Il Nome di Gesù


 

Scopri la storia del convento di Fiesole

San Bernmardino da Siena a Fiesole
Il nome di Gesù

Il Nome di Gesù era stato somma tenerezza per San Francesco d’Assisi: “Se gli avveniva di sentir pronunziare il nome di Gesù, si dimenticava di tutto. Vedendo, più non vedeva; udendo, più non udiva: aveva Gesù nelle orecchie, negli occhi… in tutte le membra(Tommaso da Celano).

Il Nome di Gesù fu supremo amore per Bernardino da Siena. Per il Suo nome inventò un’immagine: su una tavoletta fece dipingere un sole da cui partivano dodici raggi. Nel globo di questo sole spiccava l’abbreviazione del nome latino di Gesù Salvatore degli uomini: IHS. I raggi significavano “la radiosa fede sparsa in tutto il mondo”.

Il Nome di Gesù è l’intero contenuto della salvezza: “In nessun altro nome c’è la salvezza; non vi è altro nome in cui possiamo essere salvati”. (Atti 4,12)

Il Nome di Gesù è la pienezza della vita cristiana: “Tutto quello che fate in parole e in opere, tutto si compia nel nome del Signore Gesù” (Col 3,17).

San Bernardino da Siena fece raffigurare dappertutto la sua tavoletta: sugli ingressi delle case, nei frontoni dei palazzi, sugli altari delle chiese, sulle porte delle città: ovunque doveva apparire il segno della salvezza.

Inno al Santissimo Nome di Gesù

All'orecchio, al labbro, al cuore
il Tuo nome è un grato incanto
O tre volte dolce e santo, sempre amabile Gesù.
Chi t'invoca con amore, rapir tutto in Ciel si sente;
Né più ingombran la sua mente vili affetti di quaggiù.
Tu potente più di un campo ordinato alla battaglia
Fuggir vedi come un lampo il nemico insidiator.
Qual v'ha mai poter che valga contro il braccio dell'Eterno?
Deh! Tu dunque al mio governo vieni, o Nome vincitor.
Tu nei dubbi mi rischiara, negli affanni mi consola,
Al soccorso mio Tu vola fra i perigli del sentier;
E nell'ora la più amara pei banditi figli d'Eva,
Tu mi affranca, Tu mi eleva la Tua gloria a posseder.

Amen