Navigazione

Chi siamo

Home page

 
 
 
 
 
 
 
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- 
 

VIDEO DEGLI "SCONCI" ALLE TERRAZZE

 
 
 
 
-----------------------------------------------------------------------------------------------------
sito riaperto il giorno 23 ottobre 2013!!!!!!!
 
------------------------------------------------------------------------------------------------- 

                                                                                                                          Milano: 18 Novembre 2012
Storia del Comitato Le Terrazze
Premessa:
A seguito dell’ incidente avvenuto verso la fine della riunione realativa ai problemi del nostro Quartiere, indetta dai gruppi consiliari del centro-sinistra del CDZ5 del 14 Novembre scorso, ho pensato utile scrivere questi appunti allo scopo di  arrivare a una visione piu’ condivisa  della storia del CDQ “Le Terrazze” .
Non è mio compito, non essendo mai stato il responsabile principale di questo Comitato, cimentarmi in una sua difesa puntuale e diretta. Sono anche convinto che sarebbe troppo chiedere un’obiettività dal punto di vista di “parti diverse”: questi  punti di vista raramente potranno coincidere essendoci  di mezzo la politica!  Ho cercato di fare un’operazione verità rispetto a quanto affermato nella citata  riunione pubblica, affermazione secondo la quale  Il CDQ “Le Terrazze” non avrebbe fatto né ottenuto praticamente niente nei suoi anni di attività a favore del Quartiere                                                                                                                                                    
Che poi alcuni obiettivi , pur reiteratamente richiesti (anche con raccolte di firme e con petizioni), non siano stati ancora raggiunti, potrà essere  attribuito  a  incapacità di questo Comitato, come pure a mancanza di sostegno da parte delle Autorità Territoriali preposte.  Una motivazione forte di non raggiungimento di detti obiettivi  è da attribuire alla scarsissima partecipazione dei residenti pronti a criticare ma  quasi mai  a partecipare, impegnarsi e contribuire!
Quindi senza alcuna pretesa di essere onnicomprensivo di quanto è stato fatto in piu’ di 13 anni. cortesemente chiedo agli interessati, di spendere un poco del loro tempo a leggere e, se lo riterranno necessario, commentare quanto segue :
  • Eventi di Aggregazione e Partecipazione da parte dei Residenti del Quartiere.       Oggi, come sempre in passato, si punta molto sulla messa in opera di azioni che abbiano la funzione  di aggregazione e partecipazione da parte dei cittadini . In base a ciò, sia il CDZ5 che l’Università Bocconi hanno programmato e realizzato nella sua prima parte, due concerti che si sono svolti e si concluderanno il 23 novembre prossimo, al Centro d’Incontro Religioso.                                                                                                                                Vale la pena di ricordare come il  CDQ abbia proposto in passato di organizzare ed eseguire eventi di questa natura. Ciò, al di fuori di ogni polemica, possiamo dimostrarlo con documenti storici in nostre mani.                                                                                                                             Qualcuno  forse ricorda che nel corso del 2004, il nostro Comitato, con il supporto attivo degli esercenti commerciali del Quartiere organizzò un Concerto Bandistico e Folcloristico in Piazza Remo Cantoni? Questo evento ebbe un’ottima accoglienza e vide una nutrita partecipazione da parte dei residenti . Purtroppo il seguito non c’è stato perchè la Bocconi decise di non assumersi la responsabilità di richiedere le necessarie licenze presso le autorità (licenze e permessi, come sappiamo,   obbligatori per eventi musicali che avvengano in piazze e vie comunali) .                                                                                                                               

Altra (e precedente)  manifestazione di Rivitalizzazione di Piazza Remo Cantoni, risalente all’anno 2000, ancora con ideazione del Comitato “Le Terrazze” in collaborazione col CDZ5, aveva visto lo Spettacolo  di Artisti di Strada, che si erano esibiti in una rappresentazione teatrale sul Piedistallo identificato da  “La Rosa dei Venti”.                         Ho ritenuto importante riferire questi ante-fatti, non per una questione di priorità ma perchè non ci è sfuggito che è stato fatto di tutto per tenere fuori dall’organizzazione di concerti e spettacoli di questo mese, proprio il CDQ che ne era stato in passato il propositore e l’ideatore.


  • Qualcuno fra i residenti avrà notato che i due Parchetti Giochi per bambini, di Via Bugatti e della Montagnola, alcuni anni fa sono stati estesi come zona calpestabile a copertura elastica , vi sono state aggiunte delle altalene ed è stata messa in opera una fontana-vedovella?                                                                                                                                  Questa è stata una richiesta pressante delle mamme residenti, sostenuta dal CDQ, che effettuò una raccolta di firme trasmesse al CDZ e al Comune. Essa è stata realizzata grazie al supporto importante e dedicato del Consigliere Comunale Anna De Censi (allora all’opposizione).                                                                                                                                              Questa operazione non ha ancora raggiunto tutti gli scopi dettagliati nella richiesta perchè manca  la palizzata in legno ”anti-cani” (che è comune in molti parchetti della città), opera prevista ma in attesa di esecuzione   per dichiarata  mancanza di fondi da parte del Comune). Inoltre gli alberelli che furono messi in opera alla Montagnola, sono quasi tutti “morti” e andranno sostituiti onde  avere almeno in prospettiva,  nei mesi estivi, un poco di ombra.

  • Al limite del Parchetto della Montagnola, verso via Selvanesco, vi sono due rogge parallele [la roggia Scudellina e la roggia della Regina]. Queste due rogge a febbraio 2011, presentavano, nonostante ripetute segnalazioni, uno stato dell’inquinamento molto elevato, con totale moria della fauna ittica e con miasmi irrespirabili che praticamente non consentivano a bambini, genitori e accompagnatori, l’uso del Parchetto Giochi accanto alla montagnola. Una lettera, molto decisa e violenta nei toni (testo disponibile nel sito citato oltre) fu regolarmente protocollata al CDZ5 e fatta pervenire anche al Sindaco di allora . Sopralluoghi e incontri (sempre alla presenza di componenti del CDQ “Le Terrrazze” ) si susseguirono  e con il valido aiuto di GEV e MM, approfittando delle concomitanti attività di modifica della rotonda stradale (Missaglia-Bugatti-Selvanesco), fu posto rimedio all’annoso problema. Oggi il carico inquinante, derivante da Nord attraverso la “Scudellina”, confluisce attraverso un nuovo condotto, direttamente nel collettore fognario principale di Milano e viene avviato al depuratore di San Rocco. I due minori corsi d’acqua in questione sono rinati, con fauna e flora interessanti (gamberi della Louisiana si possono vedere dalle rive all’inizio di via Selvanesco, avannotti  e pesciolini vari).  Il quantitativo di liquami asportati  dal fondo e dalle sponde delle due rogge, assommano a piu’ di cento metri cubi. Essi sono stati  conferiti al depuratore fanghi di Origgio.

  • Il “Verde” del Quartiere:                                                                                                                          Terminati i lavori di piantumazione con Alberi e con Siepi di Lauro Ceraso e la posa in opera dell’Impianto d’Irrigazione (anno 2000?), tutto sembrava funzionante in modo accettabile. Purtroppo l’impianto d’irrigazione funzionò solo per circa un anno. Poi andò in avaria completa (anche a seguito di atti vandalici). Malgrado le segnalazioni fatte ripetutamente al responsabile Perito Agrario del Comune  e al CDZ , il costo di manutenzione e ripristino di detto impianto  fu ritenuto essere troppo elevato e, per questo motivo non fu  mai eseguito. Le siepi di Lauro Ceraso hanno cominciato a seccare. Idem per diversi alberi. Il Comune ha fatto ri-piantumare varie volte gli alberi e gli arbusti seccati .  Ciò è stato sempre seguito, nell’estate successiva alla ri-piantumazione, da nuova “morte” del verde sostituito, dovuta a totale siccità.                                                                                                                                                      Questo fatto, assieme ai prati erbosi che non vengono sfalciati con regolarità e a morte per aridità estiva dell’erba, contribuisce a far apparire il Quartiere  degradato e in abbandono .                                                                                                                                  Aggiungiamo che i Carpini, che sono stati sostituiti o aggiunti,  si sono dimostrati poco adatti ai prati del nostro Quartiere , in quanto detti alberi richiedono  zone di terreno piu’ ombrose e umide.   

Il laghetto artificiale con fontanella, all’estremo est del Quartiere, da anni è totalmente vandalizzato, con la centralina elettrica distrutta! Malgrado le segnalazioni del CDQ , anche questo rimane un problema irrisolto.


  • La Passerella Ciclo Pedonale da Via dei Missaglia al Prato Nord del Quartiere Santa Croce-Missaglia:                                                                                                                                 Questa Passerella, prevista nei piani comunali da lunghi anni e finanziata con gli oneri di urbanizzazione secondaria del Quartiere “Le Terrazze”, era stata progettata e indicata dal tabellone dei lavori già assegnati e calendarizzati. Dopo diversi spostamenti generati dalle obiezioni e veti del Quartiere Missaglia, l’ubicazione scelta dal Comune era stata individuata  fra il parcheggio di via N.Romeo e il prato al di là di  via dei Missaglia.             Dato che la Passerella doveva servire a consentire l’accesso al complesso scolastico di via dell’Arcadia, il CDQ “Le Terrazze” aveva svolto un’indagine con la dirigenza della scuola che si era dichiarata assolutamente contraria ad aprire un nuovo ingresso al complesso scolastico, dal lato nord di esso. Veniva cosi’ a cadere la  ragione principale per una passerella nella posizione scelta in base al progetto, posizione completamente non baricentrica rispetto ai due Quartieri e al Complesso delle Scuole alle quali avrebbe dovuto consentire l’accesso.                                                                                                                   Dopo anni di  discussioni in CDZ5, il Comune decideva di cancellare definitivamente  il Progetto .                                                                                                                                                              Il  CDQ “Le Terrazze” si attribuisce  il merito di avere evitato lo spreco di danaro per un’opera  che non avrebbe avuto un uso utile e assicurato. È pur vero che la mancata realizzazione della passerella nel luogo originariamente scelto [baricentrico alle Terrazze e alle Scuole],  rappresenterà, nel tempo, motivo di grandi preoccupazioni per le famiglie, soprattutto se si avvererà quanto temuto (e sventato almeno per quest’anno, grazie all'intervento del Consigliere Comunale Anna De Censi). In brevi parole  cio’ che si temme e’ la soppressione del Servizio di Autobus per le scuole che porta i ragazzi-studenti dalle Terrazze al Complesso Scolastico di Via dell’Arcadia (soppressione  anch’essa legata a motivi di bilancio).

  • Il  Problema del Residence Arcobaleno, della Bocconi e di Piazza Cantoni.

In CDQ “Le Terrazze” abbiamo sempre attribuito l’origine del problema di degrado e di lamentele dei residenti, allo “spezzatino” concordato fra Immobiliare/Costruttore-Comune e Università Bocconi, consistente nell’accordo secondo il quale:


  • La Bocconi si assumeva la responsabilità di gestione,  solo della Hall del Residence e delle Stanze adibite a Residence per gli studenti stranieri di scambio che seguono brevi corsi di studio in Università.
  • Tutto il resto: [Portici, Negozi, Boxes per Auto] , veniva lasciato in gestione alla   Società Immobiliare, la quale, per le vicende note dalla stampa economica, non eseguiva piu’ alcuna manutenzione né alcun controllo.

Da questa decisione e dalla inciviltà di “ragazzi” dei Quartieri vicini e del nostro stesso Quartiere, (che hanno subito eletto le parti comuni del complesso come loro luogo di ritrovo), aggiunta a comportamenti poco rispettosi delle necessità di sicurezza (oggetti anche pesanti lanciati fuori delle finestre) e di quiete pubblica (rumori e schiamazzi, specie nelle ore notturne) degli studenti stessi, è derivato un serio problema di accettazione della situazione da parte dei residenti. Nel corso degli anni sono state moltissime le segnalazioni del CDQ “Le Terrazze” al Consiglio di Zona, alla Bocconi , al Comune e alle Forze dell’Ordine, perché si affrontasse la situazione e se ne evitasse ogni ulteriore deterioramento . Purtroppo i contatti con rappresentanti della Proprietà Immobiliare, sono diventati sempre piu’ complessi man mano che la Società Immobiliare si avviava al o fallimento. Non è stato più possibile perfino identificare un valido interlocutore, delegato ad assumere responsabilità e prendere decisioni.                                 Il CDQ “Le Terrazze”, nell’anno 2007 ha  organizzato una Conferenza dei Servizi con le Autorità allora in carica. La presenza dei residenti, fu in quell’occasione, massiccia (segno evidente che il problema era ed è tuttora “sentito”). Ad  essa non seguirono azioni da parte delle autorità territoriali volte a realizzare i miglioramenti promessi.                                                                                                                          Per arrivare ai giorni nostri, in data: 10 Ottobre 2012,  in Bocconi, si è tenuto un incontro con:  i responsabili della Università, il CDZ5, rappresentanti del Comune di Milano e del CDQ “Le Terrazze”. È mancata, come al solito, la partecipazione della Società Costruttrice.                                                              In questa Riunione, come da verbale firmato dal CDQ e circolato ai presenti, si sono prese alcune decisioni importanti da parte dei responsabili dell’Ateneo che dovrebbero alleviare se non risolvere i problemi generati dagli studenti.                                                                                                                                                      Per la parte relativa al Costruttore [Portici, Negozi, Boxes e Parti Comuni] Il Presidente del CDZ5 si è assunto l’incarico di individuare e contattare il (o i)  responsabili della parte immobiliare, che possano impegnarsi ad affrontarla. Come CDQ  seguiremo attentamente l’evolversi della situazione affinché gli impegni presi portino a risultati concreti e  percepiti come tali dai residenti.


  • Sicurezza:

Nel nostro Quartiere (come, purtroppo in molti altri Quartieri periferici o meno di Milano e di altre città) si verificano furti in appartamenti, nei box e nei negozi che vengono sempre denunciati alla Polizia Locale e ai Carabinieri. Questo aspetto importante rende il Quartiere e i suoi residenti  insicuri. Il CDQ “Le Terrazze” se ne è sempre fatto carico presso le Autorità, spesso sollecitando misure di rinforzo della sorveglianza e chiedendo che i vigili di quartiere intensificassero i loro controlli. Non ci possiamo dire soddisfatti delle risposte ottenute. Quindi consideriamo questo aspetto come così importante da mantenerlo sempre “aperto”. In passato, nei periodi di maggiore crisi dal punto di vista della Sicurezza, il CDQ aveva anche proposto di affiancare l’azione delle Forze dell’Ordine con una sorveglianza attiva da parte dei residenti, ispirata al progetto Neighbours Watch in uso nelle periferie delle città americane.                                                                                           Ogni cittadino residente che si trovasse a essere testimone diretto di qualche azione malavitosa o sospetta tale , avrebbe avuto a disposizione un numero telefonico delle Forze dell’Ordine dedicato  per sollecitare  un intervento immediato.                                                 Come parte visibile di questa proposta nel Quartiere sarebbero stati sistemati  appositi cartelli portanti la frase (completata da un avviso in forma grafica ) più o meno di questo tenore:

Questo Quartiere è sorvegliato in accordo con  il “Programma di Osservazione e Richiesta di Pronto Intervento da parte dei Residenti”.                                                                   A causa di  varie opposizioni alla proposta stessa , questo programma è rimasto “sulla carta”.


  • Programma Muri Puliti nel Quartiere  e azione di pulizia di un buon numero di Serrande (individuate in un recente sopralluogo al Quartiere eseguito dal CDQ e che ha visto la partecipazione  di rappresentanti di associazioni ed enti). Questo sopralluogo ha avuto luogo  il 30 Ottobre scorso.   

Il progetto, di notevole interesse educativo e dissuasivo,  sta andando avanti ed è in fase di programmazione. [Per inciso quasi tutti i componenti del CDQ “Le Terrazze” hanno accettato di auto-tassarsi per una piccola ma non insignificante cifra per pagare i materiali necessari all’operazione].                                                                                                                        Esiste un verbale dell’incontro che è disponibile per chiunque ne faccia richiesta. Questo Programma ha la sponsorizzazione del CDZ5.


  • Fumi Nocivi prevenienti dal lato sud di Via Selvanesco derivati da combustioni non controllate di materiali plastici aventi lo  scopo di recuperare i metalli inglobati.                                  Il CDQ “Le Terrazze” su segnalazione dei residenti, nel corso degli anni, ha sempre cercato di far intervenire le autorità competenti, a dire il vero, con sporadici successi: dopo un certo periodo di sosta seguita agli interventi degli enti preposti, queste attività clandestine e fuori di ogni controllo sono sempre ricominciate. Adesso abbiamo l’assicurazione che il CDZ5 se ne occuperà per arrivare a una soluzione che tuteli la salute dei residenti e di tutti i cittadini ( minaccia alla salute relativa alla eventuale presenza di diossine nei fumi stessi).

  • Segnalazioni continue da parte del CDQ “Le Terrazze” circa problemi osservati nel Quartiere.                                                                                                                                         Desideriamo far notare che queste segnalazioni sono relative anche a problemi di ordine minore ma segnalati dai residenti e perciò ritenuti importanti per il Quartiere. Possono riguardare  Disfunzioni Osservate o Segnalate dai Residenti stessi, Auto  o Altri Mezzi di Trasporto abbandonati, Atti di Vandalismo su Opere Murarie , eccetera.                                     Esse sono state sempre portate all’attenzione dei responsabili dei Servizi coinvolti tramite comunicazioni scritte o tramite contatti telefonici.  Queste segnalazioni  sono sempre riportate nel link del CDQ “Le Terrazze” : https://sites.google.com/site/leterrazzemilano/ . Non abbiamo mai mancato di presentarle all’attuale CDZ5 come al precedente e ai Consiglieri Comunali, qualora ne avessimo ritenuto esservene la necessità e l’utilità.                                                                          Fra queste segnalazioni spicca per la sua importanza il problema di traffico e di parcheggi in doppia o tripla fila, spesso pericolosi, specie in certe ore della giornata.      I Limitatori di Sagoma per i parcheggi di Via Romeo e di Via Bugatti, che hanno eliminato il “deposito” di Roulottes e Caravans nei mesi di non-vacanze, furono richiesti dal CDQ “Le Terrazze”.
Conclusione
Scusandomi se avrò dimenticato argomenti importanti, concludo  assicurando chi leggerà queste note, che il CDQ “Le Terrazze” è sempre stato attivo e tempestivo nelle sue azioni. Non ha mai distinto gli “interlocutori del tempo” [fra i quali includo “Le Autorità Territoriali”], in base alla loro appartenenza politica e vuole continuare ad agire in base a questo principio.
Si può fare di piu’ e di meglio! Come?                                                                                                  
Ampliando la partecipazione attiva e coinvolgendo ancora  piu’ direttamente i residenti.
Pronti a fare questo con chiunque abbia tempo e volontà di dedicarsi ai vari problemi del Quartiere.

Per il Comitato di Quartiere “Le Terrazze” :
Marcello Puccini
marcello.puccini@gmail.com

**************************************************************************************************************************************

 Incontro del 5 settembre 2012 con Comitato Abruzzi Piccinni e Associazione Milano Muri Puliti.

Il giro intorno al Residence di via Flli Fraschini 3 ha permesso di documentare agli ospiti lo stato di degrado.

Nel corso della loro pluriennale attività, NON avevano mai visto un simile scempio. 

Hanno preso molte fotografie , che riporteranno sulla banca dati del progetto "Ambrogio" che raccoglie anche le segnalazioni  riguardanti gli interventi sul territorio comunale  per questioni di decoro urbano (procedure di segnalazione sul portale del Comune di Milano http://www.comune.milano.it/portale/wps/portal/CDM?WCM_GLOBAL_CONTEXT=/wps/wcm/connect/ContentLibrary/ho%20bisogno%20di/ho%20bisogno%20di/Rivolgersialcomune_progettoambrogio&categId=com.ibm.workplace.wcm.api.WCM_Category/IT_CAT_Bisogni_46/c95ece0045c7e7f5aab6afd259715a82/PUBLISHED&categ=IT_CAT_Bisogni_46&type=content&sizeStyle=defautSize&colorStyle=defautColor

Abbiamo fatto una sintesi delle vicende dell’immobile, con tutti i particolari a noi noti.

 Ricordato anche l’incontro con l’Assessore Granelli, il Presidente della Quinta Circoscrizione  Ugliano, il Presidente della Commissione Sicurezza, c.s., Magnotta, di febbraio 2012, che avrebbe dovuto, come da impegni di Granelli, a portare a una serie di interventi sulla proprietà (presente all’incontro) e sul gestore (id id).

 Attendiamo ancora  almeno un cenno interlocutorio, sull’emanazione dell’Ordinanza Sindacale di obbligo per la proprietà, per problemi di decoro e sicurezza, a intervenire con tutte le misure necessarie.

 Si è anche fatto un giro della Piazza Remo Cantoni, di diretta responsabilità dell’A.C. (Amministrazione Comunale).

I muretti sistematicamente demoliti, la sporcizia, le marmette accuratamente asportate ( …per decorazione di qualche bagno privato?) alla base dei nuovi lampioni, di fronte a BPM ma anche sul passaggio  pedonale Romeo – Fraschini non sono certo attribuibile ad altri soggetti, se non all’abbandono da parte dell’A.C., nonostante decine di segnalazioni.

 Un numeroso gruppo di ragazzini, su skateboard, al nostro passaggio, si è fermato dalla lodevole attività di demolizione dei manufatti pagati con le opere di urbanizzazione secondaria da chi ha comprato dall’impresa costruttrice.

Interessante il ricambio generazionale, questi erano molto più giovani, 12 – 14 anni, rispetto a quelli di cui abbiamo “goduto” fino qualche mese fa.

 E’ così assicurata la continuità della piacevole presenza dei teppisti a cui nessuna autorità preposta ha mai contestato, per esempio, il danno erariale.

 Milano Muri Puliti e Comitato Abruzzi Piccini detengono il data base di tutti i graffiti esistenti in Milano, sul residence ci informavano dei vari nomi e provenienze a cui corrispondevano le relative firme.

 Ci hanno informato di aver raccolto 1000 firme contro l’imbrattatura dei muri in due sabati.

 Va tenuto conto dell’ampia base di popolazione che fa capo alla zona Abruzzi Piccini, compresa quella di passaggio.

 In un incontro col Sindaco, luglio 2012, le due associazioni hanno proposto l’emanazione di Ordinanza Sindacale che aumentasse le sanzioni amministrative nei confronti dei trasgressori, allineandole a quelle francesi (fatte applicare, queste, però), dagli attuali € 500,00 ai 35.000 di Oltralpe.

 Risposta del Sindaco : “La mia esperienza di avvocato mi dice che l’aumento delle pene non determina una riduzione dei reati”.

Sarà per questo che ormai Milano è considerata a livello internazionale il posto dove si rischia di meno a imbrattare muri, serrande  e carrozze MM.

 Sempre più giovani “turisti” stranieri si rendono colpevoli di queste condotte.

 Le imbrattature sotto i portici del residence sono a più strati, con le più recenti fatte con vernici piombate, le più complesse da eliminare.

 Occorrerebbero diverse decine di migliaia di €  per toglierle, con l’ausilio di sabbiatrici e idropulitrici e almeno 10 squadre di volontari.

 Le sabbiatrici, prezzo di acquisto di  € 6.000, si possono noleggiare a € 700 al giorno, devono avere un’ora di riposo ogni 4, per problemi di surriscaldamento e devono essere condotte da personale qualificato, per non creare danni alla parete.

 Le due associazioni, a cui a livello personale due di noi hanno dato adesione, non richiede quote di iscrizione, organizza periodiche attività , totalmente basate sull’apporto di volontari, che pagano anche per le relative spese (noleggio macchine, materiali di consumo, pennelli etc.) di tasca propria e contribuendo come forza lavoro.

Una pericolosa degenerazione dell’imbrattamento dei muri e delle serrande è stato notato già da qualche anno a Milano e cioè il “taggare” gli autoveicoli commerciali, copiando dall’estero, sempre però le peggiori attività.

 Per le autovetture private, pare che l’atteggiamento, soprattutto del maschio italiano, che considera l’automobile una parte del proprio corpo (…quella a cui si tiene di più!) non abbia ancora determinato l’attacco imbrattativo (…forse per paura di reazioni dirette, anche oltre la  legge?).

 Un suggerimento è venuto dai nostri ospiti su un intervento, di grande visibilità e di fattibilità anche in tempi brevi:

                 “ Ripulire TUTTE LE SERRANDE dei negozi, uffici, studi vari delle Terrazze”.

 Occorre interpellare tutti gli interessati, precisando che l’intervento non costituisce un impegno economico per il singolo esercente o professionista, anche se sarebbe gradito un loro coinvolgimento diretto (magari come mano d’opera).

 Una prima verifica dell’atteggiamento dei commercianti/titolari di uffici etc.) fatta da chi scrive ha rivelato un’ottima accoglienza per uno studio con diverse luci.

 Dovremmo estendere tale verifica a tutto il quartiere e poi trarne le conseguenze.


***********************************************************************************************************************************************************************************************************************


---------- Messaggio inoltrato ----------
Da: Ruggero Revelli <ruggerorevelli@gmail.com>
Date: 30 maggio 2012 10:06
Oggetto: Alberi seccati alle Terrazze.
A: Giancarlo Rocco <giancarlo.rocco@comune.milano.it>


Mi è stato segnalato che due alberi, nell'area fra le vie Garelli, Nicola Romeo e Corradino D'Ascanio, e precisamente sui passaggi pedonali, pali 8 e 9 e ancora 10, verso via Romeo sono completamente seccati.

Inoltre ricordo che tre alberi sono stati danneggiati, fra giugno e ottobre 2011,nel corso dell'intervento MM sulla roggia Scudellina, a Est della nuova rotonda Selvanesco- Stucchi e conseguentemente sono seccati.

A disposizione per chiarimenti ed eventuali accompagnamenti del vostro personale.

Saluti.

Ruggero Revelli Comitato le Terrazze

tel 02 89301713- cell 340 5780202

 
  
 

Majorino e Maran: “Non fumate nelle aree gioco dei bambini”

Nella Giornata mondiale senza tabacco, il Comune lancia ai fumatori il messaggio di rinunciare alla sigaretta almeno in quei luoghi dedicati e pensati per i più piccoli
 

Milano, 31 maggio 2012 – Si parte con un invito scritto su un cartello verde chiaro posto all’ingresso delle aree gioco dei bambini. “Questo è uno spazio dei bimbi! Vi invitiamo a non fumare (Grazie) ”. Da oggi 31 maggio, Giornata mondiale senza tabacco, il Comune lancia ai fumatori il messaggio di rinunciare alla sigaretta almeno in quei luoghi dedicati e pensati per i più piccoli, come i giardinetti, permettendo loro di correre, saltare e giocare senza i pericoli del fumo passivo, dannoso anche all’aperto. Da oggi i cartelli saranno affissi in otto parchi tra centro e periferia nelle nuove aree gioco realizzate tra l’estate e l’autunno scorsi. La campagna proseguirà dalla prossima settimana con altre 50 aree.

Oggi a Palazzo Marino ne hanno parlato gli assessori Pierfrancesco Majorino (Politiche sociali e Cultura della salute), Pierfrancesco Maran (Mobilità, Ambiente, Arredo urbano e Verde) e Sergio Harari, direttore dell’Unità operativa di Pneumologia dell’Ospedale San Giuseppe di Milano.

“Con questa iniziativa – ha detto l’assessore Majorino – vogliamo lanciare una campagna di sensibilizzazione in difesa della salute dei più piccoli e dei luoghi di questa città che appartengono a loro e dove vogliamo salvaguardare il loro diritto di vivere, crescere e giocare più sicuri e lontano dai pericoli, anche quelli generati dal fumo passivo. Oggi partiamo con i cartelli di invito ma l’intenzione è di condividere al più presto con la Giunta la decisione di introdurre, come accade in altre città italiane e del mondo, il divieto di fumare nelle aree dei parchi dedicate ai bambini”.

“I bambini sono i primi a soffrire per l’inquinamento e per i ritmi troppo veloci della città e hanno il diritto di avere luoghi dedicati dove divertirsi, stare all’aria aperta e giocare in un ambiente sano e pulito. Anche un giardino senza fumo è un importante gesto di rispetto verso i più piccoli e un passo ulteriore per cambiare la qualità della vita a Milano rendendola una città più bella e sostenibile”, ha dichiarato l’assessore alla Mobilità, Ambiente, Arredo Urbano e Verde Maran.

“L’esposizione al fumo passivo aumenta la frequenza di attacchi asmatici, bronchioliti, infezioni respiratorie ed episodi di morti in culla" , ha spiegato il direttore dell’Unità Operativa di Penumologia del San Giuseppe  Harari. “Il verificarsi di bronchiti in età infantile aumenta del 22 per cento in presenza di un genitore fumatore, sale al 62 per cento se fumano tutti. Le azioni fatte nella campagne antifumo hanno ottenuto un beneficio limitato. C’è stato un cambio di target. Il picco dei fumatori si concentra ora tra i 18 e i 30 anni con la possibilità di ricadute nell’arco della vita. È forse quindi necessario rivedere le campagne divulgative  partendo dai bambini. L’età limite è tra i 10 e gli 11 anni, se alle elementari le azioni contro il fumo sono più forti, risultano meno incisive durante i tre anni di scuola media” .

Queste le aree gioco dove da oggi sono visibili i cartelli: aree Monte Merlo e Bar Bianco ai Giardini Montanelli (zona 1); via Boves (zona 3); via Gonzales Nervesa (zona 4); parco Baravalle (zona 5), via Cascina Bianca (zona 6); via degli Ulivi (zona 7) ; parco Pallavicino (zona 8).


 
 
 Attività di controllo del territorio da parte del Comitato Le Terrazze

 

Nel corso dell'intervento del 28 maggio 2012 del Comitato suddetto, intervento che  si inserisce nell'attività sistematica del Comitato stesso e che ha portato a  decine di  segnalazioni  e incontri nell'ultimo anno nei confronti di :

 

  •  Forze dell'Ordine
  •  Istituzioni (Sindaco, Consiglio di Circoscrizione n.5 del Comune di Milano, Assessori vari, etc)
  • Amministrazione Provinciale di Milano
  • ASL
    VF
  • ARPA
    Consorzio Est Ticino
  • GEV
  • AMSA
  • Settore Parchi e Giardini del Comune di Milano
  •  e di cui ci ripromettiamo, a breve , di fare un opportuno elenco da pubblicare sul blog del Comitato Le Terrazze, 

     

                                                      <http://sites.google.com/site/leterrazzemilano/>

     

     i sottoscritti, Componenti del Comitato stesso (sempre aperto a tutti i residenti ...dotati di buona volontà!), hanno rilevato:

     

    1) panchina a Nord del palo 42, dietro il palazzo ANAS, via Corradino D'Ascanio ,1° listello rotto, con punta aguzza sporgente

    listelli 3-4-6-7-8-12 allentati o distaccati

     

    2) id id palo 40, 1° e 6° listello , senza vite di fissaggio

     

    3) campo giochi fra via Romeo, via Garelli e via C. D'Ascanio, palo 17, 1a panchina, 2° e 4° listello allentati

           2a panchina, a Ovest, listelli 5 e 6 staccati, 17° allentato

     

    4) passaggio pedonale, parco a Nord Le Terrazze, dietro Esselunga, ingresso dal passaggio a fianco del bar Lorant, via Romeo 3, a fianco Est della caserma CC, recinzione metallica per l'intero percorso, senza cartelli indicanti il tipo di lavoro, il committente, l'impresa incaricata, etc. 

    Un passaggio era già stato forzato.

     

    5) al termine di tale passaggio , proprio a 10 m dalla caserma, vi sono alcuni ricoveri di fortuna per senzatetto, che nel corso della giornata bivaccano sulle prime panchine del passaggio pedonale Lorant.

     

    6) parco giochi Montagnetta, tre quercioli, recentemente messi a dimora, sono completamente seccati ( palo 15, a Ovest, e a Est, palo 17, a Est.

    permane la mancanza di recinzione anticani e soprattutto a prevenzione aggressioni a bambini.

     

    7) roggia della Triulza, la prima a Nord di via Selvanesco. Uno pneumatico sulla sponda, a 5 m dal ponte carrabile che conduce da via Flli Fraschini a via Selvanesco, sulla stessa, a una trentina di m a Ovest, sacco nero di rifiuti.

     

    8) Ponte carrabile, citato, staccionata metallica , lato destro, danneggiata da probabile incidente automobilistico, implicato anche cordolo. Uno specchio sul lato opposto a via Selvanesco faciliterebbe una svolta  sicura a sinistra, per chi viene da via Flli Fraschini.

     

    9) sacco di plastica giallo con una decina di bottiglie di vetro (liquori, etc. e plastica), a fianco del cestone portarifiuti, via Flli Fraschini 3, lato opposto bar gelateria Alle Terrazze.

     

    Ci auguriamo un pronto intervento, in base alle rispettive competenze.

     

    Distinti saluti.

     

    Comitato Le Terrazze

     

    Marcello Puccini - Ruggero Revelli

     

    *** 

     

     

    "Comune di Milano zona 5 Decentramento PG 688195 del 26/09/2011 , Revelli (S) Uff. Presidenza" , integrata con " Comune di Milano zona 5 Decentramento PG 695565 del 28/09/2011  Revelli Ruggero (S) Uff. Presidenza 28/09/2011".

    Ill.mo

                                                            Sindaco di Milano, avv. Giuliano Pisapia

     

               Oggetto: richiesta di intervento per disturbo della quiete pubblica.

     

    Siamo un gruppo di cittadini residenti nella 5° Circoscrizione di Milano e, coordinati dal Comitato Le Terrazze, ci troviamo costretti a richiedere il Suo intervento in relazione ad una situazione divenuta ormai insostenibile.

    Da diverse anni nelle ore notturne, nelle vie F.lli Fraschini, Romeo, Ettore Bugatti e Remo Cantoni, bivaccano gruppi di giovani che, con autoradio a tutto volume, schiamazzano, tirano pallonate contro  i muri perimetrali del Residence Arcobaleno e contro le saracinesche dei negozi e danneggiano l’arredo urbano, noncuranti del fatto che tutto ciò impedisce agli abitanti del quartiere di dormire.

    Sono facilmente intuibili i danni provocati dalle suddette condotte incivili.

    Il più grave è indubbiamente il danno alla salute dei residenti che da anni vedono letteralmente calpestato il loro diritto a dormire sonni tranquilli. Non dormire di notte, o comunque riposare male, significa per tutti, e a maggior ragione per chi di giorno lavora, non riuscire ad affrontare la giornata con le energie necessarie e provoca nervosismo e ansie che possono sfociare anche in patologie.

    L’atteggiamento di questi “ignoti” causa ai residenti anche un danno patrimoniale, sotto un duplice profilo.

    Da un lato la situazione di degrado (muri imbrattati, rifiuti abbandonati dove capita, etc) e di invivibilità del quartiere sminuisce il valore degli immobili. Conseguentemente chi intende vendere il proprio appartamento trova notevoli difficoltà nel reperire acquirenti interessati e quando ci riesce subisce una sicura perdita economica.

    Dall’altro, gli interventi finalizzati al ripristino dell’arredo urbano danneggiato si traducono sempre e comunque in costi per i cittadini.

    Sono anni che chiediamo l’intervento delle Forze dell’Ordine e siamo disponibili anche a procurare, se richiesto, i tabulati telefonici da cui risultano le centinaia di telefonate che abbiamo fatto.

    Purtroppo i sopralluoghi delle Forze dell’Ordine si contano sulle dita di una mano.

    Successivamente la situazione è stata segnalata al Comandante dei Vigili Urbani, al Comandante dei Carabinieri, alla Questura di Milano, alla Regione Lombardia e per finire all’allora Sindaco Letizia Moratti.

    Come si può notare dalle 4 lettere di riscontro che alleghiamo, l’ex vicesindaco di Milano Riccardo De Corato e la Direzione Centrale della Polizia Locale di Milano parevano essersi attivati per effettuare controlli nella nostra zona al fine di reprimere le condotte moleste ma, in realtà, nulla è stato fatto e nulla è cambiato.

     

    La sensazione, per non dire la certezza, è quella di essere stati abbandonati dalle Istituzioni, perché il Comune di Milano e le Forze dell’Ordine, pur a conoscenza dei fatti da anni, non stanno rispettando il loro dovere di tutelare il nostro sacrosanto diritto alla salute.

     

    Ci sentiamo soli ed impotenti, in balia di un gruppo di incivili che stanno, peraltro, ponendo in essere condotte penalmente rilevanti.

    La tensione è ormai al culmine e si rischia che il nervosismo, l’irascibilità e la mortificazione provochino reazioni inconsulte, sia da parte dei cittadini che da parte dei molestatori.

    Una di noi, infatti, è indagata per aver sfogato la propria rabbia sul parabrezza dell’automobile di uno dei giovani del gruppo, in preda all’esasperazione per i rumori.

    Non possiamo vivere anche con l’incubo che l’esasperazione sfoci in tragedia considerato, tra l’altro, che a pagarne le conseguenze saremmo ancora una volta noi.

    Non siamo più disposti a tollerare questo calvario che dura da anni: di notte non riuscire a dormire per gli schiamazzi e i rumori; scendere in strada per invitare i giovani a smetterla e, per tutta risposta, sentirsi deridere ed insultare, temendo anche per la propria incolumità; chiedere l’intervento delle Forze dell’Ordine e delle autorità locali per poi constatare che le Istituzioni si disinteressano del problema.

     

                                   A TUTTO CIO’ DICIAMO BASTA!

        È ORA CHE LE COMPETENTI AUTORITA’ FACCIANO IL LORO DOVERE.

     

    Chiediamo, quindi,  che il Comune di Milano intervenga urgentemente, con le misure e gli strumenti che riterrà più opportuni, al fine di far cessare tutti gli atti di inciviltà che ci impediscono di vivere tranquillamente e dignitosamente.

    Distinti saluti.

    Milano,  21 settembre 2011

     

    ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

     

    Residence - 1 SETTEMBRE 2011

    Ieri sera serata tranquilla i ragazzi italiani sono andati via verso le 23.30 e si sono comportati abbastanza bene.
    Devo però denunciare il comportamento di alcuni studenti americani credo del residence.
    verso l'1.00 si sono ritrovati in 8-9 sul balcone del 3 piano stanza 336 (il numero della stanza è quello che mi ha detto il portiere) a bere urlare, schiamazzare, erano arrivati il giorno prima e stavano festeggiando!!!!???.
    ho chiamato il 112 e verso l'1.30 sono scesa e sono andata a suonare al residence. il portiere, un ragazzo italiano è andato ad avvisarli.
    mentre ero ancora lì è arrivata la pattuglia dei carabinieri che mi ha chiesto se volevo sporgere denuncia, mi ha chiesto se era la prima volta che notavo questi comportamenti e di tenerlo informato nel caso di altre simili manifestazioni di inciviltà, visto che intanto il tono dei ragazzi a seguito dell'intervento del portiere si era abbassato, hanno deciso per questa volta di non intervenire.
    Potete anche dare i miei dati e i miei riferimenti

    Serata del 31 agosto  - 1 SETTEMBRE 2011

    Chiamo la Polizia Locale alle 22.30 circa per schiamazzi  provocati da  18/20 persone, schiamazzi iniziati verso le 22.00.
    Indico la via, il civico, preciso che sono sul marciapiede sulla strada e sotto i portici, lascio il mio cognome e il mio numero di telefono.
    Chiamo anche il 113 ma la zona non è di loro competenza. Chiamo allora il 112 e mi mettono in nota.
    Alle 23.09 (sono certa dell’orario perché ho controllato di proposito  l’orologio per essere sicura) arriva da via nicola romeo  un auto della Polizia Locale con i lampeggianti accesi, passa davanti al numeroso gruppo di ragazzi e si dirige verso il fondo di via f.lli fraschini , verso via tomaselli, arriva in fondo e ritorna indietro, passa per la seconda volta di fronte al gruppo sempre con i lampeggianti accesi e gira di nuovo per via nicola romeo.
    Richiamo la centrale e chiedo come mai è passata la volante ma non si è fermata con tutte quelle persone.
    L’operatrice mi dice che potrebbe trattarsi di un’altra richiesta ma che l’auto fra poco arriva, tempo 5 minuti.
    Aspetto ma gli schiamazzi continuano e verso le 23.30- 23.40 circa richiamo.
    Un’altra operatrice prima mi dice che sono ancora in nota.
    Le dico: la sua collega mi ha detto che l’auto stava arrivando ma già mezzora prima.
    Allora mi risponde, prima qualcosa che non capisco e poi: l’auto ha fatto un passaggio ma ha dato esito negativo.
    Chiedo di sapere il numero della pattuglia. Non è possibile avere per telefono questi dati: bisogna fare la richiesta di accesso agli atti amministrativi.
    Va bene dico farò fare la richiesta dal mio legale ed a quel punto mi mette giù la comunicazione.
    Intanto il gruppo piano piano si è sciolto e gli ultimi 6 se ne vanno alle 23.52 con buona pace di tutti.

    Io spero di essere creduta anche se le situazioni sembrano a volte incredibili.
    Se si potesse mettere un registratore ed una videocamera notturna sarebbe molto utile per aggiungere altra documentazione, forse si possono noleggiare.
    Sempre perchè per me è importante essere creduta vi chi chiedo un favore.
    Chiedo la vostra disponibilità a fare un giro la sera anche se tardi quando ci sono queste situazioni per verificare con i propri occhi e fare da testimone.
    Vi chiedo di lasciarmi se è possibile un vostro recapito telefonico.
    Un saluto

    Quartiere le terrazze 30 AGOSTO 2011

    Una notte di delirio, sono persino stanca di parlarne.
    3 telefonate alla polizia locale -  2 telefonate al 112 - 2 telefonate  al 113, senza contare quelle perse perché saltava la linea o gli operatori erano occupati.
    Ho passato la serata a telefonare senza concludere nulla. Sono andati via da soli, i bravi ragazzi del quartiere verso le 24.20.
    Mica stupidi sanno che possono fare quello che vogliono: grida, schiamazzi, motorini, gioco del pallone (credo che ieri sera abbiano spaccato  o qualche lampada dell’illuminazione pubblica o qualche vetrata).
    Sono tentata di gettare la spugna: dormire sul divano in sala o spostare il letto, dalla camera da letto alla sala.
    Ieri sera, parlando con gli operatori, ho sentito strani discorsi: di tolleranza verso i balordi almeno fino a mezzanotte, che tanto tutta Milano è così, che anche se uscivano, la sera dopo si sarebbe ripresentato il problema.
    Senza poi parlare del continuo rimpallo di competenze fra i vari corpi.
    Schiamazzi: competenza dei vigili, ordine pubblico: competenza delle forze dell’ordine.
    Conclusione: in tutto questo spreco di energie indirizzate a vedere chi doveva uscire non è uscito nessuno.
    Che spreco di energie e di salute sia mentale che fisica, quando finalmente verso le 24.30 sono andata a letto mi sentivo stanca, a pezzi e con un gran mal di testa, forse neanche il tumore mi ha rovinato la vita come questa situazione ambientale che dura da anni.

    Qualcuno può obiettare: perché non vendi la casa e te vai?
    Vediamo la situazione: voglio vendere la casa e gli acquirenti mi chiedono se la zona è tranquilla.
    Dico la verità ovvero che tutte le sere a 15-20 metri dalle mie finestre si riuniscono stabilmente gruppi di ragazzi (tra le 12 e 20 persone, minorenni e maggiorenni) che considerano la strada e i portici loro territorio.
    Nessuno mi compra una casa con queste credenziali.
    Dico una bugia: non ci sono problemi, è un bel quartiere residenziale tranquillo.
    Appena si accorgono della situazione vengo sicuramente denunciata per aver omesso la verità.

    Sarebbe utile sapere se altri quartieri sono riusciti a risolvere la situazione e come.
    Sollecitare la Fondiaria Spa a installare delle telecamere.
    Mettersi in contatto con stampa locale e cittadina (abbiamo i palazzi dei giornalisti in quartiere).
    Intraprendere azioni legali sia per omissione di atti d’ufficio, sia per individuare i ragazzi (e i loro genitori se sono minorenni).
    Altra cosa: ma il Comune quando rilascia la licenza alle gelaterie o altri negozi con orario di chiusura alle 24.00 non si pone il problema della zona se è tranquilla, se ci sono i presupposti per un apertura fino a tardi, dell’impatto sul quartiere?

    Un saluto a tutti.

    Quartiere le terrazze, schiamazzi notturni, pallonate demolitrici  -  29 AGOSTO 2011

    invio alcune immagini relative alla demolizione degli impianti di illuminazione notturna, adiacenti ai portici del residence, in P.zza Remo Cantoni,( lato via Fraschini-Via Romeo). Queste foto sono state scattate recentemente, proprio nel punto dove, quasi ogni notte,  si radunano gruppi di giovani che passano il tempo a tirare  pallonate fino a tarda notte impedendo il riposo notturno ai residenti e demolendo l'arredo urbano.
     
    Possibile che a fronte di questa ennesima evidenza e alla sistematicità dell' evento non intervenga nessuno per identificare i vandali ?
     
    E' sorprendente rilevare come dalla Zonizzazione realizzata dal Comune di Milano, l'area in questione sia stata classificata  in classe 1 (Area Particolarmente Protetta :
    rientrano in questa classe le aree nelle quali la quiete rappresenta un elemento di base

    per la loro utilizzazione: aree ospedaliere, scolastiche, aree destinate al riposo,aree residenziali rurali, aree di particolare interesse urbanistico, parchi pubblici, ecc.) con un  limite massimo  di emissione notturno di 35 dB(A)  (sorgente di rumore paragonabile come intensità ad una notte agreste).
     
    In realtà, come documentato in anni di denuncie ed esposti, l'area in questione (via Fraschini, P.zza Remo Cantoni,Via N. Romeo, Via E.Bugatti) raggiunge livelli di rumore notturno equiparabili ad una classe 6 ( Aree esclusivamente industriali: rientrano in questa classe le aree esclusivamente interessate da attività industriali e prive di insediamenti abitativi. ) grazie appunto ai contributi dei rumori battenti generati degli skateboardisti, delle autoradio a tutto volume, delle pallonate, degli schiamazzi, dei motorini elaborati.
     
    Concordo che anche volendo rivendere l'immobile per cercare casa  in una zona più vivibile, diventa quasi impossibile  trovare un acquirente, viste le credenziali e il pessimo stato del quartiere.
     
    Prego le istituzioni che leggono in distribuzione di intervenire al più presto a tutela della salute e del patrimonio dei residenti.

     

    via fraschini 2 - aggiornamenti 25 AGOSTO 2011

     Un buongiorno a tutti,
    faccio seguito alla mia ultima comunicazione per  aggiornarvi sulla situazione in via f.lli fraschini 2.
    Notti insonni e non solo a causa del caldo, gli schiamazzi sono continuati ininterrottamente.
    Ne’ il caldo ne’ le zanzare sembrano tenere lontano il “branco”.
    Settimana scorsa anche il mio vicino che ha 2 figli piccoli si è messo a gridare contro di loro per il chiasso che facevano (parlo delle 2.00 di notte).
    Molteplici sono state le telefonate alla Polizia Locale, ai Carabinieri, alla Polizia (e come al solito devo far notare che solo grazie agli interventi di Carabinieri e Polizia di Stato si riesce ad ottenere qualcosa).
    L’altra sera (il 23/08/2011) sono riuscita a prendere il numero di targa di una macchina Opel scura targa omissis che ho indicato all’operatore della Polizia Municipale.
    Ieri sera ho richiamato ancora la Polizia Municipale perché c’era il delirio con 13/15 ragazzi (posizionati a circa 15/20 metri dalle mie finestre).
    La mia richiesta del giorno prima era ancora in nota, spiego bene: dopo 24 ore nessuno era uscito, nessuno si è preso l’onere, il dovere di controllare.
    Non è la prima volta ma resto sempre più perplessa e amareggiata.
    Questo delirio continua da 8/9 anni, come se il riposo fosse un optional e non un diritto.
    Continuo a prendere ansiolitici, tranquillanti per lo stress, la tensione e il nervosismo per ritrovarmi il giorno dopo stanca e affaticata e la sera di nuovo si ripresenta il problema, stesso, identico da anni.

    Richiedo nuovamente con la presente un intervento dell’Assessore alla sicurezza.
    In questi anni molteplici sono state le richieste di intervento attraverso
    -        denunce ed esposti
    -        Fax
    -        E-mail
    -        Telefonate

    Cosa si deve fare ancora di più per ottenere un intervento decisivo?
    Perché questo quartiere deve essere abbandonato in questo modo?

    Una cittadina stanca.

     

    La storia infinita di inciviltà   3 AGOSTO 2011

    Un saluto a tutti del Comitato Le Terrazze

    sono rientrata dopo 2 settimane di ferie tranquille in cui mi sentivo bene, piena di vitalità, di voglia di fare.....questo fino a 2 gg fa.

    Ieri notte un gruppo di 10 ragazzi sotto i portici mi hanno deliziata con le loro grida, schiamazzi, autoradio fino alle 24.30.

    Chiamo il 112, 113 e polizia locale ma nessuno è uscito.

    Al centralino dei vigili urbani ho lasciato il numero di targa di una macchina (omissis) e visto che la chiamata è stata registrata spero che resti agli atti.

    Questa notte si sono riuniti verso l' 1.00, sempre con schiamazzi, urla, autoradio.

    Ho visto due smart una nera e una grigia ma non sono  riuscita a prendere le targhe.

    Chiamo il 113 ma senza risultato (mi hanno dirottata sui vigili perchè l'operatore mi ha detto che erano impegnati in attività più importanti da seguire), non posso dargli torto ma sapete bene che prima che la polizia locale esca....... comandante nuovo, andazzo vecchio; ovvero le macchine sono impegnate solo per gli incidenti ma non per la sicurezza e tranquillità dei cittadini (si contano sulle dita di una mano le uscite della Polizia Locale in questi anni).

    All'Assessore Granelli a cui  invio questa e-mail per conoscenza, chiedo un intervento, così come ho fatto per anni con l'ex vice sindaco De Corato (senza per altro ottenere nulla se non alcune promesse non mantenute)  per renderlo partecipe della situazione di degrado, inciviltà, in cui costantemente siamo immersi ( parlo di 8/9 anni e  non di qualche mese ) al quartiere Le Terrazze, zona Milano sud ed in particolare: via Fratelli Fraschini, via  Ettore Bugatti, via Nicola Romeo e Piazza Remo Cantoni, un problema di costante inciviltà che riguarda la collettività e non solo la sottoscritta.

     

    Riunione del Comitato Le Terrazze 11 luglio 2011.

    Presenti 29, con nome e cognome e/o recapito 20.

    Dopo una sintetica presentazione della situazione giuridica del Residence Arcobaleno (proprietà, convenzione Comune- ISU Bocconi, impresa incaricata della gestione), sono stati esaminati i più frequenti motivi di disagio dei residenti delle Terrazze e in particolare di chi abita in via Flli Fraschini 2-4-6 -8 -10 e via Bugatti Ettore 2.

    Anche i residenti di via Romeo 5 hanno più volte espresso lamentele a proposito.

    Si sono distinti gli inconvenienti causati dagli studenti (lancio di bidone rifiuti su area verde, 8 luglio 2011, scarico su passante dell’acqua della pastasciutta- (sono disponibili tutti i particolari), (feste di fine semestre, sistematici lanci di bottiglie di vetro dal lato della piazza etc.) da quelli ben più gravi procurati da terzi, provenienti da fuori quartiere ma, almeno in un caso documentato, 9 luglio 2011, da una trentina di ragazzotti delle Terrazze.

    Gli schiamazzi notturni, la sosta selvaggia in via Flli Fraschini e relative molestie acustiche sono pressoché quotidiane e soprattutto le Forze dell’Ordine non intervengono, se non sporadicamente, mentre talvolta usano addirittura toni scostanti nei confronti e irridenti nei confronti di chi segnala gli inconvenienti.

    Si allegano tre ulteriori documenti, i cui mittenti hanno autorizzato la pubblicizzazione, relativi alle serate appena successive alla riunione dell’11.7.

    Esiste una documentazione di centinaia di telefonate, messaggi elettronici, sollecitazioni di persona alle varie Forze dell’Ordine, da diversi anni fa a oggi.

    Per la prima volta sono state espresse (da due presenti) considerazioni che la situazione generale è migliorata, a partire dall’arrivo della residenza universitaria, rispetto alla gestione alberghiera precedente.

    La stragrande maggioranza dei residenti alle Terrazze è di parere totalmente contrario.

    L’avvocato intervenuto si è dichiarato disposto a esaminare il testo dell’esposto da presentare al Sindaco, nella sua qualità di responsabile della salute di tutti i residenti nel Comune.

    In particolare si esamineranno le possibilità di richiesta di risarcimento di danni biologici, susseguenti allo stato di stress prolungato a cui sono sottoposti gli abitanti più sensibili di via Flli Fraschini e via Ettore Bugatti 2.

    Su richiesta di un Consigliere di zona presente (riconosciuti altri due) verrà inviata anche al Presidente della Commissione Sicurezza della Quinta Circoscrizione una richiesta di intervento.

    Alcuni dei presenti si sono espressi con proposte volte a contrastare gli schiamazzi:

    1-

    Installazione di quattro telecamere a circuito chiuso da mettere sotto i portici del residence.

    2-

    Riapertura dei garage del residence.

    3-

    Fintanto che i garage nono saranno riaperti, si propone la posa in opera di una catena delimitativa da installare in corrispondenza delle due rampe che conducono ai garage del residence. Si pensa in questo modo di dissuadere alla sosta irregolare sul marciapiede le auto che fino a tarda notte tengono la radio ad alto volume.

    Le tre proposte sono disponibili anche in formato elettronico e cartaceo A3 a colori.

    E’ stato anche suggerito, fra l’altro riprendendo unprogetto della vecchia gestione alberghiera, di chiudere con cancellate la zona portici, consentendone l’accesso solo fino a ore prestabilite.

    Si è anche ventilata la possibilità di un ordinanza comunale che obblighi il proprietario, per motivi di pubblico decoro, a ripulire le pareti imbrattate dello stabile, manifesti politici inclusi.

    Da una ricerca dell’università di Sheffield, è emerso che uno stabile imbrattato determina, nelle immediate vicinanze dell’immobile, un aumento della micro e macro criminalità, oltre al ben noto fenomeno della minor valutazione economica dell’immobile, di cui potrebbe essere chiamato proprio il Comune a risarcire i proprietari danneggiati.

    Per mandare almeno un segnale positivo ai residenti, al termine della riunione è stato ampiamente citato l’intervento, su sollecitazione del Comitato Le Terrazze (ultimo di una lunga serie), il cui testo appare da qualche mese sul sito

    http://sites.google.com/site/leterrazzemilano/

    a proposito della roggia Scudellina, il cui flusso, giudicato "peggio di uno scarico fognario", proprio ieri è stato completamente allacciato al collettore principale della fognatura di Milano, che corre a -4 m , sotto via dei Missaglia.

    Fondamentale è risultato l’apporto specifico delle GEV (Guardie Ecologiche Volontarie del servizio di vigilanza Ecologica del Comune di Milano), che hanno supportato sia la Direzione Settore Bonifiche Ambientali che il Servizio Idrico integrato nella varie fasi degli interventi.

    E’ in corso il completo svuotamento dei liquami residui e la bonifica della morchia che si è depositata al fondo.

    Occorre dare atto al Direttore del Settore Bonifiche Ambientali del Comune di Milano, Assessorato Mobilità, Ambiente, Verde e Arredo Urbano di essere riuscito a coordinare i vari enti, istituzioni, società e consorzi che avevano e hanno titolo sulla Scudellina e soprattutto a far eseguire in tempi rapidi l’intervento risolutivo, approfittando anche dei lavori di viabilità automobilistica già programmati.

    La totalità dei presenti si dichiara d’accordo sulla procedura da seguire, dando mandato ai Consiglieri del Comitato Le Terrazze, di predisporre i testi, da far verificare da parte dell’avvocato intervenuto.

    Documenti allegati i cui mittenti hanno autorizzato la pubblicizzazione, relativi alle serate appena successive alla riunione dell’11.7.

    13-7-2011

    Degrado in Via Fraschini quartiere le Terrazze (zona 5 )

    Buongiorno a tutti come vi avevo promesso vi invio le scansioni contenenti le risposte della Polizia Locale (a seguito di mia richiesta di intervento all'allora vice sindaco De Corato) Volevo inoltre comunicarvi che questa notte dalle 23.00 fino all'1.30, sempre sotto il Residence, sul marciapiede e sulla strada si sono ritrovate più di 20 persone e 5 o 6 macchine posizionate sui due lati della carreggiata. Ho chiamato 3 volte il 113 e 2 volte i vigili urbani ma non mi sembra che siano usciti, forse le persone si sono spostate da sole per andare sui Navigli, infatti sentivo che gridavano e parlavano di un locale notturno.

    14-7-2011

    Degrado in Via Fraschini quartiere le Terrazze (zona 5 )

    Buongiorno a tutti anche questa notta è passata nel solito delirio. Dalle 23.15 circa fino alle 24.35 tre macchine sotto casa e almeno 10 persone, chiamo la p.l., chiamo il 112 ma sono andati via soli senza nessun intervento. Alle 02.40 vengo svegliata dagli schiamazzi, sotto casa almeno 10/12 persone, richiamo il 112, penso che siano usciti i c.c. perchè non li ho più sentiti. Avevo la sveglia alle 6.00 per andare in ufficio che ma non mi sono svegliata, la mia media è da anni 4/5 ore per notte senza tenere conto di tutte le volte che sono stata svegliata nel cuore della notte (l'altra notte alle 2.00/ 3.00 di notte si facevano il bagno nella fontana in piazza Cantoni, sembra che questa sia la moda del momento: fare movida fino alle 4.00 di notte). Proprio l'altro giorno dicevo ad un mio collega che ho problemi di memoria e questo in ufficio non va bene, non avevo fino ad ora fatto l'associazione con la mia mancanza di sonno, oltre al fatto che mi sento sempre stanca e diventa un peso affrontare una nuova giornata. La Fondiaria aveva messo anni fa, perchè messa a conoscenza dal loro custode sudamericano che tra l'altro mi ricordo bene che aveva tagliato le siepi sotto i portici per evitare che i ragazzi vi si sedessero nascosti dagli stessi, i cartelli "area sottoposto a video sorveglianza" ma senza telecamere, figuriamoci. Ha posizionato da qualche mese i cartelli sopra i portici con "divieto di transito e di sosta". Mi chiedo: se veramente non sei a conoscenza di quello che accade lì sotto i portici, perchè metterli?

    14-07-2011

    Via f.lli Fraschini transito bloccato dalla movida "prigionieri in casa nostra" (Zona5 Q.re Le Terrazze)

    Per informarvi che ieri sera 13/07/2011 mentre rientravo a casa, a bordo della mia autovettura, verso le 23:30 circa, all'altezza dell'angolo di via Romeo con via F.lli Fraschini 2 ho trovato l'intera carreggiata di via Fraschini completamente ostruita da veicoli fermi in sosta irregolare. Tre autovetture si trovavano in mezzo alla strada, in doppia e tripla fila, precludendo completamente il transito a qualunque tipo di veicolo in ambedue i sensi di marcia, mentre la quarta macchina era parcheggiata di traverso, occupando il marciapiede e la rampa di accesso ai garage del residence, impedendo in questo modo il transito anche ai pedoni.

    Sul posto, per strada e sotto i portici del residence, erano presenti numerosi giovani, che come noto, con i loro schiamazzi che si protraggono quasi quotidianamente fino a tardi, non consentono il riposo a residenti e studenti. Non mi è stato possibile prendere le targhe dei veicoli in sosta irregolare.

    Mi chiedo quali potrebbero essere le conseguenze di un simile comportamento (carreggiata ostruita causa sosta selvaggia) sulla sicurezza, nel caso, ad esempio, di un emergenza (arrivo di un ambulanza o dei vigili del fuoco, un evacuazione, operazioni di Polizia ecc. ). Ben noto è invece l’effetto nocivo dei continui rumori molesti notturni sulla salute dei residenti.

    Malauguratamente le testimonianze di chi abita in quel punto del quartire confermano che la circostanza sopra descritta (sosta selvaggia e rumori molesti notturni) non è un caso isolato.

    E' sorprendente come tutte le denuncie presentate alle istituzioni negli ultimi quattro anni (documentate) per il problema degli schiamazzi notturni e della sosta selvaggia che si verificano quasi quotidianamente in via f.lli Fraschini,

    sotto e nelle adiacence dei portici del residence dato in gestione alla ISU Bocconi, non abbiano sortito alcun effetto. Sembrerebbe, al contrario, che il fenomeno sia in progressivo accrescimento.

    La mi sensazione è come se nel nostro quartiere fossimo "prigionieri in casa nostra" .

     

     

     

     

    ******

    "Comune di Milano  zona 5 Decentramento PG 98923/2011 del 9/2/2011
    REVELLI RUGGERO (S) PROT. GAB. SINDACO 09/02/2011"

    " Oggetto: Roggia Scudellina"
     
    Alla cortese attenzione del Sindaco di Milano, dr.ssa Letizia Moratti.
     
    I sottoscritti , Marcello Puccini e Ruggero Revelli, anche nella loro veste di rappresentanti del Comitato Le Terrazze, La mettono a conoscenza,nella Sua qualità di tutore della salute pubblica  come Sindaco e per la Sua personale carica di responsabile dell'Ambiente dell'Amministrazione Comunale, che:
    la roggia Scudellina, che scorre lungo il lato Nord della via
    Selvanesco, al confine del Quartiere Le Terrazze , emana da molto tempo miasmi irrespirabili, segnalati da numerosi cittadini, anche per la prossimità di un campo giochi per bambini.
    Nel quartiere vivono e lavorano almeno 4000 persone, con una percentuale di bambini molto superiore alla media milanese,data la presenza di numerose famiglie giovani.
    Abbiamo, nel tempo, già interessato la Metropolitana Milanese, responsabile , come SII, del ciclo delle acque, nella persona dell'ing. Pizzolato.
    Abbiamo scritto la lettera alla dr.ssa Annalisa Gussoni, Direttore del settore attuazione Politiche Ambientali in data 21 settembre 2010, ore 12.19, che Le alleghiamo.
    La sig.a Gussoni, con rara sensibilità e aderendo in pieno alla
    raccomandazione governativa di usare al massimo la posta elettronica, non si è neppure degnata di accusare ricevuta della nostra pressante richiesta, a distanza di 140 giorni dal nostro scritto.
    Nella Sua qualità di azionista al 100 % della MM spa , come
    rappresentante legale del Comune di Milano, Le chiediamo un intervento risolutivo, sia sul versante MM spa che sul versante interno all'A.C.
    Rimaniamo in attesa di Sue pronte risposte e, soprattutto, risoluzioni del problema segnalatoLe.
     
    Marcello Puccini
     
    Ruggero Revelli
                  
     
     
    Link al video della Cooperativa "Zerocinque" sugli skaters di Piazza Cantoni
     
     

    Esilarante il commento di una degli intervistati, tutti rigorosamente provenienti dal Gratosoglio: "...gli sbirri perseguitano gli skater e i biker ".

     

    Ma chi li ha mai visti questi sbirri?

     

    Magari....

     

    Mi risulta che l'unica volta, dopo molte sollecitazioni di residenti, che PL è intervenuta, se la sia poi praticamente "fatta sotto" a seguito di rimostranze di "giornalista" (tralascio per carità di patria il nome della testata), che ha avuto l'impudenza di sostenere che i suoi figli dovevano essere lasciati liberi di sfasciare tutto l'arredo urbano di p.Cantoni con gli skateboard.

     

    Ruggero Revelli

     

     
     
    Miasmi provenienti dalla Roggia Scudellina
     

    Cari amici del CDQ "Le Terrazze",

    Alcuni abitanti nelle case che guardano verso il parchetto della montagnola, si sono lamentati per i miasmi che provengono dalla roggia in oggetto. Dicono che addirittura in certi giorni e con l'aria stagnante, non possono aprire le porte finestre dei loro balconi.

    E pensare che siamo in pieno inverno! Cosa succedera' in estate ormai prossima e' facile prevederlo.

    Sono andato a verificare e il problema e' molto peggiorato dalle ultime volte in cui questo inquinamento era stato segnalato. Ormai la roggia e' stagnante o scorre lentamente verso valle,con acque di fogna bianco-grigiastre puzzolenti.All'aspetto si tratta di acque di fogna urbane provenienti dalla parte coperta della roggia verso via dei Missaglia.

    In precedenti segnalazioni da parte mia, ho avanzato l'ipotesi,senza per altro poterla dimostrare, che le acque di fogna provengano dai loft e appartamenti della ex-cartiera. Coincidentalmente il problema e' sorto proprio quando questi loft sono stati abitati.

    Ripeto che questa mia e' solo un'ipotesi. Tuttavia qualcuno potrebbe chiedere all'Immobiliare responsabile di questi loft, dove siano diretti e come vengano trattati i reflui derivanti dalla ex-cartiera.

    Chiedo cortesemente a Ruggero di pubblicare sul sito de "Le Terrazze" questo messaggio proprio perche' la segnalazione dei miasmi viene da residenti.

    Come Comitato di Quartiere dovremmo metterci in condizione di informare i residenti circa cosa si debba fare e in che tempi cio'venga fatto.

    Occorrera' che venga individuato l'ente territoriale responsabile.

    Cordialita',

    Marcello Puccini

     

    A questo proposito, in data 21/09/10 Ruggero Revelli inviava la seguente mail:

     
    Alla dr.ssa Annalisa Gussoni
     
    Direttore del Settore Attuazione Politiche Ambientali
     
    Comune di Milano
     
     
                                                       Oggetto: Roggia Scudellina.
     
     
    Gentile Signora Gussoni,
     
    nella mia qualità di Presidente del Comitato Le Terrazze, che esprime le richieste e le necessità in campo ambientale di oltre 4000 residenti e utilizzatori ( per lavoro e studio) che gravitano nel nostro quartiere, desidero farle conoscere una grave situazione ambientale , già a suo tempo segnalatole dal Servizio Ecologico Volontario del Comune di Milano, nella persona del M.d.L. Giampaolo Forti.
     
     
    La roggia Scudellina , che preleva l'acqua dal Naviglio Pavese all'altezza di via Ascanio Sforza, dopo un percorso sotterraneo , esce all'aperto in corrispondenza dell'incrocio fra le vie Ettore Bugatti e Selvanesco, in zona 5 del Comune di Milano.
     
    Da tempo la roggia suddetta è fortemente inquinata da prodotti fognari solidi e da liquami maleodoranti, in particolare nei periodi caratterrizzati da forti piogge .
     
    Da un ulteriore sopralluogo, a cui hanno aprtecipato dalle 9 alle 12 del 30 agosto 2010, il Presidente della Commissione Sicurezza della Quinta Circoscrizione del Comune di Milano, Piermario Sarina
     
    alcune GEV del Gruppo 5 del Comune di Milano alcuni residenti rappresentativi e un giornalista di una testata locale,
     
     
    anche in condizioni atmosferiche prive di precipitazioni da diversi giorni, si sono evidenziate presenze di tensioattivi e reflui di lavanderia in concentrazioni preoccupanti, oltre a miasmi insopportabili, percettibili anche nel vicino campo giochi dei bimbi del quartiere.
     
    E' nostra pressante richiesta che il Settore Attuazione Politiche Ambientali, da Lei diretto,chieda alla MM spa, competente per questo tipo di interventi, di provvedere in tempi molto brevi alla localizzazione delle infiltrazioni fognarie esistenti nel tratto tombinato e procedere alla loro eliminazione.
     
    Da precedenti nostri accertamenti, è emerso che il problema , di competenza del Servizio Acque Reflue di SII, Servizio Idrico Integrato, potrebbe consistere in un travaso dalla fognatura alla roggia succitata o da scarichi fognari da aprte di alcuni edifici, in violazione delle normative.
     
    La preghiamo di voler impartire disposizioni urgenti al Servizio di cui sopra, per far cessare al più presto tale stato di maleodorante inquinamento , che procvoca sentite proteste da parte dei residenti.
     
    Alle Terrazze abitano, fra l'altro, decine di giornalisti, nei due palazzi INPGI, che certamente sono in grado di far partire , sull'argomento, campagne di stampa molto aggressive.
     
    Rimango a disposizione, con gli altri componenti del Comitato Le Terrazze, per ogni ulteriore informazione necessaria , pregandola di tenerci al corrente sulle iniziative che vorrà cortesemente e tempestivamnete decidere.
     
    Distinti saluti.
     
    dr Ruggero Revelli
     
     
     

     

     

     

    Schiamazzi notturni/degrado Residence Arcobaleno via Fraschini (quartiere le Terrazze)
     
     
     

     

    Al responsabile Amministrazione  Immobiliare Lombarda
    geom. Quaglini  D.

     

    Faccio seguito alla nostra telefonata della settimana scorsa, 3 Novembre 2010, in merito alla situazione di degrado nel nostro quartiere le Terrazze.

    .

    Come le dicevo la situazione schiamazzi notturni provenienti da alcuni appartamenti del residence Arcobaleno in via Fraschini ma anche dai portici stanti sotto di esso, è drasticamente peggiorata da quando l’immobile da hotel, è stato adibito a studentato.

     

    Già nel 2009 il Direttore ISU Bocconi, era intervenuto alla nostra assemblea del comitato di quartiere Le Terrazze proprio per affrontare e collaborare assieme al comitato con l'obiettivo di  porre fine ai rumori molesti notturni e aiutarci con iniziative culturali volte a contrastare il degrado nel quartiere.

     

    Stiamo riscontrando in effetti che qualche miglioramento c’e stato per quanto riguarda gli schiamazzi provenienti dagli appartamenti degli studenti, mentre ci sono ancora problemi per  via dei rumori molesti e il progressivo degrado sotto i portici dello studentato. Degrado generato da teppisti che vengono da fuori. La direzione del residence ritiene che la responsabilità dell’area dei portici, sia della proprietà dell’immobile, che appunto lei amministra, e non dell’ ISU Bocconi, ed è sostanzialmente questo il motivo per il quale  ho escalato fino a lei dopo varie segnalazioni/richieste di intervento, indirizzate al direttore del residence (vedi mails sotto ).

     

    La situazione rumori molesti provenienti dai portici si è aggravata da quando qualcuno, verosimilmente i teppisti che si radunano precisamente all’interno della proprietà, sotto i portici,  hanno spostato i panettoni dissuasori in cemento che erano posizionati all’ingresso dei garage del residence, lato via Bugatti (vedi  foto in allegato). Uno di questi panettoni è stato buttato giù per la rampa garage (foto 205_1), mentre gli altri 4 sono ancora ammucchiati e inutilizzati vicino all’aiuola (foto 207_1). Con lo spostamento dei panettoni si è aperto un varco (foto 208_1) che consente ai teppisti di entrare e radunarsi sotto i portici con  le proprie auto. Tengono le portiere aperte con la radio ad alto volume impedendoci di dormire ( segnalazione del 24 ottobre 2010).

     

    Per la questione degrado invece mi riferisco, come lei  potrà ben immaginare, allo scempio delle scritte concentrate sui pilastri dei portici e sui muri perimetrali dello studentato. A tale proposito colgo l'occasione per rammentare  come la situazione ci causi  dei problemi di minusvalore delle abitazioni oltre che orrore paesaggistico in un quartiere che, come lei sicuramente saprà, è coperto appunto, da un vincolo paesaggistico.

     

    Come comitato di quartiere desideriamo sottoporle  alcune proposte per fronteggiare i problemi sopra descritti.

     

    A: Spostare di qualche metro i panettoni dissuasori in cemento riposizionandoli nella loro sistemazione originaria, sulla linea gialla più esterna, all’ingresso della rampa garage. Tale intervento, semplice e a costo zero, potrebbe rappresentare un efficace deterrente contro i teppisti che nottetempo parcheggiano le auto all’interno del residence disturbando  studenti e residenti. Telefonicamente lei mi aveva promesso di intervenire già entro venerdì 5 novembre 2010, ma passando questa mattina davanti al residence ho rilevato che i dissuasori non sono stati ancora mossi, compreso quello buttato giù per la rampa garage .

    B: installare una catenella in metallo all’ingresso della rampa garage, in prossimità del marciapiede. La catenella agirebbe da ulteriore elemento dissuasivo impedendo alle auto dei molestatori di parcheggiare fin sulla rampa dei vostri garage. Il transito dei pedoni al contrario ne beneficerebbe .

    C: telecamere a circuito chiuso

     

    So di parlarle di questioni a lei già note. Alludo alla sua sensata proposta di far chiudere con delle cancellate l’area dei portici allo scopo di preservarla dall’azione distruttrice dei vandali. Proposta che, da quello che ho appreso, non è stata mai realizzata a causa di un vincolo risalente a 20 anni fa che obbliga a lasciare i portici aperti. A tale proposito vorrei chiederle per cortesia di farci avere  copia del "vincolo sulla chiusura dei portici”, in modo da valutare, come intervenire o far intervenire su chi lo ha a suo tempo richiesto e ottenuto.

     

    Noi del comitato di quartiere crediamo sia interesse reciproco che il problema del degrado, localizzato attorno e sotto i portici del residence, venga risolto al piu presto. L’ episodio del 24 ottobre è l’ennesima evidenza di quanto sia a rischio la sicurezza dei dipendenti del residence, degli studenti  e dei residenti. Provi per esempio ad ipotizzare gli effetti negativi sull’immagine  dell’immobiliare Lombarda nel caso di un eventuale episodio di cronaca nera causato dai teppisti che la sera si radunano sotto i porticati della proprietà da lei amministrata. Ultimo ma non per questo meno importante contrastando il degrado ne deriverebbe un accrescimento del  valore degli immobili, inclusi i vostri,  il rispetto e mantenimento del decoro urbano.

     

    Spero dunque in una sua sollecita e quanto mai auspicabile collaborazione in direzione di una coesione  civile fra i vostri interessi e quelli dei  cittadini che vivono nel quartiere.

     

    La saluto cordialmente ringraziandola per l'attenzione mostrata durante la nostra conversazione al telefono e per la sua franca disponibilità.


    Agostino Filoscia
    Comitato di quartiere le terrazze

    http://sites.google.com/site/leterrazzemilano/


     

    Data: Lunedì 25 ottobre 2010, 11:09

    Al Direttore S. Bocconi di Via Fraschini

    Dr. Stefano Bosi

     

    Buongiorno,

    avendo ricevuto in copia la segnalazione del Sig. Filoscia, e condividendone le remore riguardo ai comportamenti segnalati, La invito a tenere informato anche il Consiglio di Zona 5 (tramite il Presidente Giovanni Ferrari), quale istituzione comunale territorialmente competente, rispetto all'intervento richiesto di ripristino dei panettoni in cemento.

    Grato quindi di un sollecito riscontro in merito porgo distinti saluti.

     

    piermario Sarina

    Pres. Commissione Commercio/Sicurezza

    Zona 5

     

    Sent: Sunday, October 24, 2010 10:13 AM

    Subject: R: Schiamazzi notturni studentato Bocconi via Fraschini ( quartiere le Terrazze)

     

    Al Direttore Studentato Bocconi Via Fraschini (MI)

    Egregio dott. Bosi 

    Anche  questa notte, 24 ottobre 2010, intorno alle 02:30,  siamo stati svegliati da forti rumori molesti provenienti dai portici dello studentato Bocconi .

    Quattro  autovetture parcheggiate all'interno della vostra residenza, in prossimità dell’entrata garage, con autoradio a tutto volume ci impedivano di dormire.

    Recatomi sul posto ho avuto modo di osservare  l’intervento del vostro portiere notturno che molto coraggiosamente affrontava  i teppisti invitandoli a smetterla, senza  ottenere, purtroppo, riscontri positivi.

    Chiedo per cortesia anche il suo intervento per garantire ai residenti del nostro quartiere e agli studenti il meritato riposo.

    Come le avevo proposto qualche settimana fa, allo scopo di  fronteggiare casi come questo, credo che sarebbe utile  cominciare con il riposizionamento dei panettoni in cemento, che in passato delimitavano l’ingresso ai vostri garage, nella loro collocazione originale,  allo scopo di impedire, dissuadere, le frequenti intrusioni notturne delle auto dei disturbatori all ' interno della vostra proprietà.

    I panettoni in cemento  sono stati spostati un anno fa da qualcuno e ora si trovano ammucchiati e inutilizzati vicino ai portici dello studentato.

    E' un intervento semplice, veloce  e a costo zero che però penso possa dare una mano a contrastare il fenomeno.

    grazie

    Agostino Filoscia

     

    Data: Sabato 9 ottobre 2010, 20:30

    Al Direttore Studentato Bocconi Via Fraschini (MI)

    Gentile dott. Bosi Stefano

    come anticipato telefonicamente, la notte di giovedi 7 ottobre 2010 alle 01:30 circa, siamo stati svegliati per l'ennesima volta da forti schiamazzi provenienti dallo studentato Bocconi. I rumori molesti provenivano da un balcone del residence che si affaccia su via Fraschini, all'altezza del numero 3, sopra l'ingresso garage del residence. Trattasi di ospiti dello studentato Bocconi, di nazionalità straniera, verosimilmente statunitense a giudicare dall'accento, che hanno proseguito a fare baldoria sul balcone fino alle 03:00 di mattina .

    Esasperato ho telefonato alla reception del residence segnalando l'accaduto.

    Purtroppo, come le dicevo, non è la prima volta che si verifica questa situazione. Già nel 2009 il Direttore ISU Bocconi dott. Salvatore Grillo, era intervenuto alla nostra assemblea del comitato di quartiere Le Terrazze proprio per affrontare e collaborare assieme al comitato con l'obiettivo di  porre fine ai rumori molesti notturni e aiutarci con iniziative culturali volte a contrastare il degrado nel quartiere. Pur apprezzando la buona volontà del dottor Grillo, evidentemente non è bastato.

    Mi rendo conto che per voi, gestori del residence, non sia semplice vigilare su cosi tanti studenti, molti dei quali sono solo di passaggio, allo scopo di garantire che tutti gli ospiti rispettino le più elementari regole di convivenza, eppure credo che un occhio di riguardo verso il quartiere che vi ospita vada applicato.

    Mi riferisco non solo ai continui rumori molesti ma anche allo scempio delle scritte concentrate proprio sui muri perimetrali dello studentato. A tale proposito colgo l'occasione per rammentare  come la situazione ci causi dei problemi di minusvalore notevole delle abitazioni oltre che orrore paesaggistico in un quartiere che, come lei sicuramente saprà, è coperto, appunto, da un vincolo paesaggistico.

    Spero dunque in una sua sollecita e quanto mai auspicabile collaborazione in direzione di una convivenza civile fra i suoi ospiti e i cittadini che vivono nel quartiere.

    La saluto cordialmente ringraziandola per l'attenzione mostrata durante la nostra conversazione al telefono e per la sua sincera disponibilità.

    Agostino Filoscia

    Comitato di quartiere Le Terrazze

     


     
     
     
    Agostino Filoscia il 4 Apr 2010- 08:07
     
    Un'altra vittima in via dei Missaglia, a luglio 2008 una bambina di otto anni fu travolta ed uccisa in una via tra le piu pericolose della città.
     
    Rinnovo richiesta alla giunta di realizzare la tanto attesa passerella di attraversamento (se ne discute dal 1999). La passerella andrebbe realizzata come proposto dai residenti del quartiere le Terrazze, proposta già approvata più volte dal Consiglio di zona 5, (1999, 2003 e 2004, 2010), che venga localizzata  all'altezza di via Corradino D'Ascanio- inizio via Stucchi (palazzo ANAS ), per poter raggiungere, in piena sicurezza, l'asilo nido di via V.E. Orlando , le scuole dell'Arcadia e la fermata del tram, l'unica a diposizione del quartiere Le Terrazze, invece che in via Romeo 1, con "sbarco" nel prato-laguna di fronte.
     
     

    A tutti gli Studenti del Residence Arcobaleno

    GRAZIE RAGAZZI !!!

    Gli abitanti del quartiere le Terrazze desiderano ringraziarvi per aver collaborato con noi nella notte del 12 febbraio scorso contribuendo con le vostre telefonate alla polizia a fare allontanare chi schiamazzava sotto le vostre finestre e impediva ai residenti del quartiere, fra i quali anche voi studenti, il giusto riposo.

    Noi siamo gli  abitanti che attraverso il Comitato di Quartiere vi hanno, in precedenza, invitato a partecipare a una riunione tenutasi il 9 c.m.

    CREDIAMO MOLTO NELLA COLLABORAZIONE CON VOI STUDENTI E L’EPISODIO DELLA SERA DEL 12 FEBBRAIO CONFERMA CHE INSIEME POSSIAMO FARCELA. E’ INTERESSE VOSTRO E NOSTRO CERCARE DI MIGLIORARE LA QUALITA’ DELLA VITA DEL NOSTRO QUARTIERE.

    ORA CHE AVETE SPERIMENTATO QUANTO SIA UTILE “FARE SQUADRA” VI RINNOVIAMO L’INVITO A PARTECIPARE AL PROSSIMO INCONTRO CHE SI TERRA’

    Il 9 marzo 2010 dalle ore 19 alle ore 20,30 presso la Sala del “Centro Madre Teresa di Calcutta Via Ettore Bugatti 11

    NOI SAREMMO FELICI DI INCONTRARVI TUTTI MA CAPIAMO CHE CIO’ E’ DIFFICILE, POTRESTE PERO’ indicare alcuni vostri rappresentanti IN MODO DA VERIFICARE QUALI SONO I PROBLEMI CHE VI STANNO PIU’ A CUORE NEL QUARTIERE E INSIEME CERCARE DI RISOLVERLI.

    L’UNIONE DA’ VOCE E FORZA AI DIRITTI!!! FORZA RAGAZZI, E’ TEMPO DI INCONTRARCI!

    Per facilitare la comunicazione mettetevi in contatto con noi ai seguenti indirizzi e-mail di componenti il Comitato di Quartiere “ Le Terrazze”.

    ·         Ruggero Revelli (Coordinatore): ruggerorevelli@gmail.com

    ·         Marcello Puccini
    ·         Renato Iacono
     

    Il Comitato di Quartiere “ Le Terrazze”

      


     
     
     

    To all Students living in the Residence Arcobaleno

     THANK YOU GUYS !!!

     

    All  residents of  “Le Terrazze”  neighbourhood  would like to thank you for collaboration on the  12th  of February 2010 night. Your phone calls to the police station provided important support to stop the awful, insufferable and annoying noise caused by the hooligans under your windows. This noise prevented  you and us, residents, from proper sleeping, relaxing  and studying.

    .

    We , the residents of “Terrazze”,  invited you recently to attend a meeting  conducted by “Terraces” committee held on the 9/02/2010.

     

    WE  STRONGLY BELIEVE IN COLLABORATION WITH  YOU,   AND THE 12TH OF FEBBRUARY EPISODE OBVIOUSLY CONFIRMS THAT WE CAN WIN TOGETHER! 

    THIS IS OUR AND YOUR INTEREST TO IMPROVE THE QUALITY OF THE LIFE OF OUR NEIGHBORHOOD.


    Now, when you have experienced how useful it is to react in team, we renew our invitation to attend the upcoming meeting  which will be held


    on  Tuesday March 9  from 7 up to 8,30 p.m. at the Main Hall of “Centro Madre Teresa di Calcutta”

    Via Ettore Bugatti , 11


    We'd be happy to meet all of  you  but we understand that it is could be difficult. In any case  YOU MAY 'indicate some of your representatives in order to check possible PROBLEMS  which  you face while  living in “Le Terrazze Neighbourhood”  AND  TOGETHER we  will  find the solutions.


    The alliance between us gives the force to the VOICES AND STRENGTH OF RIGHTS!  Come on guys, it is time to meet each other.


    To facilitate communication, please contact us on the following e-mails of members of the Neighbourhood   committee "The Terraces".


    • Ruggero Revelli (Coordinator): ruggerorevelli@gmail.com
    • Marcello Puccini
    • Renato Iacono

    The "Le Terrazze"  committee


     

    Студентам Резиденции « АРКОБАЛЕНО»

    СПАСИБО РЕБЯТА!


    Жители  квартала «Террасы» хотели бы поблагодарить вас за сотрудничество с нами в ночь на  12 февраля этого года. Своими звонками в полицию вы помогли выгнать  из под ваших окон хулиганов, которые мешали всем жителям нашего квартала , в том числе и вам, студентам, спокойному ночному отдыху.
    Мы ,жители этого квартала,  через «Комитет района »  уже приглашали  вас на заседание комитета,состоявшееся в  9 часов.


    МЫ ВЕРИМ В СОТРУДНИЧЕСТВО С ВАМИ И ЭПИЗОД В НОЧЬ НА 12 ФЕВРАЛЯ ЯВЛЯЕТСЯ ДОКАЗАТЕЛЬСТВОМ ТОГО,ЧТО ВМЕСТЕ МЫ СМОЖЕМ ПОБЕДИТЬ!  В НАШИХ И ВАШИХ ИНТЕРЕСАХ УЛУЧШИТЬ КАЧЕСТВО ЖИЗНИ  ЭТОГО РАЙОНА.

    Теперь вы убедились ,насколько эффективно действовать «командой»! Мы хотим повторить наше приглашение принять участие в заседании  комитата, которое состоится

    9 марта 2010 с 19 :00  до 20.30 часов в зале центра "Мать Тереза из Калькутты по адресу  Этторе Бугатти 11

    Il 9 marzo 2010 dalle ore 19 alle ore 20,30 presso la Sala del “Centro Madre Teresa di Calcutta Via Ettore Bugatti 11


    Мы будем рады встрече со всеми  Вами ,но мы понимаем, что это может быть трудно для вас. Мы предлагаем вам выбрать  ваших представителей, которые могут  указать на  возможные проблемы в районе и ВМЕСТЕ  мы попытаемся  решить их.
    Совместный Союз дает голос и силу в защиту прав человека! Друзья, настало время  встретиться!
    Чтобы  облегчить  наше общение , пожалуйста, свяжитесь с нами по следующим  адресам  электронной почты членов

    комитета "Террасы".
    • Роджер Ривельи (координатор): ruggerorevelli@gmail.com
    • Марчелло Пуччини
    • Ренато Iacono

    Комитет  района "Террасы" 

    Č
    Ċ
    ď
    Ruggero Revelli,
    28/feb/2010 01:48
    ĉ
    ď
    Ruggero Revelli,
    04/dic/2009 06:24
    ĉ
    ď
    Ruggero Revelli,
    01/dic/2009 05:54
    Ċ
    ď
    Ruggero Revelli,
    04/mar/2010 08:02
    ĉ
    ď
    Ruggero Revelli,
    24/nov/2009 07:13
    ĉ
    ď
    Ruggero Revelli,
    24/nov/2009 07:21
    ĉ
    ď
    Ruggero Revelli,
    02/dic/2009 05:48
    Ċ
    ď
    Ruggero Revelli,
    15/ott/2010 07:21
    Ċ
    ď
    Ruggero Revelli,
    15/ott/2010 07:21
    Ċ
    ď
    Ruggero Revelli,
    09/mar/2013 07:33
    ĉ
    ď
    Ruggero Revelli,
    01/dic/2009 05:53
    ĉ
    ď
    Ruggero Revelli,
    24/nov/2009 07:13
    ĉ
    ď
    Ruggero Revelli,
    24/nov/2009 07:13
    ĉ
    ď
    Ruggero Revelli,
    02/dic/2009 05:48
    Ċ
    ď
    Ruggero Revelli,
    11/dic/2009 05:09
    Ċ
    ď
    Ruggero Revelli,
    11/dic/2009 05:09
    ć
    ď
    Ruggero Revelli,
    28/feb/2010 01:53
    Comments