discussione sul riscaldamento degli appartamenti su piani pilota

Codice in materia di protezione dei dati personali
A.1. Codice di deontologia relativo al trattamento dei dati personali nell'esercizio dell'attività giornalistica
(Provvedimento del Garante del 29 luglio 1998, Gazzetta Ufficiale 3 agosto 1998, n. 179)

------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Egr.gio Sig.Miscione ,sono venuto a conoscenza del sito da lei costruito e riguardante il condominio nelle sue varie problematiche .
Le scrivo per avere un parere su una controversia nel nostro condominio situato in Via xxxxxxxxxx quartiere xxxxxxxxxxx .
La controversia riguarda la coibentazione dei piani piloti su cui poggia la palazzina , io e gli altri proprietari degli appartamenti al primo piano , sosteniamo da tempo che per poter avere piu' o meno lo stesso comfort in inverno (attualmente registriamo una temp. Di max.16 ,in inverno con riscaldamento centralizzato acceso),si dovrebbero coibentare i piani piloti e le spese suddivise, secondo i millesimi di proprieta' tra tutti i condomini.
Vorrei sapere se la nostra richiesta è sostenibile e sostenuta da leggi al riguardo.
La ringrazio in anticipo e le invio 



Cordiali saluti
Angelo

------------------------------------------------------------------------------------------------------------



Egr.Dr. Angelo

Il primo suggerimento è di leggere il regolamento di condominiale, li vi sono la descritte tutte le parti comuni dell'edificio, e le eventuali clausole contrattuali.
Se non vi fosse alcun riferimento ai piani piloti ci viene in soccorso L'art.1117 primo comma (Parti comuni dell'edificio) chiarisce quali sono:
il suolo su cui sorge l'edificio, le fondazioni, i muri maestri, i tetti e i lastrici solari, le scale, i portoni d'ingresso, i vestiboli, gli anditi, i portici, i cortili e in genere tutte le parti dell'edificio necessarie all'uso comune.
Inoltre,la legge stabilisce che dentro gli appartamenti,la temperatura deve essere tra i 20°c + 2°c di tolleranza a norma dell'*art. 4 comma 1 D.P.R. 26 agosto 1993 n. 412.
Se gli appartamenti ai piani superiore raggiungono già queste temperature, e quelli del piano piloti raggiungono a malapena i 16°c, bisogna effettuare lavori di manutenzione e conservazione per uniformarsi a suddetta legge *.
I condomini non possono esonerarsi dalle spese di manutenzione, infatti :
Art.1118 secondo comma - Diritti dei partecipanti sulle cose comuni :
Il condomino non può, rinunziando al diritto sulle cose anzidette, sottrarsi al contributo nelle spese per la loro conservazione.
A mio parere il suo condominio deve farsi carico anche dell’applicazione del cappotto termico ai soffitti dei piani piloti (spese ripartite su tabella di proprietà)



Cordiali saluti
Mauro Miscione

------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Egr.gio Sig. Miscione . la ringrazio della sua veloce e soddisfacente risposta, agiro' in accordo .La terro' informata sugli sviluppi -
Cordialita'

------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Pagine secondarie (1): che cos'é un capotto termico
Comments