Il progetto





La Learning Story

iTEC Learning Story - TELL A STORY

TITOLO: Il Decameron di Boccaccio attraverso i trailer di alcune novelle

La classe alla quale viene proposta il lavoro è una terza  ITIS; si tratta di una classe   che durante il biennio ha partecipato a diverse attività  che prevedevano capacità di comunicazione attraverso la costruzione di video. L’approccio allo studio della letteratura sembra rendere perplessi gli allievi per i quali risultano nuove sia le tematiche che i metodi con cui si affrontano gli argomenti. L’attività ha dunque anche lo scopo di famigliarizzare gli studenti con gli argomenti studiati dalla storia della letteratura attraverso modalità espressive a loro note e per loro coinvolgenti. Inoltre la classe è composta da diversi alunni che paiono piuttosto riservati. L’attività, svolta in gruppo, avrà dunque anche l’obiettivo di migliorare le relazioni e valorizzare le competenze dei singoli allievi che sono chiamati a metterle a disposizione dei compagni in un piccolo gruppo.

DESIGN BRIEF

Costruite un trailer di una novella del Boccaccio significativa per comprendere le tematiche più importanti dell’autore. Il trailer non potrà durare più di 5 minuti e avrà l’obiettivo di incuriosire il pubblico sia a proposito della storia, sia a proposito della tematica affrontata

STORIA

L’attività ha inizio ad ottobre quando viene proposta alla classe. Si studierà il Decameron di G. Boccaccio leggendo alcune novelle scelte insieme da studenti e insegnante, ricavandone le tematiche principali e l’ideologia dell’autore.

L’insegnante presenta brevemente la struttura dell’opera e divide la classe in gruppi. (1 ora) A ciascun gruppo viene affidato il compito per casa di leggere le rubriche delle novelle di una giornata del Decameron scegliendo quelle che sembrano più interessanti.  I ragazzi possono comunicare attraverso la chat del registro elettronico o wa. I singoli gruppi  in classe spiegano a compagni e insegnante le ragioni della scelta. Alla discussione (1 ora) partecipa l’insegnante con le sue proposte, ma la decisione su quali novelle leggere dovrà essere condivisa.

I gruppi iniziano l’attività di lettura, comprensione e analisi delle novelle prescelte monitorando il proprio lavoro attraverso l’uso di “Team up”;

Ogni gruppo decide quali modalità e quali widget ( alcuni  free, alcune demo, alcuni in possesso degli studenti) usare per realizzare il proprio trailer ( “Final Cut Pro X”,  “Pinnacle studio 18", "Windows movie maker", "Sony vegas pro 12") esplorandone  potenzialtà e criticità; si condivide la calendarizzazione delle attività; si individuano i destinatari della comunicazione (l’insegnante propone una classe parallela, ma è possibile immaginare anche destinatari diversi).

La classe si cimenta con il lavoro di gruppo (4 ore), individuando gli aspetti della novella prescelta più significativi o i più adatti ad essere rappresentati in un trailer.

Una volta scelta la modalità espressiva (video, cartone animato) gli allievi scrivono la sceneggiatura del loro prodotto, scelgono le musiche, e, nel caso dei video,  la location delle riprese e gli attori  .

Gli allievi si incontrano nel pomeriggio per realizzare i loro trailer (le riprese video, il cartone animato)

Ciascun gruppo quindi presenta il suo lavoro al resto della classe (1 ora) condividendo una valutazione sui risultati ottenuti e sul processo seguito. Si mostrano quindi le storie ad una classe parallela che ha già affrontato  l’argomento proposto, raccogliendo le impressioni espresse dai compagni (1 ora).

 

La verifica sarà una tradizionale analisi del testo che prenderà in considerazione  una novella del Boccaccio, nuova per i ragazzi

 




ĉ
Raffaella Tomasini,
17 ott 2016, 12:36
Comments