Home page‎ > ‎Organi padovani‎ > ‎

Organo Nacchini / Callido Op. 422. Padova, Basilica di Santa Giustina

Prato della Valle

Descrizione dello strumento

Cronologia

  • 1736. Costruzione dell'organo ad opera di Pietro Nacchini. Lo strumento viene dotato fin dall'origine di due manuali; il manuale secondario viene realizzato solo in preparazione per una successiva aggiunta dell'"organo di Risposta".
  • 1805. Gaetano Callido amplia l'organo a cui attribuisce il numero d'opera 422; non si conoscono però i dettagli di tale modifica.
  • 1926. La ditta Annibale Pugina smonta lo strumento per unificarlo con l'organo in cantoria destra (vedi scheda organo unificato).

Dati generici

  • Tastiere/file 2P/??
  • Canne ??
  • Trasmissione tastiere meccanica
  • Trasmissione registri meccanica
  • Estensione manuali (numero tasti) ?? (??)
  • Estensione pedale (numero tasti) ?? (??)
  • Ubicazione in cantoria sulla parete sinistra del presbiterio
  • Consolle a finestra
  • Pedaliera ??
  • Comandi dei registri ??
  • Ventilazione manuale
  • Accordatura ??
  • Pressione ??
  • Stato unificato con altro organo

Disposizione fonica originaria

II [??] manuale
Principal primo [16']
Principal secondo [16']
Ottava prima
Ottava seconda
Quintadecima
Decimasettima
Duodecima
Decimanona
Vigesima seconda
Vigesima sesta
Vigesima nona
Trigesima terza
Trigesima sesta
Flauto in ottava
Flauto in duodecima
Flauto in quintadecima
Cornetta soprani
Cornetta bassi
Tromboncini soprani
Tromboncini bassi
Voce Umana
I [??] manuale
senza registri propri
Pedale
Contrabassi
Contrabbassi in duodecima
Fagotti
Unioni
??
Accessori
"Fistara [...] Campanelli, tamburo, uccelletti e tira-tutti."

Bibliografia

  • Alberto Sabatini, L’Arte degli organi a Padova, Padova, Armelin Musica, 2000

© 2016 Ivan Furlanis