Cerca nel sito

‎‏‎‎‎‎‎‎‏‎‎‎‏‏‏‎‎‎‏‎‎‏‎‎‎‏‏‏‏‏‏‎‏‎‏‎‏‎‎‏‎‎‏‏‎‏‎‎‎‎‎‏‏‏‏‎‏‎‎‏‏‎‏‏‎‎‎‏‏‎‏‏‏‏‎‎‏‎‏‎‏‏‏‎‏‏‎‏‎‏‎‎‏‎‎Finanza Etica

‎‏‎‎‎‎‎‎‏‎‎‎‏‏‏‎‎‎‏‎‎‏‎‎‎‏‏‏‏‏‏‎‏‎‏‎‏‎‎‏‎‎‏‏‎‏‎‎‎‎‎‏‏‏‏‎‏‎‎‏‏‎‏‏‎‎‎‏‏‎‏‏‏‏‎‎‏‎‏‎‏‏‏‎‏‏‎‏‎‏‎‎‏‎‎Etica e Economia

Economia e Chiesa


Qual è la posizione della Chiesa Cattolica nei confronti del mondo economico e finanziario? Quali sono stati gli interventi dottrinali dei vari Pontefici nell'ultimo secolo in merito alla questione socio-economica dei popoli della terra? In questa pagina troverete i più importanti documenti della Dottrina Sociale della Chiesa su Etica, Sviluppo ed economia. 

Dottrina Sociale della Chiesa
La Dottrina Sociale della Chiesa indica il complesso di principi, insegnamenti e direttive della Chiesa cattolica intesi a risolvere, secondo lo spirito del Vangelo, la questione sociale. Il grande nucleo della dottrina sociale è composto da famose encicliche e dai discorsi sociali dei Pontefici, fra cui la
Rerum Novarum (1891) di Papa Leone XIII°, Quadragesimo Anno (1931) di Papa Pio XI°, Mater et Magistra (1961) di Papa Giovanni XXIII, Centesimus Annus di Giovanni Paolo II° e Caritas in Veritate di Benedetto XVI°. Accanto a questi sono da considerare altri scritti che in specifico affrontano il problema del lavoro, della finanza internazionale e dell'agire morale. Questi documenti pontifici sono il frutto non solo del Magistero della Chiesa, ma anche del dibattito e degli studi di sacerdoti e laici cattolici.

Papa Leone XIII°, ponendosi esattamente a metà strada fra le parti, ammonisce la classe operaia di non dar sfogo alla propria rabbia attraverso le idee di rivoluzione, di invidia ed odio verso i più ricchi, e chiede ai padroni di mitigare gli atteggiamenti verso i dipendenti e di abbandonare lo schiavismo cui erano sottoposti gli operai. Il Papa, inoltre, auspica che fra le parti sociali possa nascere armonia e accordo nella questione sociale.

Quadragesimo anno è il titolo dell'enciclica sociale promulgata nel 1931 da Papa Pio XI° che riafferma la validità della dottrina sociale della Chiesa cattolica secondo le linee della Rerum Novarum. Fu fortemente ispirata dalla situazione economica mondiale successiva alla caduta della borsa del 1929. 

Nel documento, che ha dato nuovo impulso all'attivita dei cattolici, il Papa Giovanni XXIII riafferma Il valore della persona e della libertà economica, nonchè della perfetta liceità della tendenza alla socializzazione, purché attuata nel rispetto dei diritti della persona. L'enciclica è notevole anche per la parte che affronta i problemi agricoli e quelli della decolonizzazione e degli aiuti ai Paesi sottosviluppati all'insegna del solidarismo internazionale.

Populorum Progressio  (1967)
L'enciclica di Paolo VI° è dedicata alla cooperazione tra i popoli e al problema dei paesi in via di sviluppo. In essa vi è la denuncia dell'aggravarsi dello squilibrio tra paesi ricchi e paesi poveri, la critica al neocolonialismo e il diritto di tutti i popoli al benessere. È inoltre presente una critica al capitalismo e al collettivismo marxista. L'enciclica propone infine la creazione di un fondo mondiale per gli aiuti ai paesi in via di sviluppo. 
« Lo sviluppo non si riduce alla semplice crescita economica. Per essere 
sviluppo autentico, dev'essere integrale, il che vuol dire volto alla promozione 
di ogni uomo e di tutto l'uomo. [...] Nel disegno di Dio, ogni uomo 
è chiamato a uno sviluppo, perché ogni vita è vocazione. »
                                                                      (§ 14-15)

Centesimus Annus (1991)
Nell'enciclica Giovanni Paolo II° chiede di:
· individuare le debolezze sia delle economie socialiste sia delle economie di mercato;
· alleggerire o cancellare il debito dei paesi poveri;
· disarmare;
· semplificare gli stili di vita ed eliminare lo spreco nelle nazioni ricche;
· sviluppare le politiche pubbliche per il pieno impiego e la sicurezza del lavoro;
· creare delle istituzioni per il controllo delle armi;
· sacrificare alle nazioni ricche reddito e potere.



Caritas in Veritate  (2009)
Così afferma papa Benedetto XVI°: « Senza verità, senza fiducia e amore per il vero, non c'è coscienza e responsabilità sociale, e l'agire sociale cade in balia di privati interessi e di logiche di potere, con effetti disgregatori sulla società, tanto più in una società in via di globalizzazione, in momenti difficili come quelli attuali. »

Proprio per la sua rilevante attualità, riporto il paragrafo 45 dal Cap. 4° intitolato:

Altri documenti  

Documento edito per i 40 anni dell’enciclica Populorum Progressio
A cura dell’Ufficio Nazionale per i Problemi Sociali e il Lavoro della CEI
(molto interessante il capitolo 4 "Cittadini responsabili" da pag. 31) 

Etica, sviluppo e finanza
Autore C.E.I. Conferenza Episcopale Italiana
Edizioni Paoline



Finanza Internazionale e agire morale
Autore C.E.I. Conferenza Episcopale Italiana
Edizioni Paoline


 


Pagine secondarie (1): Caritas in Veritate
Comments