7.La donna nella rivoluzione industriale

Dalla donna di Delacroix che rappresenta l'allegoria della libertà si passa,all'epoca della Rivoluzione Industriale in Inghilterra,alla donna che lotta per l'uguaglianza dei diritti civili e soprattutto il diritto al voto.

 

 

 

 

 

 

 
 
La donna.
-In famiglia:considerata essere inferiore,sottomessa prima dal padre e poi dal marito.
-Nel lavoro:ricevevano la loro paga solo se autorizzate dal marito,salari bassi,potevano svolgere solo alcuni tipi di lavori,leggi limitative sul diritto di lavorare.
-Nell'istruzione:escluse dgli studi superiori.
Questa situazione di sottomisione della donna non durò a lungo,infatti nella seconda metà dell'ottocento,furono molto forti le rivendicazioni femminili (femminismo).
Esse lottavano per:
-il diritto all'istruzione:molti medici ed educatori come Maria Montessori sottolinearono la grande responsabilità della donna nell'educazione dei figli.
-il diritto al lavoro:esse in questi ambiti erano discriminate dai colleghi maschi,alcuni sindacati rifiutavano persino l'adesione delle donne. (suffragette)
 
In tutti gli ambienti l'emancipazione femminile incontrò una forte opposizione maschile:
-Emilia pardo Bazan
-Marie Curie
Comments