Il cavaliere Improta

 

 

Il Cavaliere Improta, benestante,
autentica figura ‘e puttaniere,
con un passato fulgido e brillante
di chiavatore esperto e bordelliere,
usa … ogni mezzo per tirarsi su:
va pe’ casine … ma nun chiave ‘cchiù.

Si corica con numero di danza
facendo il trio: la dama e il ballerino.
Se fa passà ‘e capille “a pelle ‘e panza”,
zuca ‘na zizza, tenta un ditalino,
ma … niente: ‘nu sparpetuo … e c’ adda fa’?
Nun chiava! Paga bene … e se ne va.

La scorsa notte, con Catarinella,
la prima di una troupe ‘e giuculiere,
dio mio, nun se po’ dicere ch’ è bella,
ma è garbata e conosce il suo mestiere:
vanta un culo iperbolico e ‘na zizza,
ca’ nu muorto ‘e tre gjuorne pure arrizza,
ma, ‘o Cavaliere … niente.

Una sudata, comme a chi fa ‘nu sfratto ‘ o mese Austo.
Se metteva essa ‘a sotto, sturzellata,
‘o ‘nzuppava ‘e sputazza po da’ gusto
… ma niente.
Finche’ stracqua, ‘a puverella,
ricette: - Mo vi mande a mia sorella! –
- Tua sorella? –
- L’ acrobata: un portento.
Fa zumpe e capriole, il doppio salto,
con lei ci riuscirete certamente.
Mette le mani in terra, i piedi in alto,
allarga ‘e cosce e, con la fessa al centro,
voi, Cavalie’, ce lo calate dentro.


Traduzione:

Il Cavaliere Improta, benestante,
autentica figura di puttaniere,
con un passato fulgido e brillante
di chiavatore esperto e bordelliere,
usa … ogni mezzo per tirarsi su:
ancora va al casino, ma non chiava più.

Si corica con numero di danza
facendo il trio: la dama e il ballerino.
Languide carezze riceve nella stanza,
si succhia un seno, abbozza un ditalino,
ma … niente: una tristezza … e che può fare?
Non chiava! Paga bene e poi scompare.

La scorsa notte, con Caterinella,
la prima di una troùpe di giocolieri,
certo non si può dire proprio “bella”,
ma è graziosa e col corpo ci sa fare:
vanta un culo iperbolico ed un seno
che nemmeno ad un morto, viene meno,
ma, per il Cavaliere: effetto zero!

Sudati, come chi fa un trasloco a Ferragosto.
Provava a stargli sotto, tutta storta,
Lo succhiava, inzuppandolo, di gusto
ma ancor nessun effetto si sortiva.

Finché, ridotta come straccio, poverina
disse: - Qui sai chi ci vuol? La sorellina! -
- Tua sorella? -
- Ma certo, l’ acrobata: un portento!
S’ avvita, fa capriole, il doppio salto,
con lei ci riuscirete certamente.
Mette le mani in terra, i piedi in alto,
Spalanca le sue cosce e, con la figa al centro
voi, da Cavaliere accorto, glielo calate dentro.-
Comments