News ufologiche‎ > ‎

Avvistamento su Varese

[18/12/2009]

Svelato il giallo delle luci misteriose

LUNEDÌ 14 DICEMBRE 2009 18:22 GIANLUCA BERTONI
E-mailStampaPDF
lanterne

A Varese impazza la mania degli UFO. E così dopo le strane luci osservate sabato notte si è scatenato il dibattito intorno alle possibili cause. E ovviamente non sono mancate le ipotesi più disparate.

CON IL NASO ALL'IN SU' ...

O forse sarebbe meglio dire disperate. Sono sempre rimasto incuriosito dal fatto che tutte le volte che nel cielo si osservano "strani" fenomeni bisogna sempre tirare in ballo il paranormale. O scomodare gli ufo, intesi non tanto come oggetti volanti non identificati, ma come navicelle cariche di extraterrestri venuti a farci visita. E nonostante ogni volta si trovi una spiegazione scientifica del fatto, puntualmente si ricade sempre in tentazione.

... MA COI PIEDI PER TERRA

Volendo rimanere con i piedi per terra e tenendo conto di fatti simili accaduti in passato proviamo a ragionare sulle possibili cause del fenomeno. All'indomani delle osservazioni di strani oggetti volanti, avvenute durante la notte bianca di Varese, le reazioni furono le stesse. Come pure a Gavirate nell'ottobre scorso.

NIENTE DI CELESTE

Sabato sera il cielo era coperto e a tratti cadeva una leggera pioviggine. Tra l'altro la nuvolosità era molto bassa essendo prodotta dallo sbarramento di correnti meridionali sulle Prealpi. Possiamo pertanto escludere oggetti celesti, come ad esempio meteoriti, o aeromobili.
Tra le ipotesi maggiormente credibili rimangono quindi le luci prodotte da un impianto simile a quello delle discoteche o dalle "sky lanterns" note anche come lanterne cinesi. 

LE SKY LANTERNS

lanterne_2

Le lanterne cinesi fanno parte della tradizione orientale ma ultimamente vengono sempre più utilizzate anche in Italia. Vengono fabbricate in carta trasparente e una volta decollate hanno la proprietà di essere visibili anche da grande distanze. Viaggiano sospinte dal vento e il loro volo dura per qualche minuto finchè la fiamma non si spegne. Per poi sparire nel buio della notte. 

MISTERO SVELATO

Come nel caso delle osservazioni avvenute durante la Notte Bianca e a Gavirate, a produrre gli effetti luminosi sono state proprio le "lanterne cinesi", utilizzate durante una festa a Villa Ponti. La direzione delle luci, inoltre, è compatibile con quella dei venti che in quel momento spiravano da sud verso il Campo dei Fiori. Ancora una volta il mistero è stato svelato ma c'è da scommettere che avvistamenti simili aumenteranno. Il costo delle lanterne cinesi è infatti molto basso e su internet le si può acquistare a meno di un euro. E molti le preferiscono ai fuochi di artificio.

Gianluca Bertoni



[18/12/2009]

VARESE Risolto il mistero delle luci avvistate sabato notte nei cieli varesini. Erano le lanterne cinesi “decollate” da Ville Ponti durante il matrimonio di una coppia di Milano. Un’ipotesi, quella delle lanterne cinesi, a cui aveva pensato subito Bruno Moretti, osservatore del Seti Italia, il «Search for Extraterrestrial Intelligence» che ha sede in via Crispi. 
«Le lanterne cinesi hanno un costo irrisorio e sono facili da realizzare anche in casa. Si tratta di piccoli palloni di carta». Il movimento delle lanterne verso il Campo dei Fiori è compatibile con i dati sul vento rilevati da Meteovarese. Nel frattempo in redazione sono arrivate fotografie scattate ai misteriosi oggetti volanti, come quelle di Alberto Fioroli di 17 anni, che sabato sera si trovava in piazza Beccaria (qui accanto l'immagine). 
Qualcuno aveva pensato fossero mongolfiere, una tesi che è stata subito smentita, in quanto il raduno internazionale si terrà solo il prossimo weekend. «Le mongolfiere rimarranno ancorate al suolo durante la notte. Nelle ore diurne, invece, voleranno in alto nel cielo, ma non avranno luci. Quindi non potranno essere scambiate per navicelle spaziali» spiega Cristina Barberis di Angleria Tours, l’agenzia che ha organizzato il raduno. 
I sognatori, però, possono continuare a fantasticare. Anche se la probabilità di incontrare gli alieni è molto bassa a causa delle enormi distanze che separano i corpi celesti nello spazio, la ricerca sembra avvalorare l’ipotesi dell’esistenza di altre forme di vita nell’universo. 


[18/12/2009] - Strane luci nel cielo Arrivano gli Ufo?

VARESE Babbo Natale ha fatto un giro di perlustrazione a Varese. Lui e le sue renne. E non sono mancati neppure gli elfi, ognuno con la sua piccola luce sulla slitta. È questa la fantasiosa spiegazione che hanno trovato alcuni cittadini guardando il cielo lo scorso sabato sera. Quando sono stati avvistati strani oggetti muoversi in salita, in direzione Campo dei Fiori. Una luce tendente al colore rosso che in poco tempo è stata circondata da una decina di altre luci che, sebbene in ordine sparso, avevano la medesima traiettoria diagonale. Il fenomeno ha incuriosito alcuni giovani che stavano trascorrendo la serata in un pub. Segnalazioni sono arrivate anche dagli abitanti della zona Ippodromo e qualcuno ha immortalato il singolare fenomeno con una fotografia. 
Gli Ufo, nel senso di non unidentified flying object, ovvero oggetti volanti non identificati, avevano già fatto capolino nei cieli di Varese l’estate scorsa, durante la Notte Bianca. In quel caso si trattava di minimongolfiere cinesi volanti. Oggetti di carta che salgono fino a 100 metri di altezza e che erano decollati da piazza della Motta in occasione del centenario della società calcistica «Varese 1910». 
Anche Gavirate, nel mese di ottobre, ha avuto i suoi ufo. Sfere volanti, dirette dal lago alle stelle, di cui si era occupato perfino «Studio Aperto». Ma anche in quel caso si trattava di lanterne cinesi comprate da un cittadino per una festa. Tra coloro che hanno assistito al fenomeno di sabato scorso c’è chi sdrammatizza dando la colpa a un bicchiere di troppo. Chi puntualizza che non poteva trattarsi di aerei visto che le luci non erano intermittenti e colorate. E c’è anche chi sostiene che fossero «palloni aerostatici di Santa Lucia». Una manifestazione di cui però non c’è traccia nel calendario di eventi cittadini. 
Purtroppo il giallo non è stato risolto neppure dall’osservatorio astronomico del Campo dei Fiori perché sabato sera le nuvole rendevano impossibile scrutare il cielo. «Noi non abbiamo visto nulla di strano e non ci ha chiamato nessuno per segnalarci il fenomeno, senza aver visto le luci è impossibile dare una spiegazione» dice Luca Buzzi, un osservatore “di guardia” quella notte. «Tra le ipotesi, non si esclude che possa essersi trattato dei riflessi dei fari delle auto». 
Nella maggior parte dei casi fenomeni come questi trovano una spiegazione. Ma il mistero potrebbe anche rimanere insoluto. Come accadde il 6 gennaio del 1970, quando un fascio di luci ha sorvolato la città con andatura «lemme lemme», riprendendo le parole usate da Salvatore Furia per descrivere l’apparizione.
Adriana Morlacchi


Comments