ANATOMIA


COS'E' IL NAUTILUS

"Considerato estinto in seguito ai ritrovamenti fossili risalenti al paleozoico, il Nautilus, un mollusco cefalopode tetrabranchiato, è stato osservato per la prima volta in vita solamente nel 1829, pertanto è classificato come fossile vivente."

 

Distribuzione e habitat

"I nautilus sono diffusi in mare aperto, dalla superficie ad una profondità di 500 metri, principalmente nell'Oceano Pacifico occidentale e nell'Oceano Indiano(soprattutto dalle Isole Fiii alla Nuova Guinea)."

 

Anatomia

"Il nautilus si presenta come una grossa conchiglia (anche oltre i 20 cm di diametro) con l'apertura verso l'alto da cui spunta una grossa testa composta da occhi grandi, un rugoso mantello posto a protezione di metà capo e carnosi tentacoli intorno ad un becco simile a quello di un pappagallo, con cui l'animale rompe le corazze dei crostacei di cui si nutre.
La sua conchiglia ha superficie liscia bianca con screziature rosso arancio.
All'interno sono presenti circa 34-36 zone divise da pareti di madreperla, chiamati setti, che aumentano di numero con l'aumentare dell'età: sono le camere che il corpo dell'animale occupa mano a mano che aumenta di dimensione.
Questi setti sostengono strutturalmente la conchiglia quando l'animale si immerge a grandi profondità ed è sottoposto a pressione notevoli; essi contengono inoltre un liquido, chiamato liquido camerale, e da una miscela di gas, soprattutto azoto, che ha funzione di bilanciare del peso della conchiglia, aumentandone il galleggiamento. Il nautilus, intervenendo sulle varie percentuali di liquido e gas nei vari setti, effettua una grande escursione batimetrica tra il giorno (dove si sposta a profondità di 500 metri) e la notte (dove si avvicina alla superficie dell'oceano).
La deambulazione del nautilus è libera: si sposta espellendo con forza l’acqua dai sifoni del mantello. La sua emissione provoca il movimento retrogrado (a "marcia indietro") dell’animale, permettendo anche rapidi cambiamenti di direzione."

 

 Nautilus (mollusco) - Wikipedia.htm                                

 

 

 

"SE SI DISEGNA UN RETTANGOLO CON I LATI CHE STANNO IN RAPPORTO AUREO FRA DI LORO, LO SI PUO' DIVIDERE IN QUADRATO E UN ATRO RETTANGOLO, SIMILE A QUELLO GRANDE NEL SENSO CHE ANCHE I SUOI LATI STANNO FRA LORO NEL RAPPORTO AUREO. A QUESTO PUNTO IL RETTANGOLO MINORE PUO' ESSERE DIVISO IN UN QUADRATO E UN RETTANGOLO CHE HA PURE I LATI IN RAPPORTO AUREO, E COSI VIA. LA CURVA CHE PASSA PER VERTICI CONSECUTIVI DI QUESTA SUCCESIONE E' UNA SPIRALE CHE TROVIAMO SPESSO NELLE CONCHIGLIE E NENNA DISPOSIZIONE DEI SEMI DEL GIRASOLE E DELLE FOGLIE DI UN RAMO." (Amir D.Aczel)

COME VEDIAMO SOPRA LA CONCHIGLIA DEL NAUTILUS DESCRIVE UNA SPIRALE SEGUENDO L'ANDAMENTO DI UNA SUCCESSIONE DI FIBONACCI