifesi dell’associazione “Ermanos al rescate”, un gruppo di esuli cubani che a loro spese con dei piccoli velivoli perlustravano il mare attorno Cuba in cerca di fuggitivi alla deriva, il loro compito era di segnalarli alle autorità statunitensi,ed è grazie alla loro opera che molti fuggitivi alla deriva su zattere sono stati salvati, forse si sono spinti troppo vicini all’isola, per il vero, ma i cubani sapevano bene che si trattava di civili inoffensivi e che non rappresentavano nessun pericolo, fu solo una vigliaccata, abbattere degli aeroplani da turismo con un caccia, equivale a sparare con un cannone ad una farfalla per ucciderla, fecero un'inutile strage, quattro uomini vennero uccisi, fu un vero inutile aguato, un agente della rete Avispa a Miami telefonò a Cuba e segnalò la partenza dei due aerei e due caccia si levarono in volo immediatamente tendendo loro una trappola. Il popolo cubano, e l’opinione pubblica internazionale viene costantemente disinformata in relazione alle 5 spie prigioniere negli USA. In realtà non erano cinque, ma quattordici. Questi cinque assieme agli altri 5 che la dittatura chiama eroi sono stati arrestati in settembre del 1998, altri quattro si sono dichiarati colpevoli nel maggio del ’99 hanno collaborato con la giustizia americana e si trovano in un progetto speciale per cambiare d’identità. Questa e soltanto parte di una storia della quale la dittatura cubana non racconta tutta la verità, chiedendo la liberta soltanto de 5 e trattando di occultare la reale dimensione della rete di spionaggio che avevano organizzato in USA e la sua vera funzione. Spiare in territorio straniero non è di certo come infiltrarsi a Cuba nelle organizzazioni umanitarie, come facilmente e senza dignità spesso fanno le spie cubane, ci sono delle leggi precise e sopratutto delle regole da rispettare quando si viene scoperti a spiare in paesi stranieri con i quali i rapporti non sono più che buoni e le condanne inflitte ai cinque non mi sorprendono, anche perché il vero scopo della rete di spie Cubane era la lo spionaggio di postazioni militari Statunitensi. Che speranze di successo possono avere i comitati di liberazione delle cinque spie, evidentemente spinti ad agire per pura spinta ideologica e che sono all'oscuro della rete di spie che operava in USA e i suoi scopi reali? Che genere d’udienza potrebbero mai dare i giudici americani a comitati così strampalati di sognatori con la maglietta del Che? Uscire da Cuba per la maggior parte dei cubani è come fuggire da una grande prigione, due sono le possibilità il matrimonio con uno straniero e un invito turistico, due sistemi costosi e che in ogni caso passano dal benestare del governo che potrebbe in tutti e due i casi negare il visto d’uscita. Se non si ha denaro si può tentare la fuga quando il vento soffia da sud e consente di attraversare il canale della florida con zattere di fortuna o pneumatici di camions adattati, altri cubani sono più fortunati, hanno a Miami parenti che li aiutano pagando l'astronomica cifra di ottomila dollari che le organizzazioni di scafisti della Florida chiedono per fare la cosiddetta "Sigaretta", cioè un appuntamento notturno con un potente motoscafo proveniente dalla costa USA che di norma imbarca i fuggitivi tra isolotti della costa di Matanza, una zona molto difficile da pattugliare per i vetusti mezzi della marina cubana. In 45 minuti di folle corsa si è liberi, di sicuro non si arriva in un paradiso dorato, ma si è in un paese che offre un futuro diverso dagli stenti cubani. L’uso che il regime fa della propaganda dà il voltastomaco, la quasi totalità dei notiziari televisivi inizia con l’immagine di Fidel Castro, e l’uso di bambini a cui sono dati da leggere in piazza, proclami di cui non possono comprendere nulla è uno dei mezzi più patetici utilizzati. La propaganda è perfettamente pianificata, ogni cubano viene indottrinato sin da bambino, l’istruzione è incredibilmente del tutto legata alla propaganda politica, agli alunni delle scuole viene fatto un sistematico lavaggio del cervello, eroi della storia cubana che non hanno nulla a che vedere con la dittatura attuale sono abilmente miscelati a falsi principi di patriottismo, approfittando dell’innocenza dei giovani alunni. Lungo le strade principali, specie fuori città enormi cartelli fatti realizzare dagli alunni delle scuole ripetono frasi inneggianti alla rivoluzione, come se questa non fosse mai finita, o qualche frase detta da Fidel Castro detta in qualche visita, inutili cartelloni che hanno come unico effetto quello di mancare di rispetto ai poveri cubani che nella stra grande maggioranza sono stanchi di fame e propaganda, e che anche se non hanno il coraggio di ammetterlo, se potessero lascerebbero volentieri quella misera esistenza per fuggire da qualunque altra parte. Per cultura s’intende conoscenza ed esaltazione di ciò che è utile a mantenere vivo un sogno fatto di menzogne, di cui tutti a Cuba sono coscienti, ma al quale nessuno può sottrarsi. Dire che il sicuramente valoroso popolo cubano è un popolo colto è una menzogna enorme, come può essere colto un popolo tagliato fuori dal mondo perché sotto dittatura da quarantacinque anni? come si può definire colto un popolo che non ha la base fondamentale della cultura: la libertà di pensiero e di parola, che non ha neppure idea di cosa sia la democrazia. Molti cubani credono a quello che la propaganda continua a ripetere, credono di avere la medicina gratuita, ma poi se hanno bisogno di un semplice farmaco per i parassiti, spesso necessario a causa dell’acqua contaminata, devono comprarlo in dollari (se possono) al mercato nero, come devono comprarsi l’anestetico per farsi curare un dente perché è introvabile negli ospedali Fra l’altro il governo cubano anziché mettere a disposizione del popolo le medicine che sono donate sia da paesi europei che dagli stati uniti le vende, semplicemente e in dollari, così come fa con gli indumenti, sono stato a visitare uno dei paesini devastati dall’uragano del 2001, la gente era molto arrabbiata, niente degli aiuti fatti vedere in televisione mentre venivano scaricati dalle navi all’Habana era mai arrivato a loro, era solo un altro inganno del governo. Se un cubano ha un incidente d’auto fuori città non ha semplicemente la possibilità di chiamare soccorso, non solo perché non ha un cellulare, (tra l’altro a Cuba non esiste un numero nazionale d’emergenza, né una rete cellulare che copra l’intera isola e sono pochissimi i cubani forniti di telefonino), ma anche perché non tutti gli ospedali hanno un’ambulanza, e con la disastrata rete viaria che c’è nell’isola ci vogliono ore per percorrere poche decine di chilometri di notte. Dicono di avere l’istruzione gratuita, ma anche coloro che frequentano l’università non hanno altro che una preparazione tecnica di basso livello, moltissimo indottrinamento politico poiché, l'insegnamento non è altro che un continuo lavaggio del cervello sin dai primi anni di scuola e null’altro, provate a chiedere ad un cubano chi scoprì l’america, chi fu il primo europeo che sbarcò a Cuba, la risposta sarà: Cristobal Colon….uno spagnolo. A scuola non gli hanno neppure spiegato com’è fatto un governo democratico, un giorno spiegai ad un amico cubano com’è fatto il parlamento italiano, era un ingegnere minerario, rimase a bocca aperta ad ascoltarmi, stupito del fatto che non c’era nel mio racconto un Lider che comandava tutti gli altri, poi in fine mi fece una domanda: “Ma allora in Italia non c’è più la ghigliottina?”. In compenso gli studenti cubani sanno tutto di Lenin, o quasi. Non credo che sappiano dove si trovi la Siberia. Tutto questo sembra incredibile anche a me, eppure basta recarsi a Cuba, evitare di passare le giornate sulla spiaggia di Varadero ( zona turistica dove è limitato l’ingresso ai cubani), ascoltare, e togliersi dalla mente ogni pregiudizio politico sia di destra che di sinistra, perché a Cuba la politica in verità non centra niente. A dire il vero, un po’ d’amaro in bocca lo provo quando mi capita di vedere in giro all’aeroporto dell’Habana gente col cappellino con la stella e la barba alla Fidel, io rispetto le idee di tutti, ma visto che qui si parla della Cuba d’oggi, quindi di qualcosa che non ha nulla a che vedere con le nostalgie di tempi andati, mi chiedo: dopo una due, tre settimane passate a Cuba, che razza di gente è quella? perché non hanno fatto sparire il cappellino e non si sono rasati la barba? non si sono sentiti traditi?, non si sono resi conto che il socialismo non è culto della personalità e che la gente a Cuba non ha la seppur minima possibilità di fare proposte a chi sta al vertice?. Magari sognavano da anni di andare a Cuba, e dopo di quello che ha visto cosa hanno capito? Credono ancora che Fidel è il grande papà di tutti i cubani? non gli è bastato vedere con i loro occhi che nonostante la televisione continui a ripetere che a Cuba non esiste la prostituzione sono invece a centinaia le ragazze che ogni giorno fingono di chiedere un passaggio sul malecon o sulla 5 avenida a sfamare di dollari il regime, e le decine che affollano le discoteche?, cosa credono che vanno a letto con turisti, magari più vecchi di loro di trenta anni, perché sono stregate dal fascino dello straniero?, o peggio credono ancora alla storiella dell’embargo fatto dagli americani che stritola l’economia del paese?, e le navi cariche di containers che vanno e vengono dal porto dell’Habana?, cosa sono?, e la roba made in USA che si trova nei supermarket?, ma lo sanno loro che tassa deve pagare la merce per entrare dalla dogana di Cuba?, sono mai stati alla camera di commercio dell’Habana ad informarsi?, alcune merci hanno il 150% di tassa sul valore da pagare, ecco perché i prezzi sono già alti per noi europei, figurarsi per i cubani. Sanno su quali merci è imposto l’embargo? sanno che bisogna pagare spesso in anticipo per ottenere della merce dall’estero e il governo cubano è già in debito per centinaia di milioni di dollari con molti paesi fornitori e nessuno vende niente a chi non paga?. Sanno che nonostante questa disastrata condizione di povertà del popolo, i conti esteri personali della famiglia del signor Fidel Castro Ruz sono stimati in varie centinaia di milioni di dollari?. Il governo cubano sta strizzando l’economia come un limone secco, fa esattamente il contrario di quello che in tutto il resto del mondo farebbe anche solo un ragioniere che si è diplomato col minimo dei voti, anziché innescare un’economia di mercato sta solo succhiando denaro ai turisti in tutti i modi, alzando la pressione fiscale sulle imprese e vietando ogni forma di libero commercio, tutto deve essere in società con lo stato, solo che lo stato è una barca piena di debiti che sta affondando, provate ad informarvi a quanto ammonta il debito estero di Cuba, poi provate ad aprire un’impresa a Cuba, faranno di tutto per agevolarvi, ma poi scoprirete che i costi per tenere solamente aperta la porta come sì suol dire vi faranno bruciare solo denaro, che va dritto nelle casse del governo. Oltretutto il governo cubano è sempre stato lesto a fare società con imprese straniere non per il bene del popolo ma per ottenere denaro in nero che finisce nelle tasche dei dirigenti del partito. Molte merci a cuba non sono disponibili per il popolo semplicemente perché le produzioni delle industrie dell'isola spesso sono vendute all'estero come se le produzioni fossero cosa privata della famiglia Castro, mentre incredibilmente per il mercato interno le stesse merci vengono comprate all'estero, come anche succede che alcuna produzioni cubane vengano vendute all'estero e dopo strani giri reimportate. Non c'è nessun controllo sugli affari commerciali del governo cubano da parte del popolo. Capire Cuba non è facile, ma capire quelli che vivono in un paese libero, che hanno il denaro per pagarsi un biglietto d’aereo, l’auto in affitto e la casa e credono che a Cuba si stia meglio che da noi è per me, molto, ma molto più difficile. Anche perché a Cuba c’è la pena di morte, che viene applicata anche sui poveri fuggiaschi che vengono riacciuffati, povera gente che viene fucilata col pretesto ridicolo di essere terroristi pericolosi o collusi con servizi segreti di altri paesi, e comunque l'unico trattamento riservato all'opposizione è quello di essere incarcerati senza alcuna accusa logica tranne quella di rappresentare un pericolo per la cosiddetta "rivoluzione". A Cuba non ci sono votazioni degne di questo nome, visto che si vota solo per un candidato, e non c’è neppure la possibilità di pensare di poter cambiare il modo di governare, perché tale principio è chiaramente vietato per legge. Non c’è nulla per cui battersi, tranne la maledetta nostalgica grottesca caricatura dell’ideologia che ha distrutto un popolo, affamandolo, un popolo violentato nel corpo e nell’anima dal turismo. In definitiva l'odio verso il capitalismo e sopratutto gli Stati Uniti da parte di Fidel Castro è solo una messa in scena utile sul fronte interno e utile alla propaganda rivolta alle sinistre mondiali, aspetto della propaganda che mai Cuba ha tralasciato, a meno ché non si accetti la teoria che quest'uomo è totalmente pazzo, Fidel sa benissimo che il suo interesse personale e del suo clan sono i dollari dell'odiato nemico, e sà benissimo che ogni cubano è ormai diventato un perfetto capitalista, giacché ha costretto un popolo intero a darsi da fare in tutti i modi pur di sopravvivere in modi che nulla hanno a che fare col socialismo, sà anche benissimo che il suo sistema socialista non ha mai funzionato, non funziona e non potrà mai funzionare, com’è ben cosciente del fatto che per sopravvivere il suo governo ha bisogno dei dollari USA, con quei dollari si può assicurare la sopravvivenza della fitta rete di informatori, poliziotti e strutture civili e di propaganda che mantengono la sua dittatura in vita, se ci fosse un ipotetico crollo dell'economia capitalista le conseguenze per la sua fragilissima dittatura sarebbero terribili, quindi Fidel se non fingesse di odiare il capitalismo e fosse sincero in quella che chiama "battaglia di idee" sarebbe un mentecatto incapace di formulare la più semplice delle conclusioni: la sua dittatura è come un qualunque parassita, se uccidesse l'essere che lo ospita morirebbe assieme a lui, senza capitalismo che ne fornisce i mezzi non ci sarebbe nessuna rivoluzione. Ammettere questo al suo popolo significherebbe la fine del suo potere e il ritorno alla libertà per undici milioni di cubani, ma è evidente che Fidel non mollerà mai il potere, semplicemente perché non ha alcun rispetto per il popolo cubano. Così Castro prosegue come in un sogno irrealizzabile la sua irrazionale guerra contro il mondo, che non credo sia ormai il caso di chiamare capitalista, ma che se ci si libera dei pregiudizi politici e si osserva la situazione socio-economica di questo millennio è semplicemente il mondo intero, rivolgendo le sue attenzioni sopratutto agli Stati Uniti, ben sapendo che non si può spingere oltre i suoi patetici insulti, questo perché sa bene che ha fatto diventare Cuba un parassita che vive solo grazie gli aiuti umanitari che io definirei elemosina, (andate in un negozio statale qualunque e chiedete del pollo, sulle scatole del pollo congelato c'è scritto"Kentuky U.S.A") ai pochi scambi commerciali col mondo capitalista e sopratutto grazie gli spiccioli che gli regalano i turisti, che vanno ad ammirare il fenomeno da baraccone che è diventato lui stesso, finto dinosauro della storia e il suo popolo in gabbia, perché è così, chi frequenta cuba sa quali sono i principali motivi del fascino di quel posto per la maggior parte dei turisti, le donne che si prostituiscono e la sorprendente realtà di trovarsi in un'isola di uomini senza libertà a causa di un misterioso timore verso un solo uomo che professa idee totalmente fuori dalla realtà, e questo stupisce e quasi diverte il ricco turista europeo. Fidel Castro o è un uomo dissociato o è veramente un uomo spietato e senza anima, ha dichiarato che lascerà il potere quando e se si renderà conto di essere diventato un fardello per il suo popolo, ma il suo popolo ha già toccato il fondo da decenni e lui sostiene che il suo è un popolo felice, ha detto in uno storico discorso "la storia mi assolverà", utilizzando una frase pronunciata addirittura da Hitler, dimostrando che forse nel nocciolo della sua anima sa di doversi fare perdonare qualcosa di terribile, ma quel qualcosa è un crimine contro il suo popolo che nessuno mai gli potrà perdonare, quando finirà il suo regime e i Cubani si renderanno conto di essere stati ingannati per due generazioni in maniera abominevole, patendo inutilmente privazioni e fame, perdendo ogni dignità, vivendo in un assurdo, quanto inutile isolamento dal resto del mondo civile, in nome del suo potere personale. Non credo proprio che lo perdoneranno mai. Persino i suoi sostenitori di oggi, quando sapranno che negli anni ottanta il governo cubano era semplicemente ridotto ad una ben organizzata banda di narcotrafficanti, non credo che lo perdoneranno. E se dopo essere riuscito a farsi amare da vivo da una parte parte dei cubani ingannandoli e fuori dalla sua isola grazie alla sua formidabile propaganda anche da una parte delle sinistre mondiali, facendo uso di una ipocrita quanto falsa teoria socialista che ha tanto bene saputo fare leva sui sogni di tanti, Fidel pensa anche diventare un eroe da morto credo che si sbagli di grosso, la storia lo polverizzerà non lo assolverà di nulla, e sebbene la fortuna e la sua abilità gli hanno permesso fino ad oggi di continuare a cavarsela un giorno dovrà pagare per quello che ha fatto al suo popolo, se non nella vita pagherà da morto e forse per lui sarà anche peggio, perché il suo delirio di potere lo ha ormai convinto di essere entrato nella storia, quando un giorno salterà fuori tutta la verità su di lui e dei suoi crimini, nella storia ci entrerà ma affianco di Hitler o Saddam Ussein(suo grande amico personale) molto probabilmente. E' a causa di uomini meschini e corrotti come Fidel Castro che il socialismo è diventato solo un inganno per ottenere potere personale e di questo che la storia lo accuserà un giorno. Donne e divertimento alle spalle dei cubani, se non fosse per questi motivi a Cuba non andrebbe quasi nessuno poiché è il posto in definitiva meno attrezzato turisticamente tra i tanti bei posti dove andare ai Caraibi, i carissimi mega alberghi dormitorio sono stati solo una brutale violenza all'isola di Cuba, non sono certo quelli a richiamare i turisti. Persino alcuni alti esponenti del governo cubano disgustati, sono fuggiti a Miami, compresa una figlia di Fidel Castro, come pure vari generali dell'esercito e dell'aviazione cubana, gente che dopo aver creduto per una vita alle menzogne ha preso coscienza e ha mollato, raccontando liberamente dei conti nelle banche di Panama, dove i fieri e incorruttibili esponenti del governo cubano hanno trasferito milioni di dollari in previsione di un possibile crollo della dittatura. La figlia di Fidel Castro ha candidamente dichiarato che suo padre è un semplice assassino. Ed è questo che è Fidel Castro, un semplice vecchio mentecatto, capace di mettere al muro e far fucilare suoi cittadini semplicemente per dare un esempio in perfetto stile Nazista al resto della popolazione, un dittatore che in nome del suo trono intoccabile converte in violenza contro il suo stesso popolo ogni tentativo d’aiuto da parte del mondo esterno, cosa che lega le mani ad Europa e america nell'offrire a Cuba un qualsiasi spiraglio di libertà tramite le organizzazioni umanitarie, eppure Castro in perfetto stile da moderno Bucaniere attinge a piene mani da ogni donazione che l'Europa elargisce in aiuto del popolo cubano, pretendendolo come un regalo dovuto al suo governo, salvo poi fare sparire milioni di dollari nel nulla, come nel caso dei milioni di dollari offerti dall'Unesco per restaurare il Malecon dell'Habana mai restaurato, e vari milioni di dollari elargiti dall'Europa per l'acquisto di attrezzature ospedaliere mai comprate e così via. Il degrado e il mal costume di non rispettare le leggi della famiglia Castro è cosa risaputa a Cuba, qualche anno fa uno dei figli di Fidel Castro aveva messo su una piccola società, assieme ad un funzionario corrotto dell'ambasciata Spagnola vendeva per alcune migliaia di dollari falsi visti per uscire dall'isola, la sua ex fidanzata fuggita a Miami ha dichiarato che i guadagni del giovane Castro erano di circa trentamila dollari il  mese, ci fu un'inchiesta interna all'ambasciata Spagnola, il funzionario corrotto fu rimosso, ma naturalmente nessuno osò toccare il figlio di Castro, né i mezzi di informazione ne diedero notizia a Cuba. E dopo questo Fidel Castro ha pure l'ardire di fare il gradasso davanti il suo popolo dicendo che rinuncia agli aiuti dell'Europa che critica le sue esecuzioni sommarie, ma è un'altro dei suoi inganni propagandistici, perché lo fa evitando accuratamente di farne comunicazione ufficiale alle autorità europee che continuano a spedire denaro, medicine e merci varie a Cuba, medicine e merci che regolarmente vengono vendute in dollari nei negozi statali o finiscono sul mercato nero. Eppure ancora c’è chi trova in Fidel Castro Ruz il condottiero fiero e irriducibile, ignorando del tutto la reale situazione Cubana, rendendosi dei veri sognatori di gioia, ignorando o peggio in alcuni casi rinnegando persino la storia della rivoluzione cubana, costellata da innumerevoli omicidi di stato e veri e propri massacri di massa commessi durante e subito dopo la presa di potere di Castro. La vera tristezza è sapere che per quest’uomo ormai vecchio, il crimine ha pagato, ecco cosa dovrebbero sentire tutti coloro che hanno gli occhi chiusi dall’ideologia, se si liberassero di tutti i loro sogni di un mondo perfetto, non perché i sogni non siano il pane della vita, ma perché nel caso di Cuba sono stati loro a causare un disastro umanitario. Questo è quello che penso delle dittature in generale, e che rispecchia esattamente la realtà cubana. Non esistono dittature di sinistra o di destra, quello che si dovrebbe accettare è un dato di fatto molto semplice: ogni dittatura è uguale alle altre, poiché il potere che si arroga un solo uomo annulla ogni libertà del popolo di esistere come entità politica libera di esprimere libere idee. Le dittature da qualunque parte del modo e con qualunque scusante politica hanno tutte le medesime caratteristiche, un lider, una ristretta cerchia di collaboratori che assieme al lider stesso sono esonerati dal rispettare le leggi e il popolo che deve solo produrre il necessario alla sussistenza di se stesso e del regime. Non credo che esiste nulla di più odioso di un sistema sociale che non accetta il naturale diritto del popolo d’essere libero di poter cambiare sistema politico ed economico, questo è ottenuto in due modi fondamentalmente, conferendo una sorta di sacralità al sistema politico e di controllo sociale e molto più brutalmente con articoli di costituzione, formulati senza un referendum popolare né ideati da un parlamento libero che vietano espressamente la possibilità di cambiamenti nella struttura governativa e di orientamento politico. Ed il sistema per assicurarsi generazioni mansuete, incapaci di reazioni contro l’evidente mancanza di libertà è l’indottrinamento politico, visto che una spiegazione ripetuta migliaia di volte, sebbene irrazionale è il più antico e collaudato mezzo usato dai dittatori di tutti i paesi del terzo mondo per convincere un popolo intero che è giusto che un solo uomo debba tenere il potere, quella spiegazione per quanto irrazionale deve essere ripetuta migliaia di volte affinché il messaggio abbia l’effetto di far credere che è giusto così. Compattare il popolo attorno al suo lider con la scusante di un pericolo imminente di attacco fisico, ideologico, culturale o contro la sovranità del paese serve a far identificare nel lider stesso l’intero popolo è un’altra pratica comune a tutte le dittature. In pratica è il lider stesso a costruire gli ipotetici nemici e a mostrarsi come unico difensore capace di proteggere il suo popolo dal pericolo. Salvo poi consentire scambi commerciali a cui non può rinunciare proprio  dal resto del mondo che è indicato come il nemico da combattere. Un’altra tecnica usata nelle dittature è quella di creare una sorta di dissociazione nelle menti dei cittadini, bombardando di informazioni assolutamente e palesemente false, così palesemente false da confondere realtà e menzogna. Il controllo del popolo è effettuato con vari metodi applicati scientificamente, metodi che non sono altro che l'applicazione di sistemi di controllo sulle masse ben conosciuti da qualsiasi psicologo dilettante. Un esempio di una tecnica molto semplice ma efficace è quello di congelare il tempo, a Cuba, infatti, la teoria del governo è che è in atto ancora adesso la rivoluzione contro il dittatore Batista e contro il mondo capitalista sospendendo in una dimensione senza tempo episodi che risalgono a più di quaranta anni fa, e che il resto del mondo ha ormai dimenticato, si festeggiano piccoli episodi e si osannano gli eroi dei combattimenti della fine degli anni 50 come se fossero accaduti da poche settimane, si portano come esempio del pericolo che gli USA rappresentano fatti come gli attentati organizzati da fuoriusciti cubani nei primi anni della presa di potere di Castro, o il tentativo d’invasione di un gruppo di mercenari ed esuli cubani provenienti dagli USA della Baia dei Porci. Tutti episodi avvenuti in uno scenario mondiale totalmente diverso, i cui protagonisti oggi sono scomparsi o sono dei tranquilli pensionati, non avendo argomenti più recenti il ministero dell'informazione cubano trasmette praticamente ogni giorno in televisione vecchi filmati in bianco e nero di quei fatti, evitando accuratamente di spiegare che il mondo è cambiato, che non c'è più la guerra fredda tra USA e URSS, ma facendo credere al popolo cubano che è perennemente possibile che gli USA possano mettere in atto attentati terroristici, cosa naturalmente ridicola o che addirittura possano irrorare Cuba con prodotti chimici o batteriologici, come sostengono ha già fatto in passato. Secondo il governo cubano addirittura la zanzara che diffonde una febbre emorragica chiamata Dengue e che è storicamente da sempre una malattia endemica del sud e centro america è stato diffuso da fantomatici aeroplani statunitensi sul territorio cubano. Approfittando della mancanza di informazioni dall'esterno il governo cubano non ha nessun pudore nell'inventare false notizie, totalmente inventate, un telegiornale cubano è per me una specie di programma umoristico, per i cubani è l'unico telegiornale che possono vedere. Parte della popolazione si sottomette unicamente per effetto dell’indottrinamento pianificato da una speciale sezione che è una emanazione del ministero della cultura, un’altra grossa fetta di cittadini ha bisogno della paura per essere neutralizzata come fonte di ribellione, nelle dittature questo comporta l’uso dell’esercito per scopi interni al paese stesso e un largo uso delle forze di polizia e dei servizi segreti per il controllo delle comunicazioni telefoniche tra i cittadini all'interno dell'isola e su tutte comunicazioni con l'estero. Il controllo della popolazione è effettuato utilizzando anche il popolo stesso che in parte si presta a spiare se stesso come conseguenza del forte contrasto interno che si crea tra cittadini che si sono abbandonati totalmente alle tesi del dittatore e coloro che mettono in dubbio che la bolla di protezione e le bugie che il loro lider gli offre sia l’unico mondo possibile, oltre alla massiccia presenza di informatori del governo appartenenti alla sezione dei servizi segreti chiamata DDI infiltrati tra la popolazione che spesso non per convinzioni politiche, ma per lo stipendio aggiuntivo di circa venticinque dollari, riferiscono ogni comportamento sospetto, è sufficiente per esempio pitturare la facciata della propria casa e un cubano dopo poco si può vedere spuntare il responsabile del CDR o una pattuglia di polizia per un controllo della situazione economica e una perquisizione della casa, assurdo ma è così. La presenza e la brutalità delle forze dell’ordine viene usata per fiaccare ogni velleità di cambiamento. A Cuba esistono decine e decine di multe per ogni cosa, comportamenti che in un paese libero sono la normalità a Cuba possono significare una multa che deve essere pagata entro pochi giorni per non finire dritto in carcere, guidare l'auto con a bordo un turista comporta una multa anche se questi è solo un amico che non paga il passaggio, essere fuori della propria città comporta una multa, vendere dolcetti per strada comporta una multa, non permettere al fumigatore di entrare a casa comporta una multa, non andare ad una tribuna aperta in piazza comporta una multa di un giorno in meno di paga, ospitare un amico straniero a casa comporta una multa di ben 1000 dollari, montare un'antenna televisiva in grado di ricevere le televisioni della Florida comporta una multa, e così via, c'è una multa per ogni cosa a Cuba. Un tempo, negli anni ottanta quando il dollaro USA era vietato sull'isola per ogni dollaro trovato in mano ad un cubano erano erogati venti anni di carcere, carcere che era riservato anche ad omosessuali, che venivano anche ospitati in campi di rieducazione e carcere era riservato anche ai testimoni di Geova, colpevoli di rappresentare un pericolo alla sovranità dello stato cubano, per il principio che neppure Dio può essere al di sopra di Fidel Castro. Indispensabile in ogni dittatura è creare isolamento dalle notizie esterne, poiché queste annullerebbero l’effetto della propaganda politica, quindi anche a Cuba sono vietati internet per uso privato in casa e oscurati i siti considerati a rischio ed è vietata la televisione via satellite. Anche se spesso il dissenso interno non è del tutto controllabile poiché l’isolamento politico quindi economico delle dittature spesso costringe ad un’apertura eccessiva al turismo di massa, che come nel caso di Cuba rappresenta una fonte irrinunciabile di preziosi dollari, una medicina che è anche un veleno perché mezzo attraverso il quale giungono notizie e nuove idee. Per coloro che non si piegano a nessun sistema di quelli elencati esiste l’emarginazione sociale e infine la reclusione, e nei casi estremi la soppressione fisica. Il lider fa sì che il suo popolo si identifichi in lui e lui nel suo popolo, in questo modo ogni forma di dissenso non viene indicata come un pericolo per lui stesso ma per l’intera popolazione. Ovviamente la stampa e l’informazione televisiva e radio sono in mano al regime quindi evitano accuratamente evita di far riferimento al malcontento del popolo che quindi si trova a non avere informazioni sulla reale forza dissidente nel paese in grado di eventualmente ribellarsi al controllo governativo, a guardare la grottesca televisione cubana sembrerebbe che i cubani sono tutti degli ebeti incapaci di avere idee proprie e di rendersi conto dello sfacelo sociale ed economico dell'isola, cosa che ovviamente non è vera. Ogni dittatura, specie quelle nate sulle ceneri di altre dittature migliorano i sistemi di controllo della popolazione, come naturale evoluzione, chiudendo i varchi che hanno attraversato per scavalcare la dittatura precedente e migliorando la propria sicurezza, cosa che ha fatto naturalmente il governo cubano, infatti la repressione dei dissidenti è oggi a Cuba ben più dura di quella che attuava la precedente dittatura di Batista. Altro sistema utilizzato per rendere più malleabili i cittadini e meno in grado di acquisire informazioni dall’esterno è mantenere basso, al limite della dignità il livello economico, e culturale. La scarsa alimentazione è il più estremo dei metodi per tenere mansueto un popolo, ricordiamoci che a cuba se la gente non si desse da fare in tutti i modi per cibarsi e dovesse effettivamente vivere con quello che il governo passa con la libretta e i pochi pesos cubani dello stipendio le carenze alimentari sarebbero gravissime. Con questi presupposti è ovvio che utilizzando ad arte propaganda, informazione, forze di polizia e servizi segreti è possibile creare una struttura sociale che nonostante le difficoltà economiche e il mal contento è capace di resistere decenni, ma si tratta comunque di sistemi sociali instabili, ogni sistema dittatoriale ha dei limiti evidenti, il più grande e ovvio e totalmente distruttivo è la necessità (che ne è anche la causa) di avere un lider, ed il limite sta nel fatto che prima o poi questo lider verrà a mancare, anche se nessun evento innaturale porrebbe fine alla sua dittatura la sua stessa natura mortale porrà fine al suo controllo disintegrando il motivo stesso dell’esistenza della dittatura: il dittatore stesso, e questo è specialmente vero nel caso di Cuba, dove Fidel Castro è un uomo di grande carisma ma che ha ridotto il suo popolo allo stremo, popolo che molto difficilmente alla sua morte vorrà perdere l'occasione di liberarsi dal supplizio che ha dovuto patire per oltre 40 anni, anche perché il passaggio di potere dopo la morte di Fidel al fratello Raul, che è da sempre mal visto dai cubani per il suo carattere spietato e privo di carisma sembra poco probabile. Raul Castro tra l'altro rischia di essere arrestato se uscisse da Cuba, visto che è accusato dall'interpol di traffico internazionale di stupefacenti, e ha in oltre molti nemici giurati all'esterno di Cuba che pare abbiano promesso di farlo fuori alla prima occasione. E' assodato che Raul, anche se i cubani non si ribellassero approfittando della morte del fratello Fidel, non riuscirebbe sicuramente a tenere cuba in quel magico equilibrio tra ribellione e oblio che vive oggi. Il resto della struttura del governo cubano creata dal dittatore, dopo la sua morte probabilmente tenterà, comunque vadano le cose di sopravvivere al crash, l’ultimo atto di ogni dittatura è l’effetto dell’egoismo del suo dittatore che non gli consente di immaginare un futuro senza di lui che permetta al suo popolo di sopravvivergli. Dopo ogni dittatura e quella cubana è una dittatura da manuale, l’unica cosa certa che ci si possa aspettare è il caos e decenni di duro lavoro per ricreare una vera democrazia e una degna struttura economica. Comunque sia la situazione attuale di Cuba è una continua lenta ma inesorabile perdita di controllo del governo sul popolo, tutti infatti infrangono le leggi e lo fanno ormai senza neppure rendersene conto, perché sono costretti a farlo per sopravvivere da decenni, e gran parte della popolazione di molti piccoli centri abitati lontani dall'Habana ha perso il rispetto per l'autorità, ed è cosciente della inevitabilità di abbandonare un sistema economico ridotto ad una carcassa arrugginita incapace di fermare il crollo verticale verso la fame che da parecchi anni cuba sta vivendo. Ho sentito di dover scrivere queste righe in ricordo delle migliaia cubani che hanno perso la vita a causa della dittatura, per le migliaia di dissidenti incarcerati e dimenticati da tutti, per coloro che sono annegati nel canale della florida tentando la fuga e in onore a tutti quelli che lottano ogni giorno per vivere, nella misera condizione di non aver avuto l’opportunità di conoscere la libertà, perché una delle cose più tristi che si possa provare a Cuba è rendersi conto che due intere generazioni di uomini sono nati e cresciuti semplicemente ignorando il loro diritto alla libertà di pensiero e come animali ammaestrati dal padrone, odiano Fidel ma non riescono ad avere il coraggio di alzare lo sguardo e chiedere la libertà, semplicemente perché ignorano che hanno il diritto di farlo. Perché Fidel non è il papà che  nutre e si occupa benevolmente del suo popolo, come insegnano a scuola ai bambini (esiste una canzoncina che devono cantare a scuola con queste parole!), e loro sono uomini e non bestie. E in nome della mia semplice ideologia, la libertà.|



03/01/2004
 

La storia di Fidel Castro.

Fidel Castro arriva al potere il 1 gennaio 1959, con l'appoggio della grande maggioranza della popolo. I cubani cedettero alle sue promesse di ripristinare la democrazia dopo il crollo della dittatura di Batista, instauratasi nel marzo 1952, alla vigilia delle elezioni, con un golpe che aveva interrotto il regime costituzionale in vigore dal 1940. Negli anni '50 il problema più grave a Cuba era di carattere politico a causa del malgoverno e della corruzione che si era ulteriormente acuita durante la dittatura batistiana. Malgrado questo, l'isola aveva raggiunto un notevole progresso economico e sociale. Il giudizio sull'odierno disastro dell'economia cubana, che il regimi imputa all'embargo nordamericano, è spesso fuorviato da una conoscenza inesatta delle condizioni dell'isola prima dell'avvento del regime castrista. Tutti gli indicatori (istruzione, sanità, alimentazione, trasporti, dipendenza dall'estero, agricoltura, industria) concorrono a dimostrare che Cuba negli anni '50 si trovava con il Costarica, il Cile e l'Argentina, in testa alle graduatorie di sviluppo dell'America latina. Oggi è evidente che fin da allora il disegno di Castro era di garantirsi un potere assoluto e illimitato.A tale scopo utilizzò abilmente la bandiera della democrazia per impadronirsene e, una volta raggiuntolo, quella marxista-leninista per perpetuarlo con una giustificazione ideologica e ottenere l'appoggio politico ed economico, per lui indispensabile, dall'ex blocco sovietico. Per riuscire in questa impresa, Castro dovette scontrarsi con la forte opposizione, anche all'interno delle sue fila, di un vasto settore che aveva partecipato alla lotta contro la dittatura. Fra il 1960 e il 1966, furono stroncati vari tentativi di resistenza nelle città e una guerriglia nelle montagne dell'Escambray, poco noto all'estero, durante la quale le truppe speciali dell'esercito castrista fucilarono e deportarono migliaia di contadini. Le carceri si riempirono di centinaia di migliaia di uomini e donne di ogni ceto sociale, arrestati e condannati con processi sommari a pene detentive tra le più lunghe d'America: 20, 30 anni, come è stato per Huber matos e Mario Chanes de Armas, che fin dal 1953 avevano lottato al fianco di Castro. In appena tre anni, Castro riuscì a imporre il sistema totalitario che stabiliva un ferreo controllo sui sindacati, le organizzazioni professionali, la stampa, il sistema educativo, il sistema sanitario e una statalizzazione totale dell'economia con nefaste conseguenze per il paese. L'esercizio dell'iniziativa privata diventò da allora a Cuba un reato. Tutti i culti religiosi vennero perseguitati e i beni e le scuole delle chiese protestanti e cattoliche vennero confiscati. Nelle carceri castriste le violenze inflitte ai prigionieri politici sono sempre state all'ordine del giorno; dalle fucilazioni simulate, all'isolamento nella famose "gavetas" (letteralmente "cassetti", celle di 1.21 x 1.81 metri) o "tapiadas" (celle murate), dai campi di lavoro forzato alle forzate "cure psichiatriche" con psicofarmaci ed elettroshock, secondo metodi importati dall'ex blocco sovietico.Un'analisi delle odierne condizioni di vita a Cuba conduce alla conclusione che quasi tutti i Diritti Umani contemplati nella dichiarazione universale vengono violati, e di queste violazioni fa le spese l'intera popolazione, non solo i perseguitati politici o i detenuti. Le violazioni più appariscenti sono: Le fucilazioni, mai cessati dal 1959; il poliziesco controllo dei CDR (comitati di difesa della rivoluzione) installati in ogni isolato per spiare i cittadini; Gli arresti arbitrari, gli "atti di ripudio", veri pogrom affettati da folle manovrate dal regime e, più recentemente le Brigate di Risposta Rapida ossia squadre di picchiatori che si scatenano contro gli attivisti dei Diritti Umani, i dissidenti, e la popolazione in generale che prova a resistere. Le più gravi e costanti violazioni dei Diritti Umani avvengono però tramite la repressione indiretta,meno visibile ma più efficiente per ottenere il completo controllo della popolazione. un controllo reso possibile dal carattere totalitario dell'attuale società a Cuba, dove si steudia, si lavora, si mangia e si riceve assistenza medica unicamente attraverso lo Stato. In una simile società, il criterio utilizzato per determinare la promozione sociale è "l'integrazione politico-ideologica": il totalitarismo cerca di controllare il cittadino in ogni manifestazione, operando mediante una coercizione raffinata, quasi invisibile agli occhi del visitatore straniero. Eccono gli aspitti più salienti: stampa, radio e televisione sono completamente imbavagliate. Nell'articolo 53 dell'attuale Costituzione cubana si afferma infatti che la libertà di parola e di stampa può essere esercitata solo se corrispondono agli obiettivi della società socialista ed esclusivamente da organi ed enti di proprietà statale; nelle scuole e nell'università,è in vigore l'uso dell'"Expediente Acumulativo", una scheda che è una vera e propria spada di Damocle dove vengono valutati, anno per anno, l'integrazione ideologica e il comportamento politico dello studente e dei suoi famigliari. Il corpo insegnante è pertanto costretto a svolgere una funzione poliziesca; nel posto di lavoro, esiste l'"Expediente Laboral" che, con le stesse caratteristiche di quello scolastico, accompagna la persona fino alla tomba. anche in questo caso, il criterio principale di valutazione del lavorante è la sua integrazione ideologica. Vengono utilizzate tecniche di condizionamento che ne stabiliscono i cosiddetti "meriti" e "demeriti" onde addomesticarlo ulteriormente, premiandolo con buoni acquisto per beni di consumo introvabili, soprattutto elettrodomestici, affinchè si comporti come desidera il governo; l'acquisto di prodotti alimentarie di abbigliamento è regolamentato dalla tessera annonaria ("Libreta de Abastecimiento") in vigore dal 1962. Il razionamento riguarda tutti i prodotti e si è ristretta sempre più la gamma e la quantità dei generi alimentari disponibili. E' una forma capillare di controllo del cittadino, costretto a comperare i prodotti di prima necessità nei negozi governativi assegnatigli nel quartiere o nel centro di lavoro, poichè a Cuba è un reato rivolgersi direttamente al contadino per acquistare un prodotto non contemplato nella tessera. Una misura che non ha precedenti nè nell'ex URSS, nè in Cina dove non è mai stato abolito il libero mercato contadino. Il regime impedisce inoltre qualsiasi esercizio della libera professione: l'individuo p costretto a lavorare esclusivamente per lo Stato, com'è il caso clamoroso dei medici e degli avvocati; la mobilità geografica dell'individuo è fortemente controllata, sia dentro il paese che per viaggi all'estero; per spostarsi è necessario esibire la carta d'identità sulla quale sono indicati oltre ai dati anagrafici anche il nome e l'indirizzo del posto di lavoro, i dati del coniuge e dei figli e, sotto l'annotazione "anotaciones especiales", viene segnalata l'eventuale "pericolosità sociale" dell'individuo. E' anche necessario un permesso per cambiare domicilio e un permesso a pagamento per uscire dal paese per poi potervi rientrare; è praticamente obbligatorio appartenere alle numerosissime organizzazioni di di massa esistenti nel paese. Per loro tramite si rafforza la sorveglianza, e si inquadra anche il tempo libero dei cittadini nel cosiddetto "lavoro volontario", previsto sia per i bambini e gli adolescenti, che per gli adulti; un apartheid politico-ideologico colpisce anche la religione in modo significativo. Una repressione che viene in forma sottile, secondo le direttive di Castro di fare dei credenti degli "apostati, non dei martiri". Nelle molteplici schede di verifica, che costantemente ivestigano l'individuo, essere credenti è una "macchia" che comportava la discriminazione sul piano degli studi e del lavoro. I credenti praticanti trovavano molti ostacoli, sia quando desideravano intraprendere studi universitari di rilievo sociale, sia nella promozione professionale. Tutti i credenti sono stati vittime della repressione indiretta e spesso di quella diretta, come è avvenuto dal 1965 al 1967 nei campi di lavoro forxato delle Unità Militari di Aiuto alla Produzione (UMAP) dove furono internati sacerdoti (compreso l'attuale vescovo dell'Avana, Cardinal Jaime Lucas Ortega), ministri, pastori, seminaristi, laici e un gran numero di Testimoni di Geova che subirono vere e proprie sevizie e furono, in seguito, espulsi dal paese; un'altra categoria fortemente discriminata e perseguitata è quella degli omosessuali, anch'essi rinchiusi nei campi di lavoro UMAP, sottoposti a elettroshock per "curarli dalla malattia sessuale", tra le persone che sono passate da questi gulag si trovano figure note come lo scrittore cubano Reinaldo Arenas. Questa situazione repressiva-discriminatoria ha ridotto all'avvilimento la grande maggioranza dei cittadini cubani, costretti a mentire continuamente per sopravvivere e a fingere una lealtà al regime che non condividono. Più recentemente è stato loro imposto, in modo sempre più odioso, un nuovo apartheid che li discrimina nella loro stessa terra nei confronti del turista o dello straniero, il quale ha accesso a ristoranti, spiagge, negozi e alberghi da cui essi sono esclusi, non potendo pagare in dollari. Dopo il crollo del blocco sovietico e della stessa URSS, il "cordone ombellicale" che alimentava il regime castrista si è spezzato. L'eliminazione di quell'enorme aiuto finanziario (150 miliardi di dollari) che ha sussidiato per anni un sistema economico inefficiente, ha ridotto il popolo cubano - molto più dell'aggirabile embargo economico americano - in uno stato di totale indigenza, senza precedenti nella sua storia. Nell'attuale "periodo speciale in tempo de pace" proclamato dal Lider Màximo, consumi, trasporti e scambi sono retrocessi ai livelli dei tempi Conquista, per l'ostinazione di un uomo e di una élite che hanno inalberato il motto "socialismo o morte", senza però subire le conseguenze delle drastiche restrizioni imposte alla popolazione. Questa "nomenklatura" cubana ("pinchos" o "mayimbes", come li chiama il popolo) gode infatti di enormi privilegi, particolarmente odiosi nella situazione di miseria generalizzata che li circonda. Di loro la gente dice che sono "padroni di nulla e proprietari di tutto". E' facile predire che l'implacabile repressione esercitata in modo diretto e indiretto dal regime di Fidel Castro, moltiplicherà i tentativi di fuga dall'isola.  

 

La "Rivoluzione"

Le tappe dela dittatura castrista Ripercorriamo allora schematicamente alcuni momenti della sua vicenda storica : l'8 gennaio 1959 entra trionfalmente all'Avana. Giova qui ricordare che due anni prima, in un'intervista al giornalista Matthews del New York Times, aveva affermato che il potere non gli interessava e che la sua intenzione era quella di ritornare immediatamente ad occuparsi della sua professione di avvocato. Invece, il 15 febbraio del 1959, prende il posto del primo ministro dimissionario ed accentra così sulla sua persona le cariche politiche e militari, dal momento che era già comandante in capo dell'esercito. Pochi mesi dopo, a giugno, dimentica la promessa fatta di indire libere elezioni (erano uno dei punti fondamentali del programma rivoluzionario) chiedendo in modo ironico, in un discorso pubblico: "Elezioni?A cosa servono?". Abolì poi la Costituzione che era stata promulgata nel 1940; iniziò a governare per mezzo di decreti sino a quando, nel 1976, impose una nuova Costituzione, redatta sulla falsa riga di quella dell'Unione Sovietica. Promulgò anche le famose leggi n° 53 e 54 che disciplinavano il tema delle libere associazioni dei cittadini, limitandone di fatto la formazione. Sempre nel giugno del 1959, diede il via al programma di riforma agraria facendo occupare dai militari cento proprietà terriere: i democratici che facevano parte del suo governo cominciarono ad abbandonarlo o ad essere sostituiti da militanti marxisti, mentre gli oppositori venivano arrestati e fucilati (come William Morgan, che era stato comandante con Castro ai tempi della permanenza sulla Sierra). Al termine dell'anno successivo, con la scomparsa dei pochi giornali indipendenti, la stampa era di fatto imbavagliata. L'immobilizzazione delle classi medie Dopo aver colpito le classi medie, il regime cominciò a interessarsi anche degli operai: il segretario della Confederazione generale dei lavoratori cubani (David Salvador, democraticamente eletto nel 1959) venne forzatamente affiancato da due vicesegretari non eletti ma imposti dal regime. Tentò di opporsi all'infiltrazione di elementi comunisti che avevano il compito di assumere il controllo sul movimento operaio: venne sempre più emarginato, fu costretto a vivere in clandestinità sino a quando, nel 1962, fu arrestato e condannato a 12 anni di reclusione. Il nuovo sindacato unico, il CTC, "chiese" l'abolizione del diritto di sciopero: Fidel Castro aveva così imposto il suo controllo anche sui diritti fondamentali dei lavoratori. L'atteggiamento antireligioso Anche nei rapporti con la chiesa Castro non ebbe scrupoli di sorta. Il Lider Maximo era stato arrestato nel 1953 e la sua vita era stata salvata grazie all'intervento dell'Arcivescovo di Santiago de Cuba, monsignor Pérez Serantes; la chiesa cubana aveva anche approvato l'allontanamento del dittatore Batista ma aveva poi avuto la colpa di condannare con una certa fermezza sia i processi sommari subito intentati dal nuovo regime, sia l'ingerenza comunista che si faceva sempre più pesante e condizionante. Così, nel 1961, Castro chiuse tutti i collegi religiosi, espulse i sacerdoti e lasciò i cubani 'liberi'di professare la fede preferita, salvo poi colpire con ritorsioni i fedeli: tra le tante ricordiamo l'impossibilità di accedere all'università e alle cariche amministrative. Le faide interne al movimento di liberazione Alla strategia del terrore adottata dal regime non sfuggirono i collaboratori della prima ora. È esemplare a questo proposito la vicenda di Huber Matos. Questo rivoluzionario aveva costantemente rifornito i barbudos che si trovavano sulla Sierra, aveva liberato Santiago de Cuba comandando la colonna n°9 ed era poi stato nominato Governatore della Provincia di Camaguey. Matos tentò di opporsi alla trasformazione del regime in senso comunista e venne arrestato. Fidel Castro partecipò personalmente al processo, imponendo ai giurati di "scegliere tra loro due" e togliendo la parola ai testimoni favorevoli all'imputato che venne condannato a 20 anni di carcere, interamente scontati. Il controllo della cultura L'università fu posta sotto il controllo dei fedelissimi del Lider Maximo e anche i rappresentanti della Federazione studentesca venivano scelti dal regime mentre coloro che intendevano presentarsi in modo indipendente venivano bloccati con ogni mezzo, compreso l'arresto. Nel 1972 moriva in carcere Pedro Luis Boitel che si era candidato alla presidenza della Federazione: era stato arrestato, sottoposto a carcere duro, al punto che il giovane aveva fatto numerosi scioperi della fame per vedere rispettati almeno i suoi diritti minimi (quegli stessi, diceva lui, che il regime castrista chiedeva per coloro che erano rinchiusi nelle carceri dei Paesi del SudAmerica). A nulla valsero le sue proteste: dopo 53 giorni di sciopero della fame fu lasciato morire il 23 maggio 1972. L'annientamento dell'opposizione Il regime non rinunciò neppure all'uso della deportazione. L'opposizione democratica (fatta da molti rivoluzionari della prima ora) si andava formando nella clandestinità e si concentrava sui monti dell'Escambray: Raul Castro, fratello del Lider Maximo, dopo aver tentato di stroncare il movimento con l'esercito, fece deportare centinaia di famiglie di contadini che si trovarono improvvisamente lontane dalle loro case. L'azione aveva lo scopo di eliminare le basi 'popolari' della rivolta. La guerriglia si protrasse per 5 anni e fu stroncata nel sangue: più di 1000 persone furono uccise e tra di loro anche Jesùs Carrera, uno dei capi della rivoluzione contro Batista che fu fatto uccidere personalmente da Che Guevara. Anche Sorì Marìn, già ministro dell'Agricoltura che conosceva Castro sin dagli anni '50, fu fucilato pochi giorni dopo che il Lider Maximo aveva promesso alla madre che gli avrebbe salvato la vita. D'altra parte i processi si celebravano in modo sommario: già dal 1960 i Giudici iniziarono a dipendere direttamente dal potere centrale, con la negazione assoluta di uno dei principi fondamentali di ogni democrazia, l'indipendenza della giustizia dagli altri poteri statali. La Gestapo rossa Fidel Castro si dotò anche di un sistema di informazioni estremamente efficace: il Dipartimento della Sicurezza di Stato, che dai cubani viene chiamato la Gestapo rossa. Operativo sin dai primi anni '60, dipende dal ministero degli Interni ed è costituito da diverse sezioni con compiti precisi: controllare il mondo dell'arte e della cultura, l'economia, i trasporti, le comunicazioni (anche Internet viene disincentivata in ogni maniera con costi altissimi di accesso, verifiche costanti su tutte le connessioni e con limitazioni motivate dalla sicurezza nazionale), la corrispondenza… e più di 1000 agenti sono addetti alle intercettazioni telefoniche. Una sezione speciale poi, la Dem, si avvale di migliaia di informatori, crea dossier su tutti i cittadini cubani, controlla le 'opinioni' e infiltra agenti nelle organizzazioni religiose. La Dem, nel 1995, contava 50.000 uomini. La più famigerata delle Direzioni è la n° 5, quella preposta all'eliminazione degli oppositori: gli strumenti di lavoro sono la detenzione in totale isolamento, le torture (condotte a Villa Marista all'Avana), gli assassini in patria e all'estero. Una articolata strategia repressiva Tutto questo articolato sistema ha realizzato una strategia della repressione che, solo negli anni sessanta, avrebbe portato all'assassinio di circa 10mila persone e all'incarcerazione di altre 30mila. Sino dal 1965 furono creati dei "campi di lavoro" nei quali venivano rinchiusi tutti coloro che erano considerati "pericolosi" per la società (tra questi erano compresi i religiosi e gli omosessuali: questi ultimi subivano umiliazioni pubbliche sul posto di lavoro ed erano poi sottoposti ad un processo di 'rieducazione' estremamente duro). Il lavoro forzato era condotto in condizioni disumane (lavorare praticamente nudi sotto il sole) e chi accennava a ribellarsi veniva costretto anche a tagliare l'erba con i denti o a rimanere immerso per giorni interi nei pozzi neri. La tortura faceva uso di ogni mezzo, colpiva sia il corpo che la mente: anche i medici intervenivano spesso per torturare i detenuti politici con droghe di vario genere. I mezzi sono quelli tristemente conosciuti e impiegati in tutti i regimi dittatoriali: elettroshock, cani da guardia, persone gettate dalle scale con scarpe zavorrate di piombo, privazione del sonno, insetti, isolamento totale… Sull'autostrada di Pinar del Rio (al Km5,5) esiste un carcere di estrema sicurezza in cui si applicano soprattutto torture di carattere psicologico; il centro della Polizia politica di Santiago di Cuba infligge trattamenti, che durano mes,i ai prigionieri che vivono sempre nudi, ammassati in celle piccole, o in isolamento totale, e che vengono svegliati ogni 20-30 minuti. Ma le carceri più tristemente famose sono quelle della Cabana e di Boniato. A Cabana i detenuti venivano rinchiusi in celle sotterranee chiamate buchi di topo. A Boniato invece le esecuzioni proseguono ancora: in questo carcere i detenuti politici vengono messi volutamente assieme a quelli comuni e subiscono ogni sorta di soprusi. Particolarmente dura è la condizione delle donne sottoposte ad ogni tipo di umiliazione. I campi di lavoro a "regime severo" usano ancora oggi i sistemi tristemente noti dal tempo dei lager nazisti: i detenuti vengono giudicati e puniti dai loro stessi compagni (figure simili a quelle dei kapò nazisti). La forza dell'ideologia La lotta contro gli oppositori (anche solo presunti) si effettua anche con il coinvolgimento della popolazione che viene invitata a pronunciare dei veri "atti di ripudio" contro famiglie che il regime vuole distruggere socialmente. La popolazione si concentra vicino alla casa dei poveretti, lancia insulti e sassi, scrive slogan, senza che la famiglia possa difendersi in alcun modo: questo sistema è utile a fomentare un sentimento continuo di odio reciproco all'interno della struttura sociale. Questi atti di ripudio sono facilitati anche da una legge del 1978 che prevede che un cubano possa essere arrestato quando la polizia lo ritenga semplicemente un possibile pericolo per la sicurezza della nazione: senza colpe, senza avere fatto alcunché, ma soprattutto senza possibilità di difesa, è sufficiente formulare un'opinione non conforme a quanto il regime impone. L'esodo del balseros Tutto quanto sopra descritto ha contribuito a determinare una situazione che è conosciuta come l'esodo dei balseros (gli uomini delle zattere): migliaia di persone che hanno cercato, e cercano, di lasciare Cuba con le barche per raggiungere la Florida. Sono molte decine di migliaia i cubani che hanno cercato la libertà con questi mezzi e molti di loro sono anche morti: Fidel Castro usava gli elicotteri per bombardare, con sacchi si sabbia, le zattere e nel 1994 almeno 7000 persone sono morte durante i tentativi di fuga. I numeri secondo Amnesty International Chiudiamo con una sintesi dei numeri che sono conosciuti: secondo Amnesty International a Cuba ci sarebbero più di 2.000 prigionieri politici; più di 100.000 cubani sono stati nei campi di lavoro; sono state assassinate da parte del regime circa 17.000 mila persone. Alcuni storici hanno avanzato l'ipotesi che le persone 'scomparse' sotto la dittatura castrista siano numericamente superiori ai più conosciuti desaparecidos del regime cileno di Pinochet.

 

La "cultura cubana"

di Carlos Alberto Montaner*

La curiosa storia dei rapporti tra il regime castrista e gl’intellettuali. Quelli stranieri osannanti al comunismo, quelli cubani in carcere Èsuccesso di nuovo. Pochi giorni fa la polizia politica cubana ha aggredito i democratici dell’opposizione e ha arrestato quasi 80 persone «per ordine personale di Castro», come turpemente si è scusato il tenente colonnello Pichardo, un uffi-ciale che alterna la professione di psicologo con lo sporco lavoro di carceriere. Poco dopo sono stati fucilati tre giovani che, in modo incruento, tentavano senza successo di appropriarsi di una barca per andare negli Stati Uniti. Tra i condannati a lunghe detenzioni in carcere, gli agenti si sono accaniti contro i giornalisti, i bibliotecari indipendenti, gli attivisti per i diritti umani e i leader politici che cercano una pacifica transizione verso la democrazia, alcuni di essi vicini al “Progetto Varela”. Nella retata è caduto anche il più famoso poeta di Cuba, Raúl Rivero. Così come l’economista Marta Beatriz Roque Cabello e i dirigenti liberali Osvaldo Alfonso Valdés e Héctor Palacios. Faranno compagnia a varie centinaia di prigionieri politici già arrestati. Uno di loro è un giovane avvocato cieco, Juan Carlos González Leiva, che prima di essere definitivamente incarcerato fornì ai comunisti un motivo di divertimento tutto particolare. Fu sequestrato per strada, venne portato in un posto appartato, poi picchiato, privato del bastone di non vedente e lasciato su una montagna. Il “gioco” consisteva nell’accertare il numero di ore che il dissidente avrebbe impiegato per fare ritorno dalla moglie terrorizzata. Perché questo nuovo impulso repressivo? In realtà, si tratta di una routine è qualcosa di usuale. È il modo con cui Fidel Castro esercita e detiene il potere. A metà degli anni Novanta, decine di cubani furono improvvisamente incarcerati. In testa, vi erano Vladimiro Roca e altri suoi tre compagni auto- ri di un coraggioso documento intitolato La Patria è di tutti. Poco prima nel 1991, l’anno in cui si disgregò l’Unione Sovietica, successe qualcosa di simile e decine di famosi dissidenti, liberati dagli scrittori Maria Elena Cruz Valera e Fernano Velasquez, finirono incarcerati per molti anni in celle infette. Nel 1989, spaventato dalla perestroijka, Castro fucilò il generale Arnaldo Hochoa e il colonnello Tony De La Guardia, e fece incarcerare decine di ufficiali sospettati di “riformismo”. Nel 1980, preceduti dall’arresto di Gustavo Arcos, Ricardo Bofill e Elizardo Sán- chez – i pionieri della lotta per i diritti umani nell’Isola –, migliaia di cubani, accusati del “delitto” di voler abbandonare il Paese legalmente, sono stati inseguiti dalla folla, picchiati e umiliati per setti- mane. Nel 1975, quando le truppe cubane andarono in Angola per combattere una guerra di conquista a favore dei sovietici, Castro si accanì sulle università scatenando un’intensa persecuzione contro gli studenti “antisociali”, ovvero quelli che presentavano segni d’indipendenza ideologica. Nel 1971, il “caso Heberto Padilla” – un poeta eccezionale, a tal punto plagiato da essere disposto a ritrattare pubblicamente i propri versi, gli amici e la fede – originò il Primo Congresso della Cultura, oscena consacrazione d’intolleranza che dichiarò guerra a ogni manifestazione di libertà intellettuale. Negli anni Sessanta, quando il regime decise di annientare i cubani “depravati” nello sforzo rivoluzionario teso a costruire “l’uomo nuovo”, incarcerò migliaia di omosessuali, di hippy, di Testimoni di Geova, di protestanti e di cattolici rei di professare la propria fede. Poco prima, era stata schiacciata la “microfrazione”, una presunta cospirazione di comunisti ostili al caotico governo di Castro. Gl’insegnamenti del vecchio Lenin Non siamo tuttavia di fronte a un fenomeno eccezionale, ma piuttosto a una strategia metodicamente impiegata che non lascia passare mai più di cinque anni tra questi episodi di furia e di persecuzione rabbiosa. Ma cosa serve tutto ciò a Castro? Semplice: si scatenano i saccheggi quando il líder maximo capisce di stare perdendo il controllo completo della società. Per lui è uguale che le vittime siano democratici, comunisti revisionisti o persone comuni. Quando li individua, quando intuisce la loro esistenza o quando percepisce che si allentano le briglie con le quali controlla il popolo, scioglie i cani da caccia perché seminino terrore e distribuiscano le giuste punizioni. Inoltre è possibile che ritenga, come credeva Lenin, uno dei suoi personaggi favoriti, che il terrore, specialmente quello esercitato contro gl’innocenti, sia la maniera più efficace per indurre all’obbedienza collettiva, affinché nessuno possa sentirsi al riparo di punizioni che hanno perso ogni relazione con atti precedentemente vietati. Quando una diffusa e imprecisa paura s’insinua nella coscienza della gente, chi la percepisce si trasforma in tremolante animaletto ossequioso: esattamente quello che Castro si aspetta. È bene essere chiari: a Cuba la forte repressione non è la conseguenza dello scontro con gli Stati Uniti, né della violazione della legge da parte dei cubani. Tutto questo è aneddotica. Non bisogna cercare razionalità né rapporti di causa ed effetto. La repressione castrista è il metodo di controllo fondamentale per mantenere la piena auto- rità nelle mani del tiranno. Così è stato per 44 anni e Castro non vi rinuncerà in virtù di alcuna sanzione economica o morale che gli s’imponga, perché è convinto che su ciò si fondi la propria capacità di mantenersi al potere. Da qui, una triste conclusione: è inutile sperare o chiedere a Castro un cambiamento dei suoi metodi di governo. Sarebbe assurdo come cercare di convincere una tigre a diventare vegetariana. Il ministro Abele, ma Caino Quest’atmosfera di sinistra repressione si manifesta anche in modo drammatico fra gl’intellettuali. Il ministro cubano della Cultura si chiama Abele, Abel Prieto. Gli scrittori, i musicisti e i pittori lo chiamano invece sottovoce “Caino”. Perché uno dei suoi compiti principali è mantenere la ferrea disciplina stalinista tra gli artisti di Cuba. È lui il poliziotto incaricato di pattugliare il mondo della cultura. Il suo ruolo è quello di perseguitare i colleghi, spaventarli e mantenerli perennemente in stato di timore. Per esempio, mentre scrivo questo articolo nel mio ufficio di Madrid, a L’Avana i funzionari dell’Unione degli Scrittori e degli Artisti di Cuba, organismo che dipende da Abele-Caino, stanno sollecitamente raccogliendo, attraverso ogni genere di pressione, le firme dei propri iscritti al fine di denigrare moralmente il maggior poeta di Cuba, Raúl Rivero, e altri 25 giornalisti condannati a numerosi anni di prigione – 28, 27, 20, ecc. –, accusati una settimana fa di aver scritto articoli diversi dalla versione ufficiale data dal regime. In realtà, le relazioni del dispotismo cubano con gli intellettuali sono sempre state difficili. Castro non si è mai sentito a proprio agio tra chi mostra una certa capacità intellettuale. Se ci ricordiamo la nomina dei fondatori del “Movimento 26 luglio”, ap- pare chiaro un divorzio totale tra Castro e la intellighenzia della metà del secolo XX, epoca nella quale il barbuto comandante (a quel tempo imberbe) preparava la rivolta contro Fulgencio Batista. Non c’è nel suo entourage né uno scrittore, né uno scultore capaci di fornire una coerente analisi di quanto succede nel Paese. Tutti sono “rivoluzionari”, parola che per Castro significa solo “uomo d’azione”, sempre disponibili a premere il grilletto di una mitragliatrice o a sequestrare un avversario. Nonostante l’origine violenta ed estranea alla cultura, Castro scoprì presto che per trasformare Cuba in uno dei centri di espansione comunista nel mondo doveva reclutare un gruppo d’intellettuali amici, i quali avrebbero avvallato quanto succedeva nell’Isola e dato rispettabilità a quanto non era altro che satrapia stalinista. Stan- do così le cose, negli anni Sessanta cominciò un incessante andirivieni di turisti rivoluzionari come Jean-Paul Sartre, l’editore Giangiacomo Feltrinelli e Gabriel García Márquez fino a José Saramago, il recente Premio Nobel portoghese, decisi a dare al regime la prestigiosa reputazione che avevano come intellettuali. Sembra però che il vecchio idillio tra la sinistra intellettuale e il dispotismo cuba- no sia alla fine. Il forte rifiuto internazionale, provocato dall’ultima ondata di arresti e di fucilazioni, minaccia di indebolire l’influenza castrista nel mondo della cultura, costruita dopo anni di tenace lavoro diplomatico, realizzato dai servizi segreti attraverso l’“Istituto di Amicizia con i Popoli”, un organismo poliziesco copiato dall’organigramma sovietico. L’ultimo a render- sene conto è stato Saramago. “Fino a lì non mi spingo”, ha dichiarato alla stampa il romanziere portoghese indignato per gli ultimi crimini di Castro. Il limite sono state le recenti fucilazioni. È un peccato che non si sia reso conto che prima di loro altri 18 mila cubani sono stati fucilati. • * Presidente del Partito liberale cubano in esilio Abril 19, 2003

 

Note sulla prostituzione a Cuba.

Sfruttamento sessuale dei bambini nel turismo. Il turismo in espansione, unitamente ad altri fattori, ha contribuito alla crescita delle infrastrutture di svago. Collegato a ciò si è avuto un aumento della prostituzione e casi di commercio umano incoraggiati dalla difficile situazione economica del paese dal 1990. Ogni giorno nuovi bambini sono avviati alla prostituzione per guadagnare qualcosa e così contribuire alla sopravvivenza della famiglia. Molti bambini di strada vengono rapiti e diventano in seguito vittime di sfruttamento sessuale. Nella loro disperazione, alcuni cedono davanti a promesse di lavori ben retribuiti nelle città. Negli anni recenti, è aumentato notevolmente il numero di bambini sfruttati sessualmente nelle città. La stampa riporta casi in cui i turisti stranieri hanno richiesto in particolare bambini al di sotto dei 14 anni. La prostituzione è illegale a Cuba. I clienti possono essere multati o incarcerati per un periodo da due a cinque anni. Le prostitute e i protettori rischiano la prigione fino a otto anni. Cuba ha ratificato la Convenzione UN sui Diritti del Bambino il 21 August 1991 ed ha iniziato a proteggere i bambini contro ogni forma di sfruttamento sessuale e di abuso sessuale. Con il dilagare della prostituzione, sono pure aumentati i timori per un incremento del virus HIV e dell'AIDS. Secondole valutazioni dell'UNAIDS e dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, alla fine del 1999 vi erano 1950 persone a Cuba infettate dal virus HIV, comprese 450 donne e poco meno di 100 bambini. Nello stesso anno, 120 cubani sono morti a seguito dell'infezione da virus HIV. Chiunque osservi un caso di abuso su minori dovrebbe riferirlo all'operatore turistico, alla guida turistica, al direttore dell'albergo. Riferimenti possono essere fatti anche alla polizia locale, alle ambasciate e alle organizzazioni non governative che si occuperanno di questi casi.

 

La storia delle cinque spie cubane.

Il popolo cubano, e l’opinione pubblica internazionale viene costantemente disinformata in relazione ai 5 spie prigionieri negli USA.In realtà non erano cinque , ben si quattordici, cinque di questi la dittatura cubana non ne ha mai parlato. Questi cinque assieme agli altri 5 che la dittatura chiama eroi sono stati arrestati in settembre del 1998, altri quattro si sono dichiarati colpevoli nel maggio del ’99 hanno collaborato con a giustizia americana e si trovano in un progetto speciale per cambiare di identità.La dittatura cubana parla soltanto di Gerardo Hernandez; Ramon Labañino; Antonio Guerrero; Fernando Gonzalez; Rene Gonzalez, pero assieme a questi lavora nella stesa rete Abispa e sono stati arresti per, Joseph Santos; Amarilys Silverio; Alejandro Alonso; Nilo Hernandez; Linda Hernandez. Per che il popolo cubano non stato informato di questi altri? Vediamo in po’ chi sono gli altri membri di questo gruppo che la dittatura si impegna a non riconoscere come sue spie anche se lavoravano assieme ai cinque agenti chiamati oggi eroi. Joseph Santos, ingegnere elettrico, era professore della università centrale di Sata Clara, direttore del centro de informatica nella stesa università. Amarilys Silveiro, insegnate di matematica applicata alla informatica, nella stesa università centrale di Santa Clara. Joseph e Amarilys coniugi, entrambi hanno dichiarato che il loro compito era quello di infiltrazione nella rete informatica del Comando Sud. Il Comando Sud e il centro militare degli USA per il sud del continente, hanno la loro sede a Miami. La copia e riuscita a infiltrarsi per un periodo, ed inviare un relazione alla dittatura sul Comando Sud. La famiglia di Joseph Santos, oriunda di Placetas, si è trasferita a Cuba agli inizi dei 1960. Joseph e sua moglie si infiltrarono in USA nel 1994. Furono segretamente allontanati dal loro lavoro nell'Università Centrale. Alejandro Alonso, nato negli USA e in seguito trasferito con la famiglia a Cuba, si confesso colpevole di tentare di infiltrarsi in un'altra base militare dell'USA.Un'altra coppia, Linda e Nilo Hernandez si dichiararono colpevoli e furono condannati a 7 anni. Linda Hernandez che ha una figlia di 13 anni e sua madre in USA dichiaro" ringrazio a Dio per l'arresto, perché ci ha dato l'opportunità di fare qualcosa che dovemmo fare molto tempo fa, cooperare con l'USA per smantellare la rete di spionaggio di Cuba. Suo marito, di 43 anni ebbe parole simili.Ia coppia spiava la base militare aerea di Homestead, al sud di Miami, come la base militare di Fort Bragg, in Carolina del Nord. Entrambi si infiltrarono in USA nel 1983. La madre di Nilo vive in Cuba, e non e mai apparsa in pubblico non ha avuto il permesso per assistere al processo del figlio come le madri degli altri 5. dell'organizzazione facevano parte circa altre 10 spie, alcune imprigionate, altre espulse per essere state scoperte come finti diplomatici, ed altre che sono riuscite a rientrare a Cuba sottraendosi all'arresto. Tutto questo da 1988 fino ald oggi. Tra essi: Juan Pablo Roque che e fuggito a Cuba lo stesso giorno dell'assassinio dei Hermnos al Rescate. José Rafael Brenes, spia da 1988 a 1991, scappato a Cuba in quella data. Benvenuto Avierno e Virgilio Lora, diplomatici cubani in Washigton, furono espulsi nel 1988. Dal 1999 al 2001 sono stati espulsi diversi diplomatici cubani per le loro attività di spionaggio e fiancheggiatori di gruppi terroristi negli USA.Questa e soltanto parte di una storia della quale la dittatura cubana non racconta tutta la verità, chiedendo la liberta soltanto de 5 e trattando di occultare il vero rostro di una rete di spionaggio, e la sua vera funzione negli USA..

 
 Cuba e i legami col terrorismo.

“ I popoli ei governi di Iran e Cuba possono mettere gli Satati Uniti di America in ginocchio” Fidel Castro Il terrorismo internazionale è un male che attacca senza fare distinzioni. E’ un vincolo che unisce quelli che usano la morte e la distruzione come strumenti per seminare terrore tra i popoli che intendono soggiogare. I bersagli sono, di solito, vittime innocenti usate per lasciare prova tangibile della loro capacità di arrecare danno. Il terrorismo contemporaneo è uno sforzo mirato a smontare e, al limite, a distruggere l’ordine democratico stabilito. Il suo potere si basa sul grado di freddezza con cui si porta a termine il crimine. Non stiamo parlando di gruppi isolati o di azioni scollegate tra di loro, bensì di una rete internazionale, solidamente strutturata nella quale si ritrovano diverse chiavi di lettura del fenomeno. Mascherate da ideologie o religioni, condividono profondi nessi con il piu nefasto dei sentimenti: l’odio. “Sopra ogni cosa dobbiamo mantenere vivo il nostro odio ed alimentarlo fino al parossismo”, queste sono le parole del guerrigliero Ernesto Che Guevara poco prima della sua morte. Il suo messaggio di addio instava all’uso dell’odio come strumento di lotta. “ L’odio intransigente verso il nemico che porta l’essere umano al di là delle sue limitazioni e lo fa diventare una fredda e selettiva macchina per uccidere”. Il macabro messaggio diventò credo ufficiale di ogni cubano inviato a lottare in guerre internazionaliste e nella filosofia di ogni movimento guerrigliero contemporaneo. Durante gli ultimi 40 anni il terrorismo internazionale ha avuto un nefasto padrino nella figura di Fidel Castro. Il presidente degli Stati Uniti d’America, George W.Bush, come risposta agli attacchi terroristici dell’11 Settembre 2001 ha avvertito che non sfuggiranno i colpevoli e nemmeno chi li ospiti o li protegga. Basta solo dirigere lo sguardo a 90 miglia a sud della Florida per trovare un paradiso per terroristi e fuggitivi che vivono sotto la protezione del regime cubano. Alla luce dei fatti piu recenti, come l’arresto di Ana Belèn Montes, funzionaria del Dipartimento della difesa (il Pentagono per intenderci) degli Stati Uniti, accusata di essere una spia di Cuba e arrestata dieci giorni dopo gli attacchi dell’11 Settembre, sorgono serie domande. Che ruolo gioca Fidel Castro nella vendita di informazioni ai paesi terroristi? Gli arresti e le condanne di cinque spie della chiamata Rete Avispa e le ammissioni di colpevolezza da parte dei rimanenti sette membri hanno chiarito che piu che spiare gli esuli cubani la priorità per Cuba era avere informazioni sulle basi militari americane e l’introduzione di armi attraverso le isole della Florida. L’isola di Cuba per la sua privilegiata vicinanza agli Stati Uniti continua ad essere un trampolino per il contrabbando. Un giorno prima degli attacchi contro le Torri Gemelle ed il Pentagono è stata pubblicata la notizia dell’arresto di quattro cittadini cinesi responsabili traffico di esseri umani, che, al costo di 60.000 dollari a persona introducevano clandestini in territorio americano facendoli passare per Cuba ed altre isole dei caraibi. Un altro fatto degno di nota: tre cittadini afgani arrestati nelle isole Cayman sono stati accusati di essere entrati in territorio americano in modo illegale, provenienti da Cuba. Ancora piu preoccupante è la testimonianza di un disertore afgano che si allenava in uno dei campi di Osama Bin Laden nelle montagne di Kunar. Costui ha testimoniato circa la presenza di armi chimiche e mercenari sudanesi, libici e cubani. Come non credere che Fidel Castro sia ancora una pedina chiave nell’aiuto logistico al terrorismo internazionale? E’ molto probabile che la disinformazione fornita dalla spia Belen Montes abbia cambiato la percezione generale facendo credere che Castro non rappresenti una minaccia per gli Stati Uniti. Invece il suo arresto subito dopo i fatti dell’11 Settembre evidenziano che la percezione è cambiata. Il rapporto annuale del Dipartimento di Stato americano che disegna i profili dei protagonisti del terrorismo mondiale include Cuba nella lista degli stati connessi con il terrorismo. Il segretario di stato americano alla difesa Donald Rumsfeld ha parlato alla rete televisiva CBS lo scorso anno per evidenziare il collegamento: “sappiamo quali stati figurano nella lista dei paesi terroristi, l’Irak è uno di questi, come la Siria, la Corea del Nord, Cuba e anche la Libia”. Sappiamo che questi stati hanno fornito protezione ed assistenza a organizzazioni terroristiche per portare a termine azioni in altri paesi”. Il segretario Rumsfeld ha puntualizzato che questi paesi sono molto attivi in programmi di guerra chimica e batteriologica. Osama Bin Laden è considerato il principale responsabile del crimine che è costato la vita a più di 6000 cittadini civili l’11 Settembre. Ma fatti come questi sono il risultato delle azioni di estremisti che hanno trovato formazione, allenamento, e supporto economico e professionale in una ampia rete internazionale terrorista. Per piu di 40 anni Cuba è stata una pedina chiave in tale rete del terrore. Il recente arresto dell’ “ambasciatore” dell’esercito irlandese Niall Connolly, inviato a collaborare con la guerriglia colombiana ha reso pubblico il fatto che il terrorista irlandese Sien Fein da cinque anni vive ed opera a Cuba e ha contattato la guerriglia colombiana con l’aiuto dei servizi segreti cubani. Il ministro degli esteri spagnolo, senza interessarsi degli interessi degli investitori spagnoli sull’isola, ha accusato L’Avana di dare asilo e supporto logistico ai terroristi baschi dell’ETA. Ieng Sary, uno dei capi dei Khmer Rossi, responsabile dell’assassinio di piu di due milioni di cambogiani, ha comprato una fattoria a Cuba per scappare dalla giustizia e “vivere in pace”. L’FBI ha denunciato che Cuba ospita, come minimo, 77 ricercati dalla giustizia americana. La visita di Fidel Castro a maggio del 2001 nei paesi arabi e le sue provocatorie dichiarazioni contro il governo americano, danno la prova del ruolo che ancora oggi Cuba gioca come epicentro del terrorismo internazionale. Secondo il giornale Ettelaat, Fidel Castro è stato ricevuto da centinaia di studenti dell’Università Tarbiate-Modarres a Teheran, che urlavano: “guerriglia! Guerriglia!”. La risposta del padrino del narco-terrorismo è stata, secondo il giornale Kayhan: “Solo rimane uno Sha nel mondo, e quello Sha è l’imperialismo americano……..vicino alla mia patria. E’ uno Sha sfruttatore, e così come quello dell’Iran è stato abbattuto, anche questo Sha cadrà”. Il collegamento cubano con il terrorismo internazionale nacque agli inizi degli anni sessanta. Sotto la copertura di medici e insegnanti migliaia di cubani furono inviati in Algeria. Solo due anni più tardi ci fu il golpe marxista in quella regione. Il nuovo leader di Zanzibar si appropriò dell’isola africana nel 1964 dopo aver trascorso tre anni allenandosi a Cuba con i suoi uomini. John Okello scatenò un massacro paragonabile a quello di Fidel Castro quando prese il potere nel 1959. Attraverso il terrore Cuba contribuì a creare una solida base operativa per penetrare nel continente africano dando così inizio all’esportazione di guerriglieri a poco prezzo, per cortesia di Fidel Castro. In Guinea i consiglieri cubani erano i “genizaros” che accompagnarono Francisco Macias Nguema fino al termine del suo regno del terrore, responsabile della morte di 50 mila dei 350 mila cittadini della ex colonia spagnola. Nell’estate del 1968 si allargò il raggio d’azione. L’Unione Sovietica, che grazie ai generosi sussidi economici tolse a Cuba la sua autodeterminazione, chiese a Fidel Castro di consegnare le redini della sua politica al Cremlino e di mettere i suoi servizi segreti a disposizione del K.g.b.. Proprio durante quell’estate, i comunisti arabi riuniti a Mosca, ricevettero l’ordine di infiltrare spie nel movimento armato palestinese. Il padrone sovietico impartiva gli ordini e Cuba li eseguiva, rendendo il suo territorio terreno di addestramento di terroristi delle piu varie tendenze e nazionalità. Le basi per queste operazioni sovversive si crearono nel gennario del 1966. Alla Conferenza Tricontinentale all’Avana, alla quale assistettero 513 delegati rappresentanti di 83 gruppi del terzo mondo: alla base vi era la convinzione di intraprendere la lotta armata contro l’imperialismo; Fidel Castro apriva le porte di Cuba al terrorismo con il suo appoggio incondizionato a tutti i movimenti rivoluzionari del mondo. Da quel momento il nuovo fronte era un’organizzazione, con sede a Cuba, di solidarietà con i paesi africani, asiatici e latinoamericani, conosciuta col nome di OSPAAL. Il suo primo segretario generale fu il rinomato assassino Osmany Cienfuegos. La sua crudeltà nel rinchiudere piu di 100 prigionieri in un camion chiuso ermeticamente e la conseguente morte per asfissia di molti di questi, gli conferiva tutti i titoli per questo nuovo incarico. La sinistra radicale d’Africa, Europa, Asia, Nord e Sud America, è rimasta unita a benedire Fidel Castro nel suo avvilente linguaggio della violenza. Vennero scatenati disordini in Francia, Germania, nelle Università degli Stati Uniti e in Turchia. Il rumore delle armi scosse anche il Giappone con in testa l’estremista Zengakuren. Scoppiò la violenza nei territori baschi ed in Irlanda del Nord. In ogni singolo focolaio è stata provata la presenza cubana. La dottrina del libro rosso di Mao Tse Tung e la logorroica retorica di Fidel Castro contaminavano le menti dei giovani e nel frattempo a Beirut, George Habash inaugurava un nuovo stile di terrorismo mandando un commando a dirottare un aereo di El al a Roma, dove un altro protetto di Fidel Castro, lo stravagante miliardario Giangiacomo Feltrinelli, faceva pubblicamente appello alla guerra di guerriglia. A Rio de Janeiro, Carlos Maringhella pubblicò il mini manuale della guerriglia, e L’Avana si incaricò della sua distribuzione. Fidel Castro riceveva migliaia di tecnici sovietici che imponevano la volontà del Cremlino. Fra i piu importanti vi era Victor Simenov il quale fu messo a capo della Direzione Generale della controintelligenza cubana (DGI). Tutti i movimenti terroristi internazionali dell’epoca avevano un debito con L’Avana. Tutti ricevevano addestramento a Cuba nonché aiuti economici e logistici nelle ambasciate cubane in tutto il mondo. Un colonnello del K.g.b., certo Vadim Kotchergine fu incaricato di fare in modo che Fidel Castro non mettesse in atto le sue volontà di distruzioni apocalittiche. La richiesta di Castro a Nikita Kruschev di lanciare missili verso gli Stati Uniti durante la Crisi di Ottobre, era un avvertimento per i sovietici a non lasciare libertà di movimento al “pazzo caraibico”. Nei primi anni settanta, un disertore della DGI, Orlando Castro Hidalgo, testimoniò davanti al Senato americano. Castro Hidalgo illustrò la complessa rete d’appoggio che offriva Cuba tramite le sue ambasciate ai movimenti terroristici. Denaro, biglietti aerei, alloggio, passaporti e visti erano solo alcune delle agevolazioni che Cuba dispensava generosamente, mentre la sua popolazione era vittima della povertà, ufficializzata dalla tessera di razionamento. Più tardi il suo superiore comandante e capo della missione cubana in Francia, Armando Lopez Orta, un generale della DGI che operava con il nome in codice di “Archimede”, fu espulso dalla Francia per aver dato appoggio logisitico a Carlos Ilich Ramirez, il noto terrorista venezuelano detto “lo sciacallo”. Le ambasciate cubane in tutto il mondo alimentavano una complessa rete di terroristi e iniziarono anche ad attuare un reclutamento su larga scala. Un altro ufficiale della DGI, Adalberto Quintana si rendeva importante per lo sviluppo di una complessa rete che si espandeva per il mondo molto velocemente. Le “Brigadas Venceremos” vennero create con lo scopo di destabilizzare il “nemico del nord”. Migliaia di studenti americani furono addestrati all’arte di creare caos in grande scala, nel fomentare rivolte e azioni violente. Esistono documenti che che raccolgono le lezioni che venivano impartite a Cuba nei campi di addestramento: gli ingenui americani venivano illusi di fatti come in mancanza d’armi un pezzo di legno con un chiodo può essere efficace come una pistola. Più tardi sarebbero stati i sandinisti e i palestinesi coloro che avrebbero goduto le maggiori attenzioni per quanto riguardava l’addestramento. I militari che portarono il terrore in Nicaragua nell’epoca sandinista furono tutti addestrati a Cuba. Poi sarebbe arrivato Yasser Arafat insieme a George Habash all’Avana per creare le basi di quello che sarebbe stato l’inizio di una lunga e continua cooperazione cubana con i movimenti palestinesi e i regimi terroristici medio orientali che ancora oggi sono al potere. La complessa rete d’appoggio offerta dalle ambasciate cubane alla Siria ed al Libano è servita da ombrello per i gruppi terroristici del medio oriente. Negli Stati Uniti l’allora ambasciatore cubano all’Onu, Ricardo Alarcon, appoggiava apertamente i palestinesi. L’ambasciata cubana a Cipro si incaricava di sommistrare armi all’OLP. Nel 1978 come documentato dalla stampa libanese, arrivarono i primi “consiglieri” cubani nei campi di addestramento dell’OLP. Nello stesso anno l’agenzia Reuters confermava che migliaia di adepti dell’OLP riceveva addestramento a Cuba. Era il risultato dell’accordo firmato da Castro e Arafat per la cooperazione militare e la fornitura di armi ai territori palestinesi. Fidel Castro non tardò a manifestare per l’ennesima volta il suo antiimperialismo denunciando gli accordi di Camp David qualificandoli di “tradimento”. Un anno dopo il giornale inglese The Economist rivelava prove inconfutabili circa la cooperazione tra Cuba ed OLP per offrire addestramento ai guerriglieri. Questa volta lo scenario sarebbe stato il centro america. Ancora la piaga dei conflitti armati che minacciava l’emisfero occidentale aveva le sue origini all’Avana. Nello Yemen del sud si era creato un altro fronte di cooperazione con Cuba. Ricevevano addestramento di guerriglia da istruttori cubani i tedeschi de Baader Meinhof fino ai giapponesi, turchi, iraniani, armeni, curdi, italiani e francesi. In Algeria si sono create condizioni simili per l’addestramento del fronte Polisario con l’aiuto di personale cubano sotto le spoglie di medici e maestri. Nel 1980 quando Muammar Gheddafi accolse sotto la sua protezione i terroristi baschi 150 istruttori cubani vennero incaricati di addestrare i baschi che ancora oggi seminano terrore in Spagna. La cooperazione di Cuba con la Siria e Libano si sarebbe rivelata importante nella destituzione dello Sha di Persia in Iran. Le attività giunsero al punto che, secondo il giornale svizzero Journal de Geneve, dei missili Sam trasportati a bordo di navi sovietiche insieme a un contingente che sbarcò nel paese arabo con passaporti falsi, permessi di lavoro e ottima conoscenza dei dialetti e delle abitudini dei diversi paesi della zona. Cortesia di Cuba, molti di loro erano stati perfettamente addestrati nell’arte della guerriglia urbana, la lotta nel deserto, operazioni di demolizione e sabotaggio a installazioni petrolifere etc. Queste tattiche, più tardi, sarebbero state insegnate ai guerriglieri colombiani delle FARC (Fuerzas armadas revolucionarias colombianas) e all’ELN Esercito di liberazione nazionale che ancora oggi mantengono attive basi a Cuba. In quel periodo sorgono in tutta Cuba campi che sono stati utilizzati per l’addestramento di diversi gruppi latinoamericani come i Montoneros argentini, i Tupamaros uruguaiani e Sendero Luminoso in Perù. In meno di 3 mesi si rendeva un giovane inesperto in un’autorità nell’uso di esplosivi, sabotaggi e guerriglia urbana. Ancora una volta Cuba era responsabile dello spargimento di sangue nel continente americano. E negli anni 80 l’esportazione del terrore prese una piega militarista quando le truppe cubane giunsero in Africa e nei paesi arabi. Fonti della NATO a Bruxelles informarono che tra i cadaveri recuperati nello Yemen del Nord c’erano dei cubani. Più tardi il conflitto angolano lasciò una scia di morte e devastazione con l’aiuto di truppe cubane. Fidel Castro, come Osama Bin Laden è un elemento dannoso che si nutre dell’odio per imporre le sue terribili dottrine. Entrambi pretendono dominare le società libere attraverso il terrore. Entrambi hanno passato le frontiere dei loro feudi per diffondere il terrore nell’umanità. Nell’ultimo vertice Iberoamericano a Panama, il presidente del Salvador, Francisco Flores ha avuto il coraggio di affrontare il dittatore cubano e di ricordargli la sua responsabilità nell’aver sparso tanto sangue nel Salvador mentre tanti altri presidenti codardi sono rimasti zitti. Il presidente George W. Bush ha detto che questa guerra contro il terrorismo perseguiterà e punirà i colpevoli e i loro complici. C’è una frase che turba in modo particolare il dittatore cubano: “o sono con noi o sono con i terroristi”. L’enorme file di Fidel Castro indica che al comandante restano pochi amici.

postato da LiberaCuba | 19:08 |
 

Servizi segreti unificati tra Cuba e Venezuela.

Ci si comincia ad accorgere delle implicazioni delle "giurisdizioni incrociate".

Qui viene sottolineato l'aspetto di vero e proprio "outsourcing" dello spionaggio e dela propaganda a fidel, il che va ad aggiungersi allla rete di Barrio Adentro, con i medici, gli insegnanti, i trainer, i consiglieri militari cubani che fungono da ulteriore punti di investigazioni, a cui vanno aggiunte le telecomunicazioni telefoniche, sms, email e messenger, naturalmente, e la enorme massa di informazioni che si deduce dall'attivita' dell'opposizione online.

i cubani sono gia' organizzati a gestire lo spionaggio e il controllo di una nazione intera, niente di piu' facile clonare la struttura ed adattarle alle MAGGIORI POSSIBILITA' i comunicazione dei Venezuelani, ed ecco che si capisce improvvisamente che tutti ipezzi del mosaico conducono a questa mossa: centralizzazione del controllo di seguridad per controllare e dissolvere qualsiasi opposizione.

Dalle nostre parti non si fa cosi'...

A cui aggiungerei le seguenti riflessioni:
poniamo io sia un attivista antichavista, e che viaggi a Cuba.
Poniamo che io non sia una anticastrista.
Poniamo che dia talmente tanto fastidio a Chavez da essere nella sua lista nera, e che solo per questo venga nserito nelle persone degne dell'attenzione della seguridad, che apre un fascicolo e delle investigazioni su chi io veda e incontri e faccia.

Il risultato delle investigazioni cubane va immediatamente ad incrociarsi con le altre effettuate dagli stessi cubani in venezuela.

Occhio alla penna!

 

Stranezze di una dittatura.

Accuse di asilo a guerriglieri cileni Santiago del Cile, 8 aprile - Di ritorno dalla Conferenza dell'Unione Interparlamentare, alcuni parlamentari cileni della Unión Demócrata Independiente, di destra, hanno accusato il governo cubano di aver concesso asilo politico a membri del gruppo di guerriglia urbana Frente Manuel Rodríguez, considerati responsabili dell'assassinio del senatore Jaime Guzmán. Due membri del gruppo furono protagonisti di una fuga spettacolare in elicottero da un carcere di massima sicurezza e trovarono riparo a Cuba. Il mandante dell'assassinio, secondo quanto denunciato dai parlamentari cileni, sarebbe attualmente membro dei servizi segreti cubani e si sarebbe sposato con una figlia di Raúl Castro. Il 14 luglio 1989, il Consiglio della Rivoluzione comunicò la fucilazione del Generale Arnaldo Ochoa, Eroe della Repubblica di Cuba, compagno di Fidel sulla Sierra: il soldato più decorato dell'isola, protagonista delle campagne in Angola, adorato dai giovani ufficiali, designato Comandante dell'Armata d'Occidente. Di fronte a un tribunale militare speciale, Ochoa era stato condanato a morter per il contrabbando di 6 tonnellate di cocaina tra Colombia e USA, per un totale di 3,5 milioni di dollari. Con lui era stato fucilato anche il colonnello Antonio (Tony) de la Guardia, della inteligencia. Amico personale di Castro, de la Guardia si occupava di operazioni delicate, come contrabbandare dagli USA computer sofisticati (e proibitissimi) per il Ministero dell'Interno e procurare valuta americana per aggirare l'embargo. Lo chiamavano il James Bond cubano. Si occupava, in Angola, di contrabbando di avorio e di diamanti. Era anche uno degli uomini chiave nel traffico di coca, che veniva spedita in aereo dal cartello di Medellin, sbarcata in aeroporti militari cubani e poi fatta proseguire per Florida su motoscafi veloci. Impossibile che il governo non ne sapesse nulla. A certi livelli - anche nei Paesi europei - la droga è una materia prima come il rame o il petrolio. Probabilmente c'era un piano di Castro per portare al Paese valuta pregiata e, contemporaneamente, destabilizzare gli USA con la droga. I cubani, compreso il mio maggiore della inteligencia, dicono che Ochoa si sacrificò per altissimo senso del dovere: un'accusa di traffico di droga contro Fidel e Raúl Castro avrebbe costituito una minaccia mortale per la Revolución. Ma c'è chi dice che Castro prese due piccioni con una fava: Ochoa, aveva studiato all'Accademia Militare Sovietica, simpatizzava per Gorbacev (con cui aveva parlato in russo di fronte a Castro quando il presidente sovietico era venuto in visita a Cuba). Forse, assieme ai suoi generali, aveva premuto un po' troppo per portare la glasnost e la perestrojka anche all'Avana. Fu un processo staliniano: immediatamente dopo la sua condanna Cuba cominciò a riscrivere la storia: da eroe nazionale, Ochoa fu duramente diffamato e coperto di fango come traditore della Patria. Ampi estratti del processo Ochoa sono reperibili a: http://cubapolidata.com/cafr/cafr_ochoa_affair.html di zonker [Enzo G. Baldoni] | 00:02 | commenti L'ufficiale della inteligencia. E' un bell'uomo, atletico, sui quaranta. Ci siamo incontrati per una questione di lavoro, e adesso mi sta dando un passaggio all'aeroporto, guidando piano nel traffico scarso del tardo pomeriggio. Sarà perché sa perfettamente chi sono, sarà perché sto partendo, sarà perché siamo soli, ma si sente abbastanza sicuro da lasciarsi andare. "Io amo profondamente Cuba." mi dice "Noi cubani andiamo pazzi per quest'isola, e i cubani all'estero soffrono terribilmente per la nostalgia, anche quelli che stanno a Miami. Ma è dura viverci." Lei parla un ottimo inglese, ho sentito. Ha viaggiato?" Con una mano si riavvia i capelli, sorride: "Oh, sì, ho viaggiato. Pensi, ho perfino un diploma in amàrico." "La lingua etiopica? Era in Africa ai tempi della guerra tra Etiopia e Somalia?" Sorride ancora, con una punta di nostalgia: "Eh, sì." "Militare?" "Uhm ... non esattamente. Ero nella Inteligencia." "Ah. Sottufficiale o ufficiale?" "Ufficiale. Sono arrivato giovanissimo al grado di maggiore. Sa, in guerra la carriera è veloce. Mi piaceva, la inteligencia. Era il lavoro della mia vita." "Ma...?" "Ma quando tornai a Cuba e mi accorsi che una bottiglia d'olio costava un dollaro e ottanta, e io guadagnavo quindici dollari al mese... beh, avevo due figli: ho dovuto scegliere." E continua: "Lei ha sentito, per caso, che sono state fucilate tre persone?" Perché credi che sia qui? penso. Ma lo lascio andare avanti. "Ma si rende conto? Hanno dirottato un traghetto e li hanno fucilati... Dàgli dieci anni, dàgli vent'anni, ma el paredón no. E' un grande errore, ci farà perdere le simpatie dell'Europa, che in questo momento è così importante per la nostra economia. D'altro canto, la storia di Cuba è costellata di errori e di cose strane, senza spiegazione..." Se non lo sai tu che ci eri in mezzo, penso... "Un mistero è la morte di Camilo Cienfuegos. Un aereo cade in mare e le pare possibile che non si sia trovato nemmeno il più piccolo pezzettino, nemmeno il più piccolo frammento di relitto? Quando la CIA fece esplodere l'aereo della Cubana trovammo centinaia di relitti in mare. E dell'aereo di Camilo nemmeno un pezzettino di fusoliera, un giubbotto di salvataggio, un cuscino di gommapiuma? Niente corpi?" "E qual'è l'ipotesi?" "Guardi, io non c'ero, ma probabilmente Camilo è sepolto da qualche parte a terra, assieme al suo aereo. Una settimana dopo la sua scomparsa fu ucciso l'operatore della torre di controllo, poi ci fu una catena di suicidi misteriosi..." "Anche la morte del Che è misteriosa... " "Non mi faccia parlare. Le dico solo che la colpa è di chi gli rese la vita impossibile a Cuba." "E Ochoa, il generale che fu fucilato perché accusato di contrabbando di droga?" "Guardi, io non c'ero..." E dagliela. Non c'eri mai? Se Ochoa era il comandante delle forze cubane in Africa! "... ma le dico una cosa: Ochoa non ha mai intascato un centesimo delle partite di droga che passavano da Cuba." "Ha pagato per qualcun altro?" "Guardi, io non dico nulla. Le dico solo che il Generale Ochoa è morto con onore, da soldato.". "E' morto per coprire qualcun altro? Qualcuno più in alto?" Mi lancia un'occhiata desolata, scuote la testa e continua a guidare piano, nel traffico scarso di questo tardo pomeriggio cubano. di zonker [Enzo G. Baldoni] | 00:01 | commenti martedì, giugno 24, 2003 Tania, Camilo, il Che. Come non andare al Museo de la Revolución? Mi affascina in particolare la storia di Tania, Tamara Bunke, un'avventurosa argentina figlia di tedeschi sfuggiti al nazismo che, dopo aver passato la giovinezza nella Germania Est, fu a Cuba subito dopo la rivoluzione, partecipò alla zafra (la raccolta di canna da zucchero) divenne interprete e forse intima del Che, fece l'agente segreto per i cubani in Bolivia e finì per morirvi uccisa a fianco del Che, dopo una vita - breve ma intensa - passata a pompare adrenalina. In tutte queste storie eroiche c'è sempre un risvolto un po' meno agiografico. Bella, intelligente, generosa, affascinante, secondo alcuni Tania era anche un agente addestrato dalla STASI utilizzato dal KGB per sorvegliare il partito fratello. Possibile. Ogni tanto mi chiedo cos'è che spinga queste persone eccezionali che poi, a seconda dei casi della vita, possono diventare eroi o traditori, o magari invecchiare in un anonimato grigio. Non possono essere solo i denari. Forse la voglia di scoprire i propri limiti, una certa attrazione per il rischio e per la morte, forse anche una grande generosità, o il patriottismo, o il sentirsi dentro una missione, chi lo sa. E probabilmente non ha nessuna importanza. In ogni caso, Tania condivise i pericoli dell'insurrezione boliviana e la guerriglia a fianco di Guevara, e in Bolivia trovò la morte. Oggi è sepolta a Santa Clara nel mausoleo del Che. Quando Tamara morì non aveva ancora compiuto trent'anni. Questa è l'ultima foto che ne possediamo. Di lei ha scritto un bellissimo ritratto Pino Cacucci in Ribelli!, Feltrinelli Editore, 2001. Tania era anche il nome di battaglia di Mara Cagol, moglie di Curcio, morta in uno scontro a fuoco tra carabinieri e brigate rosse. Un'altra storia molto simile. Ma nella sala principale, dedicata al Che e a Camilo, il Guerrillero Heroico e il più amato tra i rivoluzionari - e ambedue, si sussurra, fatti fuori con l'approvazione dei fratelli Castro, a cui davano non poco fastidio - c'è un orrendo diorama coi due guerriglieri di cera che sbucano dalla Selva. I turisti in sandali e calzacorta ci si mettono davanti per una foto ricordo. Che tristezza. Che brutta fine, due rivoluzionari spavaldi e guasconi come loro imbalsamati nell'oleografia ufficiale del partito. di zonker [Enzo G. Baldoni] | 00:27 | commenti domenica, giugno 22, 2003 La dentista dell'ospedale di provincia. Ha circa quarant'anni, occhi dolcissimi e azzurri, un gran seno materno. Scommetto che i bambini si affidano volentieri a lei: fa la estomatóloga, la dentista, in un ospedale di provincia, e sono sicuro che riesce a essere tranquillizzante anche con in mano il trapano. Le chiedo se mi porta a visitare l'ambulatorio. "Certo" sorride. Nell'atrio dell'ospedale una mamma la ferma. Lei le parla con dolcezza, mettendoci tutto il tempo necessario, toccandole il braccio, facendole una carezza sulla guancia. L'ambulatorio è messo veramente male: quattro poltrone vecchie, strappate qua e là, trapani che hanno visto tempi migliori. Pulitissimo, ma si sente la fatica che fanno per tenerlo in condizioni igieniche decenti. Vedo dei guanti usa e getta a bagno in bacinelle di plastica: "E questi?" "Questi li laviamo con l'ipoclorito, poi li avvolgiamo nella carta oleata e li sterilizziamo in autoclave." L'ipoclorito è la varecchina. Guardo i pacchettini di carta oleata pronti per l'uso. In una vaschetta, delle siringhe di vetro. "Siringhe di vetro?" "Purtroppo. Le sterilizziamo ogni volta. Certo, dopo un po' gli aghi si spuntano." "E cosa usate per le anestesie? Novocaina? Lidocaina?" "Sono mesi che non vedo una fiala di lidocaina." "Buscopan? Voltaren?" "Magari avessimo del Voltaren..." "E allora?" "Omeopatia. Diamo al paziente qualche goccia di camomilla 24 ore prima. In alcuni ospedali usano l'agopuntura." "Funziona?" Si stringe nelle spalle, mi guarda come per dire: "C'è un'alternativa?" di zonker [Enzo G. Baldoni] | 00:01 | commenti sabato, giugno 21, 2003 La vera rivoluzione? Cessare l'embargo. "Un'invasione?" mi dice un'intellettuale cubana che vive all'estero "Se Bush invadesse Cuba, io sarei subito sul Malecón a fare lo scudo umano. Ma Bush è un idiota. Se fosse furbo, invece di giocare a soldatini coi marines eliminerebbe l'embargo, che serve solo a due gruppi: alla mafia di Miami e al gruppo di potere castrista. La mafia di Miami si sta arricchendo, con l'embargo. Lo sai cos'è una mula? Uno che trasporta coca, ma anche uno a cui danno un biglietto Miami - Cuba e due valige. Nelle valige ci sono vestiti, giocattoli, latte in polvere, dolciumi, soldi che i cubani di Miami mandano alle famiglie rimaste sull'isola. Al Josè Martì c'è chi le ritira, bastano cento dollari al doganiere. E la mafia si ritaglia un bel 10%. Anche il governo si arricchisce con l'embargo: c'è una tassa del 260% sulle importazioni 'di lusso'. Figurati, 'di lusso' è considerato perfino l'olio di semi. Ma soprattutto l'embargo fa comodo politicamente ai duri del partito, perché consolida il loro potere, è una comoda scusa per dire 'Come possiamo darvi la democrazia? Non vedete che siamo sotto assedio?'. Insomma, come al solito chi soffre di più è il popolo. Ci sono solo due cose che possono abbattere il regime: la prosperità e l'informazione. Mi ha detto un economista, l'altro ieri: 'se Bush volesse davvero abbattere il regime, gli basterebbe eliminare l'embargo. Il regime non durerebbe nemmeno ventiquattr'ore.' E lo sai cosa mi ha detto una patriota sessantenne, una che ha fatto la rivoluzione? 'C'è una cosa che non perdono, a Fidel: che i miei figli adolescenti desiderino essere americani' ". di zonker [Enzo G. Baldoni] | 00:31 | commenti venerdì, giugno 20, 2003 Bush invaderà Cuba? A pranzo da Don Cangrejo, un ristorantino sul mare famoso per il pesce e l'aragosta. La brezza combatte come può la calura di questi primi giorni di maggio. Il mio interlocutore, un diplomatico, mi spiega: "Per la legge Helms-Burton, ogni cubano che tocca con mani e piedi il suolo degli Stati Uniti, anche illegalmente, ha il diritto immediato all'assistenza sociale e alla Green Card." "Se è messicano, invece" commento "ha il diritto immediato a due etti di piombo." "Esatto. E anche se è giamaicano, haitiano o quel che ti pare. Solo i cubani hanno questo privilegio. Ma segui la raffinatezza: c'è anche un codicillo per cui se le emigrazioni da Cuba diventano un fattore di rischio per la loro integrità territoriale, gli Stati Uniti hanno il diritto di bloccarle con qualsiasi mezzo, compresa l'invasione dell'isola." "Geniale. Così possono fare quello che gli pare. Però certo Bush, dopo l'Iraq, non ha intenzione di invadere Cuba." "E chi glielo impedirebbe? L'ONU? Con gli stessi argomenti con cui ha impedito i bombardamenti su Bagdad?" "Vero. Negli ambienti diplomatici, qui a Cuba, a quanto si dà la possibilità di un'invasione? Dieci su cento?" "Cinquanta su cento." di zonker [Enzo G. Baldoni] | 00:30 | commenti giovedì, giugno 19, 2003 Con la libreta non si campa. "Fidel è un grande, noi lo amiamo perché ha ridato dignità a un popolo che sotto Batista era schiacciato e maltrattato" dice la maestrina di campagna quarantenne, che mi mostra orgogliosa la sua scuola, il televisore in ogni classe, i bambini allegri e puliti. "Certo, con la libreta non si campa. A prezzo politico abbiamo tre chili di zucchero, tre chili di riso, un chilo di fagioli, un litro d'olio al mese e sei uova &endash; ma solo in settembre, ottobre, novembre e dicembre. Il resto lo dobbiamo comprare al prezzo di mercato. Il latte per il bambini è gratis fino ai sette anni, ma per il mio, che ne ha nove, debbo spendere 70 pesos al mese. Se pensi che ne guadagno 250 … come si fa? Chi può si arrangia. Con l'orto, con le rimesse dei parenti all'estero, coi turisti. Chi non può fa la fame." Chiacchiera chiacchiera, la maestrina finisce con il propormi di cucinarmi clandestinamente un'aragosta e poi, per il dopocena, siccome "un hombre non può stare senza una chica", di farmi conoscere due o tre ragazze carine e disponibili. Appunto. Chi non si arrangia fa la fame. E spesso Cuba ricorda la Napoli del dopoguerra che Malaparte descrive in "La pelle". di zonker [Enzo G. Baldoni] | 21:45 | commenti (2) mercoledì, giugno 18, 2003 Fidel: el santero maximo? Sul lungo potere di Fidel, sul suo magnetismo che incanta le folle, se ne sono dette molte. Di certo l'uomo è eccezionale: un grande condottiero, un padre della Patria, un personaggio fascinoso e carismatico. Molti cubani pensano che il potere - umano prima che politico - di Fidel dipenda dal fatto che è, fin da prima della Rivoluzione, un adepto della Santería. Ecco un po' di chiacchiere che ho raccolto in giro per le strade e nelle piazze dell'isola. Uno dei soprannomi di Fidel - di cui il dittatore scoraggia attivamente l'uso, e che mai viene stampato, ma che il popolo adora - è el caballo: da cosa nasce? Quando un adepto cade in trance durante una cerimonia, si dice che sia posseduto da un santo (orishá), che lo cavalca. Per questo il posseduto è chiamato caballo. La biografa di Castro, Georgie Anne Geyer, dice che è difficile trovare una descrizione migliore di quello che fa Castro con il popolo cubano. Di certo la Santería ha giocato un ruolo importante nella storia dell'isola. Verso il 1958 il popolo mostrava crescenti sintomi di insofferenza nei confronti del dittatore Fulgencio Batista. Il dittatore ordinò cerimonie della Santería in proprio favore, ma tutte dettero presagi sfavorevoli. Furono invece tenute cerimonie, in favore di Fidel Castro, da Regla e Guanabacoa (zone della Santería all'Avana) fino a Santiago. E non dimentichiamo che, se guardiamo oltre l'oleografia ufficiale dell'eroica rivoluzione popolare, l'esercito di Fidel e del Che combatté pochissime battaglie, quasi tutte poco più che scaramucce. Quella della Sierra Maestra, trecento barbudos contro diecimila soldati. Quella di Guisa. Quella di Santa Clara, in cui Castro conquista il treno blindato. E poi? Quasi sempre i soldati di Batista scappano o passano alla guerriglia. Tutto il popolo è schierato con Fidel. La marcia fino all'Avana non incontra resistenza, Castro vince la sua rivoluzione quasi senza colpo ferire. Non a caso la battaglia più celebrata è stata quella di Playa Girón, 1961, due anni dopo la presa del potere dei barbudos (e fu solo dopo Playa Girón che Castro dichiarò che quella cubana era una rivoluzione socialista). La studiosa della Santería Migene González-Whippler, scrive di un aneddoto raccontatole da una santera che vive a New York. La donna dice che, mentre viveva a Cuba, partecipò a un grande rituale della Santería durante il quale Fidel fu immerso in una vasca da bagno piena di sangue di animali sacrificati. Il rituale lo avrebbe protetto e gli avrebbe dato un completo controllo sul nemico. (Migene González-Whippler, The Santería Experience. St. Paul, Minnesota: Llewellyn, 1992, pag. 183.) Quando i barbudos entrarono all'Avana con le bandiere rosse e nere del Movimento 26 luglio, molti cubani interpretarono i colori come un segno che Castro era protetto da Elegguá che, nella Santería, è il dio del destino, colui che apre le porte della felicità o della sfortuna. Poco dopo il suo ingresso all'Avana, Castro cominciò uno dei suoi ipnotici discorsi fiume. Dal nulla, si racconta, spuntarono due colombe bianche che si posarono sulla sua spalla. Una di esse gli restò sulla spalla per ore. Il popolo esplose in ovazioni entusiaste: la colomba è il simbolo di Obatalá, il figlio di Dio, colui che crea l'anima e dà forma al corpo. Per i cubani fu la prova evidente che gli dei della Santería avevano scelto Fidel per guidare e proteggere Cuba. [continua] di zonker [Enzo G. Baldoni] | 00:02 | commenti [continua] Il fenomeno della colomba bianca si ripetè ancora negli Stati Uniti davanti al monumento a Lincoln: una colomba si posò sulla mano di Lincoln e poi volò sulla spalla di Castro. (*) Per anni - fino alla visita del Papa del 1998 - Fidel ha combattuto e scoraggiato il cristianesimo come una superstizione, ma alla Santería ha lasciato piena libertà di culto. E perfino i tre fucilati del traghetto potrebbero essere letti, secondo l'ottica della Santería, come un sacrificio umano agli Orishá. La Santería incide attivamente sulla realtà? Certamente sì. Ha accelerato la caduta di Batista ed è valsa a Fidel un larghissimo appoggio popolare (sulla Sierra Maestra la Revolución non era marxista: i barbudos erano appoggiati dagli americani, e il marxismo era di là da venire). Davvero funzionano i riti dei babalaos? E chi lo sa? In ogni caso, la Santería è impiantata profondamente nel modo di pensare e nella vita cubana di ogni giorno: ignorarla o considerarla frutto di una cultura inferiore sarebbe un atto di superficialità e una manifestazione di imperialismo culturale. (*) Sull'episodio della colomba bianca ho trovato diverse testimonianze scritte ma nemmeno una foto. Non so dire, quindi, se sia una leggenda che si è rafforzata di bocca in bocca o se l'episodio sia accaduto veramente (ovviamente la colomba poteva essere ammaestrata). Se qualcuno ne ha una foto, per favore me la mandi. di zonker [Enzo G. Baldoni] | 00:02 | commenti martedì, giugno 17, 2003 Ma che gli frega dell'Europa? "Ma che vuoi che gliene freghi a Fidel delle proteste di Galeano, di Fo, di Saramago?" mi dice un giornalista italiano che conosce molto bene le cose cubane. "Le tre fucilazioni sono prima di tutto un segnale diretto al fronte interno, che se ne stiano buoni e tranquilli senza cercare di scappare. In secondo luogo sono un messaggio agli Stati Uniti, che la smettano di rimestare negli affari interni di Cuba. L'Europa viene di gran lunga terza: Cuba è abituata da quarant'anni a essere isolata, se ne frega delle reazioni del'Europa. E Castro sbaglia, perché l'Europa è un partner importante, porta turisti e denaro, potrebbe risolvere tutti i problemi posti dall'embargo americano. Non è ridicolo che a Cuba l'economia giri sul dollaro, la moneta del nemico? A Varadero, invece, l'Euro è già accettato dappertutto. Sarebbe così strana una Cuba basata sull'Euro invece che sul dollaro?" di zonker [Enzo G. Baldoni] | 09:12 | commenti lunedì, giugno 16, 2003 La storia della foto del Che. La famosa foto del Che - una delle icone più famose del mondo - all'inizio fu scartata. Buttata via. Sepolta in un cassetto. L'aveva fatta Alberto Korda, del giornale "Revoluciòn", un giorno del 1960, durante i funerali dei marinai della Coubre, una nave belga carica d'armi fatta saltare in aria, probabilmente dalla CIA, nel porto dell'Avana. "Quel giorno il Che aveva una faccia che se vedeva uno yankee se lo mangiava vivo." racconta Korda. "Trovarmelo nell'inquadratura della macchina fotografica, con quell'espressione, mi fece quasi fare un sobbalzo. Istintivamente schiacciai l'otturatore. ". Ecco qui sotto la foto originale, che non tutti conoscono. E' tutta un'altra cosa, vero? con quel tizio sconosciuto a sinistra e quelle fronde di palma a destra. Korda sapeva di avere una grande fotografia. Riquadrò il Ché tagliando via l'uomo e la palma e la portò al giornale. Ma la redazione di "Revoluciòn" la scartò, e la fotografia del Che non fu mai pubblicata. Anni dopo, l'editore italiano Giangiacomo Feltrinelli vide la foto appesa a una parete della casa di Korda e gliene chiese una copia. Korda gliela regalò. Alla morte del Che, Feltrinelli decise di farne un poster. Decine di migliaia e poi milioni di copie si diffusero in tutto il mondo, su muri, copertine di libri, riviste, coperte, cartelloni, t-shirt. Per quella foto, da cui la Feltrinelli ha ricavato miliardi, Korda non ha mai ricevuto una lira di diritti d'autore. Gli editori non si smentiscono mai. Ma Korda non si lamenta. E' contento che la sua foto bistrattata abbia vissuto una seconda vita e abbia girato il mondo. di zonker [Enzo G. Baldoni] | 09:07 | commenti domenica, giugno 15, 2003 La mammella sovietica. "Siamo stati troppo attaccati alla mammella sovietica." dice un intellettuale "C'era un uragano? Nel giro di un paio di mesi arrivava un cargo da Odessa con il cemento, i tetti di eternit, i piloni, i chiodi, tutto il necessario per la ricostruzione. Noi cubani siamo pigri e festaioli, e in trent'anni ci siamo intorpiditi i muscoli della fantasia e del coraggio di rischiare. La caduta dell'Unione Sovietica ci ha colto del tutto impreparati. E l'economia va male. Che economia è quella in cui per una settimana arrivano solo arance e cappelli di paglia? E come è possibile che a Cuba - a Cuba! - siano introvabili i limoni, per la gente comune?" I limoni ci sono, oh se ci sono. Ma sono riservati ai daiquirì dei turisti e ai cubani che possono pagare in dollari. Circa il 60% dei cubani ha accesso al circuito del dollaro e può comprare benzina, scarpe, vestiti, far la spesa nelle fornite Tiendas Panamericanas. Il resto fa la fame con la libreta (la tessera di razionamento) e i banchi spogli dei mercati in pesos, dove manca ogni ben di dio. di zonker [Enzo G. Baldoni] | 15:37 | commenti lunedì, giugno 09, 2003 La fedelissima di Fidel: una santa. O, meglio, una santera. Si sa poco degli amori di Fidel. Ma c'è una donna che, fin dai tempi della Rivoluzione, è sempre stata nel cuore dei cubani. Si chiamava Celia Sánchez, era amata da tutti i cubani per la sua modestia e per la sua umanità. Ha creato la Gelateria Coppelia e il Parque Lenin. Ha fatto innumerevoli opere di bene, è stata sempre vicina al popolo, ha compreso il malessere dei più sfortunati e se ne è fatta interprete presso il potere cubano. Quasi una santa. I suoi funerali, l'11 gennaio del 1980, furono una dimostrazione incredibile di cordoglio popolare. Non si sa bene se Celia sia stata o no l'amante di Fidel. Quando Dan Rather glielo chiese direttamente, Castro rispose seccamente che non rispondeva a domande sulla sua vita privata. Di certo, oltre ad essere la donna più amata di Cuba, era la più potente. Aveva lottato al fianco di Fidél fin dai tempi della Sierra Maestra. Era la persona più vicina a Castro, gli organizzava l'agenda, gli stava al fianco giorno e notte consigliandolo col suo buonsenso e, dice il popolo, con qualcos'altro. No, non il sesso. Più che una santa, Celia era una santera. Secondo la voce popolare è stata la madrina di Fidél nella Santería, la religione cubana nata dal sincretismo tra cattolicesimo e religioni animiste africane. Per l'esattezza, Celia sarebbe stata una iyalocha, una sacerdotessa devota a Obatalá. Molti cubani sono convinti che il perdurante potere di Fidel e Raúl Castro derivi dal fatto che praticano la Santería, e che la rovina di Cuba sia inziata negli Anni Ottanta, dopo la morte di Celia. Sta di fatto che, vent'anni dopo, la Casa di Celia al Vedado, Calle 11 con C, è ancora pesantemente sorvegliata e protetta dalla polizia, che non lascia passare nessuno. Fidel ha voluto che tutto restasse come quando è morta: e spesso, quando ha bisogno di prendere decisioni importanti, va al Vedado e si chiude in meditazione nella casa della sua consigliera e compagna di guerriglia. Il popolo dice che, in calle 11, Fidel ci tiene i suoi santi. di zonker [Enzo G. Baldoni] | 09:28 | commenti domenica, giugno 08, 2003 "Perché a te il passaporto?" "Come si fa a vivere in un posto dove c'è un solo giornale e un solo partito?" mi dice a voce bassa una giovane dottoressa passeggiando sulla spiaggia di Guanabo "E dove la televisione trasmette solo salsa e i discorsi del Leader Maximo? Come si fa a mettere in carcere 78 intellettuali colpevoli solo di cercare un'apertura, uno spiraglio? E fucilare tre persone solo perché cercano di scappare? Ma perché tutti vogliamo scappare da Cuba? Per te è facile espatriare, basta chiedere un passaporto. Per me resta un sogno proibito. Anche se avessi i soldi per il biglietto non mi darebbero il permesso, perché la mia specializzazione è considerata "strategica". Il mio capo è stato invitato dall'Ospedale di Careggi a un corso di altissima specializzazione, con una borsa di studio pagata dall'italia. A sua moglie, pure medico, non hanno dato il permesso, perché non avevano figli da lasciare qui. Non gliel'hanno mica negato ufficialmente. Qui a Cuba c'è tutto un modo obliquo di perdere le carte, di far ritardare i permessi. Fatto sta che a due coniugi non danno mai contemporaneamente il permesso di espatrio, se non hanno figli da lasciare in ostaggio. Io non vorrei mai lasciare Cuba per sempre. Ma qui ti viene la claustrofobia. Capisci perché c'è tutta questa corsa a sposare lo straniero, anche se è vecchio e brutto? Qualsiasi cosa pur di andarsene. E poi cosa credi, che a Cuba non ci sia razzismo? C'è, c'è. La vedi questa pelle nera? Non hai idea di quante umiliazioni mi costi." di zonker [Enzo G. Baldoni] | 02:50 | commenti sabato, giugno 07, 2003 I nostri dissidenti all'Avana. "I dissidenti? Oh, qui a Cuba ogni ambasciata aveva i suoi, e spesso non si conoscevano l'uno con l'altro" mi dice un diplomatico, con un pizzico di distaccato cinismo." Hai presente Graham Greene? Il nostro agente all'Avana? Essere un dissidente dava status, dava accesso a finanziamenti e aiuti. Perché è ovvio, gli americani li finanziavano largamente. Un po' tutti lo facevamo, fa parte del gioco. Non dico che tutti ci marciassero, anzi: molti di loro sono comunisti sinceramente interessati a un'apertura del partito, a un cambiamento in senso democratico. Tanti, però, sull'etichetta di dissidente, ci hanno costruito piccole fortune. Ma sai com'è ... a Cuba non sai mai davvero chi ti sta davanti. Pensa a quegli otto dissidenti che in realtà erano stipendiati - o chissà, magari ricattati - dal Minint." Già, il Minint. Buoni, quelli. Dò un passaggio a tre funzionari del Ministero dell'Interno in divisa, una bionda carina e due uomini. Un gelo. Nelle poche domande che mi fanno - da dove viene, cosa fa a Cuba, le piace l'isola - c'è un tono inquisitorio di cui probabilmente nemmeno si rendono conto. Non lo fanno neanche apposta, credo. Pura deformazione professionale. Scuola sovietica, KGB, Andropov, Putin. Giuro che non vorrei passare neanche un minuto chiuso in una stanza con loro. di zonker [Enzo G. Baldoni] | 00:00 | commenti venerdì, giugno 06, 2003 Due posteggiatori di classe. Guidare per l'Avana è piacevole, il traffico è leggero, il parcheggio si trova facilmente. Di fronte al porto ci sono due posteggiatori sui sessanta, simpatici, dall'aria colta, gli occhialini e impeccabili magliette Havana Club, che parlano uno spagnolo cortese e forbito. Due posteggiatori di classe. Gli affido spesso la macchina, quando la riprendo lascio sempre un dollaro, e facciamo amicizia facilmente. Gli chiedo che lavoro facevano, prima. "Io ero direttore di una fabbrica di sigarette" mi dice Mario. "E io ero responsabile delle operazioni di una catena televisiva" sorride René, che è quello della foto qui sotto. Ovvio. Come parcheggiatori guadagnano in un giorno quello che prima guadagnavano in un mese. E in dollari. di zonker [Enzo G. Baldoni] | 21:04 | commenti giovedì, giugno 05, 2003 Nel giardinetto di Bush. In giro c'è sconcerto, non si capisce bene cosa sta succedendo. Fidel dichiara che le tre fucilazioni sono state un sacrificio necessario per difendere la patria dal rischio più grosso di un'invasione USA. E certamente Bush, dopo aver cancellato Saddam, sta guardando con occhi interessati a Cuba, che da due secoli gli USA considerano il loro backyard, il loro giardinetto di casa. Ma perché tre condanne a morte? Perché una risposta così sproporzionata, che ha sfidato tutta l'opinione pubblica mondiale, che è costata a Castro la condanna di voci amiche come Eduardo Galeano, Dario Fo, José Saramago e di gran parte della sinistra mondiale? Il paredón - il muro - a tre disperati - neri, fra l'altro - che hanno dirottato un vaporetto senza carburante, senza far male a nessuno, trattando bene gli ostaggi? Le condanne dei compagni. Il primo a rompere il silenzio è stato Pietro Ingrao che, sulle pagine del Manifesto, ha rivendicato "il coraggio della verità": "Gli imputati erano oppositori del regime castrista. E che altro essi potevano fare visto che a Cuba difettano essenziali diritti di parola, di organizzazione, di lotta politica pubblica e conosciuta?". La repressione castrista inquina un percorso di speranza che è l'unica alternativo alla "dottrina Bush della guerra preventiva". Per Bertinotti "queste condanne a morte, vanno criticate. Sono piombo sulle ali del movimento pacifista". Dario Fo e Franca Rame raccolgono firme contro il giro di vite cubano. La condanna più dura viene forse da un vecchio scrittore comunista duro e puro come il portoghese José Saramago: "Fino a qui sono arrivato. D'ora in poi Cuba seguirà la sua strada e io la mia", ha scritto su "El Pais": "Il dissenso è un diritto scritto con inchiostro invisibile...". Se lo stanno chiedendo tutti. E finora non c'è una risposta, se non la giustificazione di Castro che dice: "L'abbiamo fatto per salvare la patria, per fermare sul nascere un'ondata di emigrazione che avrebbe dato agli USA la scusa per intervenire". L'unico che non deflette è Gianni Minà: "Se la prendono con Cuba perché mette al muro tre sequestratori, ma non si occupano, per Realpolitik, delle duemila persone che sono sparite dopo essere passate negli uffici di sicurezza americani, dei soprusi commessi dalla Cina, del genocidio in Guatemala... " Minà ha segnalato alle autorità cubane: "… la mia avversione di cattolico e cittadino del mondo per le condanne a morte (…) Ma il mio amore per Cuba non vacilla". Un golpe in Plaza de la Revolución? C'è un'altra ipotesi che gira sotterranea: in aprile ci sarebbe stato un tentativo di deporre Fidel dall'interno del Partito. Da qui la stretta improvvisa. Ma chi avrebbe tentato il golpe? Finora non è caduta nessuna testa. Sarà vero il tentativo di colpo di stato o le fucilazioni sono solo il risultato di dun attacco di paranoia del vecchio leader? Al momento in cui scriviamo ancora non ci sono dati sufficienti per capire. E allora lasciamo parlare i cubani e chi a Cuba ci vive. E capisci che la maggioranza dei cubani ama ferocemente la propria isola, e non vorrebbe mai lasciarla. E che per molti la Rivoluzione è ancora un valore. Ma i cubani ne possono più di vivere in queste condizioni. Il potere corrompe anche i rivoluzionari. "Castro è stato un eroe, e noi gli vogliamo bene" mi dice un ragazzo nero nel Paseo di Martì "Ma non si può stare al potere assoluto per quarant'anni senza corrompersi. Non è più il potere al servizio del popolo, ormai è il potere al servizio del potere. E' ora che se ne vada in pensione." di zonker [Enzo G. Baldoni] | 00:00 | commenti mercoledì, giugno 04, 2003 La primavera infranta. Se ne stanno tutti zitti e abbottonati, i cubani: sul Paseo de Martì, alla gelateria Coppelia, al caffè dell'unione Scrittori al Vedado, nelle piazzette dell'Avana vecchia. Dopo le fucilazioni dei tre disperati che avevano cercato di dirottare il traghetto della baia è impossibile parlare con qualcuno, a Cuba. Tutti zitti, tutti spaventati e rintanati i dissidenti ancora fuor di galera. Muti gli scrittori e i giornalisti. Doppiamente prudenti alla nunziatura apostolica, che rifiuta qualsiasi dichiarazione. E' comprensibile. In un mese - aprile, il più crudele dei mesi - il governo di Fidel Castro ha spezzato le ali a quella che sembrava essere la primavera di Cuba: il cambio, l'apertura, più spazio alle voci critiche, maggior facilità di espatriare, i primi scambi con gli USA, addirittura i primi segni, se non di un secondo partito, almeno di un movimento d'opinione non allineato al regime. Poi, brutale, il pugno d'acciaio. Che in russo, come ben si sa, si traduce Stalin. La prima mossa per schiacchiare l'opposizione sono stati gli arresti e i processi: 78 intellettuali, giornalisti e attivisti dei diritti umani che, dopo giudizi a cui non sono stati ammessi diplomatici e giornalisti stranieri, dovranno scontare anche 20 anni per diritti di opinione: complessivamente 1454 anni di galera. Tra loro il poeta Raúl Rivero, l'economista Martha Beatriz Roque, l'intellettuale Hector Palacios, il premio Sakharov per i diritti umani Osvaldo Payà. Otto tra i dissidenti erano in realtà informatori infiltrati dal Ministero degli Interni cubano, e adesso tutti sospettano di tutti. Secondo Elizardo Sanchez, uno dei leader dei dissidenti,"Questa forma di repressione è la peggiore che si ricordi nella storia di Cuba, senza escludere l'era coloniale. Mai prima d'ora tanta gente è stata così severamente punita per dei crimini di pensiero. Sono veramente prigionieri di coscienza". Dirotta il vaporetto! Poi, il botto: undici disgraziati con una pistola cercano di dirottare il traghettino che attraversa la baia dell'Avana dalla città vecchia a Regla, una roba tipo il vaporetto per Torcello, assolutamente inadatto ad attraversare lo stretto di Florida. Non c'è neanche abbastanza carburante, e infatti il traghetto comincia a sputazzare e si ferma ben prima di raggiungere le dodici miglia. I guardacoste lo raggiungono, lo fermano, arrestano gli undici. Un atto così disperato e male organizzato che al massimo avrebbero dovuto prenderli a pernacchie. E invece, nonostante i turisti stranieri siano concordi nell'affermare che i pirati sono stati correttissimi e che non c'è stata nessuna violenza, tre dirottatori ("I più violenti", secondo l'accusa) vengono fucilati dopo un processo sommario e senza garanzie. di zonker [Enzo G. Baldoni] | 00:00 | commenti martedì, giugno 03, 2003 Fragola e cioccolato. Il paladar più bello, la Guarida, quello in cui è stato girato Fragola e Cioccolato, è in uno di questi palazzi nobilmente decaduti. Dentro alla Guarida quadri, fotografie, cibi raffinati, bei bicchieri, luci giuste. Le foto della Regina Sofia di Spagna, che nel suo viaggio all'Avana (il primo dei Reali di Spagna dal 1898) ha cenato qui, foto con dedica di Sean Connery, di Michael Douglas, di Sofia Loren. Bei ragazzi che servono in tavola, con l'aria da intellettuali. Fuori scale male illuminate, le balaustre di marmo di Carrara tutte rotte, un angioletto di marmo rosa a cui qualcuno ha spezzato un braccio. Finestre aperte per il gran caldo, scorci di tizi seminudi sbracati su una poltrona e illuminati solo dal televisore, puzza di fogne che perdono, di soffritti bruciati, di piedi. Una giovane puttana fa entrare un cliente nel suo baracoa male illuminato, poi va un attimo a sciacquarsi nel cesso in comune sul ballatoio. Sul cesso, la scritta "Per favore usa pure la luce, ma spegnila quando hai finito. Ricordati che le lampadine sono a libreta*". *(La libreta è la tessera di razionamento su cui ogni cubano conta per sopravvivere). di zonker [Enzo G. Baldoni] | 00:03 | commenti lunedì, giugno 02, 2003 La mistica della sofferenza. "Per quarant'anni abbiamo coltivato la mistica della sofferenza, un furore rivoluzionario che ci faceva sentire duri e puri" dice un professore universitario. "Abbiamo fatto sacrifici inenarrabili in nome della rivoluzione. Adesso mi trovo a guadagnare quindici dollari al mese, quello che un posteggiatore guadagna in un giorno. E nello sguardo dei miei figli sento il rimprovero perché non posso permettermi di comprargli la felpa della Nike. Non è piacevole" . La frattura nei valori tra padri e figli. Ecco un altro aspetto importante del cambiamento che sta vivendo Cuba. Frugali, ideologizzati, fedeli alla linea, i genitori hanno costruito a testa bassa una Cuba in cui tutti i bambini potessero andare a scuola e la sanità fosse a disposizione di tutti. Ora i figli inseguono il dollaro facile, il contatto con un turismo spendaccione corrompe la vecchia frugalità rivoluzionaria. Si è creata una nuova classe sociale, quella di chi guadagna in dollari. E i nuovi proletari sono gli insegnanti, i ricercatori, i medici: chiunque abbia più cultura che iniziativa. di zonker [Enzo G. Baldoni] | 00:38 | commenti domenica, giugno 01, 2003 Primero de Mayo. El Primero de Mayo me lo voglio fare da cubano. Flora, la deliziosa signora nera che ogni mattina mi prepara la colazione con le guayabe, i manghi, i mamey appena raccolti nel giardino, è un'entusiasta di Fidel. Ci iscriviamo con una brigata di vicinato, andremo tutti in camion in Plaza de la Revolución: sveglia alle tre, partenza alle quattro. Per la Revolución si soffre volentieri. Ma la mattina piove a dirotto, uno di quegli acquazzoni tropicali battenti che non hanno misericordia per il popolo. Flora e io ci guardiamo. Lei, che sorride sempre, esclama: "El primero aguacero de mayo, Enzo: brinda suerte mojarse!". Bagnarsi col primo acquazzone di maggio porterà anche fortuna, ma non me la vedo, questa signora di sessant'anni, issata su un camion a cantare l'Internazionale sotto questo diluvio. E tanto meno mi ci vedo io. Che cazzo, mica è la mia rivoluzione. Sarà meglio prendere la macchina. Non c'è traffico per i grandi viali di Cuba. La Quinta Avenida è deserta nel buio, sotto la pioggia che scroscia violenta. Arriviamo vicinissimi alla Plaza che sono ancora le quattro e mezzo. Dalla campagna stanno arrivando torpedoni carichi di cubani venuti a festeggiare la rivoluzione. L'aria è festosa, da scampagnata. Mi stupisce la completa assenza di polizia in assetto di ordine pubblico, caschi scudi e manganelli. Ma è ovvio, chi mai farebbe una manifestazione di protesta in un paese in cui se dirotti il traghetto della baia ti mettono al muro? Facce, tante belle facce entusiaste, piene di partecipazione. Vengono distribuite centinaia di migliaia di bandierine di carta. Bambine sulle spalle dei papà, tanti studenti in pantaloni avana e camicia bianca, tanti scolaretti col fazzoletto rosso. Verso le otto arriva il sole. "Vedi? Fidel è baciato dalla fortuna" dicono due signore entusiaste. Sul palco, assieme ai dirigenti del partito, c'è Gianni Minà, c'è il colombiano Santiago Garcia, c'è Gabo Marquez. Ma mancano esponenti importanti della sinistra mondiale: manca Eduardo Galeano. Manca un vecchio comunista come José Saramago, che ha dichiarato: "Fino a qui sono arrivato. D'ora in poi Cuba seguirà la sua strada e io la mia (...) Il dissenso è un diritto scritto con inchiostro invisibile...". La mattinata inizia coi discorsi delle delegazioni straniere. Poi, verso le dieci, il Comandante, lentamente, nella sua uniforme verde oliva, si avvicina al podio. Ammettiamolo: il vecchio pitone conserva sempre il suo fascino. Lo pensi nelle foto di Korda o di Raúl Corrales, giovane ribelle sulla Sierra Maestra, o quando si giocò il tutto per tutto a Playa Girón, con la flotta americana che premeva giusto fuori delle acque territoriali. Quando parla - e accidenti quanto parla - te encanta. Ma quest'anno pronuncia un discorso particolarmente duro. Manda invettive violente al "señor Bush, cinico y cobarde", accusa un complotto mondiale nazi-fascista, dice che, per quanto sia contrario alla pena di morte, le tre fucilazioni sono state un male necessario. Tira in ballo il Papa. Dice (a proposito dei tre fucilati) che nemmeno Gesù, che cacciò a frustate I mercanti dal tempio, avrebbe proibito al popolo di difendersi. Certo, esagera. Ma ha il polso della folla, e ogni parola d'ordine, a ogni "Revolución", a ogni "resisteremo fino alla morte" la folla sventola entusiasta le bandierine. E quando termina con un tonante "Hasta la victoria! Siempre!" tutti scandiscono in coro, entusiasti, "Fi-del, Fi-del, Fi-del!". L'entusiasmo è palpabile, è vero, è sentito. Ma a un orecchio occidentale un po' cinico suona tanto come "Du-ce!, Du-ce!, Du-ce!". Accuse di asilo a guerriglieri cileni Santiago del Cile, 8 aprile - Di ritorno dalla Conferenza dell'Unione Interparlamentare, alcuni parlamentari cileni della Unión Demócrata Independiente, di destra, hanno accusato il governo cubano di aver concesso asilo politico a membri del gruppo di guerriglia urbana Frente Manuel Rodríguez, considerati responsabili dell'assassinio del senatore Jaime Guzmán. Due membri del gruppo furono protagonisti di una fuga spettacolare in elicottero da un carcere di massima sicurezza e trovarono riparo a Cuba. Il mandante dell'assassinio, secondo quanto denunciato dai parlamentari cileni, sarebbe attualmente membro dei servizi segreti cubani e si sarebbe sposato con una figlia di Raúl Castro. Il 14 luglio 1989, il Consiglio della Rivoluzione comunicò la fucilazione del Generale Arnaldo Ochoa, Eroe della Repubblica di Cuba, compagno di Fidel sulla Sierra: il soldato più decorato dell'isola, protagonista delle campagne in Angola, adorato dai giovani ufficiali, designato Comandante dell'Armata d'Occidente. Di fronte a un tribunale militare speciale, Ochoa era stato condanato a morter per il contrabbando di 6 tonnellate di cocaina tra Colombia e USA, per un totale di 3,5 milioni di dollari. Con lui era stato fucilato anche il colonnello Antonio (Tony) de la Guardia, della inteligencia. Amico personale di Castro, de la Guardia si occupava di operazioni delicate, come contrabbandare dagli USA computer sofisticati (e proibitissimi) per il Ministero dell'Interno e procurare valuta americana per aggirare l'embargo. Lo chiamavano il James Bond cubano. Si occupava, in Angola, di contrabbando di avorio e di diamanti. Era anche uno degli uomini chiave nel traffico di coca, che veniva spedita in aereo dal cartello di Medellin, sbarcata in aeroporti militari cubani e poi fatta proseguire per Florida su motoscafi veloci. Impossibile che il governo non ne sapesse nulla. A certi livelli - anche nei Paesi europei - la droga è una materia prima come il rame o il petrolio. Probabilmente c'era un piano di Castro per portare al Paese valuta pregiata e, contemporaneamente, destabilizzare gli USA con la droga. I cubani, compreso il mio maggiore della inteligencia, dicono che Ochoa si sacrificò per altissimo senso del dovere: un'accusa di traffico di droga contro Fidel e Raúl Castro avrebbe costituito una minaccia mortale per la Revolución. Ma c'è chi dice che Castro prese due piccioni con una fava: Ochoa, aveva studiato all'Accademia Militare Sovietica, simpatizzava per Gorbacev (con cui aveva parlato in russo di fronte a Castro quando il presidente sovietico era venuto in visita a Cuba). Forse, assieme ai suoi generali, aveva premuto un po' troppo per portare la glasnost e la perestrojka anche all'Avana. Fu un processo staliniano: immediatamente dopo la sua condanna Cuba cominciò a riscrivere la storia: da eroe nazionale, Ochoa fu duramente diffamato e coperto di fango come traditore della Patria. Ampi estratti del processo Ochoa sono reperibili a: http://cubapolidata.com/cafr/cafr_ochoa_affair.html di zonker [Enzo G. Baldoni] | 00:02 | commenti L'ufficiale della inteligencia. E' un bell'uomo, atletico, sui quaranta. Ci siamo incontrati per una questione di lavoro, e adesso mi sta dando un passaggio all'aeroporto, guidando piano nel traffico scarso del tardo pomeriggio. Sarà perché sa perfettamente chi sono, sarà perché sto partendo, sarà perché siamo soli, ma si sente abbastanza sicuro da lasciarsi andare. "Io amo profondamente Cuba." mi dice "Noi cubani andiamo pazzi per quest'isola, e i cubani all'estero soffrono terribilmente per la nostalgia, anche quelli che stanno a Miami. Ma è dura viverci." Lei parla un ottimo inglese, ho sentito. Ha viaggiato?" Con una mano si riavvia i capelli, sorride: "Oh, sì, ho viaggiato. Pensi, ho perfino un diploma in amàrico." "La lingua etiopica? Era in Africa ai tempi della guerra tra Etiopia e Somalia?" Sorride ancora, con una punta di nostalgia: "Eh, sì." "Militare?" "Uhm ... non esattamente. Ero nella Inteligencia." "Ah. Sottufficiale o ufficiale?" "Ufficiale. Sono arrivato giovanissimo al grado di maggiore. Sa, in guerra la carriera è veloce. Mi piaceva, la inteligencia. Era il lavoro della mia vita." "Ma...?" "Ma quando tornai a Cuba e mi accorsi che una bottiglia d'olio costava un dollaro e ottanta, e io guadagnavo quindici dollari al mese... beh, avevo due figli: ho dovuto scegliere." E continua: "Lei ha sentito, per caso, che sono state fucilate tre persone?" Perché credi che sia qui? penso. Ma lo lascio andare avanti. "Ma si rende conto? Hanno dirottato un traghetto e li hanno fucilati... Dàgli dieci anni, dàgli vent'anni, ma el paredón no. E' un grande errore, ci farà perdere le simpatie dell'Europa, che in questo momento è così importante per la nostra economia. D'altro canto, la storia di Cuba è costellata di errori e di cose strane, senza spiegazione..." Se non lo sai tu che ci eri in mezzo, penso... "Un mistero è la morte di Camilo Cienfuegos. Un aereo cade in mare e le pare possibile che non si sia trovato nemmeno il più piccolo pezzettino, nemmeno il più piccolo frammento di relitto? Quando la CIA fece esplodere l'aereo della Cubana trovammo centinaia di relitti in mare. E dell'aereo di Camilo nemmeno un pezzettino di fusoliera, un giubbotto di salvataggio, un cuscino di gommapiuma? Niente corpi?" "E qual'è l'ipotesi?" "Guardi, io non c'ero, ma probabilmente Camilo è sepolto da qualche parte a terra, assieme al suo aereo. Una settimana dopo la sua scomparsa fu ucciso l'operatore della torre di controllo, poi ci fu una catena di suicidi misteriosi..." "Anche la morte del Che è misteriosa... " "Non mi faccia parlare. Le dico solo che la colpa è di chi gli rese la vita impossibile a Cuba." "E Ochoa, il generale che fu fucilato perché accusato di contrabbando di droga?" "Guardi, io non c'ero..." E dagliela. Non c'eri mai? Se Ochoa era il comandante delle forze cubane in Africa! "... ma le dico una cosa: Ochoa non ha mai intascato un centesimo delle partite di droga che passavano da Cuba." "Ha pagato per qualcun altro?" "Guardi, io non dico nulla. Le dico solo che il Generale Ochoa è morto con onore, da soldato.". "E' morto per coprire qualcun altro? Qualcuno più in alto?" Mi lancia un'occhiata desolata, scuote la testa e continua a guidare piano, nel traffico scarso di questo tardo pomeriggio cubano. di zonker [Enzo G. Baldoni] | 00:01 | commenti martedì, giugno 24, 2003 Tania, Camilo, il Che. Come non andare al Museo de la Revolución? Mi affascina in particolare la storia di Tania, Tamara Bunke, un'avventurosa argentina figlia di tedeschi sfuggiti al nazismo che, dopo aver passato la giovinezza nella Germania Est, fu a Cuba subito dopo la rivoluzione, partecipò alla zafra (la raccolta di canna da zucchero) divenne interprete e forse intima del Che, fece l'agente segreto per i cubani in Bolivia e finì per morirvi uccisa a fianco del Che, dopo una vita - breve ma intensa - passata a pompare adrenalina. In tutte queste storie eroiche c'è sempre un risvolto un po' meno agiografico. Bella, intelligente, generosa, affascinante, secondo alcuni Tania era anche un agente addestrato dalla STASI utilizzato dal KGB per sorvegliare il partito fratello. Possibile. Ogni tanto mi chiedo cos'è che spinga queste persone eccezionali che poi, a seconda dei casi della vita, possono diventare eroi o traditori, o magari invecchiare in un anonimato grigio. Non possono essere solo i denari. Forse la voglia di scoprire i propri limiti, una certa attrazione per il rischio e per la morte, forse anche una grande generosità, o il patriottismo, o il sentirsi dentro una missione, chi lo sa. E probabilmente non ha nessuna importanza. In ogni caso, Tania condivise i pericoli dell'insurrezione boliviana e la guerriglia a fianco di Guevara, e in Bolivia trovò la morte. Oggi è sepolta a Santa Clara nel mausoleo del Che. Quando Tamara morì non aveva ancora compiuto trent'anni. Questa è l'ultima foto che ne possediamo. Di lei ha scritto un bellissimo ritratto Pino Cacucci in Ribelli!, Feltrinelli Editore, 2001. Tania era anche il nome di battaglia di Mara Cagol, moglie di Curcio, morta in uno scontro a fuoco tra carabinieri e brigate rosse. Un'altra storia molto simile. Ma nella sala principale, dedicata al Che e a Camilo, il Guerrillero Heroico e il più amato tra i rivoluzionari - e ambedue, si sussurra, fatti fuori con l'approvazione dei fratelli Castro, a cui davano non poco fastidio - c'è un orrendo diorama coi due guerriglieri di cera che sbucano dalla Selva. I turisti in sandali e calzacorta ci si mettono davanti per una foto ricordo. Che tristezza. Che brutta fine, due rivoluzionari spavaldi e guasconi come loro imbalsamati nell'oleografia ufficiale del partito. di zonker [Enzo G. Baldoni] | 00:27 | commenti domenica, giugno 22, 2003 La dentista dell'ospedale di provincia. Ha circa quarant'anni, occhi dolcissimi e azzurri, un gran seno materno. Scommetto che i bambini si affidano volentieri a lei: fa la estomatóloga, la dentista, in un ospedale di provincia, e sono sicuro che riesce a essere tranquillizzante anche con in mano il trapano. Le chiedo se mi porta a visitare l'ambulatorio. "Certo" sorride. Nell'atrio dell'ospedale una mamma la ferma. Lei le parla con dolcezza, mettendoci tutto il tempo necessario, toccandole il braccio, facendole una carezza sulla guancia. L'ambulatorio è messo veramente male: quattro poltrone vecchie, strappate qua e là, trapani che hanno visto tempi migliori. Pulitissimo, ma si sente la fatica che fanno per tenerlo in condizioni igieniche decenti. Vedo dei guanti usa e getta a bagno in bacinelle di plastica: "E questi?" "Questi li laviamo con l'ipoclorito, poi li avvolgiamo nella carta oleata e li sterilizziamo in autoclave." L'ipoclorito è la varecchina. Guardo i pacchettini di carta oleata pronti per l'uso. In una vaschetta, delle siringhe di vetro. "Siringhe di vetro?" "Purtroppo. Le sterilizziamo ogni volta. Certo, dopo un po' gli aghi si spuntano." "E cosa usate per le anestesie? Novocaina? Lidocaina?" "Sono mesi che non vedo una fiala di lidocaina." "Buscopan? Voltaren?" "Magari avessimo del Voltaren..." "E allora?" "Omeopatia. Diamo al paziente qualche goccia di camomilla 24 ore prima. In alcuni ospedali usano l'agopuntura." "Funziona?" Si stringe nelle spalle, mi guarda come per dire: "C'è un'alternativa?" di zonker [Enzo G. Baldoni] | 00:01 | commenti sabato, giugno 21, 2003 La vera rivoluzione? Cessare l'embargo. "Un'invasione?" mi dice un'intellettuale cubana che vive all'estero "Se Bush invadesse Cuba, io sarei subito sul Malecón a fare lo scudo umano. Ma Bush è un idiota. Se fosse furbo, invece di giocare a soldatini coi marines eliminerebbe l'embargo, che serve solo a due gruppi: alla mafia di Miami e al gruppo di potere castrista. La mafia di Miami si sta arricchendo, con l'embargo. Lo sai cos'è una mula? Uno che trasporta coca, ma anche uno a cui danno un biglietto Miami - Cuba e due valige. Nelle valige ci sono vestiti, giocattoli, latte in polvere, dolciumi, soldi che i cubani di Miami mandano alle famiglie rimaste sull'isola. Al Josè Martì c'è chi le ritira, bastano cento dollari al doganiere. E la mafia si ritaglia un bel 10%. Anche il governo si arricchisce con l'embargo: c'è una tassa del 260% sulle importazioni 'di lusso'. Figurati, 'di lusso' è considerato perfino l'olio di semi. Ma soprattutto l'embargo fa comodo politicamente ai duri del partito, perché consolida il loro potere, è una comoda scusa per dire 'Come possiamo darvi la democrazia? Non vedete che siamo sotto assedio?'. Insomma, come al solito chi soffre di più è il popolo. Ci sono solo due cose che possono abbattere il regime: la prosperità e l'informazione. Mi ha detto un economista, l'altro ieri: 'se Bush volesse davvero abbattere il regime, gli basterebbe eliminare l'embargo. Il regime non durerebbe nemmeno ventiquattr'ore.' E lo sai cosa mi ha detto una patriota sessantenne, una che ha fatto la rivoluzione? 'C'è una cosa che non perdono, a Fidel: che i miei figli adolescenti desiderino essere americani' ". di zonker [Enzo G. Baldoni] | 00:31 | commenti venerdì, giugno 20, 2003 Bush invaderà Cuba? A pranzo da Don Cangrejo, un ristorantino sul mare famoso per il pesce e l'aragosta. La brezza combatte come può la calura di questi primi giorni di maggio. Il mio interlocutore, un diplomatico, mi spiega: "Per la legge Helms-Burton, ogni cubano che tocca con mani e piedi il suolo degli Stati Uniti, anche illegalmente, ha il diritto immediato all'assistenza sociale e alla Green Card." "Se è messicano, invece" commento "ha il diritto immediato a due etti di piombo." "Esatto. E anche se è giamaicano, haitiano o quel che ti pare. Solo i cubani hanno questo privilegio. Ma segui la raffinatezza: c'è anche un codicillo per cui se le emigrazioni da Cuba diventano un fattore di rischio per la loro integrità territoriale, gli Stati Uniti hanno il diritto di bloccarle con qualsiasi mezzo, compresa l'invasione dell'isola." "Geniale. Così possono fare quello che gli pare. Però certo Bush, dopo l'Iraq, non ha intenzione di invadere Cuba." "E chi glielo impedirebbe? L'ONU? Con gli stessi argomenti con cui ha impedito i bombardamenti su Bagdad?" "Vero. Negli ambienti diplomatici, qui a Cuba, a quanto si dà la possibilità di un'invasione? Dieci su cento?" "Cinquanta su cento." di zonker [Enzo G. Baldoni] | 00:30 | commenti giovedì, giugno 19, 2003 Con la libreta non si campa. "Fidel è un grande, noi lo amiamo perché ha ridato dignità a un popolo che sotto Batista era schiacciato e maltrattato" dice la maestrina di campagna quarantenne, che mi mostra orgogliosa la sua scuola, il televisore in ogni classe, i bambini allegri e puliti. "Certo, con la libreta non si campa. A prezzo politico abbiamo tre chili di zucchero, tre chili di riso, un chilo di fagioli, un litro d'olio al mese e sei uova &endash; ma solo in settembre, ottobre, novembre e dicembre. Il resto lo dobbiamo comprare al prezzo di mercato. Il latte per il bambini è gratis fino ai sette anni, ma per il mio, che ne ha nove, debbo spendere 70 pesos al mese. Se pensi che ne guadagno 250 … come si fa? Chi può si arrangia. Con l'orto, con le rimesse dei parenti all'estero, coi turisti. Chi non può fa la fame." Chiacchiera chiacchiera, la maestrina finisce con il propormi di cucinarmi clandestinamente un'aragosta e poi, per il dopocena, siccome "un hombre non può stare senza una chica", di farmi conoscere due o tre ragazze carine e disponibili. Appunto. Chi non si arrangia fa la fame. E spesso Cuba ricorda la Napoli del dopoguerra che Malaparte descrive in "La pelle". di zonker [Enzo G. Baldoni] | 21:45 | commenti (2) mercoledì, giugno 18, 2003 Fidel: el santero maximo? Sul lungo potere di Fidel, sul suo magnetismo che incanta le folle, se ne sono dette molte. Di certo l'uomo è eccezionale: un grande condottiero, un padre della Patria, un personaggio fascinoso e carismatico. Molti cubani pensano che il potere - umano prima che politico - di Fidel dipenda dal fatto che è, fin da prima della Rivoluzione, un adepto della Santería. Ecco un po' di chiacchiere che ho raccolto in giro per le strade e nelle piazze dell'isola. Uno dei soprannomi di Fidel - di cui il dittatore scoraggia attivamente l'uso, e che mai viene stampato, ma che il popolo adora - è el caballo: da cosa nasce? Quando un adepto cade in trance durante una cerimonia, si dice che sia posseduto da un santo (orishá), che lo cavalca. Per questo il posseduto è chiamato caballo. La biografa di Castro, Georgie Anne Geyer, dice che è difficile trovare una descrizione migliore di quello che fa Castro con il popolo cubano. Di certo la Santería ha giocato un ruolo importante nella storia dell'isola. Verso il 1958 il popolo mostrava crescenti sintomi di insofferenza nei confronti del dittatore Fulgencio Batista. Il dittatore ordinò cerimonie della Santería in proprio favore, ma tutte dettero presagi sfavorevoli. Furono invece tenute cerimonie, in favore di Fidel Castro, da Regla e Guanabacoa (zone della Santería all'Avana) fino a Santiago. E non dimentichiamo che, se guardiamo oltre l'oleografia ufficiale dell'eroica rivoluzione popolare, l'esercito di Fidel e del Che combatté pochissime battaglie, quasi tutte poco più che scaramucce. Quella della Sierra Maestra, trecento barbudos contro diecimila soldati. Quella di Guisa. Quella di Santa Clara, in cui Castro conquista il treno blindato. E poi? Quasi sempre i soldati di Batista scappano o passano alla guerriglia. Tutto il popolo è schierato con Fidel. La marcia fino all'Avana non incontra resistenza, Castro vince la sua rivoluzione quasi senza colpo ferire. Non a caso la battaglia più celebrata è stata quella di Playa Girón, 1961, due anni dopo la presa del potere dei barbudos (e fu solo dopo Playa Girón che Castro dichiarò che quella cubana era una rivoluzione socialista). La studiosa della Santería Migene González-Whippler, scrive di un aneddoto raccontatole da una santera che vive a New York. La donna dice che, mentre viveva a Cuba, partecipò a un grande rituale della Santería durante il quale Fidel fu immerso in una vasca da bagno piena di sangue di animali sacrificati. Il rituale lo avrebbe protetto e gli avrebbe dato un completo controllo sul nemico. (Migene González-Whippler, The Santería Experience. St. Paul, Minnesota: Llewellyn, 1992, pag. 183.) Quando i barbudos entrarono all'Avana con le bandiere rosse e nere del Movimento 26 luglio, molti cubani interpretarono i colori come un segno che Castro era protetto da Elegguá che, nella Santería, è il dio del destino, colui che apre le porte della felicità o della sfortuna. Poco dopo il suo ingresso all'Avana, Castro cominciò uno dei suoi ipnotici discorsi fiume. Dal nulla, si racconta, spuntarono due colombe bianche che si posarono sulla sua spalla. Una di esse gli restò sulla spalla per ore. Il popolo esplose in ovazioni entusiaste: la colomba è il simbolo di Obatalá, il figlio di Dio, colui che crea l'anima e dà forma al corpo. Per i cubani fu la prova evidente che gli dei della Santería avevano scelto Fidel per guidare e proteggere Cuba. [continua] di zonker [Enzo G. Baldoni] | 00:02 | commenti [continua] Il fenomeno della colomba bianca si ripetè ancora negli Stati Uniti davanti al monumento a Lincoln: una colomba si posò sulla mano di Lincoln e poi volò sulla spalla di Castro. (*) Per anni - fino alla visita del Papa del 1998 - Fidel ha combattuto e scoraggiato il cristianesimo come una superstizione, ma alla Santería ha lasciato piena libertà di culto. E perfino i tre fucilati del traghetto potrebbero essere letti, secondo l'ottica della Santería, come un sacrificio umano agli Orishá. La Santería incide attivamente sulla realtà? Certamente sì. Ha accelerato la caduta di Batista ed è valsa a Fidel un larghissimo appoggio popolare (sulla Sierra Maestra la Revolución non era marxista: i barbudos erano appoggiati dagli americani, e il marxismo era di là da venire). Davvero funzionano i riti dei babalaos? E chi lo sa? In ogni caso, la Santería è impiantata profondamente nel modo di pensare e nella vita cubana di ogni giorno: ignorarla o considerarla frutto di una cultura inferiore sarebbe un atto di superficialità e una manifestazione di imperialismo culturale. (*) Sull'episodio della colomba bianca ho trovato diverse testimonianze scritte ma nemmeno una foto. Non so dire, quindi, se sia una leggenda che si è rafforzata di bocca in bocca o se l'episodio sia accaduto veramente (ovviamente la colomba poteva essere ammaestrata). Se qualcuno ne ha una foto, per favore me la mandi. di zonker [Enzo G. Baldoni] | 00:02 | commenti martedì, giugno 17, 2003 Ma che gli frega dell'Europa? "Ma che vuoi che gliene freghi a Fidel delle proteste di Galeano, di Fo, di Saramago?" mi dice un giornalista italiano che conosce molto bene le cose cubane. "Le tre fucilazioni sono prima di tutto un segnale diretto al fronte interno, che se ne stiano buoni e tranquilli senza cercare di scappare. In secondo luogo sono un messaggio agli Stati Uniti, che la smettano di rimestare negli affari interni di Cuba. L'Europa viene di gran lunga terza: Cuba è abituata da quarant'anni a essere isolata, se ne frega delle reazioni del'Europa. E Castro sbaglia, perché l'Europa è un partner importante, porta turisti e denaro, potrebbe risolvere tutti i problemi posti dall'embargo americano. Non è ridicolo che a Cuba l'economia giri sul dollaro, la moneta del nemico? A Varadero, invece, l'Euro è già accettato dappertutto. Sarebbe così strana una Cuba basata sull'Euro invece che sul dollaro?" di zonker [Enzo G. Baldoni] | 09:12 | commenti lunedì, giugno 16, 2003 La storia della foto del Che. La famosa foto del Che - una delle icone più famose del mondo - all'inizio fu scartata. Buttata via. Sepolta in un cassetto. L'aveva fatta Alberto Korda, del giornale "Revoluciòn", un giorno del 1960, durante i funerali dei marinai della Coubre, una nave belga carica d'armi fatta saltare in aria, probabilmente dalla CIA, nel porto dell'Avana. "Quel giorno il Che aveva una faccia che se vedeva uno yankee se lo mangiava vivo." racconta Korda. "Trovarmelo nell'inquadratura della macchina fotografica, con quell'espressione, mi fece quasi fare un sobbalzo. Istintivamente schiacciai l'otturatore. ". Ecco qui sotto la foto originale, che non tutti conoscono. E' tutta un'altra cosa, vero? con quel tizio sconosciuto a sinistra e quelle fronde di palma a destra. Korda sapeva di avere una grande fotografia. Riquadrò il Ché tagliando via l'uomo e la palma e la portò al giornale. Ma la redazione di "Revoluciòn" la scartò, e la fotografia del Che non fu mai pubblicata. Anni dopo, l'editore italiano Giangiacomo Feltrinelli vide la foto appesa a una parete della casa di Korda e gliene chiese una copia. Korda gliela regalò. Alla morte del Che, Feltrinelli decise di farne un poster. Decine di migliaia e poi milioni di copie si diffusero in tutto il mondo, su muri, copertine di libri, riviste, coperte, cartelloni, t-shirt. Per quella foto, da cui la Feltrinelli ha ricavato miliardi, Korda non ha mai ricevuto una lira di diritti d'autore. Gli editori non si smentiscono mai. Ma Korda non si lamenta. E' contento che la sua foto bistrattata abbia vissuto una seconda vita e abbia girato il mondo. di zonker [Enzo G. Baldoni] | 09:07 | commenti domenica, giugno 15, 2003 La mammella sovietica. "Siamo stati troppo attaccati alla mammella sovietica." dice un intellettuale "C'era un uragano? Nel giro di un paio di mesi arrivava un cargo da Odessa con il cemento, i tetti di eternit, i piloni, i chiodi, tutto il necessario per la ricostruzione. Noi cubani siamo pigri e festaioli, e in trent'anni ci siamo intorpiditi i muscoli della fantasia e del coraggio di rischiare. La caduta dell'Unione Sovietica ci ha colto del tutto impreparati. E l'economia va male. Che economia è quella in cui per una settimana arrivano solo arance e cappelli di paglia? E come è possibile che a Cuba - a Cuba! - siano introvabili i limoni, per la gente comune?" I limoni ci sono, oh se ci sono. Ma sono riservati ai daiquirì dei turisti e ai cubani che possono pagare in dollari. Circa il 60% dei cubani ha accesso al circuito del dollaro e può comprare benzina, scarpe, vestiti, far la spesa nelle fornite Tiendas Panamericanas. Il resto fa la fame con la libreta (la tessera di razionamento) e i banchi spogli dei mercati in pesos, dove manca ogni ben di dio. di zonker [Enzo G. Baldoni] | 15:37 | commenti lunedì, giugno 09, 2003 La fedelissima di Fidel: una santa. O, meglio, una santera.

 

Il Che assassino.

Alla vigilia della vittoria, secondo Costa, il Che avrebbe ordinato l’esecuzione di una ventina di persone a Santa Clara, al centro di Cuba. Alcuni furono uccisi in un hotel, come ha scritto Marcelo Fernándes-Zayas, altro ex rivoluzionario poi diventato giornalista, precisando che tra gli uccisi, i casquitos, c’erano contadini che si erano uniti all’esercito solo per non restare disoccupati. Eppure, la «macchina che uccideva a sangue freddo» non mostrò appieno la sua ferocia finché, immediatamente dopo il crollo del regime di Batista, Castro gli affidò la direzione del carcere di La Cabaña. (Castro aveva un talento innato nello scegliere le persone adatte a proteggere la rivoluzione dall’infezione). San Carlos de La Cabaña era una fortezza di pietra utilizzata nel XVIII secolo per difendere l’Avana dai pirati inglesi; più tardi divenne una caserma militare. Guevara ne fu direttore nella prima metà del 1959, in uno dei periodi più neri della rivoluzione. José Vilasuso, avvocato e professore alla Universidad Interamericana de Bayamón di Porto Rico ed ex membro dell’organismo che si occupava dei processi sommari di La Cabaña, mi ha recentemente raccontato: «Il Che presiedeva la Comisión Depuradora. Il processo rispettava la legge della Sierra: c’era una corte militare e secondo le indicazioni del Che dovevamo agire con convinzione, perché erano tutti assassini e procedere in modo rivoluzionario significava essere implacabili. Il mio diretto superiore era Miguel Duque Estrada. Il mio compito consisteva nel sistemare le pratiche prima che fossero inviate al ministero. Le esecuzioni si svolgevano dal lunedì al venerdì, in piena notte, appena dopo l’emissione della sentenza e l’automatica conferma in appello. Nella notte più orribile che io ricordi, furono uccisi sette uomini». Javier Arzuaga, il cappellano basco che recava conforto ai condannati a morte e fu testimone di decine di esecuzioni, mi ha recentemente incontrato nella sua casa di Porto Rico. Ex prete cattolico, oggi settantacinquenne, si definisce «più vicino a Leonardo Boff e alla teologia della Liberazione che all’ex cardinale Ratzinger» e ricorda: «C’erano circa ottocento prigionieri in uno spazio capace di contenerne non più di trecento: ex militari e poliziotti dell’era di Batista, giornalisti, qualche uomo d’affari e alcuni commercianti. Il tribunale rivoluzionario era formato da uomini delle milizie. Che Guevara presiedeva la Corte d’appello. Non ha mai annullato una sentenza. Visitavo il braccio della morte nella Galera de la muerte. Si sparse la voce che ipnotizzavo i prigionieri perché molti restavano calmi, così il Che diede l’ordine che fossi presente alle esecuzioni. Dopo la mia partenza in maggio furono eseguite ancora molte sentenze, io vidi 55 esecuzioni. C’era un americano, Herman Marks, evidentemente un ex carcerato. Lo chiamavamo "il macellaio" perché provava piacere a dare l’ordine di sparare. Difesi davanti al Che la causa di numerosi prigionieri. Ricordo in particolare il caso di un ragazzo, Ariel Lima. Il Che non si smosse. Né cambiò idea Fidel, al quale feci visita. Rimasi così sconvolto che alla fine del mese di maggio 1959 mi fu ordinato di lasciare la parrocchia di Casa Blanca, dove si trovava La Cabaña e dove avevo celebrato la messa per tre anni. Andai a curarmi in Messico. Il giorno che partii, il Che mi disse che ciascuno di noi aveva tentato di portare l’altro dalla propria parte, invano. Le sue ultime parole furono: "Quando ci toglieremo le maschere, ci ritroveremo nemici"». Quante persone furono uccise a La Cabaña? Pedro Corzo propone una stima di duecento vittime, simile a quella calcolata da Armando Lago, un professore di economia in pensione che ha compilato un elenco di 179 nomi. Vilasuso sostiene che tra gennaio e la fine di giugno del 1959 (quando il Che lasciò l’incarico a La Cabaña) furono uccise quattrocento persone. Cablogrammi segreti inviati dall’ambasciata americana dell’Avana al Dipartimento di Stato a Washington parlavano di «oltre cinquecento». Secondo Jorge Castañeda, uno dei biografi di Guevara, padre Iñaki de Aspiazú, cattolico basco vicino alla rivoluzione, avrebbe parlato di settecento vittime. Félix Rodríguez, un agente della Cia che fece parte della squadra incaricata di dare la caccia a Guevara in Bolivia, mi ha raccontato di aver affrontato con il Che la questione delle «circa duemila» esecuzioni delle quali era responsabile. «Disse che erano tutti agenti della Cia e non fornì il numero», ricorda Rodríguez. Le cifre più elevate possono tenere conto di esecuzioni che ebbero luogo nei mesi successivi al termine dell’incarico del Che a La Cabaña. E questo ci riporta a Carlos Santana, al suo abbigliamento chic in stile Che. In una lettera aperta pubblicata su El Nuevo Herald il 31 marzo di quest’anno, il grande musicista jazz Paquito D’Rivera ha criticato Santana per l’abbigliamento esibito agli Oscar e ha aggiunto: «Uno dei cubani di La Cabaña era mio cugino Bebo, rinchiuso perché cristiano. Mi racconta con amarezza infinita di quando dalla sua cella, all’alba, sentiva la voce dei tanti che, senza processo, morivano gridando "Lunga vita a Cristo re!"». Alvaro Vargas Llosa

La vera storia del Che.

Ernesto Guevara De la Serna detto il “Che” nasce nel 1928 da una buona famiglia di Buenos Aires. Agli inizi degli anni 50’ si laurea in medicina e intanto con la sua motocicletta gira in lungo e in largo l’America Latina. In Guatemala viene in contatto con il dittatore Jacobo Arbenz, un approfittatore filosovietico che mantiene la popolazione in condizioni di fame e miseria, ma che gira in cadillac e abita in palazzotti coloniali. A causa dei forti interessi economici degli Usa in Guatemala, viene inviato un contingente mercenario comandato da Castillo Armas a rovesciare il dittatore. Il “Che”, anziché sacrificarsi a difesa del “compagno”, fa la bella e si rifugia nell’ambasciata argentina, di qui ripara in Messico, dove, in una notte del 1955, incontra un giovane avvocato cubano in esilio che si prepara a rientrare a Cuba, Fidel Castro. Subito entrano in sintonia, condividendo gli ideali, il culto dei “guerriglieri” e la volontà di espropriare il dittatore Batista del territorio cubano. Sbarcato clandestinamente a Cuba con Fidel, nel 1956 si autonomina comandante di una colonna di “barbudos” e si fa subito notare per la sua crudeltà e determinazione. Un ragazzo non ancora ventenne della sua unità combattente ruba un pezzo di pane ad un compagno. Senza processo, Guevara lo fa legare ad un palo e fucilare.Castro sfrutta al massimo i nuovi mezzi di comunicazione e, pur a capo di pochi e male armati miliziani, viene innalzato agli onori dei Tg e costruisce la sua fama. Dopo due anni di scaramucce per le foreste cubane, nel ’58 l’unità del “Che” riporta la prima vittoria su Batista. A Santa Clara un treno carico d’armi viene intercettato e cinquanta soldati vengono fatti prigionieri. In seguito a ciò Battista fugge e lascia l’Avana sguarnita e senza ordini. Castro fa la sua entrata trionfale nella capitale accolto dalla popolazione festante. Guevara viene nominato “procuratore” della prigione della Cabana. L’ufficio in cui esercita diventa teatro di torture e omicidi tra i più efferati. Secondo alcune stime, sarebbero stati uccise oltre 20.000 persone, per lo più ex compagni d’armi che si rifiutavano di obbedire e di piegare il capo ad una dittatura peggiore della precedente. Nel 1960 il “pacifista” GUEVARA, istituisce un campo di concentramento sulla penisola di Guanaha, dove trovano la morte oltre 50.000 persone colpevoli di dissentire dal castrismo. Ma non sarà il solo lager, altri ne sorgono in rapida successione: a Santiago di Las Vegas viene istituito il campo Arca Iris, nel sud est dell’isola sorge il campo Nueva Vida, nella zona di Palos si istituisce il Campo Capitolo, un campo speciale per i bambini sotto i 10 anni. I dissidenti vengono arrestati insieme a tutta la famiglia. La maggior parte degli internati viene lasciata con indosso le sole mutande in celle luride, in attesa di tortura e probabile fucilazione. Guevara viene quindi nominato Ministro dell’Industria e presidente del Banco Nacional, la Banca centrale di Cuba. Guevara sceglie di abitare in una grande e lussuosa casa colonica in un quartiere residenziale dell’Avana. Pratica sport borghesissimi, ma la vita comoda e l’ozio ammorbidiscono il guerrigliero, che mette su qualche chilo e passa il tempo tra parties e gare di tiro a volo, non disdegnando la caccia grossa e la pesca d’altura. Nel suo testamento elogia l’odio «che rende l’uomo una efficace, violenta, selettiva e fredda macchina per uccidere». Guevara si dimostra una sciagura come ministro e come economista e, sostituito da Castro, viene da questi “giubilato” come ambasciatore della rivoluzione. Nella nuova veste di vessillifero del comunismo terzomondista lancia il motto «Creare due, tre, mille Vietnam!». Nel 1963 è in Algeria dove si unisce allo sterminatore Desirè Kabila. Il suo continuo desiderio di diffusione per la lotta armata e un tranello di Castro lo portano nel 1967 in Bolivia dove si allea col Partito comunista boliviano ma non riceve alcun appoggio da parte della popolazione locale. Isolato e braccato, Ernesto De La Serna viene catturato dai miliziani locali e giustiziato il 9 ottobre 1967. Il suo corpo esposto diviene un’icona qui da noi e le crude immagine dell’obitorio vengono paragonate alla “deposizione di Cristo”. Fra il sacro e il profano la celebre foto del “Che” ha accompagnato un paio di generazioni che hanno appeso il suo poster a fianco di quello di Marylin Monroe. Poiché la madre degli imbecilli è sempre incinta, ancora oggi sventola la bandiera con la sua effige e i ragazzini indossano la maglietta nel corso di manifestazioni “contro la guerra”. In un film di qualche anno fa Sfida a White Buffalo, il bianco chiede al pellerossa: «Vuoi sapere la verità rossa oppure la verità vera?». Lasciamo a Gianni Minà la verità rossa, noi preferiamo conoscere la verità vera.