film sui vampiri

Dal tramonto all'alba

Dal tramonto all'alba (From Dusk till Dawn) è un film del 1996 diretto da Robert Rodríguez, con George Clooney, Quentin Tarantino, Harvey Keitel e Juliette Lewis.

È il frutto di una collaborazione tra Robert Kurtzman e Quentin Tarantino, che ai tempi de Le iene lavorarono ad una sceneggiatura scritta da Tarantino ai tempi del liceo[1] mirante a unire il poliziesco all'horror.

Il film uscì negli Stati Uniti il 19 gennaio 1996 e in Italia quasi un anno dopo, il 3 gennaio 1997.[2]

Visto il successo della prima pellicola, Quentin Tarantino, Robert Rodríguez e Lawrence Bender produssero i due seguiti del film: Dal tramonto all'alba 2 e Dal tramonto all'alba 3, che però non raggiunsero il successo del primo capitolo.[senza fonte]

A causa del contenuto violento, il film venne vietato in Italia ai minori di 18 anni. Dal 1998 il divieto è stato ridotto ai minori di 14 anni.[3]

Trama

Dopo una sanguinosa rapina ed una rovinosa fuga, i famigerati fratelli Gecko, Seth e Richard, si dirigono verso la frontiera messicana con una donna in ostaggio, Gloria Hill ed una valigetta piena di soldi, per sfuggire alle autorità che li cercano senza sosta.

La vicenda ha inizio in un minimarket di liquori lungo l'autostrada del Texas, dove Richard è vittima di allucinazioni che lo portano ad uccidere il titolare del negozio, Pete Bottoms e il ranger texano Earl McGraw. In seguito a questi omicidi, i ranger texani, la polizia e l'FBI iniziano a collaborare per non far arrivare i due criminali vivi alla frontiera. I fratelli Gecko trovano rifugio in un modesto motel; Richard rimane a fare da guardia a Gloria, mentre Seth va ad esplorare la situazione alla frontiera e ad organizzarsi con il loro contatto in Messico, Carlos. Al suo ritorno, Seth scopre che Richard ha stuprato e ucciso Gloria, mostrando ancora segni di deviazione mentale. Seth si infuria con Richard e teme per la sua stessa incolumità; infine riferisce che Carlos li aspetterà il giorno dopo al Titty Twister, un bar messicano per camionisti aperto "dal tramonto all'alba". Il problema, dunque, è giungere in Messico senza essere notati alla frontiera.

A questo punto, si incastra la vicenda della famiglia Fuller, diretta in vacanza in Messico. Jacob, un pastore in crisi di vocazione dopo aver perso sua moglie, la figlia naturale Kate e il figlio adottivo Scott; i tre sono stanchi a causa dell'estenuante viaggio in camper e sostano allo stesso motel dove alberga la coppia di criminali. Con una banale scusa, Richard e Seth irrompono nella camera della famigliola e prendono in ostaggio Jacob e Scott. Di lì a poco entra in camera Kate, per la quale Richard prova subito una fortissima attrazione. I fratelli dettano le loro condizioni e decidono di usare il camper della famiglia per giungere alla frontiera.

In camper, Richard inizia ad avere allucinazioni erotiche su Kate, mentre Seth instaura un rapporto di amicizia con Jacob. Giunti alla frontiera, tutto sembrerebbe filare liscio, quando ad un tratto inizia una lite tra i due fratelli, che rischia di farli scoprire: la coppia si rifugia nel bagno e utilizzando come escamotage la giovane Kate, riesce a farla franca. I due riescono quindi a giungere in Messico.

In breve tempo arrivano al Titty Twister, il luogo dell'incontro, un locale pieno di camionisti, ballerine nude, musica rock e alcol. Il posto è un rifugio per motociclisti, contadini e bifolchi: tra questi, il virile camionista reduce del Vietnam Frost e l'astuto motociclista Sex Machine.

Ben presto, lo sfrenato spettacolo delle ballerine cessa, per dare spazio al sensuale ballo di Santanico Pandemonium. Al termine di esso, entra nel bar il buttafuori che Seth e Richard avevano picchiato prima di entrare nel locale, accompagnato da alcuni avventori. I camionisti attaccano briga con i due fratelli, che tentano di ucciderli senza pensarci due volte. Durante la sparatoria, Richard viene ferito alla mano con un coltello: alla vista del sangue che sgorga dall'arto, gli avventori del locale svelano il loro vero aspetto di vampiri.

Santanico Pandemonium attacca e morde Richard, che quest'ultimo perde inizialmente i sensi. Poco dopo, Seth uccide Santanico Pandemonium impalandola con un lampadario ed inizia, al fianco della famiglia Fuller, di Frost e Sex Machine, a far fuori i vampiri, tra cui le ballerine, il barista Razor Charlie, la banda che suonava all'interno del locale e infine Richard trasformato in vampiro, ucciso da suo fratello Seth affinché non vampirizzi altri innocenti. Mentre si accerta che siano tutti morti, Sex Machine viene invece morso al braccio da uno di loro. Quando tutti gli avventori sono morti, dopo un momento di shock il gruppo realizza che i vampiri non sono un frutto della loro immaginazione e, soprattutto, che ce ne sono altri che assediano il locale.

Più tardi Sex Machine, a causa del morso, inizia a trasformarsi in vampiro. Per evitare di essere ucciso, egli maschera la cosa al gruppo, sino a quando, mentre Frost sta parlando di un episodio della guerra del Vietnam, egli non si trasforma definitivamente e attacca l'uomo, vampirizzandolo. Sex Machine morde anche Jacob e affronta Frost, che quest'ultimo, poco prima di trasformarsi in vampiro, lo butta fuori dalla finestra.

Poco dopo, dall'esterno del locale iniziano ad entrare tanti pipistrelli che di lì a poco si trasformeranno in belve assetate di sangue. Per far fronte all'incombente minaccia, Seth e i Fuller si rifugiano in un magazzino del locale dove trovano diversi oggetti da poter usare come arma appartenenti ad alcune vittime del bar: un fucile a pompa ed una mazza da baseball, che Jacob posiziona "a croce", una balestra che Kate carica di stecche d'argento, dei preservativi che vengono gonfiati da Scott con dell'acqua resa santa da Jacob e un martello pneumatico, utilizzato da Seth, sulla cui punta viene aggiunto un paletto di legno. Prima di uscire dal magazzino per affrontare i vampiri, Jacob fa giurare ai suoi figli che quando si trasformerà, essi lo uccideranno, per evitare che egli li morda. Malvolentieri, i due accettano di uccidere il loro stesso padre.

Il quartetto esce così dal deposito ed inizia ad uccidere i vampiri all'interno. Durante la battaglia Sex Machine affronta Seth, che quest'ultimo lo decapita con la sua frusta. Sex Machine si trasforma poi in un mostruoso ed enorme ratto e attacca Seth, dopodiché viene ucciso da Kate a colpi di balestra. Jacob, dopo aver eliminato Frost, si trasforma in un vampiro, morde Scott ma viene da questi prontamente ucciso con un colpo di revolver alla testa. Infine quest'ultimo viene morso e muore sotto gli occhi della sorella, sepolto sotto un'orda di vampiri. Seth e Kate, rimasti soli e a corto di munizioni, si trovano a dover fronteggiare un esercito di vampiri. La situazione sembra disperata, quando la luce dell'alba, che filtra dalle finestre del locale, offre una via di scampo. Finalmente arriva Carlos con due suoi uomini: Seth gli grida di far sfondare il portone del locale e così la luce che entra uccide gli ultimi vampiri rimasti.

Seth, infuriato, accusa Carlos di essere in gran parte responsabile della morte di suo fratello e della famiglia di Kate. Seth chiede a Carlos uno sconto sulla percentuale per la sua protezione (alla fine concordano sul 25% in luogo del 30%). Seth consegna un po' di soldi anche a Kate, la quale gli chiede se non desideri compagnia. Seth rifiuta, Kate appare delusa, ma accetta i soldi. Il fuorilegge si dirige verso El Ray a rifarsi una vita, a bordo di una Porsche rossa. Kate, invece, si allontana con il camper del padre.

L'ultima inquadratura rivela che il locale era stato costruito sulla sommità di una antica piramide azteca, probabilmente tana dei vampiri da secoli, quasi completamente ricoperto dalle sabbie del deserto ma visibile interamente sul retro che si apre su un orrido trasformato in cimitero di automezzi appartenuti agli sfortunati avventori del bar.

Versioni alternative

A causa del contenuto violento, alcune scene vennero tagliate durante il montaggio della pellicola: l'attacco dei vampiri è molto più lungo e non censurato.[4] È qui presente anche una scena in cui Sex Machine uccide due vampiri e si scatta una foto insieme a uno di loro.[4]

In Germania, è stata distribuita una versione VHS del film pesantemente tagliata,[4] che manca dell'intera scena iniziale al supermarket e di alcune parti dell'attacco dei vampiri.

Negli Stati Uniti, la versione televisiva è stata ampiamente modificata rispetto all'originale:[4] ad esempio, le ballerine nude sono state rivestite in digitale, il nome del Titty Twister è stato cambiato in Kitty Twister (modificato in digitale in tutte le inquadrature e doppiato nelle sequenze audio in cui il nome compariva), sono assenti le parti in cui vengono uccise le ballerine/vampiri e mancano quasi tutte le scene in cui Seth uccide i vampiri con il martello pneumatico modificato.[4]

Produzione

Sceneggiatura

Quentin Tarantino, sceneggiatore e Robert Rodríguez, regista della pellicola

Quentin Tarantino scrisse la sceneggiatura del film ai tempi del liceo.[1] Egli si ispirò al finale del film Getaway, il rapinatore solitario: due delinquenti si devono dirigere alla frontiera messicana per sfuggire alla polizia dopo aver compiuto una rapina.[5] Giunto a questo punto, per evitare che la storia divenisse stereotipata, Tarantino decise di introdurre una tematica horror che ricordasse La notte dei morti viventi e Zombi di George A. Romero, sostituendo ai morti viventi i vampiri.[5] «Ma dato che le persone erano rinchiuse in un locale» - disse Tarantino - «decisi di applicare lo schema da Distretto 13: le brigate della morte, un classico di John Carpenter che adoravo!».[5]

Nello scriverlo, lo sceneggiatore ammise di aver abbandonato la formula "domande prima, risposte dopo",[5] caratteristica dei suoi primi script (Pulp Fiction, Le iene, Una vita al massimo ed Assassini nati) e decise, invece, di giocare sul duo suspense/sorpresa,[5] caratteristico del cinema di John Ford ed Alfred Hitchcock.[5]

Dopo il successo di Pulp Fiction, Tarantino decise di prendersi una pausa dalla regia: girò il breve episodio di Four Rooms, L'uomo di Hollywood, e quindi decise di partecipare ad un progetto che l'amico Rodriguez aveva in mente di fare: un horror, del quale non conosceva ancora la trama.[5] Tarantino decise allora di affidargli la regia della sua sceneggiatura di Dal tramonto all'alba.[5] Rodriguez accettò volentieri di dirigere il film.[senza fonte] Quentin Tarantino, che perfezionò la storia insieme a Robert Kurtzman,[senza fonte] apparve anche nel ruolo di Richard Gecko.

Cast

Il cast del film è composto da George Clooney, Harvey Keitel e Juliette Lewis. Clooney era noto per la serie televisiva E.R. - Medici in prima linea. A parte questo, il pubblico statunitense lo conosceva soltanto per qualche sporadica presenza in film per la televisione o in pellicole di scarso successo; il film di Rodriguez e Tarantino fu molto importante per "lanciarlo" come credibile protagonista di pellicole hollywoodiane.[senza fonte]

La parte di Seth Gecko era stata offerta a John Travolta, Tim Roth, Steve Buscemi, Christopher Walken e Michael Madsen: tutti e cinque rifiutarono per altri impegni cinematografici (Buscemi stava girando cinque film, Walken quattro, gli altri tre).[6]

Keitel, che aveva già collaborato con Quentin Tarantino ne Le iene e Pulp Fiction dichiarò che «lavorare con Quentin era un'esperienza unica: figurarsi cosa sarebbe stato lavorare con un amico di Quentin».[7] Keitel fu l'unico attore, a detta del critico James Berardinelli, a recitare in maniera decente nel film.[8]

Molte persone giudicarono buona anche l'interpretazione di Juliette Lewis,[7] già notata in altre pellicole come Assassini nati di Oliver Stone e Cape Fear - Il promontorio della paura di Martin Scorsese. La Lewis affermò che una delle cose che più l'avevano aiutata nel girare alcune scene d'orrore, era la sua capacità di non immedesimarsi nella protagonista: riusciva a interpretarla nel modo corretto, ma mai ad immedesimarsi.[7] Concluse che, se molte persone considerano la "non-immedesimazione" in un personaggio uno svantaggio, lei la considerava la sua fortuna.[7]

Deleteria, nel parere di Roger Ebert fu l'interpretazione di Ernest Liu, esordiente per il grande schermo nel ruolo di Scott Fuller, forse il personaggio più debole che Tarantino abbia mai ideato.[9] Accanto a quella di Liu si collocava la pessima interpretazione di Quentin Tarantino.[8] Al contrario Paolo Mereghetti, pur non scrivendo entusiasticamente del film, afferma che l'interpretazione di Tarantino è in assoluto la sua migliore.[senza fonte]

Alla grande parata di attori hollywoodiani si contrapponeva una schiera di vecchie conoscenze di Robert Rodríguez, regista della pellicola: tra queste, Salma Hayek, che aveva già lavorato al fianco di Rodriguez e Tarantino in Desperado; Tito Larriva, anch'egli presente in Desperado insieme a Cheech Marin (che qui interpreta addirittura tre ruoli) ed il poliedrico Danny Trejo.

Infine, in tributo alle vecchie pellicole splatter e d'exploitation, nel film sono presenti due degli attori preferiti dal duo Tarantino-Rodriguez: l'eccentrico Tom Savini, che la coppia di registi aveva ammirato nel campo degli effetti speciali nei film degli zombi di George A. Romero, e Fred Williamson, attore che Tarantino in particolare aveva amato per le sue interpretazioni nei classici di blaxploitation degli anni settanta.[senza fonte]

Alcune frasi vennero improvvisate: «No grazie, ho già avuto una moglie» non era nel copione e venne improvvisata da George Clooney. Rodriguez aveva pensato di non includerla nel montaggio finale, ma dopo che la casa di produzione la inserì in uno dei trailer, egli si sentì obbligato ad aggiungerla.[senza fonte] Svariati furono i problemi con la Hayek, che odiava i serpenti.[6] Inoltre, non avendo un coreografo a disposizione per la scena del ballo[6], Rodriguez le consigliò di ascoltare la musica e danzare di conseguenza: la stessa tecnica venne usata sul set di Sin City con l'attrice Jessica Alba.[6]

Regia

"Zombi 2" di Lucio Fulci è un film al quale la pellicola fa citazione più volte.[senza fonte]

La regia del film venne affidata a Robert Rodríguez, fraterno amico di Quentin Tarantino. Quest'ultimo era reduce dal successo di Pulp Fiction e stava lavorando ad un episodio del film Four Rooms; il suo amico Rodriguez lo contattò, dicendogli che gli sarebbe piaciuto dirigere un horror, ma non aveva ancora una sceneggiatura tra le mani.[5] A questo punto, Tarantino decise di affidargli la regia di una sua vecchia sceneggiatura,[5] sapendo che nessun altro regista avrebbe potuto rendere meglio la storia.[5]

Come Tarantino,[7] Rodriguez disse di aver cercato di applicare la struttura tipica dei romanzi di Stephen King al film: inizialmente, la tematica trattata non ha a che fare con l'horror.[7] In questa maniera lo spettatore si immedesima nei protagonisti del film, non aspettandosi l'avvento dei vampiri, che quando sopraggiungono sono una sorpresa per il pubblico e per il protagonista stesso.[7]

Oltre alla regia, Rodriguez curò gli effetti speciali (nonostante alcune parti del corpo mutilate vennero prese dai set di altri film della coppia Rodriguez/Tarantino)[6] del film, dirigendo i truccatori Robert Kurtzman e Greg Nicotero,[7] disegnò il volto e le caratteristiche fisiche dei vampiri[7] e si applicò - insieme ai ZZ Top - a creare le musiche originali della pellicola.[7]

Inoltre, Rodriguez si occupò di molti degli effetti sonori: per creare i versi che emette Sex Machine una volta trasformato in vampiro, il regista si ispirò ai suoni che faceva suo figlio appena nato.[6]

Accoglienza

Il film guadagnò negli Stati Uniti 25.836.616 dollari, dei quali, 10.240.805, nel solo fine settimana d'apertura,[10] La pellicola venne distribuita dalla Miramax International. Vari furono i problemi con la censura: ad esempio, il sangue dei vampiri fu colorato di verde per le prime nei cinema, mentre per l'home video venne ripristinata la versione Uncut.[6]

Merchandising

Nel 1996, la sceneggiatura del film venne redatta da Robert Kurtzman in forma di romanzo, pubblicato dalla Miramax stessa. Il 3 ottobre 2000 la Dimension Films mise sul mercato la "Collector's Edition" del film, che includeva tra i tanti contenuti speciali anche il documentario Full Tilt Boogie di Sarah Kelly, un "making of" del film, del quale non esiste una versione italiana. Sempre il 3 ottobre 2000 uscì un cofanetto DVD che includeva Dal tramonto all'alba e i due capitoli successivi: Texas, sangue e denaro e La figlia del boia.

Critiche

«Un film chiassoso, esagerato, anche divertente ma certamente niente di più di un lavoro discreto» per la maggior parte dei giudizi,[11] nonostante il fatto che il regista e soprattutto l'autore/protagonista Tarantino arrivassero a questo film con un credito notevole, anche presso molta parte della critica, in virtù dei loro grandi successi precedenti.[senza fonte]

In sostanza le critiche sono pressoché unanimi, in Europa come negli Stati Uniti e questo dà l'idea che si tratti di un film con una chiave di lettura chiara che, con i pro e i contro che questo porta con sé, non richiede troppe analisi interpretative né solleva interrogativi o stimola particolari analisi sociologiche o di altro genere.[senza fonte] James Berardinelli, ad esempio, lo bollò con l'espressione «molto divertimento, poca arte».[8]

La critica acclamò Rodriguez,[12] regista che confermava grandi doti tecniche, ma si interrogò su cosa ne potesse essere di questo grande talento di Tarantino, che rischiava di incagliarsi su generi che potevano esaltarne la verve, ma che evidenziavano un'esilità contenutistica difficilmente accostabile alla definizione di "grande cineasta" che, dopo solo due lungometraggi da regista, in moltissimi gli avevano attribuito con convinzione. Ma Tarantino non sembra tenere conto delle altrui aspettative nei suoi confronti. Non fa quello che gli altri si aspetterebbero da lui e questo può senz'altro essere un pregio. Il successo gli ha dato la possibilità di dare corpo ad alcune idee giovanili che forse altri al posto suo avrebbero tenuto nel cassetto e che invece egli si "diverte" a portare sullo schermo,[13] coinvolgendo i suoi amici e, in definitiva, divertendo il pubblico, soprattutto quello più giovane.

Il clima di tensione di un primo tempo da buon thriller con dialoghi bizzarri e ammazzamenti brillanti, in perfetto "stile Pulp Fiction",[14] si scioglie in un crescendo sfrenato horror-splatter che ha un effetto molto coinvolgente sul pubblico. Tutto sorprende, niente è preso sul serio, più la si spara grossa e più vien voglia di guardare e vedere come va a finire.[14] A conti fatti, il meccanismo funziona e il B-movie, deliberatamente concepito come tale, è perfettamente riuscito e poco importa che, ad esempio, lo stesso Tarantino sia un pessimo interprete,[8] che certe trovate siano più che grottesche, a tratti scontate, o che i personaggi siano piatti,[15] come in una sorta di grande fumetto, specie se tutto questo è il frutto di una scelta stilistica perfettamente consapevole.

Uno dei critici che più apprezzò la pellicola fu Chuck Dowling, il quale scrisse che la pellicola era il riscatto di Rodriguez e Tarantino dopo gli insuccessi di Four Rooms.[15]

Colonna sonora

La colonna sonora del film comprende brani che spaziano dal rock'n'roll alla musica surf degli anni sessanta: tra i tanti collaboratori gli ZZ Top e Tito & Tarantula, che eseguirono dei nuovi brani esclusivamente per la pellicola e Stevie Ray Vaughan.

Occasionalmente, tra un brano ed un altro si intercalano i dialoghi estratti dal film, scritti da Quentin Tarantino. Di tanto in tanto, al fianco del rock'n roll degli ZZ Top e dei Tarantula troviamo le note blues di Jimmie Vaughan e sprazzi di musica country firmata Mavericks.

Robert Rodríguez disse che la colonna sonora del film spaziava dal rock texano alle note horror di Graeme Revell.[16] Si compie un viaggio all'interno delle tracce, così come all'interno del film.[16]

La trama del film e la colonna sonora stessa influenzarono pesantemente il video musicale di Engel, canzone dei Rammstein.[6]

  1. Everybody Be Cool (George Clooney)
  2. Dark Night (The Blasters)
  3. Mexican Blackbird (ZZ Top)
  4. Texas Funeral (Jon Wayne)
  5. Foolish Heart (The Mavericks)
  6. Would You Do Me a Favor? (Juliette Lewis/Quentin Tarantino)
  7. Dengue Woman Blues (Jimmie Vaughan)
  8. Torquay (The Leftovers)
  9. She's Just Killing Me (ZZ Top)
  10. Chet's Speech (Cheech Marin)
  11. Angry Cockroaches (Tito & Tarantula)
  12. Mary Had a Little Lamb (Stevie Ray Vaughan & Double Trouble)
  13. After Dark (Tito & Tarantula)
  14. Willie the Wimp, and his Cadillac Coffin' (Stevie Ray Vaughan & Double Trouble)
  15. Kill the Band (Tom Savini)
  16. Mexican Standoff (Graeme Revell)
  17. Sex Machine Attacks (Graeme Revell)

Collegamenti ad altre pellicole

  • In Pulp Fiction di Quentin Tarantino, Jules Winnfield (Samuel L. Jackson) e Vincent Vega (John Travolta) mangiano dei Big Kahuna Burger. In Dal tramonto all'alba, Seth Gecko (George Clooney) compra dei Big Kahuna Burger, che poi porta a suo fratello Richard (Quentin Tarantino).
  • Il versetto recitato da Jacob Fuller (Harvey Keitel) per far allontanare i vampiri è la prosecuzione di Ezechiele 25.17, il versetto recitato da Jules Winnfield (Samuel Jackson) in Pulp Fiction di Quentin Tarantino.
  • Nei titoli di coda di Pulp Fiction, il nome del supervisore della post-produzione è Heidi Vogel. In Dal tramonto all'alba, Heidi Vogel è il nome di una delle vittime dei fratelli Gecko.
  • Sul cruscotto dell'auto dei fratelli Gecko è presente un pacchetto di sigarette Red Apple, come quelle presenti ne Le iene e in Pulp Fiction.
  • In Kill Bill vol. 1, tra i personaggi, c'è lo sceriffo Earl McGraw (Michael Parks), che appare anche in Grindhouse. In Dal tramonto all'alba il ranger, però, muore: se ne deduce che le vicende di Kill Bill e Grindhouse sono collocate temporalmente prima di Dal tramonto all'alba.
  • La pistola "inguinale" di Sex Machine (Tom Savini) era già presente nell'armamentario del mariachi (Antonio Banderas) in Desperado.
  • La frase «Mangiamoceli vivi», pronunciata da George Clooney, era stata originariamente utilizzata in Una vita al massimo, sceneggiato da Quentin Tarantino.
  • Il dialogo «Che cosa c'è in Messico?» - «I messicani», pronunciato da Juliette Lewis e Quentin Tarantino, era stato originariamente utilizzato in Il mucchio selvaggio di Sam Peckinpah.
  • Il nome di Santanico Pandemonium (Salma Hayek) prende spunto dal titolo originale del film La novizia indemoniata di Gilberto Martínez Solares.
  • Nel film vi sono diversi riferimenti a Distretto 13: le brigate della morte: Scott Fuller (Ernest Liu) indossa una t-shirt sulla quale è scritto "Precinct 13" (il titolo originale del film era Assault on Precinct 13); la frase «Usale per il prossimo stronzo che prova a morderti», pronunciata da George Clooney, è un omaggio alla pellicola. Nell'originale, veniva pronunciata da Austin Stoker.
  • La frase «Ricorda che i sei figli della signora 44 sono velocissimi e riescono a raggiungerti ovunque», pronunciata da Seth Gecko, era stata precedentemente utilizzata in F.B.I. - Operazione gatto di Robert Stevenson.
  • Diversi sono i riferimenti al film Ragazzi perduti di Joel Schumacher: la frase «Non ucciderò mai mio fratello!», pronunciata da Seth Gecko, era stata precedentemente utilizzata nella pellicola in questione; gli stessi fratelli Gecko di Dal tramonto all'alba sono un riferimento ai fratelli Ranocchi di Ragazzi perduti.
  • Nella sceneggiatura originale del film esisteva un riferimento al film La comtesse noire di Jesús Franco: doveva apparire in uno sfondo nero la frase «Desidero con tutte le mie forze che giunga la fine di questa razza sanguinaria alla quale sono costretta ad appartenere», presente nell'incipit di La comtesse noire.[17]
  • Nella scena iniziale del film, George Clooney minaccia il barista (John Hawkes) di scatenare "mezzogiorno di fuoco" all'interno del minimarket. In Le iene di Quentin Tarantino, Mr. Blonde (Michael Madsen) scatena una sparatoria nella gioielleria e Eddie il bello (Chris Penn) lo accusa di aver scatenato "mezzogiorno di fuoco". In Pulp Fiction, il sig. Wolf (Harvey Keitel) parlando con Vincent Vega (John Travolta) dopo l'incidente con Marvin dice "sei capace a non giocare a mezzogiorno di fuoco?".
  • Dietro il Titty Twister compare una scritta al neon che recita "Chango Beer", marca citata anche da Cheech Marin in Desperado di Rodriguez. In una scena cancellata è chiaramente visibile una bottiglia della stessa marca ma nel film Sex Machine (Tom Savini) la fracassa con una frustata.
  • Nel film Zombi 2 di Lucio Fulci, è presente una scena in cui due uomini usano della carta igienica come bomba da lanciare contro una trincea di alcol, prima che alcuni zombi oltrepassino questa. La scena in cui Seth (George Clooney) e Richard (Quentin Tarantino) danno fuoco al commesso del Benny's World Liquor è praticamente identica.
  • I fratelli Gecko stanno cercando di raggiungere la città fittizia di El Ray, in Messico: riferimento a Getaway, il rapinatore solitario, racconto di Jim Thompson in cui è presente una città inventata in cui trovano rifugio pericolosi criminali ricercati.[6]
  • Il cognome Gecko è un omaggio al grande cattivo dell'alta finanza Gordon Gekko, interpretato da Michael Douglas in Wall Street di Oliver Stone.[senza fonte]
  • C'è anche un riferimento al film horror Jason va all'inferno, nono capitolo della saga Venerdì 13: il cuore dell'Uomo scimmia non è altro che il cuore di Jason Voorhees usato in Jason va all'inferno.

Slogan promozionali

  • «A terrifying evil has been unleashed. And four strangers are our only hope to stop it»
    «Un male terribile è stato liberato. E la nostra sola speranza di fermarlo sono quattro stranieri»;
  • «Vampires. No Interviews»
    «Vampiri. Niente interviste»;
  • «From Quentin Tarantino. From Robert Rodriguez. From Dusk till Dawn»
    «Dal regista di "Pulp Fiction". Dal regista di "Desperado". Dal tramonto all'alba»;
  • «The Showdown is on»;
  • «One night is all that stands between them and freedom. But it's going to be a hell of a night»
    «Solo una notte li separa dalla libertà. Ma sarà una notte d'inferno»;
  • «How far can Too Far go?».

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/thumb/a/a5/Dal_tramonto_all%27alba.jpg/280px-Dal_tramonto_all%27alba.jpg


Amore al primo morso

Amore al primo morso è un film del 1979, diretto da Stan Dragoti. Sherman Hemsley e Isabel Sanford, le due star del telefilm I Jeffersons, hanno un piccolo cameo in questo film. George Hamilton, il Conte Dracula, è famoso per essere un perfezionista dell'abbronzatura.

Trama

Il Conte Samuel, cacciato dal suo castello dal governo (che ne vuole fare un collegio per giovani ginnasti), sceglie di andare negli Stati Uniti per conquistare il suo grande amore, reincarnata in una modella molto richiesta con il suo fido Renfield, mangiatore di insetti e domatore di serpenti e tarantole.

Lei, decisamente più aperta di quanto lui si aspettasse, se lo porta a casa, e già al primo morso rimane folgorata dal suo conte; decide di raccontare tutto al suo distante e avarissimo fidanzato storico, nonché psicologo (che aveva cambiato il nome in Rosemberg perché gli psicologi hanno più clienti se sono ebrei), che non sa essere il nipote di Van Helsing, e che quindi cerca di sconfiggere Dracula in ogni modo ma si mette nei guai, prima perché considerato pazzo e poi perché per uccidere Dracula manda a fuoco una stanza al Plaza. Dracula e lui si sfidano anche in una battaglia all'ultimo sguardo per cercare di ipnotizzarsi a vicenda, con il risultato che lei va a casa e fanno cadere in trance solo i camerieri di passaggio. Quello che Cindy non sa è che al terzo morso lei diventerà una vampira, e appena lo scopre comincia ad avere qualche dubbio, e nonostante sia innamorata di Dracula rimette in discussione anche il suo amore per il fidanzato, che nel frattempo trova l'aiuto dell'Ispettore Ferguson.

Alla fine di tutto lei decide di partire con Dracula, ma all'aeroporto sbagliano ad imbarcare la bara del Conte su un aereo per la Giamaica già in partenza, e avendo come unica possibilità quella di volare come pipistrello morde per l'ultima volta Cindy, non prima che lei abbia saldato il suo debito per le sedute di psicoanalisi con un assegno; rassegnato alla sconfitta, Jeffrey trova il mantello di Dracula, se lo prova e l'ispettore gli dice che sembra un'altra persona, affascinante e irresistibile, e così i due decidono di utilizzarlo per le loro conquiste, come solo il Conte sapeva fare.


Batman contro Dracula

Batman contro Dracula (The Batman vs. Dracula) è un film d'animazione statunitense del 2005 diretto da Michael Goguen.

La pellicola, uscita direttamente per il mercato home video (il 18 ottobre 2005 negli Stati Uniti), racconta lo scontro tra l'Uomo Pipistrello e il Conte Dracula.

Trama

Gotham City. Il Joker e il Pinguino fuggono da Arkham. Al cimitero di Gotham, Pinguino cerca un tesoro che aveva nascosto lì, ma scopre che c'è solo la bara del conte Dracula, esportata lì e, sbadatamente, lo sveglia. Dracula morde il guardiano del cimitero, ipnotizza Pinguino, sempre col tentativo di creare un esercito di altri vampiri. A una cena della Wayne Industries, Dracula si infiltra e incontra Batman, nelle vesti di Bruce Wayne, e la sua fidanzata Vicki Vale, dove vampirizza uno dei camerieri della cena. Pochi minuti dopo iniziò al cimitero il primo scontro fra Batman e Dracula. L'uomo pipistrello torna a casa malridotto e capisce subito che Dracula ha una forza superiore alla sua, e niente può sconfiggerlo. Nel successivo vespro, al cimitero, Joker si incontra con Pinguino, e sbadatamente, anche lui apre la bara di Dracula, così viene morso e diviene anche lui un vampiro. Dopo che Batman ha scoperto che anche Joker è una delle vittime, fa di tutto per riportarlo alla sua forma normale, sebbene lui sia suo nemico, e ci riesce. Dracula, che inoltre è innamorato anche di Vicki Vale, vuole usarla per riportare in vita l'amata moglie Carmila, usando l'essenza della vita della ragazza. Per non far interrompere la cerimonia di sangue, Dracula ipnotizza Batman, che in un primo momento verrà sopraffatto dall'ipnosi del vampiro, ma grazie alla sua forza di volontà, riuscirà a rompere l'ipnosi, a salvare la fidanzata e a sconfiggere Dracula facendolo diventare cenere. Alla fine della vicenda, a Gotham si crederà che era solo una trovata del Pinguino per trovare un tesoro nascosto; gli unici che sapranno la verità sono Batman, Pinguino e Alfred.

Ispirazione

  • Il film è stato ispirato anche dai tre elseworlds Batman & Dracula: Red Rain, Bloodstorm e Crimson Mist, realizzati da Doug Moench, Kelley Jones, Malcolm Jones III e John Beatty (al posto di Malcolm Jones III nei due sequel).
  • Furono girati altri film con protagonisti i due personaggi, cioè Batman Dracula (1964) e Batman Fights Dracula (1967), entrambi mai autorizzati dalla casa editrice detentrice dei diritti di Batman, la DC Comics.

Riferimenti ad altre opere

  • L'incubo di Bruce Wayne in cui appare un Batman vampiro è un riferimento ai succitati elseworlds che hanno ispirato il lungometraggio.
  • Alucard, il falso nome con cui il conte si presenta a Bruce Wayne è un riferimento al film Il figlio di Dracula, nonché al manga e anime Hellsing, il cui protagonista si chiama proprio Alucard. Anche l'abbigliamento che il Conte indossa al ricevimento a villa Wayne è simile a quello di Alucard.
  • Il piano di Dracula di riportare in vita la sua sposa morta servendosi dell'energia vitale di Vicky Vale ricorda molto quello del principe Imhotep nel film La mummia (di Stephen Sommers).
  • La resurrezione di Dracula, risvegliato dal sangue del Pinguino, è ripresa dal film La maschera del demonio, di Mario Bava.

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/thumb/2/2e/Batman_contro_Dracula_-_Trailer.png/280px-Batman_contro_Dracula_-_Trailer.png


Bram Stoker's Dracula's Curse

Bram Stoker's Dracula's Curse è un film statunitense del 2006 diretto da Leigh Scott. È un B movie horror prodotto da The Asylum, società specializzata nelle produzioni di film a basso costo per il circuito direct-to-video.È il sequel del film Dracula di Bram Stoker girato nel 1992.

Trama

Stati Uniti. Rufus King e Jacob Van Helsing indagano sulle recenti aggressioni notturne ai danni di giovani ragazzi. Van Helsing comprende che gli attacchi sono eseguiti da un gruppo di vampiri che risiede in città. I vampiri sono guidati da una seducente straniera, la contessa Bathorly, che spera di utilizzare gli esseri umani per nutrire il suo clan di vampiri in crescita e per prendere infine il controllo della città. Alla scoperta del piano, Van Helsing comincia a scovare e distruggere i vampiri uno per uno, fino a quando affronta la contessa stessa cercando di ucciderla una volta per tutte, prima che la maledizione di Dracula annienti la razza umana.

Produzione

Il film, scritto e diretto da Leigh Scott, fu prodotto da The Asylum e girato nello Iowa[1] nel 2006. La colonna sonora è firmata da Eliza Swenson.

Distribuzione

Il film è stato distribuito solo per l'home video. Alcune delle uscite internazionali sono state:[2]

Promozione

Le tagline sono:[3]

  • "A blood bath is brewing!".
  • "When the underworld rises...the hunters are called.".
  • "The Vampire Clans Are Restless ...".
  • "Tonight the Battle for the Planet Begins!".

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/thumb/1/14/Bram_Stoker_s_Dracula_s_Curse.jpg/280px-Bram_Stoker_s_Dracula_s_Curse.jpg


Il conte Dracula (film 1969)

Il conte Dracula (Count Dracula) è un film diretto da Jesús Franco, girato nel 1969 e uscito nel 1970.

Si tratta dell'ultimo film girato da Franco per il produttore britannico Harry Alan Towers, inteso come un omaggio al cinema horror classico.

Per gran parte è stato girato a Barcellona. Altre scene sono state girate in Francia, mentre le scene con Klaus Kinski sono state girate a Tirrenia.

Nelle sale italiane è uscito il 10 settembre 1973.

È noto come l'adattamento cinematografico più fedele del Dracula di Bram Stoker, nel quale il celebre vampiro ringiovanisce progressivamente man mano che preda le sue vittime.

Trama

Fine Ottocento. Il giovane avvocato inglese Jonathan Harker è stato incaricato di trattare all'attempato Conte Dracula l'acquisto a suo nome di una casa. Preparati i documenti, da Londra si reca in Transilvania e viene prelevato da una carrozza per essere condotto al castello dove vive il misterioso Conte.

Terrorizzato da una serie di inquietanti sogni e strani avvenimenti, Jonathan fugge dal castello e, dopo essere stato rinvenuto da un pastore, viene ricoverato a Budapest nella clinica per malattie mentali del professor Van Helsing. Lo scienziato, che ha dedicato studi approfonditi alla casistica delle arti magiche, rileva sul suo collo il marchio del vampiro. Alla clinica sopraggiungono la fidanzata di Jonathan, Mina, e l'amica Lucy.

Sennonché anche Dracula è giunto a Budapest - la casa da lui acquistata si trova difatti, casualmente, giusto di fronte alla clinica di Van Helsing - e nottetempo si introduce nella stanza di Lucy, che per tre notti lo nutre del suo sangue prima di morire trasformandosi a sua volta in una vampira.

Il fidanzato di Lucy, Quincey, si unisce a Jonathan nella caccia al vampiro, che nel frattempo, ringiovanito grazie al sangue delle sue vittime, aggredisce Mina al teatro dell'opera. Dracula tenta di attaccarla nuovamente mentre si trova alla clinica di Van Helsing, ma lo scienziato, rialzandosi dalla sedia a rotelle su cui era stato costretto dai postumi di un malore, lo mette in fuga tracciando una croce di fuoco sul pavimento.

Grazie a Renfield, un malato di mente ricoverato alla clinica e ossessionato dall'uccisione della moglie da parte di Dracula, Van Helsing e gli altri apprendono che il Conte è fuggito a Varna su una nave. Jonathan e Quincey raggiungono il castello del conte, trafiggono con un paletto le tre mogli di Dracula chiuse nelle loro bare, e attaccano il corteo di zingari che trasportavano la bara del vampiro al castello. Bruciato dal fuoco, nel giro di pochi istanti Dracula invecchia di secoli, fino a ridursi a uno scheletro. Jonathan e Quincy ne gettano la bara giù da una scarpata.

Versioni

Diversamente da altri film di Franco, Count Dracula non presenta importanti differenze tra le versioni. Nella versione spagnola la colonna sonora appare tuttavia orchestrata qua e là in modo diverso e manca del motivo cantabile che nelle altre versioni si può ascoltare nella seconda parte dei titoli di testa.

Differenze tra film e romanzo

  • Nel film l'azione centrale della storia è spostata da Londra a Budapest; per questo motivo, tra l'altro, è assente il viaggio per mare Romania-Inghilterra durante il quale Dracula, nel libro, sterminava un intero equipaggio; tale viaggio è sostituito nel film dal ben più breve tragitto Budapest-Varna via Danubio e Mar Nero, che Dracula compie per tornare al castello nel finale.
  • Renfield nel libro è un impiegato della stessa ditta londinese per cui lavora Harker, e impazzisce per essere stato a contatto di Dracula; nel film è invece un uomo rumeno impazzito perché Dracula gli ha ucciso la moglie.
  • Nel film manca il personaggio di Arthur Holmwood.
  • Una volta trasformata in un vampiro, Lucy rapisce e uccide un bambino, mentre nel libro lo morde soltanto.
  • Van Helsing a un certo punto del film si ritrova in sedia a rotelle, nel romanzo no.
  • Dracula è in grado di apparire in due luoghi contemporaneamente, nel libro no.
  • Mina e Van Helsing non accompagnano Harker e Morris in Transilvania, come invece accade nel libro.
  • Harker e Morris bruciano Dracula nella sua bara, mentre nel libro lo trafiggono e decapitano.

Distribuzione

Edizioni in DVD

Count Dracula è uscito su DVD in

  • Spagna (El conde Drácula - Divisa Ediciones, in spagnolo)
  • Italia (Il conte Dracula - Pulp Video, in italiano)
  • Stati Uniti (Count Dracula - Dark Sky, 2007 - zona 1, in inglese)
  • Germania (Nachts, wenn Dracula erwacht - Kinowelt, in tedesco)
  • Francia (Le Nuits de Dracula - Aventi, 2008)

Le edizioni spagnola, americana e tedesca sono presentate nel formato televisivo 1.33:1 in cui il film fu girato in vista di una distribuzione televisiva nei paesi di lingua inglese.

I colori del DVD spagnolo appaiono falsati, mentre al DVD americano mancano una breve scena e i secondi iniziali, prima dei titoli.

L'edizione italiana è proposta nel formato 1.78:1, col risultato che l'immagine è tagliata sopra e sotto.


http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/thumb/5/54/Count_Dracula.jpg/280px-Count_Dracula.jpg


Dracula - Morto e contento

Dracula - Morto e contento (Dracula: Dead and Loving It) è un film commedia del 1995, diretto da Mel Brooks. È una parodia del romanzo Dracula di Bram Stoker (con varie differenze: per esempio nel film chi va in Transilvania è Renfield, mentre nel libro è Jonathan Harker), ma l'avventura è sempre incentrata sul combattimento contro Dracula, il "Re dei Vampiri". Numerosi i riferimenti anche alle pellicole ispirate al romanzo, dal classico Dracula di Tod Browning del 1931 al Dracula di Bram Stoker di Francis Ford Coppola.

Il film è l'ultima pellicola della quale Mel Brooks ha firmato la regia.

Trama

« Era un macellaio con sete di sangue. Lui infliggeva innominabili torture a zappaterra. Taglia mani e piedi... strappa occhi di orbite... e poi pianta grossi pali per strada... anali! »
(Dottor Van Helsing che parla delle torture di Vlad Tepes)

Thomas Renfield si reca in Transilvania per stipulare il contratto d'acquisto di un immobile a Londra con il Conte Dracula; nonostante i preoccupanti avvertimenti di alcuni paesani vicini al castello del Conte e le profezie di una vecchia zingara[1], decide di procedere verso il castello, ove il Conte, oltre a comprare l'immobile, rende schiavo il povero Renfield. Arrivato a Londra, Renfield (che si rivela essere stupido e inaffidabile dopo che il Conte lo ha reso schiavo) viene chiuso in un manicomio diretto dal professor Seward, mentre Dracula viene a conoscenza di Jonathan Harker, la sua fidanzata Mina, figlia del direttore Seward e Lucy, amica di Mina.

Lucy, dopo circa tre settimane, inizia ad accusare i sintomi di un male sconosciuto (è molto pallida e non ha forze, sentendosi molto fiacca e confusa) e Seward, per curarla, chiama il suo amico Abraham Van Helsing, esperto in malattie sconosciute e di fattori oscuri. Quando questi arriva a Londra, scopre che Lucy è stata morsa da un vampiro. Nonostante tutte le protezioni di Abraham, Lucy completa la sua trasformazione in vampiro e aggredisce Harker nella cripta, ma viene colpita dallo stesso Jonathan con un paletto di legno nel cuore[2].

Dopo la morte di Lucy si prospetta un nuovo pericolo: questa volta è Mina ad essere rapita la notte seguente dal Conte. Per scoprire chi sia l'artefice dei malesseri che sono caduti su casa Seward, Van Helsing organizza per le due settimane seguenti, una festa con ballo e Dracula s'appresta a ballare con Mina. Van Helsing allora fa scoprire uno specchio entro cui il corpo del Conte non si riflette, essendo Dracula stesso un morto rinvenuto dalla tomba, condannato a succhiare il sangue per continuare a sopravvivere e a ringiovanirsi.

Dracula, accortosi del tranello, rapisce nuovamente Mina portandola nel castello, seguito da Renfield, che però si lascia pedinare da Van Helsing, Harker e Seward fino alla cripta, dove il Conte vuole vampirizzare Mina per farne la sua sposa; ma viene ostacolato dall'arrivo dell'alba e dai numerosi tentativi dei tre uomini. Colpito dalla luce del sole, cerca di nascondersi in un vano rientrante del tetto per riaversi, quando Renfield apre scioccamente la tavola di legno del soffitto invitandolo con un: "Per di qua. maestro!" e Dracula viene incenerito dalla luce. Harker riprende dunque Mina con sé, mentre Renfield, dopo aver raccolto con cura le ceneri del vampiro e averle rimesse nella bara[3], segue il dottor Seward fuori dalla cripta. Prima di uscire però, Van Helsing pronuncia "Fushta!" alle ceneri di Dracula (perché il vampiro si era promesso di dire l'ultima parola). Eppure, dopo i titoli di coda, si ode Dracula dire "Sylvania!"


http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/thumb/7/7d/Dracula_morto_e_contento.png/280px-Dracula_morto_e_contento.png


Dracula 3D

Dracula 3D è un film di Dario Argento, girato fra maggio e agosto 2011, uscito a novembre del 2012, interpretato da Asia Argento, quinto film in cui il regista dirige sua figlia.

Vaga trasposizione cinematografica del celebre romanzo di Bram Stoker, è il primo film in 3D diretto da Dario Argento, ed è uno dei primi film horror italiani in 3D. Il film è uscito nei cinema italiani nel novembre del 2012.[1]

Trama

1800. Transilvania.

Una ragazza di nome Tanya esce di nascosto da casa sua e attraversa il bosco (ma viene notata da un uomo, Renfield, nella sua casa) per incontrarsi con Milosh, un uomo sposato che è suo amante. Dopo aver consumato un rapporto sessuale i due si lasciano dato che Milosh, rifiuta di accompagnare Tanya a casa sua per paura di essere visto dalla moglie. Durante il tragitto la donna si accorge di essere inseguita da un gufo e allora si mette a correre. Un uomo vede quello che sta accadendo e afferra un fucile. La ragazza però inciampa e si ritrova il gufo addosso. Questo si trasforma subito dopo in un uomo che con degli affilati canini la addenta al collo. L'uomo intanto abbassa il fucile e sorride. Infatti non lo stava puntando al gufo ma alla donna.

Il giorno dopo al villaggio arriva un uomo di nome Jonathan Harker, che si ferma a dormire in una locanda. Qui si trovano anche Milosh e un suo amico che vogliono andare a scoperchiare la bara dove è stata messa Tanya, che tutti dicono essere stata uccisa da un lupo. Quella sera, con l'aiuto di un tenente, i due riesumano il cadavere di Tanya ma vengono aggrediti da Renfield (che non vuole far scoprire la verità ai tre). L'uomo uccide Milosh con una pala e stacca un orecchio a morsi al suo amico. Per fortuna il tenente riesce a metterlo a terra, bastonandolo pesantemente. Subito dopo però i due si accorgono che il cadavere di Tanya è sparito. Renfield viene arrestato e obbligato ad indossare una museruola di metallo per non mordere più nessuno. Intanto Jonathan si reca a casa di Lucy, cugina di sua moglie Mina che lo raggiungerà lì il giorno dopo. Lui è venuto in città perché è stato convocato dal conte Dracula (padrone di quelle terre) per catalogare tutti i volumi della sua libreria. Appena arrivato al castello del conte, Jonathan fa subito la conoscenza di Dracula e di sua nipote Tanya (che in realtà è la ragazza morta).

Mentre l'uomo cataloga i libri trova un volume che parla di storie e leggende tra cui quella del conte Dracula, un mercenario, messosi in difesa dei cristiani contro i Turchi dopo la caduta di Costantinopoli, che per vivere in eterno e rimanere per sempre giovane aveva venduto la sua anima al diavolo diventando un vampiro, ovvero un essere che per vivere si nutre di sangue umano. Presto Tanya seduce l'uomo e tenta di succhiargli il sangue (essendo diventata anche lei un vampiro). Subito dopo però Dracula la scansa dicendole che Jonathan gli appartiene, e lo vampirizza. Intrufolandosi nelle prigioni del villaggio il conte libera Renfield che trova riparo nel suo castello. Quando Mina arriva alla stazione non trova il marito ad accoglierla, ma Lucy la tranquillizza e la invita con insistenza ad andare al castello di Dracula a trovare il marito. Il giorno dopo Mina si reca al castello; arrivata ad un bivio viene aguzzata da tre lupi, ma un quarto si fa avanti e li manda via: è il conte Dracula. Mina si risveglia nel castello, dove Dracula la informa di aver mandato il marito in città per qualche giorno. Dracula tenta di sedurre Mina, ma lei resiste e torna al villaggio dove trova Lucy morta; la notte precedente Dracula, dopo averla sedotta, l'ha vampirizzata. Durante una riunione di alcuni abitanti del paese Dracula scopre che vogliono rompere il patto con lui siglato per riprendere la loro libertà e compie una strage dove sopravvive solo Zoran (uno dei suoi servitori, e lo stesso uomo del fucile la notte nella quale Tanya è stata vampirizzata).

Il sacerdote del paese, dopo qualche reticenza, dice a Mina che l'unico che può risolvere questa situazione è il dottor Abraham Van Helsing. Arrivato al villaggio, Van Helsing inizia la sua caccia a Dracula uccidendo per prima Lucy, ormai diventata una vampira, sotto lo sguardo attonito di Mina. Van Helsing, a questo punto, svela a Mina la vera natura di Dracula, e che lui l'ha incontrato per la prima volta nel manicomio dove era direttore, rendendosi conto che i vampiri esistono. Van Helsing raccomanda a Mina di non uscire ma proprio quella notte Van Helsing viene attaccato da Tanya, che la uccide impalandole un crocifisso, mentre Dracula, assumendo le sembianze di una mantide religiosa gigante, uccide il padre di Lucy e rapisce Mina. Van Helsing entra in una fucina, dove fabbrica delle pallottole d'argento, e uccide Zoran. Van Helsing e il sacerdote del villaggio entrano nel castello di Dracula dove trovano anche Jonatan Harker, ma, ormai completamente vampirizzato, Van Helsing non può fare a meno di ucciderlo. Renfield però uccide il prete ma viene a sua volta ucciso da Van Helsing. Intanto, nel bosco, alla tomba della sposa di Dracula, egli confessa a Mina che lei, in realtà, è la reincarnazione di lei, morta quattrocento anni prima ma, mentre tenta di vampirizzarla, arriva Van Helsing armato di una pistola caricata con le pallottole d'argento. Durante la colluttazione Van Helsing perde la pistola e Dracula sembra sopraffarlo, ma Mina raccoglie la pistola e uccide Dracula. Mentre lei e il dottore si allontanano, le ceneri di Dracula invece di disperdersi, si alzano da terra, formando una nube scura con il volto di un lupo minaccioso; se Dracula sia sopravvissuto non viene rivelato.

Distribuzione

9 novembre 2012: Spagna

22 novembre 2012: Italia

9 agosto 2013: Argentina


Promozione

Nell'estate 2011 sono stati diffusi due teaser trailer ufficiali integrati dalle immagini del backstage. Nel dicembre dello stesso anno è stato diffuso un video promozionale, una sorta di teaser, ma non ufficiale: le immagini infatti presentavano la scritta "visual effects work in progress". Sul web, migliaia di fan delusi dalle immagini provvisorie, sono venuti in seguito a conoscenza della non-ufficialità del filmato e la stessa produzione ne ha preso le distanze. Nel maggio del 2012 il film partecipa a Cannes e per l'occasione viene montato tempestivamente un bande-announce, anch'esso non bene accolto. La situazione cambia però quando l'11 ottobre e il 24 ottobre vengono consecutivamente diffusi due teaser trailer ufficiali per la distribuzione italiana del film (prevista il 22 novembre 2012 a cura della Bolero Film). Essi presentano il film, finalmente con il doppiaggio italiano e con delle immagini ufficiali e complete.Le settimane precedenti l'uscita del film nelle sale italiane, hanno visto la diffusione di numerose clip tratte dal film, soprattutto tramite il gruppo ufficiale su Facebook.

Botteghino

Uscito in circa 200 sale italiane il 22 novembre 2012. Il primo giorno di programmazione, Dracula 3D incassa solamente 18.000 €, al 28 novembre, il film ha incassato appena 274.000 €.La somma degli incassi totali italiani e degli incassi totali spagnoli (in Spagna il film è uscito il 9 novembre 2012) sfiora i 500.000€[2], a fronte di un budget di 7 milioni di euro, tra cui 300.000€ pubblici.

Home video

Dal 27 marzo 2013 il film è disponibile in Dvd,Blu ray e Blu ray 3D.


http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/thumb/5/55/Dracula_3d.png/280px-Dracula_3d.png


Dracula padre e figlio

Dracula padre e figlio è un film del 1976, diretto dal regista Edouard Molinaro.

Trama

La storia racconta dell'avventura di un padre e di un figlio dispersi dopo una fuga dalla Romania, il figlio lavora in Francia, il padre, il conte Dracula si ritrova in Inghilterra e riesce a diventare un famoso attore. Durante un viaggio a Parigi i due riusciranno a rincontrarsi, ma entrambi si innamorano della stessa donna, scegliendo alla fine Anacleto, il figlio.

Fracchia contro Dracula

Fracchia contro Dracula è un film del 1985, diretto dal regista Neri Parenti. Le musiche sono state affidate a Bruno Zambrini e il montaggio è di Sergio Montanari, la scenografia di Giovanni Licheri, i costumi di Mario Carlini, mentre la sceneggiatura è di Parenti, Villaggio, Laura Toscano e Franco Marotta.

È la seconda delle tragicomiche avventure dell'impacciato, timidissimo e non troppo coraggioso geometra Giandomenico Fracchia, libera parodia del romanzo di Bram Stoker sul mito del principe dei vampiri, il Conte Dracula. Da segnalare l'inconsueta presenza di un personaggio della serie di Fantozzi, ossia il Ragionier Filini.

Il film, pur essendo diretto dallo stesso regista e interpretato dallo stesso attore, non è un sequel di Fracchia la belva umana.

Trama

Il geometra Giandomenico Fracchia, ora divenuto agente immobiliare, rischia d'essere licenziato dall'agenzia in cui lavora se entro tre giorni non troverà un acquirente, poiché negli ultimi tempi, per la sua dabbenaggine, non riesce a condurre in porto un affare. Allora, per restare a lavorare nell'azienda, cerca di rifilare a un cliente quasi cieco, il ragionier Arturo Filini, un castello in Transilvania.

Il castello è però abitato dal conte Vlad – cioè Dracula, il principe dei vampiri e dell'oscurità – insieme alla sorella, la contessina Oniria, fidanzata del mostro Frankenstein. I due vampiri passano le loro giornate dormendo nelle rispettive bare e di notte, terrorizzano e azzannano la gente nei dintorni, "svegliati" dal suono inquietante e implacabile dell'organo del proprio maggiordomo cieco.

Il castello di Fénis in Valle d'Aosta dove sono girati gli esterni del film.

Fracchia e il suo cliente Filini vivranno ore terrificanti e avventurose, con l'avvocato Frankenstein che aspetta di sposare la fidanzata Oniria (che però decide di sposare il ragioniere Fracchia, di cui a suo dire s'è innamorata) e con Dracula che attenta continuamente, ma invano, alla vita dello stesso ragioniere. Intanto nel castello sopraggiunge una certa Luna, sorella di Kaspar Jabonsk, un ammazzavampiri ucciso da Oniria, credendo che il colpevole sia in realtà Dracula, che la fa mettere in gattabuia. Lei vuole liberare il paese che si trova sotto il castello, dalla minaccia vampiresca.

Fracchia e Filini liberano Luna e tentano di fuggire, ma vengono ripescati dal bramoso conte, la cui sorella Oniria è intenzionata a sposare il primo dei tre (l'agente immobiliare che vorrebbe vendere a Filini il castello). Una volta persa la sfida contro Filini e Giandomenico Fracchia, Dracula è costretto ad acconsentire all'"amore" di Oniria per il ragioniere, ma alla festa di matrimonio, Luna esce dalla torta delle nozze e intimorisce i non-morti (i vampiri invitati più alcuni zombie alla festa) con fulmini e saette con l'apparecchio ammazzavampiri di suo fratello.

Luna, Fracchia e Filini fuggono, intanto Frankenstein (chiamato Frankie da Oniria) prende sulle spalle la contessa vampira e si riappacifica con lei nella stalla; nel frattempo Dracula perseguita ancora una volta il povero ragionier Fracchia, che per caso gli infila nel cuore la punta di frassino del proprio ombrello, uccidendolo. Poco dopo Giandomenico si risveglia nella sala d'un cinema insieme alla sua fidanzata Stefania, scoprendo ch'è stato tutto un sogno (o quasi...). Un uomo somigliante al conte (che, a sua insaputa, è proprio Dracula) gli dà sorridente l'ombrello di frassino.

Dopo, nella scena finale, quando i due se ne vanno, Dracula sorride beffardamente alla telecamera guardando lo spettatore scoprendo i canini da vampiro, mentre lo schermo si tinge di rosso sangue, per rimandare al suo gusto di nutrirsi del fluido vitale degli umani. Il motivo di questo finale è dovuto al fatto che una delle tante leggende che coinvolgono i vampiri è quella che attribuisce loro la capacità di entrare nei sogni dei comuni mortali, quindi si sospetta che Dracula sia entrato nel sogno di uno spettatore al cinema seduto di fronte a lui.[senza fonte]

Curiosità

Broom icon.svg
Questa sezione contiene «curiosità» da riorganizzare.
Contribuisci a migliorarla integrando se possibile le informazioni nel corpo della voce e rimuovendo quelle inappropriate.
Niente fonti!
Questa voce o sezione sull'argomento film commedia non cita alcuna fonte o le fonti presenti sono insufficienti.
Puoi migliorare questa voce aggiungendo citazioni da fonti attendibili secondo le linee guida sull'uso delle fonti. Segui i suggerimenti del progetto di riferimento.

Girato in buona parte in studio, gli esterni del castello sono stati girati al Castello di Fénis in Valle d'Aosta. Inoltre, è questo l'ultimo film in cui compare Ania Pieroni (che interpreta nel film la contessina Oniria) fino ad allora considerata una ottima attrice emergente (ma che stranamente interrompe la sua carriera cinematografica proprio con questo film), mentre è una delle prime prove per Giuseppe Cederna (futuro co-protagonista dei film di Salvatores) nella parte del caprino servo Boris.

Nel cinema all'inizio del film Fracchia e la sua ragazza stanno guardando il film Il ritorno dei morti viventi. Alla cerimonia tra gli invitati appare Plinio Fernando, che nei film su Fantozzi interpreta Mariangela (figlia di Fantozzi) truccato da vampiro, sebbene somigli vagamente ad una bertuccia. È il primo film italiano ad essere girato e proiettato nei cinema con l'audio Dolby Stereo.


http://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/thumb/b/b1/Fracchia_contro_Dracula.png/280px-Fracchia_contro_Dracula.png


Vlad (~)


Zora la vampira



Twilight (film 2008)

Twilight è un film del 2008 diretto da Catherine Hardwicke e sceneggiato da Melissa Rosenberg, adattamento cinematografico dell'omonimo romanzo del 2005 di Stephenie Meyer.
Il film è interpretato da Kristen Stewart nel ruolo di un'adolescente che si innamora di un vampiro interpretato da Robert Pattinson. Il progetto è rimasto in sospeso per tre anni prima che la Summit Entertainment se ne assicurasse i diritti e lo mettesse in produzione. Il libro è stato adattato per lo schermo da Melissa Rosenberg nell'autunno del 2007 e terminato poco prima dell'inizio dello sciopero degli sceneggiatori del 2007/2008. Il film è stato principalmente girato nell'Oregon e nello Stato di Washington tra l'inverno del 2007 e la primavera del 2008.

La pellicola è uscita in Italia il 21 novembre 2008, in contemporanea con gli Stati Uniti. Un'anteprima italiana del film (circa 15 minuti della pellicola) è stata proiettata il 30 ottobre 2008 durante il Festival Internazionale del Film di Roma 2008. Twilight ha ottenuto il quattordicesimo posto nei maggiori incassi nel primo giorno di proiezione.[1] Il film ha ottenuto un incasso internazionale di oltre 379 milioni di dollari, pari a circa 280 milioni di euro.

Trama

Bella Swan si trasferisce dalla calda città di Phoenix alla piccola e piovosa cittadina di Forks, nello Stato di Washington, per vivere assieme al padre e per lasciare che la madre segua il suo nuovo compagno, un giocatore di baseball di serie B, nelle tourneè. Tutto immagina tranne che la sua vita stia per prendere una svolta inaspettata e mortalmente pericolosa.

A scuola tutti sono contenti dell'arrivo della nuova studentessa e molti ragazzi cominciano a farle la corte. Nel frattempo stringe amicizia con due coetanee, Jessica Stanley e Angela Weber. Durante il primo giorno di scuola, Bella rimane incuriosita da un gruppo di fratelli e sorelle, i Cullen, che siedono sempre in disparte e che attirano l'attenzione di tutti, essendo di aspetto bellissimo. Bella è attratta soprattutto dal più giovane e il più affascinante dei fratelli, Edward Cullen.

Qualcosa in Bella costringe inizialmente Edward a starle lontano e in seguito ad avvicinarla. Inizia così, tra i due, una sospettosa amicizia che ben presto si trasforma in un'attrazione travolgente e irresistibile. Durante una gita in spiaggia Bella viene a conoscenza di un'antica leggenda: l'esistenza di licantropi e vampiri, nemici da secoli. In questo modo Bella scopre che Edward è un vampiro. Dopo questa rivelazione, Edward coinvolge Bella nella sua vita e la porta anche a conoscere i suoi familiari, rassicurando la ragazza sul fatto che i Cullen non si nutrono di prede umane ma di animali, definendosi vegetariani.

Nonostante gli ostacoli e la diversità della loro natura i due giovani si innamorano, ma la vita di Bella è in grave pericolo quando in città arrivano tre vampiri nomadi: Laurent, James e Victoria che hanno mantenuto la natura di cacciatori di esseri umani. In particolare James rimane ossessionato da Bella, tanto da pretendere di ucciderla a tutti i costi, scatenando la reazione dell'intera famiglia Cullen e soprattutto di Edward, che vede nella ragazza umana la sua anima gemella.

James inizia la caccia, mentre Edward cerca di portarla il più lontano possibile in modo tale che l'odore della ragazza non possa essere più seguito. James riesce a trovarsi da solo con Bella e la morde sul braccio infettandola. Edward lo raggiunge e combatte contro di lui. Poco dopo arrivano anche gli altri Cullen che lo uccidono nell'unico modo possibile, staccandogli la testa e bruciarlo. Carlisle chiede al figlio di succhiare via il veleno, ma Edward ha paura di ucciderla perché teme di perdere il controllo. L'impresa riesce e Bella non rischia di divenire un vampiro, anche se il suo desiderio era diventarlo. Ripresa dall'infortunio Bella ed Edward partecipano al ballo di fine anno, sotto lo sguardo pieno di vendetta di Victoria.

Produzione

Nel 2004 viene segnalato da un agente letterario di New York il manoscritto di Twilight a Greg Mooradian. A sua volta, il produttore fa notare la potenzialità della storia al presidente di produzione della Paramount MTV Films, Karen Rosenfeld, che decide di ingaggiare uno sceneggiatore per cominciare la prima stesura del film. Nell'aprile del 2004, la Rosenfeld perde il ruolo di presidente di produzione alla Paramount e il progetto di Twilight viene accantonato, fino all'arrivo di una nuova amministrazione. Intanto, il libro diventa un best-seller in tutto il mondo, cominciando a suscitare la curiosità del pubblico e dei vari produttori indipendenti. Una delle prime case di produzione a notare questo fenomeno è la Summit Entertainment, specializzata in finanziamenti a produzioni minori. Il presidente della Summit, Erik Feig, stava cercando un progetto da mandare avanti e, ad un incontro con Karen Rosenfeld, gli viene segnalato appunto che alla Paramount MTV Films stavano scandendo i termini per i diritti di Twilight. Feig, sotto consiglio della Rosenfeld, si assicurò i diritti per la pellicola nel febbraio del 2006.[2]

Regia

Nel 2007 Catherine Hardwicke si trovava nel ruolo di giurata al Sundance Film Festival quando incontrò alcuni dirigenti della Summit, tra i quali Patrick Wachsberger ed Eric Feig, con i quali aveva già collaborato come designer di produzione per Vanilla Sky (2001), distribuito appunto dalla Summit Entertainment. Feig si dichiarò fan della regista, grazie alla pellicola di debutto della Harwicke, Thirteen (2003) e le propose di pensare al fatto di dirigere lei stessa il film. La regista diede una occhiata alla prima stesura della sceneggiatura da parte della MTV Paramount e, dato che vi erano troppe incongruenze rispetto al romanzo originale, decise di assumersi l'incarico della regia e di assicurarsi una nuova sceneggiatura che rispecchiasse se non tutto, almeno buona parte del manoscritto originale.[3]

Sceneggiatura

La prima stesura della sceneggiatura, a cura della MTV Paramount, prevedeva che il personaggio di Bella fosse un'atleta e non la ragazza goffa e impacciata del libro. La Hardwicke, chiese alla Summit di poter agire su una nuova sceneggiatura, per rendere il personaggio di Bella Swan più fedele a quella del libro. La nuova sceneggiatura venne affidata a Melissa Rosenberg, con la supervisione della stessa scrittrice Stephenie Meyer, che ne approvò il progetto.

Cast

Kristen Stewart/Bella Swan

Kristen Stewart

La difficoltà, una volta partito il progetto, era quella di trovare gli interpreti per la pellicola e, specialmente, i due protagonisti che avrebbero dovuto interpretare sulla schermo i personaggi di Bella Swan e di Edward Cullen. Le legioni di fan di Twilight, avevano già in mente delle immagini dei vari personaggi presenti tra le pagine del libro. La prima ad essere ingaggiata fu Kristen Stewart, che aveva già preso parte a produzioni importanti come Panic Room, film del 2002 con Jodie Foster e Into the Wild - Nelle terre selvagge per la regia di Sean Penn.[4] È proprio grazie a quest'ultima interpretazione che la Hardwicke decide di sceglierla per il ruolo, dato che la regista vide nel volto dell'attrice, la giusta miscela di innocenza e desiderio, proprio del personaggio di Bella Swan descritta tra le pagine del libro. Oltretutto, l'attrice all'epoca aveva 17 anni, l'età giusta per interpretare il ruolo di Bella.

Robert Pattinson/Edward Cullen

Robert Pattinson

La difficoltà maggiore nel casting fu rappresentata dalla scelta dell'attore giusto per interpretare il ruolo del vampiro diciassettenne Edward Cullen. Nelle pagine del libro, la Meyer descrive Edward come "bello come un Dio greco" e nell'immaginario collettivo non sarebbe stato comunque possibile accontentare milioni di persone sulla scelta del volto giusto. Sul sito ufficiale di Stephenie Meyer apparve una lista di potenziali attori che avrebbero potuto ricoprire il ruolo di Edward Cullen e, tra questi, si annoveravano i nomi di Henry Cavill[5], Hayden Christensen, Robert Pattinson, Orlando Bloom e Gerard Way. Le prime scelte furono Henry Cavill[6], Jackson Rathbone[7], Ben Barnes[7], Shiloh Fernandez[7], Dustin Milligan[8] e Dave Franco[8], i quali rifiutarono tutti per impegni precedenti o disinteresse per il progetto, dando così spazio a Pattinson. La scelta di Henry Cavill venne accantonata per motivi di età, dato che l'attore al tempo delle riprese avrebbe avuto 25 anni e che farlo passare per un eterno diciassettenne sarebbe stato alquanto difficile. Secondo la Hardwicke la scelta del personaggio di Edward fu la più difficile e frustrante. Venne considerato di fare un provino a Robert Pattinson, anche sotto segnalazione dello stesso produttore Greg Mooradian che lo aveva notato nel ruolo di Cedric Diggory nella pellicola Harry Potter e il calice di fuoco del 2005. La regista contattò Pattinson per un primo provino con la co-protagonista Stewart, per verificare se tra i due attori ci fosse stata la chimica giusta per recitare insieme. La Hardwicke dichiarò che la vicinanza dei due attori fece sparire i dubbi sulla scelta del protagonista del film, d'accordo con la scrittrice Stephenie Meyer, anche lei presente al provino.[5] La scelta cadde così su Robert Pattinson anche perché, nonostante all'epoca del film avesse già compiuto 22 anni, avrebbe potuto passare per un diciassettenne senza alcun problema. Pattinson non aveva mai sentito parlare del libro di Twilight e prima di iniziare le riprese lesse tutti i libri della saga per poter interagire meglio con il carattere di Edward[9]. Inoltre, per calarsi meglio nel personaggio, la Meyer gli concesse di leggere il manoscritto non ancora pubblicato di Midnight Sun, la versione di Twilight dal punto di vista di Edward, per permettere all'attore di catturare al meglio il carattere solitario di Edward.[10]

« Quando mi hanno detto che Robert avrebbe avuto il ruolo di Edward, l'ho guardato e ho pensato: "Sì, probabilmente potrebbe fare una versione di Edward. Ha le carte in regola per sembrare un vampiro." Ma poi, quando l'ho visto al provino mentre si calava nel ruolo di Edward, improvvisamente mi è sembrato l'Edward che avevo sempre avuto in testa, che esperienza bizzarra... Aveva individuato perfettamente il personaggio. »
(Stephenie Meyer[11])

Altri interpreti

Peter Facinelli

Peter Facinelli / Carlisle Cullen
Per il ruolo del dottor Carlisle Cullen, viene contattato dalla Hardwicke l'attore americano Peter Facinelli, che in un primo momento rifiutò l'ingaggio, credendo che si trattasse di un ruolo pieno di scene cruenti. Successivamente, vengono considerate altre scelte e Facinelli si procura intanto una copia del libro di Twilight, per leggerne la storia e valutarne il ruolo. L'attore che venne scelto al suo posto si ritirò dal progetto e Facinelli cambiò idea sul contenuto della storia che vedeva come protagonista il personaggio di Carlisle Cullen. Contattò la Hardwicke per chiederle se era ancora disponibile il ruolo e la regista, grande fan di Facinelli per le sue interpretazioni in produzioni come Six Feet Under, decise di affidare a lui la parte.[12]

Nikki Reed / Rosalie Hale

Per il ruolo di Rosalie Hale, viene ingaggiata l'attice ventenne Nikki Reed[13], che aveva già lavorato con Catherine Hardwicke come attrice e coautrice nella sceneggiatura di Thirteen (2005) e come interprete in Lords of Dogtown del 2005, entrambi film diretti dalla Hardwicke.

Kellan Lutz

La Reed dichiarò in seguito che l'ingaggio la spaventò molto, dovendo interpretare il ruolo di Rosalie, uno dei cinque figli adottati dal dottor Cullen, descritta nel libro come "la persona più bella del mondo."[13]

Kellan Lutz / Emmett Cullen
Kellan Lutz venne selezionato per un'audizione per il ruolo di Emmett Cullen, e all'epoca del casting, l'attore si trovava in Africa per girare alcune scene della miniserie della HBO Generation Kill. Nel dicembre del 2007, Lutz è volato in Oregon per prendere parte ai provini e venne scelto per il ruolo di Emmett dalla Hardwicke che lo selezionò personalmente tra gli altri aspiranti al ruolo.[14]

Ashley Greene / Alice Cullen
Ashley Greene viene ingaggiata per interpretare il ruolo di Alice Cullen. L'attrice successivamente a questo ruolo, viene ingaggiata per interpretare accanto a Kellan Lutz un altro film in lavorazione per il mese di dicembre, nel quale invece di interpretare la sorella sarà la sua fidanzata.[15]
Jackson Rathbone / Jasper Hale
Jackson Rathbone interpreta il ruolo di Jasper, l'ultimo dei membri che entra a far parte della famiglia Cullen. L'attore è famoso per aver recitato nelle serie Beautiful People e The OC. Rathbone ha lavorato sulla sua pronuncia, enfatizzando l'accento del sud, dato che il personaggio di Jasper proviene dal Texas.[16]

Personaggi

I Cullen

  • Robert Pattinson è Edward Cullen, un vampiro di 109 anni che si è fermato all'età di diciassette. Come tutti i vampiri del film, è molto forte e veloce e ha la peculiarità di leggere le menti, tranne quella di Bella. Figlio adottivo del dottor e della signora Cullen, si innamora di Bella Swan, un'umana alla quale non riesce a resistere per il desiderio che lo tiene legato a lei a doppio filo: la sete del suo sangue e l'amore che prova.
  • Peter Facinelli è Carlisle Cullen un vampiro di 300 anni. Carlisle è la figura paterna della famiglia, avendo trasformato in vampiri, salvandoli dalla morte, sia sua moglie Esme che Edward. Trasformerà anche Rosalie ed Emmett. È medico e lavora nell'ospedale locale di Forks. La filosofia che sceglie è quella di non uccidere esseri umani per nutrirsi, ma solo animali, facendo seguire ai membri della famiglia la stessa via. I Cullen infatti si definiscono "vegetariani" per via del loro stile di vita.
  • Elizabeth Reaser è Esme Cullen, moglie di Carlisle e figura materna della famiglia.
  • Ashley Greene è Alice Cullen, una vampira che riesce a prevedere il futuro, almeno fino a che le decisioni non vengano cambiate. È la compagna di Jasper Hale, entrambi figli adottivi del dottor Cullen e signora.
  • Jackson Rathbone è Jasper Hale, un altro membro della famiglia Cullen. Essendosi avvicinato da poco al modo di vivere della famiglia, trova ancora un po' di difficoltà a gestire la sua sete di sangue umano. Ha la capacità di infondere calma e tranquillità a tutti coloro che lo circondano.
  • Nikki Reed è Rosalie Hale, un'altra vampira adottata dalla famiglia. Viene definita come la donna più bella.
  • Kellan Lutz è Emmett Cullen, il vampiro più forte della famiglia, anche lui figlio adottivo del dottor Cullen. È il marito di Rosalie.

Gli umani

I Nomadi

  • Cam Gigandet è James, il leader di un trio di vampiri nomadi che si imbattono nella famiglia Cullen durante una partita a baseball all'aperto. James riconosce in Bella un'umana e decide di darle la caccia.
  • Rachelle Lefèvre, successivamente in Eclipse, Bryce Dallas Howard è Victoria, compagna di James.
  • Edi Gathegi è Laurent, il membro più civilizzato del trio. Avvertirà i Cullen sulla determinazione di James e non prenderà parte alla caccia di Bella, abbandonando il gruppo.

Riprese

Location

Forks

La storia di Twilight è ambientata nella penisola olimpica di Washington e precisamente nella cittadina di Forks. Il supervisore delle location, James Lin, fece un sopralluogo a Forks due mesi prima dell'inizio delle riprese ma nella zona c'erano stati diversi disboscamenti a causa delle industrie del legname presenti. Si decise di trovare un'alternativa per rendere fedelmente le ambientazioni del libro. Il problema maggiore era anche quello di non avere a Forks le infrastrutture adatte per una produzione a basso budget. Il nuovo sopralluogo avvenne nella zona di Portland in Oregon, sempre nella zona nord-ovest del Pacifico. Ma a Portland si verificò l'inverno più freddo e piovoso degli ultimi anni.[17] Alla fine, venne selezionata come location degli esterni la cittadina di Vernonia, sempre nello Stato dell'Oregon.
Per le scene dell'high school, vennero usate delle vecchie strutture in mattoni della Kalama High Scool di Portland e il preside del vero liceo di Forks fornì alla troupe l'utilizzo dei loghi e degli striscioni della propria scuola, per poter essere utilizzate nella pellicola. L'aula di biologia nella quale si incontrano per la prima volta Bella ed Edward, è stata allestita in un'aula di giornalismo della Madison High Scool di Portland, per l'ampiezza della struttura. Nel realizzarne gli interni, venne chiesto l'aiuto del capo del Dipartimento di Biologia dell'Università dell'Oregon, dal responsabile della scenografia Gene Sardena. La collaborazione dei due uomini riuscì a dare all'aula di biologia un aspetto non troppo all'avanguardia, dato che il liceo di Forks non poteva essere rappresentato con strumentazioni troppo moderne o sofisticate. Si optò per qualche barattolo pieno di creature in formaldeide, un gufo impagliato ed altri oggetti. Per rendere lo sfondo romantico, dato che è proprio in quel luogo che scaturisce la storia tra i due protagonisti, si decise anche di sparpagliare per la classe alcune piante da fiore, per ammorbidirne l'aspetto tecnico.[17]

La casa di Bella

Per la casa della famiglia Swan, si scelse un edificio a St. Helens, sempre nello Stato dell'Oregon. La scelta dell'edificio doveva rispecchiare il fatto che Charlie fosse single, ma che comunque avesse abitato in una casa con una famiglia e quindi non dovesse rispecchiare il classico appartamento da scapolo. La stanza da letto di Bella è stata realizzata in tre location differenti, ognuna delle quali supervisionata personalmente dalla regista. Per dare l'idea che in quella casa, fosse vissuta precedentemente anche la madre di Bella, vennero aggiunte alla parete, delle immagini di piccoli lavoretti artigianali.[17]

La casa dei Cullen

La descrizione della casa dei Cullen nel romanzo, è quella di un edificio isolato esposto a sud con grandi vetrate, una grande scala e arredamento bianco. L'edificio che la regista si augurava di trovare avrebbe dovuto rappresentare lo status di una ricca famiglia di vampiri. Si decise di scegliere l'abitazione di un dirigente della Nike residente a Portland[18]. La regista vide la foto dell'edificio su una rivista del settore e la scelse proprio per la struttura moderna e sofisticata. La casa aveva il terzo piano completamente circondato da porte finestre apribili, senza l'ausilio del balcone. La Hardwicke vide in quella scelta architettonica del terzo piano, la stanza "da letto" ideale per il personaggio di Edward Cullen. Gli interni vennero smantellati dal loro mobilio moderno e ri-adattati in modo da rispecchiare la vasta storia che i Cullen avevano vissuto, sparpagliando per le stanze oggetti come radio antiche e vecchie fotografie, che i vampiri avrebbero potuto collezionare nel tempo. L'altra peculiarità della famiglia Cullen che traspare dal romanzo è il loro amore per le automobili. La struttura della casa aveva un garage che ospitava solamente due auto e quindi, per la scena della fuga, venne scelto il garage interno, con capienza di quattro autovetture, di un'altra abitazione situata fuori città.
Per la stanza di Edward, si pensò di utilizzare come scenografia degli oggetti che rispecchiassero l'anima tormentata e introspettiva del vampiro e si decise di arredarla con pile di giornali e testi di filosofia, in modo da dare un senso alle lunghe notti insonni passate da Edward, dato che il vampiro non ha la facoltà di dormire.[19]

La Push

Le immagini della spiaggia di La Push, vennero realizzate sulla costa dell'Oregon, in un territorio altamente impervio da raggiungere con i mezzi di produzione. Infatti, le riprese vennero effettuate con l'ausilio di handy-cam e l'intero cast dovette affrontare la discesa difficoltosa alla spiaggia attraverso massi resi scivolosi dall'umidità e dalla pioggia, dato che il servizio del parco locale non autorizzava l'ingresso nel luogo agli automezzi e ai veicoli della produzione.[20]

La radura

Per la scena della radura, in cui Edward si rivela alla luce del sole, venne trovata una piccola insenatura a Mount Hood, una zona vulcanica a nord dell'Oregon. Fu il responsabile Don Baldwin a proporre il luogo, avendolo già utilizzato per alcune riprese di Into the Wild - Nelle terre selvagge. La scelta rispecchiava nel dettaglio la spiritualità di quella descritta nel libro ma poco prima delle riprese, ci furono una serie di nevicate che resero la zona impraticabile. Si decise, dato il limite di tempo a disposizione, di utilizzare una zona di bosco fuori Portland, molto adatta alla scena dato che era circondata da rocce e vegetazione adatta allo scopo.[21]

Trucco e costumi

L'intera produzione dovette fare i conti con il clima piovoso e umido della penisola olimpica, imbattendosi oltretutto in uno dei peggiori inverni degli ultimi anni. Lo staff dei truccatori si è scontrato con la difficoltà a mantenere acconciati e truccati gli attori, dato che la pioggia continuava a cadere ininterrotamente per interi giorni. I produttori Wyck Godfrey e Michele Imperato, misero a disposizione tende con stufe e specchi per il make-up, per permettere ai truccatori di agire sul luogo. Gli attori sono stati costantemente tenuti al coperto con l'ausilio di ombrelli, dato che il tempo minimo per acconciare le loro teste variava da un minimo di 30 minuti ad un massimo di un'ora. Questo problema rallentava la tabella di marcia e incideva notevolmente sul budget, già molto ridotto. Kristen Stewart, all'epoca delle riprese, era ancora minorenne e non poteva sostare sul set per più di 5 ore, come prevede il contratto per gli attori che non hanno ancora raggiunto la maggiore età e più tempo richiedeva l'acconciatura, meno tempo avrebbe potuto dedicare alle scene. Si decise quindi di utilizzare una "parrucca a tre quarti", che le veniva applicata alla nuca, in modo da poter essere preparata in assenza di umidità mentre l'attrice non era presente sul set.
Per i costumi, si scelse di non vestire i vampiri con il classico colore nero, ma di far indossare loro delle tonalità fredde, enfatizzandone la caratteristica della loro pelle. Si optò per colori che virassero dall'azzurro al blu scuro, proprio per far risaltare il pallore dei loro volti senza appensantirli. Per il look di Esme, si pensò ad un'acconciatura classica degli anni trenta, mentre Peter Facinelli, introdusse per il suo personaggio l'idea di fargli indossare delle lunghe sciarpe a coprirne il collo, avendo subito proprio in quel punto il morso che lo rese un vampiro, nel momento dell'aggressione del suo creatore.[22] Per il look di Edward, vennero pensati vestiti di alta sartoria che rispecchiassero appieno l'epoca in cui Edward era vissuto da umano ma poi si scelse di vestirlo con jeans, t-shirt di marca e abbigliamento più consono all'epoca contemporanea.[22] Alcuni attori dovettero essere tinti del colore di capelli opposto a quello naturale, tra cui Peter Facinelli, Kellan Lutz e Nikki Reed. Per il personaggio di James, venne scelto come abbigliamento un giubbotto da motociclista che avrebbe potuto rubare ad una delle sue precedenti vittime, e si optò per un'acconciatura con capelli lunghi e disordinati, tenuti insieme da un laccio di pelle. Prima di modificare il personaggio, Stephenie Meyer diede il suo assenso alla scelta estetica intrapresa. I tre vampiri avrebbero dovuto essere scalzi ma dato il clima rigido, il reparto costumi realizzò degli speciali stivali in neoprene, dipinti poi con una tinta color carne.[22] Per quasi tutta la durata delle riprese, a causa della pioggia, dell'umidità e della neve, gran parte del cast indossò della biancheria termica e delle sottili mute da sommozzatore, simili a quelle usate dai surfisti.[23]

Lo stemma dei Cullen

Per enfatizzare lo spirito di appartenenza della famiglia Cullen, molto presente tra le pagine del libro, la costumista Wendy Chuck, con l'aiuto dell'addetta agli accessori di scena Cynthia Nibler, pensò di creare uno stemma con il simbolo del loro clan. Nel film infatti, ogni membro della famiglia indossa in maniera personale, un gioiello con l'araldico che rappresenta il clan dei Cullen: Carlisle lo indossa in un anello che porta all'anulare sinistro, Esme in un braccialetto d'argento, Rosalie in una collana con catenina, Alice in un collarino di velluto e i tre fratelli Edward, Emmett e Jasper in un polsino a fascia di pelle.[22]

Effetti speciali

Nel dicembre del 2007, il team degli effetti visivi di Richard Kidd, insieme al responsabile degli stunt Andy Cheng[24] (famoso per essere stato la controfigura dell'attore cinese Jackie Chan), fecero dei sopralluoghi in una foresta nei dintorni di Los Angeles per verificare quali effetti si potessero realizzare fisicamente e quali in post-produzione. La partita di baseball dei vampiri, venne ripresa con l'ausilio di una cinepresa ad alta velocità che catturava 1.000 fotogrammi al secondo. Questo per rendere più fluida la sensazione della velocità e della forza dei vampiri, enfatizzati poi in post-produzione dall'ausilio del ralenti.[24] Andy Chang, coordinatore degli stuntman e regista della seconda unità, si prodigò molto per fare in modo che gli attori interaggissero personalmente con le scene di combattimento, senza l'ausilio immediato della controfigura se non nel momento dell'azione vera e propria. Per aiutare gli attori ad interpretare la velocità e la forza del loro status di vampiro, si decise di usare dei cavi per sollevarli e spostarli, al momento del bisogno. Prima di girare le scene, d'accordo con la regista, si decise quali e fino a che punto dovessero essere rappresentati i poteri dei vampiri. La preoccupazione di Cheng era la coerenza con la quale rappresentare tutti i personaggi. Si decise che l'altezza massima dei salti, concessa ai vampiri fosse stabilita in circa 6 metri e per abituare gli attori alla spinta e all'atterraggio, vennero studiati filmati di caccia di puma e leoni di montagna e tenute delle vere e proprie lezioni di comportamento felino denominate "lezioni di gatto"[24], con l'aiuto di una coreografa di Portland, Dee Dee Anderson.
Per la scena dell'incidente col furgone, vennero usati degli airbag che tenevano il mezzo sollevato dal suolo a circa 3 cm. Il furgone venne poi spinto verso gli attori e fermato da un cavo che lo avrebbe arrestato nel momento in cui Edward lo blocca con la mano. Per ricreare l'illusione dell'ammaccatura sulla portiera, venne creato uno strato di diversi fogli di alluminio assemblati tra loro e bucata nel punto dell'impatto della mano.[25]
Un altro effetto presente nel film, che risultò parecchio difficoltoso da realizzare, era la scena in cui Edward si rivela a Bella sotto la luce del sole. Nelle pagine del romanzo, la sua reazione ai raggi del sole è spiegata come una sorta di effetto diamante. La Industrial Light & Magic di George Lucas, si interessò al progetto. Iniziarono a digitalizzare una foto di Robert Pattinson per riprodurre un effetto di movimento dell'attore. Vennero realizzati degli effetti prismatici sull'immagine di Pattinson in modo che sembrasse una luce riflessa e non una luce trasmessa. Pattinson si recò poi alla Gentle Giant Studio, una compagnia specializzata nello scanning 3-D. Venne eseguita una scansione completa del corpo dell'attore, in modo da poter applicare in fase di post-produzione i risultati della digitalizzazione dell'immagine. Poi, le immagini del corpo di Pattinson vennero fatte combaciare con l'effetto prismatico realizzato in precedenza e i due risultati vennero poi sovrapposti per dare la sensazione che le parti che brillavano si muovessero in contemporanea con lui, durante la scena della radura.[26]

Colonna sonora

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Twilight (colonna sonora).

La colonna sonora di Twilight racchiude diversi musicisti. Tra questi, il gruppo dei Paramore e l'ex frontman dei Jane's Addiction, Perry Farrell, sono stati gli unici a scrivere le loro canzoni, esclusivamente per il film[27]. Robert Pattinson, essendo anche un ottimo musicista, era stato invitato a scrivere dei pezzi che entrassero a far parte della colonna sonora. Le canzoni di Pattinson si intitolano, rispettivamente "Never Think" e "Let me sign". Nella versione CD della colonna sonora ufficiale, è presente solo la traccia di "Never Think", mentre durante il film, viene inserita anche la traccia "Let me sign". Inoltre, la Hardwicke, gli aveva proposto di comporre lui stesso il pezzo intitolato "Bella's Lullaby" al pianoforte. Pezzo che sarebbe poi stato incluso nella colonna sonora. La regista ha infatti dichiarato, a proposito della sua abilità di musicista:

« Gli ho chiesto se avesse voluto scrivere la ninna nanna dedicata a Bella, dato che sarebbe stato fantastico se fosse stata realizzata proprio da Robert. È un meraviglioso musicista, ha un'anima molto creativa, molto simile a quella di Edward. È una persona molto colta e ha molti stimoli per poter realizzare un buon lavoro.[28] »

Il progetto verrà alla fine accantonato e la ninna nanna di Bella sarà infine composta dal musicista Carter Burwell, autore di altre grandi colonne sonore per film come Velvet Goldmine e Il grande Lebowski, entrambi film del 1998.

Di seguito, la lista delle tracce della colonna sonora composta da vari artisti:

  1. MuseSupermassive Black Hole
  2. ParamoreDecode
  3. The Black GhostsFull Moon
  4. Linkin ParkLeave Out All the Rest
  5. MuteMathSpotlight (Twilight Mix)
  6. Perry FarrellGo All The Way (Into The Twilight)
  7. Collective SoulTremble For My Beloved
  8. ParamoreI Caught Myself
  9. Blue FoundationEyes On Fire
  10. Robert PattinsonNever Think
  11. Iron & WineFlightless Bird, American Mouth
  12. Carter BurwellBella's Lullaby

Incassi

Twilight ha incassato più di 7 milioni di dollari dalla mezzanotte del primo spettacolo il 21 novembre 2008[29]. Secondo le stime della Fandango, nella classifica dei maggiori incassi nel primo giorno di proiezione, Twilight si è collocato al 14º posto con $ 35.978.348, e al 41º posto nella classifica dei migliori incassi nella settimana d'apertura con $ 93.362.477. L'incasso totale al 2 aprile 2009 è di $ 384,997,808[30]. In Italia, la pellicola ha incassato in tutto € 11.411.000.[31]. Il primo trailer del film, nella prima settimana di messa in onda su MySpaces Trailerpark, è stato visionato da circa tre milioni di utenti. Nel luglio del 2008 è stato realizzato e distribuito il secondo trailer ufficiale del film e quest'ultimo è stato scaricato dai fan 1,6 milioni di volte.[32]

Caso mediatico

Durante il lancio pubblicitario del film, il settimanale americano Entertainment Weekly pubblicò, il 14 luglio 2008[33] una copertina con i due protagonisti Kristen Stewart e Robert Pattinson truccati nei loro rispettivi ruoli di Bella Swan ed Edward Cullen. La copertina della rivista fece scatenare nei milioni di fan della saga di Twilight sparsi per il mondo, un'ondata di protesta per la scelta dei due attori protagonisti. La foto infatti ritraeva Pattinson e Stewart truccati pesantemente che non rispecchiavano affatto le aspettative e le descrizioni dei personaggi del libro. La protesta si estese principalmente alla scelta di Robert Pattinson, facendo nascere dei veri e propri comitati anti-Pattinson con tanto di petizione[34] on-line per annullare l'ingaggio dell'attore.

Critica

Il film ha ricevuto critiche negative da molti critici cinematografici in Italia.

Il dizionario Morandini dà alla pellicola 2 stelle su 5, recensendo così: "La combinazione è un fallimento: il thriller sentimentale precipita continuamente nel ridicolo involontario, i dialoghi sciocchini fanno venire l'acidità, i giovani attori sono impacciati, la tempesta ormonale si manifesta con slow motion, sovraesposizioni e colpi di carrellate circolari."[35].

Negli Stati Uniti il voto globale degli utenti di Internet Movie Database si attesta su 5,4/10[36]. Il sito Rotten Tomatoes da un voto di 5,5/10, con il 49% delle recensioni positive[37].


Differenze con il romanzo

- E' toalmente assente la scena del sogno di Bella, sebbene venga menzionata diverse volte (la scena del sogno è molto importante nel libro ed è ben descritta).

- Le scene in cui James e il suo gruppo uccidono gli abitanti di Forks nel libro sono assenti. Nel libro, a differenza del film, la storia viene raccontata dal punto di vista di Bella, per questo le scene in cui lei è assente non vengono descritte, e non vengono nemmeno menzionate.[senza fonte]

Distribuzione cinematografica

Date di release internazionali
Paese Titolo film Date
Stati Uniti Stati Uniti Twilight 17 novembre 2008 - première a Los Angeles
Russia Russia Сумерки 21 novembre 2008
Italia Italia Twilight 21 novembre 2008
Svezia Svezia Twilight 21 novembre 2008
Filippine Filippine Twilight 21 novembre 2008
Canada Canada Twilight 21 novembre 2008
Messico Messico Crepúsculo 21 novembre 2008
Belgio Belgio Twilight 26 novembre 2008
Rep. Ceca Repubblica Ceca Stmívání 27 novembre 2008
Ungheria Ungheria Alkonyat 27 novembre 2008
Regno Unito Regno Unito Twilight 3 dicembre 2008 - première a Londra
Spagna Spagna Crepúsculo 5 dicembre 2008
Australia Australia Twilight 11 dicembre 2008
Finlandia Finlandia Houkutus 18 dicembre 2008
Francia Francia Twilight: Chapitre 1 - Fascination 7 gennaio 2009
Grecia Grecia Lykofos 8 gennaio 2009
Polonia Polonia Zmierzch 9 gennaio 2009
Svizzera Svizzera Twilight 15 gennaio 2009
Germania Germania Twilight - Biss zum Morgengrauen 15 gennaio 2009
Turchia Turchia Alacakaranlik 20 gennaio 2009
Danimarca Danimarca Tusmørke 9 febbraio 2009
Ecuador Ecuador Twilight 6 marzo 2009
Giappone Giappone Twilight 4 aprile 2009

Distribuzione home video

DVD

Il DVD di Twilight è uscito il 21 marzo 2009 sul mercato americano[38]. Il DVD tradizionale è disponibile in tre versioni e il Blu-ray Disc in due versioni:

  • DVD disco singolo
    • Commento audio di Catherine Hardwicke, Robert Pattinson e Kristen Stewart.
    • Tre video musicali (Muse, Paramore, Linkin Park).
    • Cinque scene estese (7 minuti)
  • DVD Special Edition - 2 dischi
    • Disco uno:
    • Commento audio di Catherine Hardwicke, Robert Pattinson e Kristen Stewart.
    • Tre video musicali (Muse, Paramore, Linkin Park).
    • Cinque scene estese (7 minuti)
    • Disco due:
    • Scene eliminate con introduzione della regista (8 minuti).
    • Documentario diviso in sette parti della durata di 40 minuti.
    • Conferenza stampa a New York.
    • Video promozionale della durata di 15 minuti.
  • DVD Deluxe Edition - 3 dischi
    • Disco uno:
    • Commento audio di Catherine Hardwicke, Robert Pattinson e Kristen Stewart.
    • Tre video musicali (Muse, Paramore, Linkin Park).
    • Cinque scene estese (7 minuti)
    • Disco due:
    • Scene eliminate con introduzione della regista (8 minuti).
    • Documentario diviso in sette parti della durata di 40 minuti.
    • Conferenza stampa a New York.
    • Video promozionale della durata di 15 minuti.
    • Disco tre:
    • Conversazione con Stephenie Meyer (47 minuti).
    • La musica di Twilight (11 min).
    • Diventare Edward: il viaggio di Robert Pattinson (14 min.)
    • Diventare Bella: il viaggio di Kristen Stewart (11 min.)
    • Montaggio del bacio del vampiro e Robert Pattinson al pianoforte (9 min.)
    • Montaggio del video musicale Bella's Lullaby (6 min.)
  • Blu-Ray Special Edition - disco singolo
    • Commento audio di Catherine Hardwicke, Robert Pattinson e Kristen Stewart.
    • Tre video musicali (Muse, Paramore, Linkin Park).
    • Cinque scene estese (7 minuti)
    • Scene eliminate con introduzione della regista (8 minuti).
    • Documentario diviso in sette parti della durata di 40 minuti.
    • Conferenza stampa a New York.
    • Video promozionale della durata di 15 minuti.
  • Blu-Ray Deluxe Edition - 2 dischi
    • Disco uno:
    • Commento audio di Catherine Hardwicke, Robert Pattinson e Kristen Stewart.
    • Tre video musicali (Muse, Paramore, Linkin Park).
    • Cinque scene estese (7 minuti)
    • Scene eliminate con introduzione della regista (8 minuti).
    • Documentario diviso in sette parti della durata di 40 minuti.
    • Conferenza stampa a New York.
    • Video promozionale della durata di 15 minuti.
    • Disco due:
    • Conversazione con Stephenie Meyer (47 minuti).
    • La musica di Twilight (11 min).
    • Diventare Edward: il viaggio di Robert Pattinson (14 min.)
    • Diventare Bella: il viaggio di Kristen Stewart (11 min.)
    • Montaggio del bacio del vampiro e Robert Pattinson al pianoforte (9 min.)
    • Montaggio del video musicale Bella's Lullaby (6 min.)

I DVD sono distribuiti dalla Eagle Pictures e in Italia sono disponibili dal 1 aprile 2009.

Incassi DVD

Nel primo giorno di uscita del DVD, Twilight ha venduto negli Stati Uniti oltre 3 milioni di copie per un incasso che si aggira attorno ai $50.000.000[39]. Il film ha realizzato un record di vendita entrando nella top 5 dei titoli più venduti degli ultimi due anni.

Premi e candidature

Il film è stato candidato e premiato alle seguenti cerimonie di premiazione cinematografica:

Taylor Lautner, Kristen Stewart e Robert Pattinson agli MTV Movie Awards 2009.

2009 Academy of Science Fiction, Fantasy & Horror Films, USA (Saturn Award);

2009 Young Artist Awards:

2009 MTV Movie Awards:

2009 Teen Choice Award[40]:

  • Premio miglior film drammatico;
  • Premio miglior bacio;
  • Premio miglior attore drammatico Robert Pattinson;
  • Premio miglior attrice drammatica Kristen Stewart;
  • Premio miglior attore esordiente maschile Taylor Lautner;
  • Premio miglior attrice esordiente femminile Ashley Greene;
  • Premio miglior cattivo Cam Gigandet;
  • Premio miglior scena romantica;
  • Premio miglior scena d'azione;

2009 Scream Awards :

2009 Digital Spy Movie Awards:

Sequel

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi The Twilight Saga: New Moon e The Twilight Saga: Eclipse.
Dati gli incassi del film, la Summitt Entertainment ha deciso di procedere alla realizzazione del sequel di Twilight, intitolato The Twilight Saga: New Moon. La sceneggiatura sarà di nuovo affidata a Melissa Rosemberg mentre Catherine Hardwicke non è stata confermata alla regia. Al suo posto è stato scelto Chris Weitz, regista di film come About a Boy - Un ragazzo (2002) e La bussola d'oro (2007). Alcuni degli attori principali della prima pellicola sono stati confermati, tra i quali Robert Pattinson, Kristen Stewart, Ashley Greene, Kellan Lutz e Jackson Rathbone.[
Comments