Hot News‎ > ‎

IL CAMMINO DELLA RADA DI PORTOFERRAIO DALLA TORRE DEL MARTELLO AL VOLTERRAIO

pubblicato 1 lug 2015, 14:57 da Paolo Gasparri

Siamo lieti di invitare gli enti interessati e i nostri soci alla passeggiata dimostrativa della fattibilità del percorso "Il Cammino della Rada di Portoferraio" domenica 28 giugno, ritrovo alle ore 18:00 a San Giovanni sulla spiaggia dell’Hotel Airone, punto di ristoro sulle pendici della collina delle Grotte all’Hotel Ristorante Grotte del Paradiso, e arrivo ai Magazzini, con accoglienza del Circolo Nautico dei Magazzini, in collaborazione con l’ Hotel Mare, alle ore 20:30 circa.

L’evento sarà occasione di incontro anche per promuovere la nascita della Sottosezione del CAI Isola d’Elba e proporre l’aggiornamento di un Catasto dei Sentieri dell’Isola d’Elba.

Il progetto, documentato sul sito www.camminodellarada.it , è realizzato in coordinamento tra Elba2020Team, Italia Nostra, Legambiente e Aithale, con il sostegno del “Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano”, che lo ha inserito nelle buone pratiche di sostenibilità della “Carta Europea del Turismo Sostenibile” (CETS). 

Il percorso collegherà i luoghi identitari della rada di Portoferraio, la Torre del Martello e la Rocca del Volterraio, con un itinerario pedonale costiero attraverso l'area urbana di Portoferraio, le Saline, San Giovanni, Le Grotte, Schiopparello, Magazzini, Ottone e Santo Stefano.
 Estensioni naturali saranno la Strada Maestra riese per Rio nell'Elba, Rio Marina e il Parco Minerario, e la Strada di Monte Fabbrello per il Monserrato e Porto Azzurro.

La fruizione del percorso pedonale intende migliorare la qualità della vita degli ospiti (residenti e di passaggio), sostenere un sistema economico e di servizi basato sulla  cura e sulla conoscenza del patrimonio naturale e culturale, con particolare riguardo a:


-  paesaggio: il panorama della rada e della città fortificata 

-  natura: zone umide delle Saline di San Giovanni e delle Prade; macchia, leccete e sugherete; zone agricole della piana di Magazzini/Schiopparello 

-  cultura: testimonianze etrusche, romane, medioevali, rinascimentali, archeologia industriale
 

-  salute: la fruizione del percorso favorisce il benessere 

-  servizi: sul percorso si affacciano strutture turistiche ricettive e di ristorazione, cantieristiche, termali, agricole, musei, parchi archeologici e minerari 

-  trasporti: il collegamento via mare nel golfo è uno sviluppo naturale che rispetta le consuetudini storiche 

- ambiente: riduzione del traffico e inquinamento per la differenziazione di collegamenti terrestri, marini, pedonali 

-  territorio: monitoraggio sull’erosione e difesa costiera 

-  didattica: non c’è futuro senza conoscenza 

-  urbanistica: il rispetto del percorso permetterà di creare una nuova consapevolezza sul valore e tutela della zona 

-  professioni: la conoscenza allarga gli orizzonti e favorisce la nascita di nuove professionalità

-  economia: la valorizzazione di un’area cosi vasta porterà indiscutibili vantaggi economici, favorendone la sua frequentazione

-  coesione sociale: la collaborazione tra enti, imprenditori, abitanti e associazioni è un fattore di crescita e positività

 

Paolo Gasparri, Elba 2020 Team

Cecilia Pacini, Italia Nostra Arcipelago Toscano

Maria Frangioni, Legambiente Arcipelago Toscano

Franco Cambi, Aithale

Comments