Progetto "Nascita consapevole"

ll Progetto "Nascita consapevole", è un programma di educazione alla salute psicofisica e alla consapevolezza globale, rivolto ai futuri genitori, approvato e finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, accreditato dal MIUR, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, e sostenuto dall’UNESCO. Si articola in 10 incontri teorico-esperienziali, basati sul protocollo della Mindfulness psicosomatica.

Le pratiche del protocollo Mindfulness psicosomatica sono pensate per sviluppare nel futuro genitore quattro principali elementi:
  • Il piacere corporeo (serotonina) come 1° elemento di sicurezza fetale-infantile
Fondamentale per la futura madre è lo sviluppo di una maggiore consapevolezza del piacere corporeo. Per un neonato il senso di sicurezza con la figura di accudimento deriva innanzitutto dal corpo, dal senso di sicurezza fisica e di protezione che la madre trasmette al piccolo attraverso il contatto corporeo. Possiamo quindi considerare il sistema del piacere corporeo come la componente fisica della "base sicura" materna, calda, piacevole e protettiva.

  • Lo sviluppo dell'amorevolezza (ossitocina) come 2° elemento di sicurezza fetale-infantile
La seconda componente che caratterizza una buona relazione tra madre, padre e bambino è la componente affettiva ed empatica legata al sistema della cura/amorevolezza (ossitocina). Il sistema della cura e la qualità della relazione con le figure di accudimento sono fondamentali per la crescita psicofisica e la regolazione cognitiva ed emotiva del bambino. Sappiamo infatti dalla teoria dell’attaccamento che se dalla nascita il bimbo o la bimba avrà una buona esperienza di amorevolezza e sicurezza affettiva da parte della madre e del padre, svilupperà una "base sicura" di intelligenza emotiva, di stabilità psicologica e di fiducia di sé che gli darà la capacità di creare amicizie e relazioni affettive stabili, intime e durature. 

  • Lo sviluppo del benessere legato al gioco, all'esplorazione e alla socializzazione (dopamina) come 3° elemento di sicurezza fatale-infantile
Un ulteriore elemento che caratterizza un legame sicuro con la figura di attaccamento è la capacità del genitore di favorire nel bambino l'esplorazione dell'ambiente, il gioco e la socializzazione, funzioni del sé mediati dal sistema della ricerca-gioco/socializzazione, attraverso il rinforzo della sua neuropersonalità dopaminica. Un bambino, per esplorare in modo sereno l'ambiente extra-familiare, ha bisogno di sentirsi sicuro di poter ritornare, sapendo per certo che sarà il benvenuto, nutrito sul piano fisico ed emotivo, confortato se triste, rassicurato se spaventato.
  • Lo sviluppo del benessere interiore (endorfina) come 4° elemento di sicurezza fetale-infantile
La consapevolezza di sé è il nucleo dell'essere ed è quindi di primaria importanza che nel protocollo per una nascita consapevole, questo elemento di crescita personale della madre e del padre, sia particolarmente considerato e sviluppato. Quando la madre e il padre diventano consapevoli di sé stessi, riconoscono anche il sé del loro figlio. Ricordiamo infine che sia il piacere di stare nel proprio corpo (serotonina), sia le relazioni sociali e affettive positive (ossitocina), sono mediate dalle endorfine, gli ormoni del benessere globale, della soddisfazione, della contentezza e dell'estasi, che come sappiamo possono essere incrementate da pratiche corporee e di meditazione.

Conduce gli incontri Romina Iacarella