ANNO A‎ > ‎T. Ordinario A‎ > ‎

08 ord A

8a Domenica del Tempo Ordinario - Anno A


Dio conosce il nostro cuore e non ci abbandona

Presentazione della Parola di Dio

Dio non si ferma alla superficie. Egli conosce i desideri del nostro cuore e vive con noi le vicende di ogni giorno, nella loro bellezza e nei loro punti oscuri. Sta a noi avere fiducia in lui, rimetterci al suo giudizio e sapere che sarà sempre un giudizio di misericordia. Il peccato più grave per un cristiano, infatti, è credere di essersi allontanato troppo dal Padre per poter essere raggiunto dal suo amore. Chiediamo al Signore, in questa celebrazione liturgica, di non lasciarci cadere in tale sfiducia, ma di non cessare di permettergli di continuare ad esserci vicino.

Prima lettura - Is 49,14 – 15: Io non ti dimenticherò mai.
Gli Ebrei, ritornati dall’esilio in Babilonia, nutrivano dei dubbi su Dio. Essi si chiedevano se si fosse dimenticato di loro. Il profeta risponde evocando un’immagine di grande intensità. Dio non si scorda mai del suo popolo e continua ad amarlo gratuitamente, al di là di ogni infedeltà.

Dal Salmo 61: Solo in Dio riposa l’anima mia.
La fiducia nel Signore è forza e riposo sicuro per il fedele. Egli sa, nel profondo del suo intimo, di poter sempre contare in Dio.

Seconda lettura - 1 Cor, 4,1 – 5: Il Signore manifesterà le intenzioni dei cuori.
Paolo parla della sua esperienza personale di apostolo. Egli è servo ed amministratore fedele dei misteri di Dio. Per questo non teme il giudizio di questo mondo sul suo operato: Paolo attende, infatti,quello del Signore, che “metterà in luce i segreti delle tenebre” e “manifesterà le intenzioni dei cuori”.

Canto al Vangelo: Alleluia, alleluia. La parola di Dio è viva ed efficace, discerne i sentimenti e i pensieri del cuore. Alleluia.
Vangelo - Mt 6, 24 – 34: Non preoccupatevi del domani.
Gesù non vuole negare l’importanza del nostro cibo e dei nostri vestiti. Anzi, egli ricorda che il Padre stesso sa che ne abbiamo bisogno. Egli ci invita, però, a non agitarci nella ricerca del possedere. Per costruire una società giusta, che ci renda davvero felici, dobbiamo volgere gli occhi a Dio.

 momento lit.    
titolo 
 spartitoaudio
 Ingresso:IL REGNO DI DIO (M.Frisina)
S
A
 MIA LUCE E MIA SALVEZZA (Riprende il tema dell'ant. d'ingresso)
N. 96 Nella Casa del Padre
S
A
 Salmo Responsoriale:
a cura di Mauro Visconti
S

 


 OffertorioDal Salmo 99-O terra tutta (dal Tratto del V.O.)

Sal. 99, 1-2 - Acclama a Dio, o terra tutta: servite il Signore in letizia. Entrate alla sua presenza con esultanza: sappiate che il Signore è Dio. Egli stesso ci ha fatti, e non noi stessi: noi siamo il suo popolo e il suo gregge. 


S
A
 


 Comunione   
IL SIGNORE E' IL MIO PASTORE
(G.Liberto - C.Fermalvento)
S

 SEI TU SIGNORE IL PANE
S
A
 


  Finale   
Ave Regina Caelorum


 






Comments