Blog

EsConvention 2017 a Bologna il 16 settembre. Le modalità per partecipare.

pubblicato 27 ago 2017, 13:18 da Francesca Sanesi   [ aggiornato in data 13 set 2017, 10:43 ]

EsConvention 2017
Smart working, social collaboration e comunicazione pubblica. Il valore delle persone

Bologna, Unioncamere Emilia – Romagna
sabato 16 settembre 2017 h.10/18

EsConvention è l’appuntamento annuale dell’Associazione di Ecosistema Camerale. Quest’anno si svolgerà a Bologna, nella sede di Unioncamere Emilia Romagna – Viale Aldo Moro 62.

L'evento è realizzato con il contributo di Unioncamere Emilia Romagna e la collaborazione dell'Associazione PA Social e di Stati Generali dell'Innovazione.

MODALITA’ DI PARTECIPAZIONE

EsConvention è aperta ai Soci di EsC (ordinari, sostenitori, soci facebook) ed al pubblico interessato agli argomenti trattati.

La partecipazione prevede una piccola quota di adesione destinata a coprire le spese organizzative, differenziata come segue:

Soci ordinari e sostenitori: 10 euro
Soci Facebook: 12 euro
Esterni: 15 euro
Soci Associazione PASocial: 12 euro
Soci Stati generali dell’Innovazione: 12 euro

È prevista una quota per il pranzo pari ad euro 26 per quanti desiderino usufruirne. La permanenza al pranzo è suggerita, poiché sarà un’ottima occasione di networking, prima della ripresa pomeridiana dei lavori.

Alla Convention seguirà una cena sociale, i cui costi non sono preventivamente definiti. Se restate a Bologna, ceniamo insieme e continuiamo a discutere in modo informale dei temi affrontati nel corso della giornata.

Per aderire ad EsConvention è necessario compilare il seguente modulo: https://goo.gl/h1ypED

Per motivi organizzativi, è preferibile che l’adesione pervenga non oltre il 9 settembre 2017. Certamente potrete iscrivervi anche all’ultimo momento, ma non saremo in grado di assicurare, ad esempio, la possibilità di partecipare al pranzo.

Le quote di adesione e per il pranzo (qualora si scelga di parteciparvi) non potranno essere rimborsate.

Qui le modalità di pagamento:
https://sites.google.com/site/ecosistemacamerale/paypal
Ricordate di inserire le causali: “EsConvention 2017 quota di adesione - Nome e cognome”; “EsConvention 2017 quota pranzo - Nome e cognome”.


In allegato il programma della giornata.

Non mancate!

Il 16 settembre a Bologna la III edizione di EsConvention

pubblicato 09 ago 2017, 08:55 da Francesca Sanesi   [ aggiornato in data 24 ago 2017, 07:32 ]

#esconvention17
Terza edizione di EsConvention, appuntamento annuale dell'Ecosistema camerale per discutere di innovazione nella #PA, aggiornarsi, formarsi, ritrovarsi dopo tanti mesi di collaborazione virtuale.

Per il 2017 l'Associazione ha selezionato tre temi principali, oggetto della riflessione di importanti relatori ma, soprattutto, della nostra straordinaria comunità: Smart working (la norma e le applicazioni), social collaboration e comunicazione pubblica (argomenti che ci sono cari, sui quali abbiamo davvero molto da dire).

Tagline: il valore delle persone. Le relazioni, la reciprocità, lo scambio, la trasparenza, la creazione di una community reale di uomini e donne che sono insieme da tre anni e che intendono essere il vero motore del cambiamento.

Continuiamo a credere nel potere del "noi" e vi aspettiamo tutti sabato 16 settembre 2017 dalle 10 alle 18 nella sede di Unioncamere Emilia-Romagna in Viale Aldo Moro 62 a Bologna. Nei prossimi giorni il programma e le modalità di adesione. È sempre possibile iscriversi all'associazione in ogni momento.

Ringraziamenti speciali a UCER che ci ha concesso l'uso della Sala e all'Associazione #PAsocial, in particolare a Francesco Di Costanzo e Andrea Marrucci per la collaborazione.

Ecosistema Camerale: rinnovato il Consiglio Direttivo e definite le cariche sociali. La Presidente Zaccheroni: "Subito al lavoro sulle linee strategiche".

pubblicato 05 mar 2017, 12:12 da Francesca Sanesi

In esito alle recenti elezioni per il rinnovo del Consiglio Direttivo dell’Associazione ed alla riunione dei nuovi eletti svoltasi oggi, 5 marzo 2017, per l’insediamento e gli adempimenti consequenziali, il nuovo organigramma associativo per il biennio 2017-2019 risulta così composto:  

Presidente:

Eleonora Zaccheroni

Vice Presidenti:

Alessandra Arcese

Francesca Sanesi (con delega alla Comunicazione)

Angelo Vincenti

Tesoriere:

Cristina Sisto

Consiglieri:

Annamaria Leucci

Gianna Mazzeo

Daniele Mocchi

Maurizio Pirazzini

Michele Silletti

Fabio Tongiorgi

 

Commenta così la nuova Presidente Zaccheroni: "Il Consiglio Direttivo tornerà a riunirsi nella prossima settimana per dare corso alle indicazioni programmatiche definite dall’Assemblea, con particolare riferimento alla costituzione del Comitato Scientifico, nonché al fine di verificare le risultanze dell’importante iniziativa #PA #Personale Attivo, lanciata dalla nostra Associazione in occasione della Settimana dell’Amministrazione Aperta 2017 e approvata da Funzione Pubblica e Open Gov". 

ESC – Ecosistema camerale

www.ecosistemacamerale.it, 5 marzo 2017

tweet @Ecosist_CamCom

Ecosistema Camerale: online il Report 2014 - 2016

pubblicato 16 feb 2017, 12:14 da Francesca Sanesi

E’ un momento importante per Ecosistema Camerale: a breve sarà rinnovato il Consiglio Direttivo.

Per l’occasione i Consiglieri uscenti hanno prodotto un report degli entusiasmanti risultati raggiunti nel primo biennio di vita di EsC, frutto del lavoro condiviso di un meraviglioso gruppo di persone che nel 2014 si sono associate per occuparsi di advocacy della Pubblica Amministrazione, valorizzazione delle professionalità, incremento delle competenze e innovazione.


ECOSISTEMA CAMERALE alla Plenaria OPEN GOVERNMENT FORUM

pubblicato 02 dic 2016, 09:36 da Francesca Sanesi




20161128_111504.jpg



Si è aperta col ringraziamento del Ministro Marianna Madia la Plenaria del Forum Open Government Partnership - OGP tenutasi il 28 novembre scorso presso il Ministero della Semplificazione Amministrativa e Pubblica Amministrazione, volta a presentare il III Piano di Azione nazionale che sarà illustrato al Global Summit 2016 di Parigi dal 7 al 9 dicembre.

“Con 52 azioni diverse l’Italia si presenta, finalmente, con un piano “open gov” ambizioso e uno dei fattori determinanti, in questa edizione, è stato sicuramente il modello partecipativo attuato”.

Con queste parole il Ministro ha espresso il ringraziamento a tutti i partecipanti al Forum perchè finalmente, anche l’Italia, ha messo in moto un meccanismo di dialogo collaborativo con i diversi portatori d’interesse sul tema specifico. Meccanismo, quello del “partenariato”, che diventerà modello da seguire, come dimostrato da analoga consultazione avviata pochi giorni fa dall’ANAC e da realtà territoriali come i Comuni di Roma e Milano per la redazione delle rispettive “agende digitali” .


Tra i portatori d’interesse chiamati alla partecipazione al Forum e a tre dei tavoli di lavoro c’è Ecosistema Camerale che, ricordiamo, ha contribuito  al III Piano d’azione nazionale con diverse idee e progetti. Adesso si avviano le fasi di attuazione e monitoraggio.


La giornata si è conclusa proprio con il Tavolo di lavoro sugli Open Data, nell’ambito del quale il valore del Registro Imprese (“open non significa gratis”), banca dati di interesse nazionale, è stato più volte rimarcato e sul quale ci si è riproposti, con Agid e il Team OGP, di organizzare un incontro specifico  coinvolgendo la rappresentanza istituzionale del Sistema Camerale.


Soddisfazione per Esc che vede sempre più riconosciuto il ruolo di soggetto “portatore di interessi” ed è inserito a pieno titolo nell’elenco degli attori da consultare quando le istituzioni nazionali e alcuni grandi Comuni (come Roma) avviano piani o progetti che riguardano il ruolo e lo sviluppo di azioni del sistema pubblico.


L’associazione è stata, infatti, invitata ai tavoli del Forum dell’OGP ai quali ESC assicura sempre una presenza proattiva. I contributi inviati da ESC sotto forma di azioni sono stati accolti e sono tra le schede progetto di cui è composto il 3° Piano Nazionale dell’Open Government.


Recentemente l’associazione è stata anche chiamata dal Comune di Roma a partecipare ai tavoli di lavoro per implementare l’Ideario della costruenda Agenda Digitale di Roma Capitale.


Infine, Esc ha ricevuto l’invito dall’ANAC per le audizioni sullo schema di Linee guida sull’accesso generalizzato (Linee Guida recanti indicazioni operative ai fini della definizione delle esclusioni e dei limiti all’accesso civico (art. 5 co. 2 del d.lgs. 33/2013)  posto poi in consultazione pubblica sul sito ANAC. In merito, Esc ha assicurato un contributo sulle predette Linee guida circa le modalità attuative del cosiddetto “accesso civico generalizzato” introdotto dal FOIA, che non si limita solo a formulare osservazioni, ma propone soluzioni organizzative per le P.A. nella prima fase transitoria.

ESC – Ecosistema camerale

www.ecosistemacamerale.it, 2 dicembre 2016

tweet @Ecosist_CamCom

Il Consiglio dei Ministri approva in via definitiva la riforma delle Camere di commercio. Le valutazioni di Ecosistema camerale.

pubblicato 24 nov 2016, 14:28 da Francesca Sanesi   [ aggiornato in data 24 nov 2016, 14:36 ]

Ecosistema camerale: “E’ l’inizio della seconda fase, nella Convention nazionale abbiamo affrontato i punti critici e lanciato idee per il futuro del Sistema”


Nella riunione del 24 novembre 2016 il Consiglio dei Ministri ha approvato in via definitiva  il decreto legislativo di attuazione della delega di cui all’articolo 10 della legge 7 agosto 2015, n.124, per il riordino delle funzioni e del finanziamento delle Camere di commercio.

A più di due anni dall’avvio del processo di riforma (partito con la progressiva riduzione del diritto annuale dovuto dalle imprese agli Enti camerali, disposta dalla legge n.114/2014), il Governo ha tracciato i confini dell’operatività del Sistema camerale con un provvedimento ancora non privo di criticità, nonostante i diversi tentativi esperiti anche dalle Commissioni parlamentari di migliorarne i contenuti e ridurne gli effetti negativi.

Secondo alcune fonti, l’ultima e definitiva versione del decreto conterrebbe, comunque, alcune novità. In particolare, il piano di razionalizzazione delle Camere di commercio, in capo a Unioncamere, dovrà essere adottato “sentite le Organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative”. Inoltre, sembra che qualora il personale soprannumerario ecceda la soglia prevista dal periodo precedente, la stessa potrà essere rideterminata con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico ed il Ministro dell’economia e delle finanze, al fine di assicurare le esigenze di ricollocamento dello stesso personale presso le Amministrazioni interessate. Il diritto annuale, poi, potrebbe essere aumentato dal MISE per il finanziamento specifico della riqualificazione del personale delle Unioni regionali e delle Aziende speciali interessate ai processi di riorganizzazione. Secondo alcune fonti, infine, non sarebbe più abrogato il comma 10 dell'art 18 della legge 580/1993 che prevede la possibilità di incrementare il diritto annuale fino al 20%, ma solo in relazione a progetti da realizzare in collaborazione con le Regioni. La riforma, comunque, uscirà senza aver accolto pienamente le condizioni poste dai pareri parlamentari e senza i previsti pareri anche sul nuovo testo delle Commissioni Bilancio di Camera e Senato.

Abbiamo suggerito alcune vie per un’innovazione vera e oggi vediamo che si è preferito adottare una razionalizzazione camuffata da rinnovamento. Risultati non esaltanti, dunque, ma comunque aggiustamenti che auspichiamo si riveleranno utili per iniziare a correggere un provvedimento la cui efficacia è tutta da dimostrare - commenta il Direttivo di Ecosistema Camerale -. Si chiude una fase molto sofferta e se ne apre una nuova, noi siamo pronti con idee e azioni concrete. Le riforme le fanno le persone, sono loro che danno operatività alle leggi”.

Intorno a questo presupposto di partecipazione, fatto salvo l’appoggio dell’Associazione ad ogni iniziativa sindacale a tutela dei lavoratori pubblici e privati del Sistema, Esc ha costruito in questi anni la propria azione di advocacy e proposta, i cui risultati sono stati discussi sabato 19 novembre a Roma nel corso della II Convention nazionale di Ecosistema camerale.

Una giornata di condivisione e contaminazione positiva, l’affermazione del “fattore ESC”, del metodo partecipativo all’interno di un sistema complesso come quello delle Camere di commercio italiane.

Nelle parole della Presidente Arcese - che ha aperto i lavori - la ricostruzione dell’evoluzione dell’Ecosistema Camerale, partendo dalla capacità di aver colto da subito - 2 anni e mezzo fa - le opportunitá dei social network per costruire una community e per intraprendere  le azioni di advocacy necessarie a rendere visibili le competenze camerali e lavorare in modo condiviso nel suggerire e contribuire ad una vera innovazione che non si fermasse alla compressione e “demansionamento” a cui la riforma in discussione  rischiava di condurre il Sistema.

Da sempre l’Associazione ha cercato e ottenuto contaminazioni con il mondo esterno: Esc rappresenta la “PA divergenteche anticipa ancora una volta l’evoluzione del sistema pubblico. Francesca Sanesi, consigliere con delega alla Comunicazione, ha tratteggiato l’immagine, attuale e avveniristica, della naturale evoluzione dei sistemi pubblici e, in primis, del Sistema Camerale. Una evoluzione necessaria per “stare al passo” anticipando i tempi, i fenomeni, nella quale le persone sono protagoniste consapevoli e responsabili del cambiamento. Solo in questo modo il ruolo sociale di ogni sistema pubblico potrà consolidarsi e continuare ad essere essenziale nella società e nell’economia del futuro.

Un capitolo rilevante della Convention ha riguardato la riforma, le perplessità, i dubbi, le opportunità di evoluzione del Sistema camerale raffrontate alla nostra proposta #lanostrariforma illustrate dal consigliere con delega alla semplificazione amministrativa e vice Presidente Angelo Vincenti che ha anche ricostruito il complesso iter che ha condotto all’approvazione del decreto attuativo.

La giornata si è conclusa con due tavole rotonde guidate rispettivamente dal consigliere Michele Silletti e dal vice Presidente Maurizio Pirazzini: la proposta di progetti partecipativi nella PA, recepiti anche nel III piano Open Government Partnership del Dipartimento della Funzione Pubblica, un Sistema di Condivisione delle Conoscenze per l’evoluzione professionale dei lavoratori e l’evoluzione verso lo smart-working, con la testimonianza di David Trotti (Presidente dell’Associazione Italiana Direzione del Personale), Open Data, Foia e Servizi Innovativi, con la testimonianza di Umberto Rosini dell’Agid.

Gradita la partecipazione del Segretario Generale di Unioncamere, Giuseppe Tripoli, che ha voluto rappresentare il consenso e l’apprezzamento per l’attività di advocacy e di stimolo, interno ed esterno, che Ecosistema Camerale sta apportando all’intero Sistema Camerale. Tripoli ha anche brevemente descritto lo stato di avanzamento della Riforma e le prospettive delle Camere di Commercio.

Chiusa la convention, l’azione di Esc prosegue con crescente concretezza, particolarmente dopo l’approvazione del decreto attuativo.



ESC – Ecosistema camerale

www.ecosistemacamerale.it, 24 novembre 2016

tweet @Ecosist_CamCom


II EsConvention - The Esc Factor - Roma 19 novembre 2016

pubblicato 12 nov 2016, 12:32 da Eleonora Zaccheroni   [ aggiornato il 13 nov 2016, 03:30 da Michele Silletti ]

È arrivato l'appuntamento annuale dell'Associazione Ecosistema camerale: il 19 novembre 2016, a Roma presso il Grand Hotel Palatino (Via Cavour 213/m).

Sempre fuori dalla comfort zone !

La riforma delle Camere di Commercio

Un nuovo punto di vista della PA

Due tavoli di lavoro su Sviluppo Professionale/Smart Working e Open Data

L'Assemblea dei Soci di Ecosistema Camerale.

Il Programma

h. 9.30 - 10.00 Registrazione
h.10.00 - 12.00
- Opening speech
Alessandra Arcese

- The Esc Factor. Un nuovo punto di vista della PA, dalla PA
Francesca Sanesi

- Una finestra su #lanostrariforma (delle Camere di commercio) nella Riforma (della PA)
Angelo Vincenti

h. 12.00 - 13.00 Assemblea dei Soci

h. 13.00 - 14.30 Lunch

Nel pomeriggio...
It’s time for Round Table
Intervengono nella discussione:
- AgID, Agenzia Italiana per il Digitale
- AIDP, Associazione Italiana Direzione del Personale

h. 14.30-16.00
Dai principi de #lanostrariforma ai servizi “esc-way”: un sistema di Condivisione delle Conoscenze - sviluppo professionale e smart working
Coordinano: Gianna Mazzeo e Michele Silletti

h.16.00 - 18.00
Open Data, FOIA e “vision” sui servizi innovativi: principi e impatti, anche economici, nel sistema camerale. L’OpenRI, una leva di sviluppo, di semplificazione e trasparenza.
Coordina: Maurizio Pirazzini

Conclusioni

Per partecipare inviate una email a direttivo@ecosistemacamerale.it, specificando nome e cognome e se già socio di Ecosistema camerale. È prevista una quota di partecipazione di € 10,00 a persona, comprensiva di coffee break. È possibile usufruire di un lunch buffet al costo di ulteriori € 24,00 a persona. La quota di partecipazione e l'eventuale costo del lunch potranno essere anticipati (preferibilmente) seguendo le indicazioni per i pagamenti presenti sul nostro sito https://sites.google.com/site/ecosistemacamerale/paypal (specificare la causale EsConvention 2016, quota di partecipazione e lunch - se richiesto).

Save the date: The EscFactor - II EsConvention 2016, Roma 19 novembre 2016

pubblicato 22 ott 2016, 09:05 da Francesca Sanesi

È invasione, divergenza ed innovazione. È consapevolezza e capacità di mettersi in gioco. È talento individuale, ma soprattutto lavoro di squadra.

Save the date
The EscFactor - II EsConvention 2016: PA, smartworking, open data e molto altro. 


A Roma, il 19 novembre 2016, dalle 9.30 alle 18, ci guardiamo negli occhi.

Info: direttivo@ecosistemacamerale.it


#esconvention16 #escfactor

ECOSISTEMA CAMERALE entra a far parte dell’OPEN GOVERNMENT FORUM

pubblicato 19 ott 2016, 08:33 da Francesca Sanesi

Prosegue l'impegno di Esc per l'Open Government Forum: dopo i contributi nella fase di consultazione pubblica sul Terzo Piano d'azione nazionale, avviata la partecipazione ai tre tavoli di lavoro istituiti.


Ecosistema Camerale aderisce all’Open Government Forum con l’obiettivo di contribuire all’affermazione e allo sviluppo dei principi di partecipazione, lotta alla corruzione, accountability e innovazione della Pubblica Amministrazione.


Dopo i contributi in fase di consultazione pubblica sul Terzo Piano d’azione nazionale, che ha visto diverse proposte di Ecosistema camerale pubblicate e individuate come effettive azioni da realizzare, il Direttivo dell’Associazione ESC ha deciso di approfondire in maniera più effettiva la cooperazione con questo importante team, coordinato dal Dipartimento della Funzione Pubblica e composto, fra gli altri, da Agenzia per l’Italia Digitale (AGID) ed esperti di rilievo nazionale.


Ecosistema Camerale ha aderito a tre tavoli ritenuti fondamentali per l’evoluzione della Pubblica Amministrazione e, in particolare,del Sistema Camerale: Open Data, Accountability e Partecipazione, Competenze Digitali.


Il lavoro svolto e i contributi forniti, nel più ampio spirito partecipativo e di collaborazione, saranno messi a disposizione nella sezione “proposte e progetti/open government forum” del sito www.ecosistemacamerale.it.

Riforma #cameredicommercio. Il dossier di osservazioni e proposte di Ecosistema camerale sul decreto legislativo

pubblicato 02 ott 2016, 12:54 da Francesca Sanesi

Nei giorni scorsi l’Associazione Ecosistema Camerale ha predisposto un dossier di osservazioni e proposte sul decreto attuativo della riforma delle Camere di commercio. Il documento è stato trasmesso, unitamente a formale richiesta di audizione, a tutti i componenti delle Commissioni parlamentari (V e X della Camera e del Senato) che stanno lavorando in queste ore per rendere il proprio parere. Il Comitato Direttivo di Esc ha anche consegnato personalmente il dossier ad alcuni di loro, discutendone nel merito, in occasione della Manifestazione nazionale svoltasi il 29 settembre scorso in Piazza di Pietra a Roma.

La prospettiva è quella di chi lavora nel Sistema camerale, il metodo è la condivisione, l’obiettivo è una giusta riforma.

Il dossier è disponibile qui, per tutti.

1-10 of 38