Documenti RPCNA‎ > ‎Testimonianza‎ > ‎

Testimonianza 10

Capitolo 10: La vocazione efficace

1) La predicazione dell'Evangelo consiste nell'offerta ai peccatori di salvezza attraverso Gesù Cristo, accompagnata dalla spiegazione delle varie parti della Parola di Dio che possa servire a persuadere altri a ricevere Cristo come Salvatore ed a vivere e camminare in Lui (2 Corinzi 5:20; Matteo 28:20; Isaia 55:1-3).

2) Gli eletti vengono chiamati efficacemente attraverso l'offerta dell'Evangelo. Quest'offerta non è una dichiarazione fatta ad un qualsiasi peccatore che il suo nome sta nel Libro della Vita. E' fondata sul comando di Dio ad offrire ai peccatori Cristo e tutti i Suoi benefici. Non vi è alcuna incoerenza fra la dottrina biblica della redenzione particolare ed il comando di offrire l'Evangelo a tutti (Deuteronomio 29:29; Marco 16:15; Luca 24:46-47; 2 Timoteo 2:19).

3) Respingiamo l'insegnamento che l'offerta evangelica della salvezza si possa fare soltanto e veramente agli eletti. Respingiamo l'insegnamento che la Redenzione particolare debba essere così compresa e presentata tanto da intendere che Cristo come riscatto e propiziazione non si possa predicare od offrire a tutti indiscriminatamente.

4) Respingiamo l'insegnamento che tutti saranno chiamati efficacemente ed alla fine tutti saranno salvati.

5) Respingiamo l'idea che coloro che sono diligenti e sinceri nel praticare una religione falsa ottengano vita eterna.

6) L'evangelizzazione è la proclamazione di Gesù Cristo come Signore e Salvatore così com'è offerto nell'Evangelo. Cristo ha posto la responsabilità sull'intera Chiesa di fare questa proclamazione. Questo compito non è ristretto agli ufficiali ordinati. Ciascun membro deve condividere da parte sua la responsabilità secondo i doni che Dio gli ha dato (Atti 2:36; Matteo 28:18-20; Giovanni 20:21; 1 Corinzi 12:4-11; Efesini 4:7-16).

7) Coloro che evangelizzano devono avvalersi di tutti i mezzi disponibili che siano coerenti con l'insegnamento della Bibbia cosicché a tutti sia data l'opportunità di udire, comprendere e ricevere l'Evangelo. Sebbene sia necessario ammonire a non sottoporre le persone ad indebite pressioni, noi dobbiamo esortare ognuno ad essere riconciliato con Dio (1 Corinzi 9:20-22; 2:2-5; 2 Corinzi 5:20).

8) L'evangelizzazione non è solo perseguire la conversione dei peccatori, ma anche edificarli affinché diventino efficaci ad adempiere al compito permanente della Chiesa (Colossesi 1:27-28; Efesini 4:12-15).

9) Il Grande Mandato esige che la Chiesa porti l'intero Evangelo al mondo intero. La Bibbia riconosce la legittimità di diverse culture. Ogni cultura deve essere trasformata e assoggettata a Cristo attraverso uomini e donne redenti, il tutto per la gloria di Dio (Matteo 28:18-20; 1 Corinzi 9:19-23; 1 Corinzi 10:32-33; Apocalisse 21:24,26; Salmo 72:10-11).

10) Dovunque sia coerente con la verità di Dio, i diversi rami della Chiesa visibile dovrebbero cooperare nell'opera di evangelizzazione per rafforzare la loro testimonianza, dimostrando unità in Cristo (Giovanni 17:20-21).

Riferimenti

  • Confessione di fede: 10.
  • Catechismo maggiore: 66 fino al 68.
  • Catechismo minore: 31 fino a 32.
Comments