Srila Prabhupada

Donazioni

Interne

Srimati Radharani

posted Jun 13, 2012, 4:51 PM by Manonatha Dasa   [ updated May 6, 2013, 2:31 PM ]

Srimati Radharani

L'aspetto femminile di Dio


di Satyaraja dasa



Essenza di bellezza e di relazioni, quintessenza di felicità e compassione, personificazione di dolcezza e splendore. Simbolo di scaltrezza, riconoscente in amore: Possa la mia mente trovare rifugio in Radha, quintessenza di tutte le essenze. (Prabodhananda Sarasvati)



Mia sorella Carol negli ultimi anni è diventata una femminista radicale. Ho potuto seguire questo suo sviluppo. Mentre divorava libro dopo libro sul fallimento del patriarcato e delle società maschiliste, venne a trovare me - il fratello, che adora un Dio "maschile" - ritenendomi vittima di filosofi che fanno delle discriminazioni basate sul sesso e abbindolato da uomini che hanno poca considerazione per le donne. In altre parole, lei sapeva che io adoravo Krishna, che chiaramente è maschile e questo per lei era sufficiente ad associarmi a coloro che disprezzano le donne. Ciò la confondeva, sebbene il vedere che io non usavo un ambiguo linguaggio maschilista, che nonostante adorassi un Dio maschile ero leale e imparziale - non ero solito parlar male delle donne.



Decise che ero abbastanza intelligente per avere un confronto diretto con me. Perché adori Krishna quel ragazzo dalla carnagione blu? chiese. "Perché vedere Dio esclusivamente al maschile? Perché non avere una visione di Dio al femminile?"
"Bene", risposi subito, un po' seccato, come se in una conversazione di due minuti si potesse riassumere il punto di vista teologico di una persona, "Egli è Dio." "Ed inoltre", aggiunsi, "noi non rappresentiamo Dio a nostro piacere. Traiamo la nostra conoscenza da fonti autorevoli, le scritture, o i Veda dall'India o le scritture occidentali come la Bibbia o il Corano."
"Ma come fai ad esserne certo?" chiese. "Può darsi che quei libri ti prendano in giro. Io direi che Dio dovrebbe essere visto come il principio fondamentale al femminile, con tutta la sensibilità e la disponibilità che questo comporta."

"Ma questo non è discriminazione sessuale vista dalla parte opposta?"
Speravo che la domanda la facesse ripensare a quello che aveva detto.
"Se Dio è in definitiva il supremo femminino, questo non esclude gli uomini dall'equazione? Non sarebbe come dire che la forma femminile è migliore di quella maschile? Saresti colpevole proprio di ciò di cui tu accusi la religione basata sul patriarcato."
Dopo una pausa replicò "Ma tu continui a dire che Dio è maschile..."

"Prima di tutto", la interruppi, "secondo la coscienza di Krishna, Dio è sia maschile che femminile. Non è forse questa una visione più egualitaria di Dio?" "Bene, forse - se è vero", disse, ancora scettica su una tradizione (e su un fratello) che lei non aveva fatto altro che vedere come soggetti che discriminano sulla base del sesso.

"Guarda", dissi, "Krishna nella letteratura vedica è descritto come Dio perché ne ha tutte le qualifiche. Come sai che il Presidente degli Stati Uniti è il Presidente? Perché ha le qualifiche del Presidente. Egli ha certe credenziali. Non basta che tu ti 'immagini' che qualcuno sia il Presidente ed ecco -puff!- egli è Presidente. No. Così se osservi Krishna da vicino, ti renderai conto che Egli possiede al massimo grado tutte le opulenze: forza, bellezza, ricchezza, fama, conoscenza e rinuncia. Colui che possiede pienamente tutte queste qualità è Dio."

Cominciava a turbarsi. Aveva già ascoltato da me questa definizione di Dio e sentiva che stavo per affrontare l'argomento di Dio al femminile. "Ma la coscienza di Krishna va oltre", continuai. "Radharani è la manifestazione femminile di Dio. Essa è l'essenza della donna. In questo modo noi vediamo Dio sia al maschile sia al femminile." Carol sorrise. Aveva un asso nella manica.

"Se ammetti che Dio sia maschile e femminile, perché il vostro mantra principale - quella preghiera che tu ripeti continuamente - è incentrata solo su Krishna, la forma maschile di Dio?"





IL "LEI" NEL MAHA-MANTRA

Quello che la mia cara sorella non sapeva era che il maha-mantra è una preghiera dedicata in primo luogo a Radha e in secondo luogo a Krishna. "Conosci il mantra che canto, quello di cui stai parlando?"
Essa lo recitò: "Hare Krishna, Hare Krishna, Krishna Krishna, Hare Hare, Hare Rama, Hare Rama, Rama Rama, Hare Hare."
Mi fece piacere sentire che lo conosceva. "Conosci il significato di Hare?" "No", ammise.
"È una forte invocazione a Radha. Cantando Hare supplichiamo Madre Hara, un altro nome di Radha. Hare è il vocativo di Hara. Fondamentalmente, il mantra chiede a Madre Hara, Radha, 'per favore impegnami nel servizio al Signore."'
"Vuoi dire che il canto Hare Krishna è una preghiera rivolta alla forma femminile di Dio?"
"Sicuramente sì."
Ciò attrasse la sua attenzione. "Dimmi", chiese con crescente curiosità, "che cosa significa la parola Radha?"
"Significa 'Colei che adora Krishna nel migliore dei modi."'
"Ah!" esclamò mia sorella. "Allora Radha non è Dio. Se essa è la Sua migliore adoratrice, allora ovviamente è distinta da Lui!"

"Non è vero", risposi " Dio è la persona che fa tutto in modo perfetto. Come Krishna afferma nella Gita, Egli è il primo e il migliore in tutti i campi. Tra le montagne è l'Himalaya, tra i corpi d'acqua è l'oceano e così via. Perciò, tra i Suoi adoratori è ancora Lui il migliore. Chi potrebbe adorare Krishna meglio di Lui stesso? Nessuno. Quindi Egli Si manifesta come Radha, la Sua forma femminile, dimostrando che Egli è il Suo migliore adoratore. Come Radha Egli è il Dio che adora e come Krishna è il Dio che è adorato. Entrambi parimenti eccellenti."
"Hmm. Parlamene ancora", disse. "OK, ma questo richiede informazioni più specifiche", dissi. "Dal punto di vista vaisnava o cosciente di Krishna l'energia divina femminile (sakti) implica una fonte d'energia divina (sak-timan). Pertanto la Dea, come si manifesta nelle varie tradizioni vaisnava ha sempre una controparte maschile. Sita si riferisce a Rama; Laksmi corrisponde a Narayana; Radha ha il suo Krishna. Come Krishna è la sorgente dì tutte le manifestazioni di Dio, Sri Radha, la Sua consorte, è la sorgente di tutte le sakti o energie. Essa pertanto è la Dea originale.

"Il Vaisnavismo può essere visto come un tipo di saktism, in cui il purna-sakti, la forma più completa dell'energia femminile divina viene adorata come l'aspetto più rilevante della divinità, in un certo modo eclissando persino il Dio maschile. Per esempio, nel Srivaisnavismo, Laksmi (un'espansione primaria di Sri Radha) è considerata la mediatrice divina, senza la quale non è possibile avvicinarsi a Narayana. Nella nostra tradizione cosciente di Krishna, Radha è riconosciuta come la Dea Suprema, perché è Lei che controlla Krishna con il Suo amore. Non si può ottenere una perfetta vita spirituale senza le Sue benedizioni.
"Nella letteratura tradizionale vaisnava, Krishna viene paragonato al sole e Radha allo splendore del sole. Esistono ambedue simultaneamente, ma uno proviene dall'altro. Inoltre, dire che il sole esiste prima del suo splendore è sbagliato - quando c'è il sole, c'è il suo splendore. Ancora più importante, il sole non ha significato senza splendore, senza calore e luce. E il calore e la luce non esisterebbero senza il sole. Così il sole e il suo splendore coesistono, ciascuno ugualmente importante per l'esistenza dell'altro. Si potrebbe dire che essi sono simultaneamente uno e differenti.
"Allo stesso modo, la relazione tra Radha e Krishna è caratterizzata dall'inconcepibile identità nella differenza. Essi sono, in essenza, una singola entità - Dio - che si manifesta come due individualità distinte per favorire lo scambio interpersonale."
"Lascia che ti legga qualcosa dalla Caitanya-caritamrita [Adi-lila 4.95-98]:



"Sri Krishna affascina il mondo intero, ma Sri Radha affascina perfino Krishna. Perciò è per tutti la Dea Suprema. Sri Radha è il pieno potere e Sri Krishna è colui che ha il pieno potere. Come testimoniano le scritture rivelate, l'uno non è differente dall'altra. Infatti essi costituiscono un'unità, proprio come non è possibile separare il muschio dal suo profumo o il fuoco dal suo calore. Così Radha e Krishna sono una sola cosa, eppure hanno preso due forme per godere delle dolcezze dei loro divertimenti."

"Ma Krishna è ancora la sorgente. È Lui che predomina."
"Solo in un senso", dissi. " Egli predomina in termini di tattva o `verità filosofica'. Ma in termini di lila o 'attività divina d'amore' è Radha che predomina su Lui. E lila è considerato più importante di tattva."
Carol era affascinata. "Non ne avevo idea", disse. "Poche persone ce l'hanno", le risposi. "È per questo che i devoti lavorano duramente per distribuire i libri di Prabhupada - vogliamo dare questa conoscenza alle persone."
Carol mi promise che avrebbe cominciato a provare con il maha-mantra e non avrebbe più giudicato una religione senza conoscerla, in particolare la coscienza di Krishna. Inoltre, mi chiese una preghiera che mettesse in evidenza la posizione suprema di Radharani, qualcosa che potesse cantare per ricordarsi che la coscienza di Krishna riconosce - addirittura mette in rilievo - una forma femminile di Dio. Ci pensai un momento e poi le rivelai un mantra di Bhaktivinoda Thakura, un grande maestro spirituale degli inizi del ventesimo secolo:



atapa-rakita suraja nahi jani
radha-virahita Krishna nahi mani



"Proprio come non può esistere un sole senza luce né calore, così non posso accettare un Krishna che sia senza Sri Radha!"
(Gitavali, Radhastaka 8)



Carol era entusiasta. Mi confidò che aveva pregato a lungo di trovare una tradizione religiosa che non facesse discriminazioni di sesso. Una che riconoscesse una forma femminile del Divino. Naturalmente, non era ancora pienamente convinta che fosse questa, ma ora era desiderosa di ascoltare, di essere aperta alla coscienza di Krishna. Desiderava iniziare con alcune pratiche elementari come cantare e leggere i libri di Srila Prabhupada.
Questa era una tradizione che certamente sembrava rispondere ai requisiti richiesti di comprendere le sue esigenze di femminista. Radharani era il sogno di mia sorella che diventava realtà - una risposta alla preghiera di una femminista.



Satyaraja Dasa è un discepolo di Srila Prabhupada e collabora regolarmente a Back to Godhead (Ritorno a Krishna). Ha scritto diversi libri sulla coscienza di Krishna, il più recente è Gita on the Green: the Mystical Tradition Behind Bagger Vance. Vive con sua moglie a New York City.





La migliore delle Gopi



Sri Radha è la più importante delle gopi, le pastorelle amiche di Sri Krishna Ha la capacità di soddisfare Krishna con un'occhiata. Eppure Radha sente che il Suo amore per Krishna può raggiungere vette sempre più alte e perciò si manifesta sotto la forma delle gopi di Vrindavana che soddisfano il desiderio di Krishna di avere relazioni (rasa) di vario genere.
Le gopi sono considerate le kaya-vyuha di Sri Radha. In italiano non esiste un termine equivalente a questo, ma si può spiegare come segue: Se una persona potesse esistere simultaneamente in più di una forma umana, queste forme sarebbero dette kaya (corpo) vyuha (moltitudine di) di quel particolare individuo. In altre parole, sono la stessa identica persona, ma che occupa spazi e tempi diversi, con differenti stati d'animo e differenti emozioni. Poiché l'unico scopo di Radha e Krishna è di avere uno scambio d'amore, le gopi esistono per assisterLi nel Loro amore.

Le gopi sono divise in cinque gruppi, di cui il più importante è quello delle parama-prestha-sakhi. costituito dalle otto gopi principali: Lalita, Visakha, Citra, Indulekha, Campakalata, Tungavidya, Rangadevi e Sudevi. Molti dettagli della loro vita e del loro servizio - inclusa l'età di ognuna, il loro umore, il compleanno, il temperamento. lo strumento che suonano, il colore della pelle, i nomi dei genitori, il nome dello sposo, la melodia preferita, le amiche più intime e così via sono descritti nelle scritture vaisnava. Questi elementi costituiscono la base per una meditazione interiore o sadhana, finalizzata a portare il devoto nel regno spirituale. Con questa meditazione si sviluppa gradualmente prema o amore per Krishna. Questa avanzata forma di meditazione, comunque deve essere praticata solo da devoti realizzati sotto la guida di un maestro autentico. Questo livello viene raramente raggiunto. Si raccomanda quindi di praticare il canto del santo nome e di attenersi alle regole della vaidhi-bhakti - o pratica di devozione secondo norme e regole severe - come viene insegnato nel movimento per la coscienza di Krishna. Questo porterà naturalmente ad ottenere il più alto livello della vita spirituale.

Chiaramente, la tradizione vaisnava nella linea di Sri Caitanya vede l'amore delle gopi come l'amore trascendentale al suo livello più elevato, controbattendo le accuse di sessualità materiale con distinzioni chiaramente definite fra lussuria e amore.
Come il concetto di Sposa di Cristo nella tradizione cristiana e il concetto cabalistico del Divino Femminile ebreo, la verità dietro "l'amore delle gopi" è teologicamente profonda e rappresenta lo zenit della consapevolezza spirituale. L'amore delle gopi rappresenta l'amore più puro che un'anima può avere per la sua divina origine; l'unica correlazione che ci può essere con la lussuria materiale è apparente, un'apparenza che subito cade non appena si studiano i testi lasciati su questi argomenti dalle pure autorità realizzate.




(da Ritorno a Krishna)



© 2004 The Bhaktivedanta Book Trust International. All rights reserved.
Comments