Home page


Concorso fotografico 2015




Sabato 26 luglio e sabato 2 agosto nona edizione

CAMIGLIANO BLUES 2014

Cigar Balblues e Buster Blues accompagnano Guitar Crusher e Rico Blues Combo

A Camigliano, a pochi chilometri da Montalcino, in mezzo alle vigne di Brunello, ha luogo fin dal 2006 un particolare Festival Blues.
L’Associazione Culturale Ricreativa Camigliano propone due entusiasmanti appuntamenti blues, che animano l’antico Borgo medievale, dove si svolge la Sagra del Galletto.
Due splendide serate nate sotto il segno di un amore per la musica che si distingue da tutti gli altri eventi per la “vicinanza” fisica agli artisti, che suonano a stretto contatto con il pubblico in una cornice mozzafiato accompagnata dall’accoglienza amichevole degli abitanti organizzatori che rendono la manifestazione unica nel suo genere. “CAMIGLIANO BLUES” nasce in stretta collaborazione con Luca Romani, organizzatore del festival Torrita Blues. Questa joint venture ha permesso di fare un gran salto di qualità e di portare a Camigliano artisti di altissimo livello.

Gruppi nazionali ed internazionali si esibiranno rigorosamente dal vivo. Due gruppi musicali emergenti nel palcoscenico blues apriranno le due serate e avranno l’opportunità di farsi conoscere: Cigar Balblues, il 26 luglio e Buster Blues, il 2 agosto.
Le serate hanno luogo nel celebre locale “Il Pozzo”, ormai sede storica degli eventi dell’Associazione, e nella piazza adiacente.
I concerti saranno accompagnati da degustazione di Brunello di Montalcino ed altre primizie locali. Prima delle esibizioni sarà possibile gustare una prelibata cena preparata dall’Associazione con la stessa passione riservata alla Sagra del Galletto.
Il progetto si avvale dell’esperienza pluriennale dell’Associazione nell’organizzare serate musicali ed enogastronomiche, abbinata alle competenze professionali nel settore dell’esperto ed appassionato di blues Luca Romani.
Fin dalla prima edizione l’obiettivo è stato quello di dare una continuità a questo evento e di renderlo un appuntamento fisso, con delle peculiarità uniche, da ripetere ogni anno con cadenza ultimo sabato di Luglio e primo sabato di Agosto.
Sabato 26 luglio arriverà a Camigliano Guitar Crusher.
Il 2 agosto invece sarà Rico Blues Combo ad allietare la serata.

Per chi vuol conoscere meglio Guitar Crusher, queste sono le “note” salienti del suo percorso artistico: Sidney Selby conosciuto anche come "Bone Crusher" e "Guitar Crusher" è un vero bluesman. Nato nella rurale Hyde County (North Carolina) nel 1931 nel pieno periodo della depressione, durante la sua gioventù lavorò duramente nei campi di cotone ma tutte le domeniche abbandonava il lavoro per esercitare la sua meravigliosa e ricca voce di baritono nella chiesa MT Pilgim Baptist, continuando nella tradizione che diede notorietà ad una intera generazione di cantanti blues della sua zona. Si trasferì a New York negli anni '50 dove trovò lavoro e ancora una volta entrò a far parte del coro della chiesa. Ciò nonostante, incoraggiato dai suoi amici formò presto una propria band, i "Midnight Rockers" ed iniziò subito ad attirare un largo seguito. L'anno 1960 segnò l'inizio di una decade di esibizioni insieme ai "Drifters" agli "Isley Brothers", a Ben E. King e tutti gli altri grandi talenti del Rhythm'n Blues che prosperavano durante la rinascita musicale degli anni '60. Selby fu ingaggiato dalla Columbia Records con la quale rimase sotto contratto fino al 1970, quando il gusto musicale in America iniziò ad allontanarsi dai suoni blues e soul. Così, all'inizio degli anni '80 "Guitar Crusher" si diresse verso l'Europa in luoghi dove il clima blues era più ospitale. Qui la sua esibizione nei maggiori festival segnò l'inizio del suo ritorno. Da allora, il cantante e scrittore adesso conosciuto a livello internazionale, ha inciso quattro album, cantando le sue personali composizioni mettendo forza e sicurezza nella sua voce modellata da inflessioni gospel. 
Il suo potere vocale paralizzante gli ha fatto guadagnare la reputazione della "Grande voce di New York" come capofila del circuito blues europeo.
 
Mentre il Rico Blues Combo nasce nel 1996, da un idea di Riccardo Migliarini e Maurizio Pugno dopo più di 11 anni passati insieme a suonare elettricamente blues e R&B  (1/2 Blues Band e Wolves Blues Band) e  dopo una parentesi acustica intrapresa nel 1995.   Con l'aggiunta di Mirco Capecci al basso (già ½ Blues Band) e Giuliano Bei alla batteria il cammino artistico si è da subito arricchito di riconoscimenti con la pubblicazione del primo album "White Whiskey" premiato dalla stampa specializzata come miglior Cd di blues italiano del 1997. "Sleepy Town", uscito nel 1999,  segna ancor di più la direzione musicale che la band ha intrapreso: il raggiungimento di quel sound ottenuto da anni e anni di ascolto (Chicago Blues, Delta Blues, West-Coast Blues, Texas Blues) miscelato con le radici mediterranee dei vari musicisti.   Da li sino all'uscita del terzo cd,  "Live at Murphy's" (2002), registrato completamente dal vivo in una Blues-House abruzzese, la partecipazione ai maggiori festival nazionali ed Europei e le molteplici collaborazioni in campo internazionale hanno fatto si che la Rico Blues Combo sia oramai riconosciuta come una tra le migliori realtà del panorama blues europeo. 
  Ed è la strada che ha portato la band ad avere grossi riconoscimenti in Nord Europa (Svizzera, Belgio, Germania, Francia, Norvegia e Olanda su tutte) dove  ormai  suona costantemente  con 2 o 3 tournée all'anno.   Nel 2006 il Rico Blues Combo l'album "House Of Blue Rags" distribuito dalla Paper Moon Records, insieme al grande Sugar Ray Norcia (che ha scritto e interpretato tre nuove canzoni espressamente per questo Cd) e ad altri agli artisti come Mike Turk all'armonica cromatica, Matt Leddy alla voce, Alberto Marsico all'organo hammond e al pianoforte, Davide Dal Pozzolo al sax tenore e Mauro Ferrarese alla chitarra dobro e alla voce…per una specie di Rico Blues Combo & friends!!!   Il 2014 è il tour della reunion, dove la band porterà in giro il materiale che costituirà l'ossatura del nuovo album in uscita nel 2015. 

Alcune note biografiche anche sui Cigar Balblues
“...suoniamo il Blues perché ci piace, anzi, perché CI GARBA!” (Pilgrim)
Il gruppo si forma nel 1992 , con lo scopo principale di diventare una formazione blues di riferimento della città di Prato, per i CIGARbalblus la dimensione live resta indubbiamente quella in cui la band meglio si esprime. Il loro repertorio si rifà alle origini del genere, passando attraverso il Chicago Style fino ad arrivare ai giorni nostri. Con la formazione iniziale nel 2008 effettuano il loro primo tour in omaggio a Muddy Waters, denominato “Mannish Tour”, che porta la band ad aggiudicarsi il Premio Giuria come “MIGLIOR GRUPPO BLUES” al Bordighera Jazz & Blues e poi sul prestigioso palco del Pistoia Blues 2008, nonché ad essere recensiti sulla rivista Jam nel 2008 e su emittenti radiofoniche quali RockFM e Controradio. Il 2009 è la volta di un nuovo tour Italiano dedicato questa volta al grande chitarrista Albert Collins, denominato “Iceman Tour” e che ha visto la partecipazione del gruppo al Blues Festival “Blues in Idro”. Nel 2011 avviene un cambio di formazione all’interno della Band, l’unico componente che rimane della precedente ed originaria formazione è l’armonicista, uno dei fondatori originari. Con questa formazione la band si accosta a sonorità più moderne, dedicandosi maggiormente ad un lavoro di studio, infatti è in lavorazione la realizzazione del loro primo lavoro contenente propri inediti, di prossima distribuzione. Troviamo Juri Pilgrim all’Armonica, Roberto Belmonte alla Chitarra, Pablo Olmi al Basso, David Salvatori alla Batteria. 

e sui Buster Blues:
Nell’ormai lontano 2005, nella campagna Grossetana 4 musicisti accomunati da un’enorme passione per il Rock and Blues degli anni 60/70 per puro caso si incontrano in una piccola sala prova e da lì prende forma il progetto Buster Blues.
Scopo principale del progetto è quello di dare sfogo alla passione che ognuno di noi nutre per i fantastici anni 60/70, percorrendo un viaggio tra i classici del blues come Muddy Waters e John Lee Hooker riprodotti in chiave elettrica, al rock intramontabile di Rolling Stone, Jimi Hendrix, Led Zeppelin, Cream, ecc… Colonna portante del gruppo è il frontman Paolo Marucelli, , in arte The Mupptes, voce e chitarra della band, che vanta un’esperienza ventennale in ambito musicale specifica nel blues e nel rock. Con lui Massimo Pieri (Nestore) alla chitarra, DarioMattafirri al basso elettrico e Jacopo Goracci alla Batteria. L’obbiettivo principale è quello di divertirsi e continuare a diffondere del sano rock blues, senza compromessi in puro stile anni ’70.


L’invito è certamente a visitare il sito dove troverete le schede degli artisti e potrete sentire alcuni brani da loro interpretati, così da avere un’idea di cosa ci aspetta a Camigliano quest’anno. 



Per ulteriori informazioni sulle attività dell’Associazione Culturale Ricreativa Camigliano si possono visitare anche i siti www.camigliano.org e www.sagradelgalletto.org.