Catmagwest‎ > ‎

Catmagwest027

D. 27 Quale tipo di miseria la Caduta arrecato al genere umano?

R. La Caduta ha arrecato al genere umano non solo la perdita della sua [originaria] comunione con Dio [95], ma anche la Sua ira e maledizione. Per questo noi siamo [ora] per natura figli d'ira [96], servi di Satana [97], e meritatamente passibili di ogni castigo sia in questo secolo che in quello venturo [98].

Testo originali

IngleseLatino
Question 27: What misery did the fall bring upon mankind? Answer: The fall brought upon mankind the loss of communion with God, his displeasure and curse; so as we are by nature children of wrath, bond slaves to Satan, and justly liable to all punishments in this world, and that which is to come.27. Q. Quam autem miserium intulit lapsus humano generi? R. Lapsus intulit humano generi non solum communionis cum Deo iacturam, verum etiam iram eius et maledictionem; adeo ut natura simus irae filii, Satanae mancipia, et suppliciis quibuscunque meritissime obnoxii, tam in hoc seculo quam futuro.

Riferimenti biblici

Riferimenti biblici estesi

  • Con la caduta l'umanità ha perduto la sua comunione con Dio. "Poi udirono la voce di Dio il SIGNORE, il quale camminava nel giardino sul far della sera; e l'uomo e sua moglie si nascosero dalla presenza di Dio il SIGNORE fra gli alberi del giardino.Dio il SIGNORE chiamò l'uomo e gli disse: «Dove sei?»Egli rispose: «Ho udito la tua voce nel giardino e ho avuto paura, perché ero nudo, e mi sono nascosto» ... Così egli scacciò l'uomo e pose a oriente del giardino d'Eden i cherubini, che vibravano da ogni parte una spada fiammeggiante, per custodire la via dell'albero della vita" (Genesi 3:8-10, 24).
  • Per natura noi tutti siamo figli d'ira. "... ai quali un tempo vi abbandonaste seguendo l'andazzo di questo mondo, seguendo il principe della potenza dell'aria, di quello spirito che opera oggi negli uomini ribelli.Nel numero dei quali anche noi tutti vivevamo un tempo, secondo i desideri della nostra carne, ubbidendo alle voglie della carne e dei nostri pensieri; ed eravamo per natura figli d'ira, come gli altri" (Efesini 2:2-3).
  • Per natura noi siamo asserviti a Satana. "... in modo che, rientrati in se stessi, escano dal laccio del diavolo, che li aveva presi prigionieri perché facessero la sua volontà" (2 Timoteo 2:26).
  • A causa della Caduta noi siamo passibili del castigo di Dio in questo mondo. "... ma dell'albero della conoscenza del bene e del male non ne mangiare; perché nel giorno che tu ne mangerai, certamente morirai ... Perché si rammarica la creatura vivente?L'uomo vive malgrado i suoi peccati! ... perché il salario del peccato è la morte, ma il dono di Dio è la vita eterna in Cristo Gesù, nostro Signore" (Genesi 2:17; Lamentazioni 3:39; Romani 6:23).
  • A causa della caduta noi siamo passibili del castigo di Dio nel mondo a venire. "... Allora dirà anche a quelli della sua sinistra: "Andate via da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli! ... Questi se ne andranno a punizione eterna; ma i giusti a vita eterna ... Allo stesso modo Sodoma e Gomorra e le città vicine, che si abbandonarono, come loro, alla fornicazione e ai vizi contro natura, sono date come esempio, portando la pena di un fuoco eterno" (Matteo 25:41,46; Giuda 7).

Commento

La Caduta ha arrecato [causato] al genere umano non solo la perdita della sua [originaria] comunione con Dio, ma anche la Sua ira [dispiacere] e maledizione. Per questo noi siamo [ora] per natura figli d'ira, servi [schiavi] di Satana, e meritatamente passibili di ogni castigo [pena] sia in questo secolo che in quello venturo.

Secondo l’insegnamento della Bibbia, nonostante la presenza di molte religioni al mondo, la creatura umana non è in comunione con il Dio vero e vivente. Quelle delle religioni, sebbene siano testimonianza dell’umano anelito verso Dio e possano contenere elementi di verità, non sono che patetici e vani tentativi di stabilire un contatto con Dio. Vani sono i loro riti religiosi così come falsata e difettosa è la loro concezione del divino: tutto decade in illusioni, superstizioni ed idolatria. La Caduta ha comportato la miseria della separazione della creatura umana da Dio, l’accesso a "l’albero della vita" le è precluso. La frustrazione delle religioni (o della "non-religione") fa parte della "miseria" in cui siamo tutti decaduti.

Nel racconto biblico la coscienza dell’essersi pregiudicata la comunione con Dio è rappresentata dalla percezione, da oarte di Adamo ed Eva, della loro "nudità" di fronte Dio (Genesi 3:7). Dio ha deciso, però, di ristabilire la comunione con Sé stesso di parte dell’umanità perduta attraverso un atto di grazia (immeritata e immeritabile): le benedizioni promesse attraverso Israele, Suo popolo eletto, le quali convergono nella Persona e nell’opera di Gesù Cristo, mediatore unico della riconciliazione fra Dio e l’umanità. Nessuno al mondo, quindi può pretendere di conseguire ed avere comunione con Dio indipendentemente dal proprio personale e consapevole rapporto con il Signore e Salvatore Gesù Cristo, il presupposto e giustificazione stessa del perenne mandato missionario rivolto da Cristo ai Suoi.

Il dispiacere di Dio e la conseguente maledizione sull’umanità, vengono rappresentati nella Genesi da diversi elementi. (a) la sentenza comminata da Dio per la quale l’essere umano dovrà guadagnarsi da vivere attraverso un lavoro ingrato fintanto che sarebbe tornato a dissolversi nella terra dalla quale era stato tratto; (b) la fatica e la sofferenza del parto e dell’allevare figli; (c) l’espulsione dal giardino dell’Eden l’accesso negato all’albero della vita e (d) un conflitto permanente con Satana ed il regno del male (Genesi 3:15-20, 22-24).

La nostra attuale condizione rispecchia esattamente quella di Adamo ed Eva dopo la Caduta. (a) Veniamo al mondo alienati da Dio ed avversi a Lui; (b) le maledizioni pronunciate contro Adamo ed Eva fanno parte ancora della comune esperienza dell’umanità; (c) la nostra vita attuale è segnata dalle frustrazioni di un’esistenza in cui la morte è nostra costante compagna e nella quale nessuno può conseguire vita significativa ed eterna senza la mediazione di Gesù Cristo; (d) la nostra esistenza è segnata dal fatto di avere costantemente a che fare con la falsa amicizia di Satana, la carnalità ed il mondo.

Il catechismo afferma che parte della nostra miseria sia l’essere per natura "figli d’ira". Si tratta di un’espressione semitica tratta da Efesini 2:3 che significa come noi si nasca in questo mondo con una natura peccaminosa e quindi soggetta alla giusta condanna di Dio (la Sua ira ed indignazione) contro tutto ciò che è peccato, incompatibile con la santità di Dio.

Si cita poi la miseria del nostro asservimento a Satana. Satana non è, come alcuni ritengono, una semplice "personificazione del male", ma un’insidiosa presenza personale di carattere spirituale che si contrappone in modo militante a tutto ciò che Dio è e compie. Dio ha permesso a Satana di avere un certo potere o dominio sull’umanità irrigenerata, in ragione del quale essa non è spitualmente libera, ma asservita, legata, condizionata al peccato ed a Satana, il quale tiranneggia sull’esistenza e l’affligge sia nell’anima che nel corpo. Le attività di Satana, però, sono strettamente limitate da Dio. Il credente in Cristo, sebbene possa essere influenzato e tentato da Satana, non è più schiavo di Satana, perché ne è stato liberato dallo stesso Figlio di Dio (Giovanni 8:34-36).

L’affermazione del catechismo che i peccatori sono giustamente passibili di ogni castigo in questo mondo e nel mondo a venire implica la verità che il peccato presuppone colpevolezza, per la quale il peccatore merita un giusto castigo. Il peccato, quindi, non è solo "sfortuna" o una calamità che possa suscitare la compassione di Dio. Non è neppure una semplice malattia che abbia bisogno d’essere curata; né si tratta di una semplice contaminazione morale che possa essere purificata. Si tratta di una colpa che merita un castigo e che ha bisogno di essere perdonata.

La teologia moderna, teologia "negazionista" e che si usa definire "liberale", nega ciascuna delle verità presentate nella D/R 27. Essa insegna, infatti, che tutti gli esseri umani siano per natura "figli di Dio", confondendo così le categorie bibliche e sostenendo che chiunque possa avere comunione con Dio semplicemente rendendosi conto di essere figlio di Dio. Essa parla costantemente di "amore di Dio" equivocando l’insegnamento biblico e facendo così obiezione all’idea del Suo dispiacere e maledizione. Essa segue Pelagio, negando che noi si nasca con una natura che sia oggetto dell’ira divina a causa della sua peccaminosità. Essa non crede in un diavolo personale e quindi non accetta l’idea che siamo asserviti a Satana. Il "liberalismo", infine, definisce il peccato in termini umani e sociali, e quindi respinge la dottrina che il peccato verso Dio sia colpevole e che meriti il Suo giusto castigo. La teologia liberale sovverte così l’insegnamento biblico e crea qualcosa di diverso dalla fede cristiana rivelata, inganna chi la segue e, allontanando la gente dall’Evangelo, assicura la sua perdizione.

Considereremo nelle prossime riflessioni quali siano i castighi che i peccatori meritano e patiscono sia in questo mondo che nel mondo a venire.

Comments