Home


Fondazione Il Ponte - campagna iscrizioni 2014

La Fondazione Il Ponte è un'organizzazione no-profit con finalità sociali, gestita da persone del luogo con un forte radicamento al territorio, in grado di portare avanti negli anni un'idea di sviluppo del territorio, fondata sulla valorizzazione della nostra identità culturale, creando opportunità di lavoro, così come già avviato dal 2007 dal Comitato Civico Il Ponte, di cui la Fondazione ne è la modesta evoluzione.

Ponte è il luogo dell'antico Sannio dove parte il percorso della memoria dell'Unità d'Italia, grazie alla sua strategica posizione che la vede collocata su l'asse viario principale della Bn Caianello e l'inizio della piccola valle del fiume Alenta fino a raggiungere Casalduni e Pontelandolfo.

E' molto importante per una Nazione la presenza e lo sviluppo di "santuari" della memoria, perché questi contribuiscono in modo rilevante alla costruzione di una vera unità nazionale, elemento fondante per uno sviluppo diffuso.

Come accade ed è accaduto in molte Paesi del Mondo, solo quando i vincitori riconoscono il valore dei vinti e ne rispetteranno i propri eroi ci può essere un futuro unitario.

I tanti libri di Ciano, Di Fiore, Patruno, Aprile ed altri ci forniscono un'indicazione univoca di quanto è grande per questo territorio l'opportunità che la storia risorgimentale ci ha lasciato.

Il nostro primo obiettivo è quello di diffondere la consapevolezza di trovarci in uno dei luoghi della memoria più importanti d'Italia in cui crediamo sia possibile costruire un distretto produttivo specifico.

Stiamo lavorando per porre in essere un piccolo ma interessante museo storico di Ponte-Casalduni, magari proprio dove la stazione ferroviaria per anni ha legato queste due comunità dall'omonimo nome.

Qui vorremo esporre i dipinti su tela che raffigurano i luoghi come erano allora, tra vigne e briganti, cimeli della nostra grande tradizione contadina, troppo spesso trascurati ed altre opere della natura e dell'ingegno che la storia ci ha tramandato.

Vorremo in luce un vero percorso di vita dei briganti, dalle loro peripezie, ai loro costumi ed ai loro pasti, soffermandoci anche sulla triste pagina degli eccidi perpetrati nel periodo risorgimentale.

Stiamo altresì lavorando ad una dettagliata quanto organica classificazione delle tradizioni alimentari contadine nostrane, come ad esempio il "parruozzo", la minestra di fagioli cotti in pignata, i formaggi saporiti e gli ammugliatielli, che forse è la nostra maggiore specialità gastronomica, accosteremo ad ogni pietanze gli abbinamenti con i nostri ottimi vini.

Sono ormai pronti i modelli di progetti d'impresa, di attività professionali ed artistiche per essere utilizzati nel settore turistico, agrituristico, artigianale, agricolo, artistico, ludico e storico-culturale, il tutto con un solo obiettivo finale: creare sviluppo per dare nuove opportunità di lavoro nel nostro stesso territorio.

La strategia d’intervento è fondata sulla costruzione di un vero e proprio distretto produttivo, con un forte apporto di strumenti innovativi di comunicazione

Per concretizzare questo progetto è indispensabile iscriversi alla Fondazione Il Ponte per dare il vostro contributo al programma, l'invito è rivolto anche a tutte le associazioni ed enti presenti sul territorio.


Segui il link per l'iscrizione on line: FONDAZIONE IL PONTE


Fondazione "IL PONTE"

Via Giuseppe Ocone - 82030 PONTE (Bn) fax 0824.1810331 www.il-ponte.org - info@ilponte.tk

Comunicato congiunto della Fondazione Il Ponte e dei Meridionalisti Democratici gruppo sannita.

Nella splendida cornice dell'antica Abbazia S. Anastasia in Ponte (Bn) si è svolto sabato 12.1.2013 l’incontro pubblico “Ricomincio da sud” con la presentazione dell'ultimo libro del giornalista Lino Patruno.

Gli organizzatori, tra i quali Giusi Meola, segretaria della sezione di Ponte nonché relatrice in questo incontro, sono particolarmente soddisfatti dell'ottima riuscita dell'evento che ha visto la presenza di numerosi partecipanti, non solo locali. Nel corso del suo intervento, Giusi Meola, ci anticipa di voler portare gli iscritti del suo movimento da attenti osservatori ad attori della politica locale.

Le attività del gruppo sannita e della Fondazione Il Ponte, di cui è presidente Umberto Meola, come da alcuni anni, sono dirette allo studio ed all'approfondimento dei temi che riguardano il riscatto ed il rilancio del sud, partendo dalla revisione della storiografia ufficiale. Tali temi hanno trovato negli ultimi anni sempre maggior interesse nelle popolazioni meridionali e nei tantissimi nostri emigranti che finalmente comprendono il motivo principale della loro presenza nei tanti posti del Mondo. Illustri relatori di queste tematiche sono stati il prof. Vincenzo Gulì ed il dott. Pompeo De Chiara.

Il dibattito, condotto e moderato in maniera leggera dal dott. Giuseppe Mazza, coordinatore provinciale dei Meridionalisti Democratici, si è poi incentrato sulle dinamiche che hanno visto il sud in 150 anni divenire colonia interna nel paese e periferia dello stesso, e sulle attuali richieste di ulteriore ridimensionamento della spesa pubblica soprattutto al sud e di quella in conto capitale. Il dott. Domenico Capobianco, presidente dei Meridionalisti Democratici, ha disaminato gli ultimi vent’anni di politiche antisud che sfociano oggi nell’ultima e più feroce battaglia della Lega e dei suoi alleati per ottenere il controllo completo delle regioni del Nord e per dire, in maniera chiaramente e spudoratamente anticostituzionale, “Prima il Nord”.

Lino Patruno ha ricordato che questo paese ha ancora oggi le sue eccellenze al sud, ed ha anche importanti ordinarietà senza le quali non ci sarebbe l’Italia stessa, ricordando che la sua ricetta per riscattare il sud è: coscienza civile e responsabilità quotidiana di ogni cittadino meridionale, lotta a tutte le illegalità, aiuto e creazione di condizioni economiche favorevoli agli imprenditori Meridionali e quindi creazione di economia Meridionale che possa dare nuovi posti di lavoro, politica forte del credito, almeno a parità di condizioni rispetto alle imprese del Nord, avviamento di un forte piano di infrastrutturazione del Mezzogiorno.

Secondo il neoeletto coordinatore campano dei Meridionalisti Democratici, Alessandro Citarella, le manifestazioni culturali che propongono la verità storica sono fondamentali per alzare il livello di consapevolezza delle nostre popolazioni sulle cause dei tanti mali che affliggono i nostri territori, ma è anche necessario portare avanti un progetto politico basato sulla visione del Sud che vogliamo. Citarella, parafrasando e modificando leggermente la famosa frase di Martin Luther King, "I have a dream", ha evidenziato che un "sogno" comune, una visione di rilancio e riscatto deve essere alla base dell'azione unitaria dei militanti e dei diversi movimenti meridionalisti che si battono per i nostri territori. Per Citarella, "lo sviluppo di una vera ideologia meridionalista è un passo fondamentale per l'avanzamento dei diritti dei nostri territori".

Da notare che l’incontro ha coinvolto anche appartenenti ad altri raggruppamenti con cui abbiamo interessanti rapporti di scambio, quali Insorgenza Civile, Italia Prima, Parlamento Due Sicilie, Unione Meridionale, Unione Mediterranea.

Ci piace ricordare che per l'occasione il maestro Pietro Corbo ha realizzato un opera su Ponte, che entrerà a far parte del costituendo Museo della Memoria di Ponte-Casalduni, alcune serigrafie dell'opera sono state consegnate a tutti i relatori. Vi diamo appuntamento al prossimo incontro, ma nel frattempo potete seguire le nostre attività meridionaliste anche su www.meridem.org e le nostre pagine sociali, anche per reperire tutti i contatti delle sezioni già attive sul territorio.

Incontro sul tema: “Ricomincio da Sud” Presentazione dell’ultimo libro di Lino Patruno


Abbazia di Sant’Anastasia - Ponte (Bn) Inizio s.p. 8 Ponte-Casalduni

Sabato 12 Gennaio 2013 ore 16.30


Interventi:

Giusi Meola - Meridionalisti Democratici "Benvenuti a Ponte (Bn)"


Dott. Pompeo De Chiara - Parlamento Due Sicilie "Futuro senza radici o radici senza futuro?"


Dott. Domenico Capobianco - Meridionalisti Democratici "Il Sud nell’agenda dei Partiti Politici Nazionali: Chi l’ha visto?"


Prof. Vincenzo Gulì - Parlamento Due Sicilie "Analisi storica ed azione per il riscatto."


Prof. Lino Patruno - Giornalista e scrittore

collaboratore di testate Nazionali, già direttore Gazzetta del Mezzogiorno

"Ricominciare da sud… Perche?... Come?... Quando?"


Dott. Alessandro Citarella - Meridionalisti Democratici "Tiriamo le somme"


Dibattito finale aperto a tutti, con iscrizione sul posto

Incontro pubblico, tutti sono invitati

www.il-ponte.org  -  www.meridem.org


-------------------------------------------------------------




























Un evento unico ed indimenticabile !!

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


Sabato 21 Gennaio 2012 ore 18
Ponte (Bn) Abbazia di Sant'Anastasia


Incontro pubblico dal tema:
PERCHE' I TERRONI CAMBIERANNO L'ITALIA

Presentazione del nuovo libro di Pino Aprile "GIU AL SUD"

Per la prima volta uno scrittore di fama internazionale dedica alla comunità di Ponte un intero capitolo di un’opera storica per la nostra Italia. Siamo indubbiamente orgogliosi, ed intendiamo condividere con voi questo sentimento, di essere passati da piccoli osservatori ad umili attori di un possibile cambiamento di rotta per il nostro Sud e per il nostro Sannio, terra di grande spessore storico culturale.

Interventi dei rappresentanti della Fondazione Il Ponte e del Partito del Sud,
organizzatori dell'evento patrocinato dal Comune di Ponte.


Conclusioni dello scrittore giornalista Pino Aprile

Al termine un brigantesco buffet con tarallucci e vini del Sannio

INVITO A PARTECIPARE

-------------------------------------------------------



Profilo Facebook di Il Ponte Comitato Civico


NEWS LINKS: