Mondo Yoga‎ > ‎

Che cosa resta dell'anima?

pubblicato 17 mar 2019, 06:11 da Spazio YogAssisi   [ aggiornato in data 17 mar 2019, 06:16 ]
Monastero di Camaldoli 
18-23 agosto, 2019 
Che cosa resta dell'anima? 
Sfide alla riflessione teologica 

La possibilità di una scienza dell'anima, accompagnata dalla certezza dimostrativa della sua immortalità, è stata a lungo il pilastro fondamentale dell'antropologia occidentale, della visione del mondo che dalla filosofia greca classica, passando per il mondo cristiano, è arrivata fino alla modernità. Oggi, tuttavia, questo pilastro sembra vacillare, o almeno è radicalmente messo in questione. 
La psicanalisi, esplorando le vaste regioni dell'inconscio, ha mostrato quanto poco il soggetto sia padrone persino in casa propria; le neuroscienze scandagliano le basi neuronali della coscienza, che sembra quindi ridursi al suo supporto cerebrale; una cultura e una prassi materialistica sottendono sempre di più la vita quotidiana nelle nostre società secolarizzate; quando poi la domanda di spiritualità riemerge, spesso si esprime come fascino del diverso, guardando con simpatia al buddhismo e alla religiosità orientale. 
Dopo questi profondi mutamenti ... che cosa resta dell'anima? Di fronte a queste grandi sfide, quale tipo di discorso la teologia può ancora articolare? Il cristianesimo annuncia la risurrezione della carne, più che l'immortalità dell'anima ... ma possiamo fare a meno di questa nozione che la tradizione del pensiero teologico ha a lungo considerato come fondamentale? 
Cercheremo di riflettere insieme su queste domande urgenti e sulle risorse che il pensiero cristiano può ancora offrire, all'interno del quadro multiculturale e multireligioso che caratterizza un mondo sempre più globalizzato.

Per informazioni o prenotazioni
Segreteria della Foresteria
0575 556013 - foresteria@camaldoli.it
Ċ
Spazio YogAssisi,
17 mar 2019, 06:11
Comments