https://sites.google.com/site/giulianacesariniproart/home/artes-y-generos/karima-skalli/marruecos.png  Karima Skalli                                                                                                                                                         Spagnolo

https://sites.google.com/site/giulianacesariniproart/home/artes-y-generos/karima-skalli/karimaSkalli01.jpg
        Karima Skalli, nata a Casablanca (Marocco), è un’artista straordinaria conosciuta tra gli amanti più esigenti della Musica Araba. Procedente da una famiglia di musicisti e artisti, Karima Skalli si distingue per la sua bella voce (chiara, calida, e sensuale) y per la sua carismatica personalità che irradia sensibilità e grazia. É una delle poche cantanti donne arabe che, attualmente, continuano a interessarsi alla Canzone Classica Araba; grazie ai suoi concerti di Musica Tradizionale Araba ha ottenuto, in poco tempo, una gran fama in tutto il Medio Oriente, e anche in Europa e negli Stati Uniti.   
    
Karima Skalli è cresciuta ascoltando le note della Musica Andalusa e della Musica Melhoun: un gran vantaggio per la sua successiva carriera artistica, nel momento di scegliere i brani musicali e, soprattutto, ha forgiato la personalità artistica e la sua eleganza. Grazie a ciò la gran voce del Marocco, che mantiene il suo stile con certezza e che brilla di luce propria nello spazio artistico arabo. I testi della Musica Melhoun generalmente trattano di tutte le tematiche dell’esistenza del genere umano; non solo degli avvenimenti più importanti della nostra realtà, ma anche, di cose meno visibili; i testi parlano di razzismo, di politica, dell’attenzione prestata ai genitori, di religione, dei tempi antichi e moderni; in definitiva, il Melhoun, con le sue canzoni, è un arte che ha come obbiettivo educare le persone. 

     Karima Skalli comincia a cantare nel seno della sua famiglia all’età di nove anni, però inizia la professione di cantante più tardi (a causa del matrimonio e della nascita di tre figli). Nonostante ciò, entra nel Mondo della Canzone per la “porta grande” per aver scelto le canzoni delle voci più celebri della Canzone Classica Egiziana come: Oum Kalshoum (conosciuta negli Anni 50 e Anni 60 come “La Dama della Canzone Araba"), Souad Mohamed, Leila Morad, e, specialmente, Asmahan (la mitica cantante siriana che incorporò alla Musica Araba i trilli operistici e altre tecniche del “bel canto”, e che innamorò al pubblico degli Anni 30). Tra l’altro, va fatto notare la grande somiglianza della voce, e anche del fisico, tra la leggendaria cantante Asmahan e la nuova diva della Canzone Marocchina Karima Skalli; tanto, che alcuni critici d’arte chiamano Karima Skalli: “Asmahan la Marocchina”

     Inspirata nelle grandi voci dei classici egiziani, Karima Skalli entró con grande entusiasmo nel difficile spazio artistico arabo distaccando rapidamente per il suo talento e per le sue qualità vocali, ciò le valse il riconoscimento degli organizzatori dei festival più importanti del Mondo Arabo. Quattro mesi dopo il suo primo concerto nel “Festival de la Goulette” (Tunisia), fu invitata all’importante “Festival y Congresso de la Musica Araba” nell’Opera del Cairo (Novembre de 1999) interpretando il repertorio della cantante Asmahan (modello e fonte d’inspirazione di Karima), accompagnata dall’Orchestra Filarmonica d’Egitto diretta dal Maestro Salim Sahhab, il successo fu enorme. Nel 2000, partecipò al “Festival di Musica Sacra di Fez” presentando un repertorio di Musica Sufi composto, specialmente per lei dal liutista e compositore marocchino Said Chraibi, cantando in duo con la cantante americana Wilhemina Fernández

Foto di Karima Skalli in un Omaggio alla cantante Asmahan
https://sites.google.com/site/giulianacesariniproart/home/artes-y-generos/karima-skalli/karimaSkalli02.jpg
 Karima Skalli ha partecipato in numerosi eventi tra i quali: “Festival di Cartagine”, “Festival della Medina” (Tunisia), “Settimana Culturale del Marocco” (Abu Dhabi). Ha partecipato nelle “Notti Poetico-musicali”, in ricordo ai poeti arabi come: Adonis (Alí Ahmad Said) nell’Istituto del Mondo Arabo di Parigi nel Dicembre del 2000, e Amal Donkol (Opera del Cairo, Maggio del 2003). Nel 2004 fu un’invitata speciale nell’omaggio alla cantante Asmahan (celebrato nell’Istituto del Mondo Arabo di Parigi), la direzione dell’Opera del Cairo, selezionò Karima Skalli grazie alla somiglianza artistica e vocale con la mittica diva della Siria. 

Nel 2005 partecipa nel “Festival de la Medina” (Tunisia) in un recital con la liutista tunisina Yousra Dhabi, nel 2007 ha partecipato nel “Festival Internazionale de Cartago” e a Viena, nel “Primo Forum di Donne Diplomatiche Arabe”. Grazie al suo talento, ha partecipato nel famoso “Festival di Musica di Beiteddine”, che si celebra nel Libano e che invita alle stelle internazionali della Canzone Araba. 

Karima Skalli ha offerto numerosi concerti negli Stati Uniti (Michigan e Los Angeles), con l’Orchestra Universale MESTO diretta dal Maestro Nabil Azzam. L’Orchestra Universale MESTO (“Multi Ethnic Star Orquesta”) fu fondata nel 2001 dal Maestro Dott. Nabil Salim Azzam (nato nella città israeliana di Nazareth, ottenne il dottorato in Musica nel 1990 nell’Università di California) per facilitare la tolleranza culturale e la comprensione, tra Oriente e Occidente, attraverso la Musica; “MESTO” es un’orchestra unica, formata da cinquanta artisti, che combina le tradizioni dei molti generi musicali etnici di varie culture (Araba, Turca, Greca, Sefardita, della Romania, Bulgaria, Armenia, etc.) e gli strumenti tradizionali dell’orchestra Sinfonica Classica Occidentale.