Etica biblica‎ > ‎

Etica 04

4. La chiesa e la sua missione

  • Affermiamo che la Bibbia riceve la sua autorità canonica in virtù della sua ispirazione dallo Spirito Santo e che il ruolo della chiesa consiste sempre nel riconoscere e affermare questa autorità,
  • Affermiamo che Cristo il Signore ha stabilito la sua chiesa sulla terra e la governa attraverso la sua Parola e il suo Spirito.
  • Affermiamo che la chiesa è apostolica quando riceve la dottrina degli apostoli riportata nella Scrittura, si fonda su di essa e continua a proclamare l’Evangelo apostolico.
  • Affermiamo che le caratteristiche o le «note» d’autenticità della chiesa locale sono la confessione e la proclamazione fedele della Parola di Dio, e l’amministrazione responsabile del battesimo e della Cena.
  • Affermiamo che, nella loro costituzione come nella loro dottrina, le chiese sono sottomesse alla Parola del Cristo.
  • Affermiamo che oltre al loro impegno verso una chiesa locale, i cristiani possono legittimamente impegnarsi in organizzazioni para-ecclesiali con dei ministeri specializzati.
  • Affermiamo che il Cristo chiama la chiesa, in quanto suo popolo nel mondo, a servirlo con l’adorazione, l’insegnamento, il reciproco sostegno e la testimonianza.
  • Affermiamo che Cristo manda la chiesa nel mondo intero per intimare all’umanità peccatrice di credere, pentirsi e comportarsi in modo giusto.
  • Affermiamo che l’unità e la chiarezza della Scrittura ci incoraggiano a risolvere le controversie dottrinali tra cristiani e a manifestare l’unità della chiesa in Cristo.
  • Rigettiamo che la chiesa possa conferire la sua autorità canonica alla Scrittura.
  • Rigettiamo che la chiesa sia creata dalla volontà e dalle tradizioni degli uomini.
  • Rigettiamo che la chiesa possa vincolare la coscienza indipendentemente dalla Parola di Dio.
  • Rigettiamo che la chiesa possa liberarsi dell’autorità della Parola scritta di Dio ed esercitare ancora nel nome di Cristo una disciplina valida.
  • Neghiamo che la chiesa possa accontentarsi delle esigenze di una cultura particolare se si oppongono alla rivelazione della Scrittura o se intralciano la libertà di coscienza cristiana. 
  • Respingiamo l’idea secondo la quale la differenza delle situazioni culturali invalida il principio biblico dell’uguaglianza tra l’uomo e la donna e le esigenze bibliche relative al loro ruolo nella chiesa.
Comments