antro di breus

VAI alla home page
 
VAI all'elenco delle grotte 

Slideshow di Picasa Web Album

Gruppo Speleologico: venticinque anni sotto terra.

 

Antro di Brèus e Tana del Rèolo

 

Ultima frontiera della speleologia esplorativa gualdese, queste cavità fanno parte di un complesso carsico vasto ed articolato, nascosto nell’impervia macchia tra monte Fringuello e monte Penna, lontano da ogni sentiero e da ogni abituale percorso di quanti si aggirano per le nostre montagne. Qui può trovarsi l’accesso alla “grotta che non c’è”, a quel mitico mondo sotterraneo dell’Appennino gualdese preannunciato da numerosi indizi, segnalato da vecchie storie, il cui ingresso è tuttora negato, nascosto dietro l’ultimo metro di terra o l’ultimo sasso che non abbiamo avuto la fortuna o la bravura di spostare. Un’antica cavità, una notevole caverna la cui volta è in gran parte crollata, dividendola in due parti, più a monte l’antro di Breus, una decina di metri di diametro a cielo aperto, con residue formazioni ed erosioni carsiche visibili sulle pareti, un pavimento di massi crollati, coperti da muschi, alberi rigogliosi cresciuti tra queste macerie: la stessa sacralità di tante rovine abbandonate e invase dalla vegetazione, come il castello di Col Pertana, come il Colle dei Mori, come la casa, invasa dai rovi, in cui torna Brèus, mitico cavaliere. Poco più a valle la prima parte della cavità, il suo ingresso originario, uno scuro sprofondo in cui si persero l’immaginazione prima, e le speranze subito dopo, quando un amico, Massimo Gaudenzi, ci guidò per la prima volta, vent’anni fa, in quest’angolo perduto del Fringuello. Tentammo un timido scavo sul fondo, ci aggirammo nei pressi, notammo altri segmenti residui di questo sistema carsico messo a nudo dal tempo, trovammo più in basso una breve galleria artificiale, probabilmente un saggio dell’ing. Vescovali che nel 1857 batteva questi monti in cerca di minerali ferrosi per conto della Società Romana delle Miniere di Ferro e sue Lavorazioni, nell’intento d’individuare e sfruttare giacimenti nell’area appenninica. Già occupati in altre disostruzioni (Buco Bucone), abbandonammo subito qualsiasi progetto riguardo a questa zona, disagevole da raggiungere, con prosecuzioni difficili da ipotizzare, tanto che solo nel gennaio del 2000 tornammo per dare un’occhiata. Negl’immediati dintorni colpì l’attenzione un piccolo buco, inspiegabilmente sfuggito alle pur accurate battute di anni prima: subito individuammo un cunicolo, abbondantemente riempito da terra e detriti, probabilmente rifugio di un istrice, di cui trovammo alcuni aculei. Qui la via da seguire è ben delineata, una condotta carsica percorribile, la cui prosecuzione necessita di ulteriori scavi. La chiamammo Tana del Rèolo, nome scelto per tramandare un importante elemento dell’immaginario radicato nella tradizione gualdese: “Rèolo dei Seghettoni” è un animale fantastico, un rettile dalle dimensioni straordinarie di cui raccontavano paurosi incontri boscaioli e solitari uomini di montagna che si addentravano in impervi boschi del nostro Appennino. Di là dall’orrore e dal terrore, come in certi antichi miti, il serpente era però depositario di tesori favolosi e soprattutto della saggezza. Il luogo solitario, l’aspra selva, antichi resti di cavità dirute, l’angusto e misterioso ingresso di una tana hanno evocato la tenebrosa immagine. E’ questa la porta per la “grotta che non c’è”? La risposta è nelle mani di chi vorrà credere ai propri sogni, di chi vorrà esplorare, di chi vorrà uscire dalla monotonia e dalla ripetitività di gran parte della speleologia d’oggi, mani che dovranno spostare tonnellate di pietre, di terra, di fango. La risposta a chi, da un passato d’iniziative coraggiose e mai banali, saprà cogliere l’incitamento a proseguire “a testa bassa”, ad una ricerca continua e disperata, a ritrovare l’istinto e la grinta di quei cacciatori di grotte che hanno inventato il Gruppo Speleologico Gualdo Tadino.

 

A cura di Vittorio Carini e Giuseppe Venarucci.

Gruppo Speleologico Gualdo Tadino – www.gsgt.speleo.it

 

ANTRO DI BREUS

 

 

Monte Fringuello; comune Gualdo Tadino; quota s.l.m. m 1010; carta IGM 123 I SO Gualdo Tadino, long. 0°21’16,7” Est, lat. 43°12’55” Nord; sviluppo in pianta m 23, dislivello m –5.

 

 

TOPONIMIA.

In assenza di precedenti denominazioni conosciute, il nome della cavità è stato scelto dagli esploratori.

 

STORIA.

Il complesso di cavità di cui fa parte l’Antro di Breus fu segnalato al GSGT da Massimo Gaudenzi. Con la sua guida raggiungemmo il luogo il 4 luglio 1981 (Massimo Gaudenzi, Giancarlo Matarazzi, Vittorio Carini, Mauro Tavone, Giovanni Mancini), esplorando il fenomeno carsico principale, una gran caverna divisa in due e messa allo scoperto dal crollo della volta. Ritornati il 5 luglio per un saggio di scavo nella cavità adiacente (Mara Loreti, Gianluigi Guerra, Pier Giuseppe Moroni, Mauro Tavone, Vittorio Carini) ed il 20.12.81 (Giuseppe Pasquarelli, Graziano Anderlini, Giovanni Mancini, Mauro Tavone, Mara Loreti, Celestino Petrelli, Vittorio Carini), la zona fu poi dimenticata e solo il 09.01.2000 fu nuovamente raggiunta (Enzo Bozzi, Vittorio Carini, Andrea Micheletti, Giuseppe Venarucci). Il rilievo topografico è stato eseguito il 02.04.2000 da Roberto Marcellini e Vittorio Carini.

 

ACCESSO.

Da Gualdo Tadino si raggiunge la pineta di Roti, si oltrepassa il luogo detto “Il Soldato”, poi la fonte “i Renacci”, chiamata comunemente “ i trocchi” (una sorgente a m 804). Si prosegue per l’evidente sentiero in direzione “Cava del Ferro” fino al primo gran canalone, senza nome sulla carta IGM, affluente nord del Fosso Selva Grossa. Si risale il canalone sulla sinistra fino a quota m 980, dove s’incontra una breve galleria artificiale (probabile saggio di scavo dovuto all’ing. Vescovali, metà del XIX secolo, per prospezioni minerarie). Si abbandona il canalone risalendo a sinistra fino ad incontrare, quota m 1000, l’evidente complesso carsico.

 

DESCRIZIONE.

Il crollo della volta di una notevole caverna ha formato l’aspetto attuale, diviso in due segmenti di cui l’Antro di Breus è quello più a monte, la parte più interna della caverna originaria. Attualmente appare come una dolina, uno sprofondamento ricco di muschio ed alberi, le pareti con evidenti forme carsiche, residui di condotte, corrosioni. Solo a monte si è mantenuta una parte sotterranea, un’ampia condotta che prima scende per poi risalire fino a chiudere definitivamente, il tutto per una quindicina di metri. Non sono evidenti prosecuzioni.

 

OSSERVAZIONI.

La grotta si è formata nel Calcare massiccio del monte Fringuello, Giurassico Inferiore. Interessante può essere uno studio botanico della vegetazione presente.

 

BIBLIOGRAFIA.

CARINI VITTORIO, VENARUCCI GIUSEPPE (2001), “Antro di Brèus e Tana del Rèolo”, L’Eco del Serrasanta, Gualdo Tadino, anno XIV n. 22, pag. 7.

 

 

Gruppo Speleologico Gualdo Tadino – anno 2001