D

 Dizionario dell'italiano ticinese, grigionese e federale. Lessico svizzero italiano. Glossario di termini utilizzati in Svizzera.

 

HOMEPAGE                                                                   BIBLIOGRAFIA

 

A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  K  L M  N  O  P

  Q   R  S  T  U  V  W   X  Y  Z 

  

Dalla -> Dal, eventualmente, se sentito sulle onde della RSI, dove il femminile è spesso maschile. V. alla voce Una.

Dare seguito - Espressione usata in ambito parlamentare. "Concluso l’esame preliminare, la Camera decide di "dare seguito“ o no a un'iniziativa parlamentare. Nella procedura dell’esame preliminare, la Camera decide sulla necessità di elaborare un progetto di atto legislativo per rispondere alla richiesta dell’iniziativa. Se dà seguito a un’iniziativa, la Camera la trasmette alla competente commissione per l’elaborazione di un progetto di atto legislativo; se decide di non darle seguito, l’iniziativa è tolta dal ruolo" (dal Glossario del Parlamento). L'espressione è usata anche per il governo, che "dà seguito" a una proposta o richiesta del parlamento.

DDPS - Sigla del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport, il ministero della difesa svizzero. Sito web: DDPS. Ted: VBS, fr. DDPS.

Debarcadero -> Pontile d'imbarco. I Dizionari danno solo imbarcadero o embarcadero, "s. m. (mar.) molo, banchina, pontile a cui s'accostano le navi per l'imbarco e lo sbarco di passeggeri e merci" (Garzanti online), o anche imbarcatoio (Garzanti). Debarcadero è tuttavia registrato nell'Appendice di Bruno Migliorini al "Dizionario moderno" di Alfredo Panzini, (Ried. Hoepli, Milano, 1963): "Adattamento del franc. débarcadère. Sbarcatoio". A Locarno c'è pure il Ristorante Debarcadero e non sentirai mai nessuno parlare di imbarcadero, mi fa sapere un collega.

Decano (università) -> Preside di facoltà in Italia. Decano: "nelle università medievali e in talune straniere, preside di una facoltà", dice il Garzanti online. Tedesco: Dekan. Decanato è l'ufficio, la segreteria della facoltà.

Decreto d'abbandono (del procedimento) - Non luogo a procedere emesso dal procuratore pubblico (pubblico ministero) quando i sospetti non trovano conferma.  Di più alla pagina -> GIUDIZIARI.

Decreto d'accusa - Decisione di condanna emessa dal procuratore pubblico (pubblico ministero) per reati minori. Di più alla pagina -> GIUDIZIARI.

Decreto federale - "Sono emanate sotto forma di decreto federale disposizioni costituzionali, singoli atti importanti e decisioni di principio. Un decreto federale non sottostante a referendum è definito decreto federale semplice." (dal Glossario del Parlamento). Tedesco: Bundesbeschluss, einfacher Bundesbeschluss.

Debile - Derbole di mente, ritardato mentale. L'uso svizzeroitaliano è forse calcato almeno in parte sul tedesco debil = debole di mente o anche sul francese débile = ritardato, idiota, deficiente. I dizionari lo danno come antico o regionale per "debole" (-> Treccani). Sostantivo: debilità, che il Treccani dà come letterario per "debolezza, mancanza di forze, d'energie".

Decesso -> Deceduto. Un classico dei comunicati della polizia ticinese. Ma si trova anche in pagine web italiane -> risultati Google. In Google libri lo trovo soprattutto in opere dell'Ottocento, secolo in cui ricorreva spesso anche sulla stampa ticinese (trovato più volte nelle citazioni o riproduzioni sui libri di Plinio Grossi).

Degagna - Suddivisione territoriale-amministrativa della Vicinanza (v.) nel tardo Medioevo e nei secoli precedenti la costituzione del Canton Ticino, perlomeno in Leventina; oggi il termine equivale a Patriziato (v.) laddove è sopravvissuto (-> Wikipedia). Nel regno longobardo, decània era la più piccola circoscrizione amministrativa, retta da un decano (Treccani). In Leventina, il termine latino medievale è documentato nella più antica pergamena conservata in valle, risalente al 1171. Durante il dominio urano, sempre in Leventina, esistevano 8 vicinanze, ognuna delle quali contava da 3 a 5 degagne, a loro volta suddivise in 2 o 3 villaggi detti "vicinati" o "terre" (da cui il termine taron = dialetto locale). Degagne di origine longobarda c'erano anche nel Moesano: Roveredo ne contava quattro (-> Dizionario storico; Il Moesano). "Tra le competenze della degagna vi erano la gestione degli alpeggi e dei boschi, dei diritti di soma, la manutenzione delle strade; retta da un console, essa designava suoi rappresentanti nell'esecutivo della vicinanza" (Chiara Orelli nel Dizionario storico della Svizzera). Nel corso dell'Ottocento il termine degagna è stato sostituito per lo più da quello di Patriziato (v.). Nella vicinanza divenuta comune di Quinto i compiti che erano delle degagne sono stati in pratica assunti dalla Corporazione dei Boggesi (v.). La degagna di Dalpe e Cornone ha cessato di esistere nel 1866 all'atto di scioglimento della vicinanza di Prato (che comprendeva anche i due villaggi) per essere sostituita dal patriziato. La degagna di Prato ha per contro mantenuto l'antico nome mentre quella di Fiesso è diventata Patriziato degagnale di Fiesso, recentemente sciolto (Rsi). Nell'attuale comune di Faido (-> indirizzi) sono sopravvissute la Degagna di Cala (monte di Chironico), la Degagna generale di Osco (-> Regolamento, pagina Facebook), la Degagna di Fichengo (Calpiogna. Campello, Faido) e la Degagna di Tarnolgio in Piano. Fuori dalla Svizzera italiana segnalo la Repubblica delle sette degagne vallesana (Wikipedia).

-> Degagna nel Vocabolario dei dialetti della Svizzera italiana (fascicolo 88 p.24)



                      Vicinanza, degagna, vicinato - schema elaborato dallo storico Mario Fransioli, in "Dalpe", 2002, p.35.


Degagnale - Della degagna, attinente alla degagna (v. a questa voce).

Degressivo -> Regressivo, decrescente. V. alle voci Imposta degressiva e Imposta regressiva ->I

Delegazione amministrativa (delle Camere federali) - Delegazione parlamentare incaricata di sorvegliare la conduzione e la gestione finanziaria dei Servizi del Parlamento. È composta di sei membri, tre di ogni Ufficio delle due Camere federali: in generale, il presidente e i due vicepresidenti di ogni Consiglio -> Pagina web. Ted. Verwaltungsdelegation (VD), franc. Délégation administrative (DA).

Delegazione delle Commissioni della gestione (delle Camere federali), anche Delegazione della gestione, sigla DelCG o DELCDG - Gruppo di parlamentari  - tre membri per ogni Camera - preposto alla vigilanza sui servizi segreti: ha infatti per mandato "il controllo dettagliato delle attività svolte nell'ambito della sicurezza dello Stato e dei servizi d'informazione (art. 53 LParl)". È il solo organismo parlamentare che può esigere informazioni riservate su inchieste federali in corso o operazioni di "intelligence". "Previa consultazione del Consiglio federale", la DCG "può esigere dalle autorità federali e cantonali nonché dai privati ogni documento utile. Ha inoltre il diritto di interrogare dei funzionari federali e delle persone private a titolo di persone tenute a fornire delle informazioni, e questo senza tenere in considerazione il segreto d'ufficio o il segreto militare (art. 154-155 LParl)", si legge sulla sua pagina webTed. Geschäftsprüfungsdelegation (GPDel), franc. Délégation des Commissions de gestion (DélCdG).

Delegazione delle finanze (delle Camere federali) - Organo di controllo parlamentare sulle finanze federali. È composta di tre membri di ciascuna Commissione delle finanze delle due Camere.

Deliberare un lavoro  -> Appaltare, assegnare un lavoro, secondo Petralli (p.177). L'ho trovato però anche su pagine web italiane. Secondo il De Mauro online deliberare = 1) decidere, approvare con una decisione, spec. di un organo collegiale o di qcn. formalmente incaricato: la Giunta ha deliberato la ristrutturazione dell’edificio | anche ass.: la Corte si ritira per d. 2) assegnare, aggiudicare (nelle vendite all’asta). Sarebbe dunque corretto "deliberare l'assegnazione di un lavoro" ma non il lavoro stesso.

Deliberazione di dettaglio - Espressione del linguaggio parlamentare. Indica "la seconda fase della procedura di deliberazione durante la quale le Camere discutono su un progetto articolo per articolo. Le commissioni, i parlamentari, i gruppi e il Consiglio federale possono proporre modifiche sulle quali si pronuncia la Camera. La deliberazione di dettaglio si svolge dopo il dibattito di entrata in materia (v.)." (dal Glossario del Parlamento).

Delitto - Reato per cui è comminata una pena detentiva sino a tre anni o una pena pecuniaria, secondo il Codice penale svizzero (art. 10). Ted. Vergehen, franc. délit. Nel parlare e scrivere comune delitto è spesso usato al posto di reato (Tat in tedesco, infraction in francese). Delitto passionale: v. alla voce Omicidio passionale le osservazioni circa la traduzione del tedesco Beziehungsdelikt. V. anche alla voce Crimine.

Della -> Del, eventualmente, se sentito sulle onde della RSI, dove il femminile è spesso maschile. V. alla voce Una.

Democentrista - 1) Membro, elettore dell'Unione democratica di centro (UDC), partito decisamente di destra a dispetto del nome; 2) Relativo all'UDC; dell'UDC: congresso democentrista.

Democratici svizzeri - Piccolo partito xenofobo di estrema destra, erede dell'Azione nazionale di James Schwarzenbach e Valentin Oehen. Ted. Schweizer Demokraten, fr. Démocrates suisses. Più info: WikipediaSito web.

Democristiano - 1) Membro, elettore del Partito popolare democratico (PPD), d'ispirazione democristiana: in tedesco e francese è chiamato Partito democratico cristiano (CVP, PDC); 2) relativo al PPD, del PPD.

Deponia (pron. deponìa)  -> Discarica. Dal tedesco Deponie. Con un certa sorpresa l'ho trovato anche in un certo numero di pagine web italiane (risultati Google), non solo altoadesine ma anche piemontesi, lombarde e persino pugliesi e campane: "Il tentativo di riaprire la deponia nella zona di Montecorvino e la relativa levata di popolo, con blocco del traffico ferroviario con la Calabria e la Sicilia per quattro giorni, ha fatto notizia su tutti i giornali del mondo." (L'opinione di Stabia - Atalanews.it).

Deputazione - Delegazione parlamentare, gruppo di deputati, rappresentanti un partito ("la deputazione socialista in Gran Consiglio", nel senso generico degli eletti del partito, non del gruppo parlamentare formalmente costituito) o un cantone: la "deputazione ticinese alle Camere federali" comprende gli otto consiglieri nazionali e i due consiglieri agli Stati ticinesi e ha lo scopo di fungere da lobby unitaria a difesa degli interessi del cantone al di là delle divergenze politiche -> membri. "Delegazione parlamentare" è usato in Italia: c'è per esempio una "Delegazione parlamentare italiana presso l'Assemblea del Consiglio d'Europa", comprendente i deputati di tutti i partiti; con Google trovo anche "Rinnovo della delegazione italiana al Parlamento europeo". I dizionari danno deputazione come sinonimo di delegazione in senso generico.

Destro (sost.) -> Cesso, latrina, gabinetto. Italiano leventinese, dialettale. Si può trovare, in tono scherzoso, in testi di Giorgio e Giovanni Orelli. Un tempo era però buon italiano (= luogo destro, comodo), usato anche dal grande Leonardo da Vinci: "Ecci alcuni che altro che transito di cibo e aumentatori di sterco e riempitori di destri chiamar si debbono, perché per loro alcuna virtù in opera si mette"... ("Cinque pensieri di filosofia e morale", in Antologia della letteratura italiana, I, casa editrice G. D'Anna, Messina-Firenze 1960 p. 1104, v. anche  Risultati Google).

Detenzione preventiva - In Italia il termine legale è custodia cautelare (in carcere) -> Wikipedia, o anche carcerazione preventiva. Detenzione preventiva si trova però anche in molte pagine web italiane -> Risultati Google. V. sotto Carcerazione preventiva/di sicurezza nella sezione GIUDIZIARI.

Dezonamento - Riconversione (nei piani regolatori comunali) in zona agricola o protetta di terreni situati in una zona edificabile. Ted. Auszonung, fr. déclassement.  Il termine utilizzato in Svizzera non figura nei dizionari e sembra praticamente sconosciuto in Italia (-> Risultati Google). Il contrario è azzonamento (v. a questa voce) -> Glossario ARE: Cambiamento di destinazione, ted. Umzonung, fr. changement d'affectation.

Dialetto dei ferrovieri , dialetto della ferrovia - Espressione scherzosa usata per definire quello che oggi è ormai chiamato dialetto ticinese (v.), sorta di lingua franca in cui si sono stemperati i dialetti locali. Il riferimento ai ferrovieri è sicuramente dovuto al contributo fornito a questa unificazione, a partire dagli ultimi decenni dell'Ottocento, dall'apertura della linea ferroviaria del San Gottardo (-> Wikipedia): i ferrovieri (ma non solo loro) dovevano trovare una lingua comune per capirsi da Airolo a Chiasso, lasciando cadere le particolarità lessicali dei dialetti locali per adottare una sorta di mix fra i dialetti parlati nei centri maggiori (Lugano, Bellinzona, Locarno), a loro volta influenzati dal dialetto milanese e comasco.

Dialetto ticinese - Dialetto standardizzato, di formazione piuttosto recente, basato sui dialetti dei maggiori centri del Ticino, in particolare Lugano, ed espurgato dalle particolarità locali per essere usato come lingua franca fra ticinesi di ogni regione. Scherzosamente si parla di dialetto dei ferrovieri o della ferrovia (v.). I linguisti parlano di koinè: "lingua comune, con caratteri uniformi, che in una data zona si sovrappone alle varietà locali" (Garzanti online). Solo il "Caffè", domenicale ticinese redatto per lo più da giornalisti italiani, riesce a chiamare "stretto dialetto ticinese" quello, peraltro non malvagio, parlato dall'attore Yor Milano (17.7.2011 p. 31). Il "dialetto ticinese" è sempre più simile a un italiano cui siano state troncate le sillabe finali: nient ha sostituito nagott e simili, sbrissigà è diventato scivolà, ecc. Quando andavo al liceo era diventata famosa la frase pronunciata da un compagno: "ogg pomerigg a vad dal parücé" per dire "oggi pomeriggio vado dal parrucchiere", invece di "incö dopudisnà a vò/vu/vacc dal barbé"! Non ha molto senso quanto si legge in it.wikipedia sul dialetto ticinese: "Il Ticinese era un tempo diffuso soprattutto nella zona del Sopraceneri inglobando anche i dialetti parlati nelle italiane Val Vigezzo e nella Val d'Ossola, mentre nel Mendrisiotto e nel Luganese si assisteva a forti influenze del dialetto comasco. La suddivisione politica ha generato, col tempo, un fenomeno di uniformità del dialetto in tutto il Cantone portando ad una certa differenziazione dalle zone limitrofe." (copiaincollato il 29.12.2008). Per apprezzare appieno la molteplicità dei dialetti ticinesi si vedano il Vocabolario dei dialetti della Svizzera italiana, purtroppo ancora alla lettera C (fine 2008), e il Lessico dialettale della Svizzera italiana.

Diaporama  -> Audiovisivo fotografico. Considerato da Petralli (pp. 168-169) un ticinesismo, è entrato anche nell'italiano d'Italia. Lo dà lo Zingarelli 2010: "Proiezione di diapositive accompagnata da suoni o musica", come pure Wikipedia.

Dibattito di entrata in materia - Espressione del linguaggio parlamentare. Indica la prima fase della procedura di deliberazione nel corso della quale la Camera discute e decide se entrare o no nel merito di un progetto o di una questione. L’entrata in materia è obbligatoria se si tratta di iniziative popolari, preventivi, rapporti di gestione, consuntivi, conferimento della garanzia a costituzioni cantonali e mozioni dell’altra Camera. Se il voto sull'entrata in materia è positivo, si passa alla deliberazione di dettaglio (v.)
. (dal Glossario del Parlamento).

Dicastero  - Nella Svizzera italiana e nella Svizzera romanda (dicastère) il dicastero corrisponde all'assessorato comunale (l'ambito di responsabilità di un assessore) in Italia, dove dicastero - dicono i dizionari - è invece sinonimo, pochissimo usato mi sembra, di "ministero". V. anche Wikipedia. L'assessore è chiamato capodicastero (v).

Diesel -> Gasolio per motore Diesel. I dizionari che ho consultato non danno diesel in questo senso ma solo per il tipo di motore e per il veicolo di esso dotato: "ho comprato un diesel". Guardando con Google (non vado in Italia da qualche decennio!) vedo però che il termine è correntemente usato anche a sud di Chiasso: "I prezzi dei carburanti volano su nuovi record con la benzina che tocca 1,459 euro al litro ed il diesel 1,438." (Ansa, 2.5.2008). V. anche Nafta.

Dieta federale - Nell'antica Confederazione, assemblea dei delegati dei cantoni -> wikipedia, Dizionario storico della Svizzera. Ted. Tagsatzung, (o Tagleistung, o semplicemente Tag); fr. Diète fédérale. Dieta viene da dies = giorno, in latino.

Dietro (essere) -> Essere occupato (a fare qualcosa). V. Essere dietro.

Diffondere (radio/TV)  -> Trasmettere, mettere in onda. Petralli (pp. 293-294) lo indica come ticinesismo in questo senso, ma lo danno i dizionari: "fig., far conoscere a molte persone, divulgare: d. una notizia, d. il vangelo | trasmettere alla radio o alla televisione: il messaggio del Presidente verrà diffuso a reti unificate." (De Mauro online); "trasmettere: la radio ha diffuso un appello" (Garzanti online).

Digiuno federale -> Festa federale di ringraziamento è da qualche anno il nuovo nome, ma Digiuno federale si ritrova ancora ogni tanto. Si tratta di una festività religiosa e civile interconfessionale svizzera e ricorre la terza domenica di settembre. Non si digiuna certamente più e si ringrazia ancor meno, ma è certamente il giorno più austero dell'anno, con cinema chiusi e avvenimenti sportivi banditi (o quasi). In francese si dice ancora Jeûne fédéral: alcuni decenni fa (quando c'erano ancora le telex e sulle parole si omettevano gli accenti) un redattore italiano dell'agenzia stampa nazionale ATS poco informato, e nato ancora ai tempi del Fascio, aveva tradotto "Giovane federale", suscitando commenti sarcastici nelle redazioni ticinesi! In tedesco è detto Eidgenössische Dank-, Buss- und Bettag, o più brevemente Bettag, che in un comunicato della Cancelleria dello stato dei Grigioni ho visto tradotto in Festa federale di preghiera: non so se sia la denominazione corrente nel Grigioni italiano. Più info in Wikipedia.

Dignitas - Organizzazione svizzera specializzata nell'assistenza al suicidio, fondata nel 1998 nel canton Zurigo dall'avvocato Ludwig Minelli . Contrariamente alla sua omologa Exit, aiuta a suicidarsi anche persone provenienti dall'estero (l'85% dei suoi "clienti"). Dignitas non è una clinica come si legge sempre sulla stampa italiana: l'organizzazione ha cambiato più volte gli appartamenti utilizzati per il suicidio assistito, a causa delle lamentele dei vicini, e in mancanza di locali autorizzati è arrivata persino a portare a termine l'operazione dentro automobili. È stata criticata anche per aver usato l'elio come metodo di suicidio invece del consueto pentobarbital sodico. In Svizzera l'assistenza al suicidio non è punita se non è dettata da "motivi egoistici" (-> art. 115 CP - Istigazione e aiuto al suicidio). Più info: it.wikipedia, de.wikipedia, presentazione di Exit-Italia . Sito web: Dignitas.ch.

Dimissionare -> Dimettersi. In italiano dimissionare = dimettere, licenziare; indurre a dare le dimissioni (-> Garzanti; Treccani). Dal francese démissionner, un tempo considerato un barbarismo (-> Trésor) ma che ha sostituito progressivamente il vecchio "se démettre" ("il faudra se soumettre ou se démettre" è la famosa frase lanciata da Léon Gambetta, politico francese con antenati ticinesi (il nonno, originario d'Intragna, era emigrato a Genova), al presidente monarchico Mac Mahon il 16 agosto 1877) . Anche il tedesco "demissionieren" è stato mutuato dal francese (-> DWDS).

Dimora - v. Domicilio

Dipartimento - Ministero del governo federale o di un governo cantonale (ted. Departement, fr. département). Nella Svizzera tedesca si parla anche di Direzione (Direktion) in quest'ultimo caso. Dipartimento federale dell'interno: non si tratta del ministero responsabile delle forze di sicurezza come in Italia e altri paesi ma di un maxiministero "ripostiglio" responsabile di sanità, assicurazioni sociali,  cultura, educazione scienza e ricerca. Dipartimento presidenziale (Präsidialdepartement): 1) particolarità di Basilea Città,  introdotta nel febbraio 2009 dopo la revisione della Costituzione cantonale accettata dal popolo il 30.10.2005. Il capo del dipartimento e presidente del governo cantonale, eletto per quattro anni, funge anche da sindaco di Basilea ( -> sito web). Basilea ha una situazione unica a livello svizzero: governo, parlamento e amministrazione del Cantone si assumono infatti i compiti che sarebbero del Comune, mentre posiedono organi politico-amministrativi autonomi gli altri due comuni: Riehen e Bettingen. 2) Assessorato comunale (detto dicastero in Ticino) presieduto dal sindaco. Esiste in particolare a Zurigo (-> sito web) e Zugo.

Di picchetto  ->  Di guardia (medico), a disposizione, di turno (in un ospedale, nei vigili del fuoco ecc.). V. Picchetto.

Direttiva -> Direzione, direttivo (di un partito). Un tempo si parlava di Commissione direttiva. Nel frattempo Commissione non figura più nelle denominazioni degli organi direttivi. È tuttavia rimasto in uso l'aggettivo sostantivato. In Italia solo "direttivo" (sottinteso comitato).

Direttore (sost.) - 1) Nelle scuole medie e nei licei svizzeri il direttore corrisponde al preside in Italia. 2) Nella Svizzera tedesca e romanda è chiamato direttore (Direktor, directeur) il capo di un dipartimento (Direktion) del governo cantonale o di un assessorato comunale. In Ticino si parla in quest'ultimo caso di capodicastero (v.). A livello nazionale ci sono varie conferenze dei direttori cantonali, riunioni di coordinamento dei consiglieri di Stato (ministri cantonali) responsabili dei vari settori: direttori della sanità, direttori dell'educazione (istruzione), direttori della giustizia ecc..

Direttore (agg.) -> Direttivo: comitato direttore -> comitato direttivo, piano direttore -> piano direttivo, linee direttrici -> linee direttive. Il Garzanti non dà direttore come aggettivo in questo senso, il De Mauro lo dà come di "basso uso": "fondamentale, basilare: principio d., idea direttrice". Direttivo: "che dirige, che tende a dirigere: principi direttivi; consiglio direttivo | linea direttiva, direzione che si segue in un'azione o in un pensiero" (Garzanti); "che dirige: personale d., consiglio d. | che tende a dirigere, che indica il criterio da seguire: principi direttivi; linea direttiva: direzione che si segue in un’azione o in un pensiero" (De Mauro). Tasso direttore = tasso guida = Tasso d'interesse fissato da una banca centrale per i prestiti da essa erogati (fr. taux directeur, ted. Leitzins -> Lessico bancario UBS).

Direzione - 1) Dipartimento (v.) cantonale in diversi cantoni svizzerotedeschi; in altri si usa Departement. 2) Dicastero (= assessorato) comunale nei cantoni svizzerotedeschi e in parte almeno di quelli romandi. Ted. Direktion, fr. Direction.

Diritto di bollo -> Tassa di bollo (v.). Dal francese: droit de timbre. In tedesco è Stempelabgabe.

Diritto di necessità - "Diritto d'eccezione emanato dal potere legislativo o esecutivo tramite ordinanze o decisioni per far fronte ad uno stato di emergenza (gravi turbamenti dell'ordine pubblico o della sicurezza interna, situazione che minaccia la sicurezza esterna, l'indipendenza o la neutralità del Paese) che completa, modifica o abroga principi costituzionali, senza sottostare al consueto controllo democratico (referendum)" (definizione dalla banca dati della Confederazione TERMDAT). Traduzione del tedesco Notrecht, franc. droit de nécessité. In pratica due accezioni: 1) Diritto di eccezione (Ausnahmerecht) che si applica in situazioni di crisi straordinarie e gravi, come in caso di guerre o catastrofi naturali. Non è disciplinato nella Costituzione federale, ma si può basare sugli art. 52, 173 e 185 della stessa, secondo il Dizionario storico della Svizzera. 2) Il termine Notrecht è usato correntemente per indicare decisioni urgenti del Consiglio federale in nome della ragione di Stato. Notrecht è spesso tradotto impropriamente con diritto d'urgenza (v.). Più info alla pagina POLITICA.

Diritto d'urgenza "Diritto emanato dall'Assemblea federale attraverso la procedura d'urgenza prevista nella Costituzione e, dopo l'entrata in vigore, sottoposto all'approvazione del Popolo (referendum facoltativo) o, se privo di base costituzionale, all'approvazione del Popolo e dei Cantoni (referendum obbligatorio). Attualmente la legge federale urgente è il solo esempio di vero diritto d'urgenza." (definizione dalla banca dati della Confederazione TERMDAT). Il diritto d'urgenza prevede il ricorso  alla clausola d'urgenza (v.). Tedesco: Dringlichkeitsrecht - droit d'urgence. A volte questa locuzione traduce in modo inesatto il tedesco Notrecht = diritto di necessità, diritto di emergenza (v.).

Diroccato -> Rudere, edificio in rovina. L'aggettivo è usato in Ticino anche come sostantivo: "Nella zona di Marda sotto Certara, tra il diroccato e la cascata, si trova la fornace..." (da Vallidilugano.ch).

Discatore -> Giocatore di hockey su ghiaccio, hockeista. Il termine era stato registrato da Bruno Migliorini nella sua Appendice al "Dizionario moderno" di Alfredo Panzini (1963), ma nel senso di discobolo: "sportivo addestrato al lancio del disco". Panzini aveva registrato "hockeista", termine che trovo usato ancora oggi in Italia (-> Risultati Google Lista di hockeisti su ghiaccio - Wikipedia), mentre discatore è rarissimo -> Risultati Google. Il termine discatore è tuttora spesso usato in Ticino, nel cui capoluogo sono attivi i Giovani Discatori della Turrita (GDT), società sportiva di hockey su ghiaccio fondata nel 1972 (inizialmente esisteva l’Hockey Club Bellinzona) -> Sito web: Gdtbellinzona.ch; Storia GDT-04.2011.pdf).

Disco duro -> Disco rigido, disco fisso. Traduzione letterale di "hard disk". Sbeffeggiato come elvetismo su qualche forum web, ma lo trovo anche su parecchi siti italiani e su Wikipedia veneto!

Disco su ghiaccio -> Hockey su ghiaccio. Disco su ghiaccio non sembra essere usato oggi in Italia. Su internet ho trovato "Associazione Milanese Disco su Ghiaccio, formazione nata dalla fusione tra la Associazione Disco su Ghiaccio Milano e i Diavoli Rossoneri". Si era però nel 1935, ai tempi della campagna fascista per la purezza della lingua. "Disco su ghiaccio" è usato ancora da Bruno Migliorini nella spiegazione del termine "parastinchi" nella sua Appendice al "Dizionario moderno" (Ried. Hoepli, Milano, 1963) di Alfredo Panzini, il quale negli anni '30 aveva registrato solo Hockey, Ice-hockey.

Di sfroso -> Di frodo = di contrabbando o contravvenendo alle disposizioni di legge sulla caccia e sulla pesca. Per estensione: di nascosto, senza farsi notare, furtivamente. Colloquiale, usato anche in Lombardia se non altrove nel Norditalia (test Google). Dal dialettale ticinese e lombardo "da sfròs", "de sfròs" (-> Vocabolario milanese-italiano, Cherubini ), da cui il nome d'arte del cantante comasco Davide Van De Sfroos (Wikipedia).

Distributore -> V. Grande distributore.

Distretto - Suddivisione amministrativa e generalmente anche giudiziaria di quasi tutti i cantoni svizzeri. Il canton Grigioni conta 11 distretti, il Ticino 8 -> Distretti della Svizzera (Wikipedia). Tedesco: Bezirk, francese district. V. anche Circolo.

Di transenna -> Per inciso, incidentalmente, fra parentesi, nell'espressione "(sia) detto di transenna", usata da politici, giornalisti e avvocati:  Risultati Google.

Divisionario - Generale di divisione, a due stelle. V. Generale. Un tempo era chiamato colonnello divisionario.

Domanda eventuale -> Domanda sussidiaria, nel caso di un doppio sì in una votazione. Domanda eventuale è usato ufficialmente nel canton Ticino, mentre la Confederazione ha optato per domanda sussidiaria, o domanda risolutiva (quest'ultima locuzione è utilizzata nell'Art. 139b Procedura in caso di votazione su un’iniziativa e sul relativo controprogetto della Costituzione federale; ted. Stichfrage, franc. Question subsidiaire). Nel caso di una iniziativa e di un controprogetto in votazione, se vengono accettate entrambe le proposte (doppio sì), sarà l'esito della domanda sussidiaria a decidere quale dei due progetti entrerà in vigore. Con questa domanda sussidiaria i cittadini possono scegliere a quale dei due progetti intendono dare la preferenza qualora entrambi venissero accettati.

Domanda provvisionale -> Richiesta, istanza a titolo provvisorio, in vista di una decisione nel merito (da parte di un giudice, di un tribunale, di un'autorità). L'aggettivo provvisionale per provvisorio è dato dal De Mauro online come "basso uso". Domanda provvisionale si trova sul web solo in pagine svizzere -> Test Google, idem istanza provvisionale. Richiesta provvisionale si trova su pagine italiane ma con provvisionale come sostantivo = (dir.) somma il cui pagamento viene imposto dal giudice come anticipo della liquidazione definitiva (Garzanti online). V. anche Superprovvisionale.

Domicilio - Nella Legge federale sugli stranieri si distingue tra soggiorno di breve durata (Kurzaufenthalt, séjour de courte durée), dimora (Aufenthalt, séjour) e domicilio (Niederlassung, établissement). Tipi di permesso: Permesso di soggiorno di breve durata, per soggiorni di un anno al massimo, prorogabile fino a due anni (> Art. 32 ): permesso L, in particolare per soggiorni di formazione, con regole speciali per cittadini Ue + Aels -> Permesso L CE/AELS; in precedenza permesso A per lavoratori stagionali, limitato a 9 mesi e abolito con l'accordo di libera circolazione delle persone concluso con l'UE. Permesso di dimora, per soggiorni di più di un anno, di durata limitata ma prorogabile (> Art. 33): permesso B, per i cittadini Ue + Aels valido cinque anni, prorogabile per altri 5 anni -> Permesso B CE/AELS. Permesso di domicilio , di durata illimitata, concesso in genere ha chi ha già soggiornato in Svizzera almeno 10 anni (> Art. 34): permesso C, con regolamentazione speciale per i cittadini Ue + Aels -> Permesso C CE/AELS. Altri tipi di permesso: permesso G per frontalieri (Grenzgängerbewilligung) -> Permesso G CE/AELS; permesso N per richiedenti l'asilo -> Permesso N ; permesso F per persone ammesse provvisoriamente ->Permesso F ; permesso S per persone bisognose di protezione (Schutzbedürftige) -> Permesso S. I rifugiati riconosciuti ottengono il permesso B e dopo 5 anni il permesso C. Per queste ultime categoria si veda la Legge federale sull'asilo.

Domigliasca - Circolo (v.) nel distretto grigionese di Hinterrhein, nella valle del Reno posteriore a nord di Thusis. La località più a nord è Rothenbrunnen, la più meridionale è Sils. In tedesco Domleschg, in romancio Tumleastga.

Dormia (pron. dòrmia) -> Narcosi totale, anestesia generale. Più propriamente: sonnifero, farmaco usato a tale scopo: "dare la dormia". Dialettale, ma non soltanto ticinese: trovo la parola, con varianti, in dizionari dei dialetti di varie regione del Nord Italia. Dormia è già citata nel Vocabolario milanese-italiano di Francesco Cherubini del 1840 con i significati di "alloppio (da oppio, ndr), sonnifero, medicamento per dormire". Si veda al riguardo anche Lingua e letteratura in Svizzera, atti del convegno tenuto all'Università di Losanna, 21-23 maggio 1987, Ed. Casagrande Bellinzona, 1989 (appendice).

Dottore - In Ticino (e nel resto della Svizzera) si dice dottore solo al medico o eventualmente - se proprio ci tiene - a chi ha ottenuto un dottorato all'università, mai a un semplice laureato (in Svizzera: licenziato, v.). Chi si fa chiamare dottore e non lo è rischia come minimo gli sbeffeggi di tutto il cantone. Sull'uso del termine v.  Wikipedia.

Drill -> Esercizio ripetitivo e sfiancante, volto a rendere automatici i singoli movimenti. Termine tedesco e inglese del linguaggio militare, molto in auge un tempo anche nell'esercito svizzero che copiava tutto da quello prussiano (-> Dizionario storico della Svizzera). Si trova ancora oggi nel Regolamento di servizio, v. art. 37 Successo dell’istruzione: "L’addestramento sotto forma di drill è necessario dove si esige un comportamento basato sui riflessi, in particolare per la padronanza di armi e apparecchi". V. anche Scuola di sezione. Trovo la parola anche sul sito web del Corpo Pompieri di Maggia: "esercizio drill". La parola è usata talvolta in senso figurato. Sembra essere impiegata anche in Italia nell'ambito sportivo e dell'insegnamento, sul calco inglese (Risultati Google).

Drosa -> Ontano nano, ontano montano, ontano verde, alno verde, Alnus viridis (foto Google), arbusto cespuglioso di montagna. Dialettale, pron. dròsa (Sopraceneri). "Un luogo senza vipere e sassi (...) e drose da scorticare il muso ..." (Plinio Martini, "Il fondo del sacco" (1970), 22a ed. 2005, Casagrande, Bellinzona, p. 24). 

DRS - Radio della Svizzera tedesca. Abbreviazione di SR (= Schweizer Radio) DRS  (= deutsche und rätoromanische Schweiz -> Drs.ch. La sigla scompare definitivamente a fine 2012 per diventare "Radio SRF" -> V. RSF.

Duale -> V. Formazione duale e Sistema duale.

Duplica -> Replica alla replica, controreplica. Dal tedesco Duplik -> de.Wikipedia.Termine usato in sede giudiziaria e anche politica: "Sono consentite una breve replica dell’interpellante e la duplica del Municipio" (dal sito comunale Camorino.ch). Nella procedura civile federale: risposta del "denunciato" (convenuto - Beklagter - défendeur) alla replica del "denunciante" (attore - Kläger - demandeur): "Il giudice delegato ordina una replica se appare necessario che l’attore si spieghi per iscritto sulle allegazioni della risposta. Nelle stesse condizioni può essere assegnato un termine al convenuto per presentare una duplica" (Art. 32, Legge di procedura civile federale). Il De Mauro dà duplica ma la spiegazione non è proprio di chiarezza cristallina= "dir.rom., nel processo civile: clausola eventualmente inclusa, su richiesta del convenuto, nella formula predisposta dal pretore e tendente a paralizzare la replica". Nel linguaggio giudiziario ticinese c'è anche la triplica (ted. Triplik), ossia replica alla controreplica.