la Compagnia Teatrale Stilema si costituisce nel 1983,
formata da professionisti da anni presenti sulla scena del Teatro Ragazzi...


Una idea di infanzia
L’infanzia cui la Compagnia tenta di dare voce non è solo fatta di "alunni" o "allievi". Coloro con i quali ci interessa parlare sono bambini, sono ragazzi, sono portatori di cultura viva; sono spettatori e cittadini di oggi, prima che, come si è soliti dire e sentire, di domani. Il bambino cittadino è l’interlocutore di un teatro che accetta di definirsi nei confronti della vita e dei tanti modi di parlarsi che la attraversano, di un teatro che svolge una funzione pienamente adulta, perché ascolta ed è ascoltato.

Una idea di teatro
La viva realtà dell’infanzia, incontrata ogni giorno nei laboratori o ascoltata grazie alle iniziative dell’Osservatorio dell’Immaginario, che ha goduto della direzione scientifica di Mafra Gagliardi, costituisce la fonte di una drammaturgia originale, che non attinge dal patrimonio letterario tradizionale, ma che mira a rappresentare stati, condizioni di un immaginario contemporaneo di ragazzi e giovani. In scena, un teatro d'attore arricchito dall'utilizzo di oggetti, dall'uso della musica dal vivo, da un attento ricorrere al coinvolgimento dello spettatore. Con ciò la Compagnia si afferma come nucleo autonomo, fonte di un suo particolare linguaggio, come dimostra l’intero suo repertorio. 




con coerenza, nei nostri spettacoli più rappresentativi, vengono toccati
i temi prossimi al vivere quotidiano dell’infanzia...


1991la "memoria" in StripPremio ETI Stregagatto 2005 Miglior spettacolo di repertorio e ben 900 repliche totalizzate in 10 anni di diffusione

1994i "perché dell’infanzia" in Perché, con il quale Silvano Antonelli ottiene il riconoscimento come miglior attore nell’ambito del Premio ETI Stregagatto 1995

1997il confronto tra il loro mondo fantastico e quello reale con - Cappuccetto Arrosto

1998il mondo spesso sottaciuto dei "dispiaceri", che talvolta divengono dolori con - Ninnananna

1999il valore del gioco e del giocare - Piedi per aria

2000l’incontro con l’altro e il diverso - E tu che ci fai qui

2002la vita di tutti i giorni dei bambini, che diventa canzone - Canzoncine alte così

2003la messa in scena dei desideri più attuali dell’infanzia - Stella Stellina

2004il difficile equilibrio tra l’avere e l’essere - Tanti auguri, secondo classificato per numero spettatori stagione 04/05 Borsa Teatro Agis sezione Infanzia e gioventù

2005il perdersi nel bosco della vita odierna dei genitori, novelli Pollicini - C’è sempre un boscopremio ex aequo della Giuria, Festival Il Gioco del Teatro, Torino e Premio 2006 Alta Qualità il Grillo/RAI SAT Ragazzi, Alta Val Badia 

2006la difficoltà dell'equilibrio tra sogno, utopia e voglia di realtà - Storia di un palloncino, Gioco del Teatro Torino 2007 - Biglietto d'oro AGIS - ETI stagione 2007/2008 quale spettacolo prodotto da una Compagnia di Teatro Ragazzi più visto in Italia, con oltre 20.000 spettatori paganti 

2010affrontare, bambini e adulti insieme, la vita di tutti i giorni - In mezzo al mare, premio della Giuria Popolare Festival Festebà 2010, Ferrara

2011 - Il cuscino d'oro, un viaggio alla riscoperta dei propri intimi desideri, quelli che brillano come stelle, quelli che non si possono comprare. Festival Visioni di futuro... visioni di teatro Bologna marzo 2011 e Festival Via Paal Gallarate giugno 2011

2012 - Favola della Libertà, un grande gioco che, tra il varietà ed il cartone animato, costringe la nostra protagonista, e con lei il pubblico a porsi domande difficili su Libertà, Responsabilità, Regole, Autorità, Pace, Democrazia. Gioco del Teatro Torino Aprile 2012 

2013 - A proposito di Piter Pan una divagazione dal libro di James Matthew Barrie in cui la paura di diventare grande e la voglia di volare sono state messe in gioco con i bambini e rielaborate teatralmente - Prodotto con IL CONTATO DEL CANAVESE di Ivrea

Molti i Festival Internazionali cui la Compagnia ha partecipato, tra i quali Benevento Città Spettacolo (2003 e 2004); Meli Môme(Reims, dal 1996 al 2002); Teatro de Italia para Ninos (Madrid 1996); la Biennale di Teatro per Ragazzi (Torino, 1992); Assitej World Festival (Rostov-on-Don, 1996). La Vitrine Bleu (Lille, 1995).

Importante l’attività di laboratorio, che persegue lo scopo di divulgare il linguaggio teatrale verso i bambini, i ragazzi e gli adulti e di conferire spunti tematici e suggerimenti drammaturgici all'attività di ideazione degli spettacoli, per un più saldo rapporto con il destinatario infantile. A tale proposito, tra le molte iniziative ogni anno promosse, si segnala per la sua continuità il progetto StareBene StareMale nei comuni dell’Ovest Ticino ( 2001-2011); la Scuola di Teatro di Vinovo (2000-2011); la rassegna Teatro Libro in alcuni comuni del Canavese (2001 — 2011). Importante infine l’iniziativa editoriale realizzata con le Edizioni Erikson: Alfabeto Teatro, Idee e materiali per un percorso teatrale dai tre ai dieci anni, autore Marco Bricco, menzione ETI Stregagatto 2005 Miglior opera editoriale, e giunta alla sua terza edizione.


Di particolare natura il lavoro dedicato ai bambini del nido, posto a cavallo tra attività di laboratorio e l'azione spettacolare.
La Compagnia annovera in questo segmento progetti come Teatro al nido, Nidevento e Spazio magico e spettacoli come Pon pon e Pasticcione.
Un insieme di attività realizzate con la firma, accanto a quella della Compagnia, di Bruna Pellegrini.
Sintesi dell'esperienza il volume di Marco Bricco Fare teatro al nido, pubblicato per i tipi di FrancoAngeli.

Fanno parte della Compagnia: Silvano Antonelli (Attore); Marco Bricco (Attore); Paola Elettro (Organizzatrice); Roberto Montagna (Attore); Laura Righi (Attrice); Mirko Rizzi (Attore); Sasha Cavalli (Tecnico); Giulio Fassina (Tecnico).


LEGGI LA CRONOLOGIA