Gioco delle chiavi

pubblicato 4 apr 2019, 03:53 da Mirko Rizzi
Il Gioco delle chiavi è un esercizio che ho sviluppato dopo aver ascoltato Pierre Byland durante un seminario che illustrava un allenamento che si usava fare nella scuola di Lecoq quando lui lì insegnava e che serviva a migliorare la concentrazione.
Nella sua semplicità ha una presa incredibile anche con i bambini di 6 anni e con le classi più esuberanti.

Faccio sedere il gruppo in cerchio e mi assicuro che siano seduti comodamente.

Successivamente spiego loro che a breve metterò al centro del cerchio un mazzo di chiavi e poi conterò fino a tre.

Da quel momento dovranno rivolgere totalmente la loro attenzione al mazzo di chiavi e qual'ora io mi accorgessi della anche minima distrazione sarebbeo estromessi dal gioco.
Li vviso inoltre che pasato un minuto comincerò a distrarli parlando loro ma prometto che: non li toccherò nè urlerò.

E' molto importante essere severi e segnalare anche le minime distrazioni (gli occhi non mentono e si capisce subito se una persona sta pensando ad altro).

Nella prima gara di solito diversi bambini non arrivano ai trenta secondi ma insisteranno per ripetere il gioco a gara finita.

In breve tempo si crea un silenzio ed una tensione incredibile, in alcune classi sorprendente.
E negli anni mi è parso di capire come i bambini ed i ragazzi apprezzassero moltissimo questa dimensione di concentrazione assoluta, di silenzisso assoluto e di rigore.
Situazione che è molto rara da incontrare nella vita quotidiana.

Questo è uno dei giochi che più mi richiedono e in alcune classi, cronometri alla mano sono nati veri e propri campionati.
Comments