anno 1994

VAI alla home page
 
VAI all'elenco
 
 
1994

 

GRUPPO SPELEOLOGICO GUALDO TADINO

 

 

ATTIVITA’ SVOLTA NEL 1994

XVIII ANNO

PRESIDENTE: ALFREDO FRILLICI

 

 

  

   Il Gruppo Speleologico Gualdo Tadino ha una nuova sede, un piccolo rifugio in località Rocchetta. Lo stabile, di proprietà comunale, c’è stato affidato, in convenzione, per quattro anni in affitto. Così, dopo quindici anni, lasciamo Via Feliziani, splendida sede ottenuta in comodato dalla Pro Tadino. Ringraziamo di cuore i Presidenti di quest’associazione che ci hanno ospitato in questi anni, soprattutto l’indimenticabile Giovanni Pascucci, promotore e sprone delle associazioni gualdesi: addio, Maestro, non possiamo che ricordarti a nostro modo, dedicandoti una grotta.

   Il problema della nuova sede ci ha impegnato da fine agosto a dicembre: da due piccoli ed umidi vani abbiamo ricavato il massimo, un locale per riunirci e con funzioni di ufficio – archivio ed un magazzino. Coibentare, verniciare, fare l’impianto elettrico, sistemare il tetto, pavimentare l’esterno, costruire arredi e mobili: tutti i sabati e qualche altro giorno ancora, in tante persone a lavorare; ed altri in municipio, a sollecitare lavori, a seguire l’iter della convenzione.

   A Gualdo Tadino ci sembra di aver nuovamente l’attenzione della gente e la considerazione di chi amministra, premio ad un’attività mai mediocre, ad una serietà ben dimostrata, all’impegno nel sociale e per i giovani, pur operando in controtendenza, cioè curando fin troppo poco l’immagine e condiscendendo ben poco alle scelte di chi amministra, quando queste non ci garbano. Abbiamo sempre offerto qualcosa, il nostro lavoro, l’esperienza, con buona volontà abbiamo collaborato ottimamente con altre associazioni, senza screzi né prevaricazioni, sempre per fare, per costruire.

   Passa il 1994, un anno di guai e di scontri per la Speleologia in Umbria. E’ la resa di conti troppo a lungo trascurati, tralasciati per comodo o per quieto vivere: in questa vicenda non vorremmo né vinti né vincitori, non vorremmo fazioni schierate. Alla Speleologia in Umbria servono l’esperienza di tutti, l’aiuto di tutti. Abbiamo bisogno di gruppi attivi, aperti, vitalizzati dai giovani e supportati dalla cultura degli anziani, abbiamo bisogno di chi sa pensare e di chi sa impugnare una pala, di chi scende pozzi su pozzi e di chi li disegna a tavolino, nessuno deve farsi da parte né essere messo da parte. Non abbiamo mai distinto una speleologia CAI da una SSI, non abbiamo intenzione di cominciare adesso e non sopportiamo che qualcuno lo faccia, per introdurre un altro fattore di divisione ad arte. Mediare è oggi difficile e non vorremmo che ciò porti a dimenticare o ad eliminare persone scomode: stiamo attenti, speleologi, a non offrire, con le nostre feudali liti, il patrimonio della Speleologia Umbra a chi con questa non c’entra.

 

 

 

 

GROTTE.

30.01.94          Grotta della Miniera 106 UPG (monte Penna, Gualdo Tadino). Armo del traverso per i rami alti o del Castoro, in sostituzione dell’armo a “u”. Marcello Diso, Enzo Bozzi, Vittorio Carini, Roberto Marcellini.

27.02.94          Grotta della Miniera 106 UPG (monte Penna, Gualdo Tadino). Ripulitura dell’ingresso. Vittorio Carini.

13.03.94          Grotta della Miniera 106 UPG (monte Penna, Gualdo Tadino). Si completa l’armo fisso del traverso per i rami alti. Qualche scavo nella frana sospesa del cunicolo terminale del Castoro. Giuseppe Venarucci, Mirko Puletti, Andrea Angeletti, Roberto Marcellini, Vittorio Carini.

26.03.94          Antro dell’Acero, non catastato (monte Nero, Gualdo Tadino). Rilievo topografico. Mara Loreti, Francesco Fioriti, Rodolfo Loreti.

27.03.94          Buca Magnavento 855 UPG (monte Cucco, Costacciaro). Rilievo topografico, fuori nevica. Mirko Puletti, Enzo Bozzi, Vittorio Carini.

29.05.94          Buco Bucone 643 UPG (monte Serra Santa, Gualdo Tadino). Fondo tradizionale. Undici partecipanti, tra cui Giuseppe Venarucci e Mirko Puletti.

16.07.94          Grotta di Monte Cucco 17 UPG (Costacciaro). Insieme agli speleo del GSCAI Perugia si raggiunge il fondo del PX (m – 780). Mara Loreti, Enzo Bozzi.

04.08.94          Buca del Diàntene 857 UPG (monte Cucco, Costacciaro). Rilievo topografico. Vittorio Carini, Euro Puletti.

14.08.94          Grotta di Monte Cucco 17 UPG (Costacciaro). Visita della parte “turistica” organizzata anche per i non speleologi. Trenta partecipanti, tra cui Enrico Bazzucchi, Maurizio Bazzucchi, Marcello Diso, Mara Loreti, Italo Scatena, Roberto Marcellini, Simone Graziosi, Massimo Passeri, Marzia Cecconi.

30.08.94          Risorgente dell’Orrido 291 UPG (Gola del Corno, Scheggia). Cavità modesta, con un sifone che blocca la prosecuzione: al momento non si sa che la grotta è stata trovata e catastata dallo Speleo Club Gubbio negli anni ’60. Si posiziona un lungo tubo che riesce a svuotare il sifone, si attraversa e si esplora per pochi metri fino ad una strettoia ostruita da massi. Euro Puletti, Mirko Puletti.

18.09.94          Risorgente dell’Orrido 291 UPG (Gola del Corno, Scheggia). Si forza con facilità la strettoia e si esplora una galleria per qualche decina di metri fino ad una frana sospesa. Mara Loreti, Enrico Bazzucchi, Euro Puletti, Vittorio Carini, Maurizio Bazzucchi, Andrea Micheletti, Mirko Puletti.

24.09.94          Risorgente dell’Orrido 291 UPG (Gola del Corno, Scheggia). Poca acqua nel sifone, si passa in forze per saggiare la frana sospesa terminale. Con attrezzatura adatta e molto coraggio la frana è demolita, si entra così in una saletta orrida e chiusa. Mara Loreti, Enrico Bazzucchi, Euro Puletti, Vittorio Carini, Maurizio Bazzucchi, Andrea Santarelli, Mirko Puletti, Enzo Bozzi.

09.10.94          Grotta della Valle del Sasso 196 UPG (Corno del Catria, Passo della Licia, Scheggia). Si ritrova la grotta, esplorata negli anni ’60 dallo Speleo Club Gubbio, con qualche difficoltà e si raggiunge il sifone terminale, inesplorato. Euro Puletti.

13.10.94          Grotta di Pian di Cerreto (monte Foria, Sassoferrato): bella cavità su maiolica, ampio pozzo iniziale solo di recente venuto alla luce per sprofondamento dell’ingresso; fondo con imponente frana, prosegue con una saletta ostruita, in cui sono in corso scavi da parte di un gruppo marchigiano. Luigi Ceccarelli, Vittorio Carini, Mirko Puletti, Euro Puletti.

14.10.94          Grotta di Pian di Cerreto (monte Foria, Sassoferrato). Recupero di una sacca d’armo dimenticata il giorno precedente sul fondo. Vittorio Carini e famiglia.

15.10.94          Grotta nei pressi dei Prati di San Felice (Sassoferrato). Si esplora una cavità di scarsa importanza. Euro Puletti, Daniele.

16.10.94          Grotta dei Rifugiati 288 UPG (monte Forcello, loc. i Sodi, Scheggia). Visita e progetti per futuri scavi. Euro Puletti, Mirko Puletti, Vittorio Carini.

16.10.94          Risorgente dell’Orrido 291 UPG (Gola del Corno, Scheggia). Impossibile procedere al rilevamento topografico del nuovo ramo, perché il sifone iniziale si è riempito di nuovo d’acqua. Si disarma la via in parete utilizzata per raggiungere la grotta. Euro Puletti, Mirko Puletti, Vittorio Carini.

26.10.94          Gualdo Tadino. Grotta in località “Incarcatoio”, Fringuellea, tra Belvedere e Serradica: segnalata da alcuni cacciatori, dopo lunghe ricerche si trova una breve cavità con vecchi indizi di scavi. Celestino Petrelli, Enzo Bozzi.

30.10.94          Gualdo Tadino. Grotta in località “Incarcatoio”. Si allestisce un cantiere per futuri scavi. Celestino Petrelli, Vittorio Carini, Maurizio Bazzucchi.

20.11.94          Grotta di Monte Cucco 17 UPG (Costacciaro). Visita della parte “turistica” organizzata per il reparto Scout AGESCI di Gualdo Tadino. Enrico Bazzucchi, Simone Graziosi, Gianmario Matarazzi, Giovanni Ruiz de Ballesteros, Andrea Graziosi, Sara Ippoliti, Sara Garofoli, Paolo Maurizi, Elena Mencarelli, Federica Ippoliti, Marco (Spitz) Spigarelli, Loredana Farneti.

20.11.94          Grotta della Valle del Sasso 196 UPG (Corno del Catria, Passo della Licia, Scheggia). Maldestro tentativo di desifonamento: il tubo portato fin lassù è troppo corto. Euro Puletti, Mirko Puletti.

27.11.94          Grotta di Campetello Inferiore 451 UPG (loc. Capetello, Pian delle Macinare, monte Cucco, Costacciaro). Visita e progetti per futuri scavi: dopo una strettoia, la grotta continua. Prima si visita la “dolina della Conserva”, la più grande della zona del Cucco, non lontano da Pian delle Macinare. Mirko Puletti, Vittorio Carini.

27.11.94          Antro dell’Acero (monte Nero, Gualdo Tadino). Punto topografico dell’ingresso della grotta. Mara Loreti, Paolo Fioriti, Maurizio Bazzucchi, Giuseppe Venarucci.

04.12.94          Grotta delle Balze 642 UPG (Le Senate, Gualdo Tadino). Nuovo rilievo topografico. Maurizio Bazzucchi, Vittorio Carini, Mara Loreti, Giuseppe Venarucci.

04.12.94          Grotta del Maestro, non catastata (monte Maggio, Gualdo Tadino). Rilievo topografico e recupero d’attrezzature da scavo. Maurizio Bazzucchi, Vittorio Carini, Mara Loreti, Giuseppe Venarucci.

04.12.94          Grotta di Monte Cucco 17 UPG (Costacciaro). Salone Saracco. Enzo Bozzi, Enrico Bazzucchi, Mirko Puletti.

 

  Nel 1994 il GSGT ha iniziato un aggiornamento di dati su alcune grotte, con un lavoro sul campo per completare dati e rilievi mancanti ed un lavoro d’archivio per ricercare notizie prodotte in tanti anni d’attività, ma scompaginate tra registri e cartelle, note solo a pochi vecchi soci del Gruppo. Abbiamo consegnato al Catasto Speleologico Umbro i dati aggiornati di: Buco Bucone 643 UPG, Grotta di Pian de’Cupi 651 UPG, Buca dell’Acqua Passera 655 UPG, Gotta del Narciso 568 UPG. Abbiamo messo a Catasto due grotte, complete di dati: Buca Magnavento 855 UPG e Buca del Diàntene 857 UPG. I dati comprendono toponimia, storia, accesso, descrizione, armo, osservazioni, bibliografia, oltre ai dati metrici e topografici ed al rilievo. Sono pronti gli aggiornamenti di: Grotta delle Balze 642 UPG e Buco della Neve 641 UPG. Sono pronte schede e rilievi della Grotta del Maestro e dell’Antro dell’Acero perché siano inseriti nel Catasto.

 

FORRE.

26.06.94          Forra della Sibilla (monte Sibilla, AP). Enrico Bazzucchi, Roberto Marcellini, Mara Loreti, Maurizio Bazzucchi, Simone Graziosi, Livio Galassi.

20.08.94          Forra di Rio Freddo (monte Cucco, Costacciaro). Trentanove partecipanti.

21.08.94          Forra di Rio Freddo (monte Cucco, Costacciaro). Arnaldo Polidoro, Alfredo Frillici, altri quattro partecipanti.

21.08.94          Fosso il Rio (Infernaccio, monti Sibillini, AP). Manola Barbetti, Mirko Puletti, Maurizio Bazzucchi, Enzo Bozzi, Simone Graziosi, Livio Galassi.

28.08.94          Forra di Rio Freddo (monte Cucco, Costacciaro). Enrico Bazzucchi, Mara Loreti, Massimo Passeri, Maurizio Bazzucchi, Andrea Micheletti, Aldo Passeri, Rodolfo Loreti, Fabio Fazi, Roberto Marcellini, Massimiliano Barberini, Elena, Lorenzo Zuccarini ed altri otto partecipanti.

11.09.94          Forra di Rio Freddo (monte Cucco, Costacciaro). Maurizio Bazzucchi, Majid Fatmas.

 

 

PROTEZIONE CIVILE.

  

   Un anno d’impegno, il 1994, per i volontari del Gruppo Speleologico Gualdo Tadino, che hanno aderito al Piano Regionale Antincendio, in collaborazione con la Prefettura di Perugia, con la Comunità Montana Alto Chiascio, con il Corpo Forestale dello Stato, presidiando due postazioni d’avvistamento, coordinati con il Gruppo Radioamatori G.A.R. di Gualdo Tadino.

   Un nucleo del GSGT, con gruppi elettrogeni, idrovora ed il pulmino del Gruppo “Brico” è intervenuto subito dopo la disastrosa alluvione in Piemonte, prodigandosi per una settimana a Canelli, nell’Astigiano.

16.02.94          Gualdo Tadino. Riunione con altre associazioni di Protezione Civile a Gualdo Tadino (radioamatori del C. B. GAR e Gruppo “La Sorgente”. Giuseppe Venarucci.

18.02.94          Perugia, Prefettura. Convegno della Protezione Civile per la Consulta delle Associazioni di P. C., organizzazione del secondo Convegno Regionale, piano Antincendio. Giuseppe Venarucci, Enzo Bozzi.

Maggio           Perugia, Comando dei Vigili del Fuoco: riunione per il Piano Regionale Antincendio. Il GSGT offre disponibilità per otto giorni in due postazioni d’avvistamento e recepisce le norme operative. Giuseppe Venarucci, Enzo Bozzi.

10.08.94          Gualdo Tadino. Incendio in località Matalotta, nei pressi della ferrovia. Collaborazione. Giuseppe Venarucci.

18.08.94          Gualdo Tadino. Incendio in località S. Croce – Anguillara. Collaborazione. Giuseppe Venarucci.

27 – 28 agosto   Gualdo Tadino. Servizio di vigilanza antincendio in due postazioni (monte Serra Santa e quota m 1093 sopra Valsorda), collegate via radio tra loro e con il posto fisso d’ascolto del G.A.R.: è tempestivamente segnalato un incendio presso Colbassano, che richiede l’intervento delle squadre competenti. Roberto Marcellini, Giuseppe Venarucci, Simone Graziosi, Enzo Bozzi, Vittorio Carini, Carlo Traversari, Moira Passeri, Francesco Fioriti.

15 – 21 novembre   Canelli (Asti). Una squadra del GSGT con il pulmino “Brico”, due gruppi elettrogeni ed idrovora si adopera a favore degli alluvionati in Piemonte. Enzo Bozzi, Carlo Traversari, Giuseppe Venarucci.

 

   Da segnalare infine l’attività svolta dai nostri quattro soci facenti parte del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, nella Squadra di Perugia: Enzo Bozzi, Vittorio Carini, Mara Loreti, Celestino Petrelli.

12.02.94          Perugia, sede della Squadra CNSAS: assemblea annuale. Enzo Bozzi, Vittorio Carini.

17.09.94          Perugia, sede della Squadra CNSAS: assemblea straordinaria in seguito all’operazione di soccorso di Ferragosto a Rio Freddo. Enzo Bozzi, Vittorio Carini, Mara Loreti, Celestino Petrelli.

30.04.94          Foligno, sede del Gruppo Speleo e locale sezione CAI: incontro di preparazione teorica sui mezzi di comunicazione radio e telefonici. Enzo Bozzi, Vittorio Carini.

28.05.94                 Perugia, sede della Squadra CNSAS: incontro per nozioni di primo soccorso. Enzo Bozzi, Massimo Passeri.

09.04.94                 Grotta di Chiòcchio 103 UPG (Castagnacupa, Spoleto): esercitazione delle squadre di

Perugia e Terni, bloccata al pozzo del Centenario dalla troppa acqua. Enzo Bozzi.

 12.06.94         Grotta di monte Cucco 17 UPG (Costacciaro): recupero dalla Galleria dei Barbari. Enzo Bozzi, Mara Loreti.

16.07.94          Preallarme per un ritardato rientro di speleo del G.S.CAI Perugia dal fondo della Grotta di monte Cucco 17 UPG. Allertata Mara Loreti fino alle due di notte.

01.09.94          Preallarme per un ritardato rientro di speleo tedeschi dalla Grotta di monte Cucco 17 UPG. Allertato Vittorio Carini dalle ore 22 alle due di notte.

25.09.94          Operazione di soccorso alla forra di Prodo (Orvieto), dove Beatrice Casini, bella romana di venticinque anni impiegata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, si frattura l’omero e in barella viene tirata fuori dalla forra circa alle ore tre del 26 settembre. Vittorio Carini, che alle sette e trenta, dopo una notte tra acqua, fango e chilometri di strade umbre, si presenta tranquillamente al lavoro.

 

 

SPELEOLOGIA URBANA.

  

   In piazza XX Settembre, a Gualdo Tadino, a fianco della chiesa di San Donato e di fronte alla chiesa di S. Maria dei Raccomandati, c’è un pozzo, riscoperto durante i lavori di pavimentazione negli anni ’60, poi coperto e di nuovo venuto alla luce per altri lavori di pavimentazione della piazza un paio d’anni fa. Diametro m 3, profondità m 11, poi un riempimento incoerente di sassi ed altro. Avevamo già fatto presente all’Amministrazione Comunale il nostro interesse e la disponibilità per un saggio di scavo: ma passa il tempo, nel corso dei lavori si fa scempio della copertura in pietra del pozzo, la sistemazione dello stesso è affidata ad una ditta, che progetta una nuova copertura con vista del pozzo e procede a scavare il fondo fino a m 13. Qui finisce il finanziamento dell’opera: stimolati dall’emittente radiotelevisiva locale “Rete 7”, rilanciamo l’idea di proseguire gli scavi, insieme all’Archeo Club ed all’Archeo Rasina. Gli amministratori approvano, gli scavi proseguono fin oltre i m 15 ed il pozzo continua. Qui si ferma la nostra operazione; con le altre associazioni facciamo pressione perché l’opera di recupero di questo bel manufatto prosegua, i gualdesi ci appoggiano ed in breve si trovano soldi per continuare, una ditta con le opportune attrezzature, il GSGT disponibile a collaborare attivamente.

25.10.94          Gualdo Tadino, Municipio: riunione per programmare gli scavi, che i volontari delle associazioni proponenti vogliono iniziare. Enzo Bozzi.

27.10.94          Gualdo Tadino, studi dell’emittente “Rete 7”. Trasmissione sugli scavi nel pozzo di San Donato. Vittorio Carini.

29 ottobre – 01 novembre   Gualdo Tadino, pozzo presso San Donato: i lavori di scavo, che coinvolgono gran parte dei soci del GSGT, proseguono ininterrotti per quattro giorni, da mattino a sera, utilizzando un tiro elettrico per sollevare i detriti dal fondo, in cui, a turno, due volontari scavano con attenzione ai reperti, in gran parte ossa di animali, qualche coccio, resti di cardini in ferro, una piccola lampada in terracotta, un peso di pietra forato al centro.

Il pozzo continua, rivestito in pietra, un diametro di m 3, rivelandosi una notevole opera di probabile attribuzione alla fine del XIII secolo.

03.11.94          Gualdo Tadino, studi dell’emittente “Rete 7”. Trasmissione sugli scavi nel pozzo di San Donato, per commentare i risultati dei lavori, formulare ipotesi, promuovere un ulteriore recupero. Interviene in diretta Roberto Nini, di Narni, della Commissione Nazionale Cavità Artificiali. Vittorio Carini, Enzo Bozzi.

05.11.94          Gualdo Tadino, Municipio. Riunione con gli Assessori per sollecitare altri lavori nel pozzo di San Donato. Enzo Bozzi.

11.11.94          Gualdo Tadino, pozzo presso San Donato. Sopralluogo per la prosecuzione dei lavori. Giuseppe Venarucci.

SETTIMANA ECOLOGICA.

   Per l’ennesima volta nell’organizzazione di quest’importante avvenimento, che ha contribuito negli anni a creare una coscienza ecologica nei giovani di Gualdo Tadino, abbiamo, dal 15 al 22 maggio, guidato la tradizionale escursione con i più giovani, provveduto alla pulizia di una delle zone più care ai gualdese, ma anche una delle peggio ridotte: i dintorni dell’Eremo del Beato Angelo e le sponde della sottostante diga. Un’azione più che altro dimostrativa, da completare con mezzi e finanziamenti ben più cospicui: Infine abbiamo realizzato un incontro con gli alpinisti Dario Spreafico, Danilo Valsecchi e “Lupetto” Valsecchi, del gruppo dei Ragni di Lecco: proiezioni e commenti da parte dei protagonisti sul mondo degli “8000”, tra cui le immagini della recente impresa sul Makalu. “Voglia di salire”, 500 giovani gualdesi hanno entusiasticamente seguito Dario, ammaliati dalla sensibilità che sa perfettamente ed in tutta semplicità esprimere.

21.05.94          Gualdo Tadino, sala parrocchiale di San Rocco. ”Voglia di salire”, incontro con Dario Spreafico, Danilo Valsecchi, “Lupetto” Valsecchi, con una multivisione sulla recente impresa sul Makalu ed un film su Ama Dablan, in tre spettacoli, con la presenza del sindaco Rolando Pinacoli, di cinquecento studenti, d’appassionati della montagna.

 

MOSTRA “LE GROTTE DELL’UMBRIA”.

   Dal 15 al 22 giugno nella chiesa di San Francesco in Gualdo Tadino abbiamo mostrato le splendide foto realizzate dal GSCAI Perugia, unite ad una documentazione prodotta dal nostro gruppo, richiamando numerosi visitatori.

 

I QUATTROMILA.

   Ancora un quattromila per il GSGT, stavolta svizzero: il monte Bernina, m 4050. Maurizio Bazzucchi e Mara Loreti partono il due agosto per Lecco, per prendere a bordo la guida Danilo Valsecchi. Il giorno dopo, raggiunta Pontresina, si prosegue in carrozza e poi a piedi fino al rifugio Tschierva (m 2583). Il quattro agosto i tre partono alle tre del mattino, salendo per la lunga cresta di roccia e neve della Biancograt (dove avviene il famoso episodio dello sdatto, del pietrone e delle dita dello svizzero). Alle ore nove si giunge in cima al Bernina, poi si prosegue per il rifugio Marco e Rosa: la guida valuta ottimo il passo fin qui realizzato e perciò ritiene di poter continuare per il Mortherasc ridiscendendo a valle, impresa notevole in un sol giorno. Dopo i dovuti festeggiamenti a Lecco ed al rifugio dei Resinelli in Grigna, si salta in Val di Fassa per percorrere la via ferrata Tridentina, inseguiti dai fulmini di un temporale. Il sette agosto si torna a Gualdo Tadino.

 

GIORNATE DELLA SPELEOLOGIA, Gubbio 11 – 13 novembre.

   Una manifestazione che ha il nostro consenso, ottimo il convegno “Motivazioni Antiche, organizzazione e strumenti nuovi: la speleologia del futuro”.

11.11.1994      Gubbio. Cerimonia d’inaugurazione e incontro sul futuro della speleologia. Vittorio Carini.

12.11.1994      Gubbio. Assemblea degl’Istruttori di Speleologia della Scuola Nazionale di Speleologia del CAI. Mara Loreti, Maurizio Bazzucchi.

 

CORSO NAZIONALE SULLE CARATTERISTICHE E SULLA RESISTENZA DELLE ATTREZZATURE DI PROGRESSIONE IN MONTAGNA ED IN GROTTA.

09 – 11 dicembre   Costacciaro, Centro Nazionale di Speleologia. Un corso fondamentale per la conoscenza dei materiali in uso e per la realizzazione di armi affidabili. Abbiamo avuto modo di provare moschettoni e corde rimasti in grotta (Grotta della Miniera 106 UPG) una decina d’anni, sorprendentemente ancora buoni, sostituiti di recente con altri nuovi (abbiamo provato anche questi). Gino Bazzucchi, Mara Loreti, Roberto Marcellini, Andrea Santarelli.

ARRAMPICATA.

27.02.1994      Gualdo Tadino, Rocchetta. Via Road one. Manola Barbetti, Mirko Puletti, Enzo Bozzi, Simone Graziosi.

03.05.1994      Gualdo Tadino, Rocchetta. Vie DDT e Horror Paradise. Massimo Passeri, Matteo, Nicola.

05.06.1994      Gualdo Tadino, Rocchetta. Una via nuova. Enrico Bazzucchi, Maurizio Bazzucchi, Pierdomenico Baldelli, Sergio Garofoli.

17.07.1994      Falcioni (Genga, AN). Vie su roccia. Maurizio Bazzucchi, Pierdomenico Baldelli.

 

ESCURSIONI.

20.03.94          Gualdo Tadino, Rocchetta. Per un canalone fino a Campetella, poi per monte Nero alla Fonte dei Brozzi (che è in secca). Francesco Fioriti, Mara Loreti, Maurizio Bazzucchi.

03.07.94          Gran Sasso. Direttissima al Corno Grande, discesa per il Calderone, rifugio Franchetti, Prati di Tivo, ritorno a Campo Imperatore per la Val Maone. Giuseppe Venarucci, Mara Loreti, Enrico Bazzucchi, Maurizio Bazzucchi, Vittorio Carini.

10.07.94          Monti Sibillini. Foce, Laghi di Pilato, Sella delle Ciàule, creste del Redentore, Forca Viola, monte Palazzo Borghese, Strada Imperiale, Foce. Mara Loreti, Giuseppe Venarucci, Maurizio Bazzucchi.

16.07.94          Corno del Catria, da Isola Fossara. Maurizio Bazzucchi, Pierdomenico Baldelli.

23.07.94          Monti della Laga, trekking. Da Capricchia al monte Gorzano a Cesacastina per la valle delle Cento Fonti. Temporale alle ore 17. Sergio Garofoli, Mara Loreti, Maurizio Bazzucchi.

24.07.94          Monti della Laga, trekking. Cesacastina, monte Gorzano per la traversata orientale, Capricchia. Tremendo temporale dopo le ore dodici. Mara Loreti, Giuseppe Venarucci, Maurizio Bazzucchi.

24.07.94          Monti Sibillini. Monte Vettore da Forca di Presta. Ritorno tra i fulmini di un temporale scoppiato alle ore dodici. Vittorio Carini, Franca Ruzziconi, Maria Teresa Ruzziconi, Daniele Azzarello, Letizia Cantarelli, Paola Pettinella, Ugo Pesciarelli, Luciano Garofoli, Luciana Lesti.

16.08.94          Monti Sibillini. Monte Vettore e Laghi di Pilato da Forca di Presta. Serafino Bonci, Mara Loreti.

11.09.94          Monte Catria. Mauro Tavone, Mara Loreti.

25.09.94          Nocera Umbra. Trivio di Luticchio, Pormaiore, monte Alago. Due partecipanti.

09.10.94          Monti Sibillini. Infernaccio, per l’eremo al monte Priora, discesa per la Valle dell’Ambro. Mara Loreti, Enzo Bozzi, Giuseppe Venarucci, Maurizio Bazzucchi.

 

SCI ALPINO.

29.01.94                   Monti Sibillini, Forche Canapine. Maurizio Bazzucchi, Mara Loreti, Marcello.

05 - 06.03.94  Monti Sibillini, Frontignano. Enzo Bozzi, Mara Loreti, Serafino Bonci, Rodolfo Loreti, Enrico Bazzucchi, Moira Passeri, Pierdomenico Baldelli, Andrea, Francesco A., Francesco Fioriti, Paolo Fioriti, Luciano Passeri, Liana Loreti.

10.04.94          Monti Sibillini, Frontignano. Andrea Micheletti, Maurizio Bazzucchi, Enrico Bazzucchi.

04 – 08 settembre   Passo dello Stelvio, Livrio. Corso di perfezionamento tecnico su sci. Mara Loreti.

16 – 20 novembre   Corso di perfezionamento tecnico di sci alpino. Mara Loreti.

 

SCI ESCURSIONISMO.

23.01.94          Gualdo Tadino. Valsorda, Chiavellara, monte Nero, monte Penna, Pian di Faeto, Trivio di Luticchio, Boschetto. Quattro partecipanti.

25.01.94          Gualdo Tadino. Valsorda, Chiavellara, Costa dei Quarti. Giuseppe Venarucci, Mara Loreti, Carlo Traversari, Enzo Bozzi.

27.01.94          Gualdo Tadino, Chiavellara e dintorni. Mara Loreti con dieci partecipanti.

13.02.94          Gualdo Tadino. Valsorda e dintorni. Celestino Petrelli, Sergio Garofoli.

17.02.94          Gualdo Tadino. Valsorda, in una bufera di vento e nebbia. Mara Loreti, Sergio Garofoli.

19.02.94          Gualdo Tadino. Valsorda e dintorni.

20.02.94          Gualdo Tadino. Valsorda, con battitura delle piste. Enzo Bozzi, Mara Loreti.

24.04.94          Monti Sibillini, sci alpinismo. Monte Argentella, laghi di Palazzo Borghese, Palazzo Borghese, monte Porche. Mara Loreti, Andrea Micheletti, Maurizio Bazzucchi.

26.12.94          Gualdo Tadino, Valsorda. Trasporto, sistemazione e messa in funzione della moto battipista, battitura delle piste. Otto partecipanti.

 

VARIE.

   Da segnalare l’attività in mountain bike, svolta sull’Appennino tra Gualdo Tadino, Campodonico, Nocera Umbra, sulla fascia collinare dei comuni di Gualdo Tadino, Nocera Umbra e Valfabbrica, sui monti Sibillini tra Castelluccio di Norcia e Forche Canapine: nel registro delle attività del GSGT sono documentate 24 uscite con un totale di 73 presenze.

   Continua l’appoggio del Gruppo per la costituzione del Centro Ambientale “La Pineta” a Gualdo Tadino, la cui gestione è stata affidata a nostri soci. In stato avanzato i lavori per ristrutturare i locali dell’ex colonia della Pineta di Roti e sistemare l’esterno, intanto è già cominciata l’attività con alcune scuole.

05.02.94          Boschetto, ristorante “La Sorgente”, cena sociale. Trentuno partecipanti.

09.02.94          Gualdo Tadino, villa Luzi. Riunione congiunta con il direttivo della locale sezione CAI per la Settimana Ecologica.

09.02.94          Gualdo Tadino, monte Maggio. Avvistamento di lupi.

16.04.94          Perugia, sede del Catasto Speleologico. Assemblea annuale delle Associazioni Speleologiche dell’Umbria per il resoconto delle attività, per i programmi, per la ripartizione del contributo regionale. Aggiudicate per il nostro gruppo £ 1.800.000. Vittorio Carini, Maurizio Bazzucchi, Mara Loreti.

22.04.94          Gualdo Tadino, sede del GSGT. Riunione con un rappresentante del Direttivo della sezione CAI per organizzare l’incontro “Voglia di salire” invitando i Ragni di Lecco.

25.04.94          Gualdo Tadino, sede del GSGT. Assemblea straordinaria del Gruppo per prendere atto della rinuncia della sezione CAI ad organizzare insieme la manifestazione “Voglia di salire” del ventuno maggio. Si decide di continuare da soli, che il Gruppo Speleologico Gualdo Tadino si faccia carico per intero di spese ed organizzazione.

17.10.94          Perugia, sede del Catasto Speleologico dell’Umbria. Si aggiorna la situazione delle grotte di nostra competenza, correggendo errori rilevati nell’elenco catastale delle grotte pubblicato a marzo 1994. Catastiamo una nuova grotta, la Buca del Diàntene, e consegniamo schede aggiornate di Magnavento, Buco Bucone, Pia de’Cupi, Narciso. Vittorio Carini, Franca Ruzziconi.

19.11.94          Perugia, sede del Catasto Speleologico. Riunione delle Associazioni Speleologiche Umbre per i difficili rapporti tra GSCAI Perugia e Centro Nazionale di Speleologia di Costacciaro. Vittorio Carini.

24.11.94          Gualdo Tadino, studi dell’emittente “Rete 7”. Trasmissione per l’Oasi della Rocchetta. Enzo Bozzi, Mara Loreti.

03.12.94          Perugia, sede del Catasto Speleologico. Riunione delle Associazioni Speleologiche Umbre per aggiornare la situazione sui rapporti col CNS. Vittorio Carini.

07.12.94          Gualdo Tadino, Municipio. Firma della convenzione per la nuova sede del GSGT in località Rocchetta. Alfredo Frillici, Mara Loreti.

30.12.94          Gualdo Tadino, sede del GSGT in località Rocchetta. Assemblea annuale del GSGT. Venti partecipanti.