DSL DISTURBI SPECIFICI DEL LINGUAGGIO, DISFASIA, DISNOMIA

DSL = Distrubo Specifico del Linguaggio è un disturbo molto spesso trascurato e sottovalutato per il suo tempestivo trattamento. I DSL si manifestano in assenza di altri disturbi, cognitivi, sensoriali o relazionali, si caratterizza con un ritardo nella comparsa delle prime parole, nel mancato o alterato sviluppo della competenze fonologiche (lo sviluppo dei suoni del linguaggio) e talvolta anche morfosintattica e pragmatica. Spesso questi bambini faticano a raccontare e a farsi capire e a sostenere una conversazione. La Giornata Europea vuole promuovere una campagna di sensibilizzazione al fine dell’individuazione precoce di tale disturbo spesso non facilmente identificato. La prevalenza dei DSL è molto alta in rapporto ad altri disturbi evolutivi: 6-8% di tutti i bambini (Ritterfeld e Niebuhr 2002), in Italia, nella popolazione prescolare, l’incidenza dei disturbi del linguaggio varia dal 3% al 6% (Chilosi et al. 2012).

Le Associazioni Regionali della Federazione Logopedisti Italiani, organizzano e promuovono numerose iniziative e attività territoriali al fine di divulgare le buone pratiche in Logopedia.

Un numero di telefono (049.8647936) e una email info@fli.it saranno a disposizione dei cittadini, degli insegnanti e di tutti coloro che sono interessati all’argomento.

CAMPANELLI DALL'ALLARME, QUANDO PARLARE A FATICA-ROSSELLA GRENCI — SITO LOGOPEDISTA

DISFASIA

DISFASIA-ELENA NERI

DISNOMIA — Cos’è la disnomia La disnomia è un distubo del linguaggio si tratta delll’incapacità di una persona (bambino, ragazzo o persona adulta) di ricordare le parole, anche se comuni e di uso quotidiano. Nella maggior parte dei casi quando si presenta in età infantile si tratta di un disturbo cronico, che si può associare ad altri disturbi dell’apprendimento come la dislessia. Quando invece compare in tarda età si tratta di una difficoltà che subentra a causa di degenerazione cognitiva (ictus, malattia di Alzheimer…), in qualunque momento della vita, inoltre, questo disturbo può presentarsi a seguito di un trauma cerebrale (ad esempio l’incidente). Sarà capitato anche a voi durante una conversazione, di non riuscire proprio a non ricordare il nome di quell’oggetto o di quella persona anche se ce l’avete sulla punta della lingua. Può trattarsi di un momento di stanchezza, ma quando questi episodi diventano più frequenti nell’arco della giornata si può pensare di essere in presenza di disnomia. La disnomia, quindi, è la difficoltà di richiamare alla memoria una certa parola in un determinato momento. Può interessare i termini complicati come le parole di uso comune e persino i nomi ed i cognomi di chi ci sta intorno. In età scolare il disturbo è particolarmente evidente quando il ragazzo è sottoposto a stress, come può essere durante un’interrogazione quando, nonostante le ore di studio nei giorni precedenti, non riesce a “trovare le parole” corrette per esprimere i concetti che pure ha ben chiari nella testa, rischiando di dare l’impressione all’insegnante di non aver studiato in modo abbastanza approfondito e di non possedere adeguatamente i contenuti. La disnomia è un disturbo purtroppo poco conosciuto, sottovalutato e raramente diagnosticato ma che può causare grave frustrazionne e mettere in crisi l’autostima personale in quanto la persona non riesce ad esprimere correttamente il proprio pensiero. COSA FARE? Attraverso esercizi e in situazioni non ansiogene è possibile imparare a gestirla e a superare le difficoltà di linguaggio che comporta. Sono diversi gli esercizi previsti per aiutare a richiamare alla memoria le parole che sfuggono. I principali sono di tipo mnemonico e di associazione di parole: attraverso semplici giochi, soprattutto quelli in cui occorre trovare sinonimi di parole, è possibile stimolare il cervello a ricordare i singoli termini. Le prime volte sarà molto difficile e saranno necessari diversi minuti prima di riuscire a trovare la parola richiesta ma, con il tempo e l’esercizio, la soluzione arriverà in maniera sempre più rapida.

DISNOMIA-PSICOLOGIA.DOCTISSIMO

DISNOMIA-SOSTEGNO FORUMATTIVO

IPERLESSIA-WIKIPEDIA

LE 10 REGOLE DI UNA BUONA COMUNICAZIONE-ROSSELLA GRENCI

LE PAROLE DELLA MENTE. LESSICO MENTALE E PROCESSI LINGUISTICI-PDF- FRANCO ANGELI