Home page




fcomp@pust.it                                  

Comprendersi.blogspot.it




Facciamo dei giochetti inutili e ci perdiamo in sottigliezze superflue: questi ragionamenti non ci rendono virtuosi, ma dotti. La saggezza è una cosa più chiara, anzi più semplice: basta poco studio per arrivare alla saggezza. A noi, invece, anche la filosofia serve per perderci in inutili questioni. Pure negli studi soffriamo di intemperanza come in ogni altra attività: impariamo per la scuola, non per la vita. 

Seneca, Lettere a Lucilio, 106.


E' perciò che rarissimamente troviamo chi ammetta d'essere stato felice e, giunto il momento, lasci la vita soddisfatto, come il buongustaio, dopo un buon pranzo, lascerebbe la tavola.

Inde fit, ut raro, qui se vixisse beatum dicat, et exacto contentus tempore vitae cedat uti conviva satur, reperire qaeamus.

Orazio, Satira I, I










Utenti connessi