Degni di Nota [4], Berlin

pubblicato 6 giu 2013, 15:52 da Giovanna Latis   [ aggiornato in data 6 giu 2013, 15:53 ]

In mostra, la Brancusi Mini

c/o RAUM Italic, Spazio Corsivo
Schliemannstrasse 29
Berlin

5-29 giugno 2013

Degni di Nota - Brancusi 01

pubblicato 14 apr 2012, 16:22 da Giovanna Latis   [ aggiornato in data 14 apr 2012, 17:15 ]

17-21.04.2012 Salone del Mobile 2012
Degni di Nota: design in Italy in critical times
Cucina dei Frigoriferi Milanesi - via Piranesi 10, Milano
 
"Giovanna Latis, macchinista luminosa"
di Matteo Pirola
 

Giovanna Latis è una designer, che non dimentica il linguaggio proprio dell’architettura. Sente nascere i progetti da dentro e attraverso una ricerca discreta ma determinata, sperimenta, prova e riprova fino a chiarirsi le idee, che diventano progetto. Fare per capire, e poi scegliere, lasciando la possibilità a chi ne gode di costruirsi una sua storia, con personaggi e paesaggi definiti. Prende spunto da cose casuali e da ambienti culturali anche sfuocati, si prende cura delle eccezioni e le fa diventare regola, si accorge di cose minime e le fa diventare degne di nota.

Così ha fatto con il sistema “Brancusi”, omaggio al grande scultore, ma soprattutto al suo atelier e al suo lavoro, dove il disordine apparente trovava un ordine funzionale grazie a speciali strumenti che aveva ideato: meccanismi a sbalzo, orientabili, leggiadri ed efficaci, sorreggevano strumenti di lavoro e materia per alleggerire le azioni, e per togliere quel senso di gravità alla scultura.
Come Constanin Brancusi sospendeva i suoi strumenti da lavoro, Giovanna Latis sospende lo “strumento” per creare un ambiente: la luce.

“Brancusi” è una famiglia di lampade ed è un modo di illuminare, sono tanti oggetti in uno, che determinano una specie di sistema solare d’interni, fatto di stelle elettriche. Non un semplice impianto di illuminazione, ma un progetto di luce, fatto certo di aste, carrucole, contrappesi, cavi, lampade ready-made, ma soprattutto di movimento che gioca con la complessità dello spazio. La lampadina si muove e produce luci diverse, vicine e lontane, radenti, puntuali o diffuse… e fa ombre, che disegnano lo spazio.

Lampadina Par 38
Cavo elettico con rivestimento in tessuto
Braccio mobile in ferro cerato
Contrappeso in ferro cerato
Carrucole

Bulb Par 38
Electrical cable with fabric cover color silver
Waxed iron movable arm
Waxed iron counterbalance
Pulleys




[acasa] : Tavolo Colino con Michele De Lucchi

pubblicato 14 apr 2012, 16:10 da Giovanna Latis   [ aggiornato in data 18 apr 2012, 03:50 ]

17-21.04.2012 Salone del Mobile 2012
FBR - via Benedetto Marcello 2 Milano
Tavolo rotondo diametro cm 150
Tavolo ondina cm 320x120
 
Produzione Riva 1920
Design Michele De Lucchi con Giovanna Latis
 
Piano in rovere massello
Gamba in cedro massello

[acasa] : Brancusi 02 + Brancusi Mini

pubblicato 14 apr 2012, 15:57 da Giovanna Latis   [ aggiornato in data 18 apr 2012, 03:56 ]

17-21.04.2012  Salone del Mobile 2012
FBR  -  via Benedetto Marcello 2 Milano
 
Brancusi 02 

2 Lampadine 
Cavo elettico con rivestimento in tessuto, colore oro e argento
Bracci mobili in ferro verniciato a fuoco colore bianco
Contrappesi in ferro e legno
Carrucole
Cavo di nylon

Lampada doppia composta da due bracci indipendenti, in cui la luce si può spostare in altezzza, direzione e posizione.

2 Bulbs 
Electrical cable with fabric cover color silver and gold
Waxed iron movable arms, painted colour white
Waxed iron and wood counterbalances
Pulleys
Nylon cables

Double lamp built with two movable arms, where bulbs can be
fi xed in diff erent positions independently. One light is pointed on the wooden model of the American Academy, the other one gives general lighting to the conversation area.


Brancusi Mini

1 Lampadina
Cavo elettico con rivestimento in tessuto,colore argento a treccia
Braccio mobile in acciaio satinato
Contrappeso in ferro
Carrucole

Lampada singola  in cui la luce si può spostare in altezzza, direzione e posizione.

Bulb
Electrical cable silver color
Stainless steel arm
Iron counterbalances
Pulleys


Single lamp where bulbs can befi xed in diff erent positions.








Pietra Carta Forbice

pubblicato 14 apr 2012, 15:48 da Giovanna Latis   [ aggiornato in data 14 apr 2012, 17:16 ]

16-21.04.2012 Salone del Mobile 2012
Biblioteca di Santa Maria Incoronata, corso Garibaldi 116 Milano
 
PICCOLI OGGETTI DA COMODINO
Il piacere del viaggio si sublima spesso nella collezione di piccoli oggetti che ci riportano ai luoghi e alle atmosfere visitate: non solo i souvenir turistici, ma piccole cose di minore o maggiore valore spesso raccolte negli alberghi, nei
ristoranti, nei luoghi visitati.
Sono in genere oggetti di uso quotidiano e per questo sono così efficaci nel riportarci velocemente con la memoria ai luoghi lontani una volta tornati a casa.
Questa collezione di “Piccoli oggetti da comodino” è pensata per essere regalata agli ospiti degli alberghi, che la trovano sui comodini delle loro comode camere e, inevitabilmente, se ne affezionano. Si tratta di oggetti utili e poetici al tempo stesso,
come lanterne, portagioie, vassoi e vassoietti, e possono essere realizzati facilmente in metallo, cartoncino riciclato, impiallacciatura di legno.
La prima serie richiama le architetture della Puglia: i trulli, le cattedrali e le masserie. La grafica  è realizzata con serigrafia su lamiera metallica, in bianco sui toni caldi delle terre pugliesi.
Sono oggetti da collezione e come tali sono destinati a diventare una famiglia di oggetti declinati in diverse tipologie e tematiche.
 
 

Verzura Chandelier

pubblicato 14 apr 2012, 15:01 da Sergio Alifano   [ aggiornato il 14 apr 2012, 17:16 da Giovanna Latis ]

23.06.2011
Light installation for the event "Hungry City: Rome - How food shapes our lives" - by Fritz Haeg and Carolyn Steel
Chandelier realized with branches and leaves of olive tree, lavender, laurel, in the chiostro of the American Academy in Rome

Fontanonestate

pubblicato 14 apr 2012, 14:41 da Sergio Alifano   [ aggiornato il 14 apr 2012, 17:17 da Giovanna Latis ]

26.07.2011
via Garibaldi, Roma
 
Performance of american contemporary artists. Lighting installations by Giovanna Latis
 
Con DJ Korenelius
Giovanna Latis
Huck Hodge
Paul Rudy
Jennifer Scappettone 
Difforme Ensemble
Karen Yasinsky
 
Direction Correy Brennan and Paul Rudy.

Open Studios

pubblicato 14 apr 2012, 14:30 da Sergio Alifano   [ aggiornato il 14 apr 2012, 17:17 da Giovanna Latis ]

 
 
25 - 28.05.2011
American Academy in Rome
School of Fine Arts Open Studio, Lecttura, Concerto

Galileo Anniversary

pubblicato 14 apr 2012, 14:16 da Sergio Alifano   [ aggiornato il 14 apr 2012, 17:17 da Giovanna Latis ]

14.04.2011 
Galileo 400th Anniversary Event at the American Academy in Rome
 
 
 
Brancusi 03
 
suspended lamp for the illumination of a copy of Galileo's telescope 

Accademia Stanze Persone

pubblicato 14 apr 2012, 13:43 da Sergio Alifano   [ aggiornato il 14 apr 2012, 15:09 da Giovanna Latis ]

21.01 - 03.03.2011
L'American Academy in Rome presenta le opere degli artisti italiani in residenza tra il 2006 e il 2011.
Mostra a cura di Luca Massimo Barbero e Lexi Eberspacher
 
Manfredi Beninati
Carola Bonfili
Manuele Casale
Flavio Favelli
Massimo Gezzi
Giovanna Latis
Guido Mazzoni
Luca Nostri
Filippo Perocco
Paola Pivi
Marco Raparelli
Gianmaria Sforza
SISSI
Nico Vascellari
Luca Vitone
 
Giovanna Latis presents the two light installation inspired by the atelier of Constantin Brâncuşi: 
the Brancusi 01 and the Brancusi 02

1-10 of 10