san Michele di Pavia


Per visionare meglio queste foto, vai direttamente a Picasa e regola il tempo.
Pour mieux visualiser ces photos, allez directement sur Picasa et réglez le temps.

La basilica è il più insigne monumento dell'architettura romanica lombarda. Fu costruita in epoca longobarda, sulle rovine di una preesistente chiesa pure intitolata a San Michele. Dopo la caduta del regno longobardo, essa divenne cappella palatina. Nell'839 vi è battezzata Rotruda, figlia di Lotario I e di Ermengarda. Poi vi furono incoronati re d'Italia Ugo di Provenza (926), Berengario II e il figlio Adalberto (950), Arduino d'Ivrea (1002), Enrico II il Santo (1004). Nel 924 l’edificio fu danneggiato e incendiato dagli Ungari; nel 1004, dopo un altro incendio, fu parzialmente ricostruito. Con l'incoronazione del Barbarossa (1155), si chiude il periodo storico più glorioso della basilica.

Stupenda costruzione romanica di bionda arenaria, l'edificio attuale risale al 1090-1100, ma subì poi restauri e rifacimenti. La facciata principale mostra l’impronta di epoche diverse. Il portale maggiore è sormontato da una statua di San Michele.
L'interno, a croce latina e a tre navate, ha un aspetto mistico, imponente. Quasi sotto la cupola ottagona sorge l'altar maggiore, in legno dorato. L’interno è arricchito da vari affreschi. Una cappella del transetto custodisce il crocifisso in lamina d'argento, detto di Teodote (secolo XII). La cripta, divisa in tre navate, ha volte a crociera.

Sito sulla Basilica di San Michele: http://www.sanmichele-pavia.it/html/home_ita.htm
La basilique San Michele Maggiore (Saint-Michel-Majeur) est un exemple d'architecture religieuse romane de Lombardie. Elle est située sur le site d'une église lombarde pré-existante, dont la partie inférieure du campanile fait partie. Détruite en 1004, l’église est rebâtie à la fin du xie siècle et achevée en 1155. Elle est caractérisée par l'usage de grès et par un très long transept, possédant une façade et une abside propres. Frédéric Barberousse y est couronné en 1155.
Comments