Centro studi musicoterapia alto vicentino


 

Direzione e Coordinamento Didattico:
dott. Stefano Navone

per informazioni scriveteciIndirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo

 


 

 

CENTRO STUDI MUSICOTERAPIA

“ALTO VICENTINO

Il CSMAV iniziativa nata in seno all’Istituto Musicale Veneto, con finalità di alto livello di formazione in ambito delle Arti-Terapie e dei linguaggi non verbali.

Tra le varie attività del Centro si prevedono la promozione di congressi e conferenze inerenti le discipline in questione, la costituzione di una rete territoriale, la richiesta di accreditamento per la formazione ECM e inoltre la pubblicazione di materiale didattico-bibliografico in formati editoriali multimediali.


Nell’ambito del settore formativo il Centro propone il primo corso triennale in Musicoterapia.









CORSO TRIENNALE DI QUALIFICAZIONE PROFESSIONALE IN MUSICOTERAPIA

DESCRIZIONE GENERALE DEL PROGETTO

Diventare musicoterapista oggi significa entrare in un ambito professionale ampio, dinamico ed in continua evoluzione, in cui le competenze musicali ed espressive del musicista e del fare musica in senso moderno vengono ad interagire con il mondo della sofferenza e del disagio psico-fisico.

Questo orientamento di studi necessità di grande umiltà, motivazione e consapevolezza delle proprie risorse umane ben al di là della sfera artistica ed estetica o di qualsiasi approccio didattico della musica.

Il musicoterapista, infatti, oggi in Italia opera nelle ULSS, nelle Scuole, negli Istituti di Riabilitazione, in collaborazione con psicologi, medici ed altre figure sanitarie; tratta casi di sofferenza psichica e fisica che vanno dalla Sindrome di Down ai deficit o difficoltà percettive, di espressione motoria, del linguaggio, emotive, fino alle alterazioni di personalità, all'autismo, al supporto per il risveglio dal coma. L’approccio musicoterapico può essere preventivo, di mantenimento o di sostegno, evolutivo, a seconda che il tipo di problematica abbia radici nel genetico, in lesioni pre e post natali, nell'organico e/o nello psichico.

Nel corso dell’ultimo ventennio la Musicoterapia ha registrato una concentrazione sempre crescente di figure professionali provenienti dalle più svariate discipline scientifiche. Ciò richiede una regolamentazione e un inquadramento professionale del Musicoterapista, inteso quale figura professionale “emergente” e parallelamente della sua formazione specifica.

A tale fine risulta opportuno definire gli ambiti di intervento in un contesto che appare caratterizzato da iniziative multiformi. Le diverse esperienze maturate in ambito clinico negli ultimi vent’anni e i risultati della ricerca consentono di configurare la peculiarità scientifica e metodologica della Musicoterapia, nonché gli obbiettivi connessi a percorsi di formazione in tale ambito.

La Musicoterapia infatti, utilizza l’elemento sonoro-musicale all’interno della relazione utente-operatore per conseguire finalità preventive, riabilitative e terapeutiche attraverso l’uso di metodologie di lavoro diversificate per ambiti applicativi.


Il Corso di Formazione Triennale in Musicoterapia del “Centro Studi Musicoterapia Alto Vicentino”

Si prefigge l’ambizioso obbiettivo di dotare gli allievi di quel patrimonio di saperi, conoscenze ed abilità necessarie all’esercizio della professione e, nello specifico, di:

·       Fornire conoscenze teoriche, metodologiche e applicative per la professionalizzazione della figura del musicoterapista;

·       Sviluppare la consapevolezza dei rapporti uomo-suono-musica e la capacità di osservarli e di descriverli;

·       Sviluppare le competenze musicali di base già acquisite ed atte a decodificare il linguaggio sonoro- musicale, a comprendere le caratteristiche della propria identità sonoro-musicale e a sviluppare consapevolmente la propria espressività e creatività musicale tramite tecniche improvvisative e compositive;

·       Approfondire le conoscenze sull’uomo di natura biologica, antropologica, psicologica, medico-clinica;

·       Approfondire l’utilizzo di metodologie per la programmazione e la realizzazione di trattamenti di carattere preventivo, riabilitativo e terapeutico attraverso il mediatore sonoro-musicale;

·       Acquisire conoscenze psicologiche finalizzate all’osservazione dell’essere umano per comprendere comportamenti adattivi e disadattivi;

·       Prendere coscienza delle caratteristiche della propria identità sonoro-musicale relativamente a dinamiche gruppali a contesti clinici;

·       Fornire all’allievo le conoscenze informatiche fondamentali per la gestione del personal computer e del software utilizzato per la stesura di documenti e ricerche, facendo particolare riferimento alla cura del layout di un documento.

 

L’attività formativa sarà articolata in:

·       lezioni frontali

·       esercitazioni pratiche: vengono proposti diversi laboratori al cui interno saranno sperimentate e discusse le singolarità individuali sia sotto il profilo personologico che sonoro-musicale, nelle loro reciproche interconnessioni. Questo al fine di evidenziare i limiti e le potenzialità di ognuno, e per avviare un percorso evolutivo che trasformi le inclinazioni personali in strumenti professionali elastici e modulabili;

·       stage di osservazione;

·       stage esperienziale-formativo

 

FINALITA' DEL CORSO

·       Acquisire competenze terapeutiche e riabilitative per l'utilizzo della musica e dei suoni in ambito preventivo, socio-educativo, riabilitativo e psichiatrico.

·       Riscoprire le infinite risorse e capacità espressive e creative con particolare riferimento al linguaggio sonoro-musicale.

·       Sviluppare e approfondire una buona capacità autovalutativa delle complesse dinamiche che si attivano nel corso di una relazione di aiuto.

·       Approfondire e riflettere sul significato originario del “curare” la persona non solo in senso specificamente tecnico ma anche come possibilità di osservare, analizzare, e farsi carico con responsabilità di momenti o eventi di crisi relative ad un individuo o ad un gruppo sociale. Il musicoterapista, infatti, oggi in Italia opera nelle ULSS, nelle Scuole, negli Istituti di Riabilitazione, da solo o in collaborazione con psicologi, medici ed altre figure sanitarie. Tratta casi di sofferenza psichica e fisica che vanno dalla Sindrome di Down ai deficit o difficoltà percettive, di espressione motoria, del linguaggio, emotive, fino alle alterazioni di personalità, all' autismo, al supporto per il risveglio dal coma. La terapia può essere preventiva, di mantenimento o di sostegno, evolutiva, risolutiva, a seconda che il tipo di problematica abbia radici nel genetico, in lesioni pre e post natali, nell' organico e/o nello psichico.

 

 

DESTINATARI DEL CORSO

Insegnanti, educatori, terapisti della riabilitazione, musicisti, operatori della Sanità, operatori che esercitano nell’ambito dei servizi socio-sanitari, purché in possesso dei requisiti richiesti per l'ammissione.

 

REQUISITI DI AMMISSIONE

I requisiti di ammissione per poter accedere alla Scuola sono:

·       Età minima: 21 anni

·       Competenze artistiche- musicali di base: saper suonare uno strumento con una buona padronanza e conoscere gli elementi di base della teoria musicale. Per conoscenze musicali di base si intende: leggere e scrivere la musica, una minima conoscenza della grammatica musicale e del solfeggio, mostrare una buona attitudine alla musica ed in particolare al ritmo, capacità di improvvisare ed inventare melodie con la voce.

·       Diploma di media superiore

·       Aver partecipato allo stage di introduzione o a un colloquio di ammissione.

·       Il possesso di altri titoli di studio è da considerarsi preferenziale ma non esonera dalla frequenza delle materie previste nel corso.

·       Possono iscriversi cittadini della Comunità Europea purché in possesso dei titoli d'accesso equivalenti a quelli richiesti.

La lingua ufficiale del corso è l'italiano.

 

 

CRITERI DI AMMISSIONE

Per l’ammissione al corso è prevista una selezione articolata in due prove:

1.PROVA PRATICA

·       prova attitudinale - musicale consistente nell’esecuzione di un brano a scelta del candidato (durata massima 10 minuti)

·       improvvisazione informale sulla base delle indicazioni espresse dalla commissione esaminatrice

2.COLLOQUIO MOTIVAZIONALE E ATTITUDINALE

·       Il colloquio motivazionale verrà effettuato con modalità di valutazione formativa, oltre alla funzione di accertare le motivazioni e le aspettative professionali del candidato

 

SCHEDA DI ADESIONE

Per poter partecipare al corso è necessario inviare via fax (0445 364102) o via mail ( musicoterapia@istitutomusicaleveneto.itIndirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo ) il modulo di preiscrizione entro e non oltre la data indicata.

 

MODULO DI PREISCRIZIONE

 

 

ORGANIZZAZIONE DEL CORSO

Il corso è suddiviso in quattro aree di studio:

·       area musicale - area informatica

·       area psicologica

·       area medica

·       area musicoterapica

 

Il corso ha una durata triennale per complessive n° 510 ore suddivise in tre annualità:

1° anno: 170 ore

2° anno: 170 ore

3° anno: 170 ore.

 

Materie previste:

AREA MUSICALE

SEMIOLOGIA DELLA MUSICA 20 ore

ACUSTICA 20 ore

TEORIA E TECNICA DELLE PERCUSSIONI 20 ore

PRATICA IMPROVVISATIVA 25 ore

LABORATORIO DI VOCALITA’ 20 ore

ELEMENTI DI INFORMATICA MUSICALE 15 ore

AREA MUSICOTERAPICA

OSSERVAZIONE MUSICOTERAPICA 20 ore

MUSICOTERAPIA 1° LIVELLO 30 ore

MUSICOTERAPIA 2°LIVELLO 30 ore

MUSICOTERAPIA 3° LIVELLO 30 ore

PRATICA OSSERVATIVA - ANALISI DEI CASI CLINICI 20 ore

ESPERIENZA DI SUPERVISIONE – TUTORING 30 ore

MUSICOTERAPIA APPLICATA E

LABORATORI ESPERIENZIALI 56 ore

AREA MEDICA

NEUROLOGIA 30 ore

NEUROPSICOLOGIA 21 ore

PSICOPATOLOGIA E PSICHIATRIA 21 ore

AREA PSICOLOGICA

OSSERVAZIONE 9 ore

PSICOLOGIA GENERALE E ELEMENTI DI

PSICOLOGIA DINAMICA 18 ore

PSICOLOGIA DELL’ETA’ EVOLUTIVA 18 ore

PSICOLOGIA DELLA MUSICA 18 ore

PSICOLOGIA DEL RITMO 9 ore

 

Materie previste per anno:

I ANNO

Materie

ore

esame

SEMIOLOGIA DELLA MUSICA

20

esame

ACUSTICA

10

esame

PRATICA IMPROVVISATIVA

8

--

ELEMENTI DI INFORMATICA MUSICALE

9

--

PSICOLOGIA GENERALE ED ELEMENTI DI PSICOLOGIA

18

esame

NEUROLOGIA

30

esame

OSSERVAZIONE MUSICOTERAPICA

20

--

MUSICOTERAPIA 1° LIVELLO

30

esame

TOTALE

160 ore

5 esami

 

II ANNO

Materie

ore

esame

TEORIA E TECNICHE DELLE PERCUSSIONI

20

--

LABORATORIO DI VOCALITA'

20

--

PRATICA IMPROVVISATIVA

15 (+6)

--

ELEMENTI DI INFORMATICA MUSICALE

6

--

PSICOLOGIA DELLA MUSICA

18

--

NEUROPSICOLOGIA

21

esame

MUSICOTERAPIA 2° LIVELLO

30

esame

LABORATORIO DI MUSICOTERAPIA APPLICATA

30

--

TOTALE

160 ore

2 esami

 

III ANNO

Materie

ore

esame

ELEMENTI DI INFORMATICA MUSICALE

6

--

PSICOLOGIA DELL'ETA' EVOLUTIVA

18

esame

PSICOLOGIA DEL RITMO

9

--

PSICOPATOLOGIA E PSICHIATRIA

21

esame

MUSICOTERAPIA DI 3° LIVELLO

30

esame

PRATICA OSSERVATIVA E ANALISI DEI CASI CLINICI

20

--

ESPERIENZA DI SUPERVISIONE TUTORING

30

--

LABORATORIO DI MUSICOTERAPIA APPLICATA

26

--

TOTALE

160 ore

3 esami

 

Tutti gli altri corsi indicati, per la loro natura esperienziale e pratica non prevedono esame ma delle verifiche in itinere da parte degli insegnanti.

E' previsto un esame finale alla fine del terzo anno con una discussione di una tesi da parte dell'allievo. Per poter accedere all'esame finale è obbligatorio aver svolto interamente il tirocinio, come riportato di seguito, e aver superato tutti gli esami previsti.

 

 

 

TIROCINIO

A partire dal secondo anno di Corso, ogni studente dovrà svolgere, previa notifica alla Direzione, un tirocinio di almeno 250 ore (cumulabili negli ultimi due anni del corso) presso Enti pubblici o Istituzioni private legalmente riconosciute.

Lo studente, oltre a notificare il luogo o i luoghi in cui svolgerà il tirocinio, presenterà un progetto di attività che la Direzione provvederà a notificare ad uno dei docenti con funzione di referente.

Al termine del tirocinio, lo studente presenterà alla Direzione del Corso una attestazione rilasciata da un responsabile dell'Ente o dell'istituzione in cui ha effettuato il tirocinio e una relazione documentativa dell'attività svolta. Questa relazione sarà discussa in un colloquio con il docente referente.

Il tirocinio si può svolgere presso Enti pubblici o Istituzioni private legalmente riconosciute che svolgano o accettino attività di musicoterapia. Si auspica che il tirocinio venga svolto là dove già opera un musicoterapista.

 

ENTI E STRUTTURE CONVENZIONATE PER IL TIROCINIO

 

 

COORDINAMENTO E DIREZIONE

Direzione Generale e Amministrazione: M° Bruno Grotto

Direzione e Coordinamento Didattico: dott. Stefano Navone

Segreteria e pubbliche relazioni: dott.ssa Laura Pettinà

 

 

DOCENTI DEL CORSO

 

Docenti area musicale:

M° Bruno Grotto, Prof.Alberto La Rocca,M° Lorenzo Fattambrini, M° Luca Nardon, M° Giorgio Borghini, Prof. Francesco Thiella.

 

Docenti area psicologica:

Dott.ssa Roberta Bertoldo, Dott. Luca Bertolli, Dott.ssa Annesa Farinello e Dott.ssa Marta Rigo

 

Docenti area medica:

Dott.ssa Cristina Ruffato, Dott.ssa Emanuela Collareda, Dott.ssa Annesa Farinello

 

Docenti area musicoterapica:

Prof. Alfredo Raglio, Prof. Giangiuseppe Bonardi, Dott.ssa Emerenziana D’Ulisse, Prof. Gianni Vizzano, Prof.ssa Stefania Cerri, Prof. Gino Victor Ruoso, Dott. Stefano Navone.

 

Comments