Documenti RPCNA‎ > ‎Testimonianza‎ > ‎

Testimonianza 15

15. Il ravvedimento per la vita

1. Il ravvedimento conduce a vita eterna solo quando è accompagnato dalla fede in Cristo (Atti 20:21; Marco 1:15).

2. Sebbene un credente sia liberato dalla pena che meritano i suoi peccati grazie alla giustificazione, egli è ancora tenuto a rendere perfetta ubbidienza alla Legge di Dio. A causa dell'incompletezza della sua santificazione, egli non è in grado di farlo, ma ogni giorno infrange i comandamenti di Dio in pensiero, parole ed opere. Tutti, quindo, hanno bisogno continuo del ravvedimento. (1 Giovanni 1:8-10; Romani 7:14-25; 1 Timoteo 1:15; Levitico 19:2; Ecclesiaste 7:20; Genesi 8:21; Giovanni 13:10).

3. Respingiamo la dottrina che i cristiani possano in questa vita raggiungere la condizione in cui non abbiano più bisogno di ravvedimento (1 Timoteo 1:15).

4. Le persone irrigenerate possono, e spesso lo fanno, sentire dispiacimento e rimorso per i loro peccati, rendendosi conto che essi siano un ostacolo alla felicità che essi cercano; essi, però, potrebbero non vedere quanto il peccato sia un'offesa contro il Dio santo. Dato che essi non si volgono verso Dio, non esercitano un vero ravvedimento (2 Corinzi 7:10; Ebrei 12:16-17; Romani 1:32).

5. Il peccato che non può essere perdonato è il respingere la testimonianza dello Spirito Santo al riguardo di Gesù Cristo. E' il rifiuto volontario e persistente dell'unica speranza di perdono attraverso la Persona e l'opera del Salvatore (Matteo 10:33; 2 Timoteo 2:12).

6. L'esame diligente di sé stessi è essenziale al vero ravvedimento. Una persona ha il dovere di esaminare la propria vita per identificarvi specifici suoi peccati e ravvedersi da essi (Salmo 26; 139; 32:5-6; 1 Giovanni 1:9; Salmi 119:59; 2 Corinzi 13:5).

7. Dato che il peccato è fondamentalmente un offesa contro Dio, la confessione ad altri uomini non può prendere il posto del ravvedimento verso Dio. Dato che ognuno deve confessare a Dio i propri peccati, la forte del perdono, egli non ha bisogno di sacerdoti o di altri intermediari se non Gesù Cristo. Egli pure dovrebbe confessare a coloro contro i quali ha peccato, e sottomettersi a tutte le legittime conseguenze penali (Salmi 32:5; 51:4; 1 Corinzi 5:1-13; Giacomo 5:16).

8. Ciascuno porta una parte della responsabilità dei peccati dei gruppi ai quali appartiene. Quando i peccati sono collettivi, il ravvedimento e la confessione debbono pure essere sia collettive che individuali (Giosuà 7:11; Daniele 9:3-20; 2 Cronache 15:8-15; Neemia 9; Apocalisse 2:5,16; Matteo 6:12).

9. Un pio ravvedimento implica vera fede ed unione con Cristo, ma non è esso stesso la base del perdono. Esso precede la gioia che sorge dalla certezza di essere stati perdonati (Zaccaria 12:10; Efesini 1:7; Romani 3:28; Luca 13:3; Atti 3:19: Salmi 51:8,8,12; 2 Corinzi 7:10).

Articoli relativi a:

  • Confessione di fede: 15.
  • Catechismo maggiore: 76153194.
  • Catechismo minore: 8587.
Comments