11 Flessione del nome. I Casi


Il latino è una lingua flessiva: ogni parola ha una declinazione che presenta sei casi.

I casi esprimono la funzione logica e sintattica della parola nella frase.

-        Nominativo: serve a esprimere il soggetto e tutti i termini che ad esso si collegano (attributi, apposizioni, nomi del predicato, predicativo del soggetto)

o   Es: Cicerone, grande oratore, fu un politico influente.

-        Genitivo: esprime la funzione dello specificare e determinare, esprime il complemento di specificazione, cioè un’espressione introdotta dalla preposizione italiana di, del, dello/a.

o   Es: l’albero della palma.

-        Dativo: esprime la funzione del destinare, il complemento di termine

o   Ho dato un libro a tuo fratello

-        Accusativo: è il caso del complemento oggetto e di tutti i termini che ad esso si riferiscono (attributo, apposizione del complemento oggetto, complemento predicativo dell’oggetto).

o   Es: io amo il mio paese

-        Vocativo: è il caso del complemento di vocazione, normalmente uguale al nominativo.

o   Es: O Livia, che cosa hai fatto!

-        Ablativo: si esprimono con l’ablativo la maggior parte dei complementi, tra cui quello di mezzo, causa, origine, ecc.

o   Es: Ho tagliato la mela con un coltello.

 Le parole, in quanto al genere, possono essere: maschili, femminili, neutre (di solito sono neutri i termini che indicano oggetti privi di caratterizzazione sessuale). In quanto al numero possono essere singolari o plurali.

In Latino gli articoli non esistono.


Comments