MAPPE TOPONIMI

 

HOMEPAGE CORNONE E DALPE   

HOMEPAGE DIZIONARIO LEVENTINESE 

HOMEPAGE TABASIO ANTOLOGIA DEL WEB 


 

Per la zona tra Cadonigo, Campolungo e Tremorgio vai sul mio sito Dizionario illustrato dell'alta Leventina alla pagina TOPONIMI DI PRATO 

 

I toponimi - ossia i nomi di luogo - si perdono sempre più nelle nostre regioni di montagna man mano che agricoltura e pastorizia cedono terreno e che prati e pascoli - tutti o quasi con un loro nome - sono divorati dalla boscaglia. Io che sono cresciuto a Dalpe molti non li conosco e credo che le generazioni più giovani li conoscano ancora meno. E quale dalpese DOC sa ancora per esempio dove si trova Tröijìs*? Penso di fare una cosa utile pubblicando qui alcune cartine non facilmente accessibili, in particolare le mappe patriziali del 1909. Purtroppo i cartografi non sono dialettologi: nella trascrizione del dialetto e nel cercare di italianizzare hanno fatto molti danni, difficili da riparare. E molti nomi non sono riportati (Tröijìs tra questi). Per Dalpe mi aspetto molto dal libro promesso sull'argomento da Mario Fransioli, che spero di poter leggere presto.

* Tröijis si trova dove c'è attualmente la casa dell'Alberto Dotti, all'inizio del Cioss di sotto. Conosco il nome perché era un prato del compianto Mario Gianella (1914-2000), che aiutavo a far fieno da ragazzo.

CARTINA CON I CONFINI COMUNALI E I TOPONIMI PRINCIPALI 

 http://sites.google.com/site/cornone/DalpeCartina.JPG

Cartina con i confini del comune di Dalpe, tratta dal libro di Mario Fransioli "Dalpe", 2002, pp. 20-21. Clicca per ingrandire.


TOPONIMI DI DALPE E DELLA VAL PIUMOGNA

Ignoro l'anno della cartina qui sopra, di cui ho potuto fotografare purtroppo soltanto una fotocopia di una fotocopia di una fotocopia... Da un esame sommario dovrebbe essere attorno al 1950, in ogni caso prima del 1953, anno di costruzione degli stabili nella nuova sede dell'alpe di Geira, sul versante sinistro della Piumogna. Ho evidenziato i nomi per renderli meglio visibili, data la mediocre qualità della carta, che ha tuttavia il merito di indicare toponimi ignorati dalle cartine 1:25'000 in commercio. Nella seconda immagine si possono in particolare leggere i nomi delle "löite" di Géira ai piedi del Pizzo Forno.


TOPONIMI ATTORNO AI VILLAGGI DI DALPE E CORNONE 


Il Piano regolatore esposto in muncipio. Clicca per ingrandire. Per immagini ravvicinate va' alla pagina PIANO REGOLATORE.


TOPONIMI DEI TERRENI PATRIZIALI - CARTINE DEL 1909

Le immagini che seguono sono foto di copie di mappe patriziali risalenti al 1909.


                                          Zona a sud di Dalpe


 

Zona di Piumogna e Geira. Jsera va letto Isra = isola (tra due rami della Piumogna). La scritta "Fondi privati" si riferisce ai prati di Piumogna e agli attigui Préi Medéi, un tempo verosimilmente proprietà comunitaria assegnata a singoli vicini a turno o all'incanto, poi finiti in mano a privati e infine rilevati dal Patriziato nel 1935. La mappa mostra anche il prato recintato della Monda con l'Hotel Pension Piumogna. A fine '800 il prato era proprietà di un Felice D'Ambrogio (1839-1901), che vi costruì una casa. Alla morte di quest'ultimo i beni furono messi all'asta e acquistati per 3700 franchi da Ermenegildo Gianelli di Calpiogna, detto Taparin. Questi trasformò la casa in albergo, che aprì nel 1906 con il nome di Hôtel Pension Piumogna. L'hotel aveva una trentina di letti e clienti che venivano anche dalla Svizzera tedesca e da Milano. Il sentiero che partiva Pianaselva, dove era stata appena terminata la strada che saliva da Faido, fu sistemato: una parte di esso è noto ancora oggi come "strèda det Taparin". Durante la Prima guerra mondiale l'albergo rimase inattivo, fino alla vendita al Patriziato nel 1919. Il Patriziato tentò di rilanciarlo ma senza successo e nel febbraio 1925 una valanga lo spazzò via. Sul suo sedime fu costruita una cascina che servì da corte principale dell'alpe di Geira, al posto della vecchia cascina di Geira poco lontana, essa pure distrutta dalla valanga, fino al 1953, anno in cui è stata costruita la cascina attuale sull'altro versante della valle (informazioni tratte da Mario Fransioli, "Dalpe", pp. 176-177.

 


Il maggengo di Piumogna. Ancora risparmiato, in buona parte almeno, dalle buzze della frana del Pizzo Lambro. Per saperne di più va' alla pagina PIUMOGNA.


Zona dell'alpe Lambro. Il Val da Friet sulla sinistra in alto va letto Val da Frót (plurale di Fróda = cascata).

Zona del Bosco Grande e Pianaselva. Si noti il Monastero sopra i Fondi privati di Pianaselva. Per saperne di più va' alla pagina MONASTERO.

                            La Bedrina. Guarda le foto alla pagina BEDRINA.

 

TOPONIMI DEL TERRITORIO DI DALPE E DELLA REGIONE DI GRIBBIO (CHIRONICO)

Le cartine che seguono sono tratte dal "Piano Originale" dei comuni di Dalpe e Chironico 1:10'000 con la data 1935. Deve tuttavia trattarsi, almeno per qualche elemento, di un aggiornamento degli anni Cinquanta, perché già appaiono le nuove costruzioni dell'alpe di Géira, che sono del 1953. Mancano d'altro canto i due chalet sopra il cimitero, che dovrebbero essere del 1947 (chalet Fontana) e del 1949.


Dalpe, Cornone e dintorni.


Zona dell'alpe di Geira.


Zona degli alpi Lambro, Morghirolo, Lei Scima e Croslina.





Il Lago Morghirolo era chiamato un tempo Lago di Cima (dial. Lèi Scima), come mostra la cartina qui a lato. Ecco spiegato perche l'alpe di Lèi Scima e il pizzo sovrastante si chiamano così.



Regione di Gribbio.