L

 

Dizionario dell'italiano ticinese, grigionese e federale. Lessico svizzero italiano. Glossario di termini utilizzati in Svizzera.

 HOMEPAGE                                                                   BIBLIOGRAFIA

 

A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L M  N  O  P

  Q   R  S  T  U  V  W   X  Y  Z 

 

Laborantine -> Tecnico (donna) di laboratorio, assistente di laboratorio, laboratorista. Dal tedesco Laborantin, femminile di Laborant.

Laboratorio protetto - Petralli (p. 157) lo considerava un "ticinesismo molto usato", dal francese "laboratoire protégé"). Forse lo era quando ha scritto il suo libro, ma ora non lo è più. Laboratorio protetto = "laboratorio in cui si insegnano attività manuali varie a soggetti handicappati" (De Mauro online); "centro di lavoro per handicappati" (Zingarelli 2010). V. anche Atelier.

Läckerli, Leckerli (pron. Lècherli) - Biscotto speziato, a base di mandorle e miele e canditi, glassato, di forma quadrata o rettangolare, tipico di Basilea. -> de.wikipedia, fr.wikipedia. Da Läckerli viene Läckerligraben, espressione scherzosa, sul calco di Röstigraben (v.) volta a indicare l'isolamento unito a incomprensione in cui verserebbe Basilea rispetto al resto della Svizzeratedesca. Nelle votazioni federali in cui emerge il suddetto Röstigraben il cantone di Basilea Città si ritrova non di rado unico cantone della Svizzera tedesca ad esprimersi in sintonia con i cantoni di lingua francese.

Basler Läckerli, de.wikipedia.

LADI - Legge federale sull’assicurazione obbligatoria contro la disoccupazione e l’indennità per insolvenza -> Testo.

Ladro (elettricità) -> Spina elettrica a più prese. Con Google trovo presa multipla, multipresa,spina multipla (più raro), Vitale e Savoia traducono "presa elettrica multipla" ("Lo Svizzionario", p. 38). Aggiungerei: "piccola": non ho mai sentito chiamare "ladro" la presa multipla più recente di forma allungata, munita di cavo e a volte di interruttore, in Italia detta comunemente "ciabatta". Il Garzanti online dà ladra = presa elettrica multipla, come termine regionale, il De Mauro idem, come toscano! Un amico mi spiega che in orgine il "ladro" era un raccordo munito di due prese laterali, inseribile alla base di una lampadina: si svitava la lampadina dal portalampade, vi si avvitava il "ladro", al quale si riavvitava la lampadina (v. foto sotto). Nelle prese laterali potevano essere inserite delle spine elettriche in modo da "rubare" la corrente destinata alla lampadina (l'amico precisa che un tempo si pagava a seconda del numero di lampadine in casa, affermazione che richiederebbe una verifica). Secondo Vitale e Savoia il termine ha una certa diffusione anche in Lombardia ("Lo Svizzionario", p. 38). Nel Vocabolario del dialetto di Busseto (Parma, Emilia-Romagna -> Immac.it) trovo làdar = ladro = "raccordo aggiuntivo all'energia elettrica da applicare al supporto di una lampadina per "rubare" energia, utilizzata principalmente come 'presa' per il ferro da stiro".

                                                                               Ladri originali (foto Tabasio)


Lago di Locarno - Nome correntemente usato in Ticino per indicare il Lago Maggiore o Verbano.

LAMal - Legge federale sull’assicurazione malattie, che ha istituito l’assicurazione di base obbligatoria. Una delle poche sigle di leggi note a tutti in Svizzera in seguito all'aumento vertiginoso dei premi di cassa malattia dopo che è entrata in vigore nel 1996. V. Cassa malati. -> testo LAMal.

Lambretta -> Scooter. Termine probabilmente usato solo da ultracinquantenni. Dal nome dello scooter prodotto fra il 1947 e il 1972 dalla industria meccanica Innocenti di Milano, nel quartiere di Lambrate sul fiume Lambro (-> Wikipedia). Io chiamo ancora oggi lambretta anche la Vespa!

Lanciamento (film) -> Lancio, trailer = "presentazione pubblicitaria di un film di imminente programmazione che ne anticipa alcune sequenze, effettuata sia al cinema che in televisione" (De Mauro). Lanciamento è peraltro parola del tutto italiana (Treccani, Hoepli), seppure meno comune di lancio.

Lanciamine (mil.)
-> Mortaio = "pezzo di artiglieria ad avancarica con bocca da fuoco corta, in grado di effettuare tiri con grandi angoli di inclinazione, particolarmente efficace nel colpire bersagli vicini, ma nascosti da rilievi o fortificazioni" (De Mauro online). Lanciamine = "dispositivo collocato a poppa delle navi posamine, costituito da un piano inclinato dal quale le mine vengono lasciate cadere in mare" (De Mauro). Il termine lanciamine è usato nell'esercito svizzero al posto di mortaio e viene in questo senso dal tedesco Minenwerfer, che anche i dizionari traducono "lanciamine". Wikipedia in italiano dà Minenwerfer = lancia-mine, ma con senso limitato a un tipo di mortaio usato dagli eserciti tedesco e austroungarico nella Prima Guerra Mondiale.

Landamano - Presidente del governo cantonale, in alcuni cantoni della Svizzera tedesca (ted. Landammann) -> DSS; Wikipedia. Nei Grigioni landamano è, o era, il presidente di Circolo (v.). A Davos (GR) si chiama landamano il sindaco. Nel primo Ottocento c'era anche il landamano della Svizzera. Dal 1814 al 1830 la Costituzione ticinese prevedeva due Landamani tra i Consiglieri di Stato, con un mandato biennale: uno presiedeva il Gran Consiglio (Landamano reggente), l'altro il governo. È rimasto nei libri di storia il landamano Giovanni Battista Quadri, uomo forte del primo governo chiamato Consiglio di Stato, despota della Restaurazione e in seguito forse il primo "oregiatt" del cantone -> pagina Oregiatt.

Landjäger - Salsiccia secca lunga una quindicina di cm, pressata a forma di parallelepipedo, speziata, leggermente affumicata. Il Dizionario Sansoni online traduce "cacciatore affumicato". In tedesco Landjäger è termine antico e regionale per gendarme, poliziotto di campagna. Nella Svizzera francese questa salsiccia è chiamata proprio "gendarme". -> Landjäger nel Patrimonio culinario svizzero.

Verschiedene Landjäger Landjäger, da Wikipedia .


Landfogto, Lanfogto, Landvogto (stor.) - Governatore di un baliaggio, balivo che rappresentava il potere dei cantoni sovrani nei baliaggi (oggi si direbbe "colonie") della vecchia Confederazione, fino al 1798. Dal ted. Landvogt = balivo. Nel baliaggio di Lugano era chiamato capitano reggente, in quello di Locarno, commissario. -> Dizionario storico della Svizzera. Nei vecchi testi ticinesi si trovano le italianizzazioni Foc , Foco e Foch (per Vogt), e perfino Fochessa per la moglie del Landfogto. Il termine è usato oggi talvolta in tono polemico, in particolare dalla Lega dei Ticinesi, per indicare le autorità federali, che continuerebbero a considerare il Ticino un baliaggio: "La rapina dei landvogti di Berna ai danni del Ticino prosegue", "chiudiamo i rubinetti ai landvogti bernesi, costruiamo il secondo tubo del tunnel autostradale del Gottardo??" (Mattinonline.ch). V. in proposito anche alla voce Balivo.

Landsgemeinde - Assemblea generale dei cittadini di alcuni piccoli cantoni della Svizzera tedesca, una delle più semplici e antiche forme di democrazia diretta in Svizzera -> Wikipedia, Dizionario storico della Svizzera.

Abstimmung an der Landsgemeinde am 7. Mai 2006 in Glarus

Landsgemeinde, da Wikipedia.


Landscriba (stor.) - Funzionario con mansioni di segretario, cancelliere, interprete o notaio nei baliaggi della vecchia Confederazione pre 1798. Si può tradurre semplicemente con "cancelliere". Dal tedesco Landschreiber -> Dizionario storico della Svizzera.

Landsturm (militare) - Truppe formate da soldati fra i 43 e i 50 anni (fino a 60 prima del 1961). Abolita nel 1995. V. anche Landwehr.

Landvogto -> V. Landfogto.

Landwehr (militare) - Truppe formate da soldati fra i 33 e i 43 anni, abolite con la riorganizzazione Esercito 95. V. anche Landsturm.

Lapis -> Matita. Non si tratta affatto di un ticinesismo come qualcuno crede sui forum internet: è solo parola (latina!) un po' antiquata, riportata da tutti i dizionari, che in Ticino si è conservata meglio rispetto all'Italia. Ricordo "Poesie scritte con lapis" di Marino Moretti.

Lasagna (gergo militare) - Appellativo scherzoso per i gradi più alti dell'esercito (brigadiere, divisionario, comandante di corpo), eventualmente per i gradi intermedi (maggiore, tenente colonnello, colonnello) - con riferimento alla forma delle decorazioni giallo-oro sul cappello e sulle mostrine per indicarne il grado. V. Spaghetti.

Lavette -> Pezzuola da bagno, di solito in tessuto spugnoso, per l'igiene quotidiana. Pronuncia: lavètt. Lavette in questo senso è francese regionale svizzero (e belga) = "petit carré de tissu éponge servant à la toilette" (Cnrtl.fr; Larousse). È italianizzato a volte in lavetta, termine che trovo, con il plurale lavette, anche su siti web italiani -> Risultati Google. Mi pare anche di aver sentito "lavette", detto in francese, al Tg RAI del 13.8.2011, con riferimento a quelle rubate nelle camere d'albergo. In Italia l'oggetto sembra avere un uso limitato rispetto alla Svizzera: "Sono dei piccolissimi asciugamanini solo per le mani da mettere in bagno quando si hanno ospiti a cena", leggo su Forum.alfemminile.com. In Svizzera servono in primo luogo per lavarsi. Erano in auge soprattutto decenni fa, quando non c'era ancora l'abitudine della doccia quotidiana. Possono essere usate per rinfrescarsi il viso (le distribuiscono sugli aerei a questo fine) o le ascelle in mancanza di una doccia (utili nei rifugi alpini ecc.), come la manopola = Specie di guanto senza dita, di spugna morbida, usato come accessorio da toeletta per insaponarsi (Treccani).

Lavoro su chiamata -> Lavoro a chiamata, o lavoro intermittente, si dice in genere in Italia (Risultati Google). Il massimo del precariato: passare il tempo ad aspettare che il padrone ti telefoni per dirti che gli servi un paio d'ore.

Lazzaretto -> Ospedale militare. Dal tedesco Lazarett con lo stesso significato. In italiano: ospedale dove un tempo venivano ricoverate in isolamento le persone affette da malattie contagiose (Garzanti online).

Lecca -> Scivolone, capitombolo, caduta rovinosa, spec. nell'espressione piantare una lecca = finire a gambe all'aria. Dialettale, colloquiale. Al maschile, abbreviazione di leccaculo.

Lega dei Ticinesi - Partito fondato nel 1991 da Giuliano Bignasca, suo "presidente a vita" -> Wikipedia. Ideologia e pratica politica simili a quelli della Lega Nord in Italia (in precedenza della Lega lombarda) presa a modello ->Wikipedia, sito web Legaticinesi.ch. Ha per organo "Il Mattino della domenica" -> Wikipedia, sito web Mattinonline.ch.

Legge federale urgente - Legge federale che deve entrare in vigore immediatamente dopo la sua adozione in Parlamento. Se è lanciato il referendum, la legge federale urgente decade dopo un anno se entro questo termine non è stata accettata in votazione dagli aventi diritto di voto. V. anche Legislazione d'urgenza e Clausola d'urgenza.

Leghista - Membro o simpatizzante della Lega dei Ticinesi (v.).

Legislativa (sost.) - Commissione della legislazione del Gran Consiglio (parlamento cantonale) ticinese. "La Legislativa chiede di valutare la creazione di un corpo unico (di polizia ndr)": sottotitolo del "Corriere del Ticino", 13.11.2008, p. 11.

Legislazione d'urgenza - La legislazione d'urgenza svizzera si differenzia da quella vigente in Italia, dove si riferisce ai decreti-legge adottati dal governo (art. 77 della Costituzione). V. Legge federale urgente e Clausola d'urgenza.

Legumi -> Verdura, ortaggi, significato del francese légumes, spesso reso pari pari in italiano dalla stampa ticinese. In italiano, legume =1 baccello; anche, pianta che produce baccelli; 2pl. i semi commestibili contenuti nel baccello, come le fave, i piselli, i fagioli: minestra, contorno di legumi. (Garzanti online).

Lex Duvalier -  Nome informale della Legge sulla restituzione degli averi di provenienza illecita (LRAI), entrata in vigore il primo febbraio 2011 e volta in particolare a restituire ad Haiti i fondi depositati in Svizzera dall'ex dittatore Jean-Claude Duvalier, detto "Bébé Doc"). La legge prevede il blocco e la restituzione di averi conseguiti illecitamente da dittatori o politici corrotti anche nel caso in cui una domanda d'assistenza giudiziaria internazionale non possa avere esito a causa della situazione di dissesto del sistema giudiziario dello Stato richiedente.

Lex Koller - Nome informale della Legge federale sull'acquisto di fondi da parte di persone all'estero (LAFE -> testo), che impone una serie di limitazioni -> de.wikipedia. La legge "limita l’acquisto di fondi da parte di persone all’estero, per evitare l’eccessivo dominio straniero del suolo indigeno" -> Art. 1 Scopo . Essa prende il nome da Arnold Koller, consigliere federale responsabile di Giustizia e Polizia tra il 1990 e il 1997. Si tratta di una revisione, entrata in vigore il 1.10.1997, della precedente Lex Friedrich, entrata in vigore il 1.1.1985, che a sua volta aveva sostituito la Lex Furgler, entrata in vigore il 1.2.1974 al posto della Lex Von Moos (tutti cognomi di ministri), in vigore dal 1.4.1961 (in un primo tempo come decreto federale limitato a 5 anni). A fine 2012 - inizio 2013 il parlamento ha deciso di non abrogare la Lex Koller, a causa del surriscaldamento immobiliare.

Lex Weber - Non è (ancora) una legge, bensì il nuovo articolo costituzionale  Art. 75b - Abitazioni secondarie. Esso corrispondente al testo dell'iniziativa popolare lanciata dalla fondazione Helvetia Nostra dell'ambientalista Franz Weber ("iniziativa Weber") e accettata da popolo e cantoni l'11 marzo 2012 . "La quota di abitazioni secondarie rispetto al totale delle unità abitative e della superficie lorda per piano utilizzata a scopo abitativo di un Comune non può eccedere il 20 per cento", stabilisce l'articolo. Il Consiglio federale ha emanato un'ordinanza di applicazione (in attesa della legge), in vigore dal primo gennaio 2013.

Liberale - Membro o simpatizzante del Partito liberale radicale PLR (in Ticino) o del Partito liberale democratico (PLD, sezione del PLR svizzero); membro del Partito liberale svizzero (oggi sciolto e confluito nel PLR; è rimasta autonoma solo l'ex sezione di Basilea Città, con la sigla LDP = Liberal-demokratische Partei). Liberale con la cotta (dialettale: liberal dala cota): liberale cattolico, liberale che va in chiesa.

Libero passaggio (avere di) - Avere di vecchiaia accumulato nell'ambito della previdenza professionale (v. Cassa pensione). In base alla legge federale sul libero passaggio, se l'assicurato cambia posto di lavoro l'intera prestazione di libero passaggio deve essere trasferita all'istituto di previdenza del nuovo datore di lavoro. Se l'assicurato non riprende un'attività lavorativa, la copertura previdenziale deve essere mantenuta sotto forma di una polizza di libero passaggio: l'avere di cassa pensione viene parcheggiato in una banca e il titolare non può disporne fino a 5 anni almeno prima dell'età di pensionamento. Senza relativa notificazione, al più tardi due anni dopo l'insorgere del caso di libero passaggio l'istituto di previdenza provvederà a versare la prestazione di libero passaggio, compresi gli interessi, all'istituto collettore dove verrà costituita una polizza di libero passaggio per la persona assicurata. -> Glossario di Swisscanto.ch.

Libertà condizionale -> Libertà con la condizionale, condizionata.

Libervit - Pinza idraulica per l'estrazione di feriti da automobili accidentate. Dal nome dell'impresa Libervit produttrice di tali apparecchi. Usato come termine generico in Ticino -> Risultati Google.

Lib-lug -> Liberal-luganese. Aggettivo (in analogia con lib-lab = liberal-laburista) utilizzato per definire l'ala liberale del Partito liberale radicale ticinese (PLRT), in cui spiccano noti esponenti della destra economica luganese -> Risultati Google.

Libretto (scolastico) -> Pagella, in Italia.

Libretto di famiglia - Quadernetto che viene consegnato alle coppie come certificato al momento del matrimonio. Vanno in seguito iscritti i figli subito dopo la nascita, dall'Ufficio di Stato civile.

Libretto di servizio - Documento individuale di identità (un libretto dalla copertina rigida) dell'esercito in cui sono contenute le informazioni relative al soldato e ai suoi trascorsi militari (servizi effettuati, promozioni, eventuali giorni di carcere militare) ed è elencato il materiale ricevuto in dotazione.

Libretto di tiro - Documento di dimensioni simili a quelle del Libretto di servizio (v.) in cui sono iscritti in particolare i risultati ottenuti nel tiro obbligatorio (v.) effettuato fuori dal servizio militare. I due libretti sono sempre assieme come fratelli. Oggi sostituito dal Libretto delle prestazioni, mi dice un collega più giovane.

Libretto ETI -  Assicurazione per i viaggi in Svizzera e all'estero proposta dal Touring Club Svizzero (TCS) ai suoi affiliati. In Svizzera circa 700'000 persone sono titolari di un "Libretto ETI".  Web -> Assistenza viaggi ETI.

Libro del telefono -> Elenco telefonico. Colloquiale, corrente. Forse sul calco del tedesco Telefonbuch. V. anche Annuario telefonico, sul calco francese.

Licenza (universitaria) - Corrispondeva alla laurea in Italia. Con la nuova Convenzione di Bologna, sottoscritta anche dalla Svizzera, mirante all'uniformità dei titoli accademici, alla vecchia licenza (ted. Lizentiat) corrisponde il Master.

Licenziato (univ.) -> Laureato. Termine usato prima che entrasse in vigore il nuovo sistema di Bologna (v. alla voce Licenza). Licenziato in diritto (spesso abbreviato in lic. jur. o lic. iur.)  = laureato in legge, in giurisprudenza. Vietato chiamare un licenziato "dottore" come si farebbe in Italia, v. alla voce Dottore.

Licenza di circolazione - Documento di immatricolazione di un veicolo, meglio noto nella Svizzera italiana come carta grigia, per il suo colore.  Licenza di circolazione, denominazione ufficiale in Svizzera, è usato anche in Italia (Risultati Google), dove corrente sembra però essere Carta di circolazione (-> Wikipedia), o libretto di circolazione, termini peraltro usati anche in Svizzera. Per i dati legali -> Licenza di circolazione.

 


 

Licenza di condurre -> Patente di guida (Wikipedia). Licenza di condurre la denominazione ufficiale, burocratica. Patente (di guida) è termine corrente anche nella Svizzera italiana, non di rado però usato al plurale: "ritirare le patenti", v. alla voce Patenti. Licenza di condurre in prova: dal 1° dicembre 2005 chi supera l'esame di guida ottiene una patente la cui validità è limitata a tre anni, la cosiddetta licenza di condurre in prova. Solo dopo aver seguito una formazione complementare e aver superato il periodo di prova senza infrazioni rilevanti alle norme della circolazione stradale si ottiene la licenza di condurre di validità illimitata. Basi legali: Legge federale sulla circolazione stradale, Art. 15a Licenza di condurre in prova. Maggiori informazioni sul sito ti.ch v. -> La licenza di condurre, La licenza di condurre in provawww.ti.ch/circolazione. Per i dati legali -> Licenza di condurre .

 

 

Licenziare un messaggio -> Approvare un messaggio (v.), da parte del governo, e trasmetterlo al parlamento. Licenziare per "approvare", da parte di un governo o un parlamento non figura sui dizionari consultati, ma è usato anche in Italia: licenziare una legge -> Risultati Google.

Liceo inferiore -> Pre-liceo nel canton Grigioni, dove il percorso di uno studente è diviso in un primo ciclo di due anni (liceo inferiore, ted. Untergymnasium) e in un secondo ciclo di 4 anni, il liceo vero e proprio (ted. Obergymnasium). Il "liceo inferiore" è parallelo e quasi equivalente ai primi due anni di scuola secondaria (o media). Si distingue per l'insegnamento del latino. L'esame d'ammissione può avvenire prima di ciascuno dei tre anni di scuola secondaria. Di norma, soprattutto per le classi grigionitaliane, avviene dopo il secondo anno di scuola secondaria, l'ottavo della scuola dell'obbligo.

Lic. iur., lic. jur. -> Laureato in giurisprudenza, laureato in legge. Abbreviazione latina di licentiatus iuris, nell'italiano elvetico licenziato in diritto (v.), spesso utilizzata da chi non può (ancora) fregiarsi del titolo di avvocato: funzionari statali, stagisti in uno studio di avvocato. L'abbreviazione è usata in tutta la Svizzera (-> de.wikipedia). V. anche alla voce Licenza.

Lift -> Ascensore. I dizionari lo danno solo nel senso di "inserviente addetto all'ascensore, in alberghi o in grandi edifici pubblici", abbr. di lift-boy = ragazzo dell'ascensore (Garzanti online). Lo trovo anche su qualche pagina web italiana. Il passaggio del termine nell'italiano ticinese è certamente avvenuto via il tedesco, lingua in cui Lift è sinonimo corrente di Aufzug: sui bottoni esterni degli ascensori svizzeri Schindler in Ticino appare la scritta "LIFT".

Linea di conto -> Considerazione, nella locuzione entrare in linea di conto (v.). Calco sul francese.

Lisciva -> Detersivo. I dizionari lo danno come variante popolare di liscivia = soluzione ottenuta filtrando la cenere di legno in acqua bollente, usata un tempo come detersivo per i panni: lavare le lenzuola nella l. (De Mauro online. Dialettale: lessiva, influenzato dal francese lessive.

Lista delle trattande -> Temi all'ordine del giorno. V. Trattanda.

Livelli scolastici - Il sistema scolastico svizzero è molto complicato perché le scuole sono di competenza dei cantoni e ognuno fa a modo suo in attesa dell'entrata in vigore del concordato HarmoS (v.). Esso è tuttavia ufficialmente diviso in una serie di livelli. La comprensione dei termini non è immediata, per cui inserisco qui una breve definizione. La formazione obbligatoria comprende i livelli prescolastico (asilo, scuola dell'infanzia, 1-2 anni a seconda dei cantoni, 3 in Ticino), primario (scuola elementare) e secondario I (dal 7° al 9° anno = scuola media in Ticino). La formazione postobbligatoria comprende il livello secondario II o medio-superiore ("scuole di maturità" come il liceo, "scuole specializzate", "scuole di maturità professionale") e il livello terziario (università e politecnici, "alte scuole pedagogiche", "scuole universitarie professionali" o SUP, "scuole specializzate superiori"). C'è infine un "livello di 4° grado" postuniversitario che si conclude con il dottorato. Maggiori informazioni -> Breve descrizione del sistema educativo della Svizzera (CDPE, edk.ch) - Il sistema educativo della Svizzera (educa.ch)- Rappresentazione grafica del sistema educativo della Svizzera (CDPE) - Le scuole in Ticino  (Ti.ch). V. anche Wikipediade.wikipedia.

Livragare -> V. Livragazione.

Livragazione -> Stralcio di nomi da una lista elettorale da parte dell'elettore. "Se l'elettore fa uso sia della livragazione sia del cumulo, la scheda è valida e il voto viene assegnato al candidato doppiato" (Messaggio del Consiglio di Stato ticinese, 21.1.2003). Il verbo è livragare = stralciare a mano da una lista elettorale i candidati che non si vogliono votare. Davvero curioso l'uso della parola in Ticino. Il Garzanti e il De Mauro online non la danno, e neppure livragare, ma trovo una definizione del verbo su Enciclopedia.studenti.it: 1) Uccidere con un processo sommario. 2) Accanirsi senza motivo contro qualcuno. ~ infierire. La parola livragazione entrò nel vocabolario politico in Italia nel 1891, quando fu rivelato il primo scandalo coloniale italiano: il tenente dei carabinieri Dario Livraghi, capo della polizia indigena dell'Eritrea, i "bascibuzuk", aveva fatto trucidare 800 abissini assoldati dall'Italia ma ritenuti infidi. -> articolo nell'Archivio storico del Corriere della Sera. In Italia livragare e livragazione sembrano essere stati usati nei primi decenni del XX secolo soprattutto da esponenti della sinistra con il significato di "liquidare" e simili, mi dice una breve ricerca nel web: "... un piano per livragare il partito socialista", scrisse Amedeo Bordiga ("Ordine nuovo", 29.4.1919).

Lodevole - Aggettivo che si fa precedere ad enti pubblici come Municipio e Consiglio di Stato, retaggio dell'antico linguaggio cancelleresco (v. al riguardo Lurati pp. 153-158). Fa da pendant all'onorevole usato per i membri di esecutivi e legislativi, sia cantonali sia comunali. Codesto lodevole è un'altra formula cancelleresca, pittosto ridicola ma ancora viva in Ticino, posta davanti al nome di un'autorità: "si richiama da codesto lodevole Tribunale l'incarto n. 34.2004.88" (da sentenze.ti.ch); "Volutamente non presentiamo ora a codesto lodevole consesso il disegno di una revisione globale" (da un Messaggio del governo ticinese al parlamento); "Chiedo pertanto a codesto lodevole Municipio..." (dall'interrogazione di un consigliere comunale leghista al Municipio di Locarno). Altri esempi con Google.

Lohn - Grande villa con giardino situata a Kehrsatz, nei pressi di Berna, dove il Consiglio federale (governo svizzero) riceve spesso gli ospiti stranieri (-> Google Maps). Costruita nel 1782/83 come residenza di campagna della famiglia patrizia bernese von Tcharner, è stata regalata alla Confederazione nel 1942 -> de.wikipedia, Swisscastles.ch.

Löita - Ripido pendio erboso di montagna. Termine dialettale leventinese che si trova sulle cartine topografiche. Esso è limitato alla valle Leventina, mentre nel resto del Ticino si trovano Pianca (v. a questa voce) o simili. Più info alla pagina TOPONIMI TICINESI (E GRIGIONESI) DELLA MONTAGNA.

LORD - Legge sull'ordinamento degli impiegati dello Stato e dei docenti (del cantone Ticino). -> [PDF] testo.

Lotta svizzera - La lotta svizzera è "lo sport nazionale per eccellenza", praticato tuttavia quasi esclusivamente nella Svizzera tedesca, dove la sua popolarità è comparabile a quella del sumo in Giappone. "Ogni tre anni i migliori lottatori svizzeri si danno appuntamento alla festa federale di lotta svizzera e delle tradizioni alpigiane nella speranza di conquistare il titolo di re della disciplina". "Vince il concorrente che, senza mollare la presa dai calzoni dell'avversario, riesce a farlo cadere sulla schiena in modo tale che entrambe le scapole tocchino terra. La giuria valuta la prestazione dei due lottatori, attribuisce un punteggio e stabilisce le coppie di concorrenti per il combattimento successivo". Le informazioni virgolettate sono tratte dal sito Ch.ch. In tedesco è detta Schwingen (de.wikipedia, da cui la foto sotto) e i massicci lottatori sono chiamati affettuosamente "die Bösen", "i cattivi". Tutto sulla lotta svizzera sul sito (solo in tedesco) dell'associazione dei lottatori Esv.ch.

Turner- und Sennenschwinger im Kampf

Lozza - Sporcizia. Fig. schifezza, disordine e simili. Parola del colorito dialetto di Biasca che entra inevitabilmente nel vocabolario di chi vi abbia frequentato una scuola, passando anche nell'italiano delle Tre Valli. Esempi in Risultati Google. La parola dialettale "loza" si trova però anche in vari dialetti del Nord Italia con il significato di pantano, untume, sporcizia, dal latino lutum = fango (v. "Dizionario etimologico dei dialetti italiani" di Manlio Cortellazzo) e lozza figura anche su siti web italiani con significati simili (Risultati Google). Interessante a questo proposito quanto si legge sull'origine del toponimo Lozza, comune del Varesotto in Wikipedia. Nel gergo della droga lozza sembra essere usato per indicare l'eroina (-> Danno.ch). Da lozza viene lozzone (dial. lozzon) = persona sporca o disordinata e simili. Lo trovo pure su forum giovanili di pagine web italiane.

LPP - Legge federale sulla previdenza professionale (LPP): v. Cassa pensione e Secondo pilastro.

LSV (pagamenti) - Sistema di addebitamento diretto, ordine di addebito bancario diretto: consente al creditore di eseguire l'incasso dei pagamenti addebitandone l'importo direttamente sul conto del debitore (se questi è d'accordo e ha firmato il relativo modulo). Rid bancario in Italia (Rid = rapporto interbancario diretto: "si tratta di una operazione di prelievo automatico di un determinato importo da un conto corrente e conseguente accredito su un conto corrente di un'altra banca; in pratica i soldi passano da un istituto di credito a un altro in modo automatico." -> Yahoo answers, v. anche Wikipedia). LSV è acronimo tedesco di Lastschriftverfahren (fr. recouvrement direct, ingl. direct debiting) -> Lessico bancario UBS.

LU - Sigla del canton Lucerna (ted. Luzern).

Ludro -> V. Mangiare come un ludro.

Luganese - Abitante di Lugano. Il termine può avere un senso un po' spregiativo nel resto del Ticino, Sopraceneri in particolare, anche al di là delle dispute sportive. Sottintende: fanfarone, smargiasso, millantatore, significato del soprannome dei luganesi: sbroia (v. a questa voce). A quanto sembra i luganesi avevano fatto una poco dissimile impressione, già nel Settecento, al nobile patrizio bernese Rudolf Ludwig von Erlach (1749-1808), che fu capitano reggente (balivo) nel "magnifico borgo" (4000 abitanti) sul Ceresio dal 1786 al 1788. Von Erlach non deve aver creduto troppo alle lodi sperticate fategli alla sua partenza (v. P. Callisto Caldelari, Bibliografia luganese del Settecento, p. 80). Scrisse infatti nel suo Précis des devoirs du souvrain (1791):

Testo non disponibile
Précis des devoirs des souverains Di Rodolphe Louis d' Erlach


Testo non disponibile
Précis des devoirs des souverains Di Rodolphe Louis d' Erlach


Luganiga - Salsiccia di carne di maiale (o mista) tritata fine, da bollire o grigliare -> Patrimoineculinaire.ch. Il termine è diffuso anche nel Nord Italia (Lombardia, Veneto) in più varianti: luganica, lucaniga, luganega... Non deriva da Lugano, ma da Lucania, con buona pace della Lega dei Ticinesi! Luganighetta: salsiccia di spessore più fine, lunga a piacimento, da arrotolare in padella, diffusa anch'essa nel Nord Italia -> Patrimoinecilinaire.ch.

Luogotenente - Vicesindaco a Poschiavo, nel canton Grigioni, comune il cui sindaco è ancora chiamato podestà! C'è un primo luogotenente, eletto dal popolo, e un secondo luogotenente, eletto fra i membri del Consiglio comunale (esecutivo) dalla Giunta comunale (legislativo). V. art 5 e 22 della Costituzione comunale- Versione HTML).

Lunghino -> Sfilatino di pane (che i dizionari danno però come italiano regionale), pane allungato e di forma sottile. La "baguette" francese, ammessa anche dai dizionari italiani.

Lüzina, Lüzzina, Luzzina -> V. Giro della Lüzina.