CSA REGIONI AUTONOMIE LOCALI -PARMA, PIACENZA, REGGIO EMILIA, MODENA, BOLOGNA, IMOLA, FORLI', CESENA, RIMINI


         
Per trovare tutte le informazioni aggiornate visitate il sito:
Coordinamento Provinciale Parma
info@csaemiliaromagna.it 
Segreteria telefonica 03821726036 fax 03821721029 cell. 340/5000717
Cell. 340/5000717
agg. 16 febbraio 2011



Pubblicato il n. 1 dell'Altro Verso Emilia Romagna il periodico informativo del CSA.
Visita il sito www.csaemiliaromagna.it

RSU: ORMAI CERTO LO SLITTAMENTO.

Anche l’ultima riunione tenutasi presso l’ARAN per la individuazione dei Comparti di contrattazione (e delle Aree per la dirigenza) si è conclusa con nulla di fatto.La definizione dei comparti di contrattazione – come è noto – rappresenta un presupposto ineliminabile per la indizione delle prossime elezioni per il rinnovo delle RSU. In assenza dei Comparti, infatti, vengono a mancare quelle che potremmo definire come “circoscrizioni elettorali” per il  al conteggio dei voti utili alla misurazione della rappresentatività. Ad oggi risulta difficile prevedere quando l’accordo per la individuazione dei comparti potrà essere siglato: quel che è certo è che ormai vengono a mancare i tempi tecnici per rinnovare le RSU alla loro naturale scadenza (novembre 2010). Qualunque possa essere, pertanto, l’esito della trattativa di sicuro le RSU non si terranno nel 2010.

Coordinamento Nazionale CSA


PERMESSI RETRIBUITI ART. 19 CCNL
ALCUNE DOMANDE SENZA RISPOSTA
Alcune delle domande senza risposta fatte al Direttore:
  1. citare le fonti del diritto, in modo dettagliato, sulle quali si fonda l’elaborazione della direttiva in oggetto;
  2. far conoscere le intenzioni dell’Amministrazione circa il rispetto dei principi della trasparenza, correttezza e buona fede; 
  3. far conoscere se l’Amministrazione intende perseguire una politica improntata sul rispetto della sfera familiare e della solidarietà sociale;
  4. far conoscere se l’Amministrazione intende agevolare l’assistenza ai nostri cari diversamente abili;
  5. far conoscere se intende sospendere la direttiva in questione in quanto lesiva dei diritti umani e sociali.
LA NOTA PUO' ESSERE SCARICATA AL SEGUENTE LINK PERMESSI RETRIBUITI ART. 19.

NELLA SEZIONE "COMUNICATI STAMPA" E' POSSIBILE SCARICARE IL COMUNICATO DEL 29 SETTEMBRE RELATIVO AI CRITERI DI MOBILITA' ADOTTATI IN AIPO

In data 30 agosto 2010 si è tenuto un incontro in sede ARAN avente ad oggetto l’eventuale rinnovo delle RSU al termine del quale nessuna decisione è stata adottata circa lo svolgimento delle elezioni. La CISAL unitamente al CSA ha sottolineato che le RSU rappresentano uno strumento contrattuale imprescindibile per l’alto valore di democrazia sindacale che implicano. Al tempo stesso, tuttavia, concordemente alla posizione espressa da quasi tutte le Confederazioni che sono intervenute,  ha pure evidenziato che siccome , al momento, non risultano ancora definiti i comparti di contrattazione previsti dal d. lgs. 150/09, (i quali costituiscono le “circoscrizioni elettorali” in relazione a cui  poter procedere ai conteggi per la determinazione della rappresentatività delle OO.SS).,  e pertanto non è possibile procedere all’immediato rinnovo delle RSU.

L’assenza di certezze sulla composizione dei comparti,  infatti, determina l’impossibilità per le varie OO.SS. di potersi organizzare per la presentazione delle liste, dal momento che quest’ultime, a loro volta, devono necessariamente essere calibrate in relazione alla  composizione dei comparti medesimi.

Prime di procedere al rinnovo delle RSU, pertanto, si rende necessario definire  l'accordo per la definizione dei nuovi comparti ed aree di contrattazione, (che dovranno essere ridotti a 4 per imposizione di legge). Inoltre è necessario  rivedere l’attuale  regolamento elettorale.

La mancanza di norme chiare, infine, si riflette anche rispetto al valore da attribuire ad una elezione da svolgersi entro il prossimo mese di novembre, in ordine alla utilizzabilità o meno del  relativo dato elettorale per la revisione della rappresentatività sindacale; non dimentichiamo infatti , che la recente manovra finanziaria ha determinato il blocco totale della contrattazione nel pubblico impiego fino al 2013: a  che serve allora procedere alla misurazione di una nuova rappresentatività sindacale se non ci saranno contratti da stipulare?. Questo tenendo conto anche del fatto che una elezione comporta comunque costi notevoli che fanno a carico del sistema della PA. Al termine dell’incontro l’ARaN si è riservata di consultare i comitati di settore, per una più attenta valutazione della situazione in essere. La CISAL unitamente al CSA ha comunque confermato la propria disponibilità ad una rapida definizione della trattativa sui comparti di contrattazione, avendo in tal senso già esternato all’ARAN la propria proposta.

                                                                                                                       Il Coordinamento CSA Regioni e Autonomie Locali


Pubblicato il n. 5 dell'Altro Verso il periodico informativo del CSA.
Visita la sezione L'@LTRO VERSO 

SIAMO PRESENTI SU http://www.facebook.com cerca CSA

GRANDE PARTECIPAZIONE ALLA MANIFESTAZIONE A MONTECITORIO INDETTA DA FLP, CSA, FIALP E SNAPRECOM.
Si è svolta nella giornata di mercoledì 23 giugno la manifestazione indetta da FLP, FIALP, CSA e SNAPRECOM per protestare contro la manovra finanziaria varata dal Governo. Altissima la partecipazione dei quadri sindacali, degli iscritti e di tantissimi lavoratori simpatizzanti. Nel corso del pomeriggio si sono succeduti gli interventi dei Segretari Generali delle sigle promotrici che hanno evidenziato, innanzi tutto, le enormi potenzialità insite nell’unione tra questi quattro grandi sindacati, tutti rappresentativi nei rispettivi comparti di contrattazione (Agenzie Fiscali, Ministeri, Enti Pubblici non Economici, Presidenza del Consiglio, Regioni e Autonomie Locali). Alla manifestazione sono intervenuti: l’On. Massimo Donadi, capogruppo dell’IDV alla camera; l’On. Lino Duilio, deputato PD; l’On. Angelo Compagnon, deputato UDC; l’On. Daniela Melchiorre, deputato del gruppo misto, già Sottosegretario alla Giustizia. Tutti i parlamentari intervenuti hanno espresso solidarietà ai lavoratori pubblici nonché apprezzamento per l’iniziativa posta in essere che, hanno detto, si traduce in una civile quanto giusta protesta verso un Governo incapace di rispondere ai bisogni della gente, distante dalla drammatica situazione economica e sociale che il paese sta vivendo, e sempre più arroccato nella difesa dei privilegi della Casta, dei grandi potentati economici, dei grandi patrimoni.
La manifestazione è stata la seconda delle iniziative programmate contro la manovra del Governo, fa seguito alle assemblee territoriali svoltesi il 15 giugno e precede lo sciopero generale indetto per il 25 giugno.
Nel corso della manifestazione sono stati ribaditi i principali punti del programma sindacale che ha animato la protesta, e che rappresenta una vera e propria “contromanovra” rispetto alle misure varate dal Governo: con le proposte di FLP, FIALP, CSA e SNAPRECOM, infatti sarebbe possibile ottenere risorse per il rientro del deficit pubblico senza procedere al blocco dei contratti del pubblico impiego.
La proposte formulate, infatti, si muovono verso: la riduzione dei veri sprechi della pubblica amministrazione che non sono rappresentati certo dalle retribuzioni dei lavoratori, ma dai costi esagerati indotti dagli apparati politici, il cui peso deve essere radicalmente ridimensionato; l’effettivo riequilibrio del bilancio pubblico, da perseguire con misure strutturali e non con trovate estemporanee (quale è il blocco dei contratti del pubblico impiego); l’imposizione di sacrifici commisurati sulla capacita contributiva dei cittadini, in modo da far pagare i più ricchi ed in generale le categorie che dalla crisi non sono toccate ma che, anzi, dalla stessa paradossalmente rischiano di trarre ulteriore arricchimento; in questo senso l’impostazione di dividere i cittadini tra impiegati pubblici (nella gran parte dei casi beneficiari di redditi bassi) e “resto del mondo” appare figlia di una logica rozza ed incivile.
Il Coordinamento Generale

   

ll CSA Regioni Autonomie Locali per protestare contro la manovra correttiva del governo che penalizza in modo inaccettabile il pubblico impiego ha proclamato lo
SCIOPERO GENERALE
 dei lavoratori del comparto Regioni Autonomie Locali e dell’Area II della Dirigenza.
Lo sciopero è indetto il giorno
25 giugno 2010
per l’intera giornata lavorativa / turno lavorativo.
Il Coordinamento Generale del CSA, con questa scelta, vuole mandare un
segnale affinchè tutto il Sindacato, in modo compatto, si adoperi per far sentire in modo unitario la voce di tutti i lavoratori contro l’iniquità della manovra.
Il Coordinamento Generale

PROCLAMAZIONE SCIOPERO PER IL 25 GIUGNO 2010
A seguito dello stato di agitazione, il CSA REGIONI E AUTONOMIE LOCALI, ha riunito 
il proprio Esecutivo Nazionale che ha deliberato di proseguire la lotta contro le iniquità contenute 
nel D.L. 78/2010, che penalizza pesantemente la categoria dei dipendenti pubblici, proclamando 
uno sciopero generale per la data del 25 giugno 2010
Tale sciopero riguarda tutti i lavoratori del comparto Regioni Autonomie Locali e 
dell’Area II della Dirigenza e si articolerà per l’intera giornata o turno di lavoro. 
La scelta della data, in cui sciopereranno anche altri sindacati, è stata decisa tenendo conto 
di due fattori che per il CSA assumono rilevanza predominante.
Il primo è quello di superare ogni egoismo di sigla nell’interesse esclusivo dei lavoratori 
che, nostro giudizio, non possono essere chiamati a più scioperi, considerato il sacrificio che questa 
forma di protesta purtroppo richieste. 
Il secondo è che riteniamo che, mai come in questo momento, si debba favorire l’unione dei 
lavoratori contro una manovra che mette in profonda discussione oltre al diritto ai Contratti, anche 
una serie di diritti acquisiti che per il CSA sono Assolutamente intoccabili.
Ribadiamo che gli errori della politica fatti negli ultimi 15-20 anni, che hanno contribuito in 
modo significativo a creare le pre-condizioni per la manovra “Tremonti” non possono essere FATTI 
PAGARE solo dai dipendenti pubblici che, vogliamo ricordare, già una volta hanno subito il blocco 
dei rinnovi contrattuali sotto il Governo AMATO anche allora perché la situazione economica lo 
imponeva.
Il nostro è, quindi, uno sciopero contro il metodo che vede sempre perseguire la soluzione 
più facile, anziché quella più giusta; vogliamo protestare contro la mancanza di assunzione di 
responsabilità della classe politica ed a salvaguardia dell’art. 36 della Costituzione che recita “Il 
lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in 
ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un'esistenza libera e dignitosa. “ e dell’art. 
53 della Costituzione, secondo cui : “Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione 
della loro capacità contributiva. Il sistema tributario è informato a criteri di progressività.
Francesco Garofalo
Coordinatore Nazionale CSA

Pubblicato il n. 4 dell'Altro Verso il periodico informativo del CSA.
Visita la sezione L'@LTRO VERSO 


M A S S A C R A T I!
TRE FORSE QUATTRO 
ANNI SENZA CONTRATTI. 
IL GOVERNO PIÙ 
BUGIARDO DI SEMPRE ATTUA 
UN VERO E PROPRIO 
FURTO LEGALIZZATO DI 
MASSA, METTE ALLEGRAMENTE 
LE MANI NELLE 
TASCHE DEI DIPENDENTI 
PUBBLICI , LICENZIA
QUELLI PRECARI E SPACCIA 
TUTTO QUESTO COME 
RISANAMENTO: MA RESTANO
SOSTANZIALMENTE 
INTATTI I PRIVILEGI, I 
FAVORITISMI, GLI SPRECHI 
E LA TOLLERANZA 
VERSO LA ILLEGALITÀ.

PERMESSI RETRIBUITI ART. 19 CCNL
ALCUNE DOMANDE SENZA RISPOSTA
Alcune delle domande senza risposta fatte al Direttore:
  1. citare le fonti del diritto, in modo dettagliato, sulle quali si fonda l’elaborazione della direttiva in oggetto;
  2. far conoscere le intenzioni dell’Amministrazione circa il rispetto dei principi della trasparenza, correttezza e buona fede; 
  3. far conoscere se l’Amministrazione intende perseguire una politica improntata sul rispetto della sfera familiare e della solidarietà sociale;
  4. far conoscere se l’Amministrazione intende agevolare l’assistenza ai nostri cari diversamente abili;
  5. far conoscere se intende sospendere la direttiva in questione in quanto lesiva dei diritti umani e sociali.
LA NOTA PUO' ESSERE SCARICATA AL SEGUENTE LINK PERMESSI RETRIBUITI ART. 19.

ASSEMBLEA

DI TUTTI I LAVORATORI  DELL’AIPO

Il giorno 10 MAGGIO, dalle ore 11.00 alle ore 12.30 presso la sala comitato 2° piano dell’Ufficio A.I.Po di Parma via Garibaldi, 75 , con il seguente o.d.g.: Linee organizzative A.I.Po; Iniziative da promuovere; Varie ed eventuali.
Parteciperanno all’assemblea:
-Coordinatore Regionale per la Lombardia Aldo Tritto
-Coordinatore Regionale per l’Emilia Romagna
Marina Giambi
-Coordinatore Provinciale di Bologna
Makhetar Baila Ndiaye
-Coordinatore Provinciale di Modena
Paola Sarti
-Vice Coordinatore Regionale Emilia Romagna Luigi Caligiuri;
-Coordinatore Provinciale di Parma
Luisella Musa
-Vice Coordinatore Provinciale di Parma
Luca Zilli
-Coordinatore Provinciale di Reggio Emilia
Francesco Positano

I LAVORATORI PARTECIPANTI, USUFRUIRANNO DELL’APPOSITO PERMESSO PER ASSEMBLEA, AI SENSI DEL CCNL VIGENTE E NELL’AMBITO DELLE 12 ORE ANNUE PROCAPITE SPETTANTI.



Nella sezione INIZIATIVE CSA potete scaricare la nota inviata all'Amministrazione per attivare le procedure per le progressioni verticali.

E’ stata sottoscritta in data 7 aprile 2010 l’ipotesi di Accordo per l’utilizzo del Fondo Risorse Decentrate relativo all’anno 2009. Tale ipotesi è stata sottoscritta e condivisa da tutti i componenti della R.S.U. e le OO.SS. CGIL–CISL-UIL e CSA presenti all’incontro.

Punti salienti dell’intesa sono:

1.     Aumento della quota di Fondo relativa alle progressioni economiche per 20.000 € (provengono dalle economie delle Posizioni Organizzative che in altre occasioni se le sono spartite fra di loro), che, sommati ai circa 17.000 già disponibili, consentiranno un notevole ampliamento della platea dei dipendenti ai quali sarà riconosciuta la progressione, già concordata con decorrenza 1 ottobre 2009.

2.     La voce del fondo relativa alla retribuzione incentivante è stata integrata dell'importo di circa € 53.000,00. Inizialmente, tale somma era stata decurtata dalla produttività collettiva al fine di poter corrispondere al personale ex precario i relativi arretrati spettanti. La suddetta integrazione è stata possibile mediante: 

- incremento della parte variabile del fondo per € 25.000,00 - Art. 15 c. 5 CCNL-risorse legate alle modsifiche organizzative; 

- utilizzo economie derivanti da una minor spesa a carico della voce "indennità di comparto, rischio e reperibilità"

3.     Inserimento nelle procedure e nei criteri di valutazione, per le sole  progressioni  economiche relative alle Aree B e C,   della esperienza professionale maturata, obbligo di consegna ai dipendenti delle schede di valutazione elaborate dai Dirigenti e possibilità di accedere a procedure conciliative, le cui caratteristiche saranno concordate tra le parti entro il 30 aprile 2010.

CSA -CGIL – CISL –UIL            R.S.U. A.I.PO

IL FILE PUO' ESSERE SCARICATO NELLA SEZIONE CONTRATTAZIONE A.I.PO

Un grande successo per il CSA RAL in quanto hanno accettato quasi tutto quello che avevamo proposto come si può facilmente desumere dalla nostra proposta, presentata all'Amministrazione in data 23 dicembre 2009, pubblicata nella sezione INIZIATIVE CSA


Il CSA/RAL ha costituito i dipartimenti nazionali “Polizia locale”, “Tecnici e professionisti”, “Scuola” e “Amministrativi” per stilare un documento programmatico per la prossima piattaforma contrattuale del Comparto Regioni e Autonomie locali. Il Coordinamento Aziendale dell’A.I.Po parteciperà e rappresenterà i lavoratori A.I.Po nei  Dipartimenti “Tecnici e professionisti” e “Amministrativi”. Il Coordinatore Aziendale Luigi Caligiuri raccoglierà volentieri suggerimenti di informatici, architetti, ingegneri, geometri, ecc. e porterà la loro voce a Roma per cercare di far riconoscere le loro specificità.




Ripristinato l’incentivo Merloni del 2% per i dipendenti pubblici


NASCE LA CGE, IL NUOVO GRANDE

SINDACATO AUTONOMO DEL PUBBLICO IMPIEGO E DEI SERVIZI PUBBLICI

NEWS C.S.A.


IL VALZER DI BRUNETTA TERMINA COL CASCHE'
NUOVE FASCE DI REPERIBILITA' IN MALATTIA 
Le nuove fasce orarie, entro le quali devono essere effettuate le visite di controllo durante i periodi di malattia, entreranno in vigore il prossimo 4 febbraio 2010 e saranno le seguenti:
DALLE ORE 9.00 ALLE ORE 13.00 E DALLE ORE 15.00 ALLE ORE 18.00
-COMPRESO I GIORNI NON LAVORATIVI E FESTIVI-


PERMESSI RETRIBUITI ART. 19 CCNL
ALCUNE DOMANDE SENZA RISPOSTA
Alcune delle domande senza risposta fatte al Direttore:
  1. citare le fonti del diritto, in modo dettagliato, sulle quali si fonda l’elaborazione della direttiva in oggetto;
  2. far conoscere le intenzioni dell’Amministrazione circa il rispetto dei principi della trasparenza, correttezza e buona fede; 
  3. far conoscere se l’Amministrazione intende perseguire una politica improntata sul rispetto della sfera familiare e della solidarietà sociale;
  4. far conoscere se l’Amministrazione intende agevolare l’assistenza ai nostri cari diversamente abili;
  5. far conoscere se intende sospendere la direttiva in questione in quanto lesiva dei diritti umani e sociali.

[13 dicembre 2009] -Nella sezione incentivo merloni si può scaricare l'articolo di Italia Oggi del 27/11/09 riguardante l'incentivo per la progettazione. Ancora non è definitivo ma sembra che stavolta ci siano i presupposti per renderlo definitivo al 2%.

[10 ottobre 2009] -Nella sezione PERMESSI RETRIBUITI è stata pubblicata la risposta del CSA alla vergognosa direttiva emanata dall'A.I.Po per "regolamentare" i permessi retribuiti previsti dall'art. 19 del CCNL.
SI RINGRAZIANO I COORDINATORI REGIONALI DEL CSA PER LA LORO DISPONIBILITA' E COMPETENZA.

[22 settembre 2009] -E' stata creata una nuova sezione relativa all'incentivo per la progettazione interna nella stessa troverete tutti i files relativi alla bozza del regolamento. Sono gradite osservazioni da portare all'attenzione della delegazione trattante.

[02 settembre 2009] -Nella sezione INCENTIVO MERLONI è disponibile il modello per richiedere il rimborso dell'IRAP relativo all'incentivo per la progettazione.

[30 luglio 2009] -Cari colleghi,
La sentenza del tribunale di Roma mette fine ad un periodo lungo e travagliato ... per difendere il legittimo diritto di veder riconosciuta la nostra rappresentatività a livello nazionale.
Nella sezione news troverete il volantino del Coordinatore Nazionale Francesco Garofalo.

[2 giugno 2009] -Il giorno 16 giugno 2009 dalle ore 10.30 alle ore 12.30 si terrà, presso la sala comitato, un'assemblea sindacale riservata agli Istruttori Idraulici, Funzionari Tecnici titolari di tronco, Istruttori Tecnici titolari di tronco e RSU CSA. L’ordine del giorno sarà il seguente: problematiche relative al personale titolare di tronco;  varie.  Interverranno all’assemblea i rappresentanti Aziendali del C.S.A..

[26 maggio 2009] -Oggi abbiamo ricevuto dalla UIL FPL il solito attacco gratuito. I contenuti? bhe....  perseverano con atteggiamenti offensivi, scorretti, imprecisi, impropri e immorali. Vorrei ricordarvi, per l'ennesima volta -sono stufo di ripeterlo-, che coprite il ruolo di R.S.U. perché qualcuno vi ha dato fiducia scrivendo il vostro nome sulla scheda elettorale e pertanto ogni RSU ha il dovere morale ed etico di portare avanti gli interessi collettivi e non solo dei vostri “compagni di merenda”. Prima firmate l'accordo, con la complicità di tutta la "corte", poi scrivete falsità (bugie) bhe.... ho già perso troppo tempo a darvi retta.
Complimenti continuate così voi si che rappresentate i lavoratori. bravi... bravi... bravi... [Zelig Circus].

LA CASTA DICE NO
[23 maggio 2009] -Il coordinamento Aziendale del Comune di Imola, già da qualche mese, ha presentato all'Amministrazione la richiesta relativa all'anticipo contrattuale previsto dalla finanziaria naturalmente (se ciò può essere naturale) l'Amministrazione dice NO alla richiesta del CSA di erogare ai dipendenti l’anticipo del biennio economico 2008/09. [CSA Comune di Imola].
Si rende noto a tutti i colleghi che il Coordinamento CSA dell'A.I.Po ha già segnalato al Direttore e a tutti gli assessori del Comitato di Indirizzo la possibilità di erogare ai dipendenti l'anticipo contrattuale. Ma... alla data odierna non abbiamo avuto risposta. Sembra chiaro che le priorità dell'A.I.Po sono, in valore assoluto, regolamentare l'art. 19 con delle nuove regole che di fatto non consentono ai dipendenti di usufruire dei permessi... i motivi!!!!! hanno fatto un report... un report? bhe... ci costa troppo... costate troppo... bla... bla... bla...


[21 maggio 2009] -Il giorno 16 giugno 2009 dalle ore 10.30 alle ore 12.30 si terrà, presso la sala comitato, un'assemblea sindacale riservata agli Istruttori Idraulici, Funzionari Tecnici titolari di tronco, Istruttori Tecnici titolari di tronco e RSU CSA. L’ordine del giorno sarà il seguente: problematiche relative al personale titolare di tronco;  varie.  Interverranno all’assemblea i rappresentanti Aziendali del C.S.A..