Adolescente atleta in Cittadella

 
ADOLESCENTE ATLETA IN CITTADELLA
Anno?, 40/50, Olio, Informali.
 
Questo quadro lo tengo come un'icona sul muro sopra il tavolo della sala dove abitualmente do lezioni o preparo lavori di greco et alias.
Accanto a questo, a sinistra, c'è la Scuola Magistrale di Debrecen, a destr a Il meccanico ungherese e, sull'altra parete, La centrale di via Volturno e La Strada.
Il quadro dell'Adolescente... mi è venuto di getto una sera, al ritorno dalla Cittadella, dove andavo a correre. In quel periodo (primi anni '80, se non lo stesso 1980) si allenavano per corse importanti, le atlete del locale Centro Sportivo. Fra queste una certa mora detentrice anche, mi pare di ricordare, di un titolo sui 1500 m.
Le ragazze, tutte giovani ovviamente, nei loro bellissimi costumi blu, si producevano in numerosi scatti, i classici "ripetuti", per portare la forma ai massimi livelli.
Erano guardate con ammirazione da tutti e, chiunque corresse, si fermava per non ostacolare la loro dura prova.
Giunto a casa, fissai subito in un disegno l'impressione che mi era rimasta dentro. Essenzialmente una figura femminile di adolescente, per metà creatura umana, per metà albero, attorniata da alberelli in chiave protettiva, le foglie stilizzate a richiamare la foglia del grembo femminile. Al suolo, al massimo della stilizzazione e tutte in rosso acceso, le piste dello stadio o del facente tale funzione nel Parco della Cittadella.