Va, dillo a Gesù

Se il mesto tuo cuore in mezzo alla prova,
fra pene e dolori la pace non trova,
se priva d’incanto è tua vita quaggiù,
non piangere tanto, va… dillo a Gesù!

Se vedi svanire le gioie terrene,
se invano tu tenti fuggire le pene,
se il fiore tuo bello appassisce quaggiù,
va’… povero cuore, va… dillo a Gesù!

Se forti legami tu devi spezzare,
se quei che più ami tu devi lasciare,
se, misero e solo, non trovi quaggiù
chi pianga al tuo duolo, va… dillo a Gesù!

Va… dillo al Signore, a Lui che perdona…
che legge nel cuore, che pace ridona
e tutto comprende, perché ebbe quaggiù
le pene più atroci… va… dillo a Gesù!

Se hai duoli ed affanni che niuno comprende,
oppur disinganni e pene tremende,
nascondi il tuo duolo a tutti quaggiù,
va… dillo a Lui solo, va… dillo a Gesù!

I giorni di angoscia e le ore serene,
i dubbi del cuore, i gaudi del bene,
i torti patiti sovente quaggiù,
le gioie e i dolori… dì, dì tutto a Gesù!

(Anonimo)




Ċ
don Ezio Coco,
31 ott 2010, 12:31
Comments