La dieta di Dio

All’inizio Adamo ed Eva erano vegetariani:

“Ecco, io vi do ogni erba che fa seme sulla superficie della Terra, o ogni albero fruttifero che fa seme; questo vi servirà di nutrimento.” Genesi 1:29-30

Dopo il diluvio:

Genesi 9:1-3 – “Dio benedisse Noè e i suoi figli, e disse loro: “Crescete, moltiplicatevi e riempite la Terra. Avranno timore e spavento di voi tutti gli animali della terra e tutti gli uccelli del cielo. Essi sono dati in vostro potere con tutto ciò che striscia sulla terra e con tutti i pesci del mare. Tutto ciò che si muove e ha vita vi servirà di cibo; io vi do tutto questo, come l’erba verde; ”

Naturalmente ha indicato a Mosè quali fossero le carni meno dannose per l’uomo, come si evince da Levitico11.

Successivamente disse a Mosè:

Levitico cap. 11:

* Fra i quadrupedi: "Mangerete d'ogni animale che ha l'unghia spartita e ha il piè forcuto e che rumina." (vers. 3). Sono commestibili quindi tutti i bovini, gli ovini, i caprini; esclusi i suini (non ruminano), il coniglio e la lepre (non hanno la zampa "forcuta"), il cavallo (non ha lo zoccolo diviso).

* Fra i pesci: "Mangerete tutto ciò che ha pinne e scaglie nelle acque, tanto nei mari quanto nei fiumi." (vers. 9b). Esclusi dunque tutti i generi di molluschi, anguille, crostacei, ecc.

* Fra i volatili: proibiti tutti i rapaci e gli insetti (tranne quelli che hanno zampe posteriori più alte delle anteriori e se ne servono per saltare, come le cavallette)(v. 13-23). Commestibile per esempio tutto il pollame.

* Proibiti ancora tutti gli animali che camminano eretti, come la scimmia; i rettili e tutto ciò che striscia, come le lumache, impure anche le rane, le tartarughe...

Poi il SIGNORE disse a Mosè e ad Aaronne:   «Parlate così ai figli d'Israele: "Questi sono gli animali che potrete mangiare fra tutte le bestie che sono sulla terra.

Mangerete ogni animale che ha l'unghia spartita, il piede forcuto, e che rumina.

Ma tra quelli che ruminano e tra quelli che hanno l'unghia spartita, non mangerete questi: il cammello, perché rumina, ma non ha l'unghia spartita; lo considererete impuro;   l'irace, perché rumina, ma non ha l'unghia spartita; lo considererete impuro;   la lepre, perché rumina, ma non ha l'unghia spartita; la considererete impura;   il porco, perché ha l'unghia spartita e il piede forcuto, ma non rumina; lo considererete impuro. Non mangerete la loro carne e non toccherete i loro corpi morti; li considererete impuri.

Fra tutti gli animali acquatici voi potrete mangiare questi. Mangerete tutto ciò che ha pinne e squame nelle acque, tanto nei mari quanto nei fiumi. Ma tutto ciò che non ha né pinne né squame, sia nei mari sia nei fiumi, fra tutto ciò che si muove nelle acque e tutto ciò che vive nelle acque, lo considererete abominevole. Li considererete abominevoli; non mangerete la loro carne, e avrete in abominio i loro corpi morti. Considererete abominevole tutto ciò che non ha né pinne né squame nelle acque.

Tra gli uccelli avrete in abominio questi, e non li mangerete, perché sono un abominio: l'aquila, l'ossìfraga e l'aquila di mare;

il nibbio e ogni specie di falco;  ogni specie di corvo;  lo struzzo, il barbagianni, il gabbiano e ogni specie di sparviero;  il gufo, lo smergo, l'ibis;  il cigno, il pellicano, l'avvoltoio;  la cicogna, ogni specie di airone, l'upupa e il pipistrello.

Avrete in abominio pure ogni insetto alato che cammina su quattro piedi.

Però, fra tutti gli insetti alati che camminano su quattro piedi, mangerete quelli che hanno zampe sopra i piedi adatte a saltare sulla terra. Di questi potrete mangiare: ogni specie di cavallette, ogni specie di locuste, gli acridi e i grilli.

Ogni altro insetto alato che ha quattro piedi vi sarà in abominio. Questi animali vi renderanno impuri; chiunque toccherà il loro corpo morto sarà impuro fino alla sera. Chiunque porterà i loro corpi morti si laverà le vesti e sarà impuro fino alla sera.

Considererete impuro ogni animale che ha l'unghia spartita, ma non ha il piede forcuto e non rumina; chiunque lo toccherà sarà impuro. Considererete impuri tutti i quadrupedi che camminano sulla pianta dei piedi; chiunque toccherà il loro corpo morto sarà impuro fino alla sera. Chiunque porterà i loro corpi morti si laverà le vesti e sarà immondo fino alla sera. Questi animali li considererete impuri.

Tra i piccoli animali che strisciano sulla terra, considererete impuri questi: la talpa, il topo e ogni specie di lucertola,

il toporagno, la rana, la tartaruga, la lumaca, il camaleonte.

Questi, fra gli animali che strisciano, saranno impuri per voi; chiunque li toccherà quando sono morti, sarà impuro fino alla sera.

Ogni oggetto sul quale cadrà qualcuno di essi quando è morto, sarà immondo: sia che si tratti di oggetti di legno o stoffa o pelle o sacco o qualunque altro oggetto di cui si faccia uso; sarà messo nell'acqua e sarà impuro fino alla sera; poi sarà puro.

Se ne cade qualcuno in un vaso di terra, tutto quello che vi si troverà dentro sarà impuro, e spezzerete il vaso.

Ogni cibo che serve al nutrimento, sul quale sarà caduta di quell'acqua, sarà impuro; e ogni bevanda di cui si fa uso, qualunque sia il vaso che la contiene, sarà impura. Ogni oggetto sul quale cadrà qualcosa del loro corpo morto, sarà impuro; il forno o il fornello sarà spezzato; sono impuri e li considererete impuri. Però, una fonte o una cisterna, nella quale c'è dell'acqua, sarà pura; ma chi toccherà i loro corpi morti sarà impuro. Se qualcosa dei loro corpi morti cade su qualche seme che deve essere seminato, questo sarà puro; ma se è stata versata dell'acqua sul seme e vi cade sopra qualcosa dei loro corpi morti, lo considererai impuro.

Se muore un animale di quelli che vi servono per nutrimento, colui che ne toccherà il corpo morto sarà impuro fino alla sera.

Colui che mangerà di quel corpo morto si laverà le vesti e sarà impuro fino alla sera; allo stesso modo colui che porterà quel corpo morto si laverà le vesti e sarà impuro fino alla sera. Ogni cosa che striscia sulla terra è abominevole; non se ne mangerà.

Di tutti gli animali che brulicano sulla terra non ne mangerete nessuno di quelli che strisciano sul ventre o camminano con quattro piedi o con molti piedi, perché sono abominevoli.

Non vi rendete abominevoli a causa di uno di questi animali che strisciano e non vi rendete impuri per causa loro e non lasciatevi contaminare da loro. Poiché io sono il SIGNORE, il vostro Dio; santificatevi dunque e siate santi, perché io sono santo. Non contaminate le vostre persone per mezzo di uno qualsiasi di questi animali che strisciano sulla terra. Poiché io sono il SIGNORE che vi ho fatti salire dal paese d'Egitto, per essere il vostro Dio. Siate dunque santi, perché io sono santo.

Questa è la legge riguardante i quadrupedi, gli uccelli, ogni essere vivente che si muove nelle acque e ogni essere che striscia sulla terra, perché sappiate discernere ciò che è impuro da ciò che è puro, l'animale che si può mangiare da quello che non si deve mangiare"».

(Levitico 11:1,47)

Animali

Consentiti

Proibiti

Mangerete ogni animale che ha l'unghia spartita, il piede forcuto, e che rumina.

Ma tra quelli che ruminano e tra quelli che hanno l'unghia spartita, non mangerete questi: il cammello, perché rumina, ma non ha l'unghia spartita; lo considererete impuro;   l'irace, perché rumina, ma non ha l'unghia spartita; lo considererete impuro;   la lepre, perché rumina, ma non ha l'unghia spartita; la considererete impura;   il porco, perché ha l'unghia spartita e il piede forcuto, ma non rumina; lo considererete impuro. Non mangerete la loro carne e non toccherete i loro corpi morti; li considererete impuri

Mucca

Capra

Pecora

 

Cammello

Irace

Lepre

Porco

Cavallo

Asino

 

Fra tutti gli animali acquatici voi potrete mangiare questi. Mangerete tutto ciò che ha pinne e squame nelle acque, tanto nei mari quanto nei fiumi. Ma tutto ciò che non ha né pinne né squame, sia nei mari sia nei fiumi, fra tutto ciò che si muove nelle acque e tutto ciò che vive nelle acque, lo considererete abominevole. Li considererete abominevoli; non mangerete la loro carne, e avrete in abominio i loro corpi morti. Considererete abominevole tutto ciò che non ha né pinne né squame nelle acque.

Ciò che ha pinne e squame

Molluschi

Crostacei

Anguille

Ciò che non ha pinne e squame

 

Tra gli uccelli avrete in abominio questi, e non li mangerete, perché sono un abominio: l'aquila, l'ossìfraga e l'aquila di mare;

il nibbio e ogni specie di falco;  ogni specie di corvo;  lo struzzo, il barbagianni, il gabbiano e ogni specie di sparviero;  il gufo, lo smergo, l'ibis;  il cigno, il pellicano, l'avvoltoio;  la cicogna, ogni specie di airone, l'upupa e il pipistrello.

Pollame

Aquila, Ossifraga, Aquila di mare

Nibbio, Falchi, Corvi, Struzzo

Barbagianni, Gabbiano

Sparvieri, Gufo, Smergo, Ibis

Cigno, Pellicano

Avvoltoio, Cicogna

Aironi, Upupa, Pipistrello

Avrete in abominio pure ogni insetto alato che cammina su quattro piedi.

Però, fra tutti gli insetti alati che camminano su quattro piedi, mangerete quelli che hanno zampe sopra i piedi adatte a saltare sulla terra. Di questi potrete mangiare: ogni specie di cavallette, ogni specie di locuste, gli acridi e i grilli.

Ogni altro insetto alato che ha quattro piedi vi sarà in abominio. Questi animali vi renderanno impuri; chiunque toccherà il loro corpo morto sarà impuro fino alla sera. Chiunque porterà i loro corpi morti si laverà le vesti e sarà impuro fino alla sera

Cavallette

Locuste

Acridi

Grilli

Altri no

Tra i piccoli animali che strisciano sulla terra, considererete impuri questi: la talpa, il topo e ogni specie di lucertola,

il toporagno, la rana, la tartaruga, la lumaca, il camaleonte.

Questi, fra gli animali che strisciano, saranno impuri per voi; chiunque li toccherà quando sono morti, sarà impuro fino alla sera.

 

Talpa, Topo

Lucertole di vario genere

Toporagno, Rana

Tartaruga, Lumaca

Camaleonte

 

 Considererete impuri tutti i quadrupedi che camminano sulla pianta dei piedi

 

 Scimmia

 

 

“santificatevi dunque e siate santi, perché io sono santo. Non contaminate le vostre persone per mezzo di uno qualsiasi di questi animali che strisciano sulla terra. Poiché io sono il SIGNORE che vi ho fatti salire dal paese d'Egitto, per essere il vostro Dio. Siate dunque santi, perché io sono santo.” (Levitico11)

 

Una   dottrina che sta circolando oggi è “la deità della natura” come affermano alcuni. Essa ha portato alcuni ad essere vegetariani, con una tale passione da sostituire Dio con questo credo.

La natura non è Dio. Dio ha permesso di mangiare carne, quindi non è peccato e se qualcuno la mangia o non la mangia non va giudicato, come si evince da Romani14.

Così sta scritto:

 Romani 14:2-3 – “Uno crede di poter mangiare di tutto, mentre l’altro che è debole, mangia legumi. Colui che mangia di tutto non disprezzi colui che non mangia di tutto; e colui che non mangia di tutto non giudichi colui che mangia di tutto poiché Dio lo ha accolto.”

 

Negli ultimi tempi alcuni cercheranno di proibire alcuni cibi che Dio ha creato;  non seguiteli!

1 Timoteo 4:1-4 – “Ma lo Spirito dice esplicitamente che nei tempi futuri alcuni apostateranno dalla fede, dando retta a spiriti seduttori e a dottrine di demoni, sviati dall’ipocrisia di uomini bugiardi, segnati da un marchio nella propria coscienza. Essi vieteranno il matrimonio e ordineranno di astenersi da cibi che Dio ha creati perché quelli che credono e hanno ben conosciuto la verità ne usino con rendimento di grazie”.

“Perché il Regno di Dio non in vivanda né in bevanda, ma è giustizia pace e gioia nello Spirito Santo.” -Romani 14:17

Quando tornerà Gesù gli uomini torneranno vegetariani.

Isaia 11:6-9: “Il lupo abiterà con l’agnello, e il leopardo si sdraierà accanto al capretto; il vitello, il leoncello e il bestiame ingrassato staranno assieme, e il leone mangerà il foraggio come il bue. Il lattante giocherà sul nido della vipera, e il bambino divezzato stenderà la mano nella buca del serpente. Non si farà né male né danno su tutto il mio monte santo, poiché la conoscenza del Signore riempirà la Terra, come le acque coprono il fondo del mare.”

 Di seguito vi metto un bel articolo pervenutomi.

Di Mercy Alken

La Bibbia dice che agli albori della creazione, tutta la creazione (animali compresi) era vegetariana. Quando Dio benedisse Adamo ed Eva nel Giardino dell’Eden, disse loro: “Ecco, io vi do ogni erba che fa seme sulla superficie della Terra, o ogni albero fruttifero che fa seme; questo vi servirà di nutrimento.” Genesi 1:29-30

Sembra che tutta la creazione fosse vegetariana fino a dopo il Diluvio Universale quando Noè e la sua famiglia erano le uniche persone rimaste per ripopolare la Terra.

Genesi 9:1-3 – “Dio benedisse Noè e i suoi figli, e disse loro: “Crescete, moltiplicatevi e riempite la Terra. Avranno timore e spavento di voi tutti gli animali della terra e tutti gli uccelli del cielo. Essi sono dati in vostro potere con tutto ciò che striscia sulla terra e con tutti i pesci del mare. Tutto ciò che si muove e ha vita vi servirà di cibo; io vi do tutto questo, come l’erba verde; ”

È interessante notare che una delle ragioni per cui è stato così facile per Noè riuscire a riunire tutti i tipi di animali dentro l’Arca era proprio perché non mangiava carne e spiega inoltre perché gli animali non si sono mangiati a vicenda, Dopo il Diluvio, perché Dio non fece in modo che tutti gli animali si mangiassero a vicenda? Una risposta possibile potrebbe essere questa: la malvagità dell’uomo aveva già raggiunto la sua punta massima e per questa ragione Dio aveva distrutto quasi tutta la popolazione della Terra. Quel Diluvio aveva in qualche modo cambiato l’ordine delle cose, era come se Noè e la sua famiglia avessero preso il posto d’Adamo ed Eva, ricominciando tutto da capo, ma questa volta senza la loro l’innocenza. Il “primo mondo” che fu creato nella perfezione, fu rovinato a causa del peccato. Evidentemente Dio, nel mondo post-diluvio permise all’uomo di poter mangiare la carne che sarebbe poi diventata parte della nostra vita. Il segno che contraddistingue questa era della storia sarebbe il dovere dell’uomo di vivere con la comparsa del peccato nel mondo.

Fondamentalmente la Bibbia ci illustra la natura divoratrice del peccato e del diavolo. Poiché il diavolo possiede l’autorità su questo mondo (Luca 4:6), sappiamo che il suo regno sta uccidendo e divorando persino sé stesso…Satana che è l’artefice della paura, governa anche questo suo dominio con essa. Per questa ragione gli animali e gli esseri umani hanno paura l’uno dell’altro. Si mangiano a vicenda solo per la sopravivenza. Molte persone accusano Dio di essere crudele ed ingiusto quando studiano la natura e il mondo degli insetti.
“Sicuramente un Dio che ha fatto tutto “buono” non può considerare questo mondo “buono”.
“Come può un Dio così intelligente ed amorevole essere l’artefice di cotanta infamia e spargimento di sangue inutile?”

Queste sono domande giuste e intelligenti da fare e sono probabilmente entrate in testa a tutti almeno una volta nella vita. Noi abbiamo la ferma certezza che la risposta a queste domande è sempre e comunque riconducibile al peccato dell’uomo e al potere del diavolo. La Creazione di Dio era perfetta ma fu Satana che ne cambiò e ne pervertì l’ordine delle cose. Dio diede all’uomo il potere sopra la Sua Creazione (Genesi 1:26-28). Questo fatto fa parte del nostro carattere. La maggior parte delle persone nega che fu l’uomo a rovinare la Terra e molte persone affermano che non sta a noi provare di rimetterla a posto. Molte delle persone che dicono che è troppo arrogante da parte nostra “avere il controllo della Terra” sono le stesse persone che cercano in tutti i modi di salvarla e quindi rimangiandosi quello che hanno detto con le loro azioni!” Noi possediamo la conoscenza innata che abbiamo quella autorità e ne agiamo di conseguenza tutti i giorni.

Eppure, perché l’uomo ha scelto di peccare abbiamo perso quell’autorità che ci spettava di diritto; l’abbiamo persa nel Giardino dell’Eden, così come molte altre cose, quando Dio decise di mandare il Diluvio sul mondo a causa della malvagità dell’uomo. Quando perse quest’autorità fece in modo che anche tutta la Creazione ne subisse le conseguenze. Adesso, infatti, tutto è stato rovinato dalla natura perversa dell’uomo, causata dalla disobbedienza a Dio.

Di questi tempi molta gente chiede se è un peccato mangiare la carne. La Bibbia dice chiaramente che si può mangiare la carne, proprio come Gesù la mangiò quando era sulla Terra. Luca 24:42-43 – “Essi gli porsero (Gesù) un pezzo di pesce arrostito; egli lo prese e lo mangiò in sua presenza.”

In ogni caso però alcune persone direbbero che, quando Gesù mangiò la carne, fu prima che l’inquinamento dei nostri giorni incombesse, come per esempio le uccisioni di massa dei pesci nei confini marittimi delle coste, ormoni della crescita, ipernutriti e tutti gli altri trattamenti di cui sono vittime gli animali oggi.

Una ragione per cui i vegetariani scelgono di non mangiare la carne, è che lo sfruttamento degli animali è troppo dannoso per loro. Ora, la domanda potrebbe essere: Dio approva lo sfruttamento degli animali? Certo che no! Dio ama la Sua Creazione e si cura persino del passero! Se la tua coscienza ti turba perché mangi della carne allevata con mezzi di sfruttamento degli animali, non mangiarla. Com’è scritto nella Scrittura, Romani 14:2-3 – “Uno crede di poter mangiare di tutto, mentre l’altro che è debole, mangia legumi. Colui che mangia di tutto non disprezzi colui che non mangia di tutto; e colui che non mangia di tutto non giudichi colui che mangia di tutto poiché Dio lo ha accolto.”

Il piano originale e perfetto non prevedeva mangiare carne. In ogni caso, poiché Lui Stesso ci ha dato il permesso di mangiarla, non dovrebbe essere considerato sbagliato o peccato.

La Bibbia ci avvisa inoltre che negli ultimi tempi ci saranno molte dottrine che attanaglieranno il mondo e che porteranno l’uomo sempre più lontano dalla verità. Una di queste dottrine è “la deità della natura” come affermano alcuni oggi giorno. Sovente l’essere vegetariani diventa uno dei nostri tanti “credo” cioè l’idea che tutta la natura sia Dio stesso. Sebbene questo può avere un “bel suono” è semplicemente falso ed è una di quelle dottrine che allontanano l’uomo dal conoscere veramente Dio come Egli è in realtà. La natura non è Dio. Sì, rispecchia la Sua creatività, la Sua bellezza, e molte altre cose ma è in ogni caso sempre e solo la Sua Creazione proprio come noi.

1 Timoteo 4:1-4 – “Ma lo Spirito dice esplicitamente che nei tempi futuri alcuni apostateranno dalla fede, dando retta a spiriti seduttori e a dottrine di demoni, sviati dall’ipocrisia di uomini bugiardi, segnati da un marchio nella propria coscienza. Essi vieteranno il matrimonio e ordineranno di astenersi da cibi che Dio ha creati perché quelli che credono e hanno ben conosciuto la verità ne usino con rendimento di grazie”.

Nella questione riguardante il cibo, la Bibbia ci avvisa di non esserne troppo assorbiti. La golosità è un peccato di cui non si parla molto nella Chiesa ma che è spesso menzionato dalla Bibbia. Inoltre ci sono alcune persone che sono così preoccupate dal loro peso e da che cosa dovrebbero o non dovrebbero mangiare che sono tanto schiavi del cibo quanto quelli che mangiano troppo. Entrambi gli estremi sono peccati. Dio vuole che noi godiamo di ottima salute e che abbiamo equilibrio con cosa entra nel nostro corpo. Dopo tutto: “Perché il Regno di Dio non in vivanda né in bevanda, ma è giustizia pace e gioia nello Spirito Santo.” Romani 14:17

Noi dovremmo tutti studiare la Parola di Dio, quando decidiamo che cosa mangiare. Dio ci offre la Sua guida per queste questioni come per tutte le altre nella nostra vita. Una nota conclusiva per coloro che si chiedono sinceramente se la Creazione sarà sempre nelle condizioni in cui si trova adesso, è ABBIAMO UNA BUONA NOTIZIA PER TE! La Scrittura sembra indicare che durante il Regno Millenario di Cristo sulla Terra (quando il diavolo sarà legato per 1000 anni), tutta la Creazione tornerà ad essere vegetariana. Come afferma la seguente profezia da Isaia 11:6-9:

“Il lupo abiterà con l’agnello, e il leopardo si sdraierà accanto al capretto; il vitello, il leoncello e il bestiame ingrassato staranno assieme, e il leone mangerà il foraggio come il bue. Il lattante giocherà sul nido della vipera, e il bambino divezzato stenderà la mano nella buca del serpente. Non si farà né male né danno su tutto il mio monte santo, poiché la conoscenza del Signore riempirà la Terra, come le acque coprono il fondo del mare.”

Gloria a Dio! Il tempo verrà quando tutta la Creazione riposerà in pace ancora una volta, e le creature della Terra non si uccideranno più a vicenda. Questa potrebbe sembrare solo una lontana utopia, ma noi sappiamo, grazie alla Parola di Dio, che un giorno tutto passerà, com’è vero che Dio diede la vita a questo mondo e com’è vero che ogni lingua confesserà che Gesù Cristo è il Signore. L’ultimo piano di Dio è proprio quello di ripristinare la Creazione alla condizione di quando l’uomo era nel Giardino dell’Eden.

 Vi esorto a leggere e studiare la Bibbia, la Parola di Dio.
Chi crede in Gesù Cristo è salvato.

 

Comments