Etica biblica‎ > ‎

Etica 08

8. Deviazioni sessuali

  • Affermiamo che la Scrittura rivela le norme divine circa le relazioni sessuali e che discostarsene è peccato.
  • Affermiamo che le relazioni sessuali non sono legittime se non nell’ambito di una relazione coniugale eterosessuale.
  • Affermiamo che la grazia di Dio in Cristo può affrancare l’uomo e la donna dalla schiavitù di un comportamento sessuale deviante, eterosessuale o omosessuale, e che la chiesa deve assumersi la responsabilità di aiutare tali persone a vivere una vita che onora Dio.
  • Affermiamo che Dio ama gli omosessuali come ama gli altri peccatori e che, come ogni tentazione, quelle omosessuali possono essere superate per Ia potenza di Dio nella vita di coloro che portano le conseguenze di un comportamento sessuale deviante.
  • Affermiamo che la pienezza dell’uomo non dipende dalla soddisfazione degli appetiti sessuali; l’edonismo e simili filosofie che incoraggiano la promiscuità sessuale sono nell’errore e 
  • conducono alla distruzione.
  • Affermiamo che la pornografia minaccia il benessere degli individui, della famiglia e della società nel suo insieme e che tocca ai cristiani cercare di impedirne la produzione e la distribuzione.
  • Respingiamo l’opinione secondo la quale il comportamento omosessuale possa piacere a Dio. 
  • Rigettiamo che il fattore ereditario, il condizionamento nell’infanzia o qualsiasi influenza esteriore possano servire come attenuante per un comportamento sessuale deviante.
  • Rigettiamo che si possano trovare scuse per il maltratta- mento o lo sfruttamento sessuale dei bambini.
  • Rigettiamo che sia impossibile sperare nella liberazione da un comportamento sessuale o da ogni altra forma di deviazione sessuale.
  • Respingiamo l’idea secondo la quale la guarigione di una persona sessualmente deviata possa essere favorita con qualche speranza attraverso la condanna senza compassione o attraverso la compassione che dimentica di applicare la verità biblica.
Comments