Configuratori di prodotto


"Make it possible" 

Prologo

Il termine "Configuratore" dice tutto ma non definisce nulla.
In genere è un termine di cui il marketing abusa con grande piacere, perchè ormai è entrato nel vocabolario di quasi tutti gli imprenditori che si trovino a dover produrre, preventivare e vendere (o anche solo vendere) un prodotto "personalizzabile", che sia un'assicurazione, una porta, una scala, una finestra, un personal computer o altro.

In realtà, il termine "Configuratore" racchiude concetti come progettazione, ciclo di produzione, listino di vendita, "user-friendly", cliente, web, erp, regole, vincoli, dipendenze, espressioni, ecc.. ecc..
Provate a sviluppare una mappa di ognuno di questi concetti: vi si aprirà un piccolo universo di connessioni e peculiarità.

In questi anni ho avuto il piacere di seguire progetti di "configurazione" di ogni genere, e credetemi quando vi dico che una scala non è poi così diversa da una porta, da un personal computer o da una polizza assicurativa.

Ciò che differenzia un prodotto "configurabile" da un altro sono le regole, i vincoli e le dipendenze dei parametri di configurazione (o caratteristiche, come le chiama SAP/R3).

Ciò che differenzia un software di configurazione da un'altro, non è invece così irrilevante.
Volete capire meglio quale chimera si nasconde dietro al vostro configuratore? o quello che vi è stato appena offerto? come scegliere il prodotto giusto? come integrarlo al vostro sistema informativo? volete sviluppare una soluzione di configurazione personalizzata? avete mille dubbi e mille domande?
Allora abbiate la pazienza di continuare a seguirmi..