Cfw‎ > ‎cfw23‎ > ‎

cfw23-2

23:2 E' legittimo per i cristiani accettare di assumere l'ufficio di magistrati quando vi siano chiamati (460). Nella gestione di questo ufficio [compito], poiché devono in special modo mantenere la pietà, la giustizia e la pace, secondo le salutari leggi di ogni stato [repubblica] (461), attualmente, sotto il Nuovo Testamento, per conseguire tale fine, possono muovere legittimamente guerra, quando le circostanze la rendono necessaria e secondo giusta causa (462).

Testo originale

LatinoInglese
II. It is lawful for Christians to accept and execute the office of a magistrate when called thereunto; in the managing whereof, as they ought especially to maintain piety, justice, and peace, according to the wholesome laws of each commonwealth, so, for that end, they may lawfully, now under the New Testament, wage war upon just and necessary occasion.II. Christianis, quoties ad id vocantur, Magistratus munus et suscipere licet et exequi; in quo quidem gerendo, ut pietatem præcipue, justitiam, ac pacem secundum salubres cujusque Reipublicæ leges tueri debent, ita quo illum finem consequantur, licitum est iis vel hodie sub Novo Testamento in causis justis ac necessariis bellum gerere.

Riferimenti biblici

  • (460) "Per mio mezzo regnano i re, e i prìncipi decretano ciò che è giusto. Per mio mezzo governano i capi, i nobili, tutti i giudici della terra" (Proverbi 8:15-16); "Ogni persona stia sottomessa alle autorità superiori; perché non vi è autorità se non da Dio; e le autorità che esistono sono stabilite da Dio ... perché il magistrato è un ministro di Dio per il tuo bene; ma se fai il male, temi, perché egli non porta la spada invano; infatti è un ministro di Dio per infliggere una giusta punizione a chi fa il male" (Romani 13:1‑4).
  • (461) "Ora, o re, siate saggi; lasciatevi correggere, o giudici della terra. 11 Servite il SIGNORE con timore, e gioite con tremore. Rendete omaggio al figlio, affinché il SIGNORE non si adiri e voi non periate nella vostra via, perché improvvisa l'ira sua potrebbe divampare. Beati tutti quelli che confidano in lui!" (Salmo 2:10‑12); "...per i re e per tutti quelli che sono costituiti in autorità, affinché possiamo condurre una vita tranquilla e quieta in tutta pietà e dignità" (1 Timoteo 2:2); "Difendete la causa del debole e dell'orfano, fate giustizia all'afflitto e al povero! 4 Liberate il misero e il bisognoso, salvatelo dalla mano degli empi!" (Salmo 82:3-4); "Il Dio d'Israele ha parlato, la Rocca d'Israele mi ha detto: "Colui che regna sugli uomini con giustizia, colui che regna con timore di Dio," (2 Samuele 23:3); "Siate sottomessi, per amor del Signore, a ogni umana istituzione: al re, come al sovrano" (1 Pietro 2:13).
  • (462) "Lo interrogarono pure dei soldati, dicendo: «E noi, che dobbiamo fare?» Ed egli a loro: «Non fate estorsioni, non opprimete nessuno con false denunce, e contentatevi della vostra paga»" (Luca 3:14); "perché il magistrato è un ministro di Dio per il tuo bene; ma se fai il male, temi, perché egli non porta la spada invano; infatti è un ministro di Dio per infliggere una giusta punizione a chi fa il male" (Romani 13:4); "Perché anche io sono uomo sottoposto ad altri e ho sotto di me dei soldati; e dico a uno: "Va'", ed egli va; e a un altro: "Vieni", ed egli viene; e al mio servo: "Fa' questo", ed egli lo fa». 10 Gesù, udito questo, ne restò meravigliato, e disse a quelli che lo seguivano: «Io vi dico in verità che in nessuno, in Israele, ho trovato una fede così grande!" (Matteo 8:9-10); "Vi era in Cesarea un uomo di nome Cornelio, centurione della coorte detta «Italica». Quest'uomo era pio e timorato di Dio con tutta la sua famiglia, faceva molte elemosine al popolo e pregava Dio assiduamente" (Atti 10:1-2); "Combatteranno contro l'Agnello e l'Agnello li vincerà, perché egli è il Signore dei signori e il Re dei re; e vinceranno anche quelli che sono con lui, i chiamati, gli eletti e i fedeli». Poi mi disse: «Le acque che hai viste e sulle quali siede la prostituta, sono popoli, moltitudini, nazioni e lingue. Le dieci corna che hai viste e la bestia odieranno la prostituta, la spoglieranno e la lasceranno nuda, ne mangeranno le carni e la consumeranno con il fuoco" (Apocalisse 17:14-16).

Commento

Comments