Cfw‎ > ‎cfw10‎ > ‎

Cfw10-3

10:3 I bambini eletti che muoiono nell'infanzia sono rigenerati e salvati da Cristo attraverso lo Spirito (225), che opera quando, dove e come vuole (226). Lo stesso avviene per tutti le altre persone elette che non sono in grado di essere esteriormente chiamate dal ministero della Parola (227).

Testo originale

IngleseLatino
III. Elect infants, dying in infancy, are regenerated and saved by Christ through the Spirit, who worketh when, and where, and how he pleaseth. So also are all other elect persons, who are incapable of being outwardly called by the ministry of the Word.III. Electi infantes in infantia sua morientes regenerantur salvanturque a Christo per spiritum {qui quando et ubi, et quo sibi placuerit modo operator); sicut et reliqui electi omnes, quotquot externæ vocationis per ministerium verbi sunt incapaces.

Riferimenti biblici

  • (225) "Portavano a Gesù anche i bambini, perché li toccasse; ma i discepoli, vedendo, li sgridavano. Allora Gesù li chiamò a sé e disse: «Lasciate che i bambini vengano a me, e non glielo vietate, perché il regno di Dio è per chi assomiglia a loro" (Luca 18:15-16); "E Pietro a loro: «Ravvedetevi e ciascuno di voi sia battezzato nel nome di Gesù Cristo, per il perdono dei vostri peccati, e voi riceverete il dono dello Spirito Santo. Perché per voi è la promessa, per i vostri figli, e per tutti quelli che sono lontani, per quanti il Signore, nostro Dio, ne chiamerà»" (Atti 2:38-39); "Gesù gli rispose: «In verità, in verità ti dico che se uno non è nato di nuovo non può vedere il regno di Dio». ... Gesù rispose: «In verità, in verità ti dico che se uno non è nato d'acqua e di Spirito, non può entrare nel regno di Dio" (Giovanni 3:3,5); "Chi ha il Figlio ha la vita; chi non ha il Figlio di Dio, non ha la vita" (1 Giovanni 5:12); "Voi però non siete nella carne ma nello Spirito, se lo Spirito di Dio abita veramente in voi. Se qualcuno non ha lo Spirito di Cristo, egli non appartiene a lui" (Romani 8:9).
  • (226) "Il vento soffia dove vuole, e tu ne odi il rumore, ma non sai né da dove viene né dove va; così è di chiunque è nato dallo Spirito»" (Giovanni 3:8).
  • (277) "Essi gli domandarono: «Chi è l'uomo che ti ha detto: "Prendi il tuo lettuccio e cammina?"»" (Giovanni 5:12); "In nessun altro è la salvezza; perché non vi è sotto il cielo nessun altro nome che sia stato dato agli uomini, per mezzo del quale noi dobbiamo essere salvati»" (Atti 4:12).

Commento


I bambini eletti che muoiono durante l'infanzia vengono rigenera­ti e salvati da Cristo per mezzo dello Spirito il quale opera quando, dove e come vuole (226). Ciò rimane vero anche per tutte le persone elette che non hanno la possibilità di essere chiamate esternamente per mezzo del ministero della Paro­la (227).

La Confessione di fede di Westminster è stata spesso criticata per aver detto che: “I bambini eletti che muoiono nell'infanzia sono rigenerati e salvati da Cristo attraverso lo Spirito, che opera quando, dove e come vuole. Lo stesso avviene per tutti le altre persone elette che non sono in grado di essere esteriormente chiamate dal ministero della Parola” (10:3), il che implicherebbe che vi siano bambini non eletti che, morendo durante l’infanzia, sono perduti e che la Chiesa presbiteriana abbia insegnato che alcuni che muoiono nell’infanzia siano perduti. Al riguardo di questo, il dott. C. Craig dice: “La storia dell’espressione ‘bambini eletti che muoiono nell’infanzia’ rende chiaro che il contrasto che vi si implica non sia fra “bambini eletti che muoiono nell’infanzia” e “bambini non eletti che muoiono nell’infanzia”, ma piuttosto fra “bambini eletti che muoiono nell’infanzia” e “bambini eletti che vivono e diventano adulti”. Difatti nel 1903 la Chiesa Presbiteriana negli USA ha emanato questa dichiarazione di precisazione: “In riferimento al cap. 10 sez. 3 della Confessione di fede … non è da comprendersi che vi siano bambini che muoino nell’infanzia che saranno perduti”. (...) Alcuni sostengono che la Dichiarazione di precisazione vada oltre le Scritture nell’insegnare che tutti coloro che muoiono nell’infanzia siano salvati, ma, sia come sia, rende impossibile a chiunque di sostenere plausibilmente che vi siano presbiteriani che insegnano esservi bambini non eletti che muoiono nell’infanzia. Senza dubbio vi sono stati singoli presbiteriani che l’hanno sostenuto, ma quello non è mai stato l’insegnamento ufficiale della Chiesa presbiteriana e, così come stannno ora le cose, tale posizione è contraddetta dal credo della Chiesa.

Comments